23/01/19

Come Riconoscere e Difendersi dalla cd. ''Profumiera''

profumiera
profumiera

 Chi è la ''Profumiera''?

La donna, si sa, è abile nel padroneggiare l'arte della manipolazione. Non potendo contare sulla stessa forza fisica che la Natura ha concesso all'uomo, l'evoluzione l'ha necessariamente costretta ad agire d'astuzia e a sviluppare armi di persuasione più psicologiche che fisiche. E' probabilmente così che nel tempo è diventata tanto abile nel fingere e nel dissimulare, quanto perspicace nel riconoscere la finzione altrui: essere ingannati da una donna, soprattutto se di bell'aspetto, è piuttosto facile, ingannarla è invece arduo e ti fa sentire come un artificiere alle prese con un ordigno inesploso.


In un'epoca come la nostra dove il sesso è diventato un bene di lusso alla portata di pochi eletti, gli uomini poco attraenti hanno ancora più probabilità di cadere vittime dei tranelli femminili e spesso finiscono per compromettere seriamente la qualità della propria vita.
La donna sa che, grazie al proprio potere sessuale, è in grado di ottenere molteplici vantaggi dagli uomini e, complice una società che non fa che scusarla per i suoi comportamenti, non esita certo ad utilizzare ogni mezzo per ottenere i suoi obiettivi, anche passando sopra l'etica.

Esiste una parola spesso utilizzata per definire la tipologia di donna approfittatrice e doppiogiochista, ed è "Profumiera".
La profumiera è colei che sembra starci con te ma che, al momento di concludere, si tira indietro.
Sembra volertela dare, mentre ti vuole solo illudere facendotene annusare il profumo.
Il suo obiettivo è crearsi una schiera di uomini zerbini che stiano al suo comando e facciano ciò che lei vuole.

Le ragioni sono fondamentalmente 2 e possono benissimo coesistere:
  1. Ego: la profumiera è in genere una donna insicura e il cercare di manipolare gli uomini e indurli a fare ciò che lei desidera è semplicemente un modo per accrescere la propria autostima. Un po' come fanno le ragazze che si trovano in chat senza avere alcuna intenzione di incontrare qualcuno (salvo rarissime eccezioni),  bensì solo per avere un egoboost dall'enorme numero di feedback positivi che ricevono.
  2. Vantaggi materiali: lo zerbino addomesticato dalla profumiera infatti spende notevoli energie e denaro per compiacerla. Le fa notevoli favori come scarrozzarla in giro, offrirle drink e cene, passarle gli appunti della lezione che lei si è persa perché stava in giro a trombare con qualche figo e via di seguito.

Essere illuso da una profumiera non è mai una bella esperienza: ci si sente stupidi a causa della propria ingenuità e persino il danno economico passa in secondo piano rispetto alla consapevolezza di essere stati ingannati e aver creduto ad un miraggio.


Come Riconoscere una Profumiera

In un precedente articolo ho spiegato come capire se una ragazza è attratta, elencando i più comuni segnali di interesse che un uomo piacente può ricevere quando interagisce con le donne.

E' importante fare attenzione a questi indicatori perché sono un utile strumento per misurare la disponibilità di una ragazza, ma allo stesso tempo dovete essere consapevoli che non tutti i segnali sono genuini: alcuni sono semplici trucchi celati dietro una maschera di interesse.

Ad esempio: siete in un locale e avete appena approcciato una ragazza che risponde positivamente alle vostre avance. Ride alle vostre battute, manda avanti la conversazione e vi sfiora di continuo.
Ad un certo punto andate al bancone per prendere qualcosa da bere. La conversazione si protrae ancora per qualche minuto e poi lei trova una scusa per congedarsi. Lasciandovi lì come dei coglioni.

Cosa è successo? Lei aveva semplicemente voglia di bere qualcosa e vi ha illusi di essere interessata per farsi pagare la consumazione.

E' evidente l'ipocrisia dietro ai segnali che avete mal interpretato, ma il danno è stato fatto e voi vi ritrovate con 10 euro in meno in tasca e venti minuti buttati.

Vi assicuro che queste situazioni sono più comuni di quanto si pensi. Io ho conosciuto bestie ragazze che si vantavano perfino della loro abilità di ingannare gli uomini per scroccare cocktail, che se mai qualcuno scriverà la Divina Commedia 2.0 dovrà assolutamente includere un girone infernale per questa infame categoria femminile.

Come Difendersi da una Profumiera



Sfortuna vuole però che non sempre ci sia un modo efficace per difendersi dalle trappole, soprattutto se la furbata avviene in un lasso di tempo molto circoscritto e non avete modo di conoscere chi avete di fronte in maniera approfondita.

Ci sono però alcuni consigli utili:

  • Prestare attenzione alle incoerenze

Le parole sono in genere più falsificabili dei gesti. Può capitare quindi che una donna a parole mostri interesse, ma che il modo in cui si muove la tradisca. Vi riempie di attenzioni e complimenti ma il suo linguaggio corporeo è chiuso, con braccia conserte e gambe incrociate? Molto probabilmente il suo atteggiamento è solo una farsa. 
  • Restare umili

Vi hanno sempre scartato brutalmente perfino le ciccione, non trovate strano che all'improvviso una ragazza carina si mostri così aperta? Se vi sembra strano è perché lo è. Se assomigliate a Woody Allen e non avete la sua verve comica (men che meno il suo status) vi si dovrebbe accendere una lucina in testa.
Questo punto è quello che ignorano tutti quei polli che vanno a Budapest sperando di ficcare e si lasciano approcciare da ragazze così belle che in Italia non si accorgerebbero della loro presenza neanche a 1 metro, facendosi convincere ad andare in un bar per bere qualcosa.

Poi le signorine, d'accordo con il gestore del locale, spariscono e li lasciano lì con un cospicuo conto da pagare e un energumeno che sembra Fedor Emelianenko pronto a fare un servizietto poco carino nel caso non tirino fuori i soldi.

Insomma: restate coi piedi per terra.

  • Ricambiare la Profumiera con la sua stessa moneta

Normalmente quando si ricevono segnali positivi da una donna, la prima cosa da fare è spingere sull'acceleratore.
Dovete ricambiare i suoi segnali di interesse con altrettanti, in un'escalation che alla fine porterà al sesso.
Dovete però manifestare segnali dello stesso tenore (o leggermente inferiore) dei suoi, perché mostrare più interesse per lei di quanto lei ne mostri per voi potrebbe farla irrigidire e diminuire il vostro valore ai suoi occhi.

Spesso le profumiere riescono facilmente nella loro strategia perché gli uomini che si lavorano sono dei beta e non hanno la sicurezza di sè necessaria per procedere con un'escalation.
Il loro gioco regge perché la vittima è immobilizzata dalla timidezza e non riesce a trovare il coraggio per spingersi sul piano sessuale.
Non abbiate paura di ricambiare il suo interesse. Se una ragazza cerca il contatto fisico con voi ricambiate il suo gesto e spingetela a fare per voi più di quanto lei cerchi di indurvi a fare per lei.
Se di fronte alla vostra reazione si irrigidisce o diventa più fredda, molto probabilmente stava solo cercando di ingannarvi.

  • Stop Loss

Lo Stop Loss è un metodo utilizzato in ambito finanziario e consiste nel fissare preventivamente il prezzo di vendita di un titolo azionario in perdita.
In pratica l'investitore stabilisce in anticipo quanto è disposto a perdere in un determinato investimento, e si rassegna alla perdita nel caso essa si verifichi.
Il principio è che vendere subito in perdita può a lungo termine rivelarsi più proficuo che aspettare un rialzo che può benissimo non arrivare ( o almeno non a breve termine), quindi conviene tagliare le perdite e lasciar correre i profitti.

Questo espediente si può prendere in prestito ed applicare anche ad altre situazioni della vita, inclusi i rapporti con le donne.
Molte volte conviene troncare con una donna sulla quale si è investito molto tempo e denaro piuttosto che protrarre la situazione rischiando di venirne danneggiati ancora di più.

Valutate in anticipo quanto tempo, denaro ed energie siete disposti ad investire su una donna.
Dopo di che, se lei ancora non ve l'ha data, lasciate perdere.

A lungo andare ciò vi farà risparmiare molte risorse preziose che potrete destinare ad un altro rimorchio con più probabilità di riuscita invece di sprecarle con una profumiera.

Come fissare lo Stop Loss?

E' tutto molto soggettivo. Dipende dalle possibilità di ognuno, da quanto ci piace una ragazza e da molti altri fattori. In linea di massima non fate regali costosi a ragazze con cui non siete stati a letto. Se abita lontano proponetele di incontrarvi a metà strada, non sobbarcatevi tutto il costo del viaggio.

Ma il fattore tempo è secondo me quello più significativo.

Per esperienza occorrono tra le 7 e le 10 ore per portare una ragazza a letto. Gli stessi pua parlano di una "regola delle 7 ore".
In genere si tratta di 4-5 appuntamenti dopo i quali le probabilità che una te la dia calano drasticamente.

Chiaramente si tratta di una media. Può capitare che una te la dia dopo due ore e un'altra dopo 20.
Però è una media a mio avviso piuttosto attendibile e può essere utilizzata come punto di partenza per fissare uno stop loss.

Se dopo 10 ore che frequentate una ragazza non avete ottenuto neppure un misero bacio, beh forse è tempo di affrontare il fatto, sgradevole, di trovarvi davanti ad una profumiera.

A quel punto è forse meglio tagliare corto e rassegnarsi al tempo perso piuttosto che continuare a farsi sfruttare.


E voi, vi siete mai imbattuti in una profumiera? Come avete fatto a riconoscerla e come vi siete difesi? Fatemelo sapere nei commenti.



Forse ti Interessa:


36 commenti:

  1. Ahimè, mi sono appena reso conto di essere stato vittima di una profumiera durante la mia adolescenza. Questa non fece altro che farmela annusare tutta l'estate, scrivendomi in continuazione, costringendomi a supportarla in ogni momento, lanciandomi segnali ambigui. Una sera dopo essere stati 1 ora abbracciati e a strusciarci la baciai e lei dopo 5 secondi si dileguò. La parte positiva è che se non altro non mi sfruttò economicamente (del resto avevo 16 anni, il massimo che poteva scroccare da me era il mio tempo e il mio zerbinaggio psicologico).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Racconta anche che tipo di segnali ti mandava se ti va.

      Elimina
    2. http://archive.is/8m7nf
      Il consiglio che darei io all'admin
      di questo è sito è quello di cogliere
      la palla al balzo facendosi un giro
      su Instagram (nel link di cui sopra
      ti ho messo uno screen salvato "per
      sempre", cioè in eterno grazie ad un
      apposito portale che "salva in eterno"
      tutto quello che viene caricato) e ti
      faccio notare che essendoci un enorme
      interesse per l'Isola dei Famosi, se
      tu ("Il Redpillatore") fai un tuo bel
      articolo fatto per bene su Taylor Mega
      e sulla controversia di cui nella prima
      puntata della XIV edizione dell'Isola,
      secondo me saliranno moltissimo sia le
      visite in questo sito che nella pagina
      facebook collegata al tuo sito. Leggi,
      nel link qui sotto, cosa scrive quella
      ragazza (citata nel commento "Taylor ti
      ha menzionato"), fatti un giro sui social
      e soprattutto guarda cosa scrive in giro
      la gente. Fidati, dai retta a me e farai
      un botto di condivisioni... magari arriva
      il tuo sito sotto gli occhi di tanti tizi
      sfortunati nella vita: ma per far crescere
      il tuo sito devi cogliere la palla subito
      al balzo approfittando dei casini, capito?
      https://archive.is/8m7nf/d1c677f357813f3d41899d2b5959f82a140c7347.2

      Elimina
    3. Grazie del suggerimento, ma cerco di scrivere solo di cose su cui sono preparato e i reality non li seguo quindi rischierei di dire molte inesattezze e screditerei anche il resto dei miei contenuti.

      Elimina
  2. Penso che anche un ragazzo bello se ha l' aria ingenua e insicura possa essere vittima delle profumiere, giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se sono casi più rari, ci sono anche maschi "profumieri". Di solito bellocci, quando vedono che una che ritengono non di pari livello che si è presa la scuffia per loro, soprattutto se magari la supergnocca dei loro sogni non se li calcola, ce la fanno credere illudendola per aumentarsi l'autostima rovinandola a lei. E' una caratteristica di chi piace all'altro sesso, soprattutto in giovane età, maschio o femmina che sia (anche se sicuramente è più frequente tra le donne).

      Cmq ottimo il suggerimento di proporre (magari non la prima volta, ma entro le prime tre-quattro si) di incontrarsi a metà strada. Così come secondo me dovrebbe scattare un bel campanello di allarme se si esce con una di status socio-economico analogo se alla terza, max quarta volta che si esce insieme lei non si fa avanti per pagare il conto come una tantum o almeno per contribuire.
      Però ci sono tantissimi uomini che affermano "se con le donne non ti comporti in un certo modo (non solo le riaccompagni ma lei vai anche a prendere pure se non ti è comodo, paghi sempre tu e tutto quando si esce insieme) col cavolo che poi accettano di continuare a vederti...".

      Elimina
    2. Sì, la vittima della profumiera è più che altro l'uomo beta, remissivo ed insicuro. Di solito sono i brutti ad essere così ma non è necessariamente sempre così.

      Elimina
    3. Henry de Toluose Lautrec24 gennaio 2019 20:30

      in genere pero' i maschi profumieri le ragazze che hanno preso la scuffia se le scopano. Quindi la ragazza ci ha comunque guadagnato una sana trombata con il ragazzo dei propri sogni. Hai detto niente.

      Elimina
    4. @Henry: non sempre credimi, almeno NON a me. Il "profumiere" in cui mi sono imbattuta io non l'ha fatto, adducendo le motivazioni che per lui esisteva solo lei (fino a quando poi non ha trovato un'altra più bella che a suo dire gli faceva fare bella figura) anche se quella lei non ne voleva sapere di lui e che mi avrebbe fatto soffrire troppo.

      Elimina
  3. Henry de Toluose Lautrec24 gennaio 2019 20:28

    Ottimo articolo, aggiungo che la profumiera è spesso l'elemento femminile attivo della friendzone. Cioè la friendzone di cui hai già parlato, se dolosa, è causata da profumiere.
    Io le profumiere piu' furbe le chiamo "ragazze termostato": infatti le piu' astute diminuiscono l'opera di profumeria (contatti fisici, occhiatine dolci, sms o telefonate) se l'uomo si eccita troppo e viceversa aumentano l'opera di ingannamento se l'uomo si sta disilludendo o rompendo i coglioni.
    In altre parole mantengono l'uomo in un range di illusione che non sia né troppo alto né troppo basso. Perché non troppo alto? Perche' sopra un certo livello l'uomo si farebbe avanti in maniera esplicita e quella sarebbe la resa dei conti: o darla o fine del gioco. Viceversa quando l'uomo si sta disilludendo e l'interesse dell'uomo scende allora aumentano l'opera di profumeria. Proprio come un termostato, mantengono l'uomo in uno stato di illusione ma non troppo in modo che non ci provi mai perche' insicuro e di tirarla piu' per le lunghe possibile.
    Io sono stato fregato per un anno abbondante all'età di 17 anni, fu una friendzone pazzesca da parte di una profumiera astutissima che ha friendzonato tutti i ragazzi del gruppo. Ma per me è stato come un "militare" dei rapporti uomini donne, dopo quella volta non c'e' piu' stata una donna che mi abbia preso per il culo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. La friendzone altro non è che la truffa ben riuscita di una profumiera.
      Interessante anche la teoria della ragazza termostato, ingegneria avanzata per profumiere :D

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec25 gennaio 2019 16:58

      Il meccanismo del termostato serve per allungare la friendzone il piu' possibile tenendo la vittima in uno steady state.
      Altrimenti prima o poi la vittima o si rompe le scatole e molla tutto oppure ci prova e quindi lei è costretta a dire no e finisce il tutto.

      Elimina
  4. Mia esperienza con il tipo "profumiera": le superiori erano ormai agli sgoccioli, già c'erano le prove di esame, appena compiuto 19 anni, ancora KV.
    C'è questa mia compagna di classe, una delle tre rimaste in una classe dell'ITG (dovrò scrivere sulla vita facile delle ragazze all'istituto per geometri, quando ancora esisteva): una 6 per capirci, forse anche meno, pallavolista ma con un fisico un po' robusto tagliato con l'accetta, spalle da muratore ma due belle tette, terza abbondante.
    Fino ad allora non avevo mai fantasticato nulla, le avevo dedicato giusto qualche sega a 16 anni (ricordo che nella primavera del 2001 era venuta in classe un po' di giorni con un maglione viola a maglia larga e sotto direttamente il reggiseno nero, con un godibile effetto vedo/non vedo) ma sarà stato l'ormone che mi saliva dopo anni di adolescenza ascetica o l'idea che di lì a pochi mesi avremmo preso strade totalmente differenti, succede che inizio a provare qualcosa di più.
    Lei ha sempre ammesso di stravedere per il suo compagno di banco, uno che non se la filava nemmeno di striscio, anzi, la coglionava pure per il suo aspetto massiccio (tra l'altro a quel tempo era già impegnato con quella che sarebbe diventata sua moglie, all'epoca sedicenne LOL!), uno con il quale sono ancora in ottimi rapporti: le insidie più che altro provenivano da un altro tizio alpha-wannabe della nostra classe che la tampinava apertamente più altri peones che se la sarebbero volentieri ripassata.
    Comunque va a finire che mi lascio scroccare vari aiuti e aiutini per i compiti, e poi tra una lezione e l'altra cominciamo a confidarci le nostre impressioni sui compagni di classe, lei sulle compagne, io sui compagni, prendendo di mira quelli più antipatici a tutti e due, cominciamo a scriverci lettere (in realtà lei me ne ha scritte solo un paio, di risposta, io ne avrò scritte minimo cinque) però in una di queste si sbottona sul tizio con velleità da alpha che la tampina e lo liquida come uno con "la faccia da attore fallito", simile agli altri "appiccicosi" che le facevano il filo. Cazzo, allora vuol dire che ho una possibilità in più!
    Continua così la nostra "relazione" (ben conscio di fare da beta per alleggerirle il carico di lavoro scolastico, ma ingenuamente speranzoso di intrecciare la mia lingua con la sua): una compagna di classe durante un'intervallo, vedendoci ancora una volta confabulare insieme, arriva anche a dire "Guardate X e Y, stanno sempre insieme, non sarebbero una bella coppia?".

    fine prima parte - continua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inizio seconda parte

      Ormai è fine maggio, tento la spaccata: "Ciao X, sai, vorrei dirti che la mia forse è qualcosa di più di una semplice amicizia, sai, ora che la scuola finisce..."
      Mi interruppe lei, dopo un breve silenzio in cui non sapevo come annaspare data l'assenza di un buon feedback da parte sua, come quando uno in caduta libera tira la cordicella del paracadute e questo non si apre: "Non so davvero cosa posso farci".
      SBAM!
      La presi veramente male, ingoiai in malo modo il rospo, non era il primo palo che prendevo ma era solo la prima profumiera in cui incappavo: alcuni le chiamano giustamente scaldacazzi o calientapolla non per nulla.
      Foto di classe, dediche sul retro, la sua recita una massima di Platone: "Non cercate l'amico perfetto, cercate un amico".
      Anche la presa per il culo, l'autostima è a pezzi.
      Inizio a tempestarla di sms, chiamate, inviti ma nulla.
      Grave errore, non fatelo mai: si passa per molesti e in più si gonfia ancor di più l'ego a queste specialiste.
      Passa un anno e ci troviamo per la prima pizza di classe, io calcolo poco un po' tutti, questi rituali non li sopporto, ci vado solo per trovare quei due o tre peoones compagni di sventure: al momento di lasciare la pizzeria il tizio con velleità da alpha le si para davanti per salutarla, si guardano quasi con aria di sfida, i visi si avvicinano.
      E' stato un solo fottuto istante: le labbra si toccano rapide e stampano un bacio furtivo.
      Un'altra bella botta.
      Cioè, io non ci capivo più un cazzo: un anno dopo avermi scritto che lo reputava "un attore fallito" le stampa/si fa stampare un bacio sulle labbra? Poi con questo qui mi sono beccato per un anno a fare vasche in centro e me ne parlava sempre male, si vede che oltre al cazzeggio di cui sopra non sono andati.
      PS: ora ha 33 anni, è ancora single (il problema non è il femminismo, è che la vita si è dilatata e l'adolescenza dura fino ai 40 anni), so che ha mollato uno perché le aveva chiesto esplicitamente di sposarla, lei lo ha piantato perché figurati se mi sistemo col bravo zerbino Mr Nice Guy. Chiusa una porta, si apre un portone, quindi si è messa con un altro... che l'ha cornificata! Karma is a bitch.
      Ripeto, è ancora single ed è là fuori: probabile che la faccia annusare anche a voi ;)

      Elimina
    2. Grazie per aver condiviso la tua esperienza.
      Io ho preso moltissimi pali in vita mia ma fortunatamente mi sono sempre difeso bene dalle profumiere anche quando ero blupillato.
      Però certe cose che mi scrivete sono crudezze micidiali.

      Ah, e concordo sull'evitare di tempestarle di messaggi e chiamate. Non si conclude nulla e si dà loro ancora più potere (oltre che un pretesto per farsi passare per vittime)

      Elimina
    3. Henry de Toluose Lautrec26 gennaio 2019 08:09

      Sigh! Mi fai ripensare alle crudezze della mia friendzonatrice di quando avevo 17 anni (ora ne ho 42):
      -lei che mi raccontava dei ragazzi con cui usciva che ci provavano con lei ma lei le diceva di no perché "voglio un bravo ragazzo"; una volta mi disse "rambo mi ha baciata, ma io non ci sono stata". Cazzo 'vor dì che non ci sei stata? Se ti ha baciata ci sei stata, altrimenti ti allontanavi o tenevi la bocca chiusa. E io come uno scemo ad ascoltarla.
      -Mi chiedeva sempre "mi vuoi bene? mi vuoi bene?" ma lo faceva solo per illudermi e egoboostarsi.
      -Quando eravamo nelle serate tra amici si sedeva accanto a me e mi accarezzava (no, non nei punti che pensate voi)
      -Quando ando' in vacanza con i suoi le regalai una carta telefonica SIP per le cabine (niente cellulari all'epoca) da 10 mila lire per telefonarmi, non mi chiamo' nemmeno una volta e quando torno' mi racconto' che l'aveva persa. Questa fu la goccia che fece traboccare il vaso, non ebbi il coraggio di dirle niente ma smisi di cercarla e quando mi chiamava lei le parlavo in maniera distaccata e comincio' a fare l'offesa.
      (eh sì, faceva il termostato, se io non la cercavo mi cercava lei per buttare benzina sul fuoco)
      Comunque a quel punto fu la fine di tutto dopo un po' smise di cercarmi anche lei, io ricominciai a vivere da uomo libero.

      Elimina
    4. Henry de Toluose Lautrec26 gennaio 2019 08:28

      @Viribus Unitis:
      l'adolescenza dura fino a 40 anni perché le donne mirano ad allungare sempre di piu' il periodo della "giostra", cioè il periodo di libero mercato e poligamia/ipergamia (cerca con google deregulation del mercato del mating) perche' quel periodo lo vivono in god mode:
      19-39 anni: god mode: scopate selvagge e scopamicizie coi top chad bellocci senza alcun impegno e si circondano di sfigati friendzonati da sfruttare, definendoli “amici”
      40 – l’orologio biologico suona la sveglia, gli ovuli si avvicinano alla data di scadenza: MATRIMONIO AFFRETTATO CON UN EX INCEL BETA PROVIDER diventato avvocato, medico o ingegnere
      40 – fa un figlio
      42 – separazione
      43 – 65 si fa il Toy Boy belloccio giovane mentre è mantenuta dall’ex marito beta provider

      Elimina
    5. Volevo aggiungere un altro dettaglio: gennaio 2006, sabato sera, ore 20:45 circa, mi arriva un suo sms.
      "Sono nella tua bella [nome di paese sfigato del nord-est pedemontano a scelta]": così, senza spiegare altro, tenuto conto che lei abita a 40 km di distanza, me la ritrovo a poche centinaia di metri in linea d'aria.
      In quel momento ero stravaccato sul divano a guardare la tv, chiedo spiegazioni e lei mi risponde che aveva giocato una partita di volley nella nostra palestra comunale.
      Partita appena finita.
      Capito? Me l'aveva scritto quando stava già andando via, mica nel pomeriggio quando avrei potuto aspettarla al varco!
      Dal nervoso non me la sono sentita di zerbinare o peggio sclerare di nuovo chiedendole il perché non me l'avesse detto prima, ho lasciato stare.
      Capite fino a dove possono arrivare?
      Perché torturarmi così e fottermi l'umore di un weekend?
      Basta, mi fermo qui, potrei aggiungere altri brevi scambi di messaggi, dopo un lustro esatto, quando al termine di un'altra cena di classe le avevo chiesto di trovarci, dato che durante la serata abbiamo parlato per una buona oretta senza troppe paranoie.
      Risposta? "Scusa ma ho appena iniziato a vedermi con uno", quindi le replicai che io invece ero appena uscito da una fantomatica relazione, in realtà non avevo mai avuto neanche mezza morosetta e a quasi 26 anni ero ancora KV.
      Ancora per pochi mesi.
      Ma questa è un'altra storia ;)

      Elimina
    6. Henry de Toluose Lautrec28 gennaio 2019 07:27

      In questi casi la cosa migliore è NON RISPONDERE.
      Qualsiasi risposta, sia accondiscendente (zerbino) che acida (a quel punto lei farebbe la vittima) ti mette in trappola.
      Non rispondere e basta.

      Elimina
    7. @Viribus _unitis:

      Bel finale aperto degno di una puntata di x-files :-) .

      Telefilm che per le tematiche poteva interessarmi ma è un bell'esempio della m@@@a bluepillata anni '90 (i due che non sc@@@@no mai, i fan in attendente trepidazione...ma che tristezza) !!!

      Ma viva invece il poliziottesco anni '70 dove il commissario Merli puntualmente aveva spesso come scopamica/amante un'intellettuale di sinistra segno di come deve essere inteso il sesso (gioia di vivere e piacere reciproco) e non come una merce oppure uno della serie di Nico Girardi (Tomas Milian - detto er monnezza) che una sera va a casa di una femminista (quelle vere anni '70 !!) e lui in palese imbarazzo viene "salvato" dalla tizia che gli dice: "ah Nico...so femminista...se te va de scopa...scopamo nun farte problemi"...e lui...beh allora scopiamo :-) .


      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      P.S.: sarebbe da approfondire come tematica bluepill/redpill il rapporto di coppia tra i due di x-files (non ricordo come si chiamavano...non lo seguivo molto).

      Elimina
  5. Io sapevo che si chiamava "gatta morta"

    RispondiElimina
  6. "ora ha 33 anni, è ancora single (il problema non è il femminismo, è che la vita si è dilatata e l'adolescenza dura fino ai 40 anni), so che ha mollato uno perché le aveva chiesto esplicitamente di sposarla, lei lo ha piantato perché figurati se mi sistemo col bravo zerbino Mr Nice Guy. Chiusa una porta, si apre un portone, quindi si è messa con un altro... che l'ha cornificata! Karma is a bitch.
    Ripeto, è ancora single ed è là fuori: probabile che la faccia annusare anche a voi ;)"

    Attento, è molto probabile che fra cinque o sei anni si rifaccia viva. Molte, giunte alla soglia della menopausa, si scoprono improvvisamente attratte da uomini che prima tenevano al massimo come orbitanti

    RispondiElimina
  7. "Molte, giunte alla soglia della menopausa, si scoprono improvvisamente attratte da uomini che prima tenevano al massimo come orbitanti"

    Esistono anche casi (non dico che siano la maggioranza, ma ci sono) in cui si cambia davvero idea e ci si innamora sinceramente di qualcuno che per anni non si è considerato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Henry de Toluose Lautrec28 gennaio 2019 07:26

      Ma a quel punto quel "qualcuno che per anni non si è considerato" è già sposato con 2 figli con una donna straniera.

      Con le Italiane mi sarei sentito un po' come quello che non viene invitato a un banchetto luculliano. Poi alle 23 quando avanzano giusto le briciole viene fatto entrare "guarda ci sono un po' di avanzi"... "ah ci sarebbero anche i piatti da lavare, ci pensi tu vero?"

      Elimina
    2. E' il tuo caso. Però non pensare che sia valido per tutti.

      Elimina
  8. Una ragazza che conosco è una perfetta profumiera. Ogni tanto esco con il suo gruppo e ha decine di amichetti in friendzone. In questo gruppo sono tutti brutti e sfigati e lei è l'unica ( o quasi) ragazza, quindi è praticamente valutata una 9 da tutti. Lei inoltre è una ragazza molto aperta, ti parla a centimetri dalla faccia, ti tocca in continuazione e ogni tanto si lascia andare a complimenti che si contrappongono al suo carattere tendenzialmente da stronza. Ovviamente tutti i suoi amici sono in friendzone e lei lo sa benissimo. E' fidanzata da un paio d'anni con un tizio che abita a Genova, lei è di Napoli e si vedono a cadenza annuale. Le piace fare la finta single, non nasconde di essere in una relazione ma non ne parla MAI e non parla MAI del suo ragazzo. E' cresciuta con la madre separata perchè il padre se ne andò quando lei era piccola.
    Qualche tempo fa, provai a combinare qualcosa con lei, ma mi rifiutò. Evidentemente mi reputa brutto e sfigato rispetto a lei. Lei comunque vive in affitto con la madre disoccupata ed è povera ed in confronto io sono Berlusconi.
    Volevo chiedere all'autore di questa situazione. C'è possibilità con questa o meglio lasciare perdere completamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono l'anonimo sopra, mi sono dimenticato di dire che ha tutti amici maschi e pochissime, se non addirittura nessuna, amiche.

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec30 gennaio 2019 19:15

      Lascia perdere immediatissimamente!
      Ma naturalmente tu continuerai a sperarci e continuerai a zerbinarla :-) c'est la vie.
      Ma per il tuo bene, come si dice qui in Toscana "dai retta a Babbo"
      (no, non sono tuo padre, ma si dice anche nel senso di "dai retta a uno con piu' esperienza").
      Fare la finta single è tipico delle profumiere.
      Non e' improbabile che poi di nascosto scopi con qualche chad conosciuto sulle app di dating

      Elimina
    3. Dai retta a "babbo" Henry de Toluose Lautrec ma anche allo "zio" EX-N.C.H.
      :-) .

      Quello che hai citato tu è proprio un esempio di profumiera ... lasciarla perdere subito !!
      Io ne ho conosciute di ragazze così...mai però mi sono zerbinato con una del gruppo di amici ma con altre si lo ammetto :-( .

      SE fosse una vostra vera amica vi presenterebbe delle sue amiche, cercherebbe appunto di fare l'amica e vorrebbe la vostra felicità interiore o almeno aiutarvi.

      Nei racconti fantasy, nelle fiabe c'è sempre chi aiuta l'eroe o gli eroi...poi certo sarà lui a dover ammazzare draghi e vampiri ci mancherebbe.

      Non è degna della vostra amicizia, diffondi la teoria red-pill ai tuoi amici invece !!!

      La cosa che mette tristezza è che non capisco e non capivo e direi non capirò mai questo discorso che c'è sempre una o due principesse e poi "tanti" maschi con il galletto del gruppo.

      Anche i gruppi di amici che frequentavo (ho 45anni) la percentuale uomini/donne era tipo 90..80/10..20 eppure vedendo qui (#N-01) alla pagina tre non mi sembra che in Italia nascono più uomini che donne.

      Vediamo SE trovo tempo....in ultimo molto incasinato con problemi personali..ma volevo scrivere un articolo meglio strutturato dei miei commenti a ruota libera per il blog da inviare al redpillatore (poi SE vorrà lo pubblicherà ci mancherebbe :-) ).

      Continuo a leggervi man e riparliamo fra due settimane almeno.


      Lunga vita e prosperità a tutti i lettori :-)

      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      Elimina
    4. "Anche i gruppi di amici che frequentavo (ho 45anni) la percentuale uomini/donne era tipo 90..80/10..20 eppure vedendo qui (#N-01) alla pagina tre non mi sembra che in Italia nascono più uomini che donne."

      Premessa demografica: nascono al mondo più uomini che donne, ma i primi hanno un'aspettativa di vita inferiore. Le morti giovanili (soprattutto per incidenti e droghe, ma anche malattie) sono molto più frequenti tra i maschi, e questo fa sì che intorno ai 40 in Italia (prima ancora nei paesi dell'Est) ci siano più donne che uomini.

      Sono tua coetanea e credo di poter azzardare qualche motivazione relativa ai nostri tempi (poi non so se nel frattempo tra i tardo e post adolescenti di oggi le cose siano cambiate e quanto).
      Ai nostri tempi, c'erano standard molto differenti nell'educazione di maschi e femmine. I maschi venivano lasciati molto più liberi nelle uscite e nelle attività rispetto alle femmine. Nelle comitive giovanili di fine anni 80-anni 90 normalmente le poche femmine erano quasi sempre le sorelle, spesso di poco minori, di qualcuno del gruppo. Loro erano le uniche a godere di una certa libertà nelle uscite, grazie proprio alla presenza del fratello che teoricamente le sorvegliava. Quelle che non avevano questo privilegio del fratello di poco maggiore finivano spesso per fare una vita sociale limitatissima.
      Aggiungo inoltre che, normalmente, mentre i ragazzi venivano incoraggiati a fare amicizie e conoscenze ed ad essere ragionevolmente aperti ed estroversi, le femmine quasi sempre venivano educate ad essere quanto più possibile quiete, tranquille, educate, riservate, selettive. Stessi comportamenti venivano valutati molto diversamente se attuati da femmine o maschi, e questo mi sembra accada tuttora e credo che abbia ripercussioni anche nelle amicizie.
      Forse tra i nati nei decenni successivi questo si è attenuato, ma non credo sia scomparso del tutto...

      Elimina
    5. @anonima del: 31/01/2019-[21:53].

      Scusa SE sono un po' rompi ma forse non hai visto bene la piramide demografica (pag. 03 di questo documento: https://www4.istat.it/it/files/2016/12/2-popolazione.pdf).

      Nascono più uomini che donne ma nella misura di 101maschi su 100femmine come indicato qua [#N-02].

      Sul lungo termine (ma parliamo di tipo oltre i 75anni) le donne sono di più perchè di media vivono più a lungo.

      Inoltre percentuali da me citate (80/20) farebbero pensare ad una società semi-talebanizzata (non uscire di casa che i maschi vogliono solo quello oppure che è ... la verginità fino al matrimonio è stata spazzata via durante il vero femminismo ... quello anni '70 !!!).

      Per cui considerando quanto dici potrebbe starci anche un 60/40 e non un 80/20.


      Per cui nei gruppi di amici 20enni le percentuali da me citate (e che tu mi confermi) sono conseguenti di una società triste ed italiota dove la femmina veniva e viene idealizzata come essere sublime e perfetto in pieno stile blue-pill anni '90....purtroppo parrebbe questo discorso continua ancora oggi.

      Poveri i ragazzi maschi (tranne ovviamente i galletti del capogruppo dem giro degli amici della bea...che però si scopa solo la bea :-) ) dei tempi di oggi che non hanno un miglioramento rispetto agli anni '90.
      Beh unico miglioramento totale lo da la tecnologia con Internet.

      Grazie a tale strumento, invece di ascoltare i consigli di genitori e zii blue-pillati degli anni '90 che magari durante la loro giovinezza hanno sc@@@@to se va bene cinque ragazze e si credono dei seduttori seriali, possono leggere le perle di saggezza red-pill E capire bene come funziona la donna grazie a persone come il red-pillatore (ed in minima parte come me che commentano sui forum e blog) che hanno hackerato il meccanismo seduttivo :-) .


      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      N-02: http://www.lescienze.it/news/2015/03/31/news/rapporto_numerico_maschi_femmine_concepimento_nascita-2547462/

      Elimina
    6. "La verginità fino al matrimonio è stata spazzata via durante il vero femminismo ... quello anni '70 !!!)."

      Le ragazze nate negli anni 70 sono normalmente figlie di uomini e donne nati/e dalla fine degli anni 30 ai primissimi 50, che spesso si sono sposati/e prima del 68. Inoltre il 68 ha coinvolto in prima persona solo una parte minoritaria di giovani (non tutti potevano permettersi di andare all'università o cmq vivevano in grandi città). In provincia, soprattutto nel sud Italia, una certa mentalità ha resistito molto più in là rispetto a quello che normalmente si pensa.
      Insomma, non dico che le ragazze nate negli anni 70 venissero educate alla verginità fino al matrimonio, ma di sicuro a non farsi reputazioni di ragazze facili ed a stare lontane da pericoli e situazioni equivoche si.

      Elimina
  9. Henry de Toluose Lautrec30 gennaio 2019 19:16

    Stai lontano come la peste dalle compagnie con tutti maschi e una sola femmina.
    Piuttosto meglio SOLO maschi.

    RispondiElimina
  10. Chiedo scusa...ecco cosa intendevo.

    #N-01: https://www4.istat.it/it/files/2016/12/2-popolazione.pdf

    RispondiElimina
  11. Henry de Toluose Lautrec1 febbraio 2019 16:04

    http://web.archive.org/web/20021026175151/www.unili.it/dispense/piumaschi.html
    articolo del 2002

    RispondiElimina
  12. e' impossibile rinunciare a frequentare la profumiera se questa diventa la propria Oneitis.
    io continuero' sempre a frequentare la mia oneitis con la frequenza di una volta ogni due-tre settimane nella speranza che un giorno saro' abbastanza looksmaxato da attrarla

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.
✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili o discorsi oziosi.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.