Home Dinamiche Sociali Attrazione Ecco Come le Donne si Comportano con gli Uomini Belli

Ecco Come le Donne si Comportano con gli Uomini Belli

133
le donne guardano la bellezza
le donne guardano la bellezza

Le Donne Guardano la Bellezza?

Un saluto a tutti, sono l’autore dell’articolo qui postato “Un brutto vero al liceo”. Già da un po’ di tempo volevo scrivere qualcosa sul tema anche se non sapevo bene come mettere insieme le idee, quindi…alla fine ho semplicemente deciso di scrivere quel che mi veniva in mente in piena libertà e buonanotte al secchio! ?

Volevo raccontare la mia esperienza e chiedervi delle vostre, (si, l’argomento mi incuriosisce) questo perché non so quanti di voi hanno o hanno avuto un amico veramente bello, il che ovviamente vi ha portato consciamente o inconsciamente a paragonare la sua vita “sentimentale” alla vostra. In quanto redpillato mi sono anche trovato alcune volte a dare consigli a bellocci blupillati che, ironia della sorte, comprendevano i comportamenti di tipe che frequentavano meno di quanto facessi io, giungendo a dar loro consigli che si sono poi rivelati utili.

Porto come esempio un paio di bellocci, il primo dei quali piuttosto clamoroso visto che parliamo di un 7,5-8 che (vi assicuro) vive una vera e propria realtà parallela rispetto anche ad un normaloide, figuriamoci un bruttino come me (sono un 5/5,5, lo riporto per dovere di cronaca). Ho ancora contatti con questo ragazzo, ma in passato e per diversi motivi/contesti ci siamo trovati a stretto contatto anche per periodi di tempo medio/lunghi e…ciò che ho visto mi lasciò proprio senza parole.

Parliamo di qualche anno fa, ho avuto anche modo di passare alcuni giorni con lui come suo ospite, mi faceva leggere le sue conversazioni, uscivamo insieme, davo un’occhiata al suo profilo facebook e vi assicuro che i suoi racconti (tutti veritieri, anche perché assistevo e leggevo conversazioni in prima persona) mi lasciarono a dir poco allibito. Ragazze che lo approcciavano dal vivo anche se stava praticamente immobile, molte delle quali arrivavano ad umiliarsi pur di avere una sua attenzione, ma umiliarsi sul serio, siamo abituati a vedere zerbini uomini, ma molti di noi magari non hanno mai visto una donnula diventare un essere strisciante in isteria da venerazione.

Insegnanti milf all’università, vigilesse che lo fermavano per provarci, addirittura in periodi diversi andò a letto anche con una donna ed una ragazza che erano madre e figlia, ovviamente senza che nessuna delle due sapesse dell’altra.  Un altro episodio che mi colpì tantissimo fu quello di una ragazza di un suo amico che ci provava in modo subdolo con lui, attenzioni che lui evitava accuratamente fin quando dovette allontanarla del tutto perché questa qui alla prima litigata con il ragazzo si offrì (in modo umiliante) di fargli un p****no pur di farci qualcosa. Tutti qui sappiamo che le donne cambiano completamente atteggiamento di fronte ad i bellocci, ma credetemi quando vi dico che trovarsi a stretto contatto con un bello vero ti fa assistere cose che altrimenti non vedresti mai, il livello di degrado a cui possono arrivare le femmine di fronte ad un alpha, atteggiamenti che non hanno nulla da invidiare agli zerbini maschi, forse anche peggiori.

Un altro episodio che mi colpì tantissimo fu quello di una ragazza con cui chiacchierò via facebook, i due si erano anche scambiati i numeri, si divertiva a mandarle qualche messaggio a sfondo erotico visto che lei (come tante altre) pendeva letteralmente dalle sue labbra. Un giorno si stufò di sentirla, smise di risponderle e dopo due giorni questa qui gli mandò un messaggio dicendo che era arrivata in mattinata nella sua Città per sperare di vederlo (stiamo parlando di tanti chilometri, si era presa un treno per inseguire questa speranza). Risposta di lui? Nessuna, non la pensò affatto, non le rispose nemmeno e alla fine questa qui riprese il treno nel pomeriggio per tornare a casa, qualcosa di allucinante.

In un’altra occasione (qui parliamo di un altro belloccio a cui diedi dei consigli), l’amico in questione mi spiegava come le ragazze veramente belle siano sempre isteriche e apparentemente piene di problemi mentali, gelose, sempre pronte a scattare per un nonnulla, piene di manie e menate varie. Ebbene mi disse che tra una tipa e l’altra ne aveva trovata una meno bella che gli sembrava molto più “normale” e ponderata nei suoi confronti, non si lasciava andare ad isterismi e avevano instaurato un rapporto di letto privo di impegni, ma piuttosto sano. Mi disse appunto che non si capacitava, perché le ragazze veramente belle gli davano tanti problemi ed una carina si comportava in modo totalmente diverso? Ovviamente da buon redpillato gli feci capire che lei si comportava così perché era lui ad avere il coltello dalla parte del manico, aveva un valore di mercato più alto di quello di lei sia dal punto di vista estetico che economico, poteva permettersi donne più belle di quanto lei non fosse, dunque la tipa carina si dava una “regolata” nel tentativo di non lasciarselo sfuggire. Rimase profondamente colpito dalla mia risposta (chiaramente più articolati di quella che ho riportato qui), sia lui che gli altri ragazzi presenti dopo una rapida riflessione si rese (anzi resero) conto che io avessi ragione, pensandoci a freddo mi disse senza mezze misure che il mio ragionamento (pura redpill) non faceva una piega, completamente concorde.

Ora veniamo al punto dolente…da buon normobruttino ho sempre faticato nel trovare donne, sappiamo benissimo come per noi sia difficile poter rimorchiare una pariestetica, (chiaramente prendendo in esame solo l’aspetto, se siete ricchi o avete uno status di nicchia il discorso cambia) figuriamoci una più bella di noi. I bluepillati si fanno tante beghe mentali pensando a come e dove migliorare, il saperci fare, il carattere e tutte quelle idiozie, ma dall’altro lato ci sono i belli veri, tipi che vivono quotidianamente una realtà che noi altri possiamo solo sognare e anzi, spesso abbiamo una visione delle donne estremamente romanzata, le vediamo come esseri “irraggiungibili”, non alla portata di un uomo, individui che mai si abbasserebbero a zerbinare quanto noi. Naturalmente ci sbagliamo, non sono alla NOSTRA portata, ma quando ci sta di mezzo un bello vero (io l’ho visto), le donne perdono ogni dignità come e forse anche peggio di noi.

E voi? Avete o avete mai avuto un amico bello vero? Se la risposta è si vi sarete sicuramente resi conto di quanto essi vivano su un diverso piano esistenziale, tutto è più facile, tutti si interessano a loro e gli danno attenzioni, feedback positivi a rotta di collo ed egoboost alle stelle. Io la vivo bene, nel senso che sono ormai consapevole, le cose stanno così e basta, ma immagino che molti altri normobruttini o peggio ancora i brutti veri, possano soffrirci davvero molto.

-Mario Rossi-

Forse ti Interessa: 

Sottoscriviti
Notificami
guest
133 Commenti
Più Votati
Più Recenti Più Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Scusate, ma in cosa le donne si comporterebbero peggio o cmq diversamente dagli uomini di fronte alla bellezza di un esemplare dell'altro sesso? Lo "zerbinarsi" e l'avere meno pretese nei confronti di qualcuno/a che si ritiene (a torto o a ragione) di livello superiore al proprio credo sia una dinamica trasversale ai sessi (anzi, direi pure indipendente dagli orientamenti sessuali… pure tra omosessuali si verifica lo stesso). Insomma, mi sembra la scoperta dell'acqua calda…

L'unica differenza è che, nella valutazione complessiva del partner, la bellezza estetica per le donne mediamente incide un po' di meno rispetto agli uomini, anche se cmq in questo influiscono variabili come contesto sociale ed età, e che questa nella generazione presente viene tenuta più in considerazione rispetto a quelle passate. Però mi sembrano cose abbastanza scontate più che "redpillate" :-/ …

Mario Rossi
Mario Rossi
1 anno fa

Sono discorsi scontati fintanto che vediamo i belli veri come qualcosa di aleatorio, sappiamo che esistono, sappiamo più o meno come vivono, ne conosciamo qualcuno, ma fidatevi che trovarsi vicino a loro per giorni interi e assistere in prima persona a quel che fanno e quel che gli accade intorno è completamente diverso. Vivere una situazione non è come sapere che quella cosa esiste, le sensazioni sono completamente diverse.

Un pò come dire: "Va bene ho una malattia mortale, però tanto lo sappiamo tutti che prima o poi si muore". Si va bene, lo sappiamo tutti, ma una cosa è trovarti di fronte alla morte, un'altra sapere che si muore. Ovviamente ho esasperato il concetto, ma spero che in questo modo sia più chiaro quel che intendo dire.

Parliamo di persone che aprono la porta di casa e vengono approcciate, le donne in strada gli sorridono, gli lanciano sguardi languidi, sono cordiali e propositive nei loro confronti (si, anche quelle con il fidanzato accanto). Si tratta di una vita completamente differente rispetto alla mia, la vostra (se siete normobruttini) o quella dei normaloidi.

Emanuele
Emanuele
1 anno fa

Grazie per l'articolo, anche se per un brutto come il sottoscritto non è facile leggere queste cose (figuriamoci per chi ne è stato testimone oculare). Ciò che dà più fastidio è che le donne di cui si parla nell'articolo se interrogate su quali siano le qualità che più le colpiscono di un uomo parleranno di qualunque cosa tranne che dell'aspetto fisico.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Aggiungo una cosa, che si lega al qui citato spesso "effetto alone": così come capita spesso di essere più benevoli nella valutazione di una persona esteticamente bella, può capitare anche che una persona, indipendentemente se uomo o donna, viva la sua avvenenza in modo talmente tanto narcisista ed autocompiaciuto al punto che questo finisca per svilirla agli occhi altrui, sminuendo la sua bellezza. Oppure può capitare anche ai bellissimi o alle bellissime di venire tenuti a distanza o addirittura rifiutati da qualcuno con la motivazione "non mi andava di correre il rischio di sentirmi la parte inadeguata della coppia, magari finendo per essere scaricato presto per un altro/a". Insomma, la bellezza facilita la vita sia per gli uomini, sia per le donne, ma cmq va contestualizzata e ritengo sia un po' superficiale credere che sia garanzia automatica di assenza di delusioni e frustrazioni 😉 …

Van
Van
1 anno fa

Un'altra cosa sempre sul discorso dello status: in diversi locali che ho frequentato conta farsi vedere in compagnia femminile se sei maschio.
Devono essere tipe alle quali almeno un pochino interessi.. altrimenti si vede che la cosa è forzata. Andare con una che conosci poco può essere addirittura controproducente. Ci deve essere un minimo di feeling..
Lo so che è un controsenso, perchè uno solo potrebbe dire: Se sono solo come faccio a trovarla allora? Eppure in Italia conta anche questo.
Anche qui non generalizzo, dico solo quello che ho visto..
In alcuni locali che ho frequentato in Irlanda potevi andare al pub da solo o con la carovana..non gliene fregava niente a nessuno.. contava "solo" quello che facevi, come ti comportavi.
Del resto, appunto, in quelle zone a 18/20 anni molti vanno via di casa, vivono soli, magiano fuori da soli, imparano a socializzare lontano da casa, quindi mi è sembrato che abbiano una mentalità un pochino diversa rispetto all'abitudinario che cerca "la comitiva" per uscire, qui in Italia.
Se sei un 8 ci puoi andare anche da solo, ovunque.. anzi.. se sei "solo" lo vedono come una fortuna..l'estetica spicca.. Se uno non è bellissimo, la cosa cambia(anche se uno è mediamente socievole)
Hai presente quando c'è una panineria vuota e una piena, e tutti vanno in quella piena? anche se fanno più fila? Alcune volte succede qualcosa di simile.
Ci sono persone addirittura che se ti vedono solo con amici non ti guardano di striscio.. appena ti vedono con una con la quale ai feeling addirittura si "svegliano" e in casi estremi chiedono il numero" (è un caso estremo di una cosa successa una volta).
Alcune vedono il ragazzo impegnato come più "desiderato", di conseguenza è come se entrassero in competizione tra loro. Mentre vedono quello single, in particolare se è normale o sotto il 6..) invece come uno sfigato o come uno qualunque. Nemmeno lo notano.

Unknown
Unknown
1 anno fa

Eccellente testimonianza! solo preciserei che un belloccio non e' necessariamente alpha , anzi spesso i bellocci di alpha non hanno niente perche' non hanno bisogno di mostrare altre qualita' che non sia la loro bellezza

Mario Rossi
Mario Rossi
1 anno fa

Dal punto di vista femminile un bello vero è un "alpha" a prescindere, qualsiasi sia la sua personalità.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Disamina ineccepibile per esperienza diretta molto simile alla tua, quoto ogni concetto che hai espresso nel racconto, complimenti Mario.

Unknown
Unknown
1 anno fa

Nell'articolo che condivido in pieno

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Io nel periodo del liceo ho suonato in un gruppo musicale con altri tre ragazzi, tutti e tre bellocci. Io bruttino e magrissimo di costituzione. Avevano sempre ragazze che si facevano avanti di loro iniziativa. A me non è successo nemmeno una volta. E' stata dura, mi ha fatto credere di essere più brutto di quello che in realtà fossi. Un'ossessione che mi ha segnato per il resto della vita.

Unknown
Unknown
1 anno fa

Infatti….si dicono cose che dire scontate e' dire poco. Anche un bambino sI rende conto che una "cosa" bella attira piu' di una brutta.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Non posso che confermare tutto.
Potrei dire che non si è redpillati finché non si vede con i propri occhi come si comportano le donne con un uomo bello.

Mario Rossi, mi hai ispirato e quasi quasi prima o poi propongo un articolo anche io al redpillatore.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ottimo articolo, sarei curioso di vedere il limite di tutto cio'. Voglio dire, se per esempio ipotizziamo una o piu' donne sposate e con figli in un ambiente chiuso e ristretto (ufficio, palestra, ecc…) ed all'improvviso in quell'ambiente entra un Alpha Super Belloccio (un 8 tanto per intenderci) non importa se single o no.

Secondo voi, quante donne ci proverebbero? In barba alle regole sociali, e morali?

(non fatemi la predica che anche gli uomini tradiscono bla bla bla qui si parla di specificatamente di comportamento femminile)

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

ok che conta moltissimo l 'aspetto fisico e il bel faccino, ma io penso che ad alcuni range, sopratutto chi sta tra 6 e 7 il saperci fare può fare un enorme differenza.
Qua questa cosa viene totalmente sottovalutata.Sarà che il mettersi in discussione e migliorarsi per molti è osteggiato da pigrizia e luoghi comuni…un sacrificio che per molti non vale ed è pii comodo rifugiarsi dietro conta SOLO il bel faccino. Conta, ma non è il solo…come non è SOLO soldi.

Lo vedo nei locali notturni dove persone in questo range e anche inferiori , poichè addestrate a sedurre, riescono a portarsi a casa risultati interessanti anche con ragazze >=7 e bellocci timidi che se non vengono approcciati da qualcuna tornano a casa con le pive nel sacco.

Anche perche nei locali notturni, a meno che si è un dj o special guest, quando aprocci hai piu o meno lo stesso status di tutti. E, a meno che tiri fuori subito a roteare tra i pollici il portachiavi della Porsche, non dai troppe informazioni sul tuo Money status.

Marco
Marco
1 anno fa

"…visto che parliamo di un 7,5-8 che (vi assicuro) vive una vera e propria realtà parallela rispetto anche ad un normaloide…"

Da normaloide "di fascia alta", valutato in media 6,5 dal Redpillatore ed altri utenti, non posso che confermare.
I feedback descritti da te nel caso del tuo amico da 8 non li vivo nemmeno per la centesima parte.
Da quando ho looksmaxato (prima ero anch'io un 5/5,5 ma a causa di inestetismi come sovrappeso e calvizie combinati insieme, quindi non per via di problematiche legate alla struttura craniofacciale), nel giro di 3 anni ho ricevuto appena 3 approcci diretti dal vivo: uno in strada, uno in palestra ed un altro in un ristorante da parte di una cameriera, quest'ultimo forse più indiretto.

Sguardi languidi per strada? Qualcuno ogni tanto mi capita e anche da tipe carine, ma si parla appunto di episodi relativamente sporadici.

Certamente anche questi avvenimenti sono già fantascienza per un brutto o un bruttino, ma a loro volta le esperienze di un bello vero diventano pura fantascienza per un normaloide/normocarino come me ed altri.

Non conosco personalmente belli veri, il ragazzo più bello di mia conoscenza è un 7 ed a quanto pare già lui qualcosina si deve sudare.
Tuttavia, non stento affatto a credere che la vita di un 8 sia tale e quale a quella da te descritta per esperienza indiretta.

La vera "soglia" non è il 6, bensì il 7.
Passata quella ti puoi permettere di tutto, persino la sociofobia estrema in quanto saranno le donne stesse ad approcciarti con regolarità e zerbinarsi come se non anche più degli uomini, persino mentre cammini in mezzo alla strada, mentre ti alleni in palestra o al supermercato mentre fai la spesa.
Io mi illudevo che looksmaxando e superando il 6 avrei avuto la strada spianata senza muovere un dito, ma purtroppo sono dovuto piombare prontamente sul pianeta Terra.

Morale di tutto: superare la soglia del 6 è necessario, ma NON SUFFICIENTE (ti possono ancora tagliare le gambe sociofobia ed assenza di vita sociale, come ad esempio nel mio caso), per vivere decentemente a livello sessuale/sentimentale.
Superare invece la soglia del 7 è SIA NECESSARIO CHE SUFFICIENTE per togliersi tante soddisfazioni a livello sessuale/sentimentale, anche restando immobili.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Questo è un articolo valido: ilredpillatore.org/2019/02/prima-donne-e-bambini.html

il tuo no Mario Rossi

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ragazzi belli, ormai diventati uomini, lì conosco e alcuni sono anche amici d'infanzia e posso, senza ombra di dubbio affermare che sono tutti blupillati. Come qualcuno ha già scritto prima di me infatti, loro pensano che il rimorchiare le donne sia dovuto al fatto che "ci sanno fare", "che le sanno approcciare", quando in realtà "la fase del rimorchio" parte non prima che la tipa in questione abbia dato il suo lasciapassare fatto di sguardi intensi se non qualcosa di ancor più esplicito. Solo allora si muovono…. se si muovono. Capita infatti molto spesso che è la tipa che approccia direttamente. Parliamo ovviamente di gente che sta sul 7+, 7 e mezzo e oltre. E infatti questi bellocci hanno tutti, eccetto uno, la compagna che in proporzione a loro è più brutta. Ha ragione infatti la persona che ha scritto l'articolo quando afferma che le carine, rispetto alle bellocce, hanno meno turbe psichiche che vomitano addosso al partner. Ma la ragione per la quale questi individui hanno la ragazza più brutta è che semplicemente anche loro sono sotto scacco ipergamico femminile. Anche per loro infatti è dura ricevere sportellate, anche se ovviamente le prendono molto più saltuariamente, e da donne normopari ma anche un mezzo punticino in meno se non di più. Quindi si adattano e attendono di essere "predati" (anche se poi sono convinti che sono stati loro a rimorchiarsele) da donne normaloidi che poi diventeranno le loro ragazze, se non le loro mogli. Solo uno di loro, oltre alla bellezza ha anche quel menefreghismo tale che gli ha consentito di infischiarsene delle sportellate, e infatti i risultati si vedono da chi gli sta accanto e cioè una sua normopari. Quindi, la maggior parte di essi, fa esattamente quello che facciamo noi comuni mortali quando riceviamo umiliazioni; si chiude a riccio e aspetta. Soltanto che loro che sono 7+ e 7 e mezzo rimediano delle 6 – 6 e mezzo.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

@Anonimo 27 febbraio 2019 00:00 : leggendoti mi viene da pensare che tu ti ritenga sicuramente più bello ma forse anche umanamente migliore non solo della tua amante ma pure di tua moglie :-/ …

No Pill
No Pill
1 anno fa

Premessa: dissento pressoché totalmente dal "pensiero red pill".
Con onestà intellettuale devo però dare atto all'autore del blog e in particolare al redattore di questa testimonianza che alcune cose sono effettivamente vere.
Porto il mio esempio: mai avuti problemi con le ragazze, sempre ottenuto un discreto successo, mi occupo di organizzazione eventi della vita notturna che pullulano di belle ragazze, ma anche prima di fare questo mestiere sono sempre riuscito ad avere relazioni, frequentazioni, avventure con ragazze che voi definite 7 o persino 8.
Sempre seguendo la vostra classificazione, però, io sono massimo un 6.5.
Ebbene, nonostante – ripeto – un certo status e una vita relazionale soddisfacente, se non sono io a impegnarmi a conoscere, contattare, creare connessione con le ragazze, non mi si incula nessuna. Nei periodi in cui ho molto lavoro da sbrigare o in cui ho comunque meno tempo e voglia di dedicarmi a "provarci", non ricevo inviti, proposte, messaggi, nulla da nuove ragazze. Se oggi decidessi di smettere di applicarmi, smetterei probabilmente di scopare. Non ricevo mai approcci da sconosciute, né sui social né live. Al massimo qualche richiesta di amicizia e qualche like, ma nessun messaggio di esordio o invito esplicito a meno che non sia stato io a fare la prima mossa e a creare una certa intesa o familiarità.
Tutti quelli di mia conoscenza che per voi sono 8 non devono invece fare assolutamente nulla. Ma proprio nulla: sono le ragazze a cercarli, sempre.
Per esperienza personale, dunque, su questo non posso minimamente darvi torto.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

@#No pill:

Come dire no martini no party … no pilll…si red-pill 🙂 .
dici di non essere d'accordo con questo pensiero red-pill però confermi che:
01) Chi è un 8 non ha problemi a ricevere approcci diretti.
02) Hai un buon lavoro (quindi anche SE sei solo un sei e mezzo 🙂 ) direi hai i money.
03) Lo stesso lavoro ti da un buono status 🙂 . Ad esempio Se io facessi come un mio ex-collega cheh a accettato (è tre anni nei PAesi Bassi) un lavoro da free-lance a 500 EUR al giorno certo hai i money ma come professionista ICT non avrebbe il tuo stesso status di organizzatore di eventi.

Dici che ti dai da fare con le ragazze messaggi ed altro…ma dimmi hai mai pensato che (non te lo auguro sia ben chiaro !!!) SE non facessi questo lavoro ma fossi un disoccupato ed hai chennesò la possibilità di conoscere molte ragazze via facebook da amici di amici dei tuoi amici di aperitivo, attività di volontariato, gruppi sportivi…beh pensi che riusciresti ad ottenre gli stessi feedback sessuali rispetto ad un organizzatore di eventi notturni ?

In pratica, senza offesa sia ben chiaro…solo un mio difetto da analista di processi ICT e business 🙂 applicato alle dinamiche sociali di inizio 21mo secolo 🙂 , con questo tuo intervento hai dato ulteriore conferma alla teoria red-pill.

firmato: ex-nerd-chatters-slayer

No Pill
No Pill
1 anno fa

Cercando di andare con ordine:

– Non vi do torto su una cosa o comunque su qualcosa, dissento con tutto il resto o comunque buona parte del resto e dall'approccio generale. E d'altronde considero la teoria red pill un'enorme Teoria del Grazie al Cazzo: "I belli rimorchiano più dei brutti, i ricchi più dei poveri". E grazie al cazzo. Ma c'è un gigantesco ma: tra "i belli/ricchi rimorchiano di più" e "solo i belli/ricchi rimorchiano" c'è una differenza abissale.
– Ragà, nonostante viso regolare e fisico curato, sono basso (1.69), pelato dall'età di 20 anni. Sempre scopato. O almeno, sempre scopato da quando mi sono staccato dalle insicurezze adolescenziali e sono entrato nell'età adulta, rapportandomi con le donne appunto da adulto, considerandole persone e non "quelle cose strane mie nemiche che però vorrei penetrare ma con cui non so che dire".
– Prima di organizzare eventi, ho fatto di tutto: studente squattrinato, bracciante in campagna, commesso in libreria, impiegato in ufficio, lavoro da casa per agenzia di stampa, copywriter, qualche altro mestiere irrilevante. Ripeto: sempre scopato senza grossi problemi. C'è un mondo là fuori pieno di ambienti e persone di cui magari ignorate o volete ignorare l'esistenza, dove anche i sub-6 scopano senza troppi problemi con ragazze carine (al volo me ne vengono in mente almeno una decina di 5 e perfino qualche 4 che scopano regolarmente con ragazze minimo da 6, ma proprio minimo). Ambienti e persone a cui per esempio del denaro frega poco o nulla, o comunque è un aspetto secondario. Esempio: se sei un amante dei giochi di ruolo medievali, inutile che vai alla serata reggaeton e ti lamenti che le ragazze non ti cacano. Magari se vai a un raduno di un gioco di ruolo medievale, qualche ragazza che ti prende in considerazione la trovi. Poi ovvio che l'8 avrà vita più facile pure lì. Il che non significa però che il sub-6 sia spacciato.
– Ho 36 anni, al momento credo di essere stato con un centinaio di donne, forse 150 (consideriamo una media di 10 all'anno a partire dai 22 anni), il 95% sopra il 6, molti 7, diversi 8 (che poi pure 'sta cosa di mettere i voti: regà, ve prego, l'ultima volta l'ho fatto in gita di terza media) e non c'è tutta questa differenza da quando facevo il commesso a ora che faccio l'organizzatore di vita notturna. O almeno, non una differenza radicale del tipo "2 donne facendo lo studente o il commesso, 18 facendo l'organizzatore". Saremo più sull'8 da studente/commesso, 12 da organizzatore.

Poi per carità, non sono venuto qui per farvi cambiare idea sull'infallibilità della teoria red pill, eh. È una cosa che ho scoperto di recente dopo che un'amica mi ha linkato il famoso servizio a Nemo, ho letto un po' questo blog, ho letto il forum, e quando sono capitato su questo post, ho pensato: "Beh, dai, su questa cosa è giusto che per onestà intellettuale esprima il mio essere concorde, così come per tutto il resto ho pensato machecazzostateaddì".

Emanuele
Emanuele
1 anno fa

@Anonimo8 marzo 2019 10:23:

"Penso che una donna (non una ragazzina superficialotta) con una normale autostima, se si accorgesse di aver davanti uno che ragiona così, non ci vorrebbe avere niente a che fare neanche se fosse il sosia di Brad Pitt"

Capisco che hai enfatizzato ma io invece credo che un tizio con un livello LMS molto alto possa persino permettersi di insultare una donna e riuscire comunque a rimediare del sesso. Qualche tempo fa su non ricordo quale pagina Facebook ho letto il commento di una tizia che raccontava di essere stata approcciata in discoteca da un uomo bellissimo. Il tipo in questione ha esordito con una battutaccia sulla di lei bassa statura. Risultato? Cito a memoria "alla fine gliel'ho data, era un cafone ma era anche di un bello che gli si perdonava ogni cosa".

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

@Emanuele: riguardo al caso che citi, mi permetto di presupporre che la lei in questione fosse una ragazzina superficialotta, o cmq una con la mentalità rimasta tale. Ce ne sono, soprattutto tra le abituali frequentatrici delle discoteca, ma non credo siano la maggioranza assoluta delle donne.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

E voi come la vivete, avete accettato la cosa che potreste rimanere soli per sempre se non vi vorrete accontentare di un ragazza da 4 in giù? Premetto che mi sono redpillato oggi!?

Unknown
Unknown
1 anno fa

Bravo redpillatore. Un bello vero non scopa solo se ha gravi e certificati disturbi psichiatrici . Tipo schizofrenia

MountainLion
MountainLion
1 anno fa

Ragazzi, inutile invidiare chi è in netta posizione di vantaggio: l' importante è ottenere ciascuno di noi il suo massimo. Se alleni una squadra di promozione o eccellenza, è OVVIO che non potrai sfidare la Juventus. Però puoi ottenere comunque le tue soddisfazioni, e le apprezzerai pure di più perché differenza di quei pochi fortunati, te le sei sudate!

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Mi dispiace per la tua esperienza, cruda ma sincera.
Perchè purtroppo è vero.
Gli uomini molto belli (chi ti scrive è un – da poco "ex" per limiti di età – fotomodello, come tanti altri, che è apparso su divere copertine, soprattutto all'estero, dove usualmente vivo) in effetti ricevono attenzioni incredibili ed impensabili per uomini normali o anche carini, da ragazze o donne che poi si sposeranno con uomini di aspetto medio, se già non sono fidanzate (come spesso accade) o sposate. Le donne di fronte ai bellissimi perdono la testa, e sono disposte, nell'istinto di ricevere il DNA di esseri esteticamente perfetti o quasi, a dimenticare uomini mariti figli, a giocarsi tutto anche per una notte. E' così. Mille attenzioni di un uomo carino vengono spazzate via dalla bellezza di un uomo perfetto. Mi è capitato spesso, spessissimo, e dispiace scriverlo, ma è questa la realtà; sono arrivato a sentirmi in colpa per il successo che avevo, per meriti non miei (se escludiamo l'impegno quotidiano in palestra) ma legati al mio "bagaglio" estetico. E le menzogne di donne impegnate non mi piacciono, perchè se davvero vuoi venire con me devi dirmi la verità. Perchè mi pare una cosa brutta, anche se non è mia responsabilità, nei confronti dei loro uomini. Soprattutto in Italia, dove sono anche in questi giorni ospite… manco a dirlo di una ragazza fidanzata (cosa che ho scoperto solo una volta arrivato qua, e ovviamente il suo lui è fuori per lavoro; infatti me ne andrò via, perchè lo trovo ingiusto nei confronti di lui). A tal proposito mi scuso per il mio italiano, che non è la mia lingua di origine ma che studio da anni. Mi sento in colpa a volte, e trovo deprimente che la bellezza porti molte donne a tradire ed a dimenticare ogni remora, e tutto quanto di bello magari il loro compegno ha dato loro. Fortunatamente, ciò dicono per consolare l'uomo medio (ovvero: che non conta SOLO la bellezza) corrisponde a verità: per essere felici conta ANCHE altro. I "bruttini" si impegnano e spesso ottengono buoni risultati che compensano il loro aspetto. Io stesso ho studiato e adesso affronto una carriera basata sui titoli e non sulla faccia o il corpo. Anche perchè la bellezza, passa, signori miei. Non potete vivere ossessionandovi su di essa, se non la possedete. Se perdete una donna che guarda solo la bellezza, non avete perso molto, perchè una persona deve guardare tutto, anche il cervello ed il cuore, non solo la pelle, che poi cambia. Un caro saluto a tutti. Scusate se ho commesso errori di lingua o grammatica. Ethan

Van
Van
1 anno fa

Unutente: rispondo qui alla tua domanda, visto che l'articolo mi sembra più "a tema" rispetto all'altro nel quale eravamo già da prima finiti off-topic. La questione "approcci" non la considero semplicistica. Ci sono dei "ma"..
Innanzitutto sono fortemente selettive dal punto di vista estetico.
Prima di parlare di zone geografiche, direi che non generalizzo.. ma ho visto scene molte volte simili nelle quali succedeva che i belli venissero approcciati.. o comunque trattati in modo "diverso". Solo in questo ultimo anno ce ne sono stati diversi, una addirittura lo ha fatto chiedere alla madre perchè le piaceva il ragazzo carino col pizzetto da una parrucchiera. Alcune scene davano addirittura un pochino fastidio per quanto erano sfacciate, perchè poi se fa lo stesso un uomo.. e non è di loro gradimento invece a volte le stesse lo criticano fortemente, scattano le indignazioni in casi estremi. Soprattutto quelle che seguono una mentalità di alcune correnti femministe (l'altra faccia della medaglia). Loro lo possono fare, anche perchè un uomo raramente risponde male. Al contrario, ci sono donne che se uno non gli piace a volte non gli rivolgono nemmeno la parola. Ricordo un mio amico che ha chiesto gentilmente di ballare a una e lo ha trattato malissimo, insultandolo.
Con questo voglio dire che la strada è in discesa..Non rischiano praticamente niente.. negli ambienti di cui parlo(fra l'altro mediamente tranquilli) e sinceramente nel 2019 non ci vedo neppure niente di strano.
Se poi la persona non gli interessa, non fa il lavoro che speravano, non ha il profilo che speravano, dopo 2 parole lo mollano.. con la stessa velocità con la quale lo hanno approcciato. Non voglio dire che "tutte" siano così, voglio solo dire che il fatto che possa approcciare anche una donna non modifica l'essere selettivi alla fine.
Poi ci sono quelle più tradizionaliste(che pensano che a far il primo passo debba essere sempre l'uomo), alle quali non credo che piacerebbe essere associate per provenienza geografica, per questo preferirei non specificare città. Infatti dico sempre "alcune ragazze". Parlando di zone: rimanendo in Italia (perchè ho vissuto anche fuori), nell'Italia Nord Orientale, in città e non in provincia, mi è capitato di vederlo succedere diverse volte. Posso anche dirti che alcune erano zone a tradizione di sinistra.. forse una idea te la sarai fatta. Senza bisogno di specificare.
Li fanno comunque "in casi selezionati", e tendono a ipergamare dal punto di vista estetico, mentre purtroppo gli uomini ad accontentarsi più facilmente. Questo ha causato una sproporzione fra domanda/offerta, anche a causa dell'alto numero di uomini zerbini che vanno dietro a qualsiasi donna che respira.
C'è da dire che nelle grandi città in particolare non tutte sono "originarie" della zona. Non sempre sai la provenienza esatta di chi approccia se non in linea di massima basandoti sul cognome, accento.
Infine esistono approcci che sono fregature: ricordo una che ti faceva il terzo grado senza quasi conoscerti.. o non ti lasciava bere una birra insieme in pace.
Faceva domande specifiche su "lavoro, guadagno, case". Questi non li considero nemmeno approcci utili.. e sinceramente non direi cose personali a una che nemmeno conosco, capisci subito che pensa ai soldi, non le importa di te(ci eravamo conosciuti in una pseudo discoteca-circolo). Ho deviato alcune sue domande inopportune e si è allontanata.

Marco
Marco
1 anno fa

Rispondo a Van riguardo all'elenco di argomentazioni espresse commentando un altro articolo dove si stava andando troppo in off-topic.

1) Appunto, come dicevo riguarda solo gli uomini: le donne, per contro, tendono ad essere percepite (quindi non è solo un fatto di estetica pura ma di "percepito", giustamente) in maniera migliore o al massimo neutra con espressioni facciali aperte, gaie o sorridenti.

2) Certo che sì, si parla proprio di espressività naturale, involontaria e non di atteggiamenti magari artefatti/artificiosi o percepiti come tali.

3) Anche qui si parla di espressioni involontarie, mentre gli atteggiamenti, soprattutto se forzati, potrebbero essere percepiti come artificiosi o innaturali (e qui sono d'accordissimo sul fatto che uno che si atteggia a socialone senza esserlo di natura può risultare addirittura ridicolo o comunque innaturale, over7 naturalmente a parte).

4) D'accordissimo: si parla infatti di potenzialità PRATICHE.
In via meramente teorica invece, il nostro 6,5 timidone ha le stesse identiche potenzialità del pariestetico socialone, solo che ha molte meno possibilità concrete di conoscere donne attratte da lui (legge dei grandi-piccoli numeri), a meno di non avere una certa dose di culo 😀
Le persone molto riservate possono indubbiamente avere reputazione altissima in certi contesti di nicchia, tipo gli ambienti/settori "nerd" a cui facevo riferimento dall'altra parte.

5) Pienamente d'accordo.

6) I socialoni che fanno i giullari ma si fanno comunque le pippe sono generalmente sub6, mentre quelli riservati che nonostante questo hanno una buona vita sessuale/sentimentale sono, generalmente, almeno dei 7.
Capitolo palestra: è evidente che viviamo in macrocontesti geografici e culturali differenti.
Io frequento palestre da 6 anni, ne ho pure cambiate 4 nel frattempo: gli unici (e veramente pochi) approcci a freddo da parte femminile a cui ho assistito sono stati nei confronti di belli veri o comunque ragazzi come minimo da 7 pieno…nonchè curiosamente nei confronti del sottoscritto normaloide, anche se è capitato una volta sola (la tipa era pure pariestetica e sui 20-25, contro i miei 36 di allora).
Quindi va anche a culo 😀
Di recente poi ho beccato, osservando lo specchio, una che mi fissava: io non ho ricambiato l'interesse ed è morta lì, lei non ha approcciato e nei giorni successivi non mi puntava manco più.
Quindi mi sa, come dicevo anche sopra, che a far la differenza sono anche i diversi contesti geografici e culturali (anch'io vivo in Nord Italia, ma è un settentrione un po' differente, molto più chiuso e provinciale).

7) In parte d'accordo: sono certamente di moda le comitive chiuse ed è appunto per questo che gli introversi sono penalizzati nel fare nuove conoscenze, non il contrario.

8) Concordo in pieno, aggiungo purtroppo perchè ci sono dentro in prima persona.

9) Sì, ovvio: quando parlo di "nerd" mi riferisco a persone con un certo tipo ben definito di hobbies ed interessi, nonchè al settore IT (i dipartimenti di psicologia quindi non c'entrano e forse c'è stato un po' di misunderstanding).

10) Sono d'accordo: anche nell'essere socialoni esistono gli eccessi, soprattutto se sei sub7 (se sei sub6 poi manco parliamone).
All'estero poi, ad esempio in Nord Europa, il classico socialone estroverso all'italiana confermo che non è ben visto, non a caso mi sono sentito particolarmente "a casa" nel corso di vacanze in terra scandinava (Svezia e Norvegia, nella fattispecie), dove tutto sommato riuscivo a scambiare qualche parola con la gente.

Van
Van
1 anno fa

Il tamarro magari piace per i muscoli, perchè è sfacciato.. ma oltre quello lascia poco per non dire niente. (non generalizzo ma molti hanno queste caratteristiche. In realtà ha un certo di fama per alcuni.. ma non per tutti.
6)socialoni che fanno i giullari e si fanno le pippe.. ce ne sono tanti, sempre secondo la mia opinione. Ne ho conosciuto uno che lo ha fatto per diversi anni, ed era un 6,5/7..
Conosceva un "mare" di persone, era anche assistente di una scuola di ballo, figurati.. ad alcune piaceva anche fisicamente, ma alla fine veniva preso "poco seriamente". Non è per niente raro questo tipo di persona. Non per niente veniva usato per "intrattenere". Come una scimmia da circo.
Dopo si è fidanzato(ovviamente il livello estetico era medio-alto ma ne è passato di tempo..) in questo caso il suo essere socialone lo ha penalizzato.
Ne conosco diversi così.. anche perchè in molti ambienti non sono più "di moda" come una volta.
7)Le comitive chiuse possono penalizzare chiunque.. ci sono anche dei timidi dentro a volte, sono "antimeritocratiche" in un senso o nell'altro, magari alcuni sono dentro perchè sono amici di tizio o caio, perchè hanno fatto le scuole medie con qualcuno, ma ho visto persone socievoli prese a calci in faccia(per modo di dire).
Anzi.. ci sono alcune comitive che prendono dentro più facilmente i "bastardi" (anche qui per modo di dire cattivi) che le persone estremamente socievoli che a volte vengono viste come "facilone" e snobbate.
Comunque non generalizzo.. anche qui..ci sono tanti tipi di comitive.
10)Sono d'accordo. Proprio per questo parlavo di contesti diversi.. nel nord Europa il socialone all'italiana viene anche preso in giro nelle pubblicità a volte.
C'è una pubblicità olandese che prende in giro il classico stereotipo(di stereotipo si parla) di spiritosone, socialone, che lavora in ristorante italiano.. in passato.

Van
Van
1 anno fa

Si, comunque confermo che quando parlavo dei "luoghi comuni" che volevo mettere in discussione, mi riferivo più che altro appunto dell'uso improprio che viene fatto della parola "timido".
Andando a come si dovrebbe un 6/6,5 credo dipenda assolutamente dal contesto.
Premetto che non parlo di "regole" fisse, faccio solo alcuni esempi che ogni persona può interpretare secondo le "proprie" esperienze.
Nei luoghi tamarri o di massa va di moda un tipo di persona che in altri luoghi non piace.. questo è ovvio. Siamo d'accordo su questo.
In ogni caso le cose sono cambiate rispetto al passato. Gli zerbini egoboostando ogni essere vivente di sesso femminile, con l'enorme diffusione dei social di questi ultimi anni, mettendo il like sotto ogni donna che respira(è un modo di dire), hanno alterato alcuni equilibri che già prima erano sbilanciati.
Di conseguenza, almeno in alcuni ambienti che conosco io, essere "vagamente gentili", essere "socievoli", con una donna che è già fortemente montata di suo, anche se fatto solo per "gentilezza" può essere frainteso. Anche se viene fatto dalla persona più tranquilla del mondo.
Non dico che uno debba stare per i fatti suoi.. non vorrei essere frainteso: sono a favore del fatto che uno esca la sera..vada nei locali parla.. socializza.. questo assolutamente. Sono contrario a ogni forma di "clausura" o "chiusura totale".
In ogni caso molti maschi, oggi si muovono "con i piedi di piombo", senza eccessi però intendo, vedendo l'alto livello di "malizia" (mi riferisco all'Italia in particolare) col quale viene visto un semplice gesto di cortesia. Soprattutto se si parla di persone estranee che non si conoscono, rispetto al passato.
Anche perchè se una che magari non ti piace per niente, è più grande di te pure.. per una gentilezza crede che ci vuoi provare, lo dice ad altre.. e negli ambienti appunto tipo locali da ballo, palestre, un pochino piccoli e provinciali le voci girano.. può avere effetti simili a quelli successi al ragazzo di cui ti parlavo. Quindi essere socievoli va bene, però direi di usare il buonsenso, regolarsi a secondo della persona che si ha davanti. Per assurdo: essere socievoli con persone altezzose, con i grilli in testa, o che fantasticano facilmente per meriti che non hanno, a causa di gente che gli lecca i piedi può generare l'effetto opposto. Uno che è abitato al concetto di essere "socievoli" e "cavalieri" del passato(parlo di persone che conosco), queste distinzioni non le fa e a volte invece di avere più possibilità, resta solo in quei contesti.
Esistono addirittura settori estremi del femminismo nei quali un semplice complimento, un saluto, viene(in malafede) fatto passare per altro…

Van
Van
1 anno fa

Più tardi rispondo sull'altra questione

Van
Van
1 anno fa

Marco
1)Si. Quando ho parlato presunta "vecchiaia" e aspetto percepito, parlavo in generale. Ovvero: quando all'ospedale o nelle cliniche private sei in fila o seduto.. vedi trattare tanti pazienti.
Non parlavo di te.
Nel tuo caso specifico, da quello che mi hai detto, ovvero:
Non hai rughe, occhiaie, borse(che invecchiano), hai aspetto giovanile.
Nei luoghi "informali" le donne ti danno tutte del tu.. quindi mi viene da pensare che tu abbia un aspetto giovanile.
Sul fatto di vedere la differenza di trattamenti, a volte capita. Poi le donne, anche nei luoghi informali guardano di più all'aspetto, tendono anche a "separare" maggiormente nel modo di trattare chi è giovanile da chi non lo è. (almeno qui)
Se a uno dovessero dare del "lei" e agli altri del tu(trattamento differenziato) se ne accorgerebbe anche dal tono diverso con cui viene trattato.
Per esempio in un bar che frequento quando sono fuori per viaggio: chi si becca il "lei" in genere si becca anche il "signore", e un atteggiamento fortissimamente formale e distaccato.
A volte addirittura, quando qualcuno di questi "percepiti maturi" ricambia, usando il "lei, Signora, titolo o altro" (si offendono e chiedono il trattamento trasversale tu/lei, signore/signorina in stile (è un modo di dire) amico del nonno e nipote. Rafforza il fatto che non stanno facendo un complimento, altrimenti apprezzerebbero il ricambio della formalità data. (questo è solo un caso estremo però).
Per fare un esempio: una maestra di scuola che conosco ha 46 anni(quindi non è una ragazzina), le danno tutti del "tu" anche negli uffici(abita in Veneto), negli alberghi, ovunque. Ha un aspetto estremamente giovanile e curato(nonostante l'età). Per ultimo confermo: l'ospedale è un luogo "formale". Beccare qualche "lei" è perfettamente normale. Escluderei solo i casi che avevo citato sopra, nei quali non rispettano la formalità e trattando tutti in modo diverso.
P.s: questo trattamento "differenziato" lo vedo in Italia. In altri paesi, premesso che il "lei" in molti settori poco formali è scomparso, trattano tutti i "fisicamente adulti", bene o male allo stesso modo. Escludendo "veri" anziani. Quindi dai 20/25 anni in su..

Anonimo
Anonimo
8 mesi fa

Concordo pienamente! Premetto che sono un non bello, o brutto, mettetela come volete, ma ho avuto esperienze dirette, soprattutto all'università, di miei amici, 2 in particolare, veramente belli, ma veramente belli! Naturali, non strapalestrati, fisico molto asciuto e tonico, non deformato da eccesso di palestra, virile! Uno studiava ingegneria meccanica e l'altro biologia! Le cose che ho visto… lì in quei momenti non credevo ai miei occhi! Ragazzine, ragazze, coetaneee, donne, donne mature, straniere… la realtà superava l'immaginazione! Lì capii che quando una donna è interessata e vuloe qualcosa, va dritta, arriva dove deve arrivare senza farsi scrupoli e senza mezzi termini! Cose, che per i normali ed i brutti, sono impensabili! Di storie poteri raccontarvene molte ai tempi dell'università (oramai più di 20 anni fa), ma vi assicuro che il biologo che attualmente lavora in un ospedale… avrà avuto più donne lui che un attore porno!

Anonimo
Anonimo
8 mesi fa

Biologia è una università quasi "femminile", ma non era isolata la palazzina di biologia era, ed è, vicina alla palazzina di ingegneria ed ad altre facoltà. In facoltà era una comica perchè quando li vedevi assieme vedevi sempre un gregge di donne! Al mare non ti dico, donne anche di una certa età di una sfrontatezza disarmante! E più le trattavano male più le donne si incarognivano! Regali, dolci, cene, pranzi, viaggi! Io ed altri, non a loro livello, eravamo sempre senza parole per quello a cui assistevamo. E' inutile dirvi che a noi non ci filava nessuno, eravamo poco più che sguatteri! PEr l'amor di dio, non frantendetemi, non giudico nessuno e non crocifiggo nessuno, ma noi altri neanche le briciole! Lo sforzo e le energie che ho dovuto mettere in campo per flirtare con una donna e farci qualcosa e stare bene entrambi, sono state di una disproposizione incredibile se paragonate a quello che facevano ed ottenevano loro!

Anonimo
Anonimo
7 mesi fa

Guarda di storie te ne protrei raccontare a iosa in varie situaizoni ed in vari luoghi, dall'università fino ai luoghi dove siamo stati in vacanza. Il modo con cui venivano approcciati era piuttosto variegato, quelle di una certa età si avvicinavano come delle tigri non curanti di nulla ed andava dritto ed erano molto dirette, senza mezzi termini. Quelle più giovani avevano la complice o creavano delle situazioni per cui puntualmente lui non poteva scappare! Le meno carine giocavano d'astuzia con dolcetti, cenette ed aiuti in generale. Le strafighe avevano tutte lo stesso approccio, tutte uguali del tipo so di essere bella, ma sono molto altro ed erano quelle che scleravano di brutto, psicopatiche, anche perchè per loro lui/loro erano dei trofei da mostrare! Poi c'era quella che era o stava divorziando (che non lo diceva mai) e ti piazzava dei casini incredibili. E c'erano anche quelle che la davano, ma solo ai fighi, perchè di lì a poco per loro non ci sarebbe stato più nessun figo che le sarebbe state a sentire! Una volta sul bus il biologo riuscì a barattare una cena con una fermata fino a casa! Pioveva di brutto, veniva giù l'acqua a cascata e da un pò che dava spago a questa donna che guidava io bus. Alla fine lui accetto di andare a cena con lei in cambio che lei avesse fatto una fermata proprio dove dovevamo scendere e… credetemi quella sera il bus fece un percorso diverso e si fermò proprio sotto casa!

Anonimo
Anonimo
7 mesi fa

Scusatemi, in effetti rileggendo, nello scrivere ho commesso molti strafalcioni grammaticali! chiedo venia! Condivido questa esperienza, differente dalle altre e che risale a molto tempo fa! Nel dialogare tra di noi, molte volte facevamo notare (=cercavamo di far capire) quanto erano fortunati non tanto per il fatto che avevano un’attività sessuale molto attiva, ma (anche) per il fatto che stare in mezzo alle donne aiuta molto nel migliorare il proprio comportamento, perché stare sempre in mezzo a maschietti inevitabilmente si finisce per perdere ogni parvenza di educazione o di buon comportamento, cosa molto importante anche per una futura prospettiva lavorativa! In questi dialoghi, noi altri venivamo sempre ripresi perché a loro detta avevamo ancora una visione romantica (troppo romantica) delle donne! E questo, secondo loro, era un errore! “Dovete trattarle come trattereste un amico, schietto, reale e riprenderle quando dicono cavolate o se ne escono con scemenze!” queste erano le parole che sentivamo sempre dirci! Dalla loro ottica la bellezza era/è sì una componente importante, ma solo una parte del tutto! Eppure, per meglio intenderci, la verità è che se non sei bello lo sforzo che devi impiegare è enorme, esagerato considerando anche che la probabilità del 2 di picche è elevatissimo!

Anonimo
Anonimo
7 mesi fa

"Se le "tratti male" sei un insensibile misogino" e rischi pure la denuncia per molestie.
Ho letto un certo 'manuale' di seduzione scritto da due un insigni psicologi negli '80. Incredibile come il femminismo abbia plasmato i tempi. Se un brutto, preso dalla disperazione, mettesse oggi in pratica quella guida nel giro di poco tempo finirebbe in tribunale.
Corteggiamento = molestia, quando l'interlocutore di sesso maschile non lo si trova attraente.

miguel de flor
miguel de flor
6 mesi fa

Effettivamente essere in intima amicizia con un super figo per un normale come me, quindi classificato dalle donne tra il 90% dei non attraenti, è stato per me veramente scioccante e mi ha aperto gli occhi su un mondo parallelo e inimmaginabile. A quell' epoca circolava ancora tanta ipocrisia, i vecchi ti dicevano che "con le donne bisogna saperci fare". Ignoravano che un super figo tromba tutte le donne che vuole, senza nessun impegno, senza numeri da circo. Mentre te se va bene puoi avere due o tre storie, impegnandoti, prima di capitolare per stanchezza.