11/03/19

Opinioni su Tinder: l'Esperienza Tragicomica di un Utente


tinder opinioni
In passato ho già espresso le mie opinioni su Tinder e sulle altre chat, spiegando un po' come funziona e riportando la mia esperienza e quella di altri utenti.
In sintesi, si tratta di una strategia per conoscere ragazze poco praticabile dai ragazzi sotto il 7, perché la concorrenza è tanta e l'estetica come fattore di scelta assume un peso ancora maggiore rispetto alla vita reale.
Oggi però un utente ha voluto portarci la sua recensione, raccontando in maniera dettagliata e in modo piacevolmente ironico la sua esperienza con questa app.
Buona lettura.

LA MIA ESPERIENZA SU TINDERoulette


Che diavolo vuol dire il titolo?
Beh, in questi 37 giorni di intenso utilizzo ho capito una cosa: Tinder è un gioco d'azzardo. Iscriversi significa giocarsi le poche energie e il poco tempo che abbiamo ad una slot machine, premendo compulsivamente lo stesso pulsante "like" per ore, assuefatti, con la speranza che proprio quella sarà la volta buona.
Personalmente, quando l'ho installato, sono stato colpito da un maledetto bagliore di speranza, ed ero così eccitato all'idea di questo nuovo mare di opportunità che ho faticato a chiudere occhio per una settimana intera.
Ma andiamo con ordine: ho 22 anni, e sono un normie come tanti, che, per puntare sui grandi numeri, ha da sempre maturato esperienza con le chat. Sì, le so usare, e so vendermi al meglio (leggi: "provo a rifilare me stesso un prodotto che non vuole quasi nessuna"). Questo lo dimostra il fatto che tutte le esperienze sessuali e sentimentali della mia vita siano nate dalle chat su Facebook e Instagram (e sui grandi...ssimi numeri, purtroppo, tengo a precisarlo).
La qualità delle tipe non è malaccio: a dispetto di ciò che si potrebbe pensare, le cesse obese non sono più del 30%. Ma il vero Redpillato non gioisce di questa notizia, perché ha immediatamente compreso come il restante 70% sia composto da normocarine che giocano all'ipergamata del secolo.

I profili delle vaginomunite, tra l'altro, sono compilati veramente col c*lo: una o due foto pessime, spesso selfie tattici, nessuna descrizione, nessuna informazione. Nel 95% dei casi saprai solo che si chiama Anna, ha 20 anni, vive in un raggio di 40 km da te, e probabilmente ha il fisico di un budino, dato che l'unica foto presente ne ritrae soltanto uno spicchio di faccia.
Le tipe, poi, hanno una valanga di tempo da perdere. Non solo sono su Tinder quasi solo per egoboostarsi, ma adorano scrivere messaggi del livello intellettuale di una scimmia tossicodipendente, per poi svanire alla tua richiesta di un contatto.
Il livello di ipergamia è alle stelle, le 5 puntano almeno agli 8, e soprattutto qualsiasi conoscenza procede davvero a rilento. Per un non-Chad, occorre sprecare una quantità esorbitante di ore in chat che non porteranno a niente. Pensate al vostro collega Gimmy, che trascorre ogni domenica pomeriggio all'Ikea con la moglie. Bene, vi assicuro, e mi ci gioco le palle, che se la cara mogliettina di Gimmy fosse su Tinder, swiperebbe a sinistra (=scarterebbe) il suo Gimmy in meno di un secondo.
Usare Tinder diventa perciò un vero e proprio lavoro full-time, vista la quantità di tipe da swipare e poi messaggiare; anche ottenuto il numero, per combinare anche solo uno spritz occorre stare attaccati a Whatsapp per giornate intere (quando non ti danno buca).

Ma voi tutti sarete curiosi di sapere se ho concluso qualcosa. Beh, vi accontento subito: praticamente zero. Ho ottenuto 38 match (che, tecnicamente, è una quantità enorme -provare per credere-), da cui sono passato a sole 3 chat su Whatsapp, e successivamente a 2 uscite. Con la prima (un onesto 6 estetico), c'è stata solo una sera di arrapanti pomiciate, finita senza pucciare il biscottino perché "cerca una storia seria" (??!!). La seconda, una 5 scarsa, nei primi minuti dell'uscita si è dichiarata fidanzata, aggiungendo che cerca soltanto qualcuno che le faccia amichevolmente compagnia mentre il suo ragazzo va a ballare (testuale!!!).
Come avrete ormai capito, il sistema è talmente sovrasaturo e l'economia sociale è talmente deviata dal lato femminile che Tinder non è altro che una luccicosa perdita di tempo, al pari di un operaio in fabbrica che sfoglia il catalogo dei nuovi modelli Porsche. E' come trovarsi in Piazza Duomo a Milano, con 100 maschi che si menano e 10 femmine intente a guardare come i più forzuti spaccano il collo agli altri.
Chicca finale. Dopo la prima settimana di utilizzo, ho addirittura sottoscritto un mese di abbonamento Tinder Gold (17€ buttati, sigh). Questo mi ha permesso di sfogliare tutti i profili femminili esistenti. Tra i vari scempi (trans, tipe in cerca di pura amicizia, scambisti,...) un profilo in particolare ha destato il mio sgomento. Lei: una mia compagna di università, gravemente sovrappeso, fidanzata. Sì, rileggete se non ci credete. Quel ripugnante capodoglio da 3 sta cercando compagni di avventure adulterine su Tinder, con una foto tattica in cui si vede solo una porzione di viso. Grassona fedifraga.
Poche ore fa, prima di scrivere questa storia di vita vissuta, mi sono risvegliato da un sonnellino. Ho sognato una ragazza che conosco. Studia ingegneria all'università, ed è brillante. E' bellissima, un 9 oggettivo. E' dolcissima. Sta con uno slayer tamarro che l'ha tradita, ma lei lo ha perdonato. Nel sogno lei mi baciava teneramente. Mi sono svegliato, e ancora una volta ho immaginato com'è la vita di chi può permettersi tutto questo. Di chi non è costretto dalla solitudine e dalla frustrazione sessuale a bruciare decine di ore al giorno correndo dietro alla cessetta bullizzatrice di turnoc, per sperare di ricevere un po' di calore umano.

-Anonimo-


Articoli Simili:





Hai anche tu una storia a tema redpill che vorresti raccontare? Contattami in privato.

 



60 commenti:

  1. "adorano scrivere messaggi del livello intellettuale di una scimmia tossicodipendente" Morto :D

    RispondiElimina
  2. Henry de Tolouse Lautrec11 marzo 2019 16:29

    Sotto il 7 non è vita.
    Ma andare addirittura su tinder è come per un diabetico entrare in pasticceria.

    RispondiElimina
  3. Henry de Tolouse Lautrec11 marzo 2019 16:40

    Che poi alla fine Tinder non è altro che un catalizzatore positivo delle dinamiche che avverrebbero comunque: così come l'ecommerce amplifica e velocizza la selezione dei clienti verso i negozianti (in 20 minuti confronti i prezzi di 50 rivenditori in tutta Italia mentre prima perdevi un pomeriggio per confrontare i prezzi di 3 o 4 rivenditori nella tua città) allo stesso modo l'e-dating amplifica la selezione dei maschi (una femmina sfoglia il catalogo e tra 500 maschi sceglie in pochi minuti il migliore da cui farsi montare quella sera).
    Non so cosa succederà in futuro. Forse, quando i redpillati di oggi saranno i padri di domani, daranno ai propri figli i soldi per la chirurgia maxillofacciale e sarà pieno in giro di finti mascelloni ben zigomati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è così. Dal vivo è un'altra cosa, soprattutto se non sei fotogenico e le foto sono di bassa qualità. Inoltre, nel virtuale, non puoi farti conoscere a 360°. Il vero problema è la superficialità della gente. Io esteticamente piaccio molto nella vita reale, meno nel virtuale.

      Elimina
  4. Uno degli aspetti più grotteschi è che molti fresconi che passano la giornata su Tinder o simili e, ovviamente, non combinano una cippa, vanno pure a vantarsi con amici e colleghi: “Oh ragazzi, figa, ho scaricato una app che ti fa scopare!!!!...”. E gli altri babbei: “Ohhhhh... cazzo... che figataaaa!!!!!...”.
    Ma porca zozza, se uno mi racconta che è uscito con dieci tipe di cui:
    - quattro gli hanno scroccato la cena
    - tre erano cesse obese e pure insopportabili
    - due gli hanno fatto due palle tante sfogandosi riguardo il loro ex fidanzato
    - una era pazza psicopatica
    e da tutte queste si è beccato solo dei gran pali, io gli dico senza girarci troppo intorno, che non è poi così furbo e che non c’è proprio un cazzo da vantarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torno sul mio post - Andy 11 marzo 2019 17:52 – per un’ulteriore precisazione.
      Una delle cose che mi urta maggiormente è prorio il “pecoronismo”, cioè quel “movimento” costituito da una massa di pecoroni mentecatti che, da un lato crede a tutte le cazzate da Bar Sport di paese, dall’altra le va poi a raccontare a sua volta.
      Il problema, secondo me, non è nell’utilizzare o meno Tinder (e/o simili), ma risiede nel suo utilizzo inconsapevole. Come molti hanno scritto, se il valore L di un uomo è inferiore a 7, costui avrà ben poche probabilità di combinare qualcosa e invece moltissime di perdere un sacco di tempo, con annesse infinite rotture di coglioni. Di questo bisogna essere consapevoli, dopodichè ognuno fa le proprie scelte.
      Il pecorone, invece, sente la necessità di darsi un tono (egoboost e status delle quattro pareti) e, pur di avere qualcuno che gli dia retta, al bar di paese si vanta di scopate folli con tipe strafighe. Peccato che costui racconti per lo più una marea di cazzate, continuando ad alimentare dei falsi miti che sono, a mio avviso, decisamente deleteri.

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec12 marzo 2019 21:05

      Io lo chiamo "effetto Svezia": negli anni 80 circolava voce che in Svezia si trombasse assai. Ecco che allora la gente partiva per l'interrail, andava in Svezia dove, sì, le ragazze sono bellissime, ma puntualmente gli italiani non battevano chiodo.
      E pero' pensavano "cazzo, tutti hanno trombato fuorche' me, mica posso tornare dicendo che non ho racimolato nulla, che figura ci faccio" ed ecco che quando tornava millantava di fantomatiche trombate con gran fiche (specialmente sulla trombonave Stoccolma-Helsinki che è trombonave solo di nome) diffondendo ancora di piu' la fake news che in Svezia si tromba, e così via il successivo.

      Elimina
    3. @Henry de Toluose Lautrec 12 marzo 2019 21:05
      Quello che hai fatto è un esempio perfetto. Tanti anni fa andai in vacanza in un paese scandinavo e posso confermare che le ragazze erano in buona parte mooooolto belle e alcune erano delle vere e proprie fighe imperiali (che in Italia non si vedono manco col binocolo), ma non mi cagavano neanche di striscio; anzi, per dirla tutta, non cagavano neanche i Chad loro connazionali (femminismo a 1000). Quando però sono tornato in Italia, a differenza dei pecoroni da bar sopra menzionati, agli amici ho raccontato la pura e semplice verità.
      Se, utopisticamente, tanti imbecilloni iniziassero a:
      - piantarla di raccontare cazzate al bar e/o credere a quelle degli altri
      - piantarla di fare gli zerbini delle CO, delle psyco, delle narcisiste manipolatrici (categoria pericolosissima!!!!!)
      - investire maggiormente su sé stessi, sui propri interessi e sulla propria autostima
      penso proprio che si inizierebbe a intravedere un miglioramento della situazione attuale.

      Elimina
  5. Vabbè, dai, ma questo è masochismo! Ma perché non si infilano un nido di calabroni nelle mutande, già che ci sono?
    Piuttosto che ridurmi così, me lo taglio.

    RispondiElimina
  6. Henry de Tolouse Lautrec11 marzo 2019 21:11

    L'idea di fondo è che sei "unattractive", anche con Tinder rimani incel, anzi lo sarai ancora di piu'.
    Questi mezzi per selezionare rapidamente gli stalloni aboliscono del tutto la "classe media" creando la dicotomia 20:80 (che secondo me su tinder diventa pure 10:90) dove i top mascelloni coprono tutto il branco di femmine e gli altri niente.

    RispondiElimina
  7. "al pari di un operaio in fabbrica che sfoglia il catalogo dei nuovi modelli Porsche"

    Questo.
    Essere sub 7 e sperare di poter combinare qualcosa di concreto con tinder = pura bluepill.

    RispondiElimina
  8. Anonimo autore, carino il tuo racconto e soprattutto la tua chiosa finale. Stento però a credere che una 9 OGGETTIVA studi con impegno e profitto ingegneria. Quelle di solito fanno altro, oppure non fanno proprio nulla perché hanno qualcuno che le mantiene solo perché così belle... Mi viene da pensare che, un po' perché circondata prevalentemente da maschi e/o da poche compagne di corso meno carine, ti risulti di più di quello che è (o magari tu fai parte di quella, purtroppo, minoranza che tende a vedere più belle fisicamente persone umanamente piacevoli).
    Cmq, al di là delle mie supposizioni, mi chiedo anche se, con una ragazza del genere accanto, non finiresti per sentirti a disagio perché inadeguato e con la paura perenne che lei ti scarichi per qualcun altro.
    Per il resto, peccato che con la ragazza da 6 la cosa non sia andata avanti.

    Riguardo alla compagna di università "capodoglio", magari non è in cerca di avventure adulterine come supponi tu ma semplicemente qualcuno di meglio del suo attuale lui (se ti va, dicci qualcosa di com'è di quest'ultimo) per il quale scaricarlo. Insomma, anche qui ci potrebbe stare l'ipergamia...

    Un saluto con simpatia, ed auguri per il meglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte, ricambio la simpatia.
      Ho risposto sotto a tutte le domande :)

      Elimina
    2. Proprio tutte tutte no ;)... Cmq no problem, va benissimo così e, rispondendo, hai confermato che l'impressione sulla tua simpatia.

      Se sei un 6.5 estetico, vedrai che, a meno che tu non stia mirando troppo in alto, è solo questione di pazientare un pochino per "raccogliere". Secondo me esperienze come Erasmus o campi di volontariato internazionale durante l'estate, se te li puoi permettere, sicuramente ti potrebbero essere d'aiuto più di Tinder (non ti dico di smettere di usarlo ma, se vuoi continuare, fallo con estremo realismo).

      Ancora auguri per il meglio :)

      Elimina
  9. Piccola esperienza personale che scrivo finché sono seduto sul cesso.
    Ho usato tinder per sei mesi circa, su consiglio di un amico (un 6.5/7 non schizzinoso che scopava tutto ciò che si muoveva) ho avuto diversi match con ragazze anche molto carine (funziona meglio all'estero cmq), tuttavia ho concluso solo un date con scopata la prima sera. La tipa era superfisicata tuttavia di faccia eravamo sul 5. Per il resto una valanga di rotture di coglioni in chat, pacchi all'ultimo secondo su whatsapp, profili fake che mi hanno chiesto le foto del cazzo, trans, cesse obese e psyco a nastro.
    Con la tipa in questione è andata easy, mai rotto il cazzo e ci siamo fatti un po di scopate sportive per alcuni mesi, poi ognuno per la sua strada.
    La morale della favola è che la morale non c'è, tinder è uno strumento potente nelle mani giuste. Se non siete dei fighi è inutile che lo vediate come la chiave di volta della vostra vita sessuale. Tuttavia se avete tempo e volete farvi due risate usatelo nei tempi morti quando siete in giro da soli in treno, all'uni o in giro per lavoro magari in un anno un paio di tipe da svuotare le palle vi capitano.
    Un abbraccio a tutti raga, vi auguro di riuscire a tirare fuori qualcosa di buono da sto mondo impazzito!

    Roger

    RispondiElimina
  10. Analisi ineccepibile, avrei potuto scriverla io. Tinder funziona solo per le donne e per una fetta ristretta di uomini. Gli altri uomini vanno bene solo per cliccare sui banner pubblicitari e pagare gli abbonamenti.

    RispondiElimina
  11. Avrei alcune domande per l'autore dell'articolo:

    1) Prima di sottoscrivere l'abbonamento a Tinder Plus, ottenevi match? Se sì, quanti in un giorno, mediamente?

    2) Mettevi like proprio a tutti i profili femminili, oppure facevi un minimo di selezione?

    3) Mi pare di aver capito che ti ritieni un 6: questo è frutto di autovalutazione o rappresenta una media di giudizi ottenuta da persone imparziali?

    Concordo comunque con chi ha ipotizzato che quella "9 oggettiva" non sia affatto una bellissima, ma al massimo una tipa carina.
    Le 9 sono Bianca Balti, Doutzen Kroes e le altre modelle d'alta fascia, tanto per rendere l'idea.

    Aggiungo infine una considerazione: per chi non ha amicizie e/o vita sociale, purtroppo i social (in senso generale, quindi non parlo solo di Tinder) rappresentano l'unica carta da giocare in maniera fattibile se si è quantomeno esteticamente decenti, dove con "decenti" intendo sul 6.
    "Sotto il 7 non è vita" è la solita estremizzazione da forum che non sta nè in cielo e nè in terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho risposto sotto a tutte le domande :)

      Elimina
  12. Una domanda: con Tinder Gold si può cambiare anche località manualmente e provare a vedere se si ottengono risultati migliori in altri Paesi? e se sì, l'autore dell'articolo ha provato?

    RispondiElimina
  13. Boh, io non ci capisco più niente.
    È qualche tempo che frequento blog e forum a tema "redpill"/"incel" e sono quantomeno perplesso.
    Voglio dire: quando sei a dieta, e la fame è tanta, di solito cerchi di evitare le pasticcerie...
    Qua invece mi sembra di aver a che fare con tanti ciccioni a dieta che si mettono volutamente a sbavare davanti a una vetrina piena di torte alla crema ben sapendo di non poter toccare neanche un pasticcino.

    Alla costante ricerca di ciò che non possono avere, si lanciano privi di ritegno in imprese umilianti e chiaramente senza alcuna seria possibilità di successo (Tinder, le chat, ecc...), le quali oltretutto costano tempo e denaro.
    Quando poi i fallimenti, puntualmente -e prevedibilmente-, si verificano, si buttano sui social a piangersi addosso e a ripetersi quanto faccia schifo la vita.
    No, dico, ma voi siete masochisti! Non mi meraviglia che ognitanto qualcuno perda completamente il contatto con la realtà, dia i numeri e combini qualche disastro.
    Se non avete le caratteristiche per competere, cercate un'alternativa (tipo le prostitute) oppure lasciate perdere!
    Andare avanti consumandosi nella ricerca di ciò che non si può avere non è da "redpillati"; è da matti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow un commento sensato che ancora è integro e non rimosso?
      La Redpill non esiste, esistono persone che certe cose le accettano già a 11 anni ed altri che devono ripetersi il mantra per tutta la vita di quanto questa sia ingiusta e non trombano per condizioni matematiche e geometriche.
      Non ci si può aspettare diversamente, sono cresciuti credendo a babbo natale fino a che non c'hanno sbattuto la faccia senza rialzarsi, questa è la mia conclusione dopo un 2 settimane di lettura.

      Elimina
    2. Ma 11 anni cosa se a quell'età sei ancora un bambino e dovresti pensare solo a giocare... ma tu avevi gia capito tutto della vita, eh?

      Il fatto che la vita sia ingiusta e che ci sono persone che non scopano perché brutte, andrebbe ripetuto e argomentato anche un milione di volte se necessario; quanto basti comunque a far tacere voi negazionisti e bluepillati.

      Elimina
    3. Ti confermo che a 11 anni c'ero già arrivato.

      Qui se metti in discussione l'approccio depresso che si ha leggendo il sito allora diventi automaticamente bluepillato e negazionista.

      Voglio dire, sono concetti logici che dovrebbero essere scontati.
      La vita non è giusta, la campana di vetro dove i tuoi genitori ti hanno messo prima o poi si rompe e sono mazzate.
      Penso che smetterò di leggere questi siti visto che, nonostante ci siano concetti e argomenti interessanti, c'è un ondata di misoginia e vittismo che non è nemmeno salutare per persone magari già con difficoltà psicologiche.
      Non è l'analisi in se di certe dinamiche sociali che è sbagliato ma l'approccio da rosicone depresso.

      Elimina
    4. @Anonimo14 marzo 2019 10:53

      Sono pienamente d'accordo con te e sto dalla tua parte.
      Io frequento questo blog da una vita, ho contribuito anche con alcuni articoli, ma al tempo stesso ho sempre contestato quell'approccio che giustamente definisci "depresso/da rosiconi/vittimistico" alla redpill, che generalmente viene sintetizzato con l'appellativo "blackpill".

      Questo atteggiamento è più che altro tipico dei vari forum "Dei Brutti" o "Incel", mentre sul blog e sulla pagina Facebook compare, per fortuna, un po' più di rado.
      Tuttavia, ogni tanto anche qui saltano fuori sprazzi di autocommiserazione che personalmente mi hanno sempre dato fastidio e qualche volta mi è anche capitato di scontrarmi con i fautori di questa linea di pensiero del tutto inutile e distruttiva, che non porta da nessuna parte, anzi compromette quell'analisi logica e senza paraocchi delle dinamiche sociali che dovrebbe essere il cardine di questi studi sociologici.

      Mettere in discussione l'approccio depresso e vittimistico non è affatto da bluepillati come qualcuno vorrebbe far credere, ma anzi è redpill allo stato puro.
      "Redpill" significa in sostanza percepire la realtà per ciò che è, quindi senza illudersi e raccontarsi favolette, ma al tempo stesso non estremizzando a dismisura i fatti e non assumendo toni autocommiseranti.
      In sostanza, chi fa la vittima e si lascia andare ad inutili piagnistei non ha capito proprio una cippa di cosa significhi "redpill"!

      @Red Dreamer in aggiunta al commento di Anonimo, mi permetto di correggerti su un altro punto: tu hai parlato di "brutti", peccato però che l'autore dell'articolo non sia affatto brutto, anzi è esteticamente poco sopra la sufficienza!
      Qui appunto si discuteva del fatto che su questi social (Tinder nella fattispecie) non basta semplicemente essere "normaloidi" o "carini" per rimorchiare, bensì occorre essere veramente FIGHI, molto sopra la media.
      E le esperienze dirette di certo non mancano.

      Elimina
    5. @Red Dreamer:

      "Il fatto che la vita sia ingiusta e che ci sono persone che non scopano perché brutte, andrebbe ripetuto e argomentato anche un milione di volte se necessario; quanto basti comunque a far tacere voi negazionisti e bluepillati."

      E dopo che lo hai detto e ripetuto un milione di volte? Quelle persone diventeranno forse meno brutte? O comincieranno a scopare?
      Sappiamo tutti benissimo come funziona, ma ripeterselo alla nausea non serve a niente, se non a cadere in depressione.
      La vita è ingiusta. Nasci brutto, così come puoi nascere malato o povero.
      Non per questo, però, un povero o un malato stanno tutto il giorno a ripetersi e ripetere agli altri quanto siano sfortunati. Semplicemente, lo accettano e cercano di vivere meglio che possono con ciò che hanno.
      Bisogna prendere atto della realtà. Non per far piacere a qualcun altro o per assecondare qualche oscura cospirazione di femministe o blupilati, ma solo tutelare la propria salute psichica.

      Elimina
  14. https://quillette.com/2019/03/12/attraction-inequality-and-the-dating-economy/

    RispondiElimina
  15. Ciao, sono l'autore dell'articolo!
    Rispondo alle vostre domande.

    1) la tipa di ingegneria è ritenuta da tutti coloro che le stanno attorno (ragazze incluse) come il massimo. La conosco da molto tempo e, sebbene sia molto critico da questo punto di vista, non sono mai riuscito a trovarle un solo difetto fisico. Qualsiasi punto del suo corpo è perfetto, esattamente come dovrebbe essere, ed ha proprio un bel faccino.

    2)la mia compagna di università capodoglio: come avete detto, è possibile che cerchi di ipergamare su Tinder. Il suo attuale ragazzo è un brutto vero ma non sovrappreso, diciamo un 4.5. Lei è molto sotto, perché la sua obesità è proprio grave, cammina a fatica.

    3) sono un 6.5 valutato all'unanimità sul Forum dei Brutti

    4) con il Gold si può cambiare a proprio piacimento la localizzazione, quindi si può provare all'estero. Tuttavia, non ho provato, perché non ero in vena di esperimenti: stavo cercando carne fresca, e qualsiasi tipa matchata all'estero sarebbe stato un risultato puramente virtuale, e anzi, mi avrebbe fatto accrescere la frustrazione.

    5)Col gold o senza gold ottenevo più o meno sempre lo stesso numero di match (leggermente superiore col gold, a onor del vero, per ovvi motivi). Senza gold, circa 5 a settimana; col gold, uno al giorno circa.

    6) Non mettevo like a tutti i profili: basta una semplice ricerca online per trovare le strategie migliori sul come comportarsi su Tinder. In sintesi c'è un algoritmo che punisce i morti di figa, impedendo loro di essere visti dalle ragazze. Mettevo like circa al 70%.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, ora mi è più chiaro il quadro e posso confrontare la tua esperienza con la mia e quella di miei conoscenti ;)

      Anch'io vengo valutato in media 6,5 (ma non all'unanimità: in realtà ho avuto un range di giudizi molto variegato, che andava dal 5,5 all'8!! Va detto però che questi due estremi coinvolgevano 2-3 "valutatori", tutti gli altri si assestavano sul 6,5 o sul 7) e con Tinder ho avuto risultati, almeno formalmente, simili ai tuoi.

      Scrivo "formalmente" perchè nel mio caso vanno considerati alcuni dettagli importanti: mettevo like solamente al 30-40% dei profili, vale a dire alle tipe dal 6 in su, non ho mai usato le versioni a pagamento (quindi nè Tinder Gold, nè tantomeno Tinder Plus e dunque potevo distribuire al massimo 50 swipe right giornalieri) ed utilizzavo Tinder in una zona con densità di popolazione medio-bassa, nella fattispecie una provincia del Nord Italia relativamente lontana dalle grandi aree urbane.

      Riguardo ai miei conoscenti, ti posso riportare l'esperienza di un ragazzo esteticamente nella media, diciamo sul 6: ottiene in media un match al giorno (ma vive in una metropoli) non utilizzando versioni a pagamento, però ha ottenuto sempre pochissimi appuntamenti, in più la stragrande maggioranza dei match manco gli rispondeva e soprattutto con nessuna ragazza è mai riuscito ad andare oltre il semplice incontro...sì, hai capito bene: nemmeno un bacio!

      Ora, continuo a ribadire il concetto secondo cui "Sotto il 7 non è vita" è un'estremizzazione da forum bella e buona che non corrisponde alla realtà dei fatti.
      E' pur vero però che quando si viaggia intorno alla soglia della sufficienza estetica ci vuole una pazienza non comune se si vuol tirar fuori qualcosa dai social, inoltre basta una piccola pecca sugli altri versanti dell'equazione (soprattutto lo status) o essere un po' timidi/poco socialoni per rischiare di trovarsi del tutto tagliati fuori proprio come i sub6.

      Noi che viaggiamo poco sopra il 6, invece, forse siamo già più in partita, però se vogliamo racimolare qualcosa in termini di vita sessuale o sentimentale dobbiamo mettere in conto che bisogna farsi il mazzo, non ci si scappa.
      "Non è vita" è una parola grossa, un'estremizzazione (ad essere del tutto tagliati fuori a prescindere sono sempre i brutti, non certo normaloidi e normo-carini), tuttavia la nostra resta sempre una vita abbastanza dura: o ne prendiamo atto e ci rimbocchiamo le maniche, oppure cerchiamo di dedicarci a noi stessi senza più di tanto dannarci l'anima per cercare avventure o fidanzamenti, magari limitandoci ad approfittare delle rare occasioni che giocoforza si presenteranno spontaneamente, prima o poi.

      Elimina
    2. Sono sempre io, l'autore.
      Sottoscrivo ogni tua parola, a malincuore.
      Purtroppo, da ormai due anni non ho più vita sociale, perché i miei amici storici si sono fidanzati già a 16 anni, e crescendo (ora ne abbiamo 22) si comportano ormai come coppie sposate. Loro non escono più se non con le ragazze, e io sono solo.
      Quindi, purtroppo, i social sono il mio unico tentativo di raccattare qualcosa. Sicuramente, essendo un pelo sopra alla soglia di sufficienza, se avessi una vita sociale sarebbe molto più facile trovare una ragazza, e, in più, magari ad un livello simile al mio. Perché, nella vita reale, l'ipergamia è meno pesante. Sui social, sono costretto a provarci con le 5, e mi snobbano pure loro!!!
      Questo mese sono uscito con 3 ragazze: le due di Tinder, e un'altra conosciuta su Instagram. Questa è una 5+ con un grave inestetismo ai denti, eppure ci ha messo un attimo a scroccare da bere e poi non farsi più sentire. Questa è la mia vita.

      Elimina
    3. Stessa cosa anche per me, solo che di anni ne ho un po' di più (38 per l'esattezza).

      Zero vita sociale, esco di casa solo per lavoro, palestra e qualche viaggio da solo nel weekend.
      Un tempo frequentavo diverse comitive ed avevo pure la fidanzata, ma per diverse ragioni che non sto a spiegare (sarebbe troppo lunga) ho dovuto tagliare i ponti con tutto e tutti.

      Ora non riesco più a reinserirmi socialmente, a causa sia dell'età che di alcune mie problematiche che rendono estremamente difficile l'interazione dal vivo con sconosciuti/e.
      L'unica strada per fare nuove conoscenze (non solo femminili, ma persino MASCHILI) è appunto quella dei social.

      Con tutte le conseguenze del caso, che tu hai ben sintetizzato.
      Mettici pure che sono relativamente "pretenzioso" (sono sinceramente attratto solo dalle pariestetiche sul 6/6,5 o superiori) e la frittata è fatta.
      Personalmente, cerco di dedicarmi il più possibile a me stesso ed alle mie passioni, nonchè a risolvere quel problema che al momento ritengo essere il principale (vale a dire l'assenza totale di amicizie e di vita sociale).

      Elimina
    4. @Anonimo 13 marzo 2019 12:01
      Secondo me al momento ti sarebbe più utile cercare di rifarti un giro di amicizie. Compatibilmente con il contesto in cui vivi e la distanza missima entro la quale ti puoi spostare, potresti coltivare i tuoi interessi o trovarne di nuovi. Lo stare troppo tempo da soli, se non voluto, non è sicuramente una situazione positiva.

      Elimina
  16. @autore dell'articolo: hai solo 22 anni... Vedrai che, tra qualche anno (normalmente coincide con il periodo tra la fine dell'università e l'ingresso per i più nel mondo del lavoro, che spesso comporta anche trasferimenti) molte coppie anche saldissime che si sono formate tra la fine dell'adolescenza e la prima giovinezza si rompono, e quindi questo porta a maggiori opportunità per chi apparentemente prima sembrava tagliato fuori.

    Per il resto, fermo restando che ovviamente molto dipende da dove si vive e dalle proprie opportunità economiche, ti ribadisco che, per allargare un po' il giro delle conoscenze, in una condizione come la tua più che i social possono aiutare occasioni come Erasmus, campi di volontariato internazionale e vacanze di gruppo tipo Scuolazoo. Una persona simpatica ed esteticamente nella media come sembri essere da circostanze simili ha solo da guadagnarci :) .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il problema sono le aspettative
      enormi che i mass media hanno fin
      dall'infanzia messo in testa alle
      femmine come dimostra questa buffa
      vignetta (è in spagnolo, però direi
      che si capisce cosa intende dire) e
      quindi le aspettative inserite nelle
      testoline femminili fin dall'infanzia
      sono difficili da cancellare (solo in
      età tardo-adulta si cancellano, però
      solo grazie ai fallimenti di vita, ma
      nel frattempo queste aspettative del
      cavolo hanno tagliato fuori tutti o
      quasi i bravi ragazzi non-fighi fuori
      da ogni scelta femminile, pensateci...)
      https://archive.is/JQE69/eee69a79c075995739cc8d894e2ab53637edfda9.2

      Elimina
    2. @Eric: non hai torto riguardo al discorso delle aspettative, ed infatti proporrei come antidoto la visione per tutti all'inizio dell'adolescenza dell'ottimo film "Fuga dalla scuola media" https://it.wikipedia.org/wiki/Fuga_dalla_scuola_media , che mostra quello che purtroppo è lo scenario realistico di molti adolescenti di entrambi i sessi e non solo di quel ristretto gotha che piace a tutti ed ha chiunque ai suoi piedi. E la visione sarebbe utile anche a questi/e ultimi, per capire il male che possono fare.
      Però le aspettative sono anche maschili e, durante l'adolescenza, anche i ragazzi concentrano le loro attenzioni su una ristretta fascia di "bellissime" ignorando, scartando o addirittura maltrattando le altre.

      Il problema è che, a causa di delusioni, molti (più maschi che femmine) assumono un atteggiamento rinunciatario e sfiduciato, rifiutando di cogliere occasioni come ad esempio l'Erasmus o i viaggi di gruppo perché convinti "tanto non rimedio, e torno a casa ancora più amareggiato e frustrato di prima".

      Elimina
    3. Sì, 22 anni sei giovane. Se ti metti nei giri giusti qualche fighetta la rimedi.. e per giri giusti non intendo la discoteca o i bar ma piuttosto il lavoretto al fine settimana (che poi capita che ti fai la collega cameriera o cassiera), l'università, l'animatore nel villaggio turistico, l'erasmus. Queste sono tutte esperienze che ho fatto e ho visto TUTTI portare a casa il punto. Ovvio che se vai in Erasmus e ti aspetti di scoparti 20 fighe in sei mesi, sei fuori strada. Ma 2 - 3 tipe te le fai di sicuro e ti diverti pure.
      Vedete quello che non capisco è come a 22 si finisca per finire a fare discorsi rassegnati dopo i no di qualche ragazzetta. Le somme si tirano più avanti e di gnocche te ne possono capitare anche 3 a settimana se ti metti nei contesti giusti sopracitati. Va da sé che il "crederci" non basta, bisogna mandare giù tanta di quella merda a pacchi però poi ecco che succede l'imprevisto.. e li capisci che anche tu poi beccare figa. All'inizio saranno un sacco di errori, che poi negli anni ti mangerai le mani quando l'esperienza ti insegnerà che hai fatto degli errori madornali con tipe che te l'avevano servita praticamente su un piatto d'argento :D
      "Ah quella volta eravamo in camera io e lei è non ci ho nemmeno provato" oppure "mi aveva chiesto di andare a casa sua alle 2.00 di notte e non ci sono andato perché ho preferito bere con gli amici" ecc.
      Le occasioni capitano a chi sta fuori ed esce. Chi resta a casa si sega.

      Roger

      Elimina
    4. Henry de Toluose Lautrec19 marzo 2019 08:10

      Dipende anche sa come sei. Se sei un 6,5 come l'autore, sì, è il minimo sindacale per poter portare a casa qualcosa dopo aver mangiato tanta merda. Se sei il classico incel recluso unattractive, puoi mangiare quanta merda vuoi ma mangerai sempre e solo merda e al massimo rimedierai friendzone, umiliazioni e sfruttamenti e alla fine dalla disperazione tirerai i remi in barca e farai il finto MGTOW (incel in denial) per salvare almeno le apparenze.

      Elimina
    5. @Henry: sempre ottimista, mi raccomando... Nella VITA REALE si può ottenere qualcosa anche sotto il 6 (ma NON sotto il 5) a condizione che:
      - si compensi con la personalità ed il saperci fare (ho visto uomini sotto il 6 ma divertentissimi, comunicativi e disinvolti rimediare e neanche poco e/o male)
      - non si punti troppo in alto (il che significa scordarsi quelle dal 7 in su, a meno che non si vada all'estero)

      Elimina
    6. Già, oppure si puó realizzare (a prescindere dal lato estetico) che la vita di un uomo non si risolve esclusivamente nel cercare una donna e di conseguenza dedicare tutto il tempo in predenza impiegato (con alterne fortune) nell’affannosa ricerca di una vagina ad attività capaci di regalare soddisfazioni in proporzione molto più ragionevole rispetto agli sforzi che richiedono.
      Del resto, in tanti lo hanno già detto...
      Mi rendo conto, peró, che per farlo si devono sfidare molte convenzioni sociali e, soprattutto, è necessario imparare a usare il cervello.
      Il che non è da tutti.

      Elimina
  17. @ Henry de toluose
    Vero, diciamo essere almeno al limite della decenza è requisito fondamentale. Io direi almeno un 6.
    Chi ha problemi grossi cranio facciali o di retrusione è meglio se li risolve con dentista e chirurghi vari. Alla fine se uno lavora e comincia pian pianino a mettere via due soldi qualcosa può sistemare. Se non ha nemmeno lavoro/finanze è dura. Lí restano le puttane (e forse neanche quelle).

    Roger

    RispondiElimina
  18. Premetto che non ho mai utilizzato Tinder, quindi non lo conosco. Comunque questo articolo mi sembra interessante e abbastanza redpillato

    https://www.seduzioneattrazione.com/tinder-funziona/incontri-online/

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti, nell'ultimo mese ho utilizzato Tinder con più o meno gli stessi risultati dell'autore dell'articolo.

    Ho 25 anni, mi ritengo esteticamente un 6,5/7 e ho studiato per 10 anni seduzione. Nella vita reale, con tantissima fatica, applicazione e anche grazie a tutte le esperienze fatte, mi ritengo fortunato a riuscire ad uscire ed avere qualche appuntamento con pariestetitche e molto raramente con ragazze più carine di me. Alcune volte concludo e altre no, ma sostanzialmente non ho mai avuto grossi problemi.

    Al momento per motivi lavorativi non riesco ad uscire alla sera nel weekend ed ho provato ad usare Tinder.
    In Tinder ho riscontrato molti problemi rispetto alla vita reale, in un mese di utilizzo ho avuto all'incirca 20 match, ho scritto a 10 ragazze e sono uscito con 3 di loro.
    Oltre ad aver buttato via una quantità di tempo immane, sono uscito con ragazze che mai avrei preso in considerazione nella vita reale, erano tra il 5,5/6 e per niente al livello delle ragazze con cui ero abituato ad uscire di solito.
    Il resoconto dei miei appuntamenti è questo. Una ragazza non ci stava per nulla e mi guardava con senso di superiorità. Con le altre due ragazze invece ho avuto qualche pomiciata, gli ho palpato il seno e in entrambi i casi si sono bloccate al petting dicendomi più volte che non volevano correre troppo. Alla fine queste ultime due non hanno voluto più rivedermi per una seconda uscita.

    Dopo un mese con Tinder posso dire che il gioco non vale la candela.
    Tutto il tempo speso, il risucchio di energie psicologiche e in piccola parte economiche mi ha sfinito.
    Dopo questa esperienza per un momento ho addirittura preso in seria considerazione il fatto di andare a prostitute anche se non lo ho mai fatto e non ne ho mai avuto bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @David Aames 21 marzo 2019 11:26

      È un problema che ho riscontrato anch’io anni fa quando chattavo; c’erano troppe tipe che cercavano solo egoboost e/o zerbini. Queste erano mediamente delle psycho nascoste dietro ad un monitor che nella migliore delle ipotesi (per il sottoscritto) non accettavano di conoscersi di persona, nella peggiore lo accettavano con tutte le rotture di coglioni del caso (sempre per il sottoscritto).
      Io sono abbastanza convinto che molte di queste si comportino allo stesso modo anche con i Chad/Tommy perché poi al momento del dunque se la fanno sotto, o tutt’al più scopano per far poi le fighe con le amiche, ma nel mentre sono rigide come dei manichini e non godono.
      Sarebbe interessante sentire qualche racconto a riguardo, per l’appunto, da vari Chad/Tommy.

      P.S. Certo che a furia di guardare tronisti, isole dei famosi e cazzate varie, quei pochi neuroni che queste donzelle possiedono si atrofizzano del tutto.

      Elimina
  20. Una domanda che mi hanno suscitato sia l'autore del racconto, sia il post di David Aames: ma voi, tramite Tinder e/o nella vita reale, volete per forza arrivare fino in fondo la prima o al max la seconda volta che incontrate una ragazza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio caso dipende molto dalla ragazza, da quanto sono interessato, da quanto abita distante e altri mille fattori.

      Le tre ragazze di Tinder non erano esteticamente carine, non il genere di ragazze con cui sono abituato ad uscire. Con due delle tre non sentivo nessun feeling e quindi volevo concludere la cosa in serata. Mentre con una delle tre c'era feeling, sono stato bene e baciava egregiamente, quindi ho spinto fino a dove mi ha lasciato, senza insistere troppo. Con quest'ultima di Tinder ero pronto ad aspettare un massimo di tre appuntamenti per concludere, però non ho avuto l'occasione in quando non ha più voluto vedermi.

      In passato sono uscito con ragazze anche più belle di me, ma baciandole non ho provato nulla, il bacio peggiore della mia vita. Non ci sono più uscito.

      La mia ultima ragazza fissa era più carina di me, c'era molto feeling e ho aspettato addirittura tre appuntamenti prima di baciarla e se non ricordo male 6/8 appuntamenti per concludere, senza insistere più del dovuto. Non mi pesava aspettare con lei.

      Con la maggior parte delle ragazze però voglio concludere in breve tempo (uno/tre appuntamenti), sono rare quelle che fanno breccia nel mio cuore di pietra.

      Elimina
    2. Cit.: "sono rare quelle che fanno breccia nel mio cuore di pietra."

      Almeno lo riconosci, ed è già qualcosa...

      Certo che di romanticismo tra gli utenti qui ce n'è proprio poco. Sarebbe interessante affrontare se questo sia per forza incompatibile con la visione lucida della realtà tipica della red pill...

      Elimina
    3. @Anonimo 22 marzo 2019 08:17

      Non voglio assolutamente essere polemico, ma con questo articolo e relativi commenti si cerca di capire se Tinder “funziona” oppure no, quindi il romanticismo è un argomento fantoccio e, come tale, non c’entra proprio nulla.
      Anche quando scrivi (immagiono sia sempre tu (certo che se non usate un nick, poi non si capisce una mazza)) “...volete per forza arrivare fino in fondo la prima o al max la seconda volta che incontrate una ragazza?” non c’entra nulla con il tema in questione.

      Elimina
    4. @Andy: spesso un argomento si collega all'altro per "associazione di idee", come afferma anche il redpillatore in un suo articolo, e talvolta da queste "associazioni di idee" nascono nuovi spunti (vedi articolo sulla "vita dei belli", da cui è scaturito quello interessantissimo sul "saperci fare"). L'importante è che non si divaghi troppo e, in coscienza, ritengo che il riferimento sul "entro quando" ci si aspetta di concludere era calzante con l'argomento se Tinder funzioni o meno.

      Elimina
    5. @Anonimo 22 marzo 2019 09:40
      Secondo me, invece, è semplicemente OT.

      Elimina
  21. Intervento semplicemente memorabile, ho riso dalla prima all'ultima parola, su "ripugnante capodoglio" sono usciti anche i lacrimoni... IDOLO

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Buongiorno, scusate l'OT...
    ma non ci sono più post da parte del ns Redpillatore?
    Aspettiamo con ansia nuovi spunti.
    Buona redpill a tutti (no sugarcoating)
    AK

    RispondiElimina
  24. Questo articolo non potevo non linkarlo. È un concentrato di perle di demenza tale che meriterebbe il Premio Nobel... per la demenza, ovviamente!!!! ROTFL

    Buona lettura

    https://www.vice.com/it/article/dpaawa/uso-tinder-ma-non-esco-con-i-ragazzi-887

    RispondiElimina
  25. Uso Tinder da 1 anno circa e ho ottenuto si e no 5 likes da qualche ragazza bruttina o normale. Su 1000 profili più o meno.

    RispondiElimina
  26. Ciao ragazzi. Articolo che non fa una piega. Io non ho mai usato tinder ma meetic quasi ininterrottamente da 8 anni e mezzo, e per un paio di anni anche badoo . Penso che alla fine un sito di incontri valga L' altro ( diverso è il discorso sui semplici social network come Facebook e instagram, dove le tipe non sono apposta per essere rimorchiate e infatti io Facebook non lo ho mai usato a fini di rimorchio). Prefiggo che esteticamente non sono certo un adone, mi darei un 5,5.ebbene, su meetic ho fatto una decina di Incontri, forse una dozzina su oltre 2000 tipe contattate. Di questi incontri, con tre tipe c' è stata la limonata e con altre 3 ci sono andato a letto. Tenete presente che la migliore di tutte quelle che ho incontrato era sul 6,5 e non ci sono stato a letto perché non ho voluto prenderla in giro (voleva la storia seria). Le altre andavano dal 3 al 5- 5,5. Considerate quindi, in base a ciò che ho raccontato che vi assicuro è la pura verità, che la percentuale di donne che riuscirete a incontrare, se non siete dei gran fighi, è davvero molto bassa e pertanto dovrete avere molta pazienza e fregarvene di quelle che neanche vi rispondono o addirittura vi bloccano subito, inoltre dovrete accontentarvi: se non siete belli veri, al massimo riuscirete, nei casi più fortunati, ad accalappiare qualche tipa appena appena chiavabile. Spero che il mio commento sia stato utile a qualcuno. Ah, vivo in una città di 184000 abitanti del sud Italia, quindi ovviamente le cose, in una metropoli come Roma o Milano, potrebbero anche essere diverse.

    RispondiElimina
  27. Che consigli date dunque ad un 3 oltre suicidarsi? No perche' la vita e' una sola, ma se sei brutto e non sei libero di fare quello che desideri e di farsi quella che desideri che senso ha? Andare a pay non risolve i problemi ( penso che se uno e' brutto e si lamenta significa che non vuole solo sesso, ma anche altro...), come se non bastasse non tutti riescono a diventare mgtow (come si fa a sopprimere il desiderio di avere un certo tipo di vita...che dovrebbe essere un diritto poi... come si riesce a passare tutte le festivita' in solitudine? Inoltre diciamoci la verita', ha senso fare l'mgtow solo se poi slayeri a dx e a sx, un mgtow incel si prende solo in giro da solo). Migliorare i propri livelli LMS e' difficile se non impossibile e poi come faccio a capire qual'e'il livello lms minimo per riuscire ad avere una donna (mi basterebbe una 3 o una 4)! La chirurgia estetica non e' detto che ti fa migliorare, potresti anche peggiorare, farsi i muscoli come e' risaputo e' inutile e per finire non basta manco avere un lavoro stabile con uno stipendio superiore a quello medio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ovviare alle festività in solitudine, si possono considerare i viaggi di gruppo, dove normalmente (soprattutto per le destinazioni considerate meno "impegnative") ci sono più partecipanti donne che uomini, e già solo il fattore numerico avvantaggia i secondi.

      Elimina
    2. Per il sesso le pay, per l’affetto gli amici (se pensi di trovarne in una relazione, sei un povero illuso...).
      Per il resto, esci dal tuo schema mentale: quello cioè secondo cui la tua vita deve necessariamente tendere ad avere una donna. È un inganno. Non ne hai nessun bisogno.
      Finché vivi anelando quello che non puoi avere soffrirai. E non smetteresti di soffrire neppure dopo avere avuto una donna, perché la realtà si rivelerebbe ben peggiore del sogno.
      Insomma, sii uomo: va per la tua strada.
      Tutto il resto è bluepill.

      Elimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.
✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili o discorsi oziosi.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.