Cultura e Società

Perché gli Incel non Esistono

Joaquin Phoenix as Arthur Fleck in JOKER

In questo blog ho dedicato diversi articoli al fenomeno incel, concentrandomi in particolare sulle cause e su eventuali soluzioni.
E’ innegabile che l’attuale modello sociale di stampo femminista e progressista, noncurandosi delle diversità biologiche fra uomo e donna, abbia creato generazioni di uomini per i quali è sempre più difficile avere una vita affettiva e sessuale.
Il nostro bisogno di semplificazione ci ha portato a ridurre questa categoria di uomini ad un’unica definizione, quella di incel, che però, come ogni etichetta, è fortemente riduttiva e non tiene conto della complessità delle situazioni.
Non mi è mai piaciuta l’etichetta di incel, ancora prima che venisse utilizzata a sproposito dai media e dai minus habentes del web.
Il motivo alla fin fine è abbastanza semplice: nessuno è mai riuscito a dare una reale definizione di incel.

Chi è l’incel? E’ l’uomo vergine? E’ l’uomo che non trova donne per una relazione (ricordiamo che teoricamente celibe significa “non sposato”, non significa “single”. Leonardo Dicaprio è celibe.)? E’ l’uomo che non trova una partner sessuale conforme alle sue aspettative?

La comunità anglofona incel ha provato a definire l’incel come “un uomo che non fa sesso da almeno 6 mesi nonostante cerchi una donna”.


Secondo questa definizione, se io ad esempio mi mettessi per 6 mesi giorno e notte a cercare una donna e dopo aver preso migliaia di pali al termine dell’ultimo giorno riuscissi a trovare una 3 che ci sta, non dovrei più rientrare nella definizione di incel.
Perdonatemi ma è chiaro che questa definizione è ridicola, e se dovessimo attenerci ad essa i forum incel sarebbero deserti.
Avendo tempo libero, voglia di sbattersi, disponibilità a prendere pali e pretese bassissime, in 6 mesi la stragrande maggioranza di uomini almeno uno straccio di donna con cui fare sesso la trova.

Contemporaneamente, il più grande forum incel americano nega l’iscrizione a tutti gli uomini che dichiarano di non essere vergini. Anche questo è abbastanza ridicolo. Tanto per cominciare, essere vergini a 18 anni non è mica come esserlo a 30 o a 40, e poi per quale motivo un uomo brutto che è rimasto vergine nonostante innumerevoli tentativi dovrebbe essere messo sullo stesso piano di uno carino che è vergine solo perché ha pretese troppo elevate e zero voglia di sbattersi? Elliot Rodger, che è il più famoso incel, era un personaggio del genere: voleva le fighette bionde californiane ed era frustrato perché queste non lo approcciavano. Loro. A lui.
Ma signori, Hans Christian Andersen è morto nel 1875, ha smesso da un pezzo di scrivere fiabe.

Per quanto riguarda l’Italia, l’etichetta di incel fa molta fatica a rimanere attaccata anche con il superattack.
Posti come il forum dei brutti non sono mai nati (né sono tuttora) come comunità incel. Il termin “brutto” nel nome suona più autoironico che altro. Gli utenti sono sempre stati molto eterogenei per valore di mercato ed esperienze sessuali. Nello stesso spazio trovavano posto brutti veri e vergini così come ragazzi decisamente carini, con una schiacciante maggioranza di normaloidi, secondo una perfetta distribuzione gaussiana.
Poi certo, le donne considerano “brutti” gli uomini nella media, ma questo è un altro discorso.
L’amministratore del forum degli incel ha più volte ammesso candidamente che alla fine il termine incel lo ha scelto solo per ragioni “commerciali”, perché ormai quello è il termine più famoso, ma in Italia nessuno si era mai identificato nel concetto di incel. Gli utenti hanno passivamente accettato di farsi appiccicare un termine che la Stampa ha preso dagli USA. Lo hano fatto per attirare l’attenzione, nella speranza che la società li capisse. Nessuna decisione fu più sbagliata.

Una posizione realistica sarebbe quella di definire incel il 5-10-20% degli uomini che hanno il valore di mercato più basso,però anche lì troveresti comunque uomini fidanzati, quindi si torna punto a capo.
Una situazione che ogni tanto capita su facebook è quella dell’hater che commenta un mio post dandomi dell’incel, poi guardo il suo profilo e trovo un tizio di 25 anni pelato completo e alto 160 cm, e la cosa è davvero grottesca.
L’altro giorno mi capita uno di questi troll che mi dà dell’incel, nella foto profilo c’era lui con la fidanzata: una cessa disumana.
Gli faccio elegantemente notare che uno che si porta appresso un affar simile dovrebbe avere un po’ di pudore ad utilizzare il termine incel. Mi risponde, probabilmente pure credendoci realmente, che sono invidioso del fatto che lui ha una ragazza e io no, ignorando che la sua ragazza non la toccherei neanche con un bastone, che nel mio periodo pua non la avrei approcciata neanche per fare pratica, che le tipa più brutta con cui sono stato la moggava di un punto abbondante e che se volessi mettermi accanto un essere mostruoso mi comprerei un bulldog. Non l’ho mai negato, invidio molto chi riceve validazione da fidanzate carine (tipo l’1% degli uomini), per quelli che stanno insieme a cesse/cessette varie che magari li trattano anche come paggetti invece provo solo tanta pena.

I media hanno creato questa ridicola convinzione che chi è redpillato è incel, e chi è incel darebbe un rene per poter avere una qualsiasi ragazza. Sul serio, ripigliatevi. Fra i redpillati si trova di tutto e la stragrande maggioranza degli incel online sono ben lontani dall’essere sessualmente senza speranze, seppur vittime dell’ipergamia come tutti.

In conclusione, le dinamiche che stanno alla base del cd. fenomeno incel sono sicuramente reali e incontestabili, ma circoscrivere il problema a pochissimi uomini che non trovano nessuna donna malgrado gli sforzi è troppo riduttivo. La deregolamentazione del mercato sessuale ha colpito duramente non solo pochi disperati (che erano spacciati anche cinquant’anni fa), ma una maggioranza di uomini che si trova a dover fronteggiare sforzi sempre più enormi per ottenere briciole sempre più piccole.
In una società che non fa altro che parlare di uguaglianza fra i sessi e che vuole proporsi come il migliore dei modelli possibili è questo che è paradossale.



Subscribe
Notificami
guest

456 Commenti
Più votati
Più recenti Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Rapahel
Rapahel
1 anno fa

Mai provarci con le cesse.

Loro puniscono gli uomini , come la vita ha punito loro.

Mourinho
Mourinho
1 anno fa

Sono stato il re dei bluepillati per tutta la vita. Da pochi mesi mi sono imbattuto nel tuo blog per caso, mentre stavo cercando su google di capire se la ragazza che mi aveva dato tanti segnali positivi e poi mi aveva rifiutato era una profumiera. Mi sono imbattuto cosi nel blog, fin dal principio ho avuto una sensazione subitanea che quello che avrei letto mi avrebbe fatto molto male, ma non ci ho pensato due volte e come per istinto ho mandato giù tutta la confezione di pillole in meno di due giorni. La conclusione è che la redpill, specie se sei stato un illuso friendzonato cronico bluepillato per tutta la vita, può farti male molto male ma al contempo significa libertà. Mediamente sono un tipo allegro ma giuro che inizialmente i primi due giorni ho pensato di suicidarmi. Eppure non sono un cesso, direi sul look sono un 6 meno ma in quanto a status e money direi un 8,5 abbandonante. Non sono uno che sfoggia ma vivendo in una piccola realtà di provincia alla fine per quanto puoi essere umile le ragazze lo sanno tutte che sei uno dei migliori partiti del paese. Non credete che i soldi fanno la magia, sicuramente senza le mie amiche non me l’avrebbero mai data cosa che invece almeno una volta con tutte è riuscita, ma quando le donne fanno con te solo sesso transazione vi assicuro che è meglio non farlo per niente. Le conseguenze in termini di frustrazione e delusioni post coito sono roba da strapparti il cuore.
Comunque sia mi sento di ringraziarti con tutto me stesso redpillatore. Mandare giù la pillola rossa fa malissimo ma oggi mi sento un uomo completamente nuovo. Oggi vedo finalmente la realtà e ho smesso di passare le giornate a domandarmi cosa sbagliavo e cosa c’era di sbagliato in me. Quante volte sono stato male per essere stato snobato da ragazze con un lms che non era nemmeno la metà del mio. Ora so perchè, il mercato è inflazionato, viviamo in una bolla dei prezzi della gnocca. E io non ci sto a continuare questo gioco al massacro, non mi scoperò le cessone puzzolenti solo per un illusoria sicurezza. Sto da solo e vivo da solo, ho allontanato tutte le friendzonatrici, o scopi o scendi, fine della storia. Comunque quel che è sicuro è che mi sento un uomo migliore, quindi grazie redpillatore, ti sarò grato per sempre.

bluepilluncazzo
bluepilluncazzo
1 anno fa

Tutti possono avere una donna, la differenza è che per alcuni è facile o estremamente facile (uomini top LMS),per altri invece la difficoltà è sempre maggiore e i risultati sempre più mediocri man mano che il valore di mercato dell’uomo scivola verso il basso, fino ad arrivare agli incel.
L’alpha (pochi) ottiene gratis ciò che il beta (molti) è costretto a pagare.
D’altronde se il mestiere più antico del mondo è quello un motivo ci sarà

Il pensatore
Il pensatore
1 anno fa

La donna che costa meno è quella che paghi subito, la donna ama sinceramente solo i propri figli, la donna è puttana per natura, ovunque voi andiate sappiate che siete solo uno strumento, mai un fine, la donna è il male necessario per proseguire la specie, gli uomini intelligenti non si sposano e non fanno figli perché hanno capito che oggi non vi è nulla per loro nel matrimonio, e questo ovunque sulla terra.

Remo
Remo
1 anno fa

La questione è complessa e ricca di sfaccettature.
Riporto il mio caso: sono un over 40 separato con prole, laureato e con lavoro impiegatizio in una grande multinazionale.
Stipendio poco più che dignitoso che mi consente di vivere senza lussi ma senza rinunciare alle mie passioni (circa 2500 euro mensili)
Mi mantengo bene per la mia età data la mia passione per il fitness e un certo tipo di alimentazione.
Nessun problema a trovare donne vista anche la mia faccia tosta.
Ma c’è un grosso problema che mi impedisce di intraprendere relazioni durature con queste donne.
Non hanno MAI le caratteristiche che cerco in una donna in concomitanza.
Tradotto, sono carine e/o sexy (mie coetanee o più giovani di massimo cinque anni in un range tra il 6 e il 7) ma generalmente ignoranti come capre, non laureate e con lavori di serie B ( operaie, cassiere, parrucchiere, o impiegate in piccolissime aziende a gestione familiare).
Quelle invece con livello culturale e lavori che reputo più idonei al mio profilo (lavori normalissimi per laureati intendo) sono o fisicamente messe male, o più vecchie di me o separate con figli.
Quindi continuo a intrattenere relazioni superficiali basate sul sesso e qualche uscita divertente (aperitivi, locali, qualche cena) dove si offre tassativamente una volta per ciascuno.
Questo perché fin da subito faccio presente il mio status di divorziato con diverse spese sulle spalle, e anche perché seguo la regola aurea del mai frequentare scroccone.
Come me ne conosco altri, sono single perché non vogliono avere LTR con donne con caratteristiche non all’altezza di ciò che cercano.

Manuel
Manuel
1 anno fa

L’unica condizione di vita che può essere definita è, infatti, quella della persona che non ha una relazione.
Il resto sono solo motivazioni che vanno dal caso patologico dell’uomo che viene rifiutato da tutti,e pure la Befana si rifiuta di portare i doni al 6 gennaio, fino al fighetto che ha già avuto molte esperienze e preferisce stare da solo momentaneamente finché non riesce a trovare la strafiga dei sogni.
Nel mezzo fra questi due estremi c’è un mare di situazioni intermedie.
Per il resto, chi sostiene che il redpillato sia un incel andrebbe segnalato urgentemente alle autorità sanitarie locali per un trattamento sanitario obbligatorio.
La verità è che nelle grandi città europee, basta leggere le statistiche, ci sono sempre centinaia di migliaia di single che fino a decenni fa non esistevano, sia uomini che donne ( più uomini) e si fanno sempre meno figli e questa ” distorsione del mercato” non può derivare dal fatto che ci sono troppi mostriciattoli rifiutati da tutte.
C’è anche il discorso che fin troppi uomini hanno capito che l’immensa rottura di zeutigari e il massacrante doppio lavoro da Betaprovider che ne consegue dall’ottenere quei pochi momenti di contatto fisico ( perché agli zerbini ci si concede pure poco) non ne vale più la pena!
Poi conosco pure io persone che pur di dire di non essere single sono capaci di mettersi con quelle che con un francesismo potremmo definire delle ” culone inchiavabili”.
Uno di questi casi umani mi ha chiamato proprio l’altro giorno e il cetaceo se l’è addirittura sposato!
Il problema poi è che si vergogna di portarla in giro. Si vanta di dire di essere sposato solo quando la consorte non è presente, ovviamente…
E ora che la dolce 3/4 gli ha chiesto di andare al mare lui sta in crisi. Anche perché se dovesse fare il bagno a riva poi potrebbero arrivare i volontari del WWF a salvare la creatura spiaggiata…

Antonio
Antonio
1 anno fa

Paragonando l’incellitudine alla lotteria, possiamo dire che le donne (e i chad e i tommy) vincono acquistano uno o due biglietti. Gli uomini under 7 sono incel se dopo averne acquistati 1.000 (o più) rinunciano e capiscono che vincere è quasi impossibile.

Accusare di pigrizia chi non sperpera tutti i suoi soldi per comprare biglietti della lotteria non lo trovo giusto. Dopo un certo numero che dipende da carattere/età /lms, continuare a cercare fa solo male.

Solo chi scopa free, in quanto fortunato vincitore della lotteria lms, può sostenere che gli incel non esistano. Vivendo un solo giorno da reietto con bassi lms, una donna si suiciderebbe dopo aver capito che l’impegno conta pochissimo e spesso nulla.

Il Monsignore
Il Monsignore
1 anno fa

Il problema nella definizione di “incel” sono i contorni dentro cui si vuol definire.

Il limite della definizione di “mercato sessuale” sta nel fatto che lo si considera tutto un grande buglione, mentre, nei fatti, sebbene la teoria LMS sia sempre valida, di mercati ne esistono due: quello del sesso libero e quello delle relazioni stabili. Quello del sesso libero si è venuto a creare con la liberazione sessuale del 1968 ed è man mano cresciuto fino ai giorni nostri, di conseguenza ha preso una bella fetta di persone che facevano parte dell’altro (genericamente, o si è di qua o si è di là). E’ di pochi giorni fa la notizia che i single hanno superato la percentuale di coppie con figli (33% contro il 30%).

Sebbene è fuori discussione che i due mercati si tocchino in più di un punto (storia che parte per scopare e poi diventa stabile oppure relazione stabile con amanti), è anche evidente che i requisiti dei due mercati siano diversi. In quello del sesso occasionale, la teoria LMS la fa da padrona (con la L che è gigante), mentre nelle relazioni stabili la LMS è un pre-requisito al ribasso (donne che hanno capito che ormai non se le fila più nessuno perchè hanno una certa età, donne menate dal criminale di turno che cercano solo un bravo ragazzo, donne che hanno capito che i chad le scopano e basta ed hanno bisogno di un beta) ed entrano in gioco altri requisiti, che per una convivenza sono fondamentali, oppure alla prima difficoltà seria salta tutto (malattie, lutti, organizzazione della convivenza, ecc). Quindi intelligenza, simpatia, fattori comuni, diventano dei requisiti importanti, che rosicchiano la LMS (pre-requisito). Certo, non è pensabile che Nino Frassica possa scoparsi Amber Heard, ma diciamo che in un certo senso nel “mercato delle relazioni” la LMS incide un pelino meno.

Ecco che la definizione di “incel”, così per come è nata, è valida per il mercato del sesso occasionale, quello della scopata in discoteca e del sesso che “facciamolo e poi si vedrà”, quello che potremmo definire “mercato di Tinder” o mercato delle “scopate in vacanza”. Lì il fattore LMS è totale, sei fuori dal giro e persino le tue pariestetiche non ti filano di pezza, sopratutto da adolescente.

Nel mercato delle relazioni stabili hai più opportunità per i motivi detti sopra e perchè le donne abbassano le pretese. Se il chad sta all’incel nel mercato del sesso libero, così l’alpha sta al beta nelle relazioni stabili.

A riprova di questo, pensate alla coppia di amici bruttini che conoscete e che stanno insieme da 20 anni. Se si lasciassero, la donna troverebbe subito da scopare, l’uomo diventerebbe “incel”, perchè nel mercato del sesso libero non avrebbe futuro. Per questo non si butterà in qualche corso latino/americano ma cercherà qualcosa di più “easy”, magari qualche amica di amici che si vuole accasare, perchè il suo mercato è quello della relazione. Eppure costui non sarebbe definibile “incel” dopo 20 anni di relazione, o no?

In sintesi: “incel” è una definizione che trova riscontro nel mercato del sesso libero, altrimenti possiamo parlare “beta provider” potenziali.

Truecel
Truecel
1 anno fa

Non sono assolutamente d’accordo sulla parte che se un uomo ha pretese bassissime allora entro i 6 mesi riesce a trovare senza problemi una donna. Io negli ultimi 3 anni mi sono iscritto su ogni sito d’incontri esistente e in ogni singolo giorno ho messo il like ad ogni singola donna che mi compariva e senza fare mai alcun tipo di selezione. Risultato? 0 donne rimediate in 3 anni. Non solo non ho rimediato alcun tipo di rapporto sessuale, ma proprio non sono riuscito a trovare una singola donna che fosse stata disposta anche solamente ad uscire con me.

Uno che legge questo articolo e non conosce bene il fenomeno incel, si metterebbe a pensare che gli incel sono solamente dei ragazzi di aspetto medio che vogliono la modella ma non riescono ad ottenerla perchè fuori dalla loro portata e quindi si lamentano di ciò, ma la realtà non è assolutamente quella. La realtà è che invece ci sono tantissimi uomini che pur avendo pretese bassissime non riescono assolutamente a rimediare nulla a causa del loro aspetto fisico scarso. Sono quest’ultimi che rappresentano in pieno il “problema incel”.

Andy
Andy
1 anno fa

“…per quelli che stanno insieme a cesse/cessette varie che magari li trattano anche come paggetti invece provo solo tanta pena”.
Mi permetto di aggiungere che, oltre a non sopportare le donne che pensano di potermi trattare come un paggetto, non reggo più neanche quelle che:
– non conoscono manco le basi dell’educazione
– non hanno argomenti, ma sono logorroiche (e parlano ovviamente del nulla cosmico)
– smanettano con lo smartphone h24
– sono sempre al telefono (e il più delle volte, sentite con le mie orecchie, parlano di scemenze con la madre/l’amica/la sorella/la collega/la cugggina)

Da quando ho ingoiato la pillola rossa, non accetto più questo tipo di comportamenti, neanche da parte tipe carine. Forse mi precludo delle occasioni, può darsi, ma le mie LTR e avventure le ho avute e, arrivato a cinquantun anni, non ho più tempo e voglia di subirmi inutili rotture di scatole. Anche solo all’idea di trascorrere dieci minuti al bar per un caffè con una che si comporta come scritto sopra, mi passa la voglia. Per me (e sottolineo per me) il gioco non vale la candela.

Henri de Toulouse-Lautrec
Henri de Toulouse-Lautrec
1 anno fa

C’è pieno di uomini di 20, 25 e anche 30 anni che non hanno mai avuto una ragazza, mai baciato una ragazza, e, ovviamente, neanche il resto.
Allora “incel non esistono” de che?
Sembra di sentire la femminista che dice “se non avete una ragazza è perché non la volete”.
Si potrà essere d’accordo che la definizione “celibate” è obsoleta, ma tanto il vero significato di incel lo hanno capito tutti e non riguarda il celibato inteso come matrimonio: significa essere fuori dal mercato sentimentale e sessuale

Nick
Nick
1 anno fa

Bravo Red, ho interagito molto sul blog con una donna nel recente articolo sui Simp, parlando e discutendo con essa (vi invito a leggere) alla fine ho raggiunto le tue stesse conclusioni e cioè che al giorno d’oggi tutte le donne scopabili fino all’età della pensione prediligono ragazzi giovani e carini scartando tutto il resto e tutte le relazioni che non si basano solo ed esclusivamente sull’attrazione e sul mordi e fuggi, per loro questa si chiama libertà. Se andiamo avanti così serviranno leggi speciali per gli uomini, la situazione non è più raggiungere la di parità, al contrario la situazione si è completamente ribaltata.
quindi per me gli incel sono tutte le vittime dell’ipergamia me compreso.

Rapahel
Rapahel
1 anno fa

Non siamo i benvenuti nel nuovo ordine mondiale.

Andrea
Andrea
1 anno fa

Non voglio dare troppe informazioni, perché rendendomi riconoscibile non farei altro che peggiorare la mia situazione già estremamente precaria in fatto di donne (vabbè diciamo pure zero). Nel mio ambiente, c’è un ragazzo sui 25 anni, estremamente chad e piuttosto ricco. Oltre 10.000 follower a maggioranza donne. Si è trombato con grande semplicità TUTTE le più fighe della città (basta che le cerchi sui social), e ne cambia una alla settimana. Ed è un perfetto idiota narcisista. Questo è il potere del DNA (unito alla combo denaro ti apre ogni porta). Vite davvero distanti dalle nostre…

Mourinho
Mourinho
1 anno fa

CRUDEZZE ESTIVE: Ieri sera parlavo con una mia amica quarantaduenne decisamente wallata che mi ha dimostrato come le teorie redpill non sbaglino di un centimetro. Mi ha spiegato che lei ha il dating di Facebook attivo e di come riceva centinaia di richieste ogni giorno. Parliamo di una tipa che in gioventù poteva essere una 6.5 oggi con i chili di troppo sarà massimo una cinque. Si vantava fiera della sua ipergamia e di come al malcapitato di turno bastava sbagliare una virgola per essere cestinato. Mentre mi raccontava tutto questo ero tentato di spiegargli le teorie redpill e fargli capire che era esattamente questo il motivo perché a 43 anni è ancora zitella e con la casa piena di gatti. Ma alla fine ho desistito ,avessi provato a spiegarglielo mi sarei beccato il pippone nazifemminista sull’indipendenza della donna alpha che deve pretendere quello che non si può permettere. Sono giunto alla conclusione che l’unica speranza, molto flebile peraltro, è quella di trovare una ragazza redpillata che capisca queste dinamiche e non creda all’esistenza degli unicorni rosa. Ormai quando conosco una tipa non mi chiedo più se è abbastanza carina, colta o se abbia un bel carattere. L’unica cosa che mi chiedo è se la ragazza in questione è una bluepillata o redpillata, bastano poche affermazioni per rendersene conto e spesso il le relazioni nelle quali si accompagna parlano da sole. Quanto sarebbe migliore il mondo se tutti, uomini e donne ingoiassero la redpill e aprissero gli occhi sulla realtà che li circonda.

Henri de Toulouse-Lautrec
Henri de Toulouse-Lautrec
1 anno fa

Mah. Sono perplesso. E’ un articolo che mira a fare un po’ l’avvocato del diavolo. Ed è pure giusto perché offre uno spunto di riflessione, ma…. ….è come dire che i brutti o il cibo cattivo non esistono perché non c’è un metodo scientifico per misurare bruttezza o inceldom. Io vengo da un epoca in cui gli incel si chiamavano sfigati. Non c’era ovviamente un numero di mesi di astinenza sessuale o vita da single oltre il quale venivi bollato come sfigato ma, nonostante questo, non c’erano dubbi su chi fosse “sfigato” (oggi “incel”) e chi no: tra i 18 e i 25 anni per la maggior parte dei ragazzi le fidanzate andavano e venivano, ma c’era qualcuno che non la trovava mai. E guarda caso era quello con una o più di queste caratteristiche: basso, sovrappeso, pelato, sdentato, maloccluso, strabico, o banalmente con una forma del volto opposta a quella dei tronisti che hanno il volto squadrato con la mascella a trapezio rovesciato. Per i nati post 2000 forse è più complicato perché sono destinati a essere tutti incel tranne quelli nel TOP 20 percentile.
Ci metto pure quelli che “rinunciano” a cercare perché potrebbero trovare solo una donna orripilante e che li tratta da zerbini con una fatica immane. Altrimenti sarebbe come dire che non esistono disoccupati perché se vuoi, un lavoro a 10 euro al mese, lo trovi.
Negli anni 80-90, epoca in cui c’erano ancora le coppie monogamiche di “fidanzati” in genere la maggior parte dei maschi non aveva troppa deviazione standard a livello di figa (chiaro, i carini ne avevano un po’ di più) ma poi c’era un 20 / 30 % di maschi che veramente non trovava praticamente mai la ragazza.
Poi è chiaro che non esiste solo il bianco e il nero: se ti sei lasciato un mese fa con la tipa non sei incel, e cerchi una ragazza da 2 anni e non ce l’hai, si’ sei incel.

Antonio
Antonio
1 anno fa

Non capirò mai il “se ti impegni una la trovi”: è come voler dire che chi non scopa non si impegna. Se fai simili affermazioni dovresti postare foto di quello che secondo te può trovare un uomo bruttino, magari con la pelata e alto 1.72. FORSE e dico FORSE nel mondo di oggi può trovare solo wallate non fertili con 10 anni più di lui. E in tal caso meglio restare soli a segarsi o mignotteggiare.

Secondo me oggi un under 7 senza MS è IMPOSSIBILE che trovi qualcosa di decente/pariestetico. Redpill e mgtow sono le strade.

Rapahel
Rapahel
1 anno fa

Nella quarta rivoluzione industriale, i bravi ragazzi devono morire!

Anonimon
Anonimon
1 anno fa

Per questo esistono termini come stadardcel, mentalcel e così via. Sono nati proprio per fare chiarezza sulle miriadi di sfaccettature che caratterizzano il mondo degli “sfigati” (il termine italiano è ancora attuale, letteralmente “senza figa”).

Il termine incel infatti può essere usato in maniera generica proprio come sinonimo di sfigato (infatti in Italia viene già usato così), che comprende in generale tutti quegli individui che hanno nullo o scarso valore a livello socioeconomico e quindi nulle o scarse capacità di attrarre figa o almeno figa di qualità decente.

Vergini, kv, khv, brutti o poveri che non possono o fanno molta fatica a rimediare una figa almeno decente, normaloidi o bruttini più o meno poveri o più o meno normali che dovrebbero ipogamare ma non vogliono (standardcel), quelli con problemi mentali più o meno evidenti e/o invalidanti dal punto di vista sociale (mentalcel), ecc.

Il magico mondo degli sfigati è molto variegato, e al giorno d’oggi la forbice dei criteri necessari per rientrarci è più ampia che mai. Ahimè.

Anon
Anon
1 anno fa

Le donne nei siti redpill non ci dovrebbero stare perché non sono capaci/interessate ad analizzare gli argomenti da un punto di vista astratto e nelle conversazioni in cui si intrometto introducono sempre una tensione seduttiva inappropriata che sposta il focus del discorso sulle relazioni personali che gli utenti hanno tra loro e trasforma tutto in una specie di patetico flirt virtuale.

Red, ti chiedo, perché non metti la regola che tutti gli utenti devono commentare al maschile? Così se qualche esponente femminile vuole prendere parte alle conversazioni perché genuinamente interessata agli argomenti discussi può continuare a farlo, ma ci evitiamo questi teatrini indegni con showgirl in cerca di attenzione come quello qui sotto (qualunque ragazza che commenta in un forum come questo premurandosi di fare sapere cos’ha tra le gambe fin dal primo commento è una showgirl in cerca di attenzione, se non lo fosse avrebbe solo da coniugare al maschile di sua spontanea volontà, ma invece si guarda bene dal farlo perché è ben conscia del suo potere seduttivo e delle conseguenze di un “me stessA” buttato lì con apparente noncuranza, specialmente in un sito come questo evidentemente pieno di maschi sessualmente insoddisfatti e perciò affamati).

OrangePill
OrangePill
1 anno fa

Secondo me è ancora possibile definire un incel.
Tanto per cominciare ha che fare con il mercato delle relazioni stabili, almeno se vogliamo attenerci rigidamente al significato di ‘CELibate’ che ovviamente implica, se non il matrimonio, quantomeno una LTR.

Secondo me si è incel se si verificano tutti questi tre casi:
1) si desidera ardentemente una relazione (= si ha il terrore di rimanere/invecchiare soli);
2) ci si sbatte adeguatamente per otternerla (Tinder e affini, vita sociale, approcci a freddo…);
3) non si rimedia nessuna non più bassa di un punto rispetto al proprio livello (quindi un 6 che non trova manco una 5; al di sotto di quello, diciamolo, è disperazione pura).

Se non hai paura di stare solo, o non ti sbatti per niente (preferendo magari le pro) o non vuoi scendere troppo di livello o non scendere affatto non sei un incel.
Se il rimediare una relazione non è un aspetto centrale della tua vita, il partecipare al teatrino del ‘corteggiamento’ non ti interessa e il risultato non ne vale la pena, questo è più il profilo di un generico redpillato.

Boucaneer
Boucaneer
1 anno fa

Mah probabilmente il termine “incel” al pari di qualsiasi etichetta/definizione si basa su un concetto dalla sostanza ben definita ma dai contorni più o meno sfumati.
Un po’ come il concetto di “bellezza”, credo che di fronte ad una bella ragazza saremmo tutti d’accordo nel dire che è quantomeno “piacente” perchè “ha il culo così, le tette cosà, e il faccino colà”… Però poi subito ci divideremmo tra chi la ritiene una gnocca da paura., l’amore della sua vita, bella, carina, carina e scopabile, “bella ma mi ispira di più la sua amica”, ecc…

yhwh
yhwh
1 anno fa

Buon pomeriggio,
Prima volta che scrivo sul forum ma ho letto avidamente tutti i tuoi articoli e trovo che rappresentino la realtà, espressa in modo crudo e e con un po’ di ironia, complimenti riesci sempre a strapparmi un sorriso.
Mi permetto di scrivere una piccola riflessione personale.
Per quanto il fattore LMS sia importante, spesso le ragazze cercano semplicemente un partner con il quale vivere il lifestyle, mi spiego meglio.
Ho un amico, diciamo sul 6-7, tatuato, tasche bucate, non ha neppure la patente, quoziente intellettivo pari a 70 (misurato veramente), casa sua è un porcile e spesso puzza.
Però costui si è scopato tutte le fighe della zona, e parlo di tipe tra il 7 e addirittura 10.
Vi chiederete come sia possibile.
Beh in realtà è semplice, egli è sempre al bar a bere, all’occorrenza trova quella polvere tanto amata attualmente dalle ragazze (veramente!!) e inoltre la sua stupidità gioca a favore poiché le ragazze percepiscono subito che uno così non è interessato ad una relazione seria e quindi viene usato costantemente come “usa e getta” al culmine di serate a base di cocaetilene.
Che dire io ho perso ogni speranza con le ragazze occidentali, il prossimo passo è importarne una dal Medio oriente o sud est asiatico.

Flyingsoul
1 anno fa

Ci ho pensato spesso anch’io. Essere un incel ha troppe sfaccettature e si, si dovrebbe definire incel chi prova ad avere una relazione o sesso con una ragazza pariestetica senza pagarla e non ottenere risultati. Ma anche in questo caso la soggettività prende il sopravvento per 2 ragioni: Come si considera chi ci prova e come considera colei con cui ci sta provando. L’esempio di E.Roger è calzante, perché è chiaro che a parte dei seri problemi psichiatrici, nessuno al mondo pretenderebbe gli stessi risultati senza ritenersi quantomeno ridicolo.
Inoltre dovremmo anche definire quantitativamente e qualitativamente lo sforzo che si impiega per ottenere quel risultato. Se dico “ciao” ad una pariestetica e mi aspetto che questa cada ai miei piedi, rientro nel caso di cui sopra.
Ecco perché concordo, la definizione di incel lascia il tempo che trova.
La redpill invece cerca di portare alla luce un problema di enormi squilibri generati dalla società moderna ed, in particolare, quella occidentale.

Mourinho
Mourinho
1 anno fa

Comunque secondo me è sbagliato mettere tutto in termine di bellezza. Io ho tantissimi amici fraterni alcuni brutti e altri dei fighi da paura e oltre che belli anche intelligenti e solidi finanziariamente. Uno, il più bello per altro, vi giuro che scopa molto meno di meno di me, vorrebbe fidanzarsi ma non la trova. Un altro bello palestrato faccia d’angelo ogni tanto ficca qualche disperata 7 punti meno di lui. Gli altri due sono fidanzati ma stanno con ragazze nettamente inferiori a loro, ma di tanto non di poco. E io vi assicuro che sono veramente dei fighi belli simpatici e intelligenti. Dove sta allora il problema ? Il problema sta nella bolla del prezzo della fica. È come la bolla immobiliare tu hai 500k pensi di poter comprare una casale con piscina ma c’è la bolla e al massimo ci scappa un villino a schiera. Questo è il mercato o mangi la minestra o salti dalla finestra. Il problema incel non è un problema di bellezza. Negli anni passati anche i peggio catenacci moglie la trovavano. Catenaccio come loro sia chiaro in pieno accordo con le leggi lms, ma la trovavano. Oggi invece pure la peggio cessa pensa di valere un milione. Il palo dalla superfica si il palo dalla cessona no eh non ci sto. Tre anni fa ne presi uno da un vero cessone. Stetti male non riuscivo a capire come una del genere mi potesse rifiutare, ma dopo aver mangiato la pillola rossa ora mi è tutto chiaro. Il mercato è impazzito anche se le leggi della natura non cambiano. Pochi giorni fa ho rincontrato la cessona si è ingrassata di brutto ed è ancora più cessona. Ha superato i 41 anni e non avrà mai il pargoletto che tanto desiderava. Se avesse mangiato per tempo la pillola rossa anche lei magari anziché fare la svuota palle del chad si sarebbe messa con me e oggi magari una famiglia l’aveva ed era pure sistemata con un ragazzo molto più carino e molto più ricco di lei.
Per questo lo ripeto la red pill fa male ma può salvarti la vita. Lo so se state dormendo non è piacevole essere svegliati con una secchiata d’acqua ma appena aprite gli occhi fuori c’è un mondo che vi aspetta pronto per essere vissuto. Smettetela di piagnucolare e pensare che siete degli handicappati perché non avete messo su famiglia. Non è colpa vostra è il mondo che è cambiato non siete voi ad essere sbagliati. Io a questo mercato impazzito non ci sto pertanto mi metterò sulla riva del fiume ad aspettare i cadaveri delle cessone passare. Oppure punterò ad acquistare sul mercato estero, non sottovalutate la tecnologia mio fratello si è appena sposato con un ucraina conosciuta in chat bella e brava. Il mercato in Italia è finito e prima ne prendete atto e prima sarete liberi. O accettate di vivere senza fica o sbracate il prezzo e vi caricate un cessone o fuggite, tertium datum.

Mark Moretti
Mark Moretti
1 anno fa

Complimenti, ottimo articolo!

E’ una cosa che ho detto anche io diverse volte nel gruppo…se dovessimo accontentarci di una vecchia bruttona coi baffi, una barbona, una supercessa o una madre single con 4 figli disperata, una thai, quasi tutti troverebbero qualcosa senza troppa difficoltà.

Il problema vero della maggioranza degli uomini NON è trovare *una* donna!

Il problema vero della maggioranza degli uomini è…potere avere UNO STRACCIO DI SCELTA VERA!

La maggioranza degli uomini NON ha una VERA scelta, fatto che la maggioranza non accetterà mai, ma è una realtà straevidente a chiunque non abbia delle fette di prosciuto degli occhi.

E’ inutile quindi parlare troppo di “incel”…se uno è incel, SOLO LUI può risolvere il suo problema, perché quasi sempre non è determinato solo dalla faccia!

Ma l’incel deve essere consapevole che una volta che trova una donna NON ha affatto risolto i suoi problemi relazionali, al contrario, è solo all’inizio del percorso!

“Trovare una donna” è un concetto che ha senso nella società patriarcale.

Nella nostra, dove l’uomo medio è ormai una commodity sacrificabile, il mantra degli uomini è aumentare il proprio valore di mercato e poter SCEGLIERE la compagna, poterla abbandonare e rimpiazzare con qualcosa di decente se le cose non vanno!

Mark Jenkins
Mark Jenkins
1 anno fa

L’idea generale è certamente valida… e io penso che indipendentemente da come vengano definiti (incel, mgtow, redpill e anche nessuna categoria) le ideologie dominanti femministe e politcalcorrettiste dell’Occidente abbiano peggiorato notevolmente la condizione maschile (media).

Che abbiano migliorato la condizione femminile (media) è discutibile, perchè ha anche istillato nella mente delle donne che ognuna di loro merita un attore di Hollywood, un manager multimiliardario o un calciatore di serie A con lo yacht. Questa idea è irrealistica perchè gli uomini così sono pochi, e molte donne stanno finendo nella graticola di una amara delusione tra le aspettative e la realtà (di questa delusione ovviamente vengono – falsamente – incolpati gli uomini).

Le ideologie femministe e politicalcorrettiste (insieme alla presenza dei social media e delle app di dating) hanno quindi complessivamente reso del tutto selvaggio il mercato sessuale, liberando l’ipergamia femminile oltre ogni limite. La situazione in cui tutte le donne desiderano solo il 5% top degli uomini ovviamente lascia in difficoltà il 95% degli uomini e non puo’ soddisfare un buon 80% delle donne: la natura non si puo’ ingannare e ogni donna desidera avere figli e possibilmente un compagno, nonostante la stampa mainstream dica il contrario.

Il fenomeno Incel è parte evidente di queste gravi malattie sociali. Ed è inevitabile che, andando a minare la dinamica dei rapporti tra uomo e donna, tutto questo porti all’estinzione della società Occidentale. La picchiata demografica nella quale ci troviamo è inarrestabile, in quanto le vere cause (che sono quelle esposte su questo blog) non possono essere identificate e nemmeno menzionate – si verrebbe accusati di misoginia, razzismo, fascismo…

La società affronterà quindi il problema demografico finanziando ancora di più le donne… e tali finanziamenti saranno inutili. Anzi, dannosi, perchè aumenteranno ancora di più l’ipergamia femminile, generando una spirale mortale.

Ma non dobbiamo lamentarci più di tanto: è il corso naturale delle cose. Come ogni grande civiltà, l’Occidente ha avuto la sua nascita, la sua crescita e il suo lungo periodo di dominio. Ora, è in fase di inevitabile declino, e per motivi soprattutto sociali. Il che non è neanche (probabilmente) la prima volta nella storia: fu Montesquieu a ipotizzare che l’Impero Romano fosse crollato proprio per via di dissesto sociale.

Buona decadenza a tutti.

Cappellano
Cappellano
1 anno fa

Il saggio impara dagli errori degli altri.

Eroy
Eroy
1 anno fa

Incel è chi cerca da tanto tempo (tempo non definibile) una donna e non la trova, ma non basta: solo chi soffre per non avere una donna può essere definito incel.
Il mondo è fatto di tante cose e non lasceremo traccia di noi sulla Terra in relazione a quante donne abbiamo avuto.

pino
pino
1 anno fa

Non fa sesso da almeno 6 dico SEI mesi? Ahahahah io non lo faccio da almeno 6 anni ….anzi da sempre ho quasi 60 anni e l’avrò fatto si e no una diecina di volte …..per il resto tutta la vita a zaganelle..

Cappellano
Cappellano
1 anno fa

…nessuno si ricorda mai dei padri separati con la canna del gas ormai alle labbra?

DanieleV
DanieleV
1 anno fa

Ovvio che si tratti di una definizione vaga e di comodo, per altro nata in un contesto diverso dal nostro. D’altra parte, le identità si formano soprattutto per contrasto rispetto agli “altri”, quindi con tutto questo “dalli all’incel” che spopola nei media ormai una certa identità incel si è creata in molti ragazzi. Alla fine la cosa torna comoda anche al resto della società, un capro espiatorio serve sempre: gli incel sono oggi quello che gli anarchici erano negli anni Sessanta e inizio Settanta, quando c’era da gettare in pasto dei colpevoli dopo gli attentati degli anni di piombo (che durarono più a lungo, ma a un certo punto era diventato chiaro che gli anarchici erano dei poveracci che non c’entravano nulla con i bombaroli). Chissà chi sarà il prossimo Bruno Vespa, che annuncerà trionfante dopo un fatto di cronaca nera “il mostro è stato preso”, riferendosi a uno sfigato incel (ovviamente innocente) dato in pasto ai benpensanti lettori di Repubblica e Corriere? Il mio pronostico è Lilli Gruber o Enrico Mentana.

Il pensatore
Il pensatore
1 anno fa

Chiesa,sinistra,Eu,Lgbt,femminismo
Nemici degli italiani!

Eroy
Eroy
1 anno fa

Ho talmente avuto poche donne nella mia vita che quando ne conosco una sono costretto ad inventarmi relazioni ed esperienze passate pur di non apparire troppo sfigato. Gli amici e le amiche pensano che abbia una vita normale, ma non è così

Cutlass
Cutlass
1 anno fa

I celibi o sono involontari cioè incel, o sono volontari cioè volcel.
Gli incel hanno un valore LMS bassissimo che li esclude dal mercato,non hanno scelta.
I volcel hanno un valore LMS o basso,o medio,o alto e sono nel mercato, cioè anche il volcel di basso valore ha comunque una scelta magari limitata alle L4 CO ma ce l’ha.
Incel salvo miracoli rimarrà tale per sempre .
Volcel dipende anche da lui quanto tempo rimarrà tale.

Henri de Toulouse-Lautrec
Henri de Toulouse-Lautrec
1 anno fa

Non puoi dire che gli incel non esistono. Semplicemente non esiste un confine netto tra chi è incel o no. Non esistono tabelle come nelle disabilità né commissioni mediche fiscali. A Sparta forse non esistevano le percentuali di invalidità ma comunque qualcuno decideva se il bambino finiva giù dal monte Taigeto, ovviamente con un certo margine di errore. Così oggi possiamo a grandi linee identificare, con un certo margine di errore, chi è sicuramente incel.

Nicola
Nicola
1 anno fa

Ma ci siamo messi a fare titoli acchiappaclic? Non era meglio il titolo: Perché il termine “incel” non vuol dire niente. Meglio il vecchio e italianissimo “sfigato”

Alex Le Large
Alex Le Large
1 anno fa

La definizione di incel come persona che non fa sesso da 6 mesi non regge. Io per esempio negli ultimi anni ho avuto mesi di vuoto totale misti a periodi, sia pur brevi, di relazioni con donne di basso L, quel che passa il convento per un normaloide come me.

A questo punto milioni di normaloidi sarebbero da classificare come incel, e ciò non corrisponde al vero: non scopare per 6 mesi e poi farti qualche chiavata occasionale, che sia con una cozza da 3 o con una pro, NON ti mette fra gli incel di sicuro.

Insomma, io lascerei il termine incel per soggetti molto giovani e penalizzati.

Pietro Franchi
Pietro Franchi
1 anno fa

Belli o brutti, prima o poi scopan tutti.
Questo leggevo sui blog al femminile anni fa e mi rincuoravo. Poi la mia occasione in 29 anni non è mai arrivata. Un po’ per colpa mia (timidezza al liceo e non volontà di farmi in quattro per CO nei miei venti anni). Nell’ultimo periodo ho avuto alti e bassi: prima mi sono considerato incel, poi alla mia nuova occasione avuta nel 2021 un normie, poi nuovamente incel quando ho scoperto che anche questa ragazza mi vedeva un cess, e ora nuovamente normie perché vedo che quando approccio faccio il classico numero da normie: risulto attraente a livello mentale (aka, non sono brutto per loro) ma non a livello fisico (aka, non sono bello per loro).

Una via di mezzo che ti penalizza, perché vedi la tua ex dichiarare amore eterno a chi poi tanto più bello di te non è. Gli Uomini ti spronano perché hai talento e non sei brutto, le Donne ti deridono perché per loro o sei un Chad (dal 7 in poi) o sei un Cesso (indipendentemente se tu sei un 5, un 4, un 3 o pure più giù).

Sono un Normie con vita da Incel, proprio perché chi è normie è quasi sempre “Incel” (definizione vista dalle donne di oggi) in questa società. Ma penso che andar via da Napoli mi aiuterebbe. E se non è Napoli è l’Italia il problema.

Questo è un po’ il crimine di noi Normie in Italia: siamo Incel qui dove da ogni parte del mondo, almeno una storia normale, la potremmo avere

Forse questo non è il miglior articolo ma è quello di cui più abbiamo bisogno. Una frase che suona molto vicina a un famoso film dove compariva Joker. Il blog è vivo e questa mossa da maestro ha mandato molte palle in buca

Purple Guy
Purple Guy
1 anno fa

Cayenne, la minus habens che non riesce ad accettare che un poveraccio con dei difetti rimanga solo, eh no, deve per forza avere qualcosa che non va nella personalità; la minus habens “alternativa” che poi si rivela per ciò che è realmente, uguale alle altre, quando accusa gli altri dei suoi difetti, tipo il narcisismo, (quando lei espone la mercanzia online)… poi, quando scrisse dei suoi (infiniti) partner, dicendo che erano chad e tommy SOLO PER CASO (ah, non che accusi di materialismo gli uomini e poi sei la prima a farti solo talune categorie)… ecco, in quel punto, forse, ha raggiunto l’apice della ridicolaggine; chissà Red cosa non ha pensato quando ha letto le castronerie di quella (argh, mi devo trattenere)

Diego Moro
Diego Moro
1 anno fa

Red, devi considerare che il termine celibe in inglese non significa “non sposato”, ma si intende chiunque non abbia rapporti con l’altro sesso.
É diverso rispetto al significato italiano. Quindi il termine incel é corretto.

sospetto
sospetto
1 anno fa

per favore smettiamo di usare la parola ”partner” e diciamo compagno/compagna
se non si ha un lessico completo non si può discutere seriamente di nessun argomento

Il pensatore
Il pensatore
1 anno fa

Non se ne può più di questi beta e zerbini del cazzo che non fanno altro che montare l’ego delle donne.

Rapahel
Rapahel
1 anno fa

Peggio deve ancora arrivare adesso arriva la povertà quella vera!
Quante italiane starano a battere nei marciapiedi…

Frangar
Frangar
1 anno fa

Per quanto riguarda l’ultima parte del discorso, vedo in giro un sacco di donne brutte e sinceramente non mi pare che facciano tutte sta vita da sogno tra vacanze in barca, conti pagati e sesso in abbondanza con uomini molto più belli di loro. Mi paiono tante sfigate che fanno pure una vita di merda.

OrangePill
OrangePill
1 anno fa

Interventi di altri utenti hanno giustamente fatto notare che il significato di ‘celibate’ in inglese è diverso da quello di ‘celibe’ in Italiano (cosa che ignoravo), rendendo la mia pretesa di identificare l’incel un po’ più complicata.

Sulla base del significato italiano ci possiamo ancora stare, anche se pure lì ci sono difficoltà. Per lo Stato e la Chiesa cattolica si è celibi se non sposati.
Se anche hai una relazione fissa senza convivenza o addirittura convivi senza essere sposato per le due istituzioni di cui sopra come ‘stato civile’ sei sempre un celibe. In altri paesi puoi anche definirti ‘convivente’ ma mi pare non in Italia.

Se poi si aggiunge il significato inglese, che pone l’accento più sul sesso, le cose si complicano ancora di più.

Oltre al fatto che i risvolti religiosi originari del termine lo rendono a mio avviso un po’ inadeguato a descrivere questa condizione.

Ma comunque, se si intende celibate nella sua accezione inglese, si potrebbe dire che un un incel è colui il quale, stando sul mercato (o avendoci rinunciato con rammarico), non riesce (o non riusciva) strutturalmente ad ottenere sesso né tantomeno una relazione fissa, neanche facendo ACCETTABILI compromessi di carattere estetico (non più di un punto di ipogamia), caratteriale e di stile di vita.

Eroy
Eroy
1 anno fa

Ragazzi, ma solo io mi sono accorto che gli uomini dai 35 ai 50 anni non hanno mercato?
Donne di 40 che stanno con ragazzi di 25, donne di 30 che stanno con scolari di 20, donne di 45 anni che stanno con ragazzi di 32.

Il pensatore
Il pensatore
1 anno fa

Quando hai a che fare con una persona blue pillata che si crede superiore alla red pill e ne è fermamente convinto, ridici sopra e assecondalo, perché non è bello rovinare i sogni di un idiota.

Cappellano
Cappellano
1 anno fa

Veniamo etichettati come degli handicappati …….crudo!

OrangePill
OrangePill
1 anno fa

Per certi versi tutti i single alla ricerca sono INvoluntary CELibates nel momento in cui non hanno ancora trovato una relazione decente.
Solo che per il chaddone dura qualche giorno o settimana (a seconda di quanto è di bocca buona), mentre per l’uomo a medio/basso LMS può durare anni o una vita intera.
Quindi ovviamente anche il lasso di tempo andrebbe quantificato, per distinguere l’incellitudine temporanea da quella cronica.

E, lo ripeto, secondo me incel ha a che fare con la ricerca di una relazione stabile.
Nel mercato del sesso occasionale se non trombi mai ‘aggratis’ (che poi non è mai veramente aggratis) o trombi esseri di molto sotto la sufficienza non sei un incel, ma semplicemente uno che ha perso la lotteria della genetica (eufemismo per ‘sfigato’) o ti sei colpevolmente ridotto a una chiavica nonostante una buona genetica di partenza.
Le due cose possono sovrapporsi (non trovare mai né una relazione decente né un ONS pariestetico) ma potrebbero anche esserci persone redpillatissime e quindi sinceramente per niente alla ricerca di una relazione ma che contemporaneamente rifiutano il ricorso alla prostituzione e quindi devono accontentarsi di cessi a pedali o seghe a go-go. In quest’ultimo caso non credo si possa comunque parlare di incel.

L’elemento fondamentale è dunque secondo me l’effettivo desiderio di rimediare una relazione (decente), frustrato dagli eccessivi sforzi richiesti e dall’esiguità del risultato. Se la lezione ti fa ingoiare la pillola rossa e ti fa rinunciare sinceramente al rigged game non sei più un incel. Se invece la cosa ancora ti brucia lo sei, anche se hai smesso di cercare.

Ovvio che pure io, che ho rinunciato da qualche anno a cercare chicchessia, se mi cadesse sulla testa la donna dei sogni getterei nel cesso questa mia risoluzione e accetterei la sfida, ma essendo la mia donna dei sogni nella categoria ‘unicorni’ ed essendo più che consapevole di non avere alcuna attrattiva per una tipa del genere (nonché per tipe di livello sufficientemente alto) posso ragionevolmente definirmi un VolCel redpillato.
E direi anche MGTOW, visto che sono ormai anche contrarissimo a convivenza, matrimonio e figli (ho avuto già abbastanza culo coi miei due; meglio non stuzzicare troppo la sorte). E questo anche se mi capitasse l’unicorno, che poi c’è sempre il rischio che t’inc…orna!

Last edited 1 anno fa by OrangePill