06/03/20

La Parola ai Lettori: Cambiano le Età, Cambiano le Priorità

 

 Dalla Posta dei Lettori


Caro Redpillatore,

Da circa 6 mesi leggo il tuo forum (l’ho scoperto tramite un amico che mi aveva consigliato di leggere uno dei tuoi articoli sull'antifemminismo). Devo ammettere che sin da subito mi sono ritrovato in molte idee e  in tantissimi articoli e anche in quelli dove non sono molto d’accordo devo ammettere che li ho trovati interessanti e stimolanti.

Mi auguro che chiunque leggerà questo articolo si fiderà di ciò che scrivo, in caso contrario non posso farci nulla...

ATTENZIONE, PREMESSA FONDAMENTALE!!

NON sono di certo un figo, mi sono sempre sentito dire che sono molto carino ma ripeto non sono uno di quelli che fanno svenire le donne quando passano. Ho 26 anni, con un buon lavoro, sono alto 185 cm e peso 80 kg con un fisico abbastanza atletico ( non sono un bodybuilder), gioco a calcio, vado in palestra e mi lancio col paracadute. Non sono e non sono mai stato uno da una botta e via e di conseguenza non ho avute moltissimi esperienze

Gioco e ho sempre giocato a calcio e questo mi ha sempre aiutato a fare tante amicizie ed essendo sempre stato forte mi sono ritrovato a ricoprire ruolo di capitano o di leader della squadra. Da sempre, alle ragazze ho anteposto la famiglia, lo sport, gli amici e i viaggi. Ogni estate da fine liceo viaggio ( dalle 2 alle 4 settimane) con lo zaino in spalla in giro per il mondo, facendo autostop e dormendo in camerate con altre persone e questo sicuramente mi ha permesso di vedere molte culture e (dato il mio carattere) di conoscere tantissime persone.

P.s.
Cosa particolare, quando dici alle ragazze che fai questo tipo di viaggi  ( e che non vai in quei posti tipo Mikonos e bordelli vari) ottieni sempre un particolare interesse.


Partirò dal principio, sin da piccolo non ho mai avuto problemi di socializzazione con maschietti e femminucce anzi ero sempre uno dei più iperattivi e scalmanati, sin dalle elementari ho sempre avuto le bambine più carine che mi correvano dietro grazie anche al fatto che in tutti gli sport ero sempre quello ad eccellere e facevo il capitano in ogni situazione. Così è continuata anche alle medie con i primi bacetti con le ragazze più carine.

Anche al liceo la situazione non è cambiata molto, eccellevo sempre nel calcio ed ero io ad organizzare il gruppo per le uscite del sabato sera. Durante l'ultimo anno e mezzo mi sono fidanzato (NON con facilità) con una delle più carine della scuola e siamo rimasti assieme per circa 3 anni.
Durante la mia laurea triennale ho conosciuto molte ragazze ( facoltà prettamente femminile) tuttavia, anche considerado che il primo anno e mezzo ero ancora fidanzato, non ho combinato quasi nulla di serio. Ad eccezione, quando l'ultimo anno ebbi una relazione fugace e lampo ( lei andò a vivere all'estero) con forse la più carina del nostro corso.

Finita la triennale, ho iniziato un master di 1 anno dove è cambiata in parte la mia visione del mondo e delle persone ( forse anche a causa di qualche problema famigliare) e di conseguenza la visione del mondo verso di me. La facilità di approcciare e ricevere un sorriso o comunque un certo interesse non era cambiata, è mutato il modo in cui vedo le ragazze e il modo in cui loro vedono noi. Se prima per me era sufficiente essere bravo a calcio, essere un po' il "bad boy" della scuola ed essere il leader del mio gruppo di amici ora vedo che questo ( eccetto per quelle molto meno carine di me o altri casi) non basta sempre più.

Ora le ragazze vogliono che le porti a cena nei posti fighi (pagando tu ovviamente!), che zerbini stando al cellulare con loro mentre sei fuori coi tuoi amici ( sempre che lei ti abbia dato il permesso di uscire), che fate le vacanze assieme e che in generale le metti su un piedistallo e sei sempre pronto a correre li per loro ( sto parlando in generale ovvio che ci sono casi diversi)

Tuttavia per me questo è sempre stato impensabile ed infatti ho iniziato lentamente a distaccarmi da questa cosa e farmi sempre di più gli affari miei; sono sempre stato uno spirito libero che vuole viaggiare, giocare a calcio, fare surf, stare con gli amici e lanciarsi col paracadute e che se scopa bene ma se non scopa amen.

Continuo ad avere rapporti e spesso esco a cena o a bere una birra con le mie amiche più strette , che stimo e considero diverse, ma ho limitato sempre di più le uscite con potenziali tipe. Un paio volte mi è capitato di rivedere due tipe con cui avevo stoppato la frequentazione (per i motivi sopracitai) ed entrambe con un misto di rabbia e ostentazione mi hanno fatto notare che avrei potuto esserci io al posto del loro momentaneo fidanzato se solo avessi voluto..

E indovina un po' chi era il loro tipo? Uno molto più brutto e asociale di me ma udite udite era RICCO e ovviamente uno ZERBINO sempre pronto a correrle dietro per qualsialsi cosa.

Nei miei viaggi ho conosciuto tipe di diverse nazionalità e diverse età e sono stato in nazioni dove la bellezza media ti fotteva il cervello talmente era alta ( altro che le italiane) e in nazioni dove la bellezza media ti faceva venire la tristezza talmente bassa, ma una cosa a prescindere da nazionalità e bellezza è sempre stata comune: quello che le donne cercano.

Se fino ad una certà età ti basta essere figo,"bad boy" e anche un po' stronzo per fartele, ad una certa età le cose iniziano a cambiare dal punto di vista femminile.

Quando si accorgono che iniziano a non essere più cosi fighe e iniziano a sentirsi sole perchè le loro "amiche" sono fidanzate e le tanto ostentate "stories" e foto su instagram iniziano a perdere valore; allora cambia tutto, lì iniziano a cercare qualcuno (possibilmente benestante o ricco) che dia sicurezza, qualcuno anche molto meno carino (cosi più controllabile) e di cui magari sono poco innamorate ma che sia pronto a scarrozzarle ovunque e a correrle dietro ad ogni capriccio, qualcuno pronto a colmare quel vuoto e quel senso di solitudine.

Solitudine che non è altro che frutto delle scelte degli anni precedenti ovvero di  fare quello che vogliono e di essere libere ed indipendenti perchè "il mio corpo è mio e sono libera di farmeli tutti e non mi devi giudicare"; pensando che poi tutte queste scelte non avranno conseguenze...

Sinceramente questa situazione non mi pesa in modo particolare forse perchè da sempre ho visto le ragazze come un qualcosa in più e non come il centro della mia esistenza

Ovviamente io sto parlando in generale delle donne, non tutte sono così e ci sono le eccezioni.

Questa mia "lettera" non è contro le donne o volta a lamentarmi o a piagnucolare per la società di merda dove viviamo, è solo per raccontare la mia personale esperienza che può essere condivisibile o meno

Spero di essermi spiegato bene, qualora ci fossero dubbi sono pronto a risponderti. Ho cercato di riassumere 26 anni di rapporto con le ragazze ovviamente non citandole tutte ma cercando di trasmettere più quello che ho imparato che quello che ho fatto o vissuto con ogni singola ragazza.
  

Il Redpillatore Risponde 


Ciao, grazie per avermi scritto e scusa se ti rispondo solo ora ma è un periodo un po' indaffarato per me.
Il fenomeno che descrivi nella tua esperienza, per cui le donne tendono a modificare i propri criteri selettivi a seconda dell'età, rientra in una casistica che conosciamo bene e della quale ho parlato nell'articolo sul "Paggetto". 
Non sei neanche il primo belloccio che mi scrive raccontandomi di aver iniziato a soffrire la concorrenza dei più ricchi, anche se queste questioni di solito si pongono dopo i 30 anni mentre tu dovresti essere ancora giovane.

Vedi: Chi si Redpilla è Perduto? 


I criteri che le donne utilizzano per scegliere gli uomini sono sempre gli stessi, ovvero l'estetica e lo status socioeconomico, ma assumono di volta in volta proporzioni differenti sia a seconda della ragazza che dell'ambiente.
In un contesto di povertà, come in molti Paesi del terzo mondo, le ragazze fin da giovanissime cercano di sfruttare la propria attrattività per legare a sè uomini benestanti che possano garantire loro un po' di stabilità e di sicurezza economica. Invece in un contesto come quello occidentale le donne godono di relativo benessere e possono permettersi di selezionare in maniera più frivola e andare con gli uomini solo per puro piacere, aprendo le gambe solamente ai più belli.
Dopo una certa età tuttavia le priorità cambiano anche per le donne italiane. Spassarsela se la sono spassata, però i vent'anni non si hanno per sempre e ad un certo punto bisogna anche pensare al proprio futuro. Il denaro comincia ad avere un peso sempre maggiore, sia perché le spese della vita sono tante, sia perché passata la fase della giovinezza la donna vorrebbe anche migliorare lo stile di vita. A quel punto però, se si tratta di una donna di bellezza media, deve scontrarsi con la dura realtà che bellocci che siano pure monetati non ce ne sono per tutte e quelli che ci sono usano le donne come lei solo per relazioni a breve termine ma poi si sistemano con quelle più belle.
Ripiegare su uomini più bruttini diventa una scelta triste ma necessaria.

E' per questo che io dico sempre che dopo i 30 anni ha poco senso parlare di incel perché bene o male ad un certo punto qualcuna per sistemarti la trovi (non è scontato ma non è neppure così irrealizzabile come poteva sembrare a vent'anni). Da un punto di vista strettamente psicologico però c'è insoddisfazione da entrambe le parti.
La donna è abituata a uomini ben al di sopra del suo nuovo compagno, quindi si sentirà frustrata e sminuita ad andare con un uomo normale. L'uomo d'altra parte ha preso pali per tutta una vita e sente il peso delle mancate esperienze giovanili e quando finalmente trova una partner (che è comunque ben lontana dal suo ideale) è comunque costretto a notevoli sacrifici per conservarla, avendo nella relazione un potere contrattuale inferiore.


La differenza tra te che, da quanto si deduce, hai un'attrattività sopra la media e l'uomo comune che si riduce a zerbinare, scarrozzare e fare le cose che hai detto penso sia proprio questa: tu hai già la validazione femminile e quindi puoi serenamente dedicarti agli altri aspetti della tua vita che ti rendono felice perché comunque hai un potere contrattuale. L'uomo medio che ha sempre arrancato con le donne invece ha più difficoltà a trovare un suo equilibrio e quando ne trova una accetta tutta una serie di compromessi solo per ottenere una pseudovalidazione.

Ciao!
 



148 commenti:

  1. Bella sia la testimonianza sia la risposta del Redpillatore. Un commento a tutto ciò: che tristezza

    RispondiElimina
  2. Mi è piaciuta molto la testimonianza e sottoscrivo anche la risposta del redpillatore. Io ho fatto un po' il contrario, zero sparato fino a 25 anni, poi qualcosina ho portato a casa, quindi è vero che il tempo (inteso come l'età) è il principale artefice di quel che ci succede, in bene o in male. Io sono prossimo ai 40...non ho più voglia di stare dietro agli umori di una donna, sono convinto che il gioco non valga la candela. La chiave è vincere la paura della solitudine, una volta superata ci si accorge che oggettivamente l'uomo non ha bisogno di una donna per autodeterminarsi.

    RispondiElimina
  3. Concordo in pieno. Andando avanti con l'età il concetto LMS cambia un po' e se durante i 20 l'L è preponderante, passati i 30 cala in favore di M ed S.

    RispondiElimina
  4. Parole come zerbinare, scarrozzare, fare da paggetto, sono sinonimo di un rapporto insoddisfacente basato su grossi compromessi. Un uomo felice della propria donna, non la "scarrozza". La accompagna. Un uomo felice della propria donna non "zerbina". La corteggia. Un uomo felice della propria donna non le fa da "paggetto". Le fa da cavaliere.

    Se per voi è un peso passare del tempo con una donna, se l'idea di telefonarle la sera e fare una tantum le cose che piacciono a lei, vi fa attorcigliare le budella, significa che è la donna sbagliata. Passate oltre. Non siete obbligati.
    Se una donna vi piace e il vostro rapporto vi soddisfa, farete i salti mortali anche per passare 10 minuti sotto casa sua a guardarla negli occhi.
    Se invece vi sentite paggetti, schiavi, prigionieri, se ogni gesto che fate lo sentite come un obbligo e non come un gesto che nasce dal cuore, scappate. Farete un favore a voi e pure a lei.

    A meno che il problema, non è il trovare una donna da amare, ma avere tante donne con cui fare sesso gratuitamente e a zero investimento. Ma questo è un problema diverso, risolvibile facilmente con una ricerca internet e 50€ poggiati su un comodino.
    50€ che comunque spendereste settimanalmente in cene, benzina, regali, aperitivi. Forse anche di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comincio dal fondo... Che a livello economico sia più conveniente una pro di una donna per portare a casa il risultato è fattuale e pacifico ed è un po' la scoperta dell'acqua calda.
      Trovo che la chiave di tutto sia quando dici "e il vostro rapporto vi soddisfa". Ciò avviene quando i due all'interno della coppia giocano ad armi pari. Se c'è squilibrio allora il rischio è l'insoddisfazione di entrambi, per motivi che non sto a ripetere, ma sono ampiamente spiegati nella risposta del redpillatore o in vari articoli come quello sulla teoria LMS. Chiudo, notando come anche tu dia alla parola compromesso un significato tendenzialmente negativo (come la società) quando invece custodisce grandi potenzialità e dovrebbe essere ricercato con la logica win-win.

      Elimina
    2. Caro Gino qui c'è in ballo ben di più dell'autodeterminazione, qui ci sono in ballo idee ed emozioni da bluepill come la validazione, sentirsi importanti per qualcuno la fuori, e non solo una foto a corredo di un codice fiscale o di un nome e cognome, sentirsi amati e desiderati da qualcuno e le donne che ruoli offrono all'uomo medio? zerbino paggetto provider o bancomat a comando vocale perché il resto ai bellocci pieni di soldi, solo di loro si innamorano perdutamente, gli altri come ben diceva la sciura pina fantozzi, vengono stimati tantissimo.

      Elimina
    3. Stefano
      Personalmente credo tu faccia un po di confusione tra l attrazione fisica e l innamoramento
      La prima avviene verso i chad ok l innamoramento è più complesso e a volte inspiegabile
      Per l uomo medio e la donna media passati gli anni della giovinezza si arriva alla maturità e se si vuole creare una famiglia o una coppia stabile la donna deve scendere a patti con la propria ipergamia e l uomo con la propria poligamia
      Marina

      Elimina
    4. La Provinciale7 marzo 2020 09:35

      @Marina
      Mah, le mie amiche o conoscenti che hanno iniziato nuove relazioni dopo i 30 non sono scese a patti proprio per nulla, le ho viste infatuarsi e innamorarsi esattamente nelle stesse modalità passionali di prima e con tipi non più brutti di quelli di prima (che non erano comunque dei chad). Si vede che se lo potevano permettere, magari quelle che si comportano così come dite sono tipe che hanno sempre avuto poco da offrire sul piano fisico e caratteriale.

      Elimina
    5. Concordo con Stefano,
      infatti se all'interno di un rapporto vi sentite bancomat o paggetto o schiavo o cagnolino che dir sì voglia, cambiate aria.
      Perchè quello che si descrive qui non è un rapporto felice e basato su un mutuo scambio di emozioni, di momenti, di amore, ma un rapporto di co-dipendenza affettiva dove due persone di scarso valore si mettono insieme per non soffrire la solitudine.
      Magari per dare all'esterno un'idea di "normalità", di non passare lui per lo scapolone che non ha mai combinato nulla di buono nella vita, e lei per una zitella acida.
      Per poter dire a tutti "io ho la donna!!" e sentirsi così realizzati.
      Mille volte meglio da soli.

      Elimina
    6. Non sono io a far confusione sono le donne ad innamorarsi solo dei bellocci ricchi, ma siccome sono pochi e non si fanno abbindolare in LTR quando possono avere tutte le donne che vogliono, diventano frustrate e se la prendono con gli uomini normali. Siete tutti uguali.

      Elimina
    7. Marcus, stai ripetendo delle cose ovvie (e infarcite di una discreta dose di bluepill). Ti faccio l'esempio su di me, un 6 a livello di L ma 0 per S e M. Le uniche che potrebbero interessarsi a me ora che sono prossimo ai 40 sono donne 4 che, per dirla come La Provinciale, sono delle disadattate che vivono con sussidi statali. Il risultato sarebbe la morte sociale perché i soldi per due non basterebbero e non avrei nemmeno la consolazione di una sana scopata con una persona che mi piace. Lei acquisisce un minimo di M dato che è disasattata, allontana lo spettro dello zitellaggio e io rientrerei nei favori della società perché una coppia e una famiglia sono ciò che ci si aspetta per essere considerati adulti e maturi... Manco morto! Ma manco morto se per tenermi una pariestetica da 6 devo fare debiti o zerbinare...

      Elimina
    8. La Provinciale7 marzo 2020 21:18

      @Gino
      Per essere uno 0 in M ed S vuol dire che anche tu vivi di sussidi statali, altrimenti sei per forza di più.
      Comunque sono discorsi generali, è chiaro che hai perso qualunque interesse ad avere una storia e non crederesti mai alla genuinità di una che ti volesse.

      Elimina
    9. Precario, 1000 euro al mese, non è molto lontano da un sussidio statale, va be dai mi do un 2 in M. Ma il fatto di essere precario non credo vari di molto lo S... Senza contare che io mi do 6 in L ma magari sono sensibilmente più basso ahahaha...

      Elimina
    10. La Provinciale8 marzo 2020 10:53

      @Gino
      Precari da 1000 euro al mese lo siamo in tantissimi, le regole del lavoro sono cambiate, non ci si può aspettare chissà che... Io a questo tipo di situazione attribuirei un 6, cioè la sufficienza. Poi bisogna anche vedere le prospettive, lo stato dei risparmi, dei beni familiari... (es. io mi considero fortunata perché non devo pagare mutui o affitti, avendo casa di proprietà, cosa che credo aggiunga un punto).

      Anche lo status se non è nulla di particolare secondo me va considerato 5/6, cioè la media delle persone, altrimenti come si valutano quelli che hanno status negativo?

      Elimina
    11. La provinciale
      Credo non ci siamo capite
      Non importa
      Marina

      Elimina
    12. @Gino:

      Se ti può consolare io sono un 5 con M ed S al tuo stesso livello :)

      Elimina
    13. La Provinciale8 marzo 2020 14:07

      @Marina
      Cosa intendevi dire? Io ho risposto in merito al tuo "le donne dopo una certa età devono scendere a patti con la propria ipergamia", l'ho interpretato come dire che scelgono partner meno di valore rispetto a quello che avrebbero scelto prima (cosa che non constato, a meno che consideriamo l'avanzamento dell'età e i fisiologici cambiamenti quali rughe, pancetta, primi capelli bianchi...).

      Elimina
    14. La provinciale
      Intendo che non inseguiamo più l attore o la rockstar ci innamoriamo di persone normali non di miti preconfezionati
      Marina

      Elimina
    15. La Provinciale8 marzo 2020 18:04

      @Marina
      Perché, tu fino a 30 anni ti innamoravi solo di attori e cantanti come una quindicenne alle sue prime cotte platoniche?! Ma che dico, una quindicenne già sa la differenza tra esaltazione per un "personaggio" e attrazione reale per un suo compagno di scuola o vicino di casa.
      Scusa il tono incredulo, ma credo che tu ti sia spiegata male, forse stiamo parlando entrambe di adolescenza e non di passaggio all'età adulta.

      Elimina
    16. @la provinciale delle 10.53...dici "lo siamo", per cui immagino che anche tu sia una lavoratrice precaria. Ci scommetto che il tuo partner ha un lavoro fisso e con un discreto stipendio. Se è così, mi dirai che è un caso, che ti saresti innamorata anche se fosse stato un precario squattrinato...del resto allargando il discorso è non lo riferisco a te quelli che dicono che i soldi non sono importanti sono quelli che li hanno.

      Elimina
    17. La Provinciale8 marzo 2020 20:07

      @Gino
      È un autonomo, al momento gli sta andando bene quindi guadagna più di me. Quando ci siamo conosciuti io studiavo ancora e lui lavorava ma era appena all'inizio, non si potevano fare previsioni e nemmeno mi interessavano. Mi bastava sapere che era un tipo volenteroso e tenace come me. Ma d'altronde ero ben sotto i 30 quindi non conta ai fini di questa analisi.

      Elimina
    18. @Gino

      la provinciale è una ex cessa attualmente tendente al 5 ipergamante con un 6 scarso... non farti ingannare dal tono mite: pretende poco perchè non ha proprio niente da pretendere.

      Elimina
    19. Anonimo 8 marzo 20:09, secondo me è solo il contesto provinciale in cui vive che falsa un po' la visione della realtà delle relazioni... Io ho vissuto tale contesto solo per lavoro e da nato in città penso che non mi ci troverei mai per farci una vita... Né per il setting né per le persone che guardano i nuovi arrivati sempre un po' come forestieri.

      Elimina
    20. La Provinciale9 marzo 2020 10:49

      @Anonimo delle 20:09

      La maggioranza delle donne sta tra il 5 e il 6, quindi secondo il tuo ragionamento dovrebbe essere pieno di donne miti e poco pretenziose. Invece un assunto della Redpill non è forse che anche le cesse sono pretenziose?
      Oppure ditelo che a voi interessano solo le inclinazioni delle ragazze dal carino in su e quindi analizzate solo i loro comportamenti, non c'è nulla di male. Basta saperlo, almeno noi "normobruttine" non ci sentiamo chiamate in causa e non stiamo a portare le nostre inutili testimonianze.

      Elimina
    21. Provinciale, la maggior parte delle DONNE ITALIANE MEDITERRANEE sta tra il 5 e il 6. Be', che scoperta, è la campana di Gauss ITALIANA.
      La quale somiglia a quella brasiliana, per esempio. La differenza è che laggiù la danno. Sono semplicemente più simpatiche. Inoltre, essendo 250 milioni di abitanti, la quantità di fiche (over7) è talmente elevata da renderle 10 volte più accessibili.
      La fica offre un sacco di vantaggi: 1) la perdoni più spesso senza fatica perchè è un panorama gradevole 2) se ti molla te ne fai una ragione perchè è fica 3) ti accresce lo status senza muovere un dito.
      Vicevera la sub6,5 deve sapersi comportare, e ciò avviene di rado perchè la maggior parte delle donne italiane sono: ignoranti, maleducate (il papino oltre ad essere un ignorante maleducato non diceva mai di no alla principessa), cresciute a carboidrati e Disney, conformiste, ipocrite e sciatte.
      Sfigato chi se le piglia e grazie a Dio per aver inventato le compagnie aeree low-cost.

      Elimina
    22. Cavaliere Oscuro9 marzo 2020 23:42

      @Gino: il tuo racconto sembra la mia biografia, L sul 6, più o meno, M e S bassi, ho qualche anno più di te, e le uniche chi si interessano a me sono le 4.
      il problema è che una 4 ventenne, forse è passabile, ma come nel mio caso, una 4 quarantenne è semplicemente da panico, farebbe fuggire persino una mummia dal museo....
      Quindi idem, neanche dopo morto

      Elimina
    23. Anonimo 9 marzo 15!15 non conosco la demografia del Brasile, però mi verrebbe da dire che essendo di più è vero che ci saranno più fighe in valore assoluto, ma credo anche più brutte e anche più uomini, quindi il rapporto rimane sostanzialmente lo stesso, però ammetto di parlare da ignorante. Non ho mai avuto a che fare con una donna brasiliana, però tramite Tinder sono uscito con 4 sudamericane e, forse perchè già omologate alla mentalità femminile italiana maggiormente diffusa, c'era solo da scappare a gambe levate dopo il primo incontro (come ho fatto se non dopo il primo al secondo)). Io non credo che le italiane siano ignoranti o maleducate nell'accezione più comune, ma educate male sì. Educate male perchè poste fin da piccole su un piedistallo dove la mancata adulazione o la mancata concessione di favori e privilegi è interpretata dai genitori in primis come una mancanza di rispetto. Vogliono la parità ma un po' di più per loro (e come è possibile se si fa 50/50? Ecco anche l'irrazionalità che emerge).

      Cavaliere Oscuro ho visto delle 4 quarantenni che sembravano poco più giovani di mia mamma...per fortuna molte di loro hanno già ripiegato sui gatti, quindi andando ad abbassare ulteriormente il loro punteggio S. Io posso dire che le 4 quarantenni non mi si filano, forse perchè non intendo concedere loro nemmeno l'amicizia, che potrebbe essere l'anticamera per un probabile interesse da parte loro, per fortuna non lavoro in ufficio o in altri luoghi con decine di colleghi dove questo rischio sarebbe concreto.

      Elimina
    24. La Provinciale10 marzo 2020 11:10

      @Anonimo delle 15:15
      Se non sei riuscito a trovarti la tua nicchia di persone anticonformiste in Italia, fai benissimo a cercarle altrove: mai rassegnarsi alla mediocrità e ad un contesto che non ci appartiene.
      Comunque col fatto di dire che una figa la perdoni volentieri dimostri di essere parte del problema, perché a mio avviso non bisognerebbe lasciarsi "fregare" dall'aspetto, né uomini né donne. È più giustificabile essere fregati dal sentimento, ma da come scrivi non credo ti possa capitare.

      Elimina
    25. La Provinciale10 marzo 2020 11:21

      @Cavaliere Oscuro, @Gino

      Avete mai provato a fare una sorta di esperimento, ossia fingere di avere più money e status di quelli che avete?
      (a parte che, mi domando, ma queste donne che ti/vi avvicinano come fanno a sapere a priori qual è la vostra situazione? Sono amiche di amici che hanno già parlato di voi?)
      Non dico di inventarsi tutto di sana pianta, ma ad es. fingere di avere come lavoro extra un business import-export, di giocare in borsa... non so, qualcosa di poco verificabile, e che poi potreste sempre dire che si è concluso. Farvi vedere comunque ottimisti sulla vostra situazione.

      Ps: sarei curiosa di vedere chi valuti una 4 quarantenne, es. Rosy Bindi giovane? O anche meno, tipo qualcuna obesa/sformata, con denti malridotti, strabica...? (Rosy Bindi anche se viene sempre portata come esempio di "non avvenenza" non ha poi grossi difetti, forse le darei un 5)

      Elimina
    26. @provinciale
      rosy bindi, sinceramente, io la reputo sotto il 5, perché è anche mascolina, ha i masseteri del viso simili a un bodybuilder pieno di steroidi. Personalmente, non la trovo scopabile.
      Dare un voto 'obiettivo' è possibile (anche se non in maniera assoluta), ma bisognerebbe chiedere al redpillatore, per questo.
      Io sinceramente, non saprei quali parametri prendere.
      Di solito, parlo per me, io non do voti. Una donna per me (fisicamente) è scopabile oppure no, e, caratterialmente, interessante oppure no.

      Elimina
    27. @provinciale
      rosy bindi, sinceramente, io la reputo sotto il 5, perché è anche mascolina, ha i masseteri del viso simili a un bodybuilder pieno di steroidi. Personalmente, non la trovo scopabile.
      Dare un voto 'obiettivo' è possibile (anche se non in maniera assoluta), ma bisognerebbe chiedere al redpillatore, per questo.
      Io sinceramente, non saprei quali parametri prendere.
      Di solito, parlo per me, io non do voti. Una donna per me (fisicamente) è scopabile oppure no, e, caratterialmente, interessante oppure no.

      Elimina
    28. La Provinciale, allora le sconosciute non mi avvicinano, come credo sia cosa comune per i normie. Il mio profilo su facebook conta 71 amici, di cui 25 sono donne (18 sposate, 5 fidanzate, le due libere sono una pluricinquantenne e una coetanea sul 4).
      Riguardo il tuo suggerimento dell'esperimento...lo trovo scellerato e non ne vedo l'utilità. Per ostentare più money e status occorre sul momento spendere molti soldi, la tipa si fa un'uscita con i fiocchi e poi quando scopre l'inganno le dai pure il pretesto per uscire "pulita" dato che si sente come minimo ingannata, quindi può ulteriormente ingannare sè stessa riguardo il fatto che a lei non sarebbero interessati i soldi se davanti avesse avuto una persona sincera...quello che tu proponi è l'emblema dello zerbinaggio. Oltretutto se si usa la macchina lo status emerge subito, se ti presenti con un'utilitaria, per quanto tenuta bene non è che puoi bluffare più di tanto.
      La 4 libera che ho tra gli amici di fb è in effetti molto grassa, denti in disordine e un po' di peluria in eccesso.

      Elimina
    29. @Provinciale

      se consideri che nella "nicchia", come la chiami tu, vivono circa 4 miliardi di persone... direi che hai un serio problema semantico.

      Elimina
    30. La Provinciale10 marzo 2020 19:02

      @Gino

      Non intendevo ostentare con macchina di lusso, portandola al ristorante o cose così; pensavo più al tipo di risposta da dare quando si chiacchiera di cosa ci si occupa nella vita. Non dico infatti di mentire, potete dire tranquillamente di avere il vostro lavoro (che poi davvero vi chiedono se è a tempo indeterminato o meno?!), ma anche un business parallelo che promette bene (magari che riguarda un vostro hobby, una mezza verità insomma). Comunque se non te la senti lo capisco, ti fa onore.

      Elimina
    31. La Provinciale10 marzo 2020 19:27

      @Anonimo 16:53

      Non so di cosa stai parlando, cosa sarebbero questi 4 miliardi di persone? Io mi riferivo al fatto che se ti rendi conto che non sei fatto per gli stili di vita mainstream e per quel tipo di persone (come amici e come donne), fai bene a cercare tuoi simili. Es. a caso, la maggioranza degli uomini italiani segue il calcio, è innegabile che sia mainstream, ma se tu sei più uno da sport all'aria aperta fai bene a cercarti amici in tale ambiente.

      Se sei tu l'anonimo di prima, vengo a un esempio più concreto: parli di una maggioranza di donne "cresciute a film Disney" e cocche di papà; magari nella nicchia degli appassionati di horror o fantascienza, o di motociclismo, o giochi di ruolo... è più facile trovare ragazze con gusti più "maschili", cresciute in modo spartano. La butto lì, ma in realtà le nicchie possono anche essere non strettamente legate a un hobby particolare, semplicemente ci sono giri di gente alla buona dove le ragazze apprezzano più la serata al pub davanti al birrozzo che il locale chic dove sfoggiare il tacco 12. Se no partite dall'indagare sui padri 😅 Quelli burberi e introversi di sicuro non si comportano così, specie i padri delle attuali 30-40enni sono ancora "vecchia scuola"... forse il problema del viziare troppo c'è più nelle nuove generazioni, sia da parte dei padri che delle madri.

      Elimina
    32. Non chiedono la durata del contratto, ma quando si parla di lavoro ce ne sono alcuni che non hanno subito quella metamorfosi del nome in inglese che fa tanto figo e dove sono tutti manager.

      Elimina
    33. Cavaliere Oscuro11 marzo 2020 03:51

      @La provinciale: le donne ipergamiche se ne fregano delle parole, guardano alla sostanza, viaggi, cene, regali, e sotto il
      cofano vogliono sentire girare un bel 6 cilindri.
      Qualsiasi discorso, sarà ininfluente sulle loro decisioni.
      La valutazione delle 4 quarantenni, è semplice: fanno paura da brutte, quindi esteticamente da Rosy Bindi in giù.

      Elimina
    34. Cavaliere Oscuro, già la questione 6 cilindri o 4 mi sembra troppo di sostanza. Ormai anche le donne più ignoranti in materia di auto hanno capito che lo status è dato dai marchi premium in su, quindi Audi, Bmw e Mercedes. E se appartengono alla categoria SUV meglio perchè è di moda. Apprezzeranno di più un'Audi Q3 per esempio di una A6 station wagon. Poi ovviamente ci sono le sportive Porsche e Ferrari, che per quel che le riguarda potrebbero montare anche un 1.2 da 60 cavalli però vuoi mettere?
      Concordo che Rosy Bindy sia inguardabile, pure da giovane. Ecco il vantaggio che ha è di non essere chissà quanto peggiorata negli anni.

      Elimina
    35. @Gino...ho seguito con interesse. Non chiedono la durata del contratto??? La maggior parte delle normobruttine antipatiche di mia esperienza gli fa addirittura il 730 alla prima uscita al malcapitato. Mai che la diano "gratis" ...e per gratis intendo per il proprio piacere personale, evidentemente il sesso non interessa loro e questo è quanto. Il paese con la curva gaussiana più alta in assoluto da me visitato, la Croazia, abbina una spaventosa bellezza media della donna a una speculare bruttezza e generale "poverta'" anche d'immagine e culturale del genere maschile , su regolano semplicemente in un sistema di convenzioni sociali per sessantottine...quando incontrano uno straniero però...ed ecco che anche la strafigona da 9 scopre il valore del 730 che fa chiudere gli occhi su panze&sfighe..non credo che sia quindi una questione di apertura mentale ma di natura umana. Naturalmente attendo migliori ragguagli da esperti pensatori ...quindi non da @Provinciale...grazie .

      Elimina
    36. La Provinciale11 marzo 2020 13:26

      @Gino
      Già fatta la prova che perdono interesse quando non sentono che fai un mestiere "figo"? 😐
      Che poi sono sciocche, un panettiere si chiama sempre panettiere ma guadagna di sicuro più di me che faccio un lavoro dal nome inglese ma umilissimo 😂

      @Cavaliere Oscuro
      L'obiettivo dovrebbe essere appunto quello di bypassare le donne ipergamiche e scovare quelle che se ne fregano di belle auto & co; saranno poche secondo voi, ma ce ne sono. Ad es. c'è tutta una corrente ecologista di decrescita ecc.., una donna che aderisce a quella corrente di sicuro preferisce l'uomo non fighetto e non dotato di motore, che dichiara orgogliosamente di muoversi solo in bicicletta.

      Elimina
    37. @Anna grazie per la testimonianza della controparte femminile, in effetti mi immagino le malcapitate che poi si confrontano con le amiche e sciorinano il 730 virtuale del maschietto con cui sono uscite...

      @La provinciale...al contrario quando dico che lavoro faccio sono sempre piacevolmente sorprese. Tuttavia è un lavoro che è risaputo porti con sè il precariato e il fatto di essere sottopagato, quindi...è un po' come il "guarda sei simpaticissimo ma ti vedo come amico" che imperversa nei canonici due di picche giovanili. Sul discorso della decrescita ho dovuto studiare un testo all'università...non è solo il fatto di preferire la bici all'auto, è una convinzione molto più radicata in cui sinceramente non mi ritrovo per nulla quindi vedo già una grossa incompatibilità di fondo a trovare dei tratti in comune.

      Elimina
    38. Le tipe ecologiste sono il peggio del peggio. Radical chic. Di solito mantenute da papi, parlano di decrescita felice perché non sono loro a dover decrescere. Consiglio di leggere l'ultimo libro di Ricolfi sulla società signorile di massa.

      Elimina
    39. La Provinciale11 marzo 2020 21:58

      @Gino e Infiltrata,
      però non è che per forza è tutto bianco o nero... Io mi considero ecologista ma non sono radical chic, ci sono tante persone non estremiste o "finto ecologiste".
      Ma l'ecologista era solo un esempio di femmina che se ne fregherebbe dell'auto, in realtà ci sono un sacco di donne cui va benissimo un'utilitaria (o una moto; ho parlato con gente che abita in metropoli e per via del traffico preferisce girare in moto o bici). Anche quello che racconta Anna mi lascia basita, per fortuna non ho conoscenti che si comportano in questo modo becero... mi ricordo un paio di ragazze che facevano discorsi simili sugli uomini a 20 anni ma le ho lasciate nel passato e nel loro brodo, d'altronde erano viste male da tutte per questo loro modo di fare materialista.

      Elimina
    40. Cavaliere Oscuro11 marzo 2020 23:14

      @La provinciale: A mio avviso, le ecologiste/buddiste/vegane sono
      la peggior specie, predicano bene, ma sta sicura che se dovessereo scegliere tra me, e un belloccio che guida un SUV, e che ha uno stile di vita che inquina il doppio del mio, scelgono di sicuro quest'ultimo.
      Un conto sono gli intenti, un altro la realtà, perché si sa che
      la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni....

      Elimina
    41. La provinciale, non puoi mettere sullo stesso piano un'utilitaria e una moto...pochissimi possiedono solamente la moto come mezzo di trasporto. La moto è un di più, costoso non solo all'acquisto ma soprattutto per gli "accessori". Possedere una moto è quindi un attestato di M e S non indifferente. E la macchina serve comunque perchè o trovi la zavorrina appassionata o se no la senti quando è appena stata dal parrucchiere e deve mettere il casco o deve muoversi se il tempo minaccia pioggia. Se invece hai un cinquantino perchè siamo tutti consapevoli che in città sia il top allora hai ancora meno status dell'utilitaria. Permettimi poi un appunto che non vuole essere un giudizio nei tuoi confronti (cerco sempre di rispondere in maniera educata e rispettosa, se non l'ho fatto chiedo scusa). L'altro giorno parlavi di romanzare un po' la propria condizione lavorativa, adesso parli di "finte" ecologiste, avendo avuto a che fare per lavoro e per vita privata con contesti di provincia del nord Italia, riscontro nei tuoi discorsi questa tendenza alla realtà aumentata, passami il termine, dove alcune relazioni o rapporti interpersonali poggiano sempre su un substrato di menzogne, per quanto piccole e innocenti.

      Elimina
    42. Gino, complimenti: sei il principe dell'eufemismo.

      Le provinciali sono (e non c'è bisogno di abitare in provincia per esserlo) la feccia d'Italì: perbeniste, benpensanti e ipocrite.
      La menzogna è la loro linfa ma non lo possono ammettere: sono le campionesse medagliate della pillola blu.
      Perdonabilo solo se over7 per meriti paesaggistici ;-)
      e son casi rari, quelli...

      Elimina
    43. La Provinciale12 marzo 2020 18:22

      @Gino
      Il mio suggerimento era un esperimento sociale, una "prova del nove" per vedere se effettivamente cambiando quel fattore cambia l'atteggiamento delle donne; ma mi rendo conto che è poco praticabile.
      Mentre quando parlavo di finte ecologiste dicevo proprio di evitarle!

      Riguardo la moto intendevo il cinquantino, la coppia con cui ho parlato ne aveva uno a testa e si destreggiava così. In provincia senza macchina sei tagliato fuori da tutto quindi era un consiglio più per voi cittadini metropolitani.

      Mi spiace se ho dato da pensare a soluzioni basate sulla menzogna, non era il mio intento; anzi secondo me quello che paga è essere sicuri e convinti delle proprie scelte di vita, anche se potrebbero far storcere il naso a qualche donna. Meglio attrarre (o comunque farsi rispettare) con un atteggiamento alpha che "attrarre" con la prospettiva di un benessere economico condiviso.
      Ps: sei stato sempre gentile nel modo di porti, non preoccuparti.

      Elimina
    44. @la provinciale 21:58..eh certo che quelle come me erano viste male: riuscivamo (e ci riusciamo tutt'ora) ad avere una vita sessuale molto piu' allegra e distesa anche con tutti quelli che con voi "non ipogamanano" nemmeno...cordialità

      Elimina
    45. La Provinciale14 marzo 2020 09:13

      @Anna
      "Quelle come me" chi sarebbero?
      Se intendi quelle che non guardano il 730 dell'uomo, siamo sulla stessa linea d'onda (quando scrivevo che ero basita dai tuoi racconti mi riferivo a loro, alle donne che guardano la convenienza per decidere se il tipo in questione vale la pena).

      Elimina
  5. Osservatore Romano6 marzo 2020 20:42

    @Anonimoblupillato

    La LMS è vangelo: David Gandy cuccherebbe pure se abitasse sotto un ponte.
    Tu, invece, devi minimo essere milionario e accontentarti di fare il Beta.
    Se dichiari diversamente fai disinformazione e basta.

    Interessante la testimonianza del chaddoide: di famiglia bene e permissiva, si è potuto, con l'appoggio monetario di mami e papi, ogni sfizio giovanile (io presempio avrei voluto giocare a tennis, ma tra racchette e lezioni sarebbe partito l'intero stipendio di un genitore: comprai le prime scarpe da calcio con i tacchetti a 17 anni con 4 mesi di mance) e ora vive spensieratamente ma bello strutturato l'inizio dell'età adulta.
    Quando frequentavo studentesse ne ho conosciuti diversi, così.
    Più dura incontrarli tra le fasce basse della popolazione: M e S dei genitori pesano di brutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io, il tennis, ho avuto la fortuna di impararlo da solo, da piccolo, racchetta da 4 soldi e muro muro muro, provavo tutti i colpi, anche la battuta. Poi crescendo ho abbandonato, quando, da adulto, mi si è accesa la lampadina. Andare in un circolo, e capire il mio livello. Con molta sorpresa mi sono accorto di essere competitivo, e ho acquisito un piccolo 'status' in quel circolino, e una donna (non certo bella, ma neanche brutta) ora non mi manca (prima tanta fame!Ero quasi vicino alla blackpill). Quel gioco innocente e spensierato che ho fatto da piccolo, oggi, mi ha rovesciato una sorte che sembrava nerissima.

      Elimina
  6. Sfortunatamente non ho potuto avere le esperienze di cui parla l'autore dell'articolo, ma la redpill mi ha insegnato una cosa: che è meglio fare a meno di diventare quel "momentaneo fidanzato" raccattato per disperazione da delle complessate terrorizzate dall'idea di dover passare il resto della loro vita da sole.

    RispondiElimina
  7. Mi sembra tutto condivisibile mi stupisce non lo si consideri normale
    Voi uomini immagino sareste felici di una notte con una pornostar ma scegliereste altre per farci una famiglia
    Idem per noi una cosa è un avventura un altra una ltr in questo caso cerchi serietà e stabilità cose che di certo non ti offre un dongiovanni
    I soldi contano è vero non per le cene o i gioielli ma perché pensando al domani di mio figlio ( o figlia!!!) vorrei avesse le migliori opportunità di studio
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @marina
      ma chi dice che è anormale. E' tutto naturale, biologico, né giusto né sbagliato. Sono le femministe che dicono che l'ipergamia è un costrutto del patriarcato (quando non la negano). Per loro pure te, almeno per quello che hai scritto, sei vittima inconsapevole di un patriarcato interiorizzato: stabilità, matrimonio/convivenze è tutta un'invenzione del patriarcato. Per loro tutto è cultura (maschilista) niente è natura.
      Solo accettando l'essere umano per quel che è, e no per quel che vogliamo che sia, si può sperare in una società assennata. Mi spiego, io sarei anche felice di andare con una pornostar, ma la natura non me lo permette, la pornostar dovrebbe ipogamare con me (e, seguendo il solo istinto, lei non lo farebbe mai); a me potrebbe concedersi in veste di escort, ma, purtroppo, la dittatura femminista sarebbe pronta a mandarmi 6-12 mesi in carcere. Questo è il punto. Immagina questa scena tragicomica: io davanti a un giudice, magari donna, che mi manda in galera per aver fatto sesso con una stacy pagando, quando lei può fare sesso con un chad gratis.
      Se tutte le donne comprendessero, e soprattutto accettassero, questo innominabile squilibrio in ambito sessuale, e cioè che un uomo è propenso ad ipogamare (chad che amoreggia con una di valore LMS inferiore al suo) mentre una donna, invece, non è propensa a farlo (salvo eccezioni), il femminismo non esisterebbe e si vivrebbe in una società molto molto più equilibrata.

      Elimina
    2. Fossi in te mi preoccuperei più dell'esempio: una figlia commette tutti gli errori della madre.
      Fortuna che il vibratore non insemina.

      Elimina
    3. La Provinciale7 marzo 2020 00:47

      @Anonimo
      Carcere per essere andato con una escort? Ma dove? Non in Italia, qui è fattibilissimo.

      Elimina
    4. Anonimo 22e 25
      Condivido praticamente tutto quanto dici l ipergamia femminile e la poligamia maschile non sono il frutto del patriarcato ma della nostra biologia di mammiferi il patriarcato però accentua la cosa
      Se fosse possibile una società equilibrata il femminismo e il maschilismo non avrebbero senso e probabilmente staremmo tutti meglio.
      Marina

      Elimina
    5. Anonimo 23,19
      Non insemina quindi evita gravidanze indesiderate non soffre di eiaculazione precoce né di ansia da prestazione
      E evita che gli ormoni ti portino a fare sesso con dei pirla
      Marina

      Elimina
    6. Complimenti marina dopo una tale disamina delle qualità dei vibratori ti consiglierei di lavorare in un sexy shop.

      Elimina
  8. fidanzato raccattato per disperazione da delle complessate terrorizzate dall'idea di dover passare il resto della loro vita da sole. Ma davvero conoscete donne di questo tipo ? Esistono donne terrorizzate dalla solitudine ? Conosco donne terrorizzate dall'idea di una vecchiaia da miserabili con pensioni da fame e nonostante questo continuano a non mollarla, manco morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mollarla o no ha poco a che vedere con il fidanzamento, almeno nella mente femminile. Dal loro punto di vista (a torto o a ragione) mollarla troppo presto potrebbe voler dire diminuire la possibilità di trovare un fidanzato serio

      Elimina
  9. La Provinciale7 marzo 2020 00:45

    "dopo i 30 anni ha poco senso parlare di incel perché bene o male ad un certo punto qualcuna per sistemarti la trovi"

    Ma se bisogna essere ricchi non credo sia così tanto più facile... Se prima ad avere successo è la minoranza di belli, dopo è la minoranza di ricchi. (provo a ragionare secondo la vostra teoria, anche se questo è uno di quei punti su cui non trovo riscontro nella mia realtà)

    - > A meno che non intendiate come appetibile il semplice non essere un disoccupato sfaccendato senza rimedio; allora sono d'accordo. A 20 anni - forse prima - o per un'avventura non ti poni tante domande sulle prospettive di vita di un ragazzo che ti piace, anche perché probabilmente sarà uno studente come te; ma quando ti trovi in qualcosa di serio e non sei più una ragazzina ti viene anche da fare attenzione a non incasinarti con un totale incapace. C'è anche il caso di quelle ciniche che cercano apposta qualcuno di ben piazzato economicamente, ma secondo me sono una minoranza; se non siete davvero ricchi o comunque non sembra lo siate (o se la donna in questione non è una disagiata che vive di sussidi statali) l'interesse che ricevete è quasi sicuramente sincero.
    Quindi ok il discorso della differenza di esperienze ecc... che può essere problematica, ma non buttatevi ulteriormente giù: tolti quei casi di cui sopra, se una donna viene con voi l'attrazione c'è, perché piuttosto che andare con uno che non ci piace stiamo da sole. Ho l'impressione che invece essendovi convinti che "La donna è abituata a uomini ben al di sopra del suo nuovo compagno, quindi si sentirà frustrata e sminuita ad andare con un uomo normale" (?!) rischiate di autosabotarvi nelle relazioni, partendo già con tantissima sfiducia in voi stessi e nei sentimenti di lei, e con l'idea di dover per forza zerbinare per non perderla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Provinciale...fossimo nella vita reale questo tuo continuo girare in tondo mi avrebbe già portato a chiudere ogni rapporto con te, fosse anche di semplice conoscenza. Mi piace il confronto e la dialettica, ma non quando si toccano sempre gli stessi argomenti. Quello che ancora non ti è chiaro è che un uomo che sta lavorando per assimilare la redpill, non potrà avvertire sensazioni negative o di autosabotaggio perchè arriverà alla piena consapevolezza di non aver bisogno, di non volere, di non desiderare (mettetela come vi pare) stare con una donna. Di nuovo, quelli che zerbinano lo fanno per loro scelta, nessuno li giudica, perchè il non voler diventare come loro non è un giudizio. Il risultato finale sarà che un uomo redpillato che sta da solo sarà felice e non avrà rimpianti. Ovviamente non essendoci un interruttore bluepill/redpill ci saranno delle ricadute, in cui l'uomo si sentirà solo, desidererà qualcuna al proprio fianco, ma è un sacrificio temporaneo compiuto in prospettiva di una grande gioia. Perchè a quel punto la solitudine non gli farà paura nemmeno quando avrà 80 e più anni.

      Elimina
    2. Prova una città sopra i 2 milioni di abitanti (ci abita l'80% della popolazione mondiale) per un paio di anni, poi torna con l'update al 2020.

      Elimina
    3. Non so che persone frequenti tu, forse sei del giro della parrocchia ma il bene o male qualcuna per sistemarti la trovi è una visione veramente squallida della vita, bene o male ? Perché devo mettermi con qualcuno che non mi attrae e che non stimo, per sistemarmi? Per poi dover ricorrere a separazione divorzio avvocati, ma anche no, grazie.

      Elimina
    4. La Provinciale7 marzo 2020 18:00

      @Gino

      Quindi stai dicendo che essere redpillati significa per forza essere MGTOW? Io avevo capito che all'interno della redpill ci fossero approcci diversi, da quello del tenersi lontano dalle donne in generale, o solo dalle relazioni, a quello di vivere comunque le relazioni ma con una consapevolezza diversa. È a questi ultimi che mi rivolgo, se non ti senti chiamato in causa capisco che il mio consiglio ti sia indifferente.

      Ps per Anonimo: sono "provinciale" e conosco quasi solo persone provinciali (in Italia siamo tanti), ma se il problema è lo stile di vita delle grandi città allora perché voi incel metropolitani non vi trasferite in provincia e venite a scoprire migliori opportunità? È un invito serio.

      Elimina
    5. La Provinciale, grazie per la puntualizzazione, in effetti se come LMS si ha la sufficienza allora la redpill può far nascere una consapevolezza superiore nell'intendere la relazione uomo/donna, se invece si è ampiamente sotto, come nel mio caso allora non resta che diventare MGTOW.

      Elimina
    6. @Gino

      Permettimi di fare un'ulteriore puntualizzazione: se si ha un basso livello LMS non si può fare altro che rassegnarsi al proprio destino. Il MGTOW può SCEGLIERE di non impegnarsi in una LTR o di ridurre al minimo indispensabile i rapporti con le donne. Il brutto, purtroppo, non gode di una simile libertà.

      Elimina
    7. La Provinciale8 marzo 2020 14:09

      @Nextage
      Scusa, mi sono accorta adesso che forse rispondevi a me e non al Redpillatore. Quella frase tra virgolette non è mia, l'ho citata dal post.

      Elimina
    8. Cavaliere Oscuro9 marzo 2020 00:12

      @La provinciale: riferendomi al tuo commento delle 18:00
      Perché, pensi che le donne che vivono in provincia si comportino
      in maniera diversa da quelle di città?
      In un mondo globalizzato, dove la cloaca televisiva arriva dappertutto, pensi che la casalinga di provincia non sogni
      il tronista di Maria de Filippi, alla stessa maniera di quella
      che vive in città?
      Vivo anche io in provincia al nord, e basta dare un'occhiata a quante 40enni sono iscritte a hot or not, in cerca di principi azzurri belli e ricchi per capire che non c'è salvezza da nessuna parte.

      Elimina
    9. La Provinciale9 marzo 2020 10:41

      @Cavaliere Oscuro
      Ho assunto questo nickname (prima ero Anonima Gardaland) perché discutendo con vari utenti semnrava emergere che le dinamiche diverse vissute da me fossero legate al contesto provinciale. Es: ventenni che cercano presto le LTR anziché passare da un belloccio all'altro, scarsa diffusione delle app di dating,...
      Tu qui parli di quarantenni casalinghe, cosa che peraltro nella MIA provincia è più rara di un panda; ma mettiamo che ci sia anche qui qualche quarantenne -lavoratrice-iscritta a 'sto hot or not (ma che è? Un'altra app?), saranno di circoli sociali che non conosco.

      Elimina
    10. Cavaliere Oscuro9 marzo 2020 22:47

      @La provinciale:
      Sinceramente, non so cosa facciano le ventenni dalle mie parti,
      ne conosco poche, comunque non mi sembra che cerchino tante LTR.
      Quella che ti ho parlato è una app d'incontri, è strapiena di
      40enni single che vivono in provincia, c'e ne sono centinaia
      e centinaia, quasi sempre con foto e profili che non ispirerebbero
      fiducia neanche a Nosferatu il vampiro.
      Quelle che ho avuto modo di soffermarmi io, cercavano principalmente un belloccio, un benestante, o entrambi.

      Elimina
    11. La Provinciale10 marzo 2020 11:29

      @Cavaliere Oscuro
      Guarda, in verità io posso capirvi benissimo, se mi metto nei vostri panni e vedessi che il panorama delle single quarantenni è così sconfortante. Al posto vostro io lascerei perdere le app di dating (in Italia) e coltiverei conoscenze su pagine e forum di hobby vari, dove si spera ci sia una popolazione più "selezionata", e guarderei anche alle straniere (ma di Paesi più evoluti culturalmente del nostro). Un mio conoscente è stato single quasi fino a 30 anni e poi si è messo con una collega ricercatrice slava, bellissima e in gamba: avrà anche aspettato ma poi si è rifatto alla grande :)

      Elimina
    12. Cavaliere Oscuro11 marzo 2020 00:02

      @La provinciale: è quello che sto provando a fare, avendo una
      certa competenza in un settore ormai di nicchia, e di livello
      tecnico/artistico piuttosto elevato, quindi sto cercando proprio attraverso il mio hobby, di allargare la cerchia delle mie conoscenze.(Non so se hai mai sentito parlare di pinhole photography).
      Unico problema, la maggior parte degli adepti, sono uomini.
      Le app di dating, sono state una prova, ma purtroppo mi sono
      reso conto che il 99% delle iscritte, è mentalmente e culturalmente nel deserto dei tartari.....

      Elimina
    13. Mi riallaccio a Cavaliere Oscuro...app di dating una fregatura (anche se io le ho sempre usate in versione free), saranno tre mesi che le ho cancellate e non ne sento la mancanza, anzi... Sul discorso degli hobby e dei gruppi di interesse...a volte credo che tali iniziative siano utilizzate dagli uomini come estensione di tinder e compagnia bella. A me piace andare in montagna e ho partecipato a numerose iniziative dei gruppi che si formano anche spontaneamente su facebook. Le donne single presenti venivano spesso "assediate" dagli uomini con il risultato che la volta successiva non venivano più. Quasi lo stesso discorso per i gruppi ciclistici amatoriali (quelli che magari organizzano la biciclettata di 40/50 km con mangiata in trattoria). Un hobby che potrebbe funzionare è invece il ballo, ma qui mi rendo conto che il difetto è mio perchè odio ballare con tutto me stesso.

      Elimina
    14. La Provinciale11 marzo 2020 13:44

      @Cavaliere Oscuro
      Non ne avevo mai sentito parlare, ho dato un'occhiata e sembra molto interessante! Capisco che sia un ambito molto di nicchia, ma se estendi a tutti gli appassionati di fotografia in generale (i veri appassionati non quelli che si fanno i selfie) di donne ce ne sono tante. Una mia amica, oltre a far parte di un'associazione a tema che conta decine di iscritti nella mia città (anch'io ci ho bazzicato), si era appassionata per un periodo di lomografia; chi ha già la mente predisposta si incuriosisce facilmente di nuove tecniche... e di chi le sa praticare. Mi ricordo ad esempio un fotografo che creava capolavori con il metodo a infrarossi. Io invece sono patita di multivisione, una forma d'arte che però alcuni fotografi puristi disprezzano 😅

      Elimina
    15. La Provinciale11 marzo 2020 15:00

      @Gino
      Venivano assediate dagli uomini e non ne erano contente? Forse erano single in quanto lesbiche latenti o asessuali? Io penso che debba essere una bella sensazione attirare l'attenzione di uomini single e avere occasioni, se non ne vuoi fatti la gitarella in solitaria tra amiche... Bah...

      Elimina
    16. Cavaliere Oscuro11 marzo 2020 22:26

      @La provinciale: abito in una provincia ricca e annoiata, sinceramente dalle mie parti donne appassionate di fotografia
      non ne conosco nessuna, gli smartphone hanno fatto calare a
      picco la cultura fotografica, perché permettono a chiunque
      di scattare immagini decenti senza nessuna conoscenza tecnica,
      quindi la gente ormai non si pone più il problema di imparare.
      La tecnica dell'infrarosso la praticavo anche io, e ne avevo
      piena padronanza, ma oggigiorno non si trovano più i materiali
      sensibili, quindi è morta e sepolta.

      Elimina
    17. Cavaliere Oscuro11 marzo 2020 22:40

      @Gino: Non voglio dire che le app di dating siano una fregatura,
      almeno le versioni gratuite, ma per i risultati che danno,
      richiedono molto tempo, e talvolta travasi di bile.
      Credo che le donne peggiori, le più ipergamiche, siano proprio
      quelle iscritte in queste app, quindi se non si è belli sul serio,
      non si combina niente. Altro neo, spesso non mettono le foto,
      io in un paio di appuntamenti ho avuto la spiacevole
      sorpresa di trovarmi di fronte donne piuttosto brutte...
      Per il discorso Hobby, è una questione di misura, l'uomo che ha
      ingerito la pillola rossa/nera, non assedia le donne perché sa
      benissimo che è controproducente, e lo trasforma in zerbino.

      Elimina
    18. Cavaliere Oscuro, permettimi un fraterno rimprovero...chattare solo con donne che si mostrano in foto è l'ABC però, quindi te la sei cercata ehehehe. A me è capitato di avere la compatibilità con donne che mettevano foto di tramonti o di fiori o citazioni colte. E si offendevano se dicevo loro che secondo me erano brutte, per questo non mettevano la foto. Meglio quella che mostra le tette (potendoselo permettere ovviamente), fai sweep left ma almeno hai visto una persona che sai su cosa punta per suscitare interesse, che non usa la finta iposcrisia del "cominciamo a conoscerci da quel che abbiamo dentro" perchè io sono sicuro che le due brutte che hai incontrato non avrebbero avuto difficoltà a scaricarti se non ti avesssero trovato di loro gradimento

      Elimina
    19. Cavaliere Oscuro12 marzo 2020 22:20

      @Gino: Ho imparato che il fatto che non mettano le foto è irrillevante, e per diversi motivi.
      Inanzitutto spesso sono ingannevoli, perché caricano foto
      di 10 anni fa, e con 10-20 kg in meno, quindi puoi trovarti
      benissimo la sorpresa lo stesso.
      In qualche caso, ho sentito dire che la foto era addirittura
      di un'altra donna, quindi altra fregatura.
      Non è vero che quelle che non la mettono sono brutte,
      a volte lo fanno perché hanno qualcosa da nascondere, una volta una conosciuta in un sito mi ha mandato una sua foto in privato,
      ed era una bella fica, peccato che il mio status non fosse alla
      sua altezza.....
      Per le due incontrate, non c'è stato problema, le ho scaricate io.

      Elimina
  10. Credo sia una testimonianza interessante, che confuta la teoria.
    La risposta del Red è sottoscrivibile parola per parola, in particolare l'ultima parte, nella quale noi "uomini medi" ci ritroviamo perfettamente. Arriviamo ad una certa sentendo che manca qualcosa, manca una parte importante di validazione e di esperienze e certamente si tende a correre dietro alle donne perché non si hanno feedback, cosa che non sembra ben chiara all'autore. Ragiona così proprio perché le ragazze l'hanno sempre cercato, nello stesso modo in cui le ragazze gettonate tendono a snobbare i ragazzi, perché spedito uno ce ne sono altri dieci in attesa. Ma già ora che avverte la concorrenza comprende che per averle dovrebbe impegnarsi di più e questo gli crea stress.
    Tra l'altro mi sembra un po' ingenuo pensare che ad una ragazza/donna possa bastare stare con uno fisicamente sopra la media, espansivo e che sa tirare 4 calci ad un pallone. è sufficiente con le ragazzine o con le cerebrolese, ma mi sembra normale che vivere una relazione sia ben più che avere l'onore di darla al campioncino della new team.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si inseguono le donne per la validazione che averne una conferisce nella nostra società. Dopodichè la validazione è chiaramente un'illusione e un costrutto sociale. Ecco perchè, belli o brutti che si sia, è bene superare questo bisogno sociale indotto e liberararsi una volta per tutte.

      Elimina
    2. Anonimamente8 marzo 2020 17:03

      @Unutente: complimenti per il post, che conferma che sei, tra chi scrive qui, uno di quelli con la visione più saggiamente lucida ed equilibrata.

      Per il resto, ci sono diverse frasi del racconto dell'autore che ho trovato salienti: "dalle elementari ho sempre avuto le bambine più carine che mi correvano dietro", "mi sono fidanzato ... con una delle più carine della scuola", "l'ultimo anno ebbi una relazione fugace e lampo ... con forse la più carina del nostro corso", "eccetto per quelle molto meno carine di me o altri casi) non basta", "tipe con cui avevo stoppato la frequentazione". Penso che siano frasi inequivocabili riguardo al fatto che chi le scrive ritiene (non discuto se a torto o a ragione) di potersi permettere di non accontentarsi e quindi non poter scartare le "tipe" sotto un certo livello. E questo è una prerogativa di chi, indipendentemente dal sesso, si ritiene sopra la media.

      Elimina
    3. Anonimo delle 13.57.
      Non sono totalmente d'accordo, la validazione la si cerca principalmente per sè stessi, il conformarsi ai dettami della società viene dopo. L'adrenalina di sentire che piaci ad una donna, i suoi sguardi, lei che cerca il contatto fisico. Tutte cose che ad una marea di uomini sono precluse. Questo toglie una parte importante di "gusto" nella vita, un po' come andare in spiaggia senza fare il bagno.

      Anonimamente 17.03
      Ti ringrazio. Credo di essere riuscito ad interiorizzare molto bene la teoria e i meccanismi attrattivi uomo/donna. Dopo tutto, ho iniziato a riflettere su tali meccanismi ormai molti anni fa, quando qualcosa non quadrava e i conti non tornavano. Leggere così tante testimonianze non ha fatto altro che rafforzare il mio pensiero e aiutarmi a capire che non ero io quello sbagliato.

      Elimina
    4. Anonimamente9 marzo 2020 21:20

      @Unutente 8 marzo 2020 23:40: al contrario di molti altri che scrivono qui, l'osservazione e la riflessione non ti hanno portato però all'anaffettività o addirittura al cinismo. Personalmente, trovo che sia oltremodo apprezzabile :)

      Elimina
    5. Anonimamente...o uno si suicida altrimenti deve sopravvivere per tutti gli anni che gli sono concessi ed è sacrosanto farlo al meglio e desiderare il meglio. A un certo punto però bisogna fare i conti con la realtà e rendersi conto che alcuni desideri sono irraggiungibili (senza stare a sindacare le colpe o le responsabilità). Ora chiedo...come possono l'anaffettività e il cinismo di un maschio danneggiare la società? Per il maschio brutto sono assolutamente funzionali alla prorpia sopravvivenza, ma attenzione anche il maschio più bellino potrebbe essersi stufato e acquisire questi atteggiamenti o provare tali sentimenti. Ora se quel che prova il brutto è totalmente ininfluente per una donna, lo diventa nel momento in cui ciò toglie zerbini dalla circolazione. Il bello che non si toglie dalla circolazione ma se ne distacca solo un po' allontana un potenziale partner da "sfruttare" per lo status o per il sesso. Tutto questo non danneggia minimamente la società ma incrina solo il potere della donna, ecco perchè per le donne è fondamentale preservare la bluepill. E chi la ripudia è subito bollato come anaffettivo, misogino, maschilista.

      Elimina
    6. Gino coglie il punto: le donne vogliono il maschio irrazionale perchè quello che ragiona colla sua testa non è manipolabile.

      Elimina
    7. Caro Unutente,
      devo dire che le tue riflessioni, anche se non banali, presentano sempre una certa vena di masochismo.
      Arrivi a capire che il gioco è truccato, sbilanciato a sfavore degli uomini e dunque, alla fine, si risolve in una fregatura, però poi non ne trai la logica conseguenza. Che è, a mio avviso, la scelta di lasciar perdere le donne.
      Non fraintendermi, quando parli di adrealina e di contatto fisico posso capirti, sono stato anche io coinvolto in diverse relazioni in vita mia. Però anche l'eroina dà sensazioni piacevoli, eppure nessuno dubita che drogarsi sia un errore...
      Non dobbiamo mai dimenticarci del fatto che, alla fine, gran parte della "soddisfazione" che si trae dall'avere una donna è data dai condizionamenti sociali: dal fatto cioè che, nella nostra società, se scopi sei percepito come un vincente (anche se poi in realtà sei solo un povero cristo che si fa bistrattare e spennare per avere ciò che potrebbe ottenere con 100 euro).
      Ovviamete, non conoscendoti, non mi permetto mi giudicarti. Ma mi pare che al tuo ragionamento, così come a quello di molti altri autori che apprezzo (ad. esempio il buon Mahler), manchi "un pezzo". Quello finale, che consente di vivere non solo redpillati, ma felici, perché liberi dalle relazioni.

      Elimina
    8. @Gino: l'anaffettività ed il cinismo di sicuro rendono l'individuo più triste, e questo inevitabilmente si riflette anche sulla società, che diventa sempre più permeata di sfiducia, e non credo sia così facile confinarla SOLO al rapporto con l'altro sesso. La redpill dovrebbe essere semplicemente lucidità e consapevolezza, NON una sfiducia aprioristica che blocca nel vivere (quella è blackpill). Unutente a mio parere ci è arrivato a raggiungere un lucido e saggio equilibrio; altri invece mi sembra che siano andati oltre, e credo sia non poco penalizzante proprio per loro.

      Elimina
    9. Anonimamente 21.20.
      Credo che l'eccessivo cinismo porti al nichilismo e il nichilismo alla totale inedia nei confronti della vita, al famoso "male di vivere", che a suo tempo Pavese descrisse molto bene (e sappiamo purtroppo come è andata a finire per lui). Ecco, Pavese rappresenta l'antesignano del redpillato, aveva già compreso tutto un'infinità di anni prima, ma oltre una certa misura si rischia di perdere il senso stesso di vivere, per l'appunto.

      Gigi delle 18.47.
      Quella che può essere la soluzione giusta per te non è detto che lo sia per me, tuttavia entrambe possono essere corrette.
      Semplicemente non mi vedo soddisfatto nel diventare un cliente di prostitute e nemmeno "uno che va per la sua strada".
      Attualmente ho una compagna e ci sto bene, vorrei anche dei figli, certo, nelle mie relazioni le ho date e soprattutto prese, mazzate tremende, però ho imparato a vivermele in maniera più disincantata. Se questa relazione andrá male magari cambierò idea, starò da solo, chi lo sa, però una persona deve fare anche ciò che sente nelle proprie corde.

      Elimina
    10. L'anaffettivita' verso il genere femminile non significa anaffettivita' tout court. Come al contrario, le donne che ripudiano gli uomini provano affetto per i loro gatti chi lo nega?

      Elimina
    11. Boh, come ti ho detto non voglio giudicare nessuno, però ti confesso che il tuo mi sembra l'atteggiamento di chi, imboccando una certa strada ,è andato a sbattere per 99 volte e vuol vedere se per caso la centesima cambia qualcosa.
      Io ho preferito cambiare.
      L'ho fatto, ovviamente, per vantaggio personale, ma così ho anche evitato di contribuire a rafforzare lo strapotere femminile di cui anche tu parli molto bene.

      Elimina
    12. @Gino 11 marzo 2020 00:16: personalmente l'affetto per gli animali, almeno se diventa esclusivo ed escludente nei confronti di quello verso gli esseri umani, non mi sembra sano. Diverso il caso se invece coesiste con esso. La mia personale opinione è che le relazioni umane (uso il termine più neutro possibile) sia difficile gestirle a compartimenti stagni. E' però solo un'opinione, ben inteso.

      Elimina
  11. Water is wet

    RispondiElimina
  12. L’uomo medio ritrova la serenità quando realizza che non è dall’avere o meno una donna che dipende il senso della sua vita.
    Una volta superato questo condizionamento sociale, vivrà meglio, come vive bene questo ragazzo il quale, belloccio, ha capito che c’è altro per cui vale la pena di vivere e rovinarsi in una LTR, al giorno d’oggi, non conviene neppure a chi, come lui, ha il bel facciano.

    RispondiElimina
  13. "dopo i 30 anni ha poco senso parlare di incel perché bene o male ad un certo punto qualcuna per sistemarti la trovi"

    ...Se hai più soldi di lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu pure rispondi alle domnule?
      beata innocenza

      Elimina
    2. La Provinciale8 marzo 2020 14:10

      Lo ripeto anche qua, quella frase non è mia, è una citazione dal post e l'ha scritta il Redpillatore.

      Elimina
  14. @Redpillatore,
    più passa il tempo, più la redpill diventa blackpill e l'opzione MGTOW sembra delinearsi come l'unica logica prospettiva e via d'uscita per chi abbia uno sguardo lucido sulla realtà.
    Tempo fa lessi una bella storia (che poi era anche una lezione di vita) su questo blog.
    Ogni tanto noto che torna alla ribalta: "la storia di Erasmo, quello che non hai è quel che non ti manca".
    Mi aveva colpito sin da subito, rileggendolo a distanza di qualche tempo devo dire che mi sembra un vero e proprio testo sacro.
    Certo, non è che si possa escludere a priori l'ipotesi di una relazione con una donna bella, simpatica che ci ami davvero e con la quale costruire una vita.
    Ma, francamente, ti sembra una prospettiva seria e probabile?
    A me pare sembra tanto un unicorno o, nella migliore delle ipotesi, un bisonte bianco. Insomma una cosa che, se esiste, sicuramente è estremamente difficile da trovare.
    E di coseguenza, come consiglio "base" per redpillati o aspiranti tali, mi sembra sensato dire: "State alla larga dalle donne. O sarà peggio per voi."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran calma. Voi MGTOW e i PUA vi siete fregati il nome "redpill", che all'inizio era quella che ora è la blackpill.
      Non provateci nemmeno a raccontare minchiate che ora siete blackpillati, perché non lo siete.
      A me pare che il redpillatore stia in una posizione un po' moderata tra le due, ma la blackpill rimane blackpill e finitela di fregare i nomi. Rimanete a fare cope con la vostra hpersonalitàh.

      Elimina
    2. Onestamente poco mi importa se sia red o black.
      Quello che conta è che l’unica strada sensata è quella del MGTOW.

      Elimina
    3. Non è una questione di colore. È una questione di non far tacere un'opinione diversa, ridefinendola. La blackpill ha delle conclusioni che contrastano il MGTOW, e dimostrano che chi è MGTOW è femminista.

      Elimina
    4. @Kao

      In che senso il MGTOW sarebbe femminista?

      Elimina
    5. Il messaggio MGTOW è edonista, anti-natalista e anti-famiglia, come il femminismo. Inoltre spinge l'idea che non si possa cambiare lo status quo (che è ginocentrico), ridicolizzando gli MRA e dicendo di "andare per la propria strada".
      Tra l'altro, i più famosi MGTOW su youtube (che fanno video quasi quotidiani e ne hanno ormai a migliaia) sono parte di un (((certo gruppo))), che è lo stesso che ha inventato e spinto il femminismo.
      Sarebbe da scriverci un articolo intero..

      Elimina
    6. Grazie per la precisazione. Onestamente non conosco gli youtuber MGTOW.
      Per quanto mi riguarda posso dire, avendo avuto una famiglia, che si tratta semplicemente di una scelta razionale; una scelta che diventa inevitabile considerato lo stato attuale delle cose.
      La realtà (amara) di oggi è che, per un uomo, avere una donna equivale a giocare alla roulette russa.
      E' sicuramente vero che questo comporta (e comporterà sempre più) dei problemi su scala macro; d'altra parte non si può neppure chiedere a un uomo di suicidarsi a gloria della specie...
      Lottiamo per i diritti degli uomini; nel frattempo però prendiamo atto di quale sia la realtà e regoliamoci di conseguenza.

      Elimina
    7. In questo periodo di domiciliari forzati mi capita di guardare un po' di più la televisione...proprio stamattina a un certo punto inizia una puntata di Forum, su Canale 5. Sappiamo benissimo che i contendenti sono attori e le cause inventate, anche se mutuate da quello che potrebbe succedere nella vita reale. Vi racconto. Un ragazzo di circa 30 anni, sul 5.5/6 stanco dei sette anni di astinenza dovuti alla scelta della fidanzata di arrivare ilibata al matrimonio conosce su internet un'altra donna pariestetica alla quale fa credere di essere single e con la quale però non combina nulla. Finchè un giorno lei decide di fargli una sorpresa e scopre che l'uomo è fidanzato; chiede allora 100.000 euro (!!!!) come risarcimento morale. Il giudice dà ragione all'uomo (ai fini della legge) e lei candidamente afferma che se ci fosse stata un giudice donna avrebbe dato ragione a lei. Capite? Ormai questa convinzione che gli uomini si alleino per danneggiare il genere femminile è così radicata che solo un'altra donna potrebbe tutelare fino in fondo i diritti di una donna, dove la tutela porta con sè l'annientamento sociale ed economico della controparte maschile, con buona pace della parità e dell'autonomia della magistratura. Roulette russa in cui però la pistola è caricata con 11 proiettili su 12.

      Elimina
    8. @Gino
      Tu dici "Lottiamo per i diritti degli uomini": allora non sei MGTOW!
      Come ho scritto nel commento prima, i MGTOW giustificano il non lottare, prendendo pure in giro gli MRA (che invece cercano di cambiare le leggi) dicendo che siccome le donne sono in maggioranza, votare non serve a niente, e tanto vale accettare lo status quo e farsi i fatti propri.

      Lascia stare i MGTOW, che sono spinti dalla sinistra come il femminismo. Considerati al massimo un MRA passivo, ma non MGTOW.

      Elimina
  15. IlBelloDeiBrutti8 marzo 2020 18:19

    Il belloccio dell'articolo ha sancito l'essenza della Redpill

    Le donne sono un plus della vita e delle proprie passioni (che i blackpillati chiamano coping)
    Non devono mai e poi mai rappresentare la cosa importante della propria vita, cercare validazione da una donna o in generale dal mondo esterno è da sfigati

    L'autostima, come dice la stessa parola, deve essere costruita e fortificata dal proprio interno, intimo e non ricercata all'esterno da chicchessia
    Nel mentre se si scopa è tutto ok, se non si scopa AMEN, c'è sempre Federica che in 5 minuti netti ti sollieva o al limite 70€ ogni tanto e ti scopi le 7

    RispondiElimina
  16. Una piccola osservazione dettata dall'esperienza di amici e colleghi di lavoro. A mio parere la donna di oggi non cerca più semplicemente l'uomo con una posizione stabile, quello che una volta chiavano "un buon partito". Ho diversi amici e conoscenti con posizione lavorativa impeccabile e pochi grilli per la testa che di punto in bianco, senza motivo apparente o terzo incomodo, si sono fatti piantare da fidanzate e mogli. Per quale motivo ? La routine, la monotonia, la noia… non basta un contratto a tempo indeterminato a fare in modo che la tua donna non scappi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Si sono fatti lasciare", però intanto una donna l'avevano.
      Senza contratto unito a un minimo di look, nemmeno quella.

      Elimina
    2. Riccardo, non dici la tua età e quella del tuo giro di amicizie quindi manca un dato fondamentale. Un altro dato che manca è la durata della relazione... Comunque è vero che il tempo indeterminato con buono stipendio non è a garanzia di tenere una donna, ma a una certa età diventa una condizione quasi necessaria per trovarne una.

      Elimina
    3. Riccardo delle 11.35
      Hai messo in risalto un aspetto che a mio avviso è molto diffuso e testimonia quanto la nostra società si sia indirizzata verso la superficialità e l'edonismo.
      Io credo che molte donne vadano per fasi. Ad esempio corrono dietro al bad boy, poi si stufano e cercano il buon partito, ma dopo alcuni anni, fatta ormai casa e famiglia, si stancano di quella routine e tornano a cacciare i bad boy.

      Elimina
    4. Per completezza d'informazioni : io ho 35 anni, e parlo di altri uomini e altre donne della stessa fascia d'età.

      Elimina
  17. Questo articolo mi fa piacere per due motivi: il primo è che è scritto da un non brutto il quale, nonostante la possibilità di avere una relazione, rinuncia ad averla comprendendo che si tratta mediamente di grandi fregature.
    Il secondo è che mette in luce un aspetto fondamentale, che la LMS Theory qualche volta sembra (e dico SEMBRA) trascurare: una donna, dopo i 30, è alla portata, se non di tutti, della stragrande maggioranza delle persone.
    Il fatto è che, dopo quell'età, la relazione, scevra da tutte le illusioni della gioventù, si manifesta per quello che è: una prigione sociale.
    Il vero problema è che molti ex incel, messi di fronte alla loro prima opportunità, non lo capiscono. E, pur di mettere a tacere tutti o di conseguire chissà che vittoria (la famosa validazione, che è appunto una pura e semplice cazzata), accettano di farsi mettere il collare.
    Errore, grave errore. Inutile dirlo.
    La vera Redpill si vede proprio in questo momento: nella capacità di comprendere che devi dire di NO, lasciar perdere le donne e andare per la tua strada.
    Come dice il Redpillatore una scelta del genere è sicuramente più facile per chi, come il nostro amico, ha già avuto le sue esperienze, per cui è più lucido.
    Ma la scelta, che si sia belli o brutti, la scelta giusta intendo, è sempre la stessa: andare per la propria strada.
    Tutto il resto è blupill.

    RispondiElimina
  18. Posso fare un ragionamento ai tempi del Covid-19?

    Questo virus è democratico, perchè così è la natura, alle volte rimescola le carte così che i forti di prima diventano i nuovi deboli
    e viceversa. Studiate il caso della farfalla Bistrot ai tempi della rivoluzione industriale.
    Di fronte ad una minaccia naturale siamo tutti esposti allo stesso modo, belli e brutti, maschi e femmine.
    Prima di marzo 2020 le belle italiane potevano ipergamare a manetta, non avevano che l'imbarazzo della scelta
    di chi frequentare, di posti dove pavoneggiarsi per ricevere i complimenti, drink offerti, di avere inviti a cena.
    I brutti non avevano scelta, non avevano una vita sociale, casa e studio oppure lavoro o addirittura solo casa.
    Ora un'epidemia ci ha portati tutti alla stessa condizione, isolati fra quattro mura, uscire solo per documentata necessità.
    A chi pensate questo pesi di più? A chi aveva già fatto della solitudine la propria compagna di vita o chi
    non poteva restare 5 minuti senza che gli arrivassero notifiche di like e richieste di contatto sullo smartphone?
    Adesso VOI, mie care, provate come ci sente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Genio, i disoccupati o lavoranti in nero se la prendono in culo mentre i maGnager e i quadri coll'appartamentino fico hanno stipendio e libertà di movimento tanto quanto prima.
      Le troie in Erasmus sono partite come sempre, e ora finiscono sul giornale perché intervistate sulla voglia di... tornare.
      Chiusi in casa = social lezzwork a manetta -> ulteriore impennata dell'ipergamia.
      C'è solo da sperare che il virus colpisca più CO possibili.
      Livella un par di coglioni.

      Elimina
    2. La Provinciale14 marzo 2020 09:19

      @Nicola
      Il tuo è un ragionamento sensato, ma dimentichi la vita virtuale... Probabilmente queste tipe continueranno a pavoneggiarsi sui social, facendosi selfie in casa e intrattenendo comunque contatti online... Sicuramente però saranno più frustrate per non poter fare movida, quello sì.

      Elimina
    3. Era una riflessione che stavo facendo anche io. Io sono un po' orso, ma non poter andare a fare una passeggiata o un giro in bici liberamente sta pesando anche a me. Secondo me il problema dei like è facilmente aggirabile postando su instagram come se non ci fosse un domani e sono convinto che ci sia stato anche un boom di iscrizioni a tinder&co. Dopo questo periodo prevedo invece un grosso numero di separazioni perchè molte coppie che vivono sotto lo stesso tetto non reggono la convivenza forzata senza le valvole di sfogo personali (la partita a calcetto, la serata tra amiche, l'estetista, il parrucchiere...). Non so se questo può essere un risvolto positivo o negativo per la società...Lancio una proposta al Redpillatore, un bell'articolo "La Redpill ai tempi del Coronavirus".

      Elimina
    4. staranno sempre meglio degli incel o simili. Un conto è vivere il purgatorio, e un altro conto è vivere l'inferno.

      Elimina
    5. Cavaliere Oscuro14 marzo 2020 23:32

      L'unica cosa che c'è di democratico nella natura, è il suo essere spietata.Le donne, dopo il 68 sono tornate a comportarsi come le cavernicole del Neanderthal, selezionando solo i maschi in apparenza migliori, sovvertendo cosi quelle regoli sociali che esistevano da millenni, e che erano alla base della civiltà.
      Ora arriva un virus sconosciuto, e non sarà neanche l'ultimo,
      che può falcidiare chiunque, belli, brutti, CO, gnocche ipergamiche, e stronze varie,senza discriminazione alcuna.
      Perché su una cosa la natura è stata giusta: Non sta scritto
      da nessuna parte, che il belloccio o la stronzetta carina
      abbiano nel loro corredo genetico una resistenza alle malattie
      migliore degli altri, anzi è esattamente possibile il contrario.
      Quindi nel male non esistono privilegiati, siamo tutti esposti al rischio, questa è la vera democrazia di madre natura.

      Elimina
    6. @Cavaliere oscurato

      quindi secondo te un calciatore della Juventus dall'epidemia subisce gli stessi danni di un lavoratore in nero alto 165 cm con L attorno al 5?
      Alla faccia della pillola blu!
      Tra le migliaia di ultra70enni morti finora non c'è nemmeno 1 politico italiano. Uno! E dire che sono decine di migliaia...

      Elimina
    7. @ la provinciale @ gino : infatti, non dico che non possano continuare con le storie di Instagram a farsi selfie con le labbra a gallina mentre comprimono i seni, ma non possono andare fuori a fare aperitivi. Quello je rode sicuro! Non sto parlando che sia finita l'ipergamia, sto dicendo che non possono andare in giro e devono stare chiuse in casa, anche al sabato sera, una cosa che non hanno MAI provato prima d'ora. Scusate se è poco!!!

      Elimina
    8. E siamo d'accordo, il virus se ne frega della teoria LMS. Bella consolazione mi viene da dire. Chi pensa che questa pandemia spariglierà le carte mi dispiace ma si illude inutilmente. Questo tanto sbandierato sentimento di unità nazionale a colpi di flashmob è una pura utopia (altrimenti saremmo un paese unito dalla vittoria dei mondiali di calcio del 2006), oltretutto già smentito da un bel po' di "connazionali" che in maniera irrazionale sono tornati al sud. Quando tutto sarà finito le donne dovranno recuperare il tempo perso e il fatto di aver magari subito un danno economico in questo mese di stop forzato rafforzerà il loro sentimento di sentirsi in credito verso la vita. Uniamo l'endemica tendenza del popolo italico ad accentuare la sofferenza quando si manifesta un evento tragico e a dimenticarsene poco dopo come se nulla fosse successo e il gioco è fatto. Tra un mese si parlerà di luoghi di villeggiatura e di aperitivi e cene fuori (stavo dimenticando la Serie A) a dispetto del poterselo permettere o meno perchè sono questi i diritti inalienabili dell'uomo italico. Tornerà l'individualismo a cui eravamo abituati perchè ormai è troppo radicato. Per me sapere che il virus nella sua democrazia si è portato via un belloccio o una stronzetta non è di nessuna consolazione.

      Elimina
    9. @Cavaliere Oscuro

      "Le donne, dopo il 68 sono tornate a comportarsi come le cavernicole del Neanderthal, selezionando solo i maschi in apparenza migliori, sovvertendo cosi quelle regoli sociali che esistevano da millenni, e che erano alla base della civiltà"

      Credo lo abbiano sempre fatto, solo che l'assenza dell'indipendenza economica, unita ad una forte pressione sociale, le obbligavano a scegliere basandosi su altri criteri rispetto a quelli odierni.

      Elimina
    10. E' chiaro che a tempo debito tutto tornerá come prima, l'uomo non impara mai dai suoi errori, tende a rifarli perché c'è nessuna evoluzione nel modo di ragionare, c'è solo un evoluzione delle tecnologie e delle apparenze, ma come ampiamente il redpillatore ha fatto notare, ragioniamo allo stesso modo dei nostri antenati. Tutto giusto insomma, tranne le tempistiche. Non credo che tra un mese sarà tutto finito, per me ci va di più x tornare alla normalità, ma fare previsioni sensate é troppo presto.

      Elimina
    11. Alcune differenze di cui ho parlato sono solo "osservazioni momentanee" sulle abitudini di alcune persone abituate a pavoneggiarsi ogni sabato nei locali, o davanti un aperitivo, ai quali pesa di più non poterlo fare per un certo periodo, rispetto a una persona "normaloide" o diciamo "comune". Soprattuto se la persona "comune" ha "altri interessi significativi" . Per il resto:
      Concordo con chi ha detto che non cambierà in sostanza, il confronto fra belli e brutti, se visto in generale. Questo mi sembrava talmente scontato da non doverlo specificare. Se qualcuno si dovesse illudere in tal senso, lo considererei in errore.

      Elimina
    12. Cavaliere Oscuro15 marzo 2020 21:47

      anonimo delle 00:41
      Non ci siamo capiti, io non dico che il lavoratore in nero subisca gli stessi danni economici di un calciatore della Juventus,
      e comunque, se il lavoratore in nero è furbo, di sicuro percepisce
      il reddito di cittadinanza, quindi non morirà di fame...
      il mio ragionamento riguardava esclusivamente il rischio per la salute, perché se il virus come succede abbastanza spesso, sviluppa un'infezione secondaria come la polmonite virale,
      non esistono soldi o cure che possano salvarti, se il tuo sistema
      immunitario c'e la fa bene, altrimenti vai al creatore.
      Indipendentemente dal fatto che uno sia ricco o povero.
      Quindi, su questo siamo tutti sullo stesso piano.

      Elimina
    13. La Provinciale15 marzo 2020 22:19

      @Cavaliere Oscuro e Emanuele

      Avete citato i tempi dei cavernicoli, e non è la prima volta che leggo (su questo blog) che all'epoca le donne selezionavano "i migliori".
      Però se penso ad altre letture scientifiche fatte mi ricordo ipotesi diverse: essendo l'uomo mediamente più forte, si pensa che avesse lui il controllo degli accoppiamenti (tanto una femmina mica avrebbe potuto opporsi, e manco le veniva in mente, essendo il sesso una faccenda ancora piuttosto animalesca). Quindi forse non tutti riuscivano ad accoppiarsi ma se non avveniva era per lotte tra maschi, non perché nessuna femmina li aveva selezionati.
      Secondo questa ipotesi, le cose hanno iniziato a cambiare quando gli umani hanno capito il collegamento tra sesso e riproduzione, quindi il concetto di paternità e la conseguente creazione di nuclei familiari. Non ricordo esattamente le tempistiche di questo processo, mi verrebbe da dire che fosse tra paleolotico e neolitico ma potrei sbagliare. Se trovo delle fonti ve le cito.

      Elimina
    14. Cavaliere Oscuro15 marzo 2020 22:56

      @Emanuele: una volta lo facevano in misura molto inferiore a oggi,
      perché la mente femminile è meno razionale di quella dell'uomo,
      gli antichi l'avevano capito, e avevano messo delle regole sociali, proprio per evitare questo.
      Ora che le regole sono saltate, vallo a spiegare a una mente
      irrazionale, che numericamente parlando non ci sono maschi di elevato valore per tutte, e che comunque non spettano di diritto.
      è di pochi giorni fa, la discussione che ho avuto con una quarantenne che mi trovava brutto, e alla mia rimostranza che
      neanche lei fosse bella, ha risposto "Io credo di essere bella".
      Risultato: non riesce a trovare il principe azzurro, e si dovrà
      rassegnare alla sola compagnia del cane, oppure ad essere usata
      come "buco" di scorta, per poi venire abbandonata.
      Moltiplica questa per qualche milione, e abbiamo la situazione
      odierna.

      Elimina
    15. Osservatore Romano16 marzo 2020 11:49

      @Cavaliere

      anche al tempo della guerra dicevano che bombe e proiettili non fanno differenze sociali. Poi vai a leggere le statistiche e scopri che è falso.

      Comunque se a te piace crederlo perchè ti consola e fa sentire meglio sei liberissimo di illuderti. Nei tempi di crisi la pillola blu spopola (vedi slogan/hashtag "Andrà Tutto Bene" diffuso per non far precipitare nel panico un popolo di trogloditi ignoranti come quello italiano).

      Elimina
    16. @provinciale
      ritengo che la selezione sessuale nei confronti del maschio pre-umano sia sempre stata a doppio senso: scelta femminile da una parte, e battaglia tra i maschi, fin'anche all'ultimo sangue, dall'altra - stessa cosa accade, tra l'altro, alla maggior parte degli esseri viventi sessuati - tuttavia il fatto che la donna umana 'non vada espressamente in calore', la battaglia dei maschi, a un certo punto dell'evoluzione, deve aver ceduto il posto preferibilmente alla selezione sessuale femminile (una sorta di matriarcato primitivo). Poi la cultura ha in qualche modo agito sulla natura, senza comunque distorcerla, per equilibrare un po' le cose.
      In tutto il regno animale, pesci, rettili, uccelli, mammiferi, ... tutte le femmine in salute si accoppiano. Ciò non accade a tutti i maschi. Solo la cultura (religioni, ideali, etica) riesce ad andare oltre l'aspetto selvaggio della sessualità a beneficio, secondo me, di tutta la collettività umana.

      Elimina
    17. Cavaliere Oscuro16 marzo 2020 22:20

      @osservatore romano: Bisogna fare delle distinzioni, guerra e pandemia non comportano gli stessi rischi, dal punto di vista sociale.
      Bombe e proiettili la facevano la differenza sociale durante la guerra, perché i proletari erano carne da cannone, e uscivano
      dalle trincee per farsi ammazzare, mentre i borghesi e gli
      aristocratici avevano ruoli di comando, e stavano al sicuro
      dentro ai rifugi.
      Una pandemia è diversa, siamo esposti tutti al rischio, e la
      sanità cura indifferentemente sia il povero che il ricco,
      (almeno qua al nord)
      Io non mi illudo di niente, lo slogan "andrà tutto bene" mi fa
      una sega, perché sono consapevole da anni di vivere in una nazione
      sull'orlo del precipizio, e che prima o poi ci finirà dentro...

      Elimina
    18. Cavaliere Oscuro17 marzo 2020 03:58

      @La proviciale: forse ai tempi dei cavernicoli le cose andavano
      come dici tu, resta il fatto che allora c'erano pochi uomini che
      si contendevano molte donne, oggi succede l'esatto contrario,
      cioè molte donne che si contendono pochi uomini con elevati
      standard estetici/economici.
      Quindi dal mio punto di vista siamo tornati alla legge della
      giungla, come 200000 anni fa.

      Elimina
    19. Osservatore Romano17 marzo 2020 18:01

      @Cavaliere Oscurantista

      mi sa che non hai presente come funziona la sanità nella realtà dei fatti.
      Segue dunque esempio esplicativo...

      Tempo addietro mi feci fare una visita ortopedica nello stesso ospedale dove un famigerato calciatore italiano (noto più per la sua stupidità che per le doti agonistiche). Premesso che quello fu operato nel giro di una settimana (ginocchio) per lo stesso problema per il quale a me il primario di allora disse: "impari a convivere con il dolore perchè non conviene operare"... (cosa che feci, smettendo di giocare a calcio per un anno -all'epoca ero coetaneo del calciatore in questione), stavolta mi reco per un fastidio alla spalla (fastidio che mi impediva qualunque sforzo "overhead" -in pratica non avrei nemmeno potuto fare il muratore in nero). Dico che gioco a pallavolo e mi piacerebbe continuare. Fa i test, diagnostica qualcosa, prescrive la risonanza che mi ero prescritto da solo (non serve essere laureati per capire che per un malanno non-osseo ci va la RM ma la legge italiana per i mutuati obbliga alla visita per avere l'impegnativa -da privati, ovvero col krano, ti prescrivi la visita che vuoi). Chiedo: "ma si può operare? ne avrei giovamento?"
      Risposta: "certo, ma è complicato e lo sconsiglio: lei non è mica un giocatore professionista."
      In definitiva se non hai 250€ per la RM, 5000€ per la riabilitazione (100 sedute 50€ con fattura: la spalla è rognosa, servono 6 mesi di lavoro quotidiano), 2/3000 per l'operazione (se day hospital) da vecchio puoi stare tranquillamente paralizzato tanto al SSN non frega un cazzo. Figurati se stai crepando di polmonite (presa, il più delle volte, in ospedale).

      Controesempio: se Lapo Elkan non fosse della famiglia Agnelli sarebbe già morto almeno 3 volte.

      Ulteriore controesempio: secondo te ha più probabilità di contrarre il virus un poveraccio che abita in città coi suoi genitori in appartamento perchè disoccupato o uno sportivo/magnager/danaroso con villa singola 3000 metri quadri in campagna?

      Tempo sei mesi e avremo la risposta certificata dalle statistiche. Non saranno divertenti.

      Elimina
    20. Che non siamo tutti uguali per un cazzo lo dicono pure i giornalisti all'acqua di rose di repubblica: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/

      Elimina
    21. Cavaliere Oscuro18 marzo 2020 03:43

      @Osservatore Romano: credo che viviamo in due realtà diverse,
      nella mia regione le cose che hai raccontato non succedono,
      per le visite ed esami specialistici si paga solo il ticket,
      pensionati, disoccupati, e dipendenti con reddito basso, non
      pagano nulla, le operazioni chirurgiche sono completamente
      gratuite, e nessuno viene abbandonato al proprio destino.
      Mi viene da pensare che tu viva in una regione dove governa
      il PD, partito che si riempie la bocca di diritti e uguaglianza
      ma che alla fine pensa solo ai profughi, spacciatori, diversamente
      colorati e trogloditi vari.
      Adesso ti spiego perché neanche il danaroso con villa in campagna
      è al sicuro:notoriamente, i ricchi non sanno badare a se stessi,
      e hanno bisogno di domestiche, cameriere, cuochi, giardinieri,
      quindi il virus glielo porterà la domestica, che probabilmente
      è la madre del poveraccio disoccupato che hai menzionato tu...

      Elimina
    22. Osservatore Romano18 marzo 2020 17:54

      @Cavallerizzo Oscuter

      prima di fare caciare inutili t'informo che il presidente della regione dove risiedo di cognome fa Fontana.

      A parte ciò, le cure via SSN sono "gratuite" (ovvero le paga il contribuente, non l'evasore), ma quello che non hai capito è che una visita, un'esame diagnostico e un'operazione fatte con tempi rispettivamente di 3 mesi, 8 mesi e 2 anni non servono a nulla (in pratica ti tieni il male per 3 anni - Balotelli in un mese e mezzo era tornato a correre) ed è come non averli.
      Anzi, a una certa età te li negano pure "tanto non sei nessuno". Come se il comune cittadino non avesse diritto a praticare sport (che lo tiene lontano dall'ospedale in vecchiaia facendo risparmiare tutti, tra l'altro).

      https://www.nytimes.com/2020/03/15/world/europe/coronavirus-inequality.html per gli anglofoni.

      Elimina
    23. Cavaliere Oscuro18 marzo 2020 23:29

      @Osservatore Romano
      Io posso dirti che in Veneto dove vivo, almeno negli ospedali che
      conosco, i tempi di attesa per gli esami specialistici sono
      ragionevoli, e un operazione se è neccessaria, la fanno senza tante storie, e non serve aspettare anni.
      Posso anche dire che non è assolutamente vero che dopo una certa
      età vengono negati, perché nell'ultimo anno ho portato un parente
      ottantenne a fare diversi esami e visite specialistiche, tutti
      con il SSN, in tempi brevi e senza spendere un centesimo.
      Una mia vicina ultraottantenne è stata operata a una mano per
      un problema di tendini, e la riabilitazione la fatta in una
      struttura privata convenzionata, completamente coperta dal SSN.
      Quindi, è chiaro che quando si parla di sanità ognuno può dire
      la sua, ogni testimonianza può essere in contrasto con quella degli altri, e una verità assoluta non esiste.
      Gli articoli del NWT lasciali perdere, sono sempre bravi a
      criticarci, ma a casa loro la sanità per i poveri è 100 volte
      peggio della nostra, ed è meglio che pensino alle loro disuguaglianze sociali, visto che sono al 1° posto nel mondo.
      Comunque, sono convinto che dopo tutto questo clamore mediatico,
      con l'arrivo dei primi caldi, tutto sparirà, epidemia compresa,
      e lentamente le cose torneranno alla normalità, o quasi..


      Elimina
  19. Beh, mi viene in mente un'altra cosa. Una cosa che provano alcuni bellocci e stronze ipergamiche varie che conosco, è andare in alcuni posti ed essere ignorati.
    Alcuni/e che si lamentano tutta la giornata. (nei pochissimi momenti in cui è consentito muoversi)
    Mi spiego: dalle mie parti, una che è bella, "poteva" ricevere attenzioni, apprezzamenti in un risporante, bar, in un negozio(non solo da parte di uomini anche da parte di donne(etero ma che la apprezzavano..).
    A parte che oggi bar e negozi sono chiusi.. anche quando non lo erano, la gente teneva la distanza.. Una mia amica da 7,5 è salita sul bus e ha visto molti spostarisi.. perchè "ovviamente" avevano paura del contagio.. si pensa a "ben altro". Non cambia se tu hai l'aspetto di Brad Pitt o di Alvaro Vitali, puoi essere contagiato con la stessa probabilità.. So che gli mancano quegli egoboost, perchè lo leggo nelle chat di Whatsapp di scuole di ballo, palestre, gruppi dove improvvisamente i bellocci iniziano a riempirle di loro foto a petto nudo, elemosinando attenzioni, e alcune "ochette" con foto in bikini. E non potere uscire per un certo tempo, per loro è qualcosa di "assurdo" che non hanno mai provato(non generalizzo ovviamente). Concordo su questo.
    Poi è ovvio.. nella realtà virtuale loro possono rifarsi(con selfie e roba varia), mentre il brutto( o normobruttino) anche in questi ambienti rischierebbe di passare inosservato se non perculato(parlo solo di estetica) se si mettesse al centro dell'attenzione con una sua foto. Nella chat di Whatsapp che serve per scambiarsi le figurazioni per gli assenti, in una scuola di ballo di una mia amica, per esempio, in questi giorni hanno "riso fino a piangere" su un uomo da 5 a petto nudo.. e il belloccio muscoloso si spogliava e faceva il confronto con lui per far ridere le ragazze, cosa che ha funzionato benissimo, rideva anche l'insegnante(ultra40enne) a crepapelle.
    Chiuso questo discorso, parlando da un punto di vista "diverso ma a mio parere molto più importante", ha scoperchiato cosa significa davvero un certo liberismo estremo(pensare solo al denaro).. molti "vecchietti" o "giovani con pregresse malattie" oggi si sentono dire dagli stessi liberisti che hanno appoggiato, che "se muoiono vecchietti e ammalati" economicamente è un bene(caso estremo di una frase detta da un parlamentare libersita anglosassone), oppure (non è tutto questo problema, pensiamo all'economia..). Ma sarebbe off-topic quindi non voglio aprirci una discussione.

    RispondiElimina
  20. Ciao a tutti, in questa reclusione forzata ieri mi sono riiscritto a Tinder, però ho fatto un profilo falso, ho messo una foto del viso di un belloccio e la foto di una macchina sportiva. Ho messo la mia età reale (39) ho messo un lavoro ben remunerato e come range di età ho impostato 18-45 anni. Allora fino ad oggi nessuna under 30 mi ha messo il like, nonostante io lo abbia dato a molte. Le donne con cui ho chattato (una decina) viaggiano nella fascia 33-45 anni. Ho cercato di pormi in maniera alquanto sgradevole e con almeno la metà ho dovuto veramente andare sul pesante per farmi togliere la compatibilità, tutte cercavano di farmi "ragionare" pur di mantenere un minimo di contatto con quello che dal profilo è un perfetto maschio Alpha. Tutte giuravano e spergiuravano di non badare a L e M (non posti in questi termini) e dispensavano banalità bluepill, anche se poi facevo notare loro che i loro rapporti finivano sostanzialmente per un gap tra quello che loro cercavano in un uomo e quello che in realtà trovavano. A un paio con figli ho chiesto spudoratamente se mi avessero messo il like in virtù di un possibile mantenimento e ovviamente la risposta è stata no. Ho notato che tutte, prima di togliere la compatibilità tendevano all'insulto facile e ovviamente davano al sottoscritto la colpa della chiusura della comunicazione, non al fatto che sentirsi dire in faccia la verità bruci. Comunque è divertente perculare le donne su Tinder, sarà una quarantena ricca di spunti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Provinciale18 marzo 2020 19:50

      @Gino

      "i loro rapporti finivano sostanzialmente per un gap tra quello che loro cercavano in un uomo e quello che in realtà trovavano"
      Puoi spiegare meglio? Cosa ti raccontavano delle loro ex relazioni?

      Elimina
    2. Cavaliere Oscuro18 marzo 2020 23:51

      @Gino: Tempo fa ho fatto anche io lo stesso esperimento, e mi sono
      tolto qualche sasso dalle scarpe....
      Hanno risposto donne dai 40-45, mai ventenni, e TUTTE negavano di
      avermi contattato per i soldi, qualcuna per l'estetica invece si.
      Stesso discorso per il modo di comunicare, ero sempre sgradevole
      e maleducato, eppure non mollavano l'osso facilmente.
      Unica differenza, le mie non avevano figli, qualcuna era
      addirittura una donna in carriera, e quando chiedevo loro se
      un operaio le avrebbe fatto schifo, facevano le offese e trovavano
      scuse varie del tipo " con un operaio non si può parlare di
      certi argomenti ".
      Peccato che colui con il quale interloquivano, era proprio
      un operaio in incognito....

      Elimina
    3. Interessante. Anni fa, quando bazzicavo le chat, provai anche io a fare qualche esperimento (ovviamente si esauriva in fretta, fatto solo per vedere le reazioni).
      Inviando foto di qualche figo, diventavano molto più loquaci e ben disposte, oppure scrivendo di essere un chirurgo plastico. Anche in questo caso si mostravano più curiose e propense all'incontro.
      Viceversa, se mantenevo il mio profilo, anche scrivendo in un buon italiano, con ironia, senza essere pesante (in pratica nel modo che dicono di desiderare), molte risultavano al solito apatiche, spente, monosillabiche.
      Non tutte a dire il vero, con alcune sono nate anche conoscenze e frequentazioni, infatti per un periodo le chat mi hanno salvato.

      Elimina
    4. La Provinciale... Loro si mettevano con un uomo per paura di rimanere sole e poi notavano degli aspetti del carattere dell'uomo che andavano limati (traduzione cambiati) per conformarlo al loro ideale (inesistente). Quando l'uomo mostrava delle resistenze (tradotto non voleva diventare il loro zerbino) allora non andava più bene. E naturalmente la colpa/responsabilità è tutta dell'uomo. È come comprare una Panda, farla guidare a un uomo pensando che possa arrivare in Formula 1 e poi quando non ci riesce dare la colpa al pilota. Praticamente nessuna ammette di aver avuto pretese impossibili.

      Elimina
    5. Per rispondere sulle chat(quelle a scopo di rimorchio tra sconosciuti), non le uso se devo essere sincero. Anzi.. come ho detto in altre discussioni sono proprio contrario(ma non è di questo che voglio parlare).
      Un mio amico, un 5 appena di estetica, che chattava, ricordo che aveva fatto un esperimento. Non abita nella mia zona ma nel sud Italia.
      Con le sue foto nel profilo non aveva "mai" ricevuto NESSUNA risposta di persone interessate. Nessun feedback positivo.
      Ha creato un profilo fake con una foto di un belloccio(poco conosciuto). Molte ci sono cascate.
      Nella stessa chat, usando le stesse parole, ha raccolto qualcosa come 15 numeri di telefono.. in un tempo abbastanza bereve. Ha usato le stesse parole che usava di solito, scritto gli stessi hobbies nel profilo, ha lasciato tutto inalterato in modo da evitare qualsiasi arrampicata sugli specchi, da parte di chi pensava che non ci sarebbe riuscito. Per evitare in partenza di ricevere "scuse" tipo: "ahhhhh.. vabbè.. allora.. ti hanno dato il numero perchè hai scritto che ti piace andare a guardare le partite di basket, perchè frequenti circoli culturali" o cose del genere.(è un modo di dire che alcuni suoi finti amici oltre a bullizzarlo, cercavano di aggrapparsi a qualsiasi cosa per minimizzare il risultato del suo esperiento e dicevano tutti che avrebbe fallito).
      Non so di preciso cosa abbia fatto dopo a parte che ovviamente ha cancellato i numeri(non era certamente il suo scopo averli in quel modo e non se ne sarebbe fatto niente, anche perchè erano interessate a quello della foto, non a uno con la sua estetica).

      Elimina
    6. La Provinciale19 marzo 2020 19:20

      @Gino
      Ma non credo che queste tipe ti raccontassero "mi sono messa col mio ex per non restare sola", "volevo che fosse il mio zerbino" ecc.. ; queste sono deduzioni che hai fatto tu. A me interessava capire come parlavano di queste loro storie, le loro parole.

      Elimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Prima di postare però per favore dai un'occhiata al Regolamento: