04/01/19

Chi Guida Meglio: gli Uomini o le Donne?

chi guida meglio uomini donne
chi guida meglio uomini donne

 Chi Guida Meglio, gli Uomini o le Donne?

L'ultima volta che sono salito in auto con una donna andavo ancora al liceo e me lo ricordo bene perché la simpaticona mi ha quasi accoppato.
Era una ballerina del gruppo teatrale e, dopo le prove pomeridiane, le chiesi se poteva accompagnarmi in centro visto che era di passaggio e io non avevo la patente.
Quando uscimmo dal parcheggio l'incauta "guidatrice", nel girare a sinistra, tagliò la strada a uno che passava di lì e che riuscì a frenare giusto per miracolo evitando un impatto che sicuramente non avrebbe avuto piacevoli conseguenze su di me che ero seduto al lato passeggero.
Vidi la mia vita scorrermi davanti. Sembrava di stare nel film Bullitt, con la Mustang del tenente che sfreccia impazzita per le strade di San Francisco, beninteso che Steve McQueen avesse avuto un paio di tettine e l'abitudine di indossare tutù rosa.

Ringraziai il signore (non Dio, il tizio che era riuscito a frenare) di aver avuto salva la vita e mi riproposi di non salire più su un mezzo di trasporto manovrato da esemplari femminei, per quanto mi fosse possibile (va anche detto che in generale non amo molto farmi trasportare da altri, uomini o donne che siano).

Il mio è solo uno dei tanti aneddoti che si possono sentire, ma qualche parte del resto il pregiudizio secondo il quale le donne non sanno guidare ("donna al volante, pericolo costante") deve pur saltar fuori, altrimenti appunto non si sarebbe consolidato come pregiudizio, dal momento che in ogni pregiudizio c'è sempre un fondo di verità.

Ma Perché le Donne non Sanno Guidare?

Cerchiamo di dare una spiegazione a questo fenomeno che è la gioia dei carrozzieri di tutto il mondo, e lo facciamo partendo da un fatto tanto banale quanto evidente: le donne non hanno bisogno di guidare.

Quando ho fatto la patente io, la mia motivazione era a mille perché quella tesserina di plastica per me rappresentava la libertà e l'opportunità di avere un significativo incremento di status con i miei amici oltre che un'impennata di possibilità con le ragazze.
Dopo aver superato la teoria con zero errori, avrei quindi affrontato l'esame pratico anche se si fosse trattato di andare a sostenerlo nella strada della muerte in Bolivia, con un burrone da una parte, rocce che ti cadono in testa dall'altra e giaguari che sbucano fuori dalla vegetazione e ti salgono sul cofano sgranocchiandoti i tergicristalli.


Ora, ditemi voi quante donne hanno questo genere di motivazione.
Una donna non ha di questi problemi perché, anche senza patente, difficilmente rimarrebbe immobilizzata, avendo sempre una schiera di pretendenti o amichetti zerbini disposti a scarrozzarla in giro senza problemi.

Può quindi permettersi tranquillamente di non avere la patente, non ha la stessa motivazione di un uomo e anche da patentata finirà per guidare mediamente molto meno di un uomo.

Ogni attività richiede motivazione, impegno e pratica per essere svolta con abilità e nel caso delle donne questi 3 fattori hanno un'influenza decisamente minore di quella che hanno sugli uomini.

Ma c'è anche una spiegazione molto più profonda e riguarda alcune differenze biologiche che sono la conseguenza del fatto che uomini e donne si sono evoluti per svolgere al meglio compiti di diverso tipo.
In particolare gli uomini, avendo ricoperto il ruolo di cacciatori e avendo dovuto in ragione di ciò sviluppare un maggiore senso dell'orientamento, hanno sviluppato maggiori capacità spaziali.

Nei test che misurano la cognizione spaziale le donne ottengono mediamente punteggi inferiori agli uomini indipendentemente dai Paesi e dalle culture e questo potrebbe essere in relazione con il testosterone, che secondo alcuni studi andrebbe ad influire sullo sviluppo di aree del cervello o circuiti neurali importanti per la capacità di orientarsi nello spazio.

"Ma se le Donne Fanno meno Incidenti degli Uomini!"


chi guida meglio uomini donne
chi guida meglio uomini donne

Naturalmente le femministe ce la mettono tutta per combattere i pregiudizi (tranne quelli che giocano a loro favore ovviamente) e una delle argomentazioni più utilizzate riguarda il numero di incidenti.

Le donne effettivamente fanno meno incidenti, peccato che chi ha un minimo di spirito critico capisce immediatamente che il numero di incidenti non è significativo per stabilire chi guida meglio perché bisogna tenere conto del numero di km percorsi: gli uomini percorrono mediamente più km (basta pensare ai camionisti) e in condizioni che comportano un maggiore rischio. Ecco perché fanno più incidenti.

Ma gli incidenti li calcolano le compagnie assicurative, che si basano sui sinistri denunciati, ovvero solo quelli di una certa entità, perché se uno fa un piccolo incidente di solito non si rivolge all'assicurazione visto che non conviene.

Se andassimo a considerare le piccole ammaccature fatte durante fasi di manovra ci accorgeremmo invece che le donne hanno un tasso di incidenti maggiore degli uomini.

Stesso discorso vale per quanto riguarda la gravità degli incidenti.
E' vero che le donne hanno uno stile di vita più prudente (anche questo probabilmente è dovuto agli ormoni, visto che il testosterone è associato a una maggiore aggressività anche nella guida) e questo potrebbe essere un motivo per cui in genere vengono coinvolte in incidenti di minore gravità ma è altrettanto vero che la gravità di un incidente dipende da molti fattori come il chilometraggio, la tipologia di strada percorsa e, non ultimo, il caso.

Le Donne non Sanno Parcheggiare

Questo forse è il punto più obiettivo, le donne magari non saranno meno brave a guidare in generale ma lo sono a fare manovra.

Un altro modo per dire che finché si trovano su una superstrada a dieci carreggiate perfettamente rettilinea nel mezzo del deserto dell'Arizona e su una macchina con cambio automatico sono bravissime a guidare, il problema è quando è ora di trovare parcheggio.

Una professoressa tedesca femminista, con l'astuzia di chi usa una tanica di benzina per spegnere un principio di incendio, per distruggere lo stereotipo della donna incapace di far manovra ha provato a condurre uno studio presso l'Università di Bochum, che ha coinvolto 66 volontari, 33 uomini e 33 donne, ai quali è stato richiesto di parcheggiare un'Audi in uno spazio un po' angusto.

I risultati? Per eseguire la manovra le donne hanno impiegato in media ben 20 secondi in più, e hanno anche parcheggiato in maniera peggiore, più rigida e ansiogena, dimostrando che effettivamente le donne in media possiedono minori capacità coordinative.

Non che occorresse uno studio per capirlo.

Chiaramente non tutte le donne sono impedite a guidare, così come non tutti gli uomini sono bravi.
Alcune donne saranno sicuramente più brave di alcuni uomini, ma il punto è che esiste una predisposizione naturale ad essere buoni guidatori che avvantaggia mediamente di più gli uomini e sfavorisce le donne.

Anche questa volta le femministe prendano una camomilla e se ne facciano una ragione.


Forse ti Interessa:



15 commenti:

  1. Esatto, il numero di incidenti non significa niente, conta il rapporto tra incidenti e chilometraggio.

    RispondiElimina
  2. Ammesso e pure concesso che sia vero che gli uomini guidino meglio delle donne, pongo qualche questione bonariamente provocatoria al Redpillatore ed a tutti i maschi variamente redpillati:
    - vi fa o vi farebbe piacere avere al vostro fianco per una LTR una lei che non vuole guidare e che ogni scusa trova per non farlo o che addirittura non ha la patente? Pensereste che è saggia, che probabilmente conosce i suoi limiti, sa stare al posto suo e fa la donna, oppure che è una paurosa o addirittura una comodona magari un po' furbetta ed approfittatrice?
    - che ne pensate di quelle donne (tipologia più diffusa della media soprattutto nel sud Italia, in particolare in provincia) che danno per scontato o addirittura pretendono che il loro lui non solo le riaccompagni ma le venga sempre a prendere, perché nella loro mentalità una donna sposata o fidanzata che prende i mezzi da sola rischia sempre qualcosa (dall'essere importunata a che la gente possa mormorare su lei)? Mi viene in mente una, meridionale trasferitasi a Roma, che per anni ha costretto il suo lui, che abitava dall'altra parte della città, non solo a riaccompagnarla ma anche a venirla sempre a prendere pure se avevano da fare in zona di lui e che, le rarissime volte che l'ha pregata causa tempi stretti di prendere i mezzi e di farsi trovare sul posto o cmq di venirle incontro gli rispondeva: "No, dai ti prego, esci prima, i mezzi pubblici sono sempre tutti sporchi, affollati e rischi sempre di trovarci qualche malintenzionato".

    A voi la parola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono stato quasi 3 anni in LTR e durante quel periodo (tolti 6 mesi che la mia ex non aveva la patente)ho sempre guidato io.
      Preferisco decisamente così, però apprezzerei almeno che si offrisse ogni tanto di guidare giusto per mostrare disponibilità, anche se poi le direi di no.

      Elimina
  3. Cit.: "Quando ho fatto la patente io, la mia motivazione era a mille perché quella tesserina di plastica per me rappresentava la libertà e l'opportunità di avere un significativo incremento di status con i miei amici oltre che un'impennata di possibilità con le ragazze."
    Mi risulta che tra i neomaggiorenni negli ultimi anni ci sia meno la corsa alla patente rispetto ai decenni precedenti (ne parlavano diversi articoli nei mesi scorsi), anche per i maschi. Probabilmente concorrono in varia misura diversi fattori rispetto al passato: il fatto che si comunichi più tramite Internet che dal vivo, che un tempo si faceva di più sesso in macchina almeno da giovani, i sempre maggiori costi sia per prendere la patente, sia per le assicurazioni, e forse anche altro ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, anche i motorini qui da me sono completamente spariti, mentre quando ero ragazzo io avere il motorino era indispensabile.

      Elimina
    2. Nelle grandi città del Centro-Sud Italia ancora questo no. Credo dipenda dal fatto che da quelle parti il servizio pubblico non è efficiente senza che si veda nessun cenno di miglioramento ma anche per il clima più clemente per buona parte dell'anno.

      Elimina
  4. Mi dispiace ma su questo argomento almeno per me, la situazione che descrivi nel post non è veritiera. Mia moglie è infatti un ottimo guidatore, fa in media molti più km al giorno di me per andare a lavoro e, almeno da quando la conosco, non ha mai fatto un incidente in vita sua in cui abbia avuto torto a differenza mia. Non ha paura di guidare automezzi di amici e parenti se le si presenta l'occasione e sul parcheggio vince lei a mani basse; prova ne sono i graffi, causa bordo marciapiede, sui cerchi in lega del mio automezzo, mentre quelli della sua auto sono ancora immacolati. Mi trovi d'accordo solo sul fatto che, effettivamente, quando siamo in auto assieme, lei molto spesso mi imponga di guidare anche se non ne ho voglia (ma questo probabilmente è dovuto a qualche retaggio del passato). Riesco a convincerla a farle prendere in mano il volante solo quando la notte precedente sono stato di turno a lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chiaramente non tutte le donne sono impedite a guidare, così come non tutti gli uomini sono bravi." Ma leggere l'articolo fino alla fine no, eh?

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. L'ho letto tutto e proprio per questo motivo ho commentato. Del resto scrivere: "Chiaramente non tutte le donne sono impedite a guidare, così come non tutti gli uomini sono bravi." non credo significhi che chi ha esperienze contrarie a quanto descritto nell' articolo non debba farle presenti. O mi sbaglio?

    RispondiElimina
  7. Henry de Toluose Lautrec5 gennaio 2019 14:51

    E' la scoperta dell'acqua calda, probabilmente mediamente gli uomini guidano meglio, le donne sanno fare meglio altre attività (stirare, cucinare, ecc) è la scoperta dell'acqua calda, con le dovute eccezioni. Poi se in una famiglia il marito di lavoro fa il cuoco o ha una lavanderia mentre la moglie lavora per Uber allora probabilmente la moglie guida meglio e il marito cucina o stira meglio. Non capisco pero' cosa ci sia di redpill.
    Il problema è se, casomai, un giorno gli uomini faranno tutto e le donne non faranno niente. E questo potrebbe succedere se aumenta terribilmente la domanda veros il sesso femminile tanto da verificarsi che, come direbbe Schopenhauer, gli uomini fanno tutto in cambio di una cosa sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Henry:
      cit. "Il problema è se, casomai, un giorno gli uomini faranno tutto e le donne non faranno niente. E questo potrebbe succedere se aumenta terribilmente la domanda verso il sesso femminile tanto da verificarsi che, come direbbe Schopenhauer, gli uomini fanno tutto in cambio di una cosa sola."
      La tua è una provocazione un po' estrema ma interessante. Bisognerebbe riflettere allora a comportamenti che evitino che ciò accada. Ad esempio, a mio parere proporre ad una donna ai primi appuntamenti di vedersi in un posto a metà strada raggiungibile per entrambi anche coi mezzi pubblici. Se lei rifiuta o cmq si infastidisce, già secondo me quello è sintomatico; così come è sintomatico se una lei (ovviamente presupponendo che si tratti di due persone in una posizione economica simile) entro la terza, max quarta uscita insieme non si fa avanti per pagare il conto per entrambi o almeno per contribuire.
      Il fatto è che molti uomini, pur non condividendo certi comportamenti, cmq li accettano per timore di essere scaricati dalla donna in questione...

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec6 gennaio 2019 17:33

      E' una questione di mercato. Se proponi metà strada lei troverà un altro. A meno che tu non sia un gigachad allora vengono direttamente loro a casa tua, te la puliscono e ti mantengono pure.
      Non puoi nemmeno dire "mettiamoci tutti d'accordo e sindacalizziamoci" perche' ci sarà sempre qualche crumiro morto di figa.

      Elimina
    3. @Henry: vero ciò che dici riguardo al mercato. Cmq dipende un po' dai contesti (in provincia, soprattutto al Sud Italia, vedersi a metà strada viene considerato in generale più negativamente rispetto alle realtà urbane del centro-nord Italia) ed anche dalle donne. Certo che se ci si ritrova sempre ad avere a che fare con comodine viziate e pretenziose, forse qualche domanda ce la si dovrebbe fare...

      Elimina
  8. "Il fatto è che molti uomini, pur non condividendo certi comportamenti, cmq li accettano per timore di essere scaricati dalla donna in questione..."

    Per forza, a meno che uno non sia veramente bello dovrà sudare sette camicie per rimediare un altro appuntamento. Una donna ci mette qualche ora a trovare un sostituto.

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.
✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.