20/09/18

Lei Mi Ha Detto: "Sei Una Bella Persona". Come Interpretarlo?



sei una bella persona
sei una bella persona

  Se Lei Ti  Dice "Sei Una Bella Persona"

 Ciao Redpillatore,
sono un tuo seguace da circa tre mesi e devo dire che ti stimo molto. Leggo con piacere il tuo blog e anche io alla fine mi sono deciso ad ingoiare la pillolina rossa, anche se mi è costato non poco dover rimettere in discussione alcune delle mie convinzioni precedenti.
Ti scrivo perché vorrei raccontarti un'esperienza che ho avuto di recente con una ragazza conosciuta in chat.
Io penso di essere un ragazzo non bello né brutto, intorno al 6.5 (ti allego le foto, sono alto 184 e ho 24 anni) e riesco a piacere alle donne bruttine ma difficilmente a quelle che mi piacciono veramente, forse perché sono anche un po' timido e impacciato, cosa che mi fa preferire le chat agli approcci live.

Di recente ho ottenuto un appuntamento da Tinder con una ragazza piuttosto carina di 21 anni. Siamo usciti per una serata molto tranquilla, siamo andati a bere in un bar e abbiamo avuto una piacevole discussione.
Eravamo entrambi a nostro agio e pensavo di esserle piaciuto, ho cercato di vincere la timidezza e apparire interessante e lei sorrideva ed era coinvolta nella conversazione, anche se alla fine se non è successo niente di "sessuale" (neanche un bacio).
Il giorno dopo l'ho ricontattata su whatsapp e mi ha risposto gentilmente. Quando però ho provato a proporle un secondo appuntamento ha iniziato a tergiversare, a dirmi che ha poco tempo perché deve studiare per gli esami ma che sono, cito testualmente, "una bella persona" , che è stata contenta di avermi conosciuto e che si può uscire ancora, però senza programmare nulla.
Quando mi ha detto così io ci sono rimasto di sasso, mi è sembrato un po' un modo per addolcirmi il rifiuto anche se all'apparenza i segnali sembrano positivi. Tu che ne pensi?


Il Redpillatore Risponde

Ciao, ho visto la tua foto e concordo con il tuo (auto)giudizio, mi sembri intorno al 6.5 e ritengo che tu sia ad un livello estetico che è veramente il minimo sindacale per riuscire a racimolare qualcosina da una chat.
Di solito in chat si è costretti ad abbassare le proprie pretese perché c'è molta più concorrenza, quindi se sei conscio che il tuo limite è esclusivamente caratteriale ti consiglierei di lavorare su quello anziché ignorare il problema e rivolgerti alle chat, dove hai meno probabilità di ottenere i tuoi obiettivi.

Per quanto riguarda quel "sei un bella persona", beh, hai già intuito che non è un segnale molto positivo, è un  modo per mettere le mani avanti e prendere le distanze in un momento in cui invece le distanze dovreste avvicinarle sempre di più visto che già siete usciti per un appuntamento.
Non sei un caso raro, anche a me è capitato in passato di sentirmi dire frasi del genere, almeno si sforzassero di essere un po' originali queste tipe.

Notare come parli di una bella "persona" e non di un bell'uomo o bel ragazzo, quasi a voler ignorare il fatto che hai degli impulsi e sei attratto sessualmente da lei, quasi a voler "desessualizzare" il vostro rapporto.

"Sei una bella persona", un complimento - non complimento, che poi che significa bella persona? Esiste una bella persona in senso assoluto?

Non so comunque dirti se i giochi siano già chiusi e se quella frase sia sinonimo di un rifiuto senza possibilità di appello, può essere un semplice modo gentile per rifiutarti oppure semplicemente una tattica per metterti in stand by mentre valuta altri pretendenti.
Questo dovresti valutarlo tu con la tua sensibilità e con gli elementi dell'incontro che conosci in più rispetto a me. Io posso solo fare supposizioni.

Purtroppo la realtà dei siti di incontri è questa, una ragazza nella media che cerchi un partner nei siti di incontri ha giornalmente decine di pretendenti e, a meno che tu non sia nel top 20% di uomini con il più elevato valore di mercato, sei semplicemente uno dei tanti su cui effettuare le dovute scremature.

Tu stai lì con l'ansia dell'incontro, scervellandoti e sforzandoti di darle la migliore impressione possibile e di avere molte cose interessanti da dire, mentre per lei sei ordinaria amministrazione, sei uno dei tanti a cui scroccare un drink o una cena e con cui fare un'esperienza diversa.
E', in fondo, la semplice legge della domanda e dell'offerta applicata alle dinamiche sociali, è una situazione frutto di una società nella quale le donne detengono un enorme potere contrattuale nelle relazioni a discapito dei loro equivalenti maschili che invece per la maggioranza ne hanno molto poco se non nessuno.

In conclusione, quello che quella ragazza ti ha voluto dire è "sei una bella persona ma penso di riuscire a trovare qualcuno con più valore LMS del tuo, che al momento non è abbastanza elevato da convincermi a smollartela".

Mio consiglio: archiviala almeno momentaneamente e ricomincia a guardarti intorno, potrai tornare da lei a tastare il terreno in futuro.

Buona Fortuna!

Forse ti Interessa:
Continua a leggere »

19/09/18

Le Donne Vogliono l'Uomo Sicuro di sè? Sfatiamo il Mito



Le Donne Vogliono l'Uomo Sicuro di sè
Le Donne Vogliono l'Uomo Sicuro di sè

Essere Sicuri di Se Stessi con le Donne

Mano a mano che una discussione fra blupillati su come rimorchiare le ragazze si allunga, la probabilità che qualcuno menzioni la sicurezza in sè stessi come qualità attrattiva decisiva tende a 1.
E' la legge di Godwin applicata alle chiacchiere seduttive da  quattro soldi.

Non c'è praticamente nessuno che non includa l'avere una forte autostima ed essere sicuri di se stessi come fattore determinante al fine di cuccare.

La maggior parte delle volte questo genere di discorsi rimane confinato alle mura di qualche bar tra una sbevazzata e l'altra (oppure a qualche insulso gruppo online, per essere più moderni) e non comporta alcuna conseguenza negativa per gli interlocutori a parte la perdita di tempo, ma talvolta c'è chi addirittura si fa pagare fior di quattrini per insegnare strategie che consentano di migliorare la propria sicurezza in sè stessi, facendo leva sulla frustrazione sessuale maschile e l'incapacità di alcuni di trovare una partner.

Ma l'uomo sicuro di sè è effettivamente un passepartout per la vag.. ehm il cuore delle donne?
Vediamo di scoprirlo in questo articolo.

Innanzitutto, penso sia piuttosto ovvio che una qualunque azione abbia più probabilità di essere portata a buon fine se la si compie con atteggiamento positivo e propositivo e con fiducia nelle proprie capacità, anziché in uno stato d'animo sfiduciato e dubbioso.

Questo vale per qualunque situazione della vita, da un esame ad una prestazione atletica, da un colloquio a una iniziativa imprenditoriale, e le donne non fanno eccezione.
Questo mi pare ovvio.

E' però altrettanto ovvio constatare come anche uomini insicuri riescano ad avere successo con le donne qualora abbiano bellezza, ricchezza e popolarità (i classici fattori dell teoria LMS) in abbondante misura.
Tutti avranno conosciuto qualche belloccio timido, insicuro e introverso ma ugualmente molto gettonato dalle ragazze. Anzi, in quel caso sono le ragazze stesse a sopperire all'insicurezza di lui e a pendere l'iniziativa.

Come un Usain Bolt demotivato vincerà comunque una qualunque gara di velocità con qualunque obeso pieno di sè, allo stesso modo qualunque uomo bello, ricco e popolare ma fortemente insicuro, di fronte ad una donna, l'avrà sempre vinta rispetto a qualunque sfigato convinto di essere il migliore del mondo.

Questa riflessione penso sia già di per sè sufficiente ad escludere la sicurezza in sè dal novero di ciò che è fondamentale con le donne.

Possiamo dire che la sicurezza è una condizione non sufficiente né necessaria a rimorchiare, ma è facilitante.
Questo significa che ti può dare un boost (da quantificare, ma certo a mio avviso sovrastimato) rispetto ai tuoi concorrenti che hanno pari valore LMS.


Ma perché allora la sicurezza in sé, più di molte altre caratteristiche,  è tenuta così tanto in considerazione quando si parla di attrazione / seduzione??

A mio avviso ciò è dovuto ad  un classico errore in cui capita a molti di cadere e cioè quello di confondere una causa con una correlazione.


Molti vedono che gli uomini sicuri hanno successo in amore e ritengono che sia appunto la sicurezza la causa del loro successo.
Invece non è così.La sicurezza è semplicemente la conseguenza della consapevolezza di avere un determinato valore.
C'è quindi correlazione: gli uomini sicuri di sè stessi appaiono rimorchiare di più, ma non rimorchiano per la loro sicurezza, bensì perché hanno un loro valore intrinseco.
Tale valore li rende anche sicuri di sè.

Voglio dire, in società vi sentireste più sicuri di voi stessi con un mucchio di soldi in banca o col portafoglio vuoto?Vi sentireste più sicuri in un contesto sociale in cui conoscete quasi tutti o in uno in cui siete soli e spaesati?

Ecco, con le donne vale lo stesso.

Si potrebbe anche dire, con un gioco di parole, che gli uomini non rimorchiano perché sono sicuri, ma sono sicuri perché rimorchiano.

Spesso infatti sono le stesse donne, con i loro feedback positivi o negativi, a dare o togliere sicurezza agli uomini.

Provate a pensare a due ragazzi adolescenti che iniziano ad avere le prime esperienze con le donne.Il primo è di bell'aspetto, il secondo invece brutto, ma entrambi con una indole simile. Immaginate che essi inizino ad approcciare un campione statisticamente significativo di ragazze.

Il primo otterrà risultati tendenzialmente positivi, verrà accolto con entusiasmo e incoraggiato.
Qualunque suo discorso, anche il più futile, troverà una platea di ragazze interessate.
Il secondo apparirà invece molesto, le ragazze gli risponderanno freddamente a monosillabi quando non lo schiferanno completamente all'istante. Verrà trattato sempre come un intruso, come una persona sgradita.

Secondo voi, quale dei due ragazzi avrà più probabilità di sviluppare, nel corso del tempo, maggiore fiducia in sè stesso? Direi che la risposta è scontata.

Ricordiamo il famoso effetto pigmalione, per il quale ognuno tende ad adeguare il proprio comportamento all'opinione che gli altri hanno di lui.
Vieni trattato da persona brutta?Diventi una brutta persona.

Come essere più sicuri di sè stessi?

Come essere più sicuro di me? Nella community PUA girava il consiglio "fake it till you make it", il cui significato italiano è più o meno "fingi finché ti viene naturale".

Mi atteggio a persona con una grande autostima, fingo di essere molto sicuro di me e con il tempo lo diventerò.


A parte che qui sconfiniamo nella follia della PNL e parliamo di cazzate senza base scienifica,  io ho sempre trovato questo consiglio piuttosto ipocrita e molto riduttivo per 2 ragioni:

  1. Come si concilia questo consiglio con un altro luogo comune secondo il quale con le donne bisogna "essere se stessi"? I pua predicano tanto un disinteresse strategico verso le donne salvo poi darti consigli che ti portano a snaturare totalmente te stesso.
  2. Se c'è una cosa che le donne sanno fare bene (oltre a sperperare denaro) è ipergamare  ed è molto difficile riuscire ad ingannarle sul loro terreno di gioco. Sono brave a capire se uno possiede una sicurezza di cartapesta e una volta che siete stati sgamati ottenete l'effetto opposto.

Penso che tutti noi conosciamo qualche tizio che si dà un mucchio di arie ed è tutto pieno di sè ma poi si vede chiaramente che è un pallone gonfiato.

Io uscivo con un pua che era palesemente sfigato e quando approcciava le ragazze, nel tentativo di impressionarle,  non faceva altro che parlare di quante amiche ed ex fidanzate avesse, ma nessuna se la beveva e anzi gli ridevano dietro e gli facevano battutine ironiche.
Gente del genere si fa solo deridere perché il contrasto grottesco tra ciò che uno è e come appare suscita ilarità. 

In conclusione penso che la strada migliore da prendere (ma anche quella più difficile) sia imparare ad affrancarsi dal giudizio altrui per quanto possibile, e costruire un'autostima che si basi sui nostri valori e non sull'opinione degli altri.
Cercare di non farsi demoralizzare dai feedback negativi, ma tenere presente che la sicurezza in sè non è una panacea contro il male della sfiga.


Forse ti interessa:
Continua a leggere »

18/09/18

Analisi del Podio di Miss Italia






Era difficile superare il livello di gnoccaggine di Alice Rachele Arlanch, la miss Italia trentina dell'anno scorso, ma devo dire che anche la miss di quest'anno non mi dispiace, così come le altre due salite sul podio con lei.
Va premesso che generalmente le miss Italia non sono al top in quanto a livello estetico, non sono quasi mai delle 9 per intenderci.
Si vede che il livello estetico è decisamente superiore rispetto alla media ma in genere non si va mai oltre il 7.5-8.
Questo a livello nazionale, a livello regionale invece siamo più vicini al 7 e a livello provinciale no comment per ciò che si può trovare.
Il motivo dell'assenza delle superfighe  è facilmente intuibile: una ragazza bella non ha bisogno di fare un concorso di bellezza.

Perché?Perché la bellezza è una merce preziosa e se una si trova in cima alla piramide estetica non tarderà a sfruttare questa sua posizione per ottenere vantaggi di tipo economico.
Ecco quindi che le vere fighe, le 9, già in adolescenza entrano nel mondo della moda (o di altri business molto redditizi) e arrivano già a guadagnare fior di quattrini.
Non hanno bisogno di partecipare a concorsetti da quattro soldi e neppure a miss Italia.
Chiaramente il mondo della moda e quello dei concorsi sono parzialmente sovrapponibili, ma quante modelle di fama internazionale sono passate per un concorso di bellezza?Molto poche.

Miss Italia viene visto come una sorta di trampolino di lancio ma la verità è che le vincitrici se sono fortunate riescono magari a ottenere qualche contratto in tv e a frequentare un certo tipo di ambiente nel quale possono conoscere uomini di elevato valore di mercato con cui sistemarsi.
Le altre, già dalla seconda classificata,  cadono quasi sempre nel dimenticatoio poco dopo e tornano ad una vita "normale".

Ritornando alla vincitrice di quest'anno, Carlotta Maggiorana, bisogna dire che è davvero una bella figliola.
Marchigiana, alta 173cm , presenta un fenotipo atlantomediterraneo stemperato da influssi alpinoidi/cromagnoidi che le danno una buona struttura mandibolare/zigomatica.
Direi che sotto l'8 non si può assolutamente scendere.
Fenotipo simile ma schiarito da influssi nordici quello della seconda classificata Fiorenza D'Antonio, napoletana, pure lei 173 cm anche se "stranamente" nelle foto è più alta della Maggiorana (ma misuratele queste benedette concorrenti, cristiddio!).
Anche se io tendo a preferire i tratti più chiari devo dire che la D'Antonio mi piace un po' meno.
Mi piace meno addirittura della terza, Chiara Bordi, 175 cm dichiarati.
Chiara 5 anni fa perse una gamba in incidente stradale e ora gareggia con una protesi e questo a dato adito a molte polemiche.

Molte domande sorgono spontanee, ad esempio come è possibile che gli organizzatori del concorso stabiliscano standard di altezza (non più basse di 160) e di età (non più vecchie di 28 anni) e poi sorvolino sulla mancanza di un arto come se non fosse evidente il danno estetico che tale handicap comporta?Essere senza una gamba va bene, avere le gambe troppo corte per raggiungere il metro e sessanta invece no?
E ancora, questa rivalorizzazione dei difetti fisici si applica anche agli uomini, oppure è un discorso tutto al femminile?Se è bella una senza una gamba è bello anche uno senza capelli, no?
Attendiamo (invano) di vedere un futuro mister Italia calvo.

Penso che sia tempo che miss Italia abbandoni definitivamente la denominazione ingannevole di "concorso di bellezza", visto che l'estetica è ormai un fattore piuttosto secondario e lo scopo è divenuto solo quello di creare scalpore, di far parlare la gente, di recuperare un'audience che negli ultimi anni sta calando sempre di più.

Comunque, polemiche a parte, c'è da dire che, al di là della gamba, anche Chiara merita.
175 cm di altezza, atlantomed textbook, ha un fisico più longilineo che personalmente preferisco.
Mio padre, prima di conoscere il risultato finale, aveva detto che era quella che meritava di vincere, e vi assicuro che mio padre, complice la fisiologica diminuzione di testosterone dovuta all'età, è critico forte.

Va riconosciuto a Chiaretta il merito di aver fatto incazzare parecchie italicozze rosicone (della serie "pure senza una gamba so' più bbona de voi") e se possiamo trarre un insegnamento da questo evento direi che è quello che, sopra ogni altra cosa, ciò che conta maggiormente è sempre e solo la buona genetica.




Continua a leggere »

11/09/18

Coppie Sbilanciate e Seduzione in Palestra



Coppie Sbilanciate e Seduzione in Palestra

Scrive un Lettore:

Caro Redpilla,

ti scrivo perche’ vorrei sottoporti un argomento che non hai ancora trattato visto che dopo averti trovato per caso seguo con interesse tutti i pensieri che esprimi sul tuo blog, mai letto qualcosa di tanto specifico e acuto su certi argomenti, giuro!

Credo che dovresti dedicare un post speciale alla categoria dei Personal Trainer... i personal trainer e le donne. Se vorrai potrai anche solo rispondermi senza pubblicare un post perché la tua visione mi interessa molto. Non te lo scrivo a caso, se vuoi prendi spunto da una situazione che vedo in prima persona e che trovo interessante. 



Vivo in una grande città e vado in una palestra di buon livello in cui non mi e’ stato possibile non notare una coppia un po particolare... 

Lei stupenda (non sto chiamando una ragazza carina da 6/7 stupenda, e’ stupenda in modo oggettivo da 9 solo perche’ dici che 10 non esiste, metti una versione più bella e ancora piu’ formosa di una come Belen), non per caso non c’e’ uomo che non cade per terra quando la vede e non per caso so chi sono i suoi ex e sono dei veri miliardari, background benestante, sotto i 30... Lui un normale personal trainer di classe media, reddito accettabile ma non stellare (so che oltre il personal fa altro ma comunque non parliamo di uomini da grandi cifre), come estetica fisicato del resto lo fa per lavoro, ma comunque nettamente piu’ basso di lei, tatuatissimo, rasato, non un brutto ragazzo ma di certo non un Brad Pitt, sulla 40ina... 

Insomma, assisto a una donna che può permettersi tranquillamente un Ronaldo o paperoni mondiali (come del resto i suoi ex) stare con un personal neanche bellissimo.Ovviamente come me molti donne e uomini li ho sentiti fare gli stessi commenti sulla coppia.Conoscendo lui da prima ho assistito al fatto che se prima lui era il classico personal donnaiolo che frequentava ragazze generalmente di medio e anche basso livello adesso è pazzo di questa donna e immagino che si sveni per offrirle un tenore di vita accettabile per lei. 

Dettaglio non so se più o meno trascurabile, la sua ultima ex (famosa cornuta di qualsiasi ragazzetta accettabile) era una 4/5 a livello estetico (quindi in questo caso lui decisamente meglio di lei) e di sicuro non abbiente, ovviamente piantata appena è comparsa la attuale. In pratica il tipo ha fatto un incredibile salto di qualita’ da una bruttina squattrinata a una strafiga ricca. 



Allora, fatte queste considerazioni, credi che il suo ruolo di personal trainer c’entri qualcosa? 

Una donna eccezionale abituata a un livello economico alto forse non avrebbe guardato un uomo complessivamente nella media se non fosse stata allenata da lui per abbastanza tempo da creare una grande confidenza... non trovi? Pensi che in effetti i personal siano una categoria a parte che gode di vantaggi esclusivi? 





In allegato: foto di lei, tra selfie, fisico e stile di vita (garantisco per l’autenticita’ delle foto conoscendola bene da vicino... di donne cosi’ ne girano davvero poche perche’ su instagram sono piene di photoshop), foto di loro in coppia, foto di lui e anche foto della pseudo ex di lui che resta sotto la sufficienza anche acchittata, curiosa prova di un fenomeno in cui lui prima sta con una nettamente inferiore a sè per poi saltare a un mega acchiappo fantascientifico. Da notare: il tipo e’ narcisista perché la ex non era ne trattata bene né esibita in pubblico, anzi, la nuova viene vantata ovunque e trattata molto bene. Copyright foto Facebook.  

Il Redpillatore Risponde:


Allora, premesso che quando si tratta di valutare le singole situazioni vado sempre coi piedi di piombo perché il rischio di prendere delle cantonate è altissimo.
In questo caso mi devo fidare di ciò che dici e anche tu sicuramente non conoscerai tutti i dettagli di questa relazione, quindi possiamo solo parlare per ipotesi.

Detto questo mi trovo d'accordo con te per quanto riguarda le valutazioni estetiche.

Lei davvero gnocca top,lui né brutto né bello.
Il fisico pompato e tiratissimo (natural?) di lui e i vari tatoo non aumentano l'estetica oggettiva, io li personalmente li faccio rientrare nel peacocking, ma per il resto non è nulla di che e la coppia è indubbiamente squilibrata.

Però valutiamo i soliti fattori Money e Status della teoria LMS.
Money: Dici che lavora in diverse palestre e alcune anche importanti quindi soldi ne ha ma certo non è ricco. Più interessante invece l'altro dato che hai specificato in un post successivo, e cioè il fatto che si dedichi ad altri investimenti.Può essere che magari sottostimi il tenore di vita che si può permettere lui?
In ogni caso che spenda molto per lei già  me lo confermi tu tu e quando ho spiegato come i ricchi attraggono le donne ho specificato che è il tenore di vita che conta e non tanto il denaro in sè.Quindi se uno vive al di sopra delle proprie possibilità riuscirà lo stesso a rimorchiare grazie ai soldi.Non mi sembra una scelta intelligente ma tant'è.
Status: qui il discorso si fa più interessante.Lei è evidentemente abbastanza fanatica con il fitness e lo status qui secondo me ha contato non poco.

Tu chiedi "Pensi che in effetti i personal siano una categoria a parte che gode di vantaggi esclusivi?"

No, sicuramente no, ma come ogni attività professionale o non, anche fare il personal trainer può darti il cd "Status delle 4 Pareti" di cui ho parlato già.
In pratica non è necessario essere dei "big" in assoluto, infatti lui è un comune personal trainer, ma è sufficiente esserlo in un microambiente quale può essere quello della palestra che lei frequenta.

E' una cosa che conta molto, non abbastanza a mio avviso da permetterti di rimorchiare gnocche del genere (anche considerando che effettivamente la sua ex era veramente brutta), però è sicuramente un fattore che qui ha inciso.
Non mi intendo molto di palestre ma un amico assiduo frequentatore tempo fa ci ha scritto un articolo per il blog e ha appunto confermato che in palestra rimorchiano quasi solo i belli veri e appunto i personal trainer grazie allo status.

Questa è un'analisi un po' più approfondita dei dati che mi hai scritto, ma i fattori possono essere molti.
Può essere ad esempio che lei ostenti più di quello che è effettivamente il suo tenore di vita e fai attenzione perché in alcune foto non è lei.
Nella foto a New York non è lei sicuramente e io credo non sia sua neppure la foto sulla Bentley.
Può essere che ora che passa il tempo abbia deciso di ripiegare su un uomo di minore valore che le dia un po' di stabilità mentre rimane libera di andare con altri, può essere che effettivamente con il contatto prolungato abbia iniziato ad apprezzarlo di più per l'aspetto interiore (fermi restando M ed S), può essere che mentre scrivo questo post si siano già lasciati.

Insomma le casistiche sono molte, e non si può sempre giungere a delle certezze.

Ciao e grazie di seguirmi!

Continua a leggere »

08/09/18

Il Forum dei Brutti:10 Anni di Storia Raccontati da un Utente



forum dei brutti
forum dei brutti

Il Forum dei Brutti: la Genesi

Sono da anni un utente del Forum dei Brutti, quello che i media nazionali negli ultimi mesi hanno definito come "il punto di riferimento italiano del movimento incel" e diverse riviste e blog hanno provato a parlarne ma purtroppo da profani, senza riuscire a coglierne realmente la sua essenza e dicendo un sacco di inesattezze.

Cos'è veramente il Forum dei Brutti, come nasce, come si è evoluto e chi sono i suoi utenti?
Vedrò di spiegarlo in questo articolo.

Tutto ha inizio nel lontano 2007, quando un uomo, sedicente brutto, decide di creare un blog per trattare l'argomento bruttezza.
E' un blog ancora presente in rete, si chiama unbruttoblog.
E' molto spartano e ha pochissime visite, ma il suo creatore è fiducioso e decide, pochi mesi dopo, di affiancarvi un forum e per farlo si appoggia alla piattaforma easyfreeforum.

E' il 31 Luglio 2008 e nasce "unbruttoforum".
Il forum però non funziona molto bene, la piattaforma dà spesso dei problemi ma, nonostante tutto, si cerca di andare avanti fino a quando, nell'aprile 2009, easyfreeforum chiude, e con essa il forum del nostro amico brutto.
A Giugno 2009 unbruttoforum riapre, questa volta su forumfree, che è un circuito di forum dove chiunque può aprire un proprio spazio gratuitamente.

Il fondatore continua a partecipare per qualche mese ma poi cede l'amministrazione a un altro utente, brutto38, scelto secondo criteri di anzianità e di numero di post all'attivo.
In questo periodo il forum non ha un'intensa attività, il numero di discussioni è veramente basso e vengono aggiornate molto raramente.
Non è chiaro da che genere di persone sia composta l'utenza ma si suppone si tratti di utenti oggettivamente molto brutti, anche donne.
Il creatore del forum, ritornando nel 2014 per vedere come si era evoluta la sua creazione, si definisce come "un 40 enne vergine che non ha mai baciato una donna, ma piuttosto rassegnato alla sua condizione e non rancoroso".Oggi lo definiremmo un "accasciato".
Non c'è misoginia, anzi partecipano diverse donne, ed è proprio la scelta di mettere una donna all'amministrazione che porterà il forum alla fine.
Esplicativo è il commento di arcobalenoarabo su ciò che accade:

"In particolare venne una donna, una dottoressa, per niente brutta, sposata, con figli, insomma aveva tutto, ma praticamente gestiva lei tutto, e questo diede fastidio a molti che man mano se ne andarono. Vedere che questa tizia faceva il bello e il cattivo tempo, e aveva tutto, soldi, posizione, avvenenza, marito e figli, e questa che neanche sarebbe dovuta essere stata nel forum, comandava tutto, e si lamentava anche. E questo a persone che come me nulla hanno, né soldi, né posizione, né compagna, né figli, niente di niente, e che sono da sempre sole e destinate a morire da sole e magari anche in mezzo alla strada, dà molto, molto fastidio."
La cara dottoressa, dopo aver fatto scappare tutti, se la svigna e l'amministrazione rimane in mano a brutto38 che si disinteressa completamente del forum.

Nel 2013 il forum è completamente abbandonato a sè stesso e inizia a riempirsi dei peggiori animali della rete.
Misoginia, razzismo, bullismo, blasfemia.
Gli utenti si scannano, si augurano le peggiori malattie e dieci minuti dopo tornano a parlarsi come migliori amici, gli uomini invitano le utenti donne (quasi sempre fake) a gettare i figli nei cassonetti in caso nascessero brutti, minacce di morte a cani e gatti perché vengono preferiti ai brutti dalle e altre finezze del genere.
Insomma è la giungla, il delirio, l'anarchia.

Nessuno modera ma intanto il forum ricomincia a crescere e riempirsi anche di utenti validi perché, si sa, un brutto nel degrado ci sguazza allegramente.
Ad un certo punto la situazione però si fa troppo ingestibile, il trollaggio diventa sempre più pesante e arrivano troll che rendono il clima sempre più invivibile. Brutto38 è un incapace, banna a caso e blocca il forum a singhiozzo impedendo agli utenti di postare.

Un utente, Scarabocchio, decide di creare un nuovo forum sempre su forumfree. E' l'Ottobre 2013 e nasce "Il Forum dei Brutti". 

Il Forum dei Brutti: l'Età d'Oro

Il nuovo forum è permissivo ma molto più civile del precedente.Le decisioni più importanti vengono messe ai voti.
Scarabocchio lo organizza suddividendolo in diverse sezioni, alcune destinate al libero sfogo, altre a discussioni più serie.
Vengono eletti democraticamente dei moderatori, viene creato un regolamento, e viene creata anche una nuova sezione privata dove si possono postare le foto e ricevere valutazioni estetiche e alle confessioni più intime.

Lo spazio inizia a riempirsi sempre di più utenti che portano contributi interessanti e divertenti e fanno crescere sempre di più il forum, che nel periodo di massimo splendore arriverà ad essere intorno alla posizione n. 30 circa di forumfree (considerate che sul circuito di forumfree ci sono attualmente oltre 110 mila forum). E' l'era d'oro del forum.

Non ci sono più però solo brutti, l'utenza è molto eterogenea sia per provenienza sia per condizione.

C'è chi viene dai forum americani e inizia a discutere in Italia delle varie tematiche redpill come la teoria LMS, c'è chi proviene da forum di fobia sociale, c'è chi è fissato con l'estetica e la scala di valutazione (altezza, capelli, polso) c'è chi arriva da google grazie al sempre maggiore numero di contenuti indicizzati, c'è chi arriva per passaparola, ecc.
Ci sono i brutti sfigati ed emarginati, ci sono i bruttini, ci sono i bellocci che non scopano perché troppo inetti, ci sono ex brutti ora migliorati esteticamente, ex belli ora peggiorati, ci sono belli che non hanno alcun problema con le donne ma che sono ugualmente interessati a quelle tematiche ecc.
Insomma un "forum dei brutti" di nome ma un po' meno di fatto, c'è un po' di tutto e, nonostante le continue liti interne tra i vari gruppi (gli uomini belli vengono sempre odiati, regola n.1) o tra le varie linee di pensiero, ognuno in questo forum riesce a trovare un proprio spazio.
Tranne le donne.

Le donne sono quelle che rendono l'ambiente tossico.Quasi sempre fidanzate,senza alcun problema sessuale o sentimentale,si sentono delle vip, stanno lì solo per noia e spariscono nel week end. Provocano apertamente, non hanno nulla da spartire con il forum, alcune hanno pure il coraggio di venire a fare propaganda femminista.

La maggioranza degli utenti non le vuole, ma Scarabocchio ignora i molteplici sondaggi a favore della cacciata.

Si scoprirà in seguito che stava flirtando con le utenti e con una di loro è nata una mezza storia, che alla fine lo porta a disinteressarsi del forum e a sparire come fu per il suo predecessore.

In carenza di moderazione il forum torna a prendere una brutta piega e a diventare oggetto di attacco di troll, ma l'admin, pur essendo ormai sempre assente, in un orgoglio narcisistico si rifiuta di cedere l'amministrazione e farsi da parte e così il forum sprofonda sempre più in basso.

Le donne iniziano a mettere in allarme l'amministrazione generale di forumfree perché vanno a piagnucolare per come sono trattate (capire che non è spazio per loro è troppo difficile evidentemente) e arrivano sempre più segnalazioni e minacce di denunce da parte di visitatori esterni.

Gli amministratori di forumfree vanno a prendere per il colletto Scarabocchio ed è a questo punto che lui finalmente si ricorda di avere un forum e inizia ad andare nel panico.Iniziano ad essere eliminati i post e i thread più scabrosi, una rincorsa a cancellare le "prove" che neanche i nazisti a Berlino dopo l'arrivo degli alleati.

In questa fase l'admin, già ai minimi storici per popolarità, ha la sciagurata idea di mettere una donna, che peraltro stava sul cazzo a tutti, alla moderazione.

E' la goccia che fa traboccare il vaso, scoppia un' insurrezione e gli utenti premono a gran voce per la scissione.
La scissione avviene nel Settembre 2015 con l'emigrazione  verso un nuovo forum su piattaforma straniera (zetaboards), più indipendente e non segnalabile.

Nel frattempo, Scarabocchio, per timore di ripercussioni legali, cancella senza preavviso il vecchio forum facendo sparire in un soffio due anni di contenuti.

Il Forum dei Brutti: la Scissione

Il nuovo forum su Zeta , che conserva la denominazione originaria di "Forum dei Brutti", inizia a crescere e accoglie tutto il nucleo degli utenti storici.
La selezione all'ingresso questa volta si fa più rigida e le donne non vengono più accettate.I criteri di ammissione all'area privata sono più rigorosi.

Nel frattempo però accade l'inaspettato.Un utente, di nome Anakin, riesce a far ripristinare il vecchio forum e se ne impadronisce diventandone amministratore.

La cosa non va molto a genio, perché Anakin non è un utente storico e non è neppure molto amato dalla vecchia guardia e inoltre gestisce la situazione con poca diplomazia, bannando gran parte degli utenti storici.

Ciò è all'origine di una sorta di tacita (ma neanche troppo) rivalità tra il nuovo e il vecchio forum (qui sotto una vignetta di Mike Litoris che lascia intuire di cosa parlo).

forum dei brutti
forum dei brutti



Il nuovo forum di Anakin risulta completamente snaturato rispetto al precedente, c'è maggior conformità al regolamento forumfree (vengono ad esempio vietate le bestemmie), donne e bellocci liberi di flirtare allegramente, e la sua gestione non a tutti piace.

Nel Marzo del 2017, un gruppo di utenti di quel forum, stanchi di quel clima, decide di separarsi e aprirne un altro sempre su forumfree. Lo chiamano "unbruttoforum", come il primo forum abbandonato del 2009, che nel frattempo è stato inglobato da quello di Anakin, grazie ad un punto del regolamento di forumfree che prevede che chiunque possa reclamare un forum qualora il suo admin non faccia login o non ci siano più nuovi post per un certo periodo di tempo (mi pare un anno).


La separazione  ha un gran successo, caso unico nella storia (in passato c'erano stati molti altri tentativi di separazione ma tutti un buco nell'acqua), e il nuovo forum, capitanato da un trio di amministratori, scala rapidamente la classifica forumfree e ad Aprile 2018 arriva anche a superare quello di Anakin, e ora si assesta intorno alla 50ma posizione forumfree.

Nonostante ciò però il forum dei brutti originale viene sempre considerato quello di Anakin ed è di quello che si parla principalmente in rete e anche nel servizio di Nemo.


Nel frattempo la vita scorre più o meno serena su Zetaboards, senza donne a rompere i coglioni e a minacciare l'esistenza, fino a quando, nell'Agosto 2018, Zetaboard viene inglobata da Tapatalk e il forum cambia completamente interfaccia, diventando praticamente infruibile.

A questo punto Wizard, uno dei tre admin del forum, genio dell'informatica e noto chirurgo autodidatta, va alla ricerca di una nuova piattaforma e la trova in PhpBB, che è a pagamento.

Gli utenti però non hanno soldi da cacciare.
Avete presente il film "Poveri ma belli" di Dino Risi?

Ecco, qui invece poveri e pure brutti.E ora anche con un forum brutto.

Solo il provvidenziale intervento del mecenate Gaudente, riccone e filologo, inventore dell'espressione "tribucofora", ovvero "portatrice di tre buchi", riesce a ridare nuova linfa al forum.

Viene acquistato il dominio "brutti.red" e viene aperto un nuovo forum.
Si chiama "La Casa del Brutto" e nasce nel ferragosto del 2018, in una notte d'estate mentre le cerbiattine vengono deflorate sulla spiaggia dai Tommy, l'ennesima ironia di uno spazio da sempre sfigato come i suoi utenti ma con sempre tanta voglia di andare avanti.

E questo è quanto. (cit.)


Forse ti Interessa:
Continua a leggere »

03/09/18

Quella Volta che ho Quasi Sverginato una Modella



 
Questa è una storia che, in tutti questi anni di permanenza nei forum a tema redpill, non ho mai raccontato, al massimo solo accennato.
Primo perché mi fa sempre un po' male ricordarla e secondo perché, senza contestualizzarla, rischia di dare un'idea abbastanza fuorviata di me.
Mi prendo un po' di tempo, in questo uggioso lunedì pomeriggio, per raccontarvela con i dettagli più significativi, sperando possa essere uno spunto di riflessione voi lettori.

E' una storia che inizia circa un decennio fa con un viaggio, la precisione del tempo e dello spazio non è importante.
Stavo visitando il centro storico di una importante città straniera quando, camminando, incrociai un gruppo di 3 ragazze e sentii che parlavano italiano fra di loro.
Con il pretesto di essere connazionali le approcciai e scoprii che erano in gita scolastica e frequentavano il penultimo anno del liceo di una cittadina che era non molto distante da casa mia.
Due di loro erano normaloidi, mentre la terza era una vera gnocca.
Alta 177-178, fisico magro e slanciato anche se non troppo tirato,biondina, pelle chiara, occhietti azzurri, di fenotipo subnordid.
Oggettivamente poteva essere una 7.5, ma soggettivamente per me era una nove(ora che ci penso ho sempre avuto la passione per le tipe con i tratti chiari, ancora prima di capirne qualcosa di fenotipi e questa è stata contemporaneamente una virtù e una condanna).

Mi fermai un po' a parlare con lei, ma la conversazione fu piuttosto sterile, non aggrappò granché, non mi sembrava il caso di chiederle il contatto e così poco dopo mi congedai e ognuno andò per la sua strada, entrambi convinti che non ci saremmo rivisti mai più.

Il Caso volle però che, un paio di giorni dopo, ci incontrassimo ancora in un' altra cittadina a diversi km di distanza e questa volta, non so se per la differente atmosfera, per la curiosa doppia coincidenza o per altro, il dialogo fu molto più vivace e stimolante e portò allo scambio dei numeri di cellulare.



Tornati in Italia continuammo a sentirci un po' per telefono ma io non mi facevo troppe illusioni.
Lei era decisamente troppo figa per me (io ero al mio picco estetico all'epoca, ma comunque più di un 5.5 non mi sarei potuto dare), aveva un fidanzato storico, abitava a una cinquantina di km da me e, anche se io avevo già la patente, i miei mi avevano impedito di guidare da quando un pomeriggio andai in zona industriale e, immedesimandomi un po' troppo in Colin McRae, tirai il freno a mano ad una velocità troppo elevata e feci un volo alla fast and furious, rischiando di ammazzarmi e distruggendo completamente la povera utilitaria di mammina.

Così il tempo trascorse e ognuno faceva la propria vita. Per me era un periodo molto intenso, non conoscevo ancora la community PUA ma già approcciavo molte ragazze e, anche grazie all'osservazione di amici che avevano successo in ambito seduttivo, iniziavo sviluppare un po' di competenze sociali.

E qui avvenne il punto di svolta.

Dopo alcuni mesi le speranze di un incontro erano venute meno e io iniziai a trattarla sempre con più disinteresse, a snobbarla, a punzecchiarla.E lei cambiò atteggiamento.
Iniziammo a scambiarci messaggi sempre più intimi, dolci ma anche piccanti (e questo in effetti è stato un errore, non bisognerebbe mai parlare di sesso con ragazze che devi ancora timbrare, ma è un discorso troppo lungo da approfondire ora).
Mi raccontò di essere ancora vergine, non si era fatta sverginare dal suo fidanzato perché diceva che lui aveva dei problemi e ormai a quanto pare la loro storia stava volgendo al termine.

Il nuovo feeling che si era instaurato tra me e lei e la crisi con il suo ragazzo furono una combo eccezionale per organizzare l'appuntamento.Mors tua, vita mea.Il mondo è una giungla, ragazzi.

Ci incontrammo in città, e quando la rividi mi prese un mezzo colpo.
Era fighissima, tirata a lucido, profumata e vestita elegante.
Io francamente accanto a lei sembravo un barbone e per un attimo pensai di disertare e squagliarmela.

"Ma che faccio ora con questa qui?" Pensai. Fino ad allora i miei risultati seduttivi non erano stati granché, avevo preso pali dalle tipe più cesse e improponibili e ora stavo lì imbambolato di fronte questa gnocca top, con tutti che si giravano a guardarla.

La cosa non aveva alcun senso ma decisi comunque di non farmi troppe paranoie, che tanto sicuramente avremmo fatto solo una passeggiata tra amici e poi mi avrebbe sfanculato, come era già successo a molti altri appuntamenti.

Mi sbagliavo.Cazzo se mi sbagliavo.

L'incontro stava andando molto bene, lei mi piaceva anche caratterialmente e trovavo interessante discuterci (quasi sicuramente effetto alone, non fatevi illusioni).Dopo una lunga camminata, arrivati ad un parchetto ci sedemmo su una panchina e il contatto fisico si fece sempre più caldo e portò al bacio.

Non riuscirei mai a spiegarvi a parole il significato di quel momento, potrei utilizzare frasi fatte come "toccare il cielo con un dito" ma sarebbero troppo riduttive e non renderebbero bene la meraviglia di quegli attimi.


Il tempo volò e si fece presto buio, eravamo sotto le vacanze di Natale e le luci che illuminavano il centro rendevano l'atmosfera ancora più magica.

La riaccompagnai in stazione e la salutai.

Seguirono diversi altri appuntamenti.Nel frattempo si era lasciata con il fidanzato e io stavo andando sempre più fuori di testa per lei.
Una volta capitammo in un vicoletto appartato e io cominciai a baciarla e a palparle le tette, poi, da quanto arrapato ero, la sbattei contro il muro e iniziai a fare petting spinto, entrambi tutti eccitatissimi.
Vabbè ragazzi, non fatemi scrivere queste robe che mi viene già duro solo a ripensarci.

Ormai invadeva continuamente i miei pensieri, facevo continuamente proiezioni future romantiche e per me lei era anche un modo per mettermi in pace con il cuore riscattandomi da una vita sentimentale che fino ad allora era stata solo di amarezze e rifiuti.
Archiviai all'istante tutte le tipe che mi stavo lavorando in quel periodo e mi concentrai solo su di lei.
Tutto il resto del mondo per me sarebbe benissimo potuto sparire e non me ne sarei nemmeno accorto.
Una volta, subito dopo esserci incontrati, salii in treno e feci diversi km prima di accorgermi che neppure avevo timbrato il biglietto.
Io, che prendevo il treno quasi ogni mattina e che obliteravo con una precisione svizzera.


Fu proprio questa mia perdita di lucidità che mi portò a fare un sacco di cazzate irrazionali.Diventai opprimente e bisognoso e la mia reale natura di sfigato, celata dietro una maschera di autostima costruita e non reale, venne fuori e lei non tardò ad accorgersene.

Un sabato pomeriggio che ero a casa da solo, avevo così voglia di vederla che arrivai a prendere la BMW di mio padre, auto che non avrei potuto guidare sia per espresso divieto dei miei (vedi giravolta sopra) sia perché ero ancora neopatentato e la legge non mi consentiva di guidare auto così potenti, per andare al suo paese nella speranza magari di vederla in centro.

Per evitare di essere fermato dalle forze dell'ordine presi le strade secondarie, ma erano zone che non conoscevo e così, al ritorno con l'imbrunire, finii per perdermi in mezzo alla campagna padana in un fottuto incubo e, quando ne uscii, beffa delle beffe, incrociai ugualmente un posto di blocco dei carabinieri.Fortuna che non mi fermarono.

Naturalmente, come un coglione, raccontai pure la storia a miss cerbiattina nordica, ma ormai mi ero già scavato la fossa da solo e lei non si fece tanti scrupoli a spingermi dentro.
Si raffreddò completamente, nel frattempo aveva anche iniziato a sentirsi con un altro e quindi this is the end (tu tu tun my only friend the end, musica dei doors in sottofondo), ancora prima di poter iniziare una relazione e stantuffarla.

In mezzo ai tanti sms mi aveva detto che le sarebbe piaciuto farmi riscoprire il piacere delle piccole cose: piccolo però alla fine è stato solo il lasso di tempo in cui mi sono illuso.


Circa un anno dopo vidi la sua foto su una pubblicità in una rivista, mi aveva già accennato che stava provando a fare dei lavoretti come modella (non credo tuttavia abbia fatto molta strada).Alla fine si è messa insieme ad un pariestetico con status.


Case Study

Quali sono circostanze che hanno permesso a questo bruttino dinaroide di rimorchiare una gran gnocca?
La legge dei grandi numeri ha sicuramente aiutato, i colpi di fortuna accadono un po' in tutti i settori della vita, ma io credo ci siano altre ragioni e negli anni, anche alla luce delle mie esperienze successive con le donne, in relazione a quell'esperienza ne ho trovate 3 fondamentali.
  1. Socialità ridotta al minimo: lei viveva in un paesello, internet non era così diffuso, aveva pochissime possibilità di muoversi, non andava in discoteca.Una cosa che mi colpì fu quando, in seguito alla rottura col suo fidanzato, mi disse che ciò aveva causato anche la perdita di gran parte dei suoi amici.Sicuramente avrà avuto i suoi pretendenti ma lo spazio per darmi corda ancora c'era.Certo, per poco.
  2. Momento propizio: quando si avvicinano alla maggiore età le ragazze hanno una gran voglia di cambiamento, in questo caso si è manifestata con la fine di una vecchia relazione che ha chiuso il passato.Io rappresentavo la novità.
  3. Statura: motivazione più frivola, comunque penso abbia inciso anche il fatto che era alta e le tipe alte malvolentieri vanno con quelli più bassi, quindi quando trovano uno più alto di loro (che è raro) sono più concessive per quanto riguarda la bellezza del viso.Insomma, sopra una certa statura c'è meno concorrenza.

Ultimo appunto: sicuramente qualcuno, leggendo, si sarà accorto che è stato il mio modo di fare la causa del mio successo prima e del mio fallimento poi e questo (apparentemente) è in contrasto con i concetti che ho sempre esposto nel blog, in primis la teoria LMS.

In realtà io però non ho mai negato l'importanza della personalità nella seduzione, l'ho solo ridimensionata a favore di altri fattori.
La personalità e il modo di fare sono importanti, ma sono importanti tanto più uno si trova nella media e supera di poco la scrematura iniziale effettuata in base a LMS.

Nel mio caso la tipa mi aveva sì valutato come potenziale partner, ma non è che corrispondessi esattamente al suo ideale di uomo e quindi bastava poco a far pendere nuovamente la bilancia verso il no.
Le cazzate che ho fatto sono gravi, mi sono comportato come uno zerbino, ma sono più che sicuro che sarebbero passate in secondo piano, o comunque non sarebbero state così decisive, se il mio aspetto fisico fosse stato pari o superiore al suo.
Va da sè che, però, se avessi avuto più valore, di certo non mi sarei comportato così e quindi si torna al punto di partenza: LMS > personalità.

La morale comunque è che generalmente tendiamo ad attrarre persone del nostro stesso valore, ma talvolta possono accadere delle botte di fortuna ed è un peccato trovarsi impreparati.
Quindi il mio suggerimento è quello di relazionarsi il più possibile, sviluppare il prima possibile certe competenze sociali, fare molti sbagli e imparare da questi, sperando che la maggior parte degli errori capitino con ragazze che non ci piacciono granché e non con quelle che potrebbero essere la nostra prima scelta.

Scusate il papiro, ma ho sintetizzato il più possibile.Alla prossima!

Altre storie crude:


Continua a leggere »