Home Redpill Da Leggere Assolutamente Prima di Contattarmi

Da Leggere Assolutamente Prima di Contattarmi

11
 

I lettori del blog possono contattarmi attraverso l’indirizzo mail ilredpillatore@libero.it

Attenzione: Purtroppo, data l’enorme quantità di mail che arrivano, non sono in grado di rispondere a tutti. Non utilizzate la mail per chiedere:

  1. Consulenze o interpretazioni personali su vicende che vi riguardano o che riguardano vostri conoscenti. Non avendo abbastanza informazioni sulle persone e il contesto rischierei solo di dare opinioni imprecise. Nel blog offro gratuitamente centinaia di articoli che spiegano le più comuni dinamiche e vi forniscono le basi per capire una situazione meglio di me. Dandovi una risposta senza conoscere abbastanza dettagli rischierei di sbagliare ed esservi inutile se non dannoso. Se il vostro problema riguarda una questione non ancora trattata potete suggerirla e magari la approfondirò in futuro nel blog.
  2. Valutazioni estetiche o classificazioni tassonomiche, sia per motivi di tempo sia perché le foto che devo valutare sono quasi sempre di qualità penosa.

Vi ricordo che abbiamo un gruppo facebook dove è possibile interagire anche con gli altri utenti e raccontare le vostre esperienze personali.

Sottoscriviti
Notificami
guest
11 Commenti
Più Votati
Più Recenti Più Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
G
G
5 mesi fa

Volevo solo dire che, con qualche articolo, non mi trovo d'accordo proprio al 1000%, ma vi adoro ugualmente. L'ipocrisia ha raggiunto livelli nauseanti, ci voleva una ventata di verità. Grazie di esistere

Punteruolo
Punteruolo
16 ore fa

E’ un piacere leggere i tuoi interessanti articoli, sono venuto a conoscenza del tuo blog da poco, ne conoscevo la teoria redpill, anche se ovviamente ne ho sperimentato l’amarezza più volte. Ma leggendo il tuo racconto di quella volta sulla spiaggia in Croazia 🇭🇷 li ho sentito nuovamente l’amaro in bocca di quella che è stata probabilmente la pillola rossa più amara della mia vita. Vivo in uno dei tanti piccoli paesini della provincia di Lecce, ormai nota ai turisti come il salento tutto sole mare e vento… oggi ho 36 anni ed il ricordo di quella sera che mi è ritornata appunto in mente leggendo il tuo racconto risale a circa 7-8 anni fa. Come spesso capita in estate a causa del mio lavoro nei ristoranti da sommelier, (una vera vita sacrificata senza ferie ne feste durante l’anno e raramente i fine settimana liberi, quindi vita sociale quasi zero) mi ritrovai col finire abbastanza tardi saranno state circa le 3 del mattino, sulla strada per tornare a casa decisi di fermarmi a fumare una sigaretta Salendo su per la litoranea che si affaccia sull’Adriatico, optai per fermarmi nel centro storico del paesino, in estate molto frequentato da turisti e ragazzi per via dei locali…. quella notte però in maniera insolita vi era poco movimento. Parcheggiata la macchina, decisi di dirigermi a piedi in prossimità di uno dei bastioni del castello aragonese in Cima alla parte alta del paese che guarda sul mare. Li in quel luogo in prossimità delle rovine dell’antica città messapica alcuni anni prima durante la mia tarda adolescenza ricevetti uno dei rifiuti più dolorosi da parte della ragazza che tanto mi piaceva. Ricordo un cielo limpidissimo, stellato, una delicata brezza marina il silenzio intorno, l’unico rumore proveniva dalla musica della lontana discoteca…. continuai ad incamminarmi verso la torre, nel camminare tirai fuori la mia fedele lucki e presi il mio accendino per accenderla….. fatta la prima boccata alzai la testa e sul muretto del bastione dov’è quella stessa sera ricevetti quel rifiuto e sulla quale avrei voluto appoggiarmi per guardare l’infinito sul mare e godermi la mia sigaretta scorsi due ragazzi sui 18 anni avvinghiati che si baciavano, per non disturbarli e non interrompere il loro magico momento decisi di spegnere la sigaretta e di tornarmene a casa. Ti giuro che quella fu la mia notte più lunga… la redpill più grossa mai ingoiata. Buon lavoro per tutto. Continuerò a leggerti

Anonimo
Anonimo
5 mesi fa

Ciao Redipillatore!
Ho scoperto da poco il tuo blog ( una settimana circa) e mi sono molto divertito anche per la tua ironia.
Mi sono trovato d' accordo sulla maggior parte delle cose che scrivi. Altre cose le trovo un po' esagerate. Alcune informazioni mi sono sembrate corrette, ma andrebbero forse approfondite di più. Tipo la teoria secondo la quale gli incel sarebbero soli in quanto sfigati. Credo che non vi sia solo questo motivo alla base della loro sfortuna. La verità è che oggi le donne, in Italia, mancano fisicamente.
Già dai tempi in cui studiavo statistica all' università avevo fatto questa desolante scoperta: in molti paesi occidentali, Italia inclusa, per non parlare di India e Cina, i giovani maschi sono più numerosi delle donne della stessa età. E le cifre sono più preoccupanti di quanto si creda. Purtroppo. E ciò avviene dal 1964, anno in cui vi fu il sorpasso: più giovani maschi che giovani donne. Quindi, per quanto uno possa essere sfigato, prima del 1963, avrebbe avuto meno probabilità di oggi di diventare incel. Addirittura vi erano così pochi giovani uomini rispetto alle donne che queste ultime si accontentavano spesso anche di reduci di guerra mal ridotti o menomati pur di non rimanere zitelle. Ma se oggi in una discoteca si vedono squadre di calcio maschili appresso all' unica donna non fidanzata e decente e se in una chat ti tocca aspettare 20 minuti prima che uno di degni a rispondere se entri con un nickname maschile mentre se sei donna neanche fai in tempo ad entrare che già ti hanno contattato in venti..beh, il motivo è anche perché le ragazze sono di meno..
Con la denatalità e la riduzione della fertilita delle donne, la situazione è pure peggiorata..
In soldoni:facendo riferimento a dati di due anni fa, nella fascia d' età 15/40, il tasso di coesistenza è di: 0,95 donne per ogni uomo e di 1,05 uomini per ogni donna ..circa.
Può sembrare una differenza minima ma che, sul piano nazionale, si traduce in 276 mila ragazzi in più rispetto alle donne, ( nella suddetta fascia d' età 15/40)…i quali difficilmente riuscirebbero a compensare tale mancanza con le quasi 139 mila milf in eccesso, presenti nella fascia d' età: 41/60..
Se poi a questo quadro si aggiunge un immigrazione incontrollata che al 90% è maschile, il dramma è completo.
Sono tutti dati che potete calcolarvi sul sito Istat.
In conclusione: sicuramente sono le donne, oggi, ad avere in mano il potere di selezionare. Noi uomini etero potremmo solo sperare che sia veritiera la storia che vi siano due milioni di omosessuali in Italia, ma dubito. Perché i dati sono molto incerti..e quelli ufficiali parlano in realtà di poche migliaia di individui.. In alternativa, ci sono ancora paesi dove ci sono più giovani donne che uomini: in primis i paesi africani come Benin, Togo, Ghana..a chi piace il genere..ci sarebbe anche il Senegal ..poi stanno messi bene, per gli uomini ovviamente, paesi come Ucraina, Russia, Bielorussia, Paesi Baltici, Giappone, Perù, Bolivia… E altri…
Comunque continuerò a leggerti..anche se vedo, con rammarico, che ci sono poche donne,che sono le principali destinatarie di molti tuoi articoli, rispetto agli uomini, a eseguire il tuo blog e si rischia di non colpire nel segno,di fare una messa cantata fra persone aderenti allo stesso credo…
Spero di non essere stato troppo noioso..ma mi premeva fare questa precisazione: l' essere sfigati può significare essere condannnati a diventare incel, ma come già saprai, dipende da tanti fattori: economici, sociali, storici, culturali..ma io aggiungo anche demografici… perché ai tempi di quando mia nonna era giovane, al posto degli incel c' erano le zitelle..ma il concetto era lo stesso: persone escluse dal gioco delle coppie…
Per il momento mi fermo qui..mi ha fatto piacere leggerti, se avrò ancora tempo mi posterò con il soprannome che dava mia sorella da ragazzina agli incel: Pinchignetto…ciao.