06/07/18

Il Fenotipo Alpino, Berid, Gorid e Subnordid




Alpinid
Alpinid
Nel panorama razziale europeo un posto di notevole importanza è occupato sicuramente dal fenotipo alpino, la cui presenza si estende un po' in tutto il continente e oltre.
Coon addirittura, in Races of Europe (1939), riteneva che fosse la "razza alpina", ancor più di quella mediterranea, il vero "collante" fra gli italiani, per via della sua diffusione in tutta la penisola e nelle isole.

Le origini del fenotipo alpino sono state a lungo incerte: William Z. Ripley, ancora nel 1899, riteneva che la tipologia alpina fosse giunta in Europa nel neolitico dall'Asia portando l'agricoltura, mentre Coon riteneva che l'alpino fosse un'evoluzione di tipologie arcaiche preesistenti in Europa.
Personalmente propendo per questa ultima ipotesi, più recente e accreditata, e su questa sarà basata l'analisi che farò nelle prossime righe.

Come già abbiamo visto più volte, dal punto di vista tassonomico, l'attuale composizione razziale europea si può spiegare come un miscuglio tra tipologie fenotipiche arcaiche cromagnoidi già presenti nel Paleolitico, appartenenti a popolazioni che vivevano di caccia e raccolta, e tipologie sopraggiunte in seguito nel neolitico che portarono l'agricoltura.

Finora abbiamo esaminato le tipologie cromagnoidi più diffuse in Europa centro-settentrionale ed orientale, ma anche in Europa meridionale esistevano dei tipi arcaici, primo fra tutti il Fenotipo Berid.



Il Fenotipo Berid

I berid si possono trovare al giorno d'oggi principalmente nella penisola iberica, in Italia meridionale e in Sardegna (motivo per cui questo fenotipo è chiamato anche "paleosardo"), ma alcuni elementi berid permangono anche in Africa settentrionale, sebbene generalmente mescolati con tipologie extraeuropee.
I tratti somatici sono simili a quelli delle altre tipologie cromagnoidi, quindi una corporatura tendenzialmente mesomorfa, una struttura ossea piuttosto robusta con arcate sopraccigliari sporgenti, mandibola forte e squadrata e un mento prominente.
Il berid però è decisamente scuro di pigmentazione e basso di statura, si può considerare come una sorta di paleoatlantid ridotto.

Berid
Berid
Berid
Berid
Berid
Berid



Nella zona alpina e centro-europea, la permanenza di questa tipologia avrebbe dato origine al fenomeno della "alpinizzazione" e di conseguenza al fenotipo alpino.

Il Fenotipo Alpino

Si trova attualmente in massima concentrazione in Francia, Germania meridionale e lungo l'arco alpino (da cui del resto prende il nome), e presenta le seguenti caratteristiche somatiche
  • Statura bassa o medio bassa
  • Pigmentazione intermedia
  • Corporatura endomorfa, tendente alla pinguedine.
  • Brachicefalia,o al massimo mesocefalia (indice cefalico medio 88)
  • Occipite generalmente più ricurvo del dinarico
  • Testa grande rispetto al corpo
  • Viso ampio e tondeggiante (indice facciale inferiore a 83) e mento debole
  • Naso mesorrino e concavo, il tipico naso alla francese
Alcuni antropologi osservano anche una correlazione tra tipologie alpinoidi e calvizie.

Come si può notare l'alpinizzazione ha portato ad una sorta di infantilizzazione dei tratti somatici, ha attenuato le spigolosità cromagnoidi dando una forma più tondeggiante e un aspetto decisamente più innocuo.
La causa di ciò è da ricercarsi probabilmente nell'adattamento ambientale che ha dato origine a questo fenotipo, evolutosi in un contesto montuoso, pacifico,isolato, sedentario e a basso consumo energetico. 

Alpinid
Alpinid
 
Alpinid
Alpinid

Alpinid
Alpinid

Il fenotipo alpino chiaramente in Europa si presenta anche e soprattutto mescolato ad altre tipologie e dà a sua volta origine ad altri fenotipi.
Un mix nordico-alpino, comune in Francia, Germania e Rep.Ceca è ad esempio detto Subnordid.

Subnordid
Subnordid

Subnordid
subnordid

subnordid
Subnordid

subnordid
Subnordid

In Sud Europa abbiamo un più comune miscuglio Alpino mediterraneo

Alpinid Mediterranean
alpinid mediterranean

Alpinid Mediterranean
Alpinid Mediterranean

alpinid mediterranean
alpinid mediterranean

In Europa dell'est invece, l'ibridazione fra alpino e baltico, ha dato origine alla tipologia Gorid, di più incerta classificazione, dal momento che la balticizzazione e l'alpinizzazione, seppure originati da fenotipi e in ambienti diversi fra loro, sono fenomeni piuttosto simili, che comportano entrambi una infantilizzazione dei tratti somatici.


Gorid
Gorid
Infine, molto più raro ma meritevole di attenzione anche il fenotipo Strandid, che abbiamo già visto all'articolo sui tratti somatici islandesi ed è in pratica un alpino scandinavo dai tratti insolitamente scuri rispetto all'area di diffusione.


strandid
strandid
Questo in sintesi è il quadro dei fenotipi alpini e alpinizzati presenti in Europa.


Come potete notare è un fenotipo senza infamia né lode sulle donne, ma che rischia di essere penalizzante su un uomo per via della poca virilità che trasmette.
Difficilmente con il fenotipo alpino si raggiungono picchi estetici elevati, a meno che non ci sia sia una forte base atlantica o nordica a stemperare certe caratteristiche negative.
Per esperienza ho anche notato che gli alpini tendono ad invecchiare piuttosto male, ma sono solo considerazioni personali prive di evidenza scientifica.



Mezzobusto del filosofo Socrate risalente ad epoca romana, che raffigura un soggetto dall'evidente fenotipo alpino.
Socrate fu il primo filosofo ad essere rappresentato realisticamente,non in maniera fantasiosa come accadde per i suoi predecessori.
I contemporanei Platone, Senofonte e Aristofane lo descrivevano come un uomo "di brutto aspetto, grottesco, dall'apparenza quasi mostruosa" e paragonavano la sua immagine a quella dei Sileni, creature mitologiche a metà strada tra uomini e animali.
Fu proprio questa condizione esistenziale probabilmente all'origine del suo pensiero filosofico, che sfociò poi nella sua massima più nota: "So di non piacere".




Forse ti Interessano:



Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.
- Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.