Home Attrazione Come Capire se una Ragazza ci sta in 2 Modi

Come Capire se una Ragazza ci sta in 2 Modi

16
Come Capire se Piaci ad una Ragazza

Come Capire se una ragazza ci Sta

Abbiamo speso molte parole in questo blog per cercare di sviscerare i requisiti per attrarre una ragazza, ma ancora non abbiamo esaminato come capire se piaci ad una ragazza.
Lo faremo nell’articolo di oggi, che andrà un po’ ad analizzare quali sono i segnali di interesse femminili più comuni, o gli “indici di interesse”, come li chiamano i PUA.
Capire se una ragazza che non conosci o che conosci da poco ci sta non è per tutti semplice.
Certi segnali sono così palesi che è impossibile ignorarli ma, nella maggior parte dei casi, il modo con cui una ragazza ti comunicherà la sua attrazione nei tuoi confronti sarà molto più sottile e indecifrabile e richiederà una capacità di osservazione superiore alla media.
Tale capacità penso sia la qualità in assoluto più importante da sviluppare in ambito relazionale perché è ciò che ti permette

  • di sfruttare al meglio le tue possibilità giocandoti tutte le tue carte (e questo è fondamentale se di carte da giocare ne hai poche)
  • di ridurre al minimo la perdita di tempo e la frustrazione generata da approcci che si risolvono in un buco nell’acqua

La maggior parte degli uomini si concentra nello sviluppare le proprie capacità attrattive imparando tecniche o comportamenti che risultino attraenti, ma trascura totalmente lo studio del contesto seduttivo e l’analisi del target verso il quale indirizzarsi, e questo a mio avviso è il più grande errore che uno possa fare.
Molto più performante cercare di capire se una ragazza è recettiva o meno che sbattersi per risultare attraenti ad una ragazza con la quale non abbiamo nessuna speranza, sprecando inutili energie.

I segnali che una ragazza ti manda possono essere consapevoli o inconsapevoli ma fondamentalmente li possiamo suddividere in due categorie:

  1. Segnali  Fisici di Interesse
  2. Segnali Verbali di Interesse

Vediamo di esaminarne alcuni. Ce ne sono moltissimi ma penso sia sufficiente menzionare i principali. Inutile fare quello che facevo io, che memorizzavo liste lunghissime di segnali che poi non si manifestavano mai e toglievano solo concentrazione all’approccio, molto meglio focalizzarsi sui principali e più comuni.

#1 Segnali Fisici di Interesse 

  • Ti guarda: quando qualcuno ti guarda in maniera ripetitiva e prolungata, a meno che tu non sia vestito con un pellicciotto color rosa ciclamino e dei fuseaux aderenti in un pub stile irlandese pieno di omoni barbuti, ci sono alte probabilità che provi interesse nei tuoi confronti.
  • Ti Sorride 
  • Scuote o giocherella con i capelli
  • Ricambia il tuo sguardo: lo stesso vale nel caso in cui sia tu a guardare lei e lei ricambi e sostenga il tuo sguardo. Probabilmente lei ti ha già notato e tu non te ne sei accorto perché ti guardava con la coda dell’occhio. Spesso si crea un gioco di sguardi con lei che ti guarda , poi distoglie lo sguardo e poi ti riguarda.
  • Ti tocca: ad esempio siete seduti e ti sfiora le ginocchia con le sue, ti tocca l’avambraccio o le spalle mentre parlate. Oppure sei fermo e lei ti passa accanto sfiorandoti per farsi notare e voltando il suo corpo verso di te. Oppure state scherzando e lei ti colpisce (dandoti magari un pugno sulla spalla) ridacchiando.
  • Si sistema: quando c’è qualcuno che ci piace tendiamo a sistemare il nostro corpo per apparire al meglio, ad esempio raddrizzando la postura.

Linguaggio corporeo

Secondo un famoso studio che viene spesso citato di Albert Mehrabian (1967) , il linguaggio corporeo e l’espressività facciale risulterebbe essere più importante di quello verbale.
In particolare le parole conterebbero solo per il 7%, il tono di voce per il 38% e il linguaggio corporeo per il 55%. E’ uno studio famoso ma io sono piuttosto scettico sulla sua veridicità poiché si basa sostanzialmente sull’analisi di semplici fotografie. Non poche sono, tra l’altro, le critiche che ha ricevuto in ambito accademico, eppure c’è chi continua a considerarlo una pietra miliare della comunicazione.
Penso che le persone medie diano troppa poca importanza al linguaggio corporeo mentre i pua diano un’eccessiva importanza.
Capire alcuni gesti e movimenti può tuttavia essere utile per sapere se c’è un potenziale interesse nei nostri confronti.
Si può, ad esempio, capire l’interesse di una persona osservando la direzione delle sue mani o, meglio ancora dei suoi piedi. Questo è anche il motivo per cui i metodi di seduzione sconsigliano di approcciare le ragazze con i piedi rivolti verso il gruppo,e cioè per evitare di mostrare troppo interesse prima di essere accettati. Personalmente ritengo questo un consiglio molto valido che a suo tempo fece la differenza quando iniziai a sperimentarlo negli approcci.
Anche la posizione delle braccia e delle mani lascia intuire molte cose. Mettere in evidenza i polsi o protendere le braccia può significare apertura,  tenere le braccia davanti a sè (magari con la scusa di reggere un cocktail) può significare chiusura.
Chi vuole isolarsi tende a creare barriere intorno a sè con le braccia e le gambe o anche solo chiudendo gli occhi, oppure utilizzando oggetti come sedie, borse ecc.
Le gambe incrociate generalmente presuppongono chiusura, se invece sono accavallate possono significare interesse, specialmente se la ragazza accavalla e scioglie le gambe continuamente.
Osservate la scena nella foto. La ragazza vestita di rosso è rivolta verso l’uomo al centro. Le gambe sono accavallate e il piede destro punta verso di lui. Un braccio è proteso avanti mentre l’altro scende sulla coscia. Questo insieme di segnali è indicativo di un potenziale interesse.

segnali di interesse femminile

 

segnali di interesse femminile
segnali di interesse femminile

Qui sopra, entrambi gli uomini mostrano interesse nei confronti della donna, con l’uomo al centro che tende ad imporsi maggiormente e ad assumere una posizione dominante con le braccia che indicano verso i genitali. La donna presenta un’ambivalenza di segnali: le braccia incrociate con il bicchiere davanti al petto mostrano un atteggiamento di chiusura nei confronti del suo interlocutore più prossimo, mentre il piede sinistro che punta verso il secondo uomo e che esce dalla scarpa indica l’effettivo oggetto del suo interesse, cioè il belloccio più alto.

Prossimità
Uno degli indicatori di interesse più importanti e, allo stesso tempo, uno dei più sottovalutati e incompresi è la prossimità, cioè la vicinanza nello spazio.
Una ragazza potenzialmente interessata tenderà ad avvicinarsi, in modo tale da rendere più agevole il tuo approccio nei suoi confronti.
Talvolta potrebbe addirittura essere lei ad iniziare la conversazione, ma questo accade più raramente e quasi esclusivamente a uomini di elevato valore.

Ognuno di noi ha i propri spazi entro i quali si sente a proprio agio nel relazionarsi con gli altri ed esiste un parallelismo tra distanza relazionale e distanza fisica.
L’antropologo Edward Hall, che si è occupato di prossemica (ovvero la la disciplina che studia il comportamento, lo spazio e le distanze all’interno di una comunicazione, ha individuato quattro distanze in base al tipo di rapporto che intercorre con le persone con cui interagiamo.

  • La distanza intima (0-45 cm) riservata ai famigliari e al partner.
  • La distanza personale (45–120 cm, circa un braccio teso) per l’interazione tra amici.
  • La distanza sociale (1,2-3,5 metri, circa un braccio teso da ambo le parti) per la comunicazione con gli sconosciuti, come ad esempio il postino, il negoziante, l’insegnante ecc.
  • La distanza pubblica (oltre i 3,5 metri) per le pubbliche relazioni.

Le suddivisioni chiaramente non vanno intese in maniera assoluta, sono una media che poi può variare da persona a persona.
Di quanto spazio vitale abbiamo bisogno dipende da origine, cultura, educazione, personalità, esperienza passate ecc.
Anche il luogo in cui si vive fa la differenza: chi vive in città, ad esempio, è abituato a spazi più stretti rispetto a chi vive in campagna.

Monitorare  la posizione delle persone intorno a noi e come essa cambia può però essere utile per capire se siamo in presenza di qualcuno potenzialmente interessato a noi.
Segnali di interesse basati sulla prossimità:

  • Inventa dei motivi per stare vicino a te
  • Se ti sposti ti segue o ti aspetta
  • I suoi amici si allontanano e lei rimane
  • Se ti avvicini, lei non mostra disagio né arretra (talvolta lei potrebbe mostrare una resistenza fisica “simbolica” per non far vedere di essere una facile)

Mio Studio

Negli anni da pua spesi ad osservare il modo in cui le persone si relazionano, ho notato che le dinamiche di avvicinamento seguono spesso uno schema comune.
Chiaramente non pretendo di dare scientificità alle mie constatazioni, mi limito a suggerirvi di prestare attenzione a certe dinamiche e dirmi se trovate conferma.
Generalmente la distanza di osservazione, quella in cui le persone iniziano a prendere atto e a valutare chi le circonda è di circa 7-10 metri.

Occorrono circa 5 secondi per capire se una persona piace oppure no (talvolta pure meno).
Se non le piaci passerà oltre ed eviterà di stabilire contatto visivo.
Se piaci lei continuerà a guardarti e spesso rallenterà il passo o si muoverà in modo da guadagnare tempo. A 1.5 – 2 metri di distanza cercherà di stabilire un contatto visivo. A quel punto o ti approccerà lei, oppure aspetterà di essere approcciata.Se non lo farai avrai perso un’occasione.

#2 Segnali Verbali di Interesse

  • Inizia la conversazione con te: ad esempio ti chiede l’ora o ti chiede di accendere
  • Mentre chiacchierate è particolarmente loquace. Se si interrompe la conversazione lei la riprende.Inoltre quando ti dice qualcosa ti guarda per vedere la tua reazione.
  • Ti fa domande su di te: ti chiede come ti chiami, quanti anni hai, che lavoro fai, se hai la ragazza (talvolta accenna semplicemente al fatto che tu ne abbia una senza chiedertelo esplicitamente) ecc. Le domande su di te spesso hanno uno scopo che va ben oltre la semplice conversazione e servono per verificare se hai uno status socioeconomico abbastanza elevato per i suoi standard (nota bene che lei non è necessariamente consapevole di ciò).
  • Ti fa dei complimenti: ad esempio su come ti vesti, oppure ti chiama “donnaiolo” o cose del genere.
  • Flirta giocosamente con te: ad esempio ti sfida, ti contraddice ridendo ecc.
  • Riprende la conversazione quando tu smetti di parlare
  • Ti chiede se vuoi qualcosa da bere
  • Ti presenta ai suoi amici
  • “Anche io”:se stai parlando di qualcosa che ti piace o non ti piace, ti fa presente che si trova d’accordo con te
  • Quando stai per lasciare il locale ti chiede dove stai andando. Se lo sta per lasciare lei ti avverte in modo tale che tu possa chiedere un contatto.

Forse ti interessa: di cosa parlare con una ragazza?

Segnali di Disinteresse

Così come ci sono i segnali di interesse, ci possono anche essere dei segnali che palesano il disinteresse della ragazza nei vostri confronti.Sono spesso segnali diametralmente opposti a quelli analizzati.

Vediamone alcuni:

  • Evita il contatto di sguardi chiudendo gli occhi (e tenendoli chiusi) o guardando altrove.
  • Ti evita in generale (es. non accetta l’amicizia su facebook, non risponde su whatsapp o in chat, non risponde alle chiamate ecc.)
  • Fa l’opposto di quello che fai tu. Ha un linguaggio corporeo completamente opposto al tuo.
  • Non partecipa alla conversazione e si spazientisce facilmente. Spesso ti risponde a monosillabi. Questo spiega perché il saperci fare serve veramente a poco. Se non piaci ad una ragazza sarà molto difficile portare avanti una conversazione e quindi ogni abilità dialettica o ricchezza di argomenti non servirà a nulla.  Vedi:Effetto Alone e Pigmalione
  • Finge di non sentire quello che le stai dicendo
  • Parla con altri, ignorandoti
  • Arretra, si allontana (o non ti segue), ti volta la schiena

Segnali di Interesse e Disinteresse: le Tipologie
Come puoi vedere questi segnali possono essere attivi o passivi. Nel primo caso la donna manifesta un’interesse compiendo un’azione (ad esempio toccandoti), nel secondo caso omettendo di compierla (ad esempio i suoi amici si spostano ma lei non li segue per stare con te, oppure evita di parlare del fatto di essere fidanzata).

Una cosa importante da precisare e che tutti i PUA trascurano è che non tutti i segnali di interesse sono uguali ma dipendono:

  • Dal livello di coinvolgimento della ragazza: Alcuni segnali di interesse mostrano un semplice interesse all’avere una conversazione con te, altri invece mostrano una vera e propria attrazione, quindi disponibilità sessuale. Anche tra questi ultimi segnali però ce ne sono di più e meno forti. Un uomo da 6 non riceve segnali di interesse con la stessa intensità e frequenza di uno da 8.
  • Dal tipo di ragazza: lo stesso segnale può essere indicatore di un interesse molto forte se fatto da una ragazza e di un interesse minimo se fatto da un altra. Per una ragazza timida e introversa ad esempio toccare qualcuno è una mossa molto audace, per una ragazza espansiva ed estroversa può essere la normalità.

Inoltre lo stesso gesto può essere un segnale di interesse oppure un gesto di per sè neutrale che non significa nulla. Molte ragazze hanno ad esempio il vizio di toccarsi i capelli, quindi un gesto che è di per sè considerato un indice di interesse, in quello specifico caso non ha nessuna rilevanza.

Per concludere c’è anche da precisare che alcuni segnali sembrano di interesse ma non lo sono, sono vere e proprie trappole in cui le donne cercano di farvi cadere.
Ad esempio una donna può farvi dei complimenti, chiedervi di tenerle la borsa mentre va in bagno o di offrirle da bere.
Non lo fa perché è interessata ad instaurare un rapporto con voi, lo fa solo perché vuole vedere se vi vantate con lei e l’assecondate.
In questo caso le permetterete di assecondare il suo eco e basta, non avrete nient’altro in cambio da lei.
Avrete quindi capito che, fondamentalmente, quello che manca al PUA medio è lo spirito critico, ovvero proprio quella qualità che cerchiamo di sviluppare qui.

Come Capire se Piaci ad una Ragazza: il Test

Generalmente le ragazze che interagiscono solo per educazione, alla prima occasione se la filano.
Per evitare di perdere tempo ti consiglio quindi, dopo un po’, di fare un TEST, basato sui segnali che abbiamo elencato sopra.
Trova una scusa plausibile e allontanati per qulche minuto, poi guarda se sembra aspettare il tuo ritorno.
Dille che ti devi spostare un attimo (ad esempio per andare a prendere da bere). Se dimostra la volontà di seguirti o ti dice che ti aspetta è interessata.Se invece se ne va è tempo perso.

Alla prossima!

Forse ti Interessa:

Sottoscriviti
Notificami
guest
16 Commenti
Più Votati
Più Recenti Più Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Anonimo
Anonimo
2 anni fa

Una che ti incrocia per strada, mentre sei per i cazzi tuoi, e cerca di fermarti chiedendoti "Scusa, hai un accendino?", dopo averti peraltro già adocchiato qualche giorno prima, è da considerarsi come approccio a freddo femminile/segnale d'interesse palese?

Mi è capitato quest'estate con una tipa sul 6 pieno.

Anonimo
Anonimo
2 anni fa

Per mia esperienza ci sono anche – purtroppo – quelle che si fingono innamoratissime per o divertirsi a prenderti in giro, o…. per motivi del tutto ignoti! Sapresti dirmi perchè queste "imbecillesse" agiscono in questo modo, cosa pensano di ottenere? Ma soprattutto come fare a stanarle in tempo e magari sputtanarle, ed evitando noi una figura da idiota?

Anonimo
Anonimo
2 anni fa

Ottimo post.
Non sarebbe male scrivere quali sono i segnali "finti" e anche le motivazioni di fondo.

Van
Van
5 mesi fa

Anche al di fuori della seduzione, secondo me ci sono dei segnali veramente chiari.. per capire se vuole mantenere le distanze o meno. Spesso non vengono riconosciuti.
1)il parlare in modo troppo formale non aiuta ad avvicinarsi. Non andare oltre il rapporto studio-lavoro non cercare occasioni per "sbloccarlo" è un segno chiarissimo di distanza.Si può essere gentilissimi ma formali.
2)il rompere o non iniziare qualsiasi argomentazione che si spinge sulla semplice curiosità di sapere qualcosa sull'altro.
In questi casi di solito si parla di mancanza di interesse oppure interesse unilaterale, ovvero: le domande le fa uno solo.
Alcune persone pensano di sbagliare approccio, senza accorgersi che stanno provando a sedurre un muro. Non hanno valori abbastanza alti per interessare l'interlocutore. Qualsiasi cosa diranno, l'altra non ascolterà.
Nella seduzione, vedo molta gente perdere ore a parlare con dei muri.. Addirittura, nei casi più estremi, dare del tu a delle donne che rispondono col "lei" per ore intere.. a volte creando anche scene ridicole.
L'interesse(anche solo quello amichevole, figuriamoci quello che si spinge oltre ..) deve essere "sempre" reciproco per poter nascere qualcosa. Questa è la base secondo me. Forse anche perchè vivo in una zona nella quale le donne sono mediamente molto più emancipate degli uomini. Si vede palesemente se vogliono aprire o chiudere.
Quando l'interesse esiste, a volte basta chiedere che ore sono, per far nascere chissà cosa.
Poi bisogna distinguere l'interesse positivo da quello negativo nascosto dietro un atteggiamento malizioso per dire cose scomode. Alcune donne giocano sull'avvicinarsi a qualcuno, in modo malizioso per poter dire cose che altrimenti pensano che non accetterebbe(esempio per potersi lamentare di qualcosa).
Ho visto uomini in sala prendere dei grandi pali(rifiuti) da donne che li fissavano.(questo è un classico, uno sguardo deve essere interpretato in quale contesto avviene, non tutti lo fanno).
Idem ci sono altri segnali che possono ingannare.. lei(il tuo capo ufficio), si siede sulle tue ginocchia.. ti accarezza.. cerca il contatto.. poi ti chiede di fare straordinari molto poco pagati o scomodi(è un modo di dire). Questo ovviamente non significa interesse, ma che è una furbetta che cerca di sfruttare il proprio fascino, per farti fare quello che vuole. (scena che ho visto tempo fa).
L'argomento è molto vasto. Osservando la gente(nei bar nei locali), questi fraintendimenti li vedo succedere migliaia di volte. Non generalizzo, ho elencato solo esempi di cose osservate.

Anonimo
Anonimo
1 mese fa

Ciao ragazzi! Una curiosita, come giudicate questi segnali? Ad una festa conosco una ragazza, di livello medio/alto, dopo 3/4 giorni mi invia richiesta d'amicizia su facebook, ed io l'accetto. Dopo circa una settimana mi contatta lei per prima sempre su Facebook ed iniziamo a parlare e scherzare, conversazioni che all'inizio sono di conoscenza e man mano aumentano di tensione sessuale. Nel frattempo ci vediamo sempre con il gruppo di amici, per scelta mia, dato che non le ho mai proposto di vederci soli, perche in qirl periodo mi andava di fare cosi. Dopo qualche giorno, lei mi chiede il numero e cerca sempre di mettermi al corrente di tutte le sue uscite, e anzi spesso mi invita. Dopo un mese /40 giorni di conoscenza riceve una chiamata di lavoro e si trasferisce dalla nostra citta al nord a 700 km di distanza. Con il suo trasferimento, nonostante i km di distanza continuiamo a sentirci tramite chiamate, videochiamate, chat e con la lontananza e il non potersi vedere quotidianamente dentro ne scatta qualcosa la inizio a vedere non piu come amica ma un qualcos'altro e cerco in tutti i modi di andarla a trovare, anche perché lei mi ha invitate spesse volte ed è felice di incontrarmi. Allora io un bel giorno in una delle nostre conversazioni, le dico che dato che ci stiamo sentendo spesso toccando vari argomenti, del nostro futuro, aspirazioni, con una buona dose di tensione sessuale e colgo la palla al balzo dei suoi continui inviti, le dico che andrei nella sua nuova citta per incontrarla e capire le sue intenzioni visto che i presupposti ci sono. Alche lei, dopo queste mie parole inizia col dire che non se la sente di buttarsi in storie a distanza, e che ho frainteso tutto io. Allora io le dico che è pazza visto tutte le cose che ha fatto e che quindi se cerchiamo cose diverse è meglio troncare tutto,e cosi io chiudo i rapporti. Lei dopo qualche settimana si rifà sentire, e di li ricominciamo a sentirci, e di li a breve torna nella mia citta e mi chiede se ci possiamo incontrare, io per orgoglio e un po per non dire subito si, non la rispondo per un po di giorni e quando rispondo dopo 3 giorni lei è gia in viaggio. Dopo tutte queste vicissitudini ricomincia ad invitarmi nella citta in cui ora vive e continuamo a sentirci fino a quando io non le chiedo perché ha questo atteggiamento che prima si mostra interessata, poi rifiuta, e mi risponde che ha poca autostima e non riesce a distinguere quando uno prova qualcosa rispetto ad una leggera simpatia, e poi perché fondamentalmente di lei nessuno si innamora. Poi arriva il covid e chiudono tutta l'Italia ed arriviamo a noi, mi contatta per dirmi che a guorni scenderà nella nostra citta, e che finalmente dal vivo potremo avere un cobfronto in merito a questa situazione e passare del tempo insieme. Cosa ne pensate di tutta questa vicenda?