08/01/20

La Parola ai Lettori: ''il mio Uomo è Tirchio''



Quando Lui è Tirchio


Ciao Red, sono una donna, seguo il tuo sito da diversi anni e per alcune teorie come quella LMS e del potenziale estetico ci ero già arrivata da sola.
Mi spiace però che le tue redpill siano sempre in difesa degli uomini. Capisco che la maggior parte delle donne ipergamano ma è come se ti sfuggissero alcuni cambiamenti sociali che stanno avvenendo negli ultimi vent'anni, almeno qui nel Nord Italia.
Da quando ormai quasi tutte le donne lavorano e al contempo si è dimezzato il potere di acquisto nel nostro Paese, gran parte degli uomini stanno iniziando ad avanzare pretese che fino a trent'anni fa erano impensabili. La maggior parte di loro sono tirchi a prescindere anche se guadagnano sopra la media e pretendono donne molto più belle e giovani di loro dando briciole in cambio.
Ti racconto l'ultima: un uomo più grande di me di quasi 10 anni, fisicamente fuori forma, che guadagna più di 4000€ mensili. Diciamo un 5.5 che potrebbe diventare un 7 se perdesse una decina di kg e se facesse dei trattamenti estetici per migliorare la qualità della pelle del viso che ha rovinato facendosi troppe lampade negli ultimi anni, fino a sembrare quasi un ultra 50enne.
Lo frequento da qualche mese, io sono un 7.5, più giovane di lui ma guadagno circa 700 € al mese quando va bene, altrimenti fatico a sfiorare i 500€.
Questa persona dice di amarmi da morire ma mi ha proposto di:

  • andare a convivere in un appartamento in affitto da 500€
  • che io partecipassi con l'affitto dando il 50%

Ora capisci che se io devo vivere in queste condizioni, preferisco vivere a casa dei miei genitori o con il reddito di cittadinanza.
Farei la vita da single, e mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada.


Ti sembra normale? Guarda che quasi tutti gli uomini qui a nord sono diventati così.


ciao Red

p.s.: puoi pubblicare la mia lettera (oscurando l'indirizzo di posta elettronica)

Il Redpillatore Risponde:

Ciao, nella tua lettera ci sono certi elementi che non mi convincono molto e rendono la tua analisi poco chiara. Penso che tu abbia enfatizzato molti aspetti. In generale le donne tendono a sopravvalutare se stesse e a sottovalutare gli uomini. Lo fanno in buona fede, sia a causa del fatto che ricevono ogni giorno una valanga di feedback (eccessivamente) positivi, sia perché sono per natura molto selettive, però poi il loro punto di vista finisce per distorcere i fatti.
Ad esempio tu ti autodefinisci una 7.5, che è il voto medio di una finalista di miss Italia, ma normalmente una ragazza di quel livello estetico non ha problemi a guadagnare denaro grazie al suo aspetto mentre tu dici di avere uno stipendio basso.
I 10 anni di differenza tra te e il tuo uomo, che tu menzioni come se fossero un margine enorme, non sono poi tanta cosa se consideri che un uomo in media raggiunge il suo picco di valore massimo molto più tardi di una donna. Non specifichi inoltre la tua età, cosa molto importante perché se, come suppongo, tu sei più vicina ai 30 che ai 20, ci troviamo in una situazione per cui la tua bellezza inizia a sentire pesantemente la concorrenza delle ragazze più giovani ed è destinata a sfumare, mentre il suo reddito, che è già adesso molto elevato, continua a rimpinguare sempre di più il suo conto in banca.

Lasciando però un attimo da parte il cinismo dell'analisi di mercato, penso che in questo caso il problema non sia la tirchieria. Non penso che lui voglia da te quei 250 euro, che sono in realtà ben poca cosa (2-3 cene fuori e sono già volati). Penso che ti stia semplicemente mettendo alla prova per vedere se provi un interesse genuino nei suoi confronti. Probabilmente ha fiutato che gli stai dietro per il suo cospicuo patrimonio e la tua disponibilità a dividere almeno la spesa dell'affitto è per lui la dimostrazione che provi almeno qualche sentimento nei suoi confronti e che non ci stai insieme solo per denaro. Insomma, il punto non sono i soldi: il punto è andare a vivere con una che ci tiene a te oppure no.
Mi pare evidente che l'amore che lui ti ha dichiarato non sia ricambiato, quindi la sua idea è stata molto previdente.
Ciò che tu cerchi è fondamentalmente un rapporto di sugar dating, una tipologia di rapporto che sta prendendo molto piede ultimamente e che si basa su un dichiarato scambio di interessi dove la donna mette la propria bellezza e compagnia e l'uomo invece mette il cash.
E' un'evoluzione un po' più redpillata del classico rapporto tra uomo brutto e ricco e donna bella, che si è sempre bastato su contrattazioni di questo tipo ma il tutto si è sempre svolto in maniera molto meno esplicita ed entrambe la parti hanno sempre cercato bene o male di dissimulare le loro reali intenzioni.
Non tutti però  sono disposti ad accettare una relazione del genere e ad ufficializzare il proprio status di beta provider, oppure molto più semplicemente non tutti ritengono conveniente mantenere una donna a tempo pieno.
Chiamala tirchieria, ma è semplicemente un' analisi costi - benefici del tutto analoga a quella che fai tu quando decidi di rimanere a casa coi tuoi e spassartela coi bellocci.

Ciao e grazie di seguirmi!




80 commenti:

  1. Questa storia mi "puzza". Una donna che segue il redpillatore da anni e invia una domanda che sembra quasi atta a farsi perculare dal redpillato medio. Secondo me è un fake, poco ci credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa che ho pensato, vedi mio commento...

      Anonima Gardaland

      Elimina
    2. Ciò che mi spaventa è che molti redpillati sia qui che sulla pagina fb (su fb molti di più) hanno risposto presupponendo che il racconto fosse vero. Ma vi pare che una 7,5 segue il redpillatore da anni? E se anche fosse così..si descriverebbe mai come una stronza al cubo consapevole di esserlo? Ma andiamo ragazzi, siete davvero così ingenui?

      Elimina
    3. La lettera potrebbe essere falsa ma non perché la ragazza si autodefinisce bella. Il blog è seguito anche da ragazza molto belle, talvolta che lavorano pure come modelle part time, solo in genere non partecipano attivamente.
      In ogni caso ho ritenuto di considerarla vera e rispondere seriamente, ho pensato ne saltasse fuori comunque uno spunto di discussione interessante.

      Elimina
    4. Appunto, una 7,5 ha sicuramente altro da fare, difficile che partecipi attivamente inviandoti un testo del genere (in cui tra l'altro si "autosputtana" visto che conosce le tematiche). Naturalmente la situazione è realistica, quindi domanda e risposta risultano comunque interessanti. Ciò che contesto è molti diano per scontato che sia vero e per me non lo è, poi magari mi sbaglio, ma resto fortemente dubbioso.

      Elimina
    5. @Mario Rossi 8 gennaio 2020 17:00
      Ero a metà lettura e già avevo il tuo stesso sentore ma poi quando ho letto: "Farei la vita da single, e mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada."
      la sensazione è diventata certezza.
      Nessuna donna arriverebbe mai a scrivere una cosa del genere tantomeno in un sito come questo. Le donne (tutte, nessuna esclusa) sanno che con frasi del genere si suiciderebbero, sarebbe come un rigore a porta vuota regalato ad un maschio che lo userebbe contro di lei.
      Vale a dire che le donne, anche e soprattutto le più libertine, mai si sognerebbe di dire o scrivere una frase come quella perché il suo significato, che discernerebbero anche i maschi più gonzi e zerbinisti, non è nient'altro che:"Preferisco fare la zoccola".
      Zoccola intesa non come mercenaria che dispensa sesso a pagamento ma donna che fa sesso gratuito(ma chi segue questo blog sa che quel gratuito significa più caro che andare con prostitute) ma con chi più le aggrada.
      In altre parole è l'unico argomento che dato in mano ad un uomo, vale a dire "essere zoccola perché mi piace" equivale ad essere asfaltate senza nessuna possibilità di replica

      Elimina
  2. Red, sei semplicemente sublime.
    Analisi lucida ed ineccepibile.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  3. Totale empatia verso quel uomo!

    RispondiElimina
  4. Sono perplesso…

    Prima affermi che “si è dimezzato il potere di acquisto nel nostro Paese” e poi che “la maggior parte di loro (gli uomini) sono tirchi a prescindere anche se guadagnano sopra la media e pretendono donne molto più belle e giovani di loro dando briciole in cambio”
    Magari quelli di cui parli si sono fatti un bel mazzo per arrivare ad avere un certo benessere, magari non amano sputtanarsi i soldi, e magari hanno GIUSTAMENTE delle “pretese”.
    Magari non si sono fatti il mazzo e hanno i soldi che arrivano dalla famiglia, ma non per questo sono tanto scemi da fare volontariamente i beta-provider e/o mantenere delle gold-digger.

    Sul fatto che tu sia una 7,5 ho qualche dubbio.

    “Ora capisci che se io devo vivere in queste condizioni, preferisco vivere a casa dei miei genitori o con il reddito di cittadinanza.
    Farei la vita da single, e mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada”
    Ecco, hai detto tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei arrivato a guadagnare 4000 € al mese si vede che proprio pirla non sei. E dovresti spendere i tuoi soldi per mantenere una fallita che l unica cosa che ha da offrire è tra le gambe?

      Elimina
    2. “l unica cosa che ha da offrire è tra le gambe ”
      No, ti sbagli. Ti può offrire anche:
      • rotture di c@zzo infinite per ogni minima stronz@ta
      • disinteresse totale per i tuoi problemi
      • ricatti morali di ogni tipo perché fondamentalmente tu sei e sarai sempre un povero coglione che non capisce il suo animo sensibile e per questo le causi sofferenza
      • paturnie perché piove, perché c’è il sole, perché è triste, perché è felice...
      • paturnie perché la sua amica (zoccol@ come lei) è riuscita a farsi comprare il SUV dal povero betaprovidercornuto che la mantiene
      • astinenza dal sesso perché ha il gomito che le fa contatto col piede o perché Urano è allineato con Saturno (però intanto si sta facendo sfondare anche il c*lo dal chad tamarro di turno)
      • battutine svilenti di fronte ad amici e parenti
      • ecc… ecc… ecc...

      Elimina
    3. Hai dimenticato le mestruazioni e il pessimo carattere in quei giorni.😂 Comunque se un uomo accetta tutto ciò alla fine se lo merita non trovi?

      Elimina
    4. @Anonimo 12 gennaio 2020 11:11
      Il problema è che chi non accetta tutto ciò, nella società attuale viene bollato come stronzo, misogino, egoista, maschilista ecc…

      Elimina
  5. Henry de Toluose Lautrec8 gennaio 2020 18:06

    E se ti avesse chiesto di dividere in maniera proporzionale al reddito? Come per le tasse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda interessante, volevo capire anch'io questo punto... Anche se temo sia un fake

      Anonima Gardaland

      Elimina
    2. Henri de Toulouse-Lautrec9 gennaio 2020 06:53

      Secondo me ci sono 3 modalità di compartecipazione alla spesa familiare.

      1) regime patriarcale (dittatura): solo l'uomo guadagna e solo l'uomo decide. Naturalmente deve decidere per il bene di tutti e non solo suo quindi con qualche concessione anche alla moglie

      2) regime di fiducia (famiglia benestante anni 80), comunione dei beni, coniugi entrambi che si amano e in buona fede. I soldi finiscono nel calderone e si compra ciò che serve per il bene comune. Se avanza qualcosa, per i vizi o hobby del singolo, si decide insieme (sperando che un parte non prevarichi sull'altra)

      3) Regime "simil tasse": le spese per il bene comune (famiglia) si ripartiscono in base al reddito. Con il resto dei soldi ognuno dei due pensa ai vizi per se. Io però metterei un correttivo, la proporzione si fa solo sul reddito base. Gli straordinari ognuno li tiene per se. Perché altrimenti viene danneggiato chi si fa il mazzo di straordinari a sfavore di chi non ne fa neanche uno.

      4) come sopra ma divisione per due delle spese familiari: iniquo verso chi guadagna di meno quindi questo punto 4 non lo considererei e mi limiterei a 3

      Elimina
    3. Io preferisco la soluzione 3 esattamente come l'hai descritta; comunque l'amarsi e la buona fede non sono prerogativa del punto 2, le differenze possono stare solo nel modo in cui si preferisce organizzarsi per praticità. Aggiungo un elemento vissuto per esperienza: se uno dei due è più "ricco" e l'altro tira la cinghia, seguire lo stile di vita del secondo sarebbe una palla al piede per il primo, es. per le vacanze il "povero" non si muoverebbe di casa mentre il "ricco" vorrebbe rilassarsi e godersi qualche sfizio. Noi abbiamo risolto che in questi casi "vince il ricco", il quale però visto che può si fa anche qualche vacanzina extra con gli amici. Mentre nella quotidianità, per compensare, il "povero" cerca di metterci qualcosa in più o di ingegnarsi per far spendere a entrambi meno soldi a parità di qualità.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    4. Dimenticavo una cosa: in "regime 3", secondo me la parte meno abbiente deve bilanciare anche col fatto che avendo più tempo libero a disposizione può occuparsi di più della casa, del fai da te e dei cibi e prodotti fatti a mano, ecc... (suppongo che guadagni meno perché lavora meno, non perché fa un full-time tanto quanto l'altro ma sottopagato... Oppure è full-time ma con una mansione meno prestigiosa dell'altro, in quel caso ci sta che oltre a mettere sul piatto qualcosa in meno non abbia tempo extra. Ma la differenza di stipendio deve essere sostanziosa, se si tratta di 100-200 euro si fa metà comunque... cioè, non starei a guardare il dettaglio).

      Anonima Gardaland

      Elimina
    5. Anonima Gardaland, perché non scrivi un tuo articolo per quanto riguarda la parola ai lettori? Sarebbe interessante avere anche un punto di vista femminile che presenta marcati tratti di redpill, per capire un po' quali sono le vostre esperienza dall'altra parte della "barricata".

      Elimina
    6. @Unutente

      Davvero sembra che io abbia marcati tratti redpill? È curioso, non lo credevo, mi piacerebbe sapere quali ti appaiono tali 😅
      In ogni caso non saprei che tipo di articolo scrivere, non credo potrei portare un contributo interessante e abbastanza approfondito su un qualche argomento specifico...
      La mia esperienza di vita sentimentale poi è poco esemplificativa, infatti se devo tirare delle conclusioni preferisco far riferimento a ciò che vedo intorno a me più che a me stessa.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    7. Anonima delle 23.06., mi riferivo al fatto che dai tuoi commenti sembri anche tu condividere la teoria L M S e il contenuto degli articoli del redpillatore, per quanto riguarda il valore maschile (ovviamente generalizzando il concetto) o almeno li ho interpretati in questa ottica.
      La tua esperienza poteva essere interessante descrivendo la tua vita nell'infanzia, nell'adolescenza e nell'etá adulta, per avere un punto di vista femminile.

      Elimina
    8. @Unutente

      La descrizione della mia vita apparirebbe molto poco redpill, secondo quanto leggo dovrebbe capitare alle ragazze nella media estetica o bruttine.
      Da bambina e adolescente ero timida, imbranata e bruttina, per cui sono stata oggetto di varie prese in giro; pian piano mi sono comunque fatta un giro di amici e amiche fidati - e sfigati, come me 😅. Anche se forse ero la più sfortunata perché i primi segnali di interesse da parte dei ragazzi li ho avuti dai 17 in su e ho dato il primo bacio a quasi 19. Non aggiungo altro per non entrare troppo nel personale, comunque conta che rispetto al sondaggio che aveva lanciato il Redpillatore sono moooolto sotto la media 😅 (ma non solo io).
      Più in generale come dicevo in quell'altra discussione non vivo in una realtà dove ci sia zerbinismo e propensione all'approccio, il famoso "God mode" di cui si parla nel blog non so cosa sia (nemmeno online visto che non sono mai stata contattata da nessuno sconosciuto). Nonostante questo mi rendo conto che esistono uomini simili a me che però non hanno avuto dalla vita nemmeno quel poco che ho avuto io (poco ma buono, non mi lamento!). Oppure leggo di tanti che si mettono per disperazione con tipe che non gli piacciono, ecco questo a me o alle mie amiche non è mai capitato. A dire il vero io sarei stata ben disposta verso quasi tutti quelli che ci hanno provato con me, solo che spesso c'erano circostanze che rendevano un mio "sì" impossibile.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    9. Si, sicuramente in media dimostri comunque di aver avuto più possibilità con l'altro sesso e soprattutto senza dover fare chissà cosa (mentre l'uomo se non so da da fare spesso é fregato). Inoltre se avessi messo qualche foto più accattivante come fanno in moltissime e usato i social a manetta, sicuramente avresti aumentato di molto i contatti, per non parlare delle chat.

      Elimina
    10. @Unutente

      Sono in una relazione fissa da prima che esistano i social 😅, quindi non mi è mai interessato aumentare i contatti in quel senso, ma sono d'accordo con la tua analisi.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    11. È una costante delle donne che intervengono qui. Per quanto brutta sia stata l'adolescenza tutte alla fine hanno trovato un partner con cui dicono di trovarsi benissimo. L'uomo invece può solo guardare da lontano i Chad che se la spassano.

      Elimina
    12. Parlo in generale a tutti i maschi moderni:

      La soluzione è semplice... per i maschi moderni non c'è una scelta... i maschi moderni sono vittime di una SOCIETÀ iper consumistica e sessualizzata in cui devi essere al top il maschio alfa per emergere con le tipe. Le tipe hanno cacciato mille vizi e desideri che prima non avevano.
      È un periodo sbagliato ma ogni periodo ha i suoi pro ed i suoi contro...a nessuno credo che piacerebbe tornare nel Medioevo

      Personalmente gli anni '50 erano ottimi sotto tutti i profili

      Comunque maschi non ipogamate... ci sono altre vie...certamente non danno qualla scarica di dopamina e adrenalina che da' la ''validazione''...ma per altre cose basta e avanza.

      Non sarà il miglior piatto da mangiare ma almeno si mangia

      Elimina
    13. @Anonimo delle 5.27

      Che cosa intendi per "mille vizi e desideri che prima non avevano"? (e per prima intendi gli anni '50?)
      Non è che si tratta di quegli elementi dello stile di vita moderno che ci siamo abituati tutti quanti, maschi e femmine, ad aspettarci - complice il benessere, la facilità di spostamento e di scambi a livello mondiale, ecc..? Es. fare weekend fuori casa, magari anche all'estero; guardare un'infinità di film e serie tv; assaggiare cibi di paesi lontani che prima si sarebbe potuto solo sognare;...

      O intendi altro?


      Anonima Gardaland

      Elimina
    14. @Anonima Gardaland
      Anonimo13 gennaio 2020 19:46

      ''Che cosa intendi per "mille vizi e desideri che prima non avevano"?''


      conta solo l' aspetto per avere relazioni con uomini o donne. Le donne hanno più chances dei maschi perchè sfruttano il maggior arrapamento maschile a proprio vantaggio

      Elimina
    15. @Anonimo13 gennaio 2020 19:46

      L'anonimo precedente intendeva tutto ciò che va sotto la voce di "ipergamia", ossia all'esasperata ricerca del massimo valore LMS nell'uomo (alfa-provider) in epoca pre-muro femminile - condizione che ha progressivamente portato il mercato sessuale ad un forte sbilanciamento dalla condizione di pari-estetismo - e all'esasperata ricerca di uomini "utili" al beta-providing in epoca post-muro, sacrificando conseguentemente la costituzione di una (sana) famiglia.

      La tua domanda mette anche in luce un altro interessante aspetto: se da un lato il progresso ha prodotto comodità a cui nessuno vorrebbe rinunciare, dall'altra ha generato l'involuzione sul piano dei rapporti umani, sempre più basati sul vantaggio individuale, che ha conseguentemente svilito la coesione di gruppo, ossia della società.

      Grazie a questo costrutto (individualismo), solo all'interno della nota ipocrisia generale sulle opportunità di genere la società attuale può eufemisticamente definirsi "progredita".

      Elimina
    16. @Henri de Toulouse-Lautrec

      Tieni presente che se per "patriarcale" intendevi il regime di comunione economica "tradizionale" della famiglia di 60-70 anni fa, val la pena ricordare che non era per nulla una "dittatura", bensì una "divisione dei compiti per specializzazione".

      In effetti, anche nel sud dell'Italia, usava che il marito affidasse i proventi economici del proprio lavoro alla moglie che, generalmente dotata di virtuosa parsimonia, provvedeva ad amministrarlo nell'interesse della famiglia ossia a spendere il necessario per il sostentamento ed accantonare la rimanenza per i tempi futuri.

      Elimina
  6. E poi dove sta scritto che chi guadagna 4000 euro al mese deve vivere in un super attico open space da 300 metri quadri? O guidare un macchinone? Magari quest'uomo vuole godersi la vita in altro modo, andando spesso fuori a cena o in vacanza in posti che piacciono a lui e quindi "taglia" tutte le spese che non ritiene fondamentali per utilizzare i suoi soldi in maniera diversa (magari ha genitori in casa di riposo, solo per quello partono almeno 2500 euro al mese). Ti raconto quello che mi è successo il mese scorso. Conosco una ragazza sudamericana su tinder, ci scriviamo e viene naturale vedersi per un'aperitivo. Ci vediamo nel pomeriggio, facciamo una passeggiata per ingannare il tempo prima dell'aperitivo e lei si ferma a un baracchino a comprare una bottiglietta d'acqua. Ovviamente si aspetta che la paghi io, ma le dico che ho solo 50€ e la paga lei. Già qui mi suona un campanellino d'allarme ma decido di non farci caso. Andiamo a bere una birra come aperitivo e ovviamente pago io (12€ ci sta). Siccome il feeling sembra buono decidiamo di andare a mangiare una pizza e al momento del conto pago io (25€ ma è la prima uscita e ci sta anche questo). Torniamo a casa e io non ci provo (vorrei mai che pensasse mi sentissi in credito) e ci diamo appuntamento per una volta successiva. Stavolta andiamo a mangiare in un bel posto, prendiamo un buon vino...totale 85€. Nemmeno questa volta ha fatto la finta di voler contribuire (bastava il gesto, non l'avrei fatta pagare sul serio), però io porto a casa 1000 euro al mese, mi sono letteralmente ca*ato sotto che potesse essere questo l'andazzo. Vogliamo dire che magari è una questione culturale? Non saprei, non mi spingo a tanto, però l'ho salutata e ciao! Questo per dire che spesso le aspettative delle donne sono sbilanciate verso l'eccesso, che uno guadagni 1000 o 10.000 euro al mese, se non percepiscono la sicurezza e il tenore di vita che si aspettano allora uno è bollato come tirchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sei pazzo?! vi siete incontrati da 5 minuti e già si aspetta che uno le paghi uno sfizio come l'acqua? A fatica mi ricordo il tuo nome, te la paghi da sola! L'aperitivo ci sta di offrire, con la speranza che la volta dopo le venga naturale ricambiare. Una cena costosa da 85 Euro? Se non si sta insieme si divide in due eccheccazzo! Basta con questo zerbinismo. Vogliono la parità dei sessi ma il cavalleresco come nell'800..eh no ah! Scappare via a gambe levate già da subito.

      Elimina
    2. Non ci sono statistiche sullo stupro riguardanti l'800, altrimenti le femminazi difficilmente sproloquierebbero sugli "uomini di una volta"...

      Elimina
    3. Infatti il giorno dopo le ho detto che non è scattata la scintilla e se voleva potevamo restare amici, con la speranza di levarmela dalle palle, come poi è successo. Questa mirava al beta provider, straniera in Italia da un anno, senza lavoro e ospitata dalla sorella sposata. Almeno quella sera ho mangiato bene e ho scoperto un bel posto per portarci una donna seria ahaha

      Elimina
    4. @Nicola

      Applausi!!

      Anonima Gardaland

      Elimina
    5. Aggiornamento... Continua a scrivermi, tra poco sono convinto che mi chiederà lei di uscire... Pazzesco

      Elimina
    6. Cavaliere Oscuro14 gennaio 2020 03:34

      @Gino, permettimi un intromissione.
      Conosco molto bene le sudamericane, in particolare brasiliane e
      colombiane, quella continua a scriverti perché tu hai MESSO MANO AL PORTAFOGLIO per ben tre volte.

      Elimina
  7. @RedPillatore

    Ottima la tua analisi, la vedo esattamente come te.

    Dal mio punto di vista, se fossi nella condizione dell'uomo descritto nell'articolo, non accetterei nemmeno di convivere, dato che poi la coabitazione attiverebbe presto e gradualmente una serie di conseguenze a maggior titolo oneroso per l'uomo.

    E non per una questione economica, ma per rispetto di se stessi, perché - dal mio punto di vista - quello che anche una bella donna può mediamente OFFRIRE e GARANTIRE OGGI è comunque TROPPO POCO per mettersi in una LTR ed impegnarcisi pure.

    Meglio stare da solo, con i propri genitori, dedicarsi a se stesso e ai propri interessi, agli amici e possibilmente ricorrere ad incontri con donne di tipo non impegnativo, fregandosene che esse definiscano questo (più o meno opportunamente) "essere tirchio o immaturo".

    Mi fa piacere leggere la lamentela dell'autrice (anche se NON noto mediamente questa tendenza al nord, vedendo più facilmente nelle persone che conosco un'offerta di beta providing in cambio di poco o nulla) ossia riscontrare che il mercato sta maturando il corretto feedback da questa nuova concezione delle relazioni, di cui la invito - se vuole veramente capire - a elaborarne le cause in maggiore profondità.

    RispondiElimina
  8. Anche secondo me ci sono troppe cose che non tornano: hanno una relazione da qualche mese, discutono già di convivenza eppure lei ne parla in termini distaccati (es. "questa persona", "mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada"*) che la dicono lunga. Mi sa che ha proprio ragione il Redpillatore: lei non lo ama affatto. SE l'autrice vuole intervenire smentendoci e sostenendo che c'è affetto sincero da parte sua, allora si può discutere di cosa precisamente le ha dato fastidio nella proposta del suo uomo e su come potrebbero migliorare la comunicazione in tal senso.

    * comunque mi sa di storia fake, anche per l'uso di questa frase che suona più da uomo che da donna espressa in questi termini... Non nel senso che sia inventata dal Redpillatore, ma che l'abbia inviata uno che si spaccia per donna. Se invece fosse vera, significa che quest'uomo non è probabilmente tra quelli che "le aggradano" sessualmente...

    Anonima Gardaland (per chi si ricorda di me 😄)

    RispondiElimina
  9. "Farei la vita da single, e mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada."
    ... senza parole.

    RispondiElimina
  10. Applausi per la risposta, comunque.

    RispondiElimina
  11. La lettera è dubbia, è vero, ma anche secondo me vale la pena rispondere visto che la testimonianza è interessante. Inoltre, che molti uomini anche granosi siano taccagni e si siano fatti furbi corrispondere al vero. D'altro canto con tutte le menate su femminismo e parità, vorrei ben vedere non fosse così.
    Nello specifico, dato che lei gli ha fatto la radiografia, bisognerebbe capire se ha deciso di frequentarlo per i soldi o per il resto, perché sappiamo bene che donne da 7.5 che escono con un normaloide squattrinato sono molto rare. Per cui il grande classico: lei figa si aspetta che l'altro paghi, ma se l'altro avesse guadagnato anch'egli 500 euro al mese, l'avrebbe considerato? Per cui..

    RispondiElimina
  12. Cavaliere Oscuro9 gennaio 2020 03:56

    Questa storia non mi convince del tutto, conoscendo l'altissima pretenziosità, e la fisiologica puzza sotto il naso delle donne del nord italia, 4000 euro al mese non giustificano una scelta tanto avventata.
    Comunque tutto è possibile, quando sento casi come questo ho sempre una domanda da fare, e vorrei che l'autrice dell'articolo mi rispondesse.
    Domani, prendiamo il tuo bel ometto, più vecchio ed esteticamente
    mediocre, gli mettiamo una tuta blu, e lo mandiamo a lavorare in un' industria metalmeccanica a 1100 euro al mese.
    Te lo tieni lo stesso, oppure lo scarichi in un nanosecondo?
    Se questa storia è vera, è l'ennesima conferma di quello che scriveva
    Schopenhauer sulla capacità di dissimulazione delle donne, e la loro disonestà d'animo.
    Quindi, se ti sei messa con uno più brutto per i soldi, e lui fa l'avaro
    ben ti sta, anzi per come la penso io ti meriteresti anche un uomo che
    bestemmia e rutta a tavola

    RispondiElimina
  13. Henry de Toluose Lautrec9 gennaio 2020 04:41

    "Farei la vita da single, e mi divertirei facendo sesso con chi più mi aggrada"; quindi ne deduco che lui non ti aggrada, cioè preferisci fare sesso con "chi piu' ti aggrada", che non è lui.
    Quindi stai con lui per i soldi. Capisco. E' perfettamente lecito, per carità, pero' il vostro è un rapporto commerciale, lui è il beta provider e tu sei la figa provider.
    Basta dire le cose come stanno.

    RispondiElimina
  14. Che poi spesso tocca mantenerle e nemmeno ti soddisfano a letto cosí ti tocca tornare a zoccole. Per me donne cosí che definiscono tirchi uomini che vogliono solo tutelarsi é giusto rimangano zitelle e che vengano perculate regolarmente. É tempo che gli uomini si sveglino e lascino queste zitelle al loro triste destino. Ho un'amica che si lamenta perché dopo una vita a lavorare per un grande editore nazionale gli toccherà una pensione da fame e non sa dove andare a vivere, tusa sei sempre stats allergica al pisello son tutti ca..i tuoi, ci dovevi pensare quando ancora avevi qualche ascendente sugli uomini, non adesso che sembri la sorella bella della befana.

    RispondiElimina
  15. Mi sa di fake
    1) è un concentrato di luoghi comuni troppo evidente: ego della donna, uomo che paga. Se ti segue da anni, sa che sono concetti che triggerano. E difficilmente le donne qui si autovalutano sopra il 7.5 senza fornire prove.
    2) le donne che commentano ci girano intorno: in media, 20 perifrasi per un solo concetto. Questa è troppo diretta.
    3) comunque, di sicuro non è farina del tuo sacco: troppi errori grammaticali.
    Ma la tua blastata è una figata.

    RispondiElimina
  16. L'hai semplicemente disintegrata

    RispondiElimina
  17. Guadagno di molto sopra la media (nordeuropea) e ho avuto due convivenze lunghe (9 e 5 anni, la prima con figli) nelle quali le mie partner non hanno dovuto mai pagare nulla (affitto/mutuo, bollette e quant'altro), ma quando hanno smesso di darmi quello che mi aspettavo (principalmente condivisione di interessi ed entusiasmo per quello che avevo da offrire) le ho smollate ed è finita lì.
    Ovviamente la mia reticenza a farle partecipare al mutuo (l'affitto era solo nei momenti iniziali) era anche dovuta a calcolo personale, in modo che non si mettessero ad accampare diritti sulle case, che volevo fossero esclusivamente mie.
    Nel caso ormai decisamente improbabile in cui dovessi mai rientrare in una convivenza, nella quale dovrei rinunciare ai begli introiti di uno degli appartamenti, ora affittati (io me ne sono andato a vivere nel più piccolo che ho) le farei comunque mettere i soldi che lei pagava di affitto da sola in un fondo cui attingere per le vacanze. Mi pare già sufficientemente equo e generoso.

    Quindi se la storia è vera il 'vecchio' 4,5 sovrappeso potrebbe pure pagarli quei 500 euro (dove vivo io con quei soldi ci affitti poco più che un garage) ma è ovvio che dovrebbe valerne seriamente la pena. Magari lui stesso ha dubbi sulla relazione.

    Comunque mi stupisce di come nel Nord Italia ci sia gente che guadagni 500-700 euro al mese. Il costo della vita lì (affitti a parte) non è tanto più basso che in Nord Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono del Nord Italia: gli stipendi non sono così bassi, credo che 500/700 euro siano intesi per un part time (o più contratti a chiamata che non raggiungono comunque un monte ore full time). In alcuni settori è difficile ottenere più di quel tot di ore, o magari lei potrebbe riuscirci ma non le interessa... d'altronde vive a carico dei suoi e spera di passare direttamente a carico di qualcun altro, non è per nulla motivata...

      Anonima Gardaland

      Elimina
    2. anche io sono del Nord Italia e ho 24 anni, donna.

      purtroppo 500-700 euro al mese è la norma per i neolaureati under 30 per via del fatto che molti vengono assunti come stagisti o apprendisti... e quindi prendono quelle cifre bassissime pur lavorando 40 ore a settimana.
      ho un amico ingegnere che grazie al fatto di essere inquadrato come stagista prende 700 al mese, come me che sono stagista ma come segretaria con laurea umanistica.

      oggi riesci a guadagnare bene solo se sei molto bella e fai lavori di immagine, se sei over 30 o se, nel caso si è under 30, sei un cervello in fuga all'estero dove subito dopo la laurea si ha un contratto vero e proprio, non stage.

      Elimina
  18. Non so se la storia è vera o si tratta di un fake, però ho riscontrato situazioni simili anche nel centro Italia.
    Ho visto rifilare un due di picche per una convivenza (Ok invece al proseguo della relazione), solo perché lei non aveva un lavoro adeguato (stage 500€ mensili), mentre lui impiegato di rilievo presso una multinazionale, e con casa di proprietà.
    Eppure riguardo l'aspetto e la personalità, avrei dato un 7 abbondante a lei, e un 5 scarso a lui, oltre all'età maggiore di lui (+12 anni).
    Ripeto, non sono sicuro che l'autrice della lettera sia autentica, però lo è sicuramente la sua teoria secondo la quale: "..è come se sfuggissero alcuni cambiamenti sociali che stanno avvenendo negli ultimi anni.."
    Personalmente ho una mia logica riguardo LMS ed è quella di esprimere il voto del look in millesimi e poi addizionarlo al salario mensile, nella fattispecie della letterina diventerebbe 5500+4000=9500 contro 7500+500=8000, ed infine aggiungere le proprietà mobiliari/immobiliari. (100.000? 200.000?)
    Embè.. vista in questa ottica ( e con un pizzico di ironia :)) direi che sono in arrivo tempi cupi anche per le belle (e povere..) donzelle.
    Riguardo la tirchieria ritengo sia una accusa falsa per principio.
    Se nessuno si aspetta nulla dall'altro ma è in grado di provvedere a se stesso, il problema del "tirchio" non si pone più.

    RispondiElimina
  19. Giusto! Mi sa che l'hai inquadrata bene.

    RispondiElimina
  20. la lettera mi sembra un fake evidente... in ogni caso se uno guadagna tanto buon per lui e sono affari suoi... le spese se si vive insieme vanno divise comunque a metà... altrimenti ognuno a casa sua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Henry de Toluose Lautrec17 gennaio 2020 05:12

      non necessariamente a metà, anche in proporzione al reddito puo' essere un metodo equo; altrimenti se lui guadagna 10mila e lei 500 dovrebbero andare a vivere in una cantina

      Elimina
    2. @Henry de Toulouse Lautrec

      Ecco infatti, era ciò che tentavo di spiegare in un altro commento parlando di budget per le vacanze, così l'hai espresso benissimo. Poi sta a ciascun caso valutare se quella che prende 500 euro lo fa perché non ha voglia di lavorare più di un tot, o se ha uno stile di vita molto minimalista e da "decrescita felice" e non le interessa guadagnare il superfluo, o ancora non può fare più di tanto per motivi di salute. L'importante è che l'uomo si trovi d'accordo con lei e non sia di fatto sfruttato economicamente dalla donna (caso 1)
      Ps: può valere anche l'inverso, un uomo fannullone che spera di farsi mantenere dalla compagna col posto fisso... oppure uno disoccupato che purtroppo si trova a vivere un momento di difficoltà e ha bisogno di supporto.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    3. Ogni criterio diverso dal dividere a metà sarebbe arbitrario e iniquo. Se uno guadagna di più vuol dire che nella vita si è dato più da fare o semplicemente ha avuto più fortuna... ma queste cose appertengono all'identità individuale della persona... perchè la partner ne deve approfittare? non è giusto e non è onesto. O si divide a metà o ognuno a casa sua.

      Elimina
    4. Anonimo del 19 gennaio

      Da una parte hai ragione, ma così possono esistere solo coppie assolutamente pari reddito, e se stai con uno/una che guadagna meno finisce che a un certo punto sei costretto a lasciarlo/a o a fare tutto per conto tuo, oppure se non vuoi rinunciare alla sua compagnia adattarti a vivere sotto le tue possibilità.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    5. Allora.. per facilitare la discussione d'ora in poi scriverò come "black wolf". Tornando al discorso... credo che in una coppia non ci dovrebbero essere conflitti di interesse finanziario e patrimoniale. Per evitare che questo succeda i due dovrebbero essere più o meno allo stesso livello dal punto di vista economico, sia come reddito che come patrimonio. Se uno dei due guadagna o dispone di un patrimonio maggiore dell'altro, inevitabilmente si creeranno tensioni e conflitti di interesse molto pesanti.

      Elimina
    6. Non sono molto d'accordo con anonima Gardaland. In generale la vita da single è più costosa di quella di coppia perché in due alcune spese fisse per la casa rimangono sostanzialmente invariate (canone RAI, internet, luce, riscaldamento) mentre altre aumentano ma non per forza raddoppiano (gas, eventuale mutuo per pagare in meno tempo, vacanze perché non c'è l'odioso supplemento singola). Se io guadagnassi 4000 euro e la mia lei 500 non vedo perché dovrei vivere sotto le mie possibilità, credo che potrei continuare a fare le stesse cose di prima, certo è che se lei pretendesse di disporre come vuole di quei 4000 euro allora sì ci sarebbe un problema. Io sono dell'idea che se uno prende 1000 euro e l'altro 1500 nessuno dei due potrebbe vivere sopra o sotto le proprie possibilità. Il punto è che quando l'uomo prende meno della donna (fossero anche 500 euro di differenza) la donna si prefigura un'intollerabile vita di stenti e miserie. In questo caso do ragione ad Anonima, la donna è "costretta" a cercare un nuovo partner.

      Elimina
    7. @Gino

      Il punto è che se tu guadagni 4000 euro e sei abituato ad andare in vacanza, che so, in resort di lusso in capo al mondo nel momento in cui stai con una che guadagna 500 (ed è abituata a fare le vacanze in campeggio sulla riviera italiana) si pongono queste possibilità:
      - volete fare le vacanze insieme, lei non può permettersi la sua parte di resort e aereo ma tu non vuoi rinunciarci, quindi le offri tu la vacanza;
      - volete fare le vacanze insieme, lei non può permettersi la sua parte di resort e aereo, quindi optate per un tipo di vacanza alla sua portata;
      - tu non vuoi assolutamente rinunciare alla vacanza in resort ecc..., perciò NON fate le vacanze insieme ma separati
      (in alternativa: tempo permettendo tu fai due vacanze, una in campeggio con lei e l'altra in capo al mondo per conto tuo).

      La vacanza è un esempio, tra l'altro c'è anche il caso più estremo di quando uno si trova disoccupato e proprio non se la sente di andarci, in vacanza... Ma in realtà la capacità di spesa influisce su tutto (a meno che uno non sia tipo Paperone, ricco ma molto economo e sobrio nello stile di vita), a partire da quali prodotti comprare per la tavola di tutti i giorni - se uno si può permettere cibo biologico non vorrà comprare al discount... Poi su alcuni punti si possono trovare dei validi compromessi, questo è vero.

      Anonima Gardaland

      Elimina
    8. @ Anonima Gardaland.. infatti, per evitare che si creino le situazioni che hai citato i due dovrebbero disporre di pari reddito. altrimenti ci sarà sempre chi approfitta dell'altro... anche involontariamente.

      Elimina
  21. Se lavori "part time" a 700 euro al mese e sei una 7.5 (autovalutazione), c'è qualcosa che non mi torna. Di solito gnocche simili non hanno nessun problema anche ad essere assunte come segretarie personali a 2000 euro al mese anche se non sanno fare un cazzo (affiancamento a patrocinato gratuito). Ma poi, non specifichi nemmeno "quanto" spende lui di "extra" nei tuoi confronti. Paghi tu le cene fuori? Paghi tu la benzina del suo Maserati quando ti porta a spasso? paghi tu la tua parte quando andate in vacanza in qualche posto? Definire un uomo "tirchio", quando non si vuole pagare la "metà" di un affitto in 2 mi pare quantomeno ipocrita. Il fatto di guadagnare 4000 euro non è sinonimo di "pagare tutto", perchè sarebbe una relazione a senso unico, dove LUI paga TUTTO per avere la tua compagnia. Pensi che se sto tizio guadagnasse 600 euro al mese, avresti qualcosa da ridire? lo avresti già mollato perchè ti ha chiesto di dividere un affitto in 2? Ti lamenteresti del suo L o lo avresti già smollato?

    RispondiElimina
  22. Mi sembra del tutto EVIDENTE che la ragazza non nutra alcun reale interesse verso il suo uomo.
    E' invece chiaro come il sole che sia interessata solo al suo patrimonio: dice esplicitamente che preferirebbe stare a casa col reddito di cittadinanza e scoparsi i bellocci...

    Dunque, è un rapporto sesso Vs denaro.
    Ma allora non si deve meravigliare perchè, in effetti, a questo punto è molto più conveniente la prostituzione.
    Il "tirchio", che scemo non è, deve aver pensato la stessa cosa.

    RispondiElimina
  23. Attenzione a elogiare "l'onestà" della prostituta rispetto, ad esempio, ad una fidanzata o moglie interessata solo ai soldi del compagno. la prostituta è l'equivalente femminile del ladro, perchè ti estorce denaro, mossa dall'avidità, dall'ambizione di fare soldi velocemente e dal disprezzo verso gli uomini (ovviamente non mi riferisco a quelle che vengono costrette sui marciapiedi). per fare un altro esempio la prostituta è come il gestore di un chioschetto nei luoghi più turistici che ti vende una bottiglietta da mezzo litro di acqua minerale per tre euro. certo che ti dice subito quanto vuole e mette il cartellino con il prezzo in maniera trasparente, ma non per questo è "onesto"... chi ti estorce tre euro per una bottiglietta di acqua, approfittando magari del fatto che lì vicino non ci siano fontane o altri negozi è semplicemente un ladro. Questo non vuol dire che la donna che si fidanza con un uomo per i soldi sia meglio o peggio della prostituta... sono entrambe ladre e disoneste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma per il mio parere ha più rispetto il padrone del chioschetto che pur essendo ladro non cerca di vendersi per ciò che non è. Molte donne sono bravissime a parole a elevarsi come creature celesti e disinteressate, salvo poi rivelarsi nel concreto delle materialista spaventose.

      Elimina
    2. capisco cosa vuoi dire, in ogni caso non parleri di "rispetto" e in generale non darei connotazioni positive a nessuna delle due... al massimo si può discutere se sia più subdola la "fidanzata materialista" o la prostituta, allo stesso modo in cui si può discutere se sia peggio il rapinatore di strada che ti ruba il portafoglio o il truffatore in giacca e cravatta che si presenta come persona seria e poi ti rifila un bidone... la realtà è che entrambi ti fregano.

      Elimina
    3. Quoto Gino.
      La prostituta non è onesta nel senso che non pensa ad arricchirsi (quello lo fanno tutte), ma nel senso che lo fa palsemente: è, cioè, trasparente.
      Esattamente come il proprietario del chioschetto, il quale sarà anche caro, ma ti dice da subito che cosa ti darà e quanto ti verrà a costare. Poi tu farai i tuoi conti.
      Moltissime donne, invece, sono come i venditori di enciclopedie: ti presentano un prodotto come gratuito o quasi, poi ti fanno firmare un contratto con tante clausole scritte in piccolo (o non scritte per niente) e ti ritrovi a doverti svenare per qualcosa di cui non hai bisogno e che, comunque, non vale i soldi che costa.

      Elimina
    4. il discorso va visto un po' da un altro punto di vista e bisogna fare un ribaltamento della prospettiva per capire e rendersi conto che la prostituta e la "fidanzata interessata" non sono in contrapposizione tra loro e non ha alcun senso pensare che una sia un'alternativa migliore all'altra, perchè così si fa proprio il loro gioco... in realtà entrambe fanno leva sullo stesso grande imbroglio per cui la sessualità femminile è qualcosa di prezioso perchè mentre per l'uomo il sesso è un piacere per la donna non lo è affatto... anzi addirittura è un sacrificio, un fastidio o lavoro... tutte cose che richiedono un indenizzo, un rimborso o una retribuzione. questa "retribuzione" può essere denaro contante o una vita fatta di viaggi, cene, vestiti, regali, etc. in realtà si tratta di un imbroglio colossale su cui si basa il potere delle donne sugli uomini che cascano in questo tranello (la maggior parte o quasi tutti)... prostitute e non prostitute ne approfittano e giocano di sponda aiutandosi indirettamente tra di loro sostendo questo sistema... le une rubano "poco" a tanti, le altre rubano molto a pochi, ma sono entrambe delle ladre tra loro complici perchè entrambe di fondo raccontano la stessa bugia. aggiungo che è proprio questa truffa del "sesso femminile come merce di scambio" alla base dello zerbinismo... se gli uomini smettessero di credere a questo imbroglio non ci sarebbero più ne donne sfruttatrici, ne uomini sfruttati, ne zerbini ne prostitute.

      Elimina
    5. Cit "per cui la sessualità femminile è qualcosa di prezioso perchè mentre per l'uomo il sesso è un piacere per la donna non lo è affatto... anzi addirittura è un sacrificio, un fastidio o lavoro"
      Questo è dovuto soprattutto al rapporto domanda/offerta sbilanciato. Se "io" ottenessi qualcosa, più facilmente rispetto ad un altro, potrei benissimo prendermi il "lusso o ipocrisia" di dire che non mi piace, tanto la otterrei lo stesso...
      L'ipergamia esisteva anche in passato, solo che oggi, essendoci un numero sterminato di utenti in rete, chat, Tinder, Facebook etc..
      persino gente che mette like a qualsiasi essere umano di sesso femminile, basta che respira, è aumentata. Per avere una idea di quanto sia sbilanciato il rapporto domanda/offerta basta entrare in qualsiasi chat, con un nick femminile, ragazza da 5(decine di finestrelle aperte), con un nick maschile e ragazzo da 5(zero risposte). è solo un esempio ipotetico. Molti degli stessi, che una volta, non avevano neanche il coraggio di avvicinarsi a una donna, oggi si scatenano in questi ambienti.
      Quindi, per quanto uomini e donne sono "diversi", il primo modo per evitare di ingrandire a dismisura questa "percezione" credo che sia proprio, evitare di zerbinare "ovviamente" e boicottare alcuni "strumenti" che "amplificano a dismisura" il "potere di far danni" degli zerbini (app, chat e luoghi virtuali di rimorchio). Evitare anche di dare gratificazione sociale agli zerbini. Oggi spesso succede questo in diversi ambienti.. lo zerbino riceve applausi in alcuni ambienti mentre chi si oppone viene considerato "in torto e cattivo". Invertire "minimamente" questa tendenza, sarebbe già qualcosa.
      Fra l'altro non avrebbero niente da perdere, anche perchè l'atteggiamento dello zerbino è controproducente, e rende costosissimo un prodotto di scarso valore(è un modo di dire). Solo che non è facile che tutti lo capiscano. è solo il mio parere.

      Elimina
    6. @ Van: concordo con le tue considerazioni e ribadisco che a mio modo di vedere anche pagare una prostituta rientra nella categoria dello zerbinaggio, declinato nella sua forma più diretta ed essenziale. lo zerbinaggio infatti consiste nel lasciarsi derubare delle proprie risorse (soldi, tempo etc.) illudendosi invece di comprare qualcosa, mentre in realtà non si sta comprando nulla, ma si viene derubati... perchè certe cose non possono essere oggetto di compravendita... non è moralismo o romanticismo... è consapevolezza di se stessi e della propria dignità... una consapevolezza molto pratica, che ti permette di difenderti dal ladro, affinchè il ladro non abbia nulla da te... ne il tuo tempo, ne i tuoi soldi.

      Elimina
    7. Concordo con il discorso di black Wolf. Ho letto spesso commenti del tipo: "lasciate perdere le donne, andate a prostitute!". Ma le prostitute non sono forse donne? È un po' come dire, smetti di farti di cocaina, passa agli acidi. In realtà anche andare a prostitute è umiliante per la propria autostima, è un male minore, ma non risolve il problema.

      Elimina
    8. @Black Worf: io la vedo in modo diverso da entrambe le "fazioni". Innnanzitutto per me il sesso a pagamento non è una "causa" ma una conseguenza del rapporto domanda/offerta sbilanciato di cui parlavo sopra. Se tutti facessero sesso con tutti, gratis, nessuno sarebbe così scemo da pagare, credo.
      In realtà esiste anche la figura del Gigolò(meno diffusa, proprio per la causa che ho citato). Ho citato "una parte precisa" del tuo discorso, ed è quella che ho risposto. Il mio messaggio era più generale, non limitato alle prostitute. In ogni caso la prostituta è un lavoro..come tanti altri. Ci sono persone disoneste anche fra i negozianti o in tutti i lavori.
      Esisterà sempre qualcuno che pagherà un altro per far sesso.. dai tempi dei tempi.. vuoi per rapporti sbilanciati domanda/offerta, vuoi perchè deforme, vuoi perchè non attraente.
      In ogni caso, trovo la prostituta(per assurdo) più "trasparente" rispetto alla donna che dice: "sposo tizio solo per amore.." e poi gli succhia un capitale. Molte di queste donne sono "contrarie alla prostituzione" e "moraliste" ma allo stesso tempo fanno il tifo per qualsiasi "sorella" possa togliere "capitali" all'ex marito.. Non generalizzo ma esistono, eccome..
      La classica frase è "prosciugagli tutti i soldi a quel.." Ci vedo molta ipocrisia in questo.. Ho capito come la vedi, ti dico come la vedo io.
      Ricordo un caso famoso.. di una ex moglie di un politico italiano.. non posso fare nomi ma si capisce. Contraria alla prostituzione, moralista. Non ha fatto niente nella sua vita per meritare tutti quei soldi ed è diventata ricchissima coi soldi dell'ex marito che gli versava assegni da capogiro(facendo finta di sdegnarli) e poi prendeva migliaia di euro per scrivere peste e corna di lui sui giornali. questo è il paradosso a cui si arriva.
      Allo stesso tempo, riferendomi al messaggio di Unutente: pensare di risolvere il problema delle donne, solo andando a prostitute, anche io credo che sia una illusione.
      Infatti non c'è nessun mio messaggio nel quale dico: "lasciate perdere le donne, andate a prostitute" . Ho citato alcuni "comportamenti" che dovrebbero assolutamente cambiare(in generale). In ogni caso, se vuoi che meno uomini paghino per fare sesso, il rapporto tra uomini e donne dovrebbe essere "meno" sbilanciato, quindi si torna alla "causa" principale.
      Il ladro ti ruba senza il tuo consenso, la prostituta se non la vuoi pagare, non la paghi.. l'accostamento ladro-prostituta mi sembra un pochino forzato, per il resto, sul fatto di non zerbinare e magari non spendere "capitali interi" dalle pay posso anche essere d'accordo con te. Tutto può essere oggetto di compravendita. Per quanto possiamo parlare di finzione(guarda che percentuale di donne fingono l'orgasmo nei cosiddetti rapporti free, basta leggere i dati). Il sesso pay(così come il bello che accompagna la vecchia signora alle cene facendosi pagare) è uno scambio, ne più ne meno, "vantaggioso o meno", tra due persone. Punto.

      Elimina
    9. Pura buepill: c'è un motivo per cui si chiama "mestiere più antico del mondo".

      Elimina
    10. negli indios precolombiani ad esempio la prostituzione non c'era... sarebbe un discorso lungo.... cmq non è un mestiere, perchè quello non è un vero lavoro... è un furto, non è uno scambio equo... la prostituta non da nulla di vero... in realtà odia gli uomini e li disprezza, li considera degli ebeti, dei polli da spennare per arricchirsi velocemente...così come disprezza tutte quelle persone, uomini o donne che siano, che si spaccano la schiena per guadagnarsi il pane.. li considera dei poveri idioti perchè lei si ritiene più furba... esattamente quello che pensano i ladri e i truffatori della gente che derubano.

      Elimina
    11. La prostituzione e il potere delle donne in una relazione hanno, come dice Van, la stessa causa, ovvero lo squilibrio fra domanda e offerta.
      Quindi è chiaro che non ci sia più molta differenza.
      Il top, ovviamente, sarebbe rinunciare completamente alle donne, ma non tutti ci riescono e, siccome fra una relazione e una prostituta la seconda è decisamente più conveniente, ecco che il redpillato la preferisce alla prima.
      Poco fa è uscito un fantastico articolo, fra i migliori mai pubblicati su questo blog, intitolato “Storia di un puttanier cortese”, che spiega tutto ció molto bene.
      Nel caso in cui già non l’aveste fatto vi invito a leggerlo.

      Elimina
  24. Aspirante blackpillato20 gennaio 2020 12:27

    E' stata scritta da un maschio però hai fatto bene a rispondere lo stesso..

    Molte donne ragionano infatti così e molti uomini non se ne rendono conto e questa risposta può illuminare qualcuno.

    Scrivi molto bene comunque. Ogni tuo articolo mi strappa almeno qualche risata lol.

    RispondiElimina
  25. Assurdo questa si lamenta perché il fidanzato le chiedi di dividere i costi, bah...

    RispondiElimina
  26. Io ti suggerisco di lasciar perdere il maschio italiano che oramai è diventato un tirchio allucinante. In Russia, paese del mio compagno, i rapporti da sugar daddy sono un fenomeno già ampiamente collaudato e affermato. Nessun uomo russo si sognerebbe di stare con una donna che guadagna 3000 euro meno di lui chiedendole metà dell'affitto. Sanno che la regola implicita è bellezza x soldi e che i veri uomini sganciano in ogni caso, quindi ti consiglio di disfarti di questo mentecatto e cercarti un russo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure un camorrista ndgranghetista mafioso O parlamentare. Tanto il genere è quello.
      Basta ricordare che quando si parla di bellezza in cambio di soldi la bellezza deve essere vera, no una faccia da gallina pubblicata su instagaz.
      E di bellezze vere in Italia ce n'è talmente poche che di solito sono benissimo in grado di cavarsela da sole.

      Elimina
    2. volevate la parità dei sessi? o sbucano fuori quando vi convengono a voi? tipo il divorzio?

      Elimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Prima di postare però per favore dai un'occhiata al Regolamento: