giovedì 17 agosto 2017

Cause e correlazioni




Spesso, quando si tratta di discutere di un determinato argomento e attribuire le cause di un fenomeno, noto che molti fanno l'errore di confondere la causalità con la correlazione.
La correlazione indica la relazione tra due variabili che cambiano insieme, per cui, all'aumentare dell'una, l'altra aumenta (correlazione positiva) o diminuisce (correlazione negativa).
La causalità invece, come dice la parola stessa, determina un rapporto causa-effetto tra le variabili.
Ieri sera mi è capitato per le mani un link in cui si parlava degli enormi benefici della dieta vegana, con tanto di studi scientifici e statistiche che paragonavano i dati dei vegani con quelli degli onnivori, tutto ciò con lo scopo di dimostrare che una dieta vegana è migliore per la salute di una onnivora.
Infatti dagli studi effettuati appare piuttosto evidente come i vegani presi in esame godano di una salute migliore rispetto al campione degli onnivori.


Peccato però che, con un po' di spirito critico, è facile accorgersi che questo non è sufficiente per stabilire un rapporto di causa-effetto, ma che c'è solo una semplice correlazione.
Infatti i vegani tendono a godere di una buona salute perché, dieta a parte, hanno uno stile di vita migliore dell'onnivoro medio.
Secondo voi, tra un gruppo a caso di vegani e uno a caso di onnivori, in quale dei due gruppi avrete più probabilità di trovare gente che fa attività fisica, che non fuma, che non beve, che fa controlli medici regolari, che tiene sotto controllo il peso e che in generale bada di più alla propria salute?Ovviamente nel primo gruppo.Di conseguenza i vegani risultano più sani perché sono in generale più salutisti, non esclusivamente per la dieta.Per dimostrare che una dieta sia migliore dell'altra occorre prendere due gruppi di persone con lo stesso stile di vita che differiscono solo per la dieta, solo così si può individuare un rapporto causa effetto.
Lo stesso lo si può vedere applicato nell'ambito delle relazioni, quando si sente dire che per attrarre le donne bisogna essere simpatici ed estroversi.
E' piuttosto ovvio che se prendiamo un campione di uomini estroversi a caso probabilmente ci accorgeremmo che hanno più successo con le donne
, ma questo perché tende ad essere più estroverso chi è di bell'aspetto (e chi ha maggior successo professionale/economico), viceversa un brutto che riceve continui feedback negativi tenderà a chiudersi in sè stesso.
Ma a quel punto non è la variabile estroversione che genera attrazione, ma la variabile estetica.L'estroversione è correlata all'attrazione, la bellezza la causa.
Insomma attenzione a non confondere causa e correlazione.Affinché ci sia causalità si deve essere sicuri che non vi sia una terza variabile (o anche di più) ad interferire con le due variabili precedenti.


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.
- Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.