sabato 31 marzo 2018

Chi si Redpilla è Perduto?Vita da Belli...

nandida.com


redpillatore




Ciao Red, volevo farti i miei complimenti. Ho scoperto il tuo blog da alcune settimane grazie a un amico con cui parlo spesso degli stessi argomenti e da allora ti seguo con piacere,i tuoi articoli sembrano la trascrizione di anni di conversazioni nella nostra combriccola di amici.
Mi trovo d'accordo su quasi tutte le cose che scrivi ed è la prima volta che trovo in internet qualcuno che affronta queste tematiche senza peli sulla lingua e in maniera così semplice e schietta.
Ne approfitto per raccontarti la mia esperienza perché sono interessato a sentire cosa ne pensi.Io ho 2[-] anni e sono un ragazzo piuttosto di bell'aspetto, credo di essere circa un 7 secondo la scala di classificazione che ho visto nel blog.

Non posso lamentarmi di avere difficoltà a trovare ragazze, ho avuto diverse esperienze fin dall'adolescenza, ma nelle relazioni che ho avuto ti assicuro che ho sbattuto il naso e sofferto parecchie volte anche io.


La vita di chi è bello non è tutta rose e fiori come spesso viene dipinta, la concorrenza si fa sentire non poco anche in quella fascia di uomini che vengono considerati "slayer", anche perché è vero che chi è bello può avere più donne, ma molto spesso dopo un po' tende a stancarsi e concentrare le proprie energie su una singola che gli piace particolarmente, e che non raramente gli causa sofferenza perché ha comunque ampia varietà di scelta.
Le donne dopo un po' si abituano anche alla bellezza e non si accontentano più di quello bello ma, soprattutto dopo una certa età, vogliono trovarsi un compagno che gli permetta di avere uno stile di vita di un certo tipo (ho anche letto la riflessione che hai fatto sul post di Radiofreccia, film bellissimo, e la condivido al 100%).
Tu non sai quanti miei conoscenti belli sono stati lasciati dalle loro compagne per uomini più brutti ma più benestanti e uno dei motivi per cui molti belli si fidanzano con ragazze più brutte di loro è anche non avere lo stress di una fidanzata che ha continue pretese economiche (cene, vacanze...) e fa continuamente i capricci.
Ammetto che anche io, se dovessi scegliere, preferirei rinunciare a qualcosa sul piano dell'estetica pur di avere  un rapporto un po' più stabile e sicuro.
Negli anni sono diventato sempre più cinico, quando ho capito che il rapporto uomo/donna è una prova di forza continua e non c'è pietà per chi perde.

Pensi che il vivere le proprie relazioni in questo modo, stando attenti a non farsi coinvolgere troppo per paura di rimanere delusi, sia inevitabile per un redpillato?Chi si redpilla è perduto?
Buon lavoro!

[lettera firmata]
---------------------------------------------------
Ciao,
mi fa molto piacere sentire che siamo in molti a discutere di queste tematiche condividendo lo stesso punto di vista, nel bene e nel male ma l'importante è che se ne parli!
Vengo spesso contattato da utenti di bell'aspetto, contrariamente a quanto i nostri detrattori pensano e affermano, ad essere sovrarappresentati fra i redpillati non sono tanto gli sfigati (che anzi reagiscono sempre in maniera molto ostile ai nostri tentativi di portare alla loro attenzione il nostro punto di vista) quanto piuttosto chi con le donne ci ha a che fare più spesso e in maniera più intima, ovvero appunto i belli.
Sono loro che, per forza di cose, comprendono meglio il pensiero femminile e le dinamiche su cui si basano le relazioni.


Che anche i belli soffrano non lo discuto, la Natura ha programmato gli esseri umani per essere perennemente insoddisfatti e per volere sempre di più, nelle relazioni come in tutto il resto.
Si tende sempre ad avere poca considerazione di ciò che si ha, e troppa di ciò che non si ha e questo vale anche per le qualità estetiche, che vengono bramate dai brutti e date per scontate dai belli.
Permetterai però che si tratta di sofferenze di tutt'altro tipo rispetto a quelle che vive chi proprio non riesce neppure ad avere una vita sessuale.


Chi si redpilla è perduto?Beh, sollevi una interessante questione, ed è in effetti un tema che ritorna ciclicamente nel blog.
Vivere le proprie storie amorose/sessuali in maniera spensierata e priva di limitazioni, da una parte gioendo al massimo dei momenti positivi e dall'altra soffrendo come un cane per quelli negativi, oppure rovinarsi l'esperienza analizzando tutto razionalmente?

La redpill non è romantica, inutile mentire.
La redpill rappresenta il trionfo della razionalità, mentre il romanticismo è irrazionalità per definizione.

Io però penso che, alla fin fine, il punto sia uno solo: cosa ci rende più felici?

Perché in fondo è di questo che si tratta.
Io vedo la qualità della vita come il risultato della somma tra gli eventi positivi e quelli negativi e ognuno attua la strategia di vita che gli permette di essere più felice.

Il blupillato che vive momenti da 10 e momenti da -10 è più felice di chi vive momenti da 5 e momenti da -2?
Io non direi, nel primo caso il bilancio della sua vita è comunque zero, nel secondo invece è in attivo.
Il blupillato, per fare un esempio, è quello che non comprende l'importanza del denaro nelle relazioni, non soppesa i pro e i contro, si lascia trasportare dai sentimenti e magari si rovina finanziariamente per compiacere una donna che in realtà è interessata esclusivamente al suo patrimonio.
Avrà pure vissuto momenti belli e spensierati, ma alla fine conclude l'esperienza in perdita.

Io personalmente ritengo che comunque la redpill non contrasti necessariamente con i sentimenti, ma che anzi uno possa vivere ugualmente con serenità i propri sentimenti e allo stesso tempo limitare le conseguenze di certe scelte errate attraverso la consapevolezza delle dinamiche umane.
Il segreto è quindi utilizzare la redpill come parametro per stabilire i propri principi e i limiti oltre i quali non si è disposti ad andare e lasciare libero sfogo ai sentimenti all'interno dei paletti precedentemente fissati.
Chi non è conscio dei propri limiti e vuole andare oltre le proprie possibilità è invece destinato a pagare caro il prezzo delle sue scelte errate.
Questo è un po' il mio punto di vista, spero possa essere per te uno spunto di riflessione.

Ciao, e grazie a te e ai tuoi amici di seguirmi!


Argomenti simili:



6 commenti:

  1. Chi ancora sogna la fidanzatina fissa, oppure ritiene le coccole e/o il prendersi cura l'uno dell'altra/o come più importante del sesso (e magari sente la mancanza di queste manifestazioni), per conto mio è bluepillato fino al midollo.

    Purtroppo, ho constatato come questo pensiero sia ancora diffusissimo anche negli ambienti redpill (compresi i vari Forum dei Brutti, davvero pieni zeppi di "Redpillati della Domenica").

    Ragazzi, mettetevi in testa che il fidanzamento comporta più problemi che gioie ed il rapporto costi/benefici è sbilanciato in favore dei primi.

    L'ideale sarebbe impostare le relazioni con l'altro sesso verso storie di breve durata: non necessariamente avventure di una notte (che comunque non si buttano via!), ma in generale relazioni "leggere", dove non vengono presi grossi impegni da ambo le parti.

    Questo ragazzo parla di ipogamare come possibile compromesso: sono d'accordo solo in parte.
    Ipogamare può andare bene fintanto che si va a pescare fra le sottoestetiche di massimo 1/1,5 punti rispetto al nostro livello (ad esempio, un 6,5 con una 5 o una 5,5): al di sotto di tale soglia, il rapporto diventa inevitabilmente una grossa zavorra, sia che si tratti di LTR, sia che si tratti di relazione breve oppure anche occasionale.

    Questo perchè, giocoforza, si tenderà a vedere la propria partner, anche nel caso questa non ci ponga grossi paletti, come un ripiego e dunque non ci si sentirà validati, anzi tutto il contrario.

    Questo vale ad ogni età (vi parlo da quasi 40enne).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur capendo in generale il tuo discorso, non concordo nell'assunto che il fidanzamento comporti più problemi che gioie, almeno non in senso assoluto. Qualunque cosa presenta lati positivi e lati negativi, se prendi una casa una più grande starai più comodo ma ti costerà molto di più mantenerla, ugualmente se prenderai una macchina di fascia alta, e ugualmente con una fidanzata, è pur sempre una persona diversa che quindi avrà certi lati del carattere diversi dai nostri che potranno risultarci indigesti. Ma nella vita è sempre un gioco di equilibri tra facce che ci soddisfano e facce che non ci piacciono, e bisogna valutare se nel complesso siamo felici oppure no e se no, comportarsi di conseguenza. Non so, parlando in generale, mi sembra di vedere un po' troppo fatalismo vittimistico in questi ambienti ("i rapporti fanno tutti schifo e le donne sono tutte stronze che vogliono solo i soldi"). Un po' troppo esagerato a mio parere.

      Per quanto riguarda l'articolo, concordo con la visione del Redpillatore per cui la redpill non deve essere cinismo a tutto tondo, ma semplicemente consapevolezza che i rapporti con le donne non sono come ce li descrivono i film e consapevolezza che il diritto matrimoniale e familiare sono assolutamente dalla parte delle donne, meglio quindi stare alla larga sia dal matrimonio che dai figli.

      Per il resto, penso che sia piuttosto facile avere una vita tranquilla; basta prendersi cura di se stessi e del proprio fisico, non fare debiti, e stare alla larga dalla gente che puzza di guai, siano essi rompicoglioni o principessine iper-pretenziose

      Elimina
    2. Non ho detto che i rapporti fanno tutti schifo e nemmeno ho parlato di donne stronze o scritto con toni misogini (e qui concordo sul fatto che negli ambienti redpill, a volte, si esagera in tali frangenti), bensì ho semplicemente sottolineato come i rapporti migliori fra uomo e donna, ideali in base al rapporto costi/benefici, non siano certamente i fidanzamenti quanto invece i rapporti di breve durata, siano essi relazioni occasionali tipo "one night stand" oppure relazioni già più stabili, ma comunque senza particolari impegni da ambo le parti.
      Parlo anche per esperienza personale.

      Il matrimonio poi è un trappolone da evitare ad ogni costo, così come i figli: qui ovviamente concordo al 100%.

      Così come concordo sul concetto di "vita tranquilla": in primis, prendersi cura di sè stessi (e pure qui, purtroppo, negli ambienti redpill c'è troppa gente che si lascia andare ed addirittura grida "Tutto finito, conta solo crepare!", un atteggiamento che ritengo molto stupido e ben poco da veri redpillati) ed evitare personaggi problematici fra i quali certamente rientra anche una fetta di donne.

      Elimina
  2. Da quando sono redpillato ho perso molto "umanamente" parlando. Sono spento, disprezzo le donne, e sono piuttosto sicuro non proverò mai più infatuazione per qualcuna. Dopotutto, disprezzarle apertamente mi dà qualche soddisfazione. Essere rifiutato per la mia bruttezza no.

    RispondiElimina
  3. Ho letto la testimonianza dello "slayer" e devo dire che non me ne frega niente dei suoi "problemi".

    Mi fa piacere sapere che le donne mollano i bellocci per mettersi coi brutti monetati.

    RispondiElimina
  4. Ottimo articolo...Io, alla mia veneranda età purtroppo, mi sto lentamente redpillando...La pillola l'ho presa ma deve ancora fare effetto...Sono ancora legato al romanticismo d'altri tempi che mi ha portato solo guai...
    M.

    RispondiElimina

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.