sabato 11 agosto 2018

Perché le Ragazze Facili Vengono Disprezzate?




ragazze facili
ragazze facili

 Perché le Ragazze Facili Vengono Disprezzate?

Chi vive in Occidente, negli ultimi decenni sta assistendo ad un'epoca di libertà sessuale, in cui chiunque è libero di avere rapporti sessuali con chi preferisce e senza alcun vincolo.
Questo almeno in teoria, perché, come abbiamo visto, uomini e donne selezionano i partner sessuali in maniera differente:i primi, dovendo diffondere il proprio seme, sono biologicamente programmati per accoppiarsi con il maggior numero di donne possibili (poligamia); le seconde, dovendo sopportare l'onere della gravidanza, sono molto più selettive (ipergamia) e concedono i propri favori sessuali solo agli uomini con il più elevato valore di mercato.
Senza restrizioni alla libertà di scelta sessuale, ciò comporta per forza di cose una situazione in cui pochi uomini si dividono la maggioranza delle donne e gran parte degli uomini si scanna per una minoranza.

Vedi: Ipergamia e Poligamia

Anche se una donna può andare tranquillamente a letto con chi preferisce, anche solo per una notte, perché non c'è alcun limite di tipo giuridico che glielo impedisca, c'è però per lei ancora il rischio di subire una qualche forma di giudizio sociale.
Alcuni vedranno in lei una donna moderna, libera ed emancipata, altri invece daranno di lei un giudizio perlopiù negativo, magari affibbiandole i classici nomignoli poco carini tipo "troia" "cagna" "vacca" "zoccola" e "puttana", che definiscono gli esemplari femminili di alcune specie animali, ad evidenziare come la signorina in questione abbia un modo di accoppiarsi più simile a quello delle bestie che di esseri umani che vivono in una società civile.

Ma perché rimane ancora una forma di biasimo nei confronti delle "ragazze facili", che oltretutto non si estende alla controparte maschile, che invece viene esaltata per le sue avventure sessuali?

In altre parole: Perché una donna che va con molti uomini è considerata una "zoccola" e un uomo che va con molte donne è considerato un playboy?

Va precisato innanzitutto che le critiche nei confronti di una donna promiscua provengono indistintamente da entrambi i sessi, anche se probabilmente per ragioni diverse.

Le donne mal sopportano quelle che la danno via facilmente perché chiaramente più c'è disponibilità di una risorsa (in questo caso il sesso) e minore sarà il valore di quella risorsa.
Le donne che la danno via facile fanno concorrenza al ribasso e diminuiscono il potere sessuale femminile.
Questo è anche il motivo per cui le donne sono sia generalmente contrarie alla prostituzione, che consente agli uomini di avere accesso al sesso ad un costo minore di quello di un rapporto tradizionale e quindi diminuisce il potere che la ragazza comune può esercitare nei confronti dell'altro sesso, sia ostili alle donne straniere meno pretenziose delle locali (vedi il caso delle donne italiane contro le varie rumene,polacche russe, moldave, ucraine e donne dell'Europa dell'est in generale che vengono in Italia).

Vedi: Perché gli Uomini Vanno con le Prostitute


Gli uomini invece vedono la questione da un punto di vista differente e istintivamente sono portati a ritenere una donna facile come un cattivo investimento perché non offre sufficienti garanzie sulla paternità della prole.
Anche se al giorno d'oggi disponiamo di contraccettivi e di test del dna, il nostro cervello tende ancora a ragionare come quello dei nostri progenitori che vivevano in un'epoca in cui questi progressi tecnologici non erano a disposizione, perché gli adattamenti culturali e tecnologici sono notevolmente più rapidi da effettuarsi di quelli psicologici/comportamentali.
Di conseguenza un uomo tende a ragionare come se il rischio di confusione della prole fosse sempre presente (e per certi versi lo è , visto che nessun metodo contraccettivo è efficace al 100% e sono non pochi i casi di uomini che subiscono la cd. "frode di paternità")

Bisogna comprendere che :
  • Se un uomo lascia incinta un'altra donna, la donna tradita alla peggio si trova a condividere le risorse del suo uomo con una rivale e questo non è molto grave se le risorse sono abbondanti.
  • Se una donna rimane incinta di un altro uomo, invece, l'uomo si trova a mantenere un figlio che non è suo e questo comporta un enorme spreco di tempo, risorse ed energie.

Ecco perché non è possibile trattare la promiscuità femminile alla stregua di quella maschile, la prima ha conseguenze notevolmente più gravi della seconda!

La promiscuità maschile invece massimizza le probabilità riproduttive di un uomo e come tale è chiaro che sia ben vista e un uomo che riesce a farcire molte donne è considerato un playboy.

Le Ragazze Facili Creano un Danno alla Società

 Ormai è chiaro che la cd. libertà sessuale è tale solo per le donne (tutte o quasi) e per una fetta ristretta degli uomini.
Il resto degli uomini non beneficia di nessuna libertà sessuale, è solamente spettatore della vita altrui (beh, qui sto banalizzando molto in realtà, ci sarebbero da fare molte distinzioni ma non è il caso ora).

E' un po' come se assistesse ad un enorme banchetto servendo le pietanze, ma potendo assaggiare solo le briciole, e alla fine fosse pure costretto a pagare il conto.

Le ragazze che la danno facile creano un danno per le seguenti ragioni:

  • Essendo di natura ipergame si concedono facilmente solo ad una fetta ristretta di uomini, di fatto tagliando fuori gli altri.E' bene capire che le ragazze facili in realtà sono facili solamente con gli uomini di valore superiore.Per gli altri le ragazze sono sempre difficili e diventano facili solo con certi tipi di uomini.
  • Esibendo la propria promiscuità e il proprio stile di vita "young, wild and free" generano frustrazione e risentimento in chi quello stile di vita non può permetterselo.Un po' come se un milionario andasse tranquillamente a sbattere la sua ricchezza in faccia ad un barbone.
  • La liberazione sessuale è associata ad una diminuzione del tasso di natalità e in Europa, in concausa con l'immigrazione, sta portando a poco a poco all'estinzione delle popolazioni autoctone
La liberazione sessuale non ha neppure reso le donne più felici.Diversi studi dimostrano come il livello di felicità e di stabilità matrimoniale sia inversamente proporzionale al numero di partner avuti prima del matrimonio.
In termini più semplici: meno uccelli hai preso e più il tuo matrimonio sarà felice e duraturo.
Le donne che arrivano vergini al matrimonio sono le più felici. fonte [1]

 Ostentare la Promiscuità per Ottenere Visibilità

Oggi l'attenzione dei miei follower è rivolta all'articolo [2] che racconta della 22 enne inglese Lucy Barlows (le sue foto in cima a questo articolo) che ha fatto un viaggio in Sud America e ha deciso di avere un rapporto sessuale con un uomo di ogni nazione e farsi riprendere al momento dell'orgasmo,un modo a suo dire per sfidare la Chiesa Cattolica (vabbè lol).Può essere che sia tutta una farsa ma ha poca importanza, volevo soffermarmi sui commenti di chi la sostiene (condannando chi la insulta), che sono essenzialmente di 4 tipi:

"Una persona fa sesso con più persone, fa una scelta personale che non intacca nessuno."

Errato. I comportamenti sessuali dei singoli hanno ripercussioni sulla collettività e abbiamo visto perché e come.La promiscuità femminile lascia indietro una grossa parte di popolazione maschile.


"La insultate solo perché siete frustrati"

Embè?Questa non è una argomentazione ma comunque appunto il suo comportamento genera frustrazione e ti fa sentire un menomato, e questo già è in contrasto con il punto precedente, e cioè che la sua scelta personale non va ad intaccare la vita di nessuno (lo specifico perché veramente ho letto entrambe le frasi nello stesso commento lol).

 "non penso che se voi aveste l'occasione di scopare cento ragazze diverse, non lo fareste."

Beh, se non ci fosse la legge ad impedirlo molti andrebbero pure a rubare.Significa che rubare è etico?
Inoltre se mi dici che pure io farei lo stesso al posto suo (tutto da vedere) pure io posso dirti che magari pure lei al posto mio mi criticherebbe.

"il corpo è suo ed è libera di fare come vuole."

Bene, pure io allora sono libero di criticarla come mi pare.

Le solite "argomentazioni" di notevole spessore razionale.

In conclusione, al di là di tutte le chiacchiere che si possono fare su questo argomento rimangono sempre alcuni punti fermi ed irremovibili:
  1. Una società per funzionare ha bisogno di persone che si accoppino in una certa maniera.La libertà sessuale non è compatibile con lo sviluppo sociale.
  2. Se si è deciso che di perseguire la libertà sessuale allora è giusto che tutti ne beneficino e non sono una fetta di popolazione.Tutti devono avere pari opportunità sessuali e visto che ci sono dei limiti biologici che lo impediscono, lo Stato dovrebbe intervenire con una regolamentazione della prostituzione che offra la possibilità a tutti gli uomini di avere rapporti sessuali a costo contenuto.
In altre parole, care donne, pagateci le prostitute con i soldi delle vostre tasse, oppure, se volete continuare ad accoppiarvi come bestie, tornatevene a vivere nelle fottute caverne.

Semplice, chiaro, logico.


Forse ti interessa:

"Prostitute, non lasciateci soli con le femministe!"

Continua a leggere »

giovedì 2 agosto 2018

Lui Brutto e lei Bella (o il Contrario):la Verità delle Coppie Sbilanciate.



Lui Brutto Lei Bella
Lui Brutto Lei Bella

"Vedo Spesso Uomini Brutti con Belle Ragazze" 

Quante volte vi sarà capitato di sentire questa frase da parte di persone che cercano di negare l'importanza della bellezza nelle relazioni sociali?
Io ne ho ormai la nausea, soprattutto quando questa obiezione mi viene fatta con la pretesa di confutare la teoria LMS che, per chi fosse capitato in questo blog per la prima volta attraverso questo articolo, è uno dei pilastri fondamentali del mio pensiero e spiega cosa attrae le donne, i prerequisiti fondamentali, che in questo caso sono tre, ovvero status sociale, ricchezza/tenore di vita e, appunto l'estetica.  

L'obiezione secondo la quale ci sarebbero in giro uomini brutti con belle donne ha la peculiarità di avere due primati:
  1. E' l'obiezione più comune che mi viene posta, perché evidentemente la maggior parte della gente è così mediocre che, nell'effettuare un'analisi della realtà non riesce ad andare oltre la superficie e si limita a descrivere acriticamente quello che vede. Che poi, almeno mi dicessero "conosco uomini brutti con belle donne", no, ti dicono che li vedono al supermercato e giudicano senza sapere nulla di loro, ignorando che potrebbero benissimo essere amici, o fratello e sorella o ancora lei potrebbe essere benissimo una escort pagata per uscire con lui.
  2. E' l'obiezione più stupida che mi viene posta, e non è neppure un' argomentazione dato che io non ho mai sostenuto che un brutto non possa trovare belle donne.E' in pratica un argomento fantoccio, mi si accusa di aver detto una cosa che non ho mai detto per andare meglio a confutare le mie (inesistenti) affermazioni. 
Per confutare la teoria LMS perlomeno uno dovrebbe dirmi: conosco uomini bruttissimi,poveri senza un soldo e reietti che hanno belle donne.
Ma così la cosa suonerebbe molto diversa e abbastanza risibile, non credete?
Quindi meglio buttare un commento lì sul vago che vuol dire tutto o niente e che anche se fosse vero sarebbe comunque cherry picking, ovvero selezionare delle eccezioni per confutare una teoria, ignorando tutte le prove che invece ci sono a supporto della stessa.


Ma approfondiamo pure questa questione, proviamo a partire da queste premesse (sbagliate) per riflettere e arrivare a delle conclusioni (giuste).
Vediamo in dettaglio in quali casi è possibile trovare questi fantomatici uomini brutti insieme a belle donne.


Innanzitutto va considerato che non tutti sono in grado di dare giudizi estetici oggettivi, anzi direi che davvero poche persone sono in grado di valutare obiettivamente il livello estetico altrui.
Le donne, in particolare, come si è visto da diversi studi, tendono a considerare non attraenti circa l'80% degli uomini, quindi spesso accade che una donna tenda a definire "brutto" un uomo perfettamente nella media se non carino.
Significativo è l'esempio di una nostra utente che, senza il minimo imbarazzo, l'altro giorno ha definito "brutto" Richard Gere trentenne.
Le donne spesso hanno difficoltà con la logica fuzzy, per loro il mondo è bianco oppure nero e non contemplano le varie sfumature di grigio se non quando devono sgrillettarsi sui film con Christian Grey.

Per esperienza ho notato che i soggetti femminili tendono mediamente a ricevere valutazioni più generose degli uomini, anche in considerazione del fatto che la donna dispone di molti più strumenti per migliorare, almeno momentaneamente, il proprio aspetto, come ad esempio make up o abiti e accessori "sexy".
In questo blog io sono molto attento a distinguere tra bellezza oggettiva (caratteristiche immutabili) e attrazione, ma molti no, e così una tipa bruttina e lardosetta ma che appare un pochino appariscente grazie ad un trucco ben fatto, a una minigonna e a tacchi a spillo viene definita bella e, se magari si mostra in pubblico insieme all'equivalente di Richard Gere, ecco che si chiude il cerchio ed è pronto l'esempio degli "uomini brutti con belle donne"

Coppie Sbilanciate: Avventure o Storie a Lungo Termine?

La bellezza di un uomo conta sicuramente di più se parliamo di avventure, mentre viene decisamente ridimensionata quando si parla di storie a lungo termine.
Le ragazze hanno continuamente avventure con uomini anche nettamente più belli di loro ma quando si impegnano in una storia a lungo termine ridimensionano le loro pretese e si mettono con un pariestetico oppure con un bruttino che ha un buono status socioeconomico, vuoi perché sono consapevoli che magari uno molto più bello non offre sufficienti garanzie, vuoi perché chiaramente quello più bello si accontenta di una bruttina per svuotarsi ma poi si cerca anche lui la tipa più carina per per fidanzarsi e quindi la domanda della cessetta e l'offerta del belloccio non si incontrano.
In ogni caso in giro vedrete solo le coppie stabili, perché il bello non va a fare shopping con la tipa più brutta di lui, la usa e basta.


lui brutto lei bella
Lui Brutto Lei Bella

In pratica l'uomo medio o bruttino è solitamente costretto ad impegnarsi in una relazione a lungo termine per avere una vita sessuale, il che comprende il beneficio di ascoltare le lagne continue della sua fidanzata, subire le sue scenate, seguirla ovunque e stare ai suoi ritmi, finanziarla e molte altre cosette sfiziose che si possono sintetizzare nella parola "schiavitù".
Però, ehi vedi anche anche i brutti trovano ragazze?


Età

L'età delle coppie sbilanciate conta molto, ed è anche correlata al punto precedente dal momento che più si va avanti con l'età e più si tenderanno ad evitare le avventure per preferire relazioni a lungo termine.
Va però detto che la bellezza rimane ancora piuttosto importante nelle coppie stabili di ventenni perché a vent'anni di solito tendi ad accontentarti di poco e non hai grosse necessità finanziarie.

Una ragazza ventenne di solito si accontenta di un kebab e di fare il week end al mare in campeggio, mentre la trentenne vuole andare al ristorante e in località più modaiole, anche perché vede l'amica che ha un elevato tenore di vita e prova invidia.


Personalmente vedo che le coppie dove lui tende ad essere più brutto di lei sono più comuni salendo di età (forse anche perché dopo una certa età si iniziano a raccogliere i frutti economici di tutti i sacrifici giovanili e a quel punto per la donna è tempo di raccogliere il grano), mentre nella fascia 18-30 anni le coppie hanno un pariestetismo che quasi spacca il millesimo.
Un'altra categoria in cui si vedono brutti con ragazze carine è forse quella degli adolescenti, un po' per via del contesto sociale (che vedremo tra poco) un po' perché alcuni da adolescenti riescono a rimorchiare grazie allo status di bulletto/spacciatore.
Appena sopraggiunge l'età adulta però questi tizi non sono più fighi ma anzi vengono considerati degli emarginati dalla società (a meno che non siano belli) 

Più si va avanti con l'età e più aumentano le probabilità anche per un brutto di trovare una donna, soprattutto se ha una buona posizione sociale e lavorativa,  ma francamente non mi pare una gran consolazione riuscire a trovare una donna (magari che non ti piace poi neanche tanto) quando ormai i tuoi anni più belli sono alle spalle e li hai passati in solitudine.
Non è che appena trovi una donna puoi chiudere con il tuo passato con uno schiocco di dita, in maniera forfettaria, e passare sopra a tutte la sofferenza e frustrazione che hai avuto.
La vita non è un film con l'happy ending e mentre la tua ragazza avrà fatto tutte le esperienze che avrà voluto, tu avrai sempre un vuoto che ti porti dentro per tutta la vita, è questo che molti non sono in grado di capire.


Contesto Sociale

L'ambiente è una variabile importantissima che influenza fortemente le dinamiche sociali:
  • Un ambiente conservatore, con una forte pressione sociale, scoraggia le donne dalle avventure e le incoraggia ad avere relazioni più stabili (e quindi a scegliere uomini di livello estetico più simile al proprio) 
  • Un ambiente povero toglie importanza alla bellezza e le donne si fidanzano con quelli che offrono maggiori garanzie economiche.
  • Un ambiente isolato priva le donne di molte opzioni  e le costringe a riflettere di più prima di scartare qualcuno, e inoltre consente agli uomini di sviluppare il cd. status delle 4 pareti.
Questo spiega perché tra i ragazzini ci possono essere più coppie sproporzionate.
La ragazza adolescente ha poche opzioni, non sa come funziona il mondo, non ha modo di spostarsi e non sa bene quali sono le sue possibilità.
Non appena diventa adulta e ha la possibilità di conoscere il mondo, va all'Università o in Erasmus ecco che cambiano completamente le sue aspettative e le sue ambizioni.

Insomma, l'ambiente è molto importante e purtroppo devo dire che l'Italia e il mondo Occidentale in genere offrono un ambiente veramente pessimo da questo punto di vista, mentre l'Est Europa è decisamente meglio.

Vedi:

In Conclusione

Spero che abbiate capito che affermare che esistano uomini brutti che rimorchiano non è in nessun modo una smentita alla teoria LMS e che quando certe situazioni accadono ci sono sempre delle motivazioni razionali di fondo.
Ogni teoria di questo mondo ha comunque delle eccezioni, le donne in quanto tali hanno sicuramente dei meccanismi comportamentali comuni, ma poi ogni donna è fatta a modo suo.

Una donna con molta autostima tenderà ad essere più pretenziosa, una con bassa autostima tenderà ad accontentarsi di più.
Una donna più razionale tenderà a fare scelte più equilibrate, una donna meno razionale si imbatterà molto spesso in relazioni disastrose.
Una donna molto bella tenderà a ricercare più il prestigio sociale e un certo tenore di vita che altra bellezza, perché quando possediamo una determinata qualità tendiamo ad attribuirle un valore minore.
E via di seguito.

Le relazioni umane sono molto complesse e non si possono ridurre totalmente a pura matematica ma sicuramente si possono tracciare delle coordinate che permettano di orientarsi.

Se poi uno preferisce girare a zonzo sono affari suoi.

Forse ti Interessa:
Continua a leggere »

giovedì 26 luglio 2018

Le Donne Belle Hanno meno Probabilità di Essere Assunte da Altre Donne



Bellezza e Lavoro
Bellezza e Lavoro

Bellezza e Lavoro

Come sapete in questo blog io respingo in toto ogni tipo di retorica femminista, dal femminicidio
al gender gap, che sono entrambe delle grandissime menzogne che vengono diffuse impunemente e ormai accettate come vere.
Non mi interessa se ormai la gente ha metabolizzato certi deliri e li ritiene reali, una cazzata ripetuta un milione di volte rimane sempre una cazzata e per quante volte me la verrete a dire, per altrettante io continuerò a ridervi in faccia.
Mentre per quanto riguarda il problema dei femminicidi la questione è però molto semplice, nel senso che basta non essere dei totali somari e avere voglia di informarsi un attimo sulle statistiche degli omicidi per capire perché il concetto di femminicidio proprio non ha basi numeriche, per quanto riguarda il Gender Gap la problematica è, lo ammetto, un pochino più complessa.

Vedi: Femminicidio: i Veri Dati

In Italia l'aspetto economico e retributivo di un rapporto di lavoro subordinato è disciplinato dai CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) e non troverete mai una donna guadagnare meno di un uomo.


Del resto, se così fosse, non avrebbe senso per un'azienda assumere uomini.Perché pagare di più qualcuno per avere la medesima prestazione lavorativa?Non ha proprio senso dal punto di vista imprenditoriale.


I fatti però dicono che le donne mediamente continuano a guadagnare circa il 30 % in meno rispetto agli uomini e questo è un dato di fatto.Il problema però è che si continua ad attribuire ingiustamente questo "gap" ad un'ipotetica discriminazione patriarcale quando i motivi sono ben altri e riguardano principalmente la tipologia di studi mediamente scelta da uomini e donne.
Gli uomini tendono a scegliere studi scientifici (che in genere vengono pagati di più) mentre le donne studi umanistici (pagati di meno).

Probabilmente però questa basta solo parzialmente come spiegazione al gender gap mentre, a mio avviso, il gender gap può essere anche banalmente ricondotto alle ovvie e banali differenze tra i due sessi, che rendono le donne più adatte a certi tipi di lavori e meno adatte ad altri.


Non mi va oggi di effettuare una lunga disamina sulle singole caratteristiche di genere e sui vari lavori, mi limito ad esprimere una mia personale opinione e dico che, per l'esperienza che ho avuto in vita mia, le donne hanno seri problemi a gestire posizioni di potere.


Quando una donna ottiene un minimo di potere, in ambito professionale o anche al di fuori, anziché utilizzare tale potere per raggiungere lo scopo per il quale quel potere le è stato assegnato (ad es. far crescere un'azienda), tenderà ad utilizzarlo per portare avanti le proprie battaglie e vendette personali.

 Questa mia teoria, che ho circa da quando avevo 17 anni e ho iniziato per la prima volta a confrontarmi col mondo del lavoro, non aveva mai trovato conferme dal punto di vista scientifico, fino a quando tempo fa un utente non viene a postare uno studio che riguarda i criteri di selezione del personale da parte di donne.Ve lo riporto.

L'università di Ben-Gurion ha condotto uno studio sull'influenza della bellezza e del genere nel mondo del lavoro delle compagnie:è risultato che gli uomini brutti avevano il 50% di probabilità in meno rispetto a un bello di ottenere una risposta(ma questo già lo si sapeva).Ma il dato più interessante è questo:le donne senza foto nel curriculum avevano la percentuale di successo nella risposta più alta, rispettivamente più alta del 22% per le donne di aspetto estetico medio/brutto e del 30% rispetto alle donne belle.
Quest'ultimo dato era in contraddizione con la psicologia generale e la credenza che la bellezza sia un fattore positivo nel mondo del lavoro.

I ricercatori hanno scoperto che la discriminazione contro le belle donne dipendeva da chi le stava assumendo e se avrebbero lavorato direttamente nella compagnia o per conto della compagnia ma fuori dall'ambiente di lavoro.
Questo è dovuto,secondo i ricercatori,al fatto che le risorse umane(la branca delle assunzioni)siano composte prevalentemente da donne,che per meccanismi di gelosia e invidia non assumono donne attraenti che potrebbero fare concorrenza in termini sessuali e relazionali sul posto di lavoro.

‘This is likely due to the high number of women in human resources staffing positions’, the researchers said. Following the experiment, they contacted the person at the company who screen the applications, and found that in 96 per cent of the case they were women.
They were typically single, and had an average age of 29 – ‘qualities more likely to be associated with a jealous response when confronted with a young, attractive competitor in the workplace’, say the team.
Dr Ruffle said: ‘Indeed, the evidence points to female jealousy of attractive women in the workplace as a primary reason for their penalisation in recruitment.’

In sostanza questo studio dimostra che siano soprattutto le donne a discriminare altre donne in ambienti lavorativi dove serve personale qualificato e dove le paghe sono maggiori e che quindi il gender pay gap è in parte dovuto all'atteggiamento delle donne presenti nelle risorse umane.
Come si dice "Tutte amiche fino a quando non vogliono lo stesso cazzo(del belloccio) "

Fonti:

Bellezza e Lavoro
Bellezza e Lavoro

Direi che non c'è bisogno di ulteriori spiegazioni, ma prima di concludere l'articolo vorrei citare due vecchi post che alcune donne pubblicarono sul profilo di Selvaggia Lucarelli in occasione di una sua vecchia guerra contro alcune pagine facebook, accusate di avere un linguaggio molto esplicito e poco rispettoso nei confronti delle donne.
"Ciao Selvaggia.
Avrei potuto scrivere il mio parere sulla chiusura di quella pagina Facebook da mamma, da donna, da ex studentessa di sociologia, ma ho deciso di farlo in base alla mia professione: recruiter.
I ragazzi e le ragazze che vomitano insulti, offese, bestemmie sono gli stessi che si rivolgono - o si rivolgeranno - a me per cercare lavoro.
Lo faranno con le loro faccine d'angelo e i loro bei cv europei pieni di diplomi, lauree ed aspettative, senza sapere che la prima cosa che oggi fa un selezionatore è verificare la reputazione social.
E a questo punto per questi signori e signore verrà il bello... anzi il brutto.
Si chiederanno increduli perché sono stati scartati, perché non hanno superato la selezione, perché hanno perso quella occasione, perché non sono stati scelti per quello stage tanto interessante.
E le opportunità passeranno veloci sotto il loro naso come le loro dita nel digitare "troia".
Mi immagino già i commenti: non è giusto, non è corretto, non bisogna giudicare una persona in base a poche parole lette sul web.
Lo so, ragazzi, mi spiace, ma è così che va il mondo: le referenze non sono un'opinione, ognuno semina quello che raccoglie, i libri spesso si giudicano dalla copertina (e le ragazze dal peso... ce lo avete insegnato voi 😁) e le aziende difficilmente accettano di assumere persone dall'insulto facile.
Non so se spiegare questa cosa a ragazzini che non sono nemmeno in grado di capire la differenza fra ironia ed insulto, tra libertà di pensiero ed offesa gratuita, tra realtà e mondo virtuale ha senso. Credo e temo che non abbiano nemmeno chiaro il concetto del tempo e del loro futuro.
Ma se leggere queste parole farà venire anche un solo dubbio ad uno di loro e se quest'uno inizierà a non scrivere più certi commenti, allora da mamma e da donna sarò soddisfatta.
Grazie."


Un commento sotto:

"Condivido in pieno!Mi occupo anch'io di ricerca e selezione del personale e posso confermare che noi ma anche le stesse aziende prima di selezionare un candidato molto spesso verificano la "reputazione" sui social! L'ho spiegato a ragazzi di 16 anni anche durante un incontro di Alternanza scuola lavoro questa settimana e mi hanno ringraziata per averli resi consapevoli che fra qualche anno converrà loro modificare ad esempio la foto del loro profilo."


Capite?Voi andate a cercarvi un lavoro e queste qui neanche la guardano la vostra professionalità, vanno subito a ficcare il naso sugli affari vostri e magari vi scartano perché 10 anni prima, da ragazzi, in preda alla frustrazione per le vostre continue insoddisfazioni sessuali (che la signorina della selezione del personale ovviamente non avrà mai provato in quanto donna),  vi siete lasciati scappare un mezzo commento misogino, salvo poi assumere il figo di turno che sui social ha sempre mantenuto un'immagine impeccabile ma magari (quasi sicuramente) delle donne ha una concezione ancora peggiore della vostra.

Ma poi perché stare a perdere tempo anche a leggere cosa uno scrive, facciamo che guardiamo prima le foto no?
Questo qui è un cesso, zero likes, scartato.Oh che figo questo, ex modello, wooow quanti likes, assunto.

Ecco qui il magico mondo delle "Human Resources" in mano alle donne, che si dicono "soddisfatte", in periodo di crisi, di stroncare qualcuno professionalmente solo perché dice ciò che pensa e non è omologato al pensiero nazifemminista dominante (notare come specifichi di essere soddisfatta in quanto "donna", perché loro devono sempre spersonalizzarsi e identificarsi con il proprio sesso di appartenenza, mantenere una propria individualità è troppo difficile).


Ora, domandona spontanea:se voi aveste un'azienda, preferireste assumere come responsabile del personale qualcuno che utilizza le facoltà gli date per assumere in buona fede il miglior candidato possibile, quello che svolgerà meglio il suo lavoro, oppure qualcuno che si prende il vostro stipendio per vendicarsi dei propri screzi, eliminare le proprie rivali in amore e portare avanti le proprie battaglie personali infischiandosene delle sorti della vostra azienda?Ai posteri l'ardua sentenza.
Continua a leggere »

mercoledì 25 luglio 2018

Le 6 Caratteristiche degli Occhi Belli (Foto e Spiegazione)



Occhi Belli Come Sono
Occhi Belli Come Sono

 

Le Caratteristiche degli Occhi Belli


Gli occhi sono sicuramente una delle caratteristiche fisiche più importanti per determinare il livello estetico di un individuo, forse perché sono il più evidente strumento di comunicazione e la parte del corpo a cui si tende a prestare più attenzione.

Molteplici sono le espressioni di uso comune che riguardano gli occhi o lo sguardo in generale, come ad esempio "guardare dall'alto in basso", "avere uno sguardo sfuggente" o "lanciare un'occhiata gelida".

 "Lo sguardo è la cosa più importante, lo sguardo da furbetto" Johnny Red

Se è però vero che i movimenti oculari possono fornire indicazioni importanti sullo stato d'animo o sui sentimenti provati da una persona, è però altrettanto vero che la forma degli occhi è qualcosa di innato e geneticamente predeterminato che può accomunare indistintamente persone con i più diversi tipi di personalità e non può essere ritenuta assolutamente uno "specchio dell'anima".

Ci possono essere brave persone con degli occhi raccapriccianti e, viceversa, degli emeriti stronzi con occhi bellissimi, è solamente una fortuna genetica che uno possiede o non possiede.

Fatta questa premessa petalosa, andiamo ora ad analizzare in dettaglio le caratteristiche degli occhi belli e degli occhi brutti, come sono e come bisognerebbe averli,  e forse il modo migliore di farlo è proprio partire da dei riferimenti fotografici che mettano in paragone il bello con il brutto.
Ho scelto Brad Pitt come esempio di begli occhi, mentre Steve Buscemi come esempio di brutti.

Occhi Belli Come Sono
Occhi Belli Come Sono

 #1 Le Palpebre


La prima cosa che si nota sono sicuramente le palpebre,  che nel soggetto 2 appaiono parecchio sporgenti ed evidenti (le cd. borse sottoculari, che peraltro sono removibili chirurgicamente) dando un effetto di pesantezza e facendo sembrare l'individuo stanco (o drogato) , mentre nel soggetto 1 la palpebra superiore è completamente nascosta e quella inferiore appare impercettibile.

#2 Il Canthus

E' l'angolo degli occhi dove la palpebra superiore incontra l'inferiore. I caucasici hanno l'angolo interno completamente esposto, mentre gli asiatici (mongoloidi) hanno una piega cutanea che lo copre, detta "epicanto", che è con tutta probabilità il risultato di un adattamento al clima freddo.
Un buon risultato estetico si ottiene laddove l'angolo interno risulti leggermente rivolto verso il basso.

#3 La Forma

L'arco oculare di un occhio bello è meno pronunciato, un occhio bello tende ad avere una forma dritta e compatta mentre un occhio brutto tende ad essere cavo e tondeggiante.
Ciò è dovuto alla struttura ossea che circonda gli occhi: orbite pronunciate e poco sviluppate in verticale danno un taglio di occhi più giovane e gradevole.
Una buona struttura ossea determina anche un occhio "incassato" anziché sporgente, caratteristica quest'ultima che generalmente è considerata negativa e talvolta associata a malattie come l'esoftalmo.

#4 La Sclera

E' la parte bianca dell'occhio e non dovrebbe essere visibile al di sotto dell'iride.
Idealmente la palpebra inferiore dovrebbe coprire un paio di cm dell'iride.

#5 Il Colore

Le persone danno generalmente eccessiva importanza al colore degli occhi.
Gli occhi belli possono essere sia castani o nocciola che azzurri o celesti, sia marroni che verdi o grigi.Molto più importante è la forma del colore e un individuo con occhi scuri di una bella forma risulterà sicuramente più attraente di uno con occhi chiari e una pessima forma, questo ovviamente a parità degli altri tratti somatici.

A mio avviso però anche il colore è un bonus e gli occhi più chiari, specialmente quelli azzurri /cerulei, tendono ad apparire più belli per una ragione che vi spiego brevemente ed è connessa alla dilatazione delle pupille.
Le pupille si dilatano o contraggono sia a seconda dei cambiamenti di luce che dei cambiamenti di stato d'animo.
E' dimostrato ad esempio come le pupille si dilatino mediamente di 4 volte quando ci troviamo di fronte a qualcosa verso la quale siamo notevolmente attratti.
Notevoli studi mostrano come l'ingrandimento pupillare sia correlato alla visione di soggetti che riteniamo attraenti e questo principio viene utilizzato anche nell'ambito degli affari per vendere di più, ad esempio photoshoppando le pupille delle modelle.
L'azienda di cosmetici Revlon, anni fa, dimostrò di essere in grado di ottenere un miglioramento del 45% nelle vendite dei propri rossetti semplicemente modificando la dimensione pupillare delle sue modelle.
Occhi Belli Come Sono
Occhi Belli Come Sono


Come può esserci utile questa informazione per dimostrare l'importanza del colore di occhi nel determinare l'attrazione?Beh, è semplice: più un colore di occhi è chiaro e più le variazioni pupillari risultano evidenti, con il risultato che un occhio verde o azzurro risulta molto più espressivo del suo corrispondente marrone.

#6 La Posizione

Altrettanto importanti sono la distanza e l'angolazione degli occhi.
Mentre per quanto riguarda la distanza il discorso è molto soggettivo e dipende anche dagli altri tratti del volto, per quanto riguarda la posizione abbiamo fondamentalmente 3 situazioni, che sono quelle illustrate nella prima immagine di questo articolo e che riguardano il Canthal tilt.
Il Canthal Tilt esprime l'angolazione degli occhi di un soggetto e si può determinare tracciando due linee immaginarie che colleghino gli angoli di ciascun occhio.
Se le due linee si sovrappongono (e quindi possiamo far passare una sola linea attraverso i 4 angoli) allora abbiamo un Canthal Tilt neutro.
Se le due linee si incrociano verso il basso abbiamo un Cantal Tilt positivo, che è una caratteristica generalmente apprezzata, se le due linee si incrociano verso l'alto siamo invece in presenza di un Canthal Tilt negativo e quindi di un taglio di occhi non particolarmente gradevole esteticamente, che dà allo sguardo una sensazione di pesantezza.

Queste in sintesi le caratteristiche principali degli occhi belli.E i vostri occhi come sono, belli o brutti?

Forse ti Interessa:



Continua a leggere »

martedì 24 luglio 2018

Ecco Perché le Ragazze Brutte hanno Mediamente più Uomini delle Belle




ragazze brutte
ragazze brutte
Oggi  vi voglio esporre questa mia personale e singolare teoria, che ancora non è accettata dalla comunità scientifica ma che in futuro sicuramente rivoluzionerà la storia delle dinamiche sociali.

Normalmente siamo portati a pensare che le donne più belle, risultando più attraenti ad una percentuale maggiore della popolazione maschile, abbiano anche più probabilità di avere rapporti sessuali e quindi cambino partner sessuali più spesso.

La mia esperienza e le mie osservazioni mi hanno portato però ad una conclusione differente, e anzi per certi versi opposta:io ritengo che siano invece le ragazze o donne più brutte ad avere più partner sessuali e cercherò di spiegare le mie ragioni in questo articolo, le cui  considerazioni valgono anche per le ragazze brutte che diventano belle o per quelle che si credono belle, dal momento che le relazioni sociali dipendono non solo dal valore di mercato che uno ha, ma anche da quello che ritiene di avere.

L'ho chiamata la "Teoria del Recipiente" e si può sintetizzare nel seguente brocardo "Il numero di uccelli diversi presi da una donna nel corso della vita è inversamente proporzionale al livello estetico della stessa"

Va detto immediatamente che questa teoria presenta alcuni limiti, ma sento di essere sulla buona strada.

Un primo probabile ostacolo alla sua accettazione è dato dal fatto che esiste uno studio che dimostra come le persone belle abbiano più partner sessuali delle brutte e questo sembrerebbe smentire il mio punto di vista, se non fosse che, a mio avviso, le conclusioni dello studio vanno interpretate in maniera critica analizzando la tipologia dei campioni su cui sono stati effettuati.

Ad esempio, se consideriamo due campioni, uno con donne molto belle e uno con donne molto brutte, è ragionevole pensare che il numero di partner sessuali sia più elevato fra le donne del primo campione, ma si tratta di un'estremizzazione.
Un conto è paragonare un gruppo di donne da 2 con un gruppo di donne da 8 e un conto è paragonare un gruppo di 5 con un gruppo di 7.
Nel primo caso le donne da 8 avranno più partner sessuali, nel secondo caso invece a mio avviso no.
Di conseguenza la teoria del recipiente potrebbe avere una soglia estetica di partenza oltre la quale troverebbe applicazione.Ma andiamo avanti.

Le donne sono generalmente molto restie a concedere i propri favori sessuali, a mio avviso per due fondamentali ragioni di tipo biologico:
  1. Il fatto che la natura ha loro imposto il pesante onere della gravidanza, e questo è ciò che le porta a compiere una selezione sessuale improntata sull'ipergamia dandola solo agli uomini di valore superiore.
  2. Darla a molti uomini diminuisce il loro valore di mercato perché diminuisce il loro valore di riproduzione.

Una donna sessualmente molto promiscua non offre sufficienti garanzie riproduttive ad un uomo perché il suo comportamento sessuale non permette di stabilire con certezza la paternità di un figlio e un uomo, nell'allacciare una relazione con lei, corre il rischio di trovarsi a mantenere il figlio di un altro, il che non è esattamente la migliore delle strategie;anzi, non è affatto una strategia.

Tutto questo è dovuto al fatto che la donna, quando è fertile, a differenza di altre specie animali non emette segnali visibili (la cd. ovulazione occulta) e anzi neppure lei stessa sa con certezza di essere feconda, quindi nel caso rimanga incinta risulta molto più complesso stabilire da chi è stata fecondata.

Il motivo per cui la donna si offende mortalmente quando le viene dato della troia o della puttana è proprio il fatto che si tratta di aggettivi che la vanno ad aggredire in quello che più ha di prezioso, ovvero il valore di mercato sessuale, e possono potenzialmente renderla meno appetibile di fronte agli occhi di alcuni uomini che, a causa della sua promiscuità, vengono disincentivati ad intraprendere una relazione con lei.
Gli stessi aggettivi però, del resto, vengono per primi utilizzati dalle stesse donne per sminuire il valore delle loro rivali, quindi appare abbastanza ipocrita offendersi per i giudizi maschili di questo tipo e utilizzarli a propria volta nei confronti di altre.

La paura di essere considerate delle "troie" è a mio avviso nettamente maggiore nelle ragazze di valore più elevato per ovvie ragioni, perché a causa della loro tendenza ipergamica hanno un bacino nettamente inferiore di potenziali uomini a cui attingere e quindi devono ponderare molto meglio le proprie scelte.

Per una ragazza di valore medio che va con un uomo di elevato valore, il rischio di vedere la propria reputazione infangata è fortemente compensato dal beneficio di riuscire ad ipergamare parecchio, mentre per una ragazza molto bella il gioco non vale la candela.

Questo spiega perché ad esempio, da giovani, le donne nella media instaurano rapporti di trombamicizia esclusivamente con uomini di bell'aspetto, dai quali si fanno sfrullare allegramente la fagiana, mentre ai loro pariestetici la smollano solamente dietro promessa di una relazione a lungo termine (leggi = schiavitù consensuale) e spiega anche in parte il fenomeno incel.



Pensate ad esempio alle varie modelle famose: raramente vengono coinvolte in scandali relativi ad avventure, a botte e via con sconosciuti, nonostante abbiano sempre i paparazzi alle costole e notizie del genere farebbero molta gola e verrebbero subito alla luce.

Non si sente mai di una Bar Refaeli o di una Caroline Winberg che si apparta nei bagni di una disco con un tipo appena conosciuto, mi viene in mente giusto Kate Moss che però aveva problemi di tossicodipendenza, mentre invece è strapieno di star di Hollywood maschili che lo fanno.
ragazze brutte
"questa bionda è molto meglio delle commesse che ti fai di solito"

Lo fanno però con ragazze nettamente sotto il loro valore, con tipe nella media o poco più.
Un Leonardo DiCaprio ha molte avventure con ragazze comuni appena carine, ma poi quando si stanca e/o trova la Bar Refaeli ci si fidanza e inizia una storia a lungo termine.

Viceversa una Bar Refaeli deve stare molto attenta a non infangarsi la reputazione perché poi farà più fatica a trovarsi un Leonardo DiCaprio visto che gli uomini di valore così elevato sono pochissimi (sono molte di più le modelle).

Di medioman disposti a prendersi gli scarti di DiCaprio invece è pieno (e anzi dopo una vita di seghe sono pure contenti, pensano di avere svoltato) quindi la tipa media ha solo da guadagnarci ad andare con la star perché , anche grazie a questa "meravigliosa" società, cadrà sempre in piedi.

Mi rendo conto che è una teoria piuttosto audace, e sono disposto ad accettare eventuali critiche.
A supporto posso portare la mia esperienza, ma c'è anche uno studio effettuato su 233 coppie che sono state seguite per 3 anni e che dimostra come le donne più belle tendano a tradire di meno [1]

In pratica ti sposi una cessetta perché "è sciocco essere superficiali" e "bisogna andare oltre le apparenze" e lei premia questo tuo sacrificio facendosi stantuffare da uno meglio di te, non appena tu esci di casa per andare a fare il tuo lavoro da schiavo e poter pagare il mutuo trentennale.

Non è proprio lo stesso discorso dell'articolo ma io qualche parallelismo ce lo vedo, perché è difficile credere che questi comportamenti promiscui siano una conseguenza del matrimonio e non piuttosto qualcosa di strettamente connesso al valore di mercato delle donne che li attuano.


Forse ti interessa anche:


L'autore della vignetta in alto è Eriberto Intestini


Continua a leggere »

lunedì 16 luglio 2018

I Tifosi di Calcio sono dei gran Cornutoni




Finalmente i mondiali di 'sto cazzo sono finiti, non ne potevo veramente più.
Non mi sembrava neanche vero che l'Italia non fosse stata ammessa, speravo che per via di questo fatto il mondiale sarebbe passato in sordina.
Invece siete riusciti ugualmente a triturarmi le palle con questa maledetta ossessione calcistica, commenti di partite e statistiche e battutine calcistiche di umorismo discutibile da medioman ovunque.
Perfino facebook, lo apro e mi trovo una notifica.Spero che finalmente sia una delle mie follower belle fighe che mi scrive perché vuole darmela e invece è Zuckerberg che mi dà la notifica "Abbiamo trovato eventi relativi ai mondiali vicino a te".
Embè?Pure io ho trovato tua mamma che batteva in tangenziale l'altra sera ma mica te lo vengo a dire così.
Ma cosa me ne deve fregare dei fottuti "eventi relativi ai mondiali"?Non ho like a una sola pagina che parla di calcio, mai condiviso un post di calcio, mai anche solo commentato un post di calcio, ma cosa ti fa pensare che me ne freghi un'emerita cippa degli "eventi relativi ai mondiali"?

Non ti lasciano veramente in pace da nessuna parte, rendetevi conto che giorni fa mi è capitata sotto occhio la pubblicità di un bordello in Austria e sono entrato per curiosità nel sito e pure dentro al bordello organizzavano serate per vedere le partite ahahah non puoi neanche farti una chiavatina in santa pace senza avere in mezzo alle balle questi calciofanatici, che poi magari scegli la prostituta, la paghi e questa ti parla pure lei di calcio, ti chiede se hai visto "la partita".Sì perché poi per socializzare e rompere il ghiaccio i calciofanatici ti chiedono se hai visto "la partita", ma la partita de che?La partita di droga in arrivo dalla Colombia?Nella loro testa bacata sono anche convinti che tutti debbano sapere le partite che ci sono in giro.

Tifo e Fanatismo

Sono già stato critico in passato nei confronti del tifo calcistico ma va detto che le mie parole sono state anche parecchio travisate a causa del risentimento che hanno generato in coloro che si sono sentiti toccati sul personale e che ha impedito loro di recepire con obiettività le mie affermazioni.
La mia condanna non è tanto contro il tifo, quanto piuttosto nei confronti del fanatismo, che porta solo a peggiorare la vita sia di chi lo pratica che di quelli che sono costretti a convivere in società con i fanatici.
I fanatici che odio sono quelli di tutti i tipi, non solo quelli di calcio.
Il problema è però che il calcio è un settore in cui la percentuale di fanatici è spaventosamente elevata rispetto al totale del pubblico, tant'è che si può dire che la figura del tifoso di calcio e quella del fanatico, specialmente in Italia,quasi coincidono.
Ho però alcuni amici che sono veramente molto appassionati di calcio e vivono la loro passione con equilibrio e fanno bene, nessuna critica nei loro confronti.Anzi, molto meglio avere una passione in qualcosa piuttosto che vivere in una vita abulica; il tipo di passione è piuttosto irrilevante, basta che non penalizzi la qualità della vita.
Nei confronti di chi invece vive stupidamente in funzione di una certa passione e pretende anche di condizionare la vita altrui per seguirla va tutto il mio disprezzo.

"Non Capisci Nulla di Calcio"

I calcioinvasati, non appena trovano qualcuno che la pensa diversamente da loro su una questione calcistica, sono soliti lanciare all'altro l'accusa di "non capirne nulla di calcio", accusa totalmente indimostrabile e facilmente rispedibile al mittente dal momento che non c'è molto da capirne di calcio: si tratta di 22 tizi in mutande che corrono con una palla con l'obiettivo di buttarla dietro una linea e che ogni dieci metri cadono per terra facendosi male alla tibia come dei deficienti.
Anche le regole più complesse sono facilmente apprendibili, come ad esempio quella buffa regola del fuori gioco, che ricorda tanto la risposta di un bambino sardo alla madre che gli chiede dove gioca: "Fuori gioco, mamma".

"Anche io una volta ho avuto un'esperienza omosessuale.Ho guardato una partita di calcio." Il Redpillatore

Il calcioinvasato però parla di capirne di calcio come se si trattasse di discutere di astrofisica e questa è la prima ragione per cui il calcio ha così tanti fanatici: essendo uno sport scarsamente oggettivo in cui la componente aleatoria la fa da padrona, chiunque può improvvisarsi grande esperto senza rischio di essere smentito.

Questa ghiotta opportunità ovviamente attira tutta una serie di idioti totalmente irrazionali che possono improvvisarsi CT del lunedì e pontificare sul nulla, cosa che non sarebbe possibile in altri sport dove la qualità della prestazione è molto più evidente e lascia minimo spazio all'interpretazione.
In altri sport ad esempio la prestazione fisica è tutto, mentre nel calcio viene spesso in secondo piano rispetto alla componente tattica e fortuita e ci possono tranquillamente essere calciatori come Cassano che rotolano in giro per il campo con i loro 200 kg, roba che un lottatore di Sumo sembra una modella adolescente anoressica.


"Abbiamo Vinto"

La seconda ragione per cui il fanatismo è così diffuso è che consente ad una massa di persone, spesso dalla vita mediocre, di identificarsi nella squadra del cuore, che quasi sempre viene scelta tra quelle più forti (indipendentemente dalla città di provenienza) proprio perché nessuno vuole identificarsi in chi perde ma sempre in chi vince.
Quando la sua squadra vince il tifoso grida "abbiamo vinto" e si esalta tutto, si sente anche lui parte di un gruppo, gioisce per la condivisione della vittoria, che però è solo virtuale perché i veri vincitori di tutto sono i calciatori che hanno giocato la partita, mentre lui l'ha solo guardata e il giorno dopo tornerà al suo lavoro e alla sua vita miserabile.
E' un po' la concretizzazione di quell'istinto tribale insito un po' in tutti noi, che viene soddisfatto dall'illusione di sentirsi parte di un determinato gruppo.


Come si può notare però le motivazioni analizzate sono totalmente irrazionali e mi stupisco sempre come persone apparentemente intelligenti arrivino a farsi condizionare la vita dal fanatismo per questo gioco, facendo pesantemente dipendere il proprio umore dalla vittoria o dalla sconfitta di una squadra che in entrambi i casi non cambierà nulla nella loro vita a livello pratico.

 Il Cuckoldismo Calcistico

 Non solo, ma questo loro comportamento è stupido anche perché contribuisce ad alimentare il prestigio di completi estranei, spesso analfabeti buoni a nulla, che, grazie alla massa di idioti che li segue, riesce ad arricchirsi spaventosamente e a trombare molte gnocche, che spesso sono proprio le mogli e le fidanzate di quelli che li seguono.
Insomma il tifo calcistico è un vero e proprio cuckoldismo, il tifoso va allo stadio e grida cornuto all'arbitro ma il primo cornuto è lui.
Il tifoso torna a casa e trova la moglie a letto con Cristiano Ronaldo ed è tutto contento di trovare il suo idolo in camera sua e poi gli chiede anche l'autografo e la sera va al bar a vantarsi con gli amici di essere stato cornificato dal più grande campione di tutti i tempi.
"Beato te, mia moglie al massimo mi cornifica col postino".
Non sto scherzando, è così: i tifosi di calcio sono dei gran cornutoni.

Vi prego, raccontatemi ancora una volta di come la Francia che ha appena vinto il mondiale non sia Francia ma Africa, l'ho sentita solo due milioni di volte questa battuta.
Intanto però ve li state a guardare questi africani che giocano con squadre europee e grazie al prestigio che ottengono dalla fama che gli garantite possono scopare le bianche con ancora più facilità.Dove va a finire la vostra coerenza identitaria?


E quando il portiere belloccio di quella squadra tedesca ha fatto la papera e ha fatto perdere la finale di Champions League?Poverino, state ancora piangendo per lui?O state ancora piangendo per la sconfitta della vostra squadra del cuore?

Ahahah zio can

State tranquilli che lui si consola con tutti i soldi e le ragazze che ha a disposizione, mentre voi avete 27 anni e siete vergini e vi avanza pure di dispiacervi per lui.

Neanche si sapeva chi fosse questo tizio prima che i vari tifosi cornutoni si immedesimassero nel suo dolore, ora invece oltre che calciatore famoso è diventato anche una specie di star e di sex symbol.

Le donne ovviamente ringraziano.

A proposito, avete visto quante donne si stanno appassionando al calcio negli ultimi anni?
Un po' per esibizionismo, un po' per quella naturale tendenza che hanno di ficcare il loro nasino incipriato in attività prettamente maschili, negli ultimi tempi è pieno di donne che si mettono in mostra durante le partite, soprattutto durante i mondiali quando queste novelle tifose possono dipingersi le tette con i colori della loro bandiera e coltivare il loro narcisismo.
Questo comporta un serbatoio sempre crescente di fighe a cui i calciatori possono attingere e questa situazione rende il cornutismo dei tifosi maschi ancora più evidente e surreale.

La cosa che più mi fa incazzare dei tifosi è proprio questa, l'incapacità di rendersi conto delle dinamiche che li coinvolgono, di essere solo delle pedine di un sistema creato per distrarli, tenerli buoni e lucrare grazie a loro.

Il tifoso cornuto medio è in grado di accettare ogni tipo di privazione della sua libertà personale e dei sui diritti, basta che non gli si tocchi il suo giochetto in TV.

Gli imperatori romani tenevano buona la plebaglia con "panem et circensem", oggi invece ci sono calcio e grande fratello.


E nel frattempo tutta questa spazzatura non si accontentano di mangiarsela gli invasati ma devono rifilarla pure a te.
Fanculo.

Se sei un tifoso calcistico e vivi la tua vita in funzione delle partite, per favore, curati.
Di cornutismo calcistico si può guarire.

Forse ti può fare Incazzare anche:




Continua a leggere »