venerdì 15 settembre 2017

Perché Due Fratelli Sono Diversi?


Di tanto in tanto capita di meravigliarsi della differenza estetica che intercorre tra due fratelli, che appaiono così diversi fisicamente pur essendo figli degli stessi genitori.
Proprio di recente abbiamo visto il caso di due sorelle, una molto gnocca, alta e col bel faccino e l'altra piccolina e bruttina che pareva sua nonna pur essendo addirittura più giovane.
Ashton Kutcher e il fratello Michael
Questi avvenimenti sono traumatici e portano la mente di un redpillato a filosofeggiare su quanto sia bastarda ed infame Madre Natura.Io personalmente, pur essendo figlio unico, penso di essere pienamente in grado di immedesimarmi nel dolore che può provare un brutto vero con un fratello strafigo.Vedere che
lui è pieno di ragazze ed esce il sabato sera a trombare come un riccio mentre tu non vieni filato neanche dalla cessone obese.Essere brutto è già una bella disgrazia ma avere un fratello bello che ti ricorda quotidianamente quanto la tua vita sia merdosa e quanto sarebbe potuto essere fantastica deve essere un vero strazio.

Andiamo quindi a cercare di capire almeno il perché di questa ingiustizia e cosa rende in concreto due fratelli diversi, sia fenotipicamente che caratterialmente.3 sono i motivi principali che ho individuato.


#1 Genetica
Se seguite il blog avrete ormai appurato che nella vita la genetica la fa da padrona un po' ovunque e, anche in questo caso, assume il ruolo più importante di tutti.Essa è la ragione primaria della diversità tra due fratelli.
Ognuno di noi eredita da ciascun genitore il 50% del patrimonio genetico (in realtà non è esattamente il 50% per alcune ragioni che non approfondiremo ma poco cambia) quindi, se avete un fratello,anche lui come voi ha ereditato il 50/50 dai vostri stessi genitori.

Ma se entrambi abbiamo lo stesso 50% di dna da entrambi gli stessi genitori, come mai io sono un cessone mentre lui è un fiko?


Semplice:perché avete ereditato entrambi il 50% da ciascun genitore ma non è detto che sia lo stesso dna per entrambi.
Messa così è un po' difficile forse da capire, quindi lasciatemi spiegare meglio con un esempio.

Ciro e le Cerbiatte


Supponiamo che un giorno un guaglioncello napoletano di nome Ciro, cercando su google "belle gnocche capilli biondi uocchi azzurri", capiti su questo blog e in particolare sull'articolo riguardante la  Scalata Genetica e pensi "Uè, che bella 'sta tteoria, maronn!".
Improvvisamente Ciro ha un'illuminazione e decide che andrà a cercare una cerbiattina in Islanda.
Al test del dna di 23andme Ciro appare al 95% Sud europeo e al 5% MENA, più o meno come la media dei meridionali.
Andiamo a rappresentare il suo patrimonio genetico su un grafico a torta (ovviamente il dna non è mica una torta, usiamo questo grafico per comodità), frazionandolo in spicchi,ciascuno dei quali rappresenta il 5% del totale.Il rosso rappresenta il sud europeo mentre il viola il MENA.

Ciro prende l'aereo e va in Islanda ad aprire una pizzeria,la "Ciro's pizza and fish", specialità "pizza con muschio islandese e fegato di merluzzo".L'attività ha un successo enorme e, grazie al nuovo status e money acquisiti, si ritrova presto pieno di cerbiattine troender nordid.
Con una di queste, Ísgerður, fa tre figli: Ciro Junior, Carmine e Gennaro.
Ísgerður è al 100% nord europea (colore blu) e i figli ereditano il 50% di DNA da lei e il 50% da Ciro.

Come potete vedere i tre figli ereditano il 50% dal padre e il 50% dalla madre, cioè dieci spicchi, ma i fratelli non condividono le esatte porzioni di DNA.
Carmine e Gennaro, oltretutto, a differenza di Ciro Jr., non hanno neppure ereditato dal padre la porzione di DNA relativa al MENA e quindi appaiono ora 100% europei, a differenza del padre e del fratello.
Due fratelli quindi possono ereditare dallo 0 al 100% dello stesso dna dei genitori, anche se, per la legge delle probabilità, in genere ne hanno in comune fra loro il 50%.
Andiamo ora a complicare le cose e supponiamo che Ciro Jr. faccia un figlio con una donna di origini miste: Mescolina.
Mescolina è per il 25% sud europea, per il 25% Nord europea, per il 25% Est europea (verde), per il 10% asiatica (giallo) e per il 15% subsahariana (nero).
Notate come è variegato lo spettro genetico dei figli, e più sono le popolazioni che abbiamo nel dna e che abbiamo ereditato da genitori, nonni ecc. più sono le ricombinazioni genetiche che possono avvenire e maggiore è la probabilità che due fratelli nascano con tratti somatici anche molto diversi.In verità non sempre c'è parallelismo tra genotipo e fenotipo, per cui un fratello con una percentuale di genetica nord europea maggiore dell'altro può benissimo sembrare più sud europeo dell'altro, ma le probabilità di presentare tratti nord europei più elevati sono tanto maggiori quanto più elevata è la percentuale di dna nord europeo di un soggetto,la quale, come visto, può variare anche di molto tra fratello  e fratello.
Brad Pitt e il fratello
Lo stesso dicasi per i tratti caratteriali, anch'essi in buona parte di origine genetica, che subiscono lo stesso rimescolamento.
La genetica + lo stile di vita fanno il 100% della bellezza naturale di un individuo, ma la genetica ha comunque un ruolo preponderante perché un buono stile di vita non potrà mai compensare una genetica scadente mentre una buona genetica potrà non risentire degli effetti di un pessimo stile di vita.Tanto più si va avanti con l'età però, lo stile di vita assume un'importanza maggiore, come abbiamo spiegato nell'articolo su come sembrare più giovani a 40 anni.
I tratti caratteriali e il successo personale di due fratelli invece sono determinati anche da diversi altri fattori che ora analizzeremo.

#2 Genitori
I genitori e il loro modo di relazionarsi con i figli sono la più grande variabile dopo la genetica (che comunque è trasmessa da loro) che va ad influenzare la felicità, il carattere e lo stato psicologico di un figlio.
I genitori possono essere un macigno oppure un boost alla qualità della vita; soprattutto nei primi anni dell'infanzia e dell'adolescenza, in cui avviene lo sviluppo caratteriale di un individuo, i genitori sono in grado di agire in maniera molto incisiva,determinando l'autostima dei figli/fratelli e andando a condizionare il loro futuro.
Oltre ai genitori, ovviamente qualunque altra figura che rivesta un ruolo educativo nella vita di un ragazzino, come gli insegnanti o i nonni,avrà la capacità di influenzarne il futuro.

I genitori purtroppo non trattano tutti i figli allo stesso modo, è inutile negarlo.Spesso fanno delle preferenze (anche se magari inconsciamente) e avvantaggiano un figlio rispetto ad un altro (una interessante ricerca in proposito)

La differenza di trattamento si può manifestare in:
  • maggiori o minori risorse economiche concesse
  • maggiore o minore affetto
  • maggiore o minore libertà concessa
  • maggiore o minore tolleranza a determinati comportamenti
La disponibilità economica e la libertà fanno il grosso della vita relazionale di un adolescente.La maggior parte dei genitori si focalizza sul non concedere troppe libertà ai figli per paura di viziarli e danneggiarli in futuro, ma io invece vedo che i danni peggiori li fanno proprio quei genitori che non concedono mai niente, che misurano continuamente la libertà dei figli e li tengono sempre al guinzaglio impedendo loro di farsi le loro esperienze e di sbagliare e questa mia esperienza è supportata anche da un importante studio, pubblicato un paio di anni fa e condotto su oltre 5000 persone nate negli anni '40 (quindi per un lungo periodo di vita), che ha portato alla conclusione che genitori troppo oppressivi sono deleteri per lo sviluppo psicologico e comportamentale di un figlio (link allo studio originale).

David Gandy coi genitori
I genitori normalmente hanno una predilezione per i figli più belli e una forma di rigetto per i figli brutti.
E' chiaro che uno investe di più sul cavallo favorito e a nessuno piace sentirsi dire che il cavallo su cui ha scommesso è perdente.
Se avete problemi estetici,in genere è inutile parlarne coi genitori, negheranno fino alla fine e non farete altro che creare tensioni in famiglia.
Tra due fratelli poi tende ad essere preferito e più coccolato il minore.
Anche i figli più ribelli, al contrario di quanto comunemente si pensi, in genere vengono trattati meglio dai genitori perché dimostrano di avere carattere.Il bravo figliolo sempre ubbidiente viene trattato da molti genitori come un cagnolino, non viene mai rispettato e ogni cosa che fa viene data per scontata (chi si ricorda la parabola del figliol prodigo?).
Lasciamo perdere poi l'enorme differenza di trattamento che i genitori hanno tra maschi e femmine, basti pensare a quanti soldi i genitori danno alle donne più che agli uomini, come dimostrano alcuni studi.
In tempo di crisi o nei Paesi molto poveri poi le figlie vengono favorite ancora di più perché sono quelle che hanno maggiori probabilità di migliorare la propria condizione attraverso il matrimonio.
Se due fratelli poi hanno diversi anni di differenza, il diverso trattamento è dovuto anche ad un maggiore distacco generazionale e all'esperienza acquista col primogenito, che in pratica è una specie di cavia da laboratorio sul quale provare a vedere come si fa il padre o la madre.
Insomma, come per la genetica, anche coi genitori è veramente un terno al lotto.Non si possono scegliere e il loro modo di adempiere al loro ruolo sarà cruciale nel determinare ciò che i figli saranno e perché due fratelli potranno essere completamente diversi l'uno dall'altro.


#3 Feedback

Una volta che ci è stato fornito un patrimonio genetico e i genitori ci hanno plasmati secondo i loro valori, l'altra cosa che determina la differenza tra un fratello e l'altro sono i feedback che si ricevono all'esterno.Tali feedback vengono dalle persone più svariate, dagli amici, ai conoscenti ai perfetti estranei.
L'unica cosa che hanno in comune questi feedback è quella di condizionare pesantemente la personalità di un individuo e cambiarne le sorti.
Purtroppo, i feedback sono solo marginali rispetto ai due punti seguenti e vanno di pari passo con la fortuna genetica ed educativa che abbiamo avuto in precedenza.Nessun feedback è in antitesi con i due punti precedenti, infatti se abbiamo avuto una genetica e un'educazione fortunata generalmente riceveremo feedback positivi, se invece siamo stati sfortunati riceveremo feedback negativi.

Introversione ed estroversione 
Queste due caratteristiche, che sono la base di ogni rapporto sociale, tendono ad essere viste comunemente come causa di un determinato modo di relazionarsi con gli altri; io penso invece che molto spesso siano conseguenza di feedback ricevuti.
Se prendiamo ad esempio i soggetti che hanno difficoltà a rimorchiare, noteremo che, in diversi casi, essi sono anche introversi.
Qualcuno potrebbe essere portato a pensare che essi non rimorchino proprio in quanto estroversi e quindi che ci sia un nesso causa-effetto tra l'essere introversi e non rimorchiare.
Invece è più vero l'esatto opposto:uno diventa introverso proprio perché riceve feedback negativi e capisce che provare a rimorchiare donne non fa per lui.
Tra l'introversione e il non rimorchiare c'è quindi solo una correlazione, non un rapporto causa effetto.
Se questa ipotesi non vi convince, provate a dare un'occhiata sommaria alle persone estroverse e a quelle introverse;se siete obiettivi nel giudizio dovrete riconoscere che tanto più una persona è bella esteticamente, quanto più tende ad essere estroversa.
Ovviamente poi ci sono belli introversi e brutti estroversi, ma la tendenza generale è quella che ho esposto io.
Del resto è piuttosto facile essere estroversi quando, non appena ti relazioni con le persone, esse reagiscono in maniera propositiva e aperta al dialogo, più difficile esserlo quando, di fronte al tuo atteggiamento cordiale, ricevi solo rifiuti e indifferenza.

Dulcis in fundo: il libero arbitrio
Ecco, alla fine di tutto, quando le carte sono già in tavola, ecco che entra in gioco il vostro libero arbitrio, il quale ovviamente sarà pesantemente condizionato dai tre fattori precedenti ma sul quale perlomeno ora avete voce in capitolo.Le scelte di vita che un fratello fa rispetto ad un altro saranno un'altra variabile che andrà a determinare le differenze tra i due.
Ovviamente la stessa scelta, fatta da due persone differenti, non porta ai medesimi risultati perché non ci sono le medesime basi e anche perché, ovviamente, come in tutti gli ambiti della vita, la fortuna la farà sempre da padrona.

CONCLUSIONI:
Alla fine di questo articolo penso che ormai abbiate capito cosa genera delle profonde differenze tra due fratelli e il perché spesso si trovano fratelli che non sembrano neppure lontanamente parenti.
Due fratelli sono diversi per ragioni genetiche, educative, ambientali e, infine, per le loro scelte.



nandida.com



3 commenti:

  1. Triste ma vero, confermo tutto. Mio fratello e' un alpha slayer da 7.5, estroverso di natura e reso ancora piu' alpha da una vita di validazioni da parte di tutti e tutte. Io sembro piu' uno scimpanze' che un essere umano, nato introverso e diventato ancora piu' introverso.

    RispondiElimina
  2. GUARDA IO HO 45 ANNI E SONO BRUTTO ED' UNA VITA INTERA CHE MI SENTO DIRE MA COME E' BELLO TUO FRATELLO , E' QUALCOSA CHE TI LIMITA FORTEMENTE PER LE RAGIONI ELENCATE .
    MA ALLA FINE QUESTA COSA NON VI DEVE FERMARE !!!!

    RispondiElimina
  3. L'unica cosa in cui non concordo molto è il libero arbitrio che, i fatto, non esiste. Come tu mi insegni siamo condizionati dalla genetica e dall'ambiente in cui cresciamo, ogni nostra decisione è "precostruita" da questo.

    RispondiElimina

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.