lunedì 4 settembre 2017

ISLANDESI: Genetica e Tratti Somatici



Inizio oggi un mio umile studio genetico/antropologico sui popoli europei e il primo viaggio lo facciamo in Islanda.
In questo post parleremo della genetica degli islandesi e dei fenotipi/tratti somatici più comuni, delle donne islandesi e di come esse siano tra le più belle del mondo.
L'Islanda è infatti, come abbiamo già visto, il secondo Paese in Europa che sforna il maggior numero di modelle famose in rapporto al numero di abitanti.Gli islandesi hanno una leggenda per spiegare la bellezza delle loro donne, la quale è dovuta al fatto che i vichinghi, durante le loro razzie in Gran Bretagna , rapivano le donne più belle per farle schiave e le portavano via con loro;esse sarebbero state presenti
durante la colonizzazione dell'Islanda avvenuta alla fine del nono secolo (prima l'Islanda era scarsamente abitata da eremiti irlandesi) e avrebbero avuto figli dai loro rapitori.

 Questa leggenda ha trovato parziale smentita in
un recente studio genetico (Mitochondrial DNA variation in the Viking age population of Norway)che ha confrontato i resti dei norvegesi antichi con quelli moderni provenienti da Islanda e Gran Bretagna;gli studiosi hanno appurato che, sebbene negli islandesi vi sia una presenza significativa di aplogruppi materni di origine britannica, la maggior parte di essi è scandinava, a riprova del fatto che i Vichinghi portavano con loro le donne del proprio gruppo etnico durante le loro incursioni nella varie isole, e quindi anche in Islanda.Viene ridimensionato quindi l'influsso britannico nel ramo materno degli islandesi, presente sì ma non in concentrazioni così elevate come si immaginava, mentre cade uno dei più comuni miti sui vichinghi, ovvero l'assenza di donne durante le loro scorrerie.


L'endogamia forzata dovuta al tipo di vita isolana, ha portato l'Islanda ad avere una forte omogeneità genetica.Frequenti sono i matrimoni fra cugini di terzo grado e, al di là di quello che si pensa comunemente, questo non compromette la salute degli abitanti, che invece sono tra i più sani al mondo e ai primi posti per speranza di vita.
I risultati 23andme di una ragazza islandese
La genetica islandese viene studiata continuamente nel tentativo di cercare cure per le malattie, ad esempio l'1% degli islandesi ha uno speciale gene che li rende praticamente immuni dall'Alzheimer e lo studio di questa caratteristica potrebbe portare in futuro nuovi progressi nel trattamento della malattia.

L'omogeneità genetica degli islandesi è probabilmente anche ciò che sta alla base della loro bellezza.
3 sono gli aplogruppi maschili che coprono quasi la totalità della popolazione (fonte Eupedia):
  • R1b (42%)
  • R1a (23%)
  • I1 (29%) 
Quindi sostanzialmente aplogruppi germanici/indoeuropei e pre-germanici nord europei.

I TRATTI SOMATICI ISLANDESI



I fenotipi più comuni sono decisamente di tipo cromagnoide, borreby e brunn, mentre i nordici aurignacoidi non sono molto comuni.Il nordico più comune è il tipo troender, misto a cromagnoide.
Si nota anche una presenza, piccola ma significativa, di strandid, alpini scandinavi, alcuni dei quali con tratti fortemente arcaici che danno alla popolazione quasi un tocco "esotico".


DA LEGGERE: FENOTIPO NORDICO E NORDOCROMAGNOIDE


BORREBY

TROENDER

STRANDID


Per quanto riguarda la struttura fisica e la pigmentazione Coon li descriveva come alti e robusti, molto più dei norvegesi; la spiegazione di ciò starebbe nel fatto che gli antenati degli islandesi provenivano principalmente dalla Norvegia occidentale piuttosto che dall'interno, dove la statura è meno elevata.
tratti somatici islandesi
Anche i capelli rispecchiano la provenienza geografica degli antenati vichinghi.
Negli islandesi la tonalità biondo dorato si ritrova nell'8% della popolazione, contro il 13.1% in media della Norvegia e il 5.5% della contea di Sogn og Fjordane da dove la maggior parte degli antenati vichinghi proveniva.
La tonalità castano chiara (o biondo cenere per alcuni) ammonta al 52% dell'Islanda, contro il 64.8% della Norvegia e il 59.8% di Sogn og Fjordane.
Nonostante la prevalenza di capelli chiari, gli islandesi hanno una percentuale maggiore di capelli scuri rispetto a quella norvegese.In Norvegia i capelli neri sono molto rari, mentre in Islanda arrivano fino al 9%.
I capelli rossi arrivano al 3%.La presenza così elevata di questi ultimi due colori potrebbe essere in qualche modo associata all'influsso irlandese.
La percentuale di occhi chiari e occhi chiari misti è del 76%, analoga a quella della regione di Troenderlag, dove però gli occhi chiari sono prevalentemente misti, mentre in Islanda, come in Irlanda, sono prevalentemente azzurro puro.

Come sono le ragazze islandesi più belle?

gnocca islandese troender
Le eccellenze estetiche islandesi, nei tratti somatici, sembrano rispecchiare però la provenienza scandinava più che quella britannica.Le migliori gnocche islandesi in genere appartengono al gruppo tronder, con un viso allungato e una struttura fisica longilinea, oppure presentano un mix di tratti alpinizzati/borreby ravvisabili nel viso associati ad una struttura mandibolare insolitamente sviluppata per queste tipologie e che, secondo alcuni antropologi, potrebbe essere conseguenza di un adattamento climatico/dietetico.

In conclusione, la popolazione islandese moderna rispecchia fondamentalmente la storia medievale del Paese.Una particolare combinazione di influssi scandinavi e britannici, associata all'effetto del fondatore,  ha creato una popolazione peculiare e omogenea, dalla bellezza impareggiabile e unica nel suo genere.
Ci si vede a Reykjavík, ragazzi.

FORSE TI INTERESSA: L'IDEALE DI BELLEZZA NORDICO


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.