mercoledì 9 agosto 2017

RED PILL E BLUE PILL:chi sono e come tutto ebbe inizio


Cos'è la RED PILL?

La red pill, letteralmente "pillola rossa", è ciò che, nell'immaginario collettivo,rappresenta una scomoda e dolorosa verità, contrapponendosi alla blue pill che invece identifica una piacevole e rassicurante bugia.
Tali simboli sono stati resi famosi dal film Matrix (1999) e da allora utilizzati in riferimento anche ad altre situazioni che nulla hanno a che vedere con il significato originario cinematografico.
Uno dei campi in cui tale espressione viene da alcuni utilizzata è appunto quello delle relazioni interpersonali, che sono una delle tematiche (la principale) che affronto.


Devo premettere che ho valutato a lungo l'opportunità di utilizzare questo termine, in quanto non lo ritengo particolarmente adatto.Infatti non credo di essere il rivelatore di chissà quali verità elitaria.
Per alcuni ciò che dico sono pure e semplici banalità, per altri sono idee che giacciono nel fondo della loro mente e che si rifiutano di accettare a causa dello scoraggiamento e del dolore che provocherebbero.

Non si può però negare che esista un velo di ipocrisia sotteso a queste tematiche che forse sarebbe ora di togliere e in questo senso direi che l'immagine della redpill come strumento per abbattere l'ipocrisia calza abbastanza.

QUANDO HO SCELTO LA RED PILL?

Una decina di anni fa entro in edicola per comprare Men's health,una rivista mediocre per gente ancora più mediocre che all'epoca leggevo principalmente per consigli di fitness, dal momento che non avevo una connessione internet.
Sfogliando il giornale mi imbatto in un articolo che parla di metodi di seduzione e, in primo piano, c'è un pelato con una maglietta ridicola.
Costui sostiene di aver sedotto oltre cento donne in due anni, attraverso dei metodi elaborati in una community di seduzione online.
Neil Strauss
Si chiama Neil Strauss ed ha appena pubblicato in Italia un libro che racconta la sua esperienza in questa comunità di seduttori.Immediatamente penso che lo devo avere.

L'argomento seduzione mi aveva sempre interessato e, già da adolescente, avevo comperato un libretto che trattava questo tema, un manuale su come rimorchiare le ragazze che però sembrava più che altro un capolavoro di comicità, per quanto assurdi e insensati fossero i consigli ivi contenuti.
Il testo di Strauss invece era davvero ben fatto, motivante, coinvolgente, e, al suo interno, c'erano consigli piuttosto sensati.
Inizia per me, sulle scie di questo fenomeno che stava esplodendo in Italia, un percorso di automiglioramento personale che nel tempo mi porterà a divorare ogni sorta di testo sui più svariati argomenti quali psicologia, comunicazione, linguaggio corporeo, PNL, denaro, autostima,persuasione,antropologia e molto altro e ad applicare questi argomenti sul campo nelle relazioni interpersonali.
Avendo letto e sperimentato certe cose per anni penso di essermi fatto un quadro piuttosto chiaro di ciò che funziona e di ciò che invece sono solo cazzate studiate per venderti un prodotto, anche se all'epoca il mio spirito critico non era sufficientemente affinato per capirlo.

Nel frattempo gli anni passano e i miei risultati con le ragazze migliorano leggermente (ci tengo a precisare leggermente), ma il prezzo da pagare è piuttosto alto ed è fatto di rifiuti, frecciatine e umiliazioni, che dopo un po' diventano insostenibili e ti portano ad una fase di saturazione e di depressione.
E questo probabilmente è l'inizio della svolta, perché l'insoddisfazione cresce e pian piano ti porta a rimuginare e a chiederti come mai la tua vita non stia andando come vorresti.
In fondo sono anni che stai provando a migliorare te stesso, ci hai provato con letteralmente migliaia di ragazze,pensi di avere acquisito delle discrete capacità sociali e poi ti devi confrontare con l'amara verità che un qualunque tamarro belloccio, gretto e ignorante, ti viene preferito dalle tipe che ti piacciono e che con tanta fatica ti stai inutilmente sforzando di attrarre.
Ma poi un giorno ti arriva un'illuminazione e scopri che in un forum americano, dove la libertà di critica ed espressione è nettamente superiore all'Italia, qualcuno ha pubblicato le foto di compleanno di uno di questi sedicenti PUA GURU e non ci sono belle gnocche (a dire la verità non c'era neanche una ragazza, che io ricordi) ma solo sfigati incel che se la raccontano fra loro e la festa sembra un ritrovo di nerd di quelli che vedi nelle commedia USA anni '80.
Ma come, questi ti dicono che con i loro metodi possono rimorchiare le migliori gnocche e poi i loro compleanni sembrano la fiera della salsiccia?
E fu così che per me ha inizio la fase PUAHATE, dal nome del forum, il quale penso sia già di per sè esplicativo.Per un anno circa seguo il forum e mi leggo i thread in cui debunkerano tutte le più comuni balle sparate dai PUA, a partire dalle valutazioni estetiche delle tipe rimorchiate, enormemente gonfiate a scopo di marketing.
Ma il forum non si limita a questo, le tematiche trattate sono varie e spaziano dall'estetica, al denaro, ai vari esperimenti sociali online (che poi provai anche io e che probabilmente furono il momento in cui veramente ingerii la redpill).



Iniziai ad imparare molte cose riguardo all'estetica e ai fenotipi, cosa che poi portò alla mia ultima passione, ovvero la genetica delle popolazioni.
Ho fatto molte amicizie virtuali lì dentro, con gente da tutto il mondo, e quando poi il forum è stato chiuso mi è dispiaciuto.
Nel frattempo però avevo iniziato a partecipare ad un forum italiano, dove oltretutto già partecipava uno dei migliori utenti di puahate e della storia del forum in generale, Inferiore.
A quel tempo il forum era praticamente deserto, con thread vecchissimi che non si riaggiornavano mai, ma in poco tempo e con pochi utenti riuscimmo a ravvivarlo e iniziò a diventare un forum ricco di contenuti e, quando lo lasciammo per trasferirci sull'attuale, eravamo passati dalla posizione 600 alla 30 o roba simile dei circuito di forumfree.

Un anno fa circa alcuni utenti pensarono di iniziare a diffondere alcune nostre teorie su facebook e io partecipai all'iniziativa.
Scrissi alcuni post concisi e sintetici che spammai sotto ad alcune pagine.I risultati furono sorprendenti, i miei commenti viaggiavano al ritmo di 500-800, talvolta 1000 likes e in diversi iniziarono a chiedermi l'amicizia e a seguirmi e a propormi di scrivere un libro o aprire una pagina.
All'inizio lasciai perdere, doveva essere una esperienza transitoria, ma poi le femministe e haters vari iniziavano a mettermi i bastoni fra le ruote e ne feci una questione di principio.
Mi decisi ad aprire la pagina e i risultati furono ancora più sorprendenti:1000 likes in un paio di mesi.
Ora mi sono accorto che neanche la pagina basta più, i contenuti si disperdono e la grafica fa abbastanza pena, e così inizia l'esperienza del blog che spero si rivelerà positiva.
Per ora lo è stata parecchio, sono felice di sentire che alcuni miei post contribuiscono a migliorare anche solo di poco la vita delle persone e sono felice anche di essere contattato da persone con un elevato livello di istruzione e, talvolta, di una certa età che mi dicono che era da un bel po' che non leggevano cose così interessanti e che dicono di seguirmi con passione.
Il massimo poi è essere contattato da bellocci pieni di gnocche che mi confermano come quanto io dica rispecchi perfettamente la realtà e le loro esperienze personali.
Che altro dire, seguitemi!

 PROSEGUE: REDPILL, ANALISI DI UN MOVIMENTO







3 commenti:

  1. Ribadire che l'estetica conta molto non è affatto banale, specialmente al giorno d'oggi.

    RispondiElimina
  2. Anonimo Rossopillato12 settembre 2017 08:03

    Abbiamo una storia molto simile, figurati che io cominciai a fine anni novanta con la roba di Ross Jeffries, avevo tutti i suoi corsi, audio e video. Ma non ti nascondo che pur avendoli studiati con attenzione non mi convinsero mai al 100%, mi sembrava roba che poteva funzionare giusto in America ma non in Italia, e certamente non l'Italia di quel periodo. Per un paio di anni ho seguito con interesse ma non ho mai applicato sul campo, poi a circa 22 anni ho fatto un viaggetto nell'Europa dell'Est da solo e sono riuscito a trombare una coetanea senza fare niente di particolare e poi ho fatto circa quattro o cinque trombate pay, che nei primi anni 2000 costavano pochissimo. L'interagire con le ragazze di quei posti cambiò completamente il mio modo di vedere le donne italiane. Anche quelle che tutto sommato erano relativamente normali e femminili al confronto delle ucraine e romene mi sembravano dei camionisti! Non parliamo poi dell'Asia. Altro pianeta, uno che in Italia verrebbe considerato "brutto" lì acquista almeno 3 punti per il solo fatto di essere caucasico.

    Se c'è un popolo che ha bisogno della pillola rossa è proprio quello italiano, ma per uno che si sveglia ce ne saranno sempre almeno mille che rimangono addormentati. E diciamoci la verità: a loro va benissimo così. Quando arriva qualcuno che cerca di svegliarli si incazzano pure e diventano come Cipher in Matrix. Sabotatori, odiatori. Ma siti come il tuo almeno danno una speranza, magari non si potranno svegliare tutti, ma già svegliarne qualcuno è sempre un bel traguardo.

    Gran bel lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, la PNL penso sia una delle più grandi cazzate inventate per spennare polli, più avanti ne farò un articolo.

      Purtroppo, in effetti, quelli che mi aggrediscono di più sono proprio quelli che più avrebbero bisogno di redpillarsi, invece quelli che mi scrivono continuamente per confermare la validità delle mie teorie sono proprio i bellocci che scopano.Da un certo punto di vista comunque comprendo la resistenza di alcuni a voler redpillarsi, è un meccanismo protettivo come un altro

      Elimina

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.