15/04/19

Come Aumentare il Testosterone in Maniera Naturale


Come Aumentare il Testosterone
Come Aumentare il Testosterone

Buongiorno a tutti, redpillati.
Uno degli ultimi articoli del Redpillatore, riguardante il fisico che piace alle donne,  mi ha ispirato a scrivere questo post sull’ormone maschile più importante, il testosterone. In particolare, nell’articolo si specifica che al 12% di grasso corporeo - la percentuale dove si iniziano ad evidenziare i muscoli addominali - c’è un alto livello di testosterone e un’alta efficienza del sistema immunitario.
La cosa mi ha colpito perché mi sono sempre chiesto: come mai ci sentiamo attratti dalla bellezza? O meglio, quali sono le motivazioni biologiche esatte per cui lo siamo? Banalmente, potremmo essere attratti da una bella ragazza/donna perché è più fertile. La risposta probabilmente è esatta ma non mi soddisfa e mi piacerebbe avere informazioni più dettagliate. Dal punto di vista femminile però quella dell’articolo linkato sopra è una risposta specifica, la donna è generalmente attratta dalla “tartaruga” perché indica un uomo in ottima salute:
  1.  con un alto livello di testosterone, un ottimo indicatore della salute fisica e psicologica dell’uomo;
  2.  con una percentuale efficiente (10-15%) di grasso corporeo, quindi con delle riserve per dei periodi di magra, ma senza essere appesantiti per sessioni di caccia;
  3.  con un’alta efficienza del sistema immunitario, quindi una buona possibilità di sopravvivenza e buoni geni da trasmettere alla prole.
Personalmente mi ha incuriosito la presenza del testosterone, perché non ho mai approfondito l’argomento più di tanto. Ho deciso di fare qualche ricerca e di condividerne i risultati con voi. Essendo studente di medicina vorrei dare un taglio scientifico al post, ma non voglio farne una pappardella di pure nozioni, che potete trovare su internet, sia in italiano, ma soprattutto in inglese. Quello che alla fine ci interessa è sapere come possiamo aumentarlo, che ruolo ha nella nostra salute e nella nostra personalità, e in che modo si collega all’attrazione che le donne potrebbero provare. Argomenti da redpill, in sostanza.

Introduzione 

testosterone
testosterone


Per chi non lo sapesse, il testosterone è un ormone, ovvero una molecola che il corpo utilizza come messaggero, per fare svolgere ai vari organi determinate funzioni. Mentre il segnale nervoso è molto più veloce e localizzato (ad esempio, voglio prendere un libro di conseguenza alzo la mano e allungo il braccio) il segnale ormonale è molto più ad ampio spettro. L’esempio classico è la “scarica di adrenalina”: se siamo in una situazione di pericolo, le ghiandole surrenali scaricano l’adrenalina nel sangue, facendoci sentire vigili, con il batticuore, con le mani sudate e fredde, eccetera.
Per quanto riguarda lo sviluppo dell’essere umano, nel primo periodo della gravidanza non c’è differenziazione sessuale del feto, che non è né maschio, né femmina. Il testosterone, la cui produzione deriva dal cromosoma maschile Y, assieme ad altre molecole a esso simili chiamati “ormoni androgeni” fa differenziare le gonadi (ovvero gli organi sessuali ancora non differenziati) in testicoli e ne promuove lo sviluppo. Poi durante la pubertà fa sviluppare i cosiddetti “caratteri sessuali secondari” maschili, ovvero barba, voce più profonda, altezza, muscolatura. Detto brevemente, il testosterone è una delle magiche molecole che ci ha reso uomini, e direi che gli vogliamo bene per questo e gliene siamo molto grati.

Effetti sul Fisico e sulla Psiche Maschile

testosterone benefici
testosterone benefici

Conclusa l’introduzione, nell’uomo adulto quale noi siamo, il testosterone a che serve? Che effetti ha? Sorprendentemente ne ha molti e sono anche tutti positivi. Non mi metto a fare elenchi tanto c’è la pagina di Wikipedia  e molte altre. Brevemente, esso aumenta l’anabolismo, ovvero il processo che ci permette di aumentare la nostra muscolatura, aumenta la lipolisi, ovvero lo scioglimento delle riserve di grasso. Tutto ciò che desideriamo.
Dal punto di vista psicologico, invece, aumenta il benessere e la libidine, e ha anche buoni effetti sia dal punto di vista dell’umore, sia dal punto di vista cognitivo. Questo mi fa pensare che possa avere una forte influenza nel cosiddetto “stare meglio” dopo che una persona è dimagrita, facendo attività fisica e migliorando le proprie abitudini alimentari. Qui ci sono informazioni più specifiche, in inglese : Too many faces of testosterone


Correlazione tra il Testosterone e l'Attrattività


Ahi ahi ahi, questione spinosa. Dato che il testosterone - al di là delle caratteristiche fisiche che rientrano in Look - ha effetti sulla personalità maschile, ritorniamo a una domanda ben più dibattuta e familiare: che ruolo ha la personalità nell’attrazione e nella seduzione? Si va dal PUA boccalone per cui con il “giusto” atteggiamento si può sedurre qualsiasi ragazza, al nichilista depresso per il quale “il bel faccino è tutto”. Penso che entrambi siano due estremi piuttosto insensati e che la verità stia nel mezzo, sono convinto che la personalità abbia un suo ruolo. Questo è il limite della teoria LMS: pur essendo d’accordo con i principi di base, trovo sbagliato che non prenda in considerazione la personalità. Spesso il Redpillatore ha ovviato a questo problema dicendo che LMS sono prerequisiti e che la personalità è un requisito, ma lo trovo limitante e penso che per molte donne la personalità possa anche essere più importante di MS. Io preferisco una teoria composta da attrattività oggettiva - L - e attrattività soggettiva - MSP, con P come personalità. Non ho trovato nessuno studio scientifico che spieghi con esattezza la correlazione tra testosterone e tratti mascolini/virili della personalità, ma penso si possa dare per scontato che siano correlati.

 Diciamo che un uomo con testosterone alto sarà più deciso, più carismatico e affascinante, più sicuro di sé e più leader. Quindi associamo a P le caratteristiche maschili piacevoli e attraenti, più uno è “uomo”, più il suo valore P sarà alto.
Prendiamo l’uomo assolutamente medio, con valore LMSP. Per me L è il parametro oggettivo di attrattività, ovvero il punto di partenza da cui la donna formulerà il suo giudizio complessivo. Si parte oggettivamente da L per poi aggiungere punti o toglierli in base a MSP. Per l’uomo medio, alla fine, si rimarrà sul 6,5. Se invece sarà un L-6,5 ricconzo con M-8,5, il risultato finale sarà 7,5. La stessa cosa in negativo, chiaro. Detto questo, sono convinto che P abbia la sua importanza, sia per aumentare l’attrattività globale che per diminuirla. Prendiamo il L-6,5 di prima: se avrà una personalità molto virile, ben strutturata e solida (caratteristiche che associo alla presenza di testosterone) il suo punteggio globale aumenterà. Al contrario, se avrà una personalità debole/insicura, femminile o peggio zerbino-femminista-cuck, il punteggio globale diminuirà.
In sostanza, se si vuole aumentare la propria attrattività trovo necessario coltivare la propria personalità in senso mascolino, assieme a un eventuale aumento degli altri fattori LMS. Prima di tutto per stare meglio anche con noi stessi, in realtà, ma anche in ottica di un miglioramento seduttivo.


Come Aumentare il Testosterone

come aumentare il testosterone
come aumentare il testosterone

Okay, basta minchiate e arriviamo al sodo: il proprio livello di testosterone si può aumentare? Sì. Come? In maniera diretta, stimolandone la produzione, e in maniera indiretta, quindi non ostacolando la produzione naturale del corpo.

Aumento diretto:

  1.  modo più facile ma stupido: assumerlo come farmaco, dopandosi. A meno di diagnosi mediche per carenze ormonali, lo sconsiglio vivamente. Assumere testosterone dall'esterno, fra i molti altri effetti collaterali, a lungo andare può causare un'atrofia dei testicoli, che smettono di produrre testosterone naturalmente. Poi, detto sinceramente, prendere questo tipo di scorciatoie è pure da sfigati.
  2.  modo più faticoso ma più sano: attività fisica di tipo anaerobico, ovvero fare pesi e aumentare la propria muscolatura. Facile a dirsi, tuttavia impegnativo a farsi. 
  
Per l’aumento indiretto, il concetto è semplice: i nostri testicoli producono una quantità variabile di testosterone durante il giorno, seguendo un ciclo circadiano, con un picco la mattina e un minimo alla sera. Detto questo, ci sono una notevole serie di comportamenti nocivi che lo diminuiscono, comportamenti che riguardano il nostro stile di vita occidentale, ovvero lo stare la maggior parte del nostro tempo con il sedere bello adeso, direi quasi incollato a una comoda sedia/divano/poltrona mentre mangiamo patatine e beviamo birra. Male. Vediamo i tre fattori più importanti e approfondiamo.

Primo fattore è la magrezza: più si è magri e in forma, più il testosterone è alto. Purtroppo la panza non solo è decisamente antiestetica, ma ha vari effetti negativi sul nostro corpo. Innanzitutto il tessuto adiposo si trova in uno stato di leggera infiammazione perenne che oltre un certo limite influenza negativamente il resto dell’organismo, poi va a gravare sulle articolazioni ogni volta che facciamo dell’attività fisica. Immaginate di pesare 15-20 kg in più del vostro peso forma: a ogni passo, il piede su cui vi poggiate subirà quei 15-20 kg in più, con un notevole stress per le articolazioni. Stress che moltiplicato per il numero di passi e il numero di giorni, può raggiungere livelli notevoli.
Riguardo al testosterone, le considerazioni da fare sono due:

  •  il testosterone è un ormone steroideo, ovvero ha una struttura apolare.  Prendiamo acqua e olio di oliva: se versati insieme in un bicchiere, non si mescolano perché l’acqua è polare mentre i grassi dell’olio sono apolari. Il testosterone, essendo apolare, andrà più facilmente verso i tessuti grassi, andando “perduto”. 
  • inoltre, nel tessuto adiposo si trova l’enzima aromatasi, responsabile della trasformazione del testosterone in estradiolo, uno degli ormoni estrogeni più potenti. Per chi non lo sapesse, gli estrogeni sono gli ormoni femminili per eccellenza, il loro effetto più immediato è quello di sviluppare una forte attrazione nei confronti di scarpe e borsette di qualità ridicola ma di prezzo sorprendentemente elevato (scherzo, ma non mi stupirei se un giorno questa cosa venisse dimostrata scientificamente). Scherzi a parte, l’effetto degli estrogeni sugli uomini è quello di far sviluppare le caratteristiche femminili: principalmente, la comparsa delle tette, o detta in maniera più elegante e sobria, ginecomastia. Vade retro, grazie.

Secondo fattore di cui tenere conto, è l’alimentazione o comunque lo stile di vita ad esso associato.

1.    alimentazione: a parte le solite raccomandazioni di non mangiare cibi industriali, mangiare sano eccetera, ho trovato poche correlazioni tra alimenti specifici e livelli di testosterone. Tuttavia, sicuramente un’alimentazione sregolata e scombinata provoca stress e affaticamento nell’organismo, fattori che diminuiscono i livelli del nostro ormone preferito. Più nello specifico, ho trovato una correlazione tra l’assunzione di zuccheri e i livelli di testosterone. Gli studi a questo riguardo però sono pochi, quindi è da prendere con le pinze, però consiglierei un controllo sul proprio metodo di assunzione di zuccheri per molti altri motivi.

2.    alcool: bestia. Super bestia. Super bestia gravida di disgrazie. L’alcool purtroppo ha molti effetti sul nostro corpo, e sono TUTTI negativi. Non se ne salva nemmeno uno. Per la nostra salute, è peggio delle femministe, e non sto scherzando. Ci sarebbero molte cose da dire riguardo all’alcool e gli effetti sulla nostra salute e sulla triade LMS, in particolare sul dimagrimento (l’alcool fa ingrassare, pure di molto e pure male per molti motivi) e sull’aumento della massa magra. Per farla breve l’alcool ostacola la produzione di GH (ormone della crescita, effetti simili al testosterone), quella di testosterone e invece aumenta la produzione di cortisolo. È un bene? Ci piacerebbe, ma no, esso è anche chiamato “ormone dello stress” perché appunto secreto in condizioni stressanti, ha gli spiacevoli effetti di aumentare il grasso in certi distretti del corpo e di favorire la circolazione di proteine tolte dalla muscolatura faticosamente guadagnata con ore di palestra e allenamenti. Male, molto male. Anzi, direi proprio pessimo.

3.    fumo: ho trovato informazioni contrastanti. Da una parte ho letto che il fumo è associato a un aumento della produzione di testosterone, tuttavia ha anche effetti negativi poiché causa malessere in tutto l’organismo, in particolare ostacolando la circolazione sanguigna negli organi periferici può diminuire la produzione di testosterone a livello dei testicoli. Penso quindi che sia una cosa che varia da persona a persona, in alcuni il saldo sarà positivo e avranno più testosterone, in altri sarà negativo. Detto questo, gli altri effetti del fumo sono tutti negativi: diminuisce la salute fisica e quindi L, vi fa spendere soldi perdendo M con annessa puzza (oltre al danno, e pure la presa per i fondelli) e fa anche perdere status, a parte che con le tossichelle, ma non so quanto possa essere positivo avere un buono status agli occhi delle tossichelle.

Per concludere l’argomento, in chat il Red mi ha linkato un articolo di Reuters Health che parla di uno studio secondo cui i livelli di testosterone degli uomini, a partire dagli anni ’80, sono calati e continuano a calare. Viene detto “the reasons for the decline remain unclear”, ovvero che le ragioni del calo non sono ancora chiare, ma sinceramente le ragioni mi sembrano evidenti, visto quello che ho scritto fino ad adesso. La nostra alimentazione è decisamente peggiorata, sia come qualità che come quantità. Per via dell’elettronica di consumo, quindi internet e videogiochi, dagli anni ’90 stiamo praticamente sempre a casa e non ci muoviamo più. Il consumo di alcool poi è di media aumentato, visto che ha assunto una dimensione sociale, soprattutto in Italia: cosa sarebbe una cena al ristorante senza la bottiglia di vino? O l’uscita con gli amici al pub o al baretto senza la birra? O l’uscita in discoteca o nel locale senza il cocktail? Io di mio non bevo sia perché non voglio sia perché non gradisco particolarmente, e certe volte mi becco degli sguardi manco usassi gasolio al posto del caffè per il cappuccino. A questo aggiungiamo lo stress della pressione sociale, con una società che diventa sempre più femminista tra l'altro, e diciamo pure buonanotte all’amato testosterone :(.

Siamo giunti alla conclusione dell’articolo! Ho cercato di approfondire per quanto possibile, senza rendere il post un mattone indigeribile che altrimenti il Red non me lo pubblicava e poi mi bannava pure. Comunque in base ai feedback, se siete interessati, si può chiedere al Red di approfondire gli argomenti come la correlazione tra consumo di zuccheri, dieta e attività fisica (quindi come mangiare carboidrati in periodi di allenamento), oppure perché è meglio stare alla larga dall’alcool, perché ostacola sia l’aumento della massa muscolare, sia il dimagrimento. Grazie a tutti per la lettura!

-Gabriele-


Forse ti Interessa:



10 commenti:

  1. La medicina che incontra la redpill, fantastico :D

    RispondiElimina
  2. @Gabriele
    Complimenti, articolo molto interessante!
    Per me “...approfondire gli argomenti come la correlazione tra consumo di zuccheri, dieta e attività fisica...” ci può stare alla grande.

    Concordo al 100% su fatto che stiamo troppo tempo attaccati ai dispositivi elettronici e ci muoviamo troppo poco.
    Quindi, cari lettori del Blog, uscite di casa e fatevi dei bei giri a piedi o in bicicletta.
    Tanto, anche se state ore ed ore chiusi in casa davanti al PC o allo smartphone a tampinare le tipe su Faccialibro, poi non ve la smollano!!!!! :-P

    RispondiElimina
  3. Il declino dei livelli di testosterone negli ultimi anni potrebbe avere a che fare anche con il fatto che gli uomini stanno diventando sempre più beta ed effemminati? Ottimo articolo comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che ho pensato anche io quando ho letto lo studio. Certo non penso che nessuno porrà mai la questione in questi termini, ma secondo me la correlazione c'è eccome.

      Elimina
    2. Da perfetto ignorante in materia mi verrebbe da dire che essere effemminati casomai possa essere un effetto del calo di testosterone, più che una causa.
      Aggiungo uno spunto di riflessione, lo butto lì:
      A volte noto quanto i ragazzi effemminati/metrosessuali, che curano il loro aspetto in modo quasi maniacale, che hanno quel tono di voce da "checca" (scusate non so come altro dirlo) piacciano! In contrapposizione all'uomo wild, che piace sempre meno. Sicuramente c'è un fattore culturale di cui tener conto, ma non sarei così sicuro che comportamenti e caratteri femmine siano legati a carenza di testosterone.
      Ps: articolo ottimo! Molto interessante, sarebbe bello approfondire ulteriormente

      Elimina
    3. Mi pare che, in linea di massima, piacciano i metrosessuali e "effemminati" fortemente curati e più o meno palestrati ... mentre chi non ha queste caratteristiche ma presenta tratti associati stereotipicamente(oggi sempre meno presenti) alla femminilità(dolcezza, sensibilità e così via) mi pare non piaccia molto.... poi mi pare che vada molto, anche grazie a 'influenze culturali' stile uomini e donne/gf in e tanto altro nel mondo, un tipo "ideale" di maschio curato e vanitoso quanto e più di una femmina, consumatore compulsivo, palestrato ma che, tra sopracciglia meno folte di quelle delle ragazze e pelle morbida come un bambino, presenti atteggiamenti 'cavernicoli' dal punto di vista caratteriale e del linguaggio del corpo, che sia drammatico nelle emozioni ma anche poco sensibile e che sia apparentemente 'tutto d'un pezzo' e sopratutto devoto all azione più che al pensiero ... direi che Fabrizio Corona potrebbe essere un esempio estremo ed esagerato di tale categoria ma rende bene l'idea, tra vanità e machismo da e sopratutto zero o quasi virilità(che è tutt altra cosa rispetto al machismo) o sbaglio ?

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Se posso dire la mia, alle donne non frega una beata minchia che siate metrosessuali, boscaioli, vichinghi o tipi normali da città. Se siete bellocci potete essere chi vi pare e piacerete sempre, discorso opposto se non avete il bel faccino. Il Fabrizio Corona citato dall'utente sopra di me piacerebbe anche se fosse un tuareg jihadista con le ascelle pezzate. Non snaturatevi pur di piacere, piuttosto siate chi minchia vi pare di essere e MAXXATEVI.

      Edit. Ortografia

      Elimina
  4. Quindi lo zucchero va evitato. Invece cibi che favoriscono il la produzione di testosterone ? e poi ho sentito che la corsa è controproducente perché aumenta lo stress fisico inibendo la produzione di testosterone, è vero ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dall'intensità e dalla durata della corsa. Le corse di lunghissima durata sono deleterie, la classica corsetta che uno fa per tenersi in forma 3-4 ore a settimana invece è positiva, soprattutto se svolta ad intensità medio alta.

      Per quanto riguarda l'alimentazione non sono un grande esperto, però so che una dieta con discreto contenuto di grassi favorisce la produzione di testosterone, così come una dieta altamente proteica ne inibisce la produzione.

      Elimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.
✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili o discorsi oziosi.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.