13/10/19

Il Fenomeno Incel Spiegato in Parole Molto Semplici

Edward Hopper - Sera Blu (1914)

Cosa sono gli Incel?

In questo articolo vedrò di spiegare il fenomeno incel in parole povere, perché non se ne può più della disinformazione che gira.
Ci sono ormai sul web centinaia di video, articoli e servizi sugli incel ma non ne ho veramente letto neanche uno che fosse sensato e tutta la massa di analisi cervellotiche e palesemente errate rischia solo di portare fuori strada chi vuole cercare di capirci qualcosa.

Cerchiamo di fare una sintesi della questione incel in modo tale che sia comprensibile a tutti, senza andare a perdersi in complicate congetture che non hanno senso di esistere.

Partiamo da una premessa fondamentale e indiscutibile: le donne in ambito relazionale sono più selettive degli uomini.
Se esiste un fenomeno incel e riguarda maggiormente (per non dire interamente) gli uomini significa che le donne pretendono di più di quanto offrono. Questa è pura matematica e credo che nessuno avrà da ridire.

Lo si può constatare facilmente creando due account online con le foto di una donna e di un uomo nella media: la prima in pochi minuti verrà sommersa di messaggi senza fare nulla, il secondo non riceverà nessun messaggio femminile e farà persino fatica a trovare qualche donna che risponda ai suoi.

Le ragioni per cui una donna è più selettiva sono di tipo biologico, e legate al fatto che la donna corre il rischio della gravidanza e quindi è programmata per accoppiarsi con gli uomini migliori che ha a disposizione. Ma questo non ha importanza, l'importante è rendersi conto che gli uomini quando si parla di sesso sono molto meno esigenti delle donne. Questo crea una situazione in cui c'è una grande domanda di donne di fronte ad una scarsa offerta.

Allo stato attuale dei fatti, non c'è nulla che regoli questa disparità di pretese.
Viviamo in un'epoca di piena libertà sessuale. Una donna è libera di gestire la propria vita sessuale come meglio crede. Può decidere se sposarsi o stare single, se avere avventure di breve durata o impegnarsi e può scegliere con chi farlo.
Ciò è visto come qualcosa di positivo ed è anzi considerato una conquista sociale, ma ha un risvolto negativo: alcuni uomini vengono tagliati fuori dai giochi.

In base a quanto detto precedentemente sulla selettività femminile, accade che gli uomini che non soddisfano gli standard femminili vengono tagliati fuori e privati di una vita sessuale e affettiva. Rimangono Involontariamente Celibi (INCEL). E soffrono.
Si sentono emarginati, discriminati, perdono autostima e talvolta possono accumulare rabbia e rancore. Gli incel quindi hanno ragione: lamentano un problema oggettivo di cui sono solo in minima parte responsabili.


Questo è il fenomeno incel in sintesi. Nulla di complesso come potete vedere. Non serve essere dei geni iscritti al MENSA per capire quello che ho appena spiegato, no? Qualunque mentecatto ci può arrivare.

Ora, succede che grazie ad internet, questa massa di uomini "sfigati" ha trovato spazi virtuali dove confrontarsi, analizzare i propri problemi in maniera razionale e magari sfogarsi. Ha iniziato a far sentire la propria voce e a diventare oggetto di discussione dei mass media.


Ciò dà fastidio a molti:

  •  alle donne, che in questa società tendenzialmente femminista sono abituate a recitare la parte delle vittime 24/7 e che ora invece devono prendere atto dei propri privilegi e del fatto di essere, seppur involontariamente, responsabili della sofferenza altrui.
  •  A molti uomini, che non vogliono accettare una realtà che è per loro scomoda e spesso difficilmente modificabile.
  •  Alla società in generale, che ormai basa tutta l'economia su questo sistema pluridecennale e che si troverebbe nella scomoda posizione di dover riconoscere le proprie falle.

Vedi: 8 Motivi per cui la Redpill viene negata

Pensate a quali sarebbero le conseguenze del riconoscere che la nostra società lascia indietro una parte consistente di popolazione maschile. Ammettere che effettivamente ci sono centinaia di migliaia di uomini che ogni mattina si svegliano e vanno al lavoro per mandare avanti la baracca pur non avendo la possibilità di soddisfare uno dei bisogni primari della natura umana. Ammettere che al Paese non frega nulla delle loro esigenze e che devono solo lavorare e tacere.

Tutto ciò farebbe crollare le basi della nostra struttura sociale.

Cosa succede quindi? Che gli incel diventano un capro espiatorio.
Vengono colpevolizzati, vengono trattati come pazzi da curare, come potenzialmente pericolosi.
Non devono apparire come individui che subiscono la propria condizione ma che la scelgono.

Ecco quindi spiegato perché su internet si trovano video, articoli e servizi che si perdono in ipotesi cervellotiche e totalmente fuori strada, così fantasiosi che talvolta è persino difficile tracciare il confine tra la malafede e la stupidità di chi li ha prodotti.


Come si evolverà in futuro la situazione degli incel? Si prenderanno provvedimenti per migliorare la loro condizione oppure ci sarà un progressivo peggioramento che porterà ad un punto di rottura? Non si può sapere. Una cosa però è certa: colpevolizzare gli incel, trattarli con disprezzo e negare le loro problematiche non risolverà in alcun modo il problema, butterà solo altra benzina sul fuoco del loro disagio.

Forse ti Interessa:






122 commenti:

  1. "Come si evolverà in futuro la situazione degli incel?"

    In nessun modo. Sharìa a parte.

    "Si prenderanno provvedimenti per migliorare la loro condizione oppure ci sarà un progressivo peggioramento che porterà ad un punto di rottura?"

    La prima è no e la seconda è: non esiste il punto di rottura. La natura è programmata per estinguere i meno adatti. L'incel è un problema etico, non biologico di sistema (sono morte miliardi di api -dalle quali dipende l'agricoltura mondiale- ma nessuno ha mosso un dito).


    Certamente gli incel possono fare qualcosa: 1)redpillarsi 2)boicottare tutti i social network a base fotografica.
    La 2) è conseguenza della 1).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo13 ottobre 2019 19:10

      "sharia a parte"

      Battute a parte, ammesso e non concesso (in effetti dal comportamento degli immigrati di seconda generazione nel nostro paese si osserva esattamente l'opposto) che l'islam trasformi le credenze religiose dell'attuale società occidentale (che sono ormai ideologie di pensiero in declino, soppiantate dall'ideologia pratica dell'economia globale) e che addirittura le faccia recepire anche la relativa tradizione (sharia) che è derivata/applicata dalla collegata legge islamica (fiq), NON SI AVEREBBE PROPRIO IL RISULTATO DI FAR RETROCEDERE L'INCELDOM.

      L'unica ideologia che è riuscita - ben conoscendo le inclinazioni naturali all'ipergamia delle donne e con il chiaro intento di far crescere una società (arcaica) in cui tutti potessero avere un ruolo ed un soddisfacimento personale e sociale - è stata la tradizione giudaico-cristiana (modello "un uomo, una donna, per tutta la vita"), dettame inglobato nell'ideologia cristiana.

      Per prima cosa nell'islam le donne non lavorano e vengono sempre mantenute, prima dal padre (o dal fratello) e poi dal marito. Ne consegue che se non hai soldi almeno per te e per lei da "candidarti" a marito per mantenerla per tutta la vita, dimenticati di "accedere" ad una donna.

      Questo vale per tutte le donne, anche per le più scarse!

      Per accedere a quelle top, devi essere facoltoso, nel qual caso puoi averne anche più di una.

      Se sei fuori dai requisiti richiesti, ricordati che la pornografia, la masturbazione, la prostituzione sono forme di degrado pesantemente censurate e sanzionate.

      Nell'islam gli incel esistono in gran numero, anche se si chiamano in modo diverso e sono comunque stigmatizzati negativamente, anche se è chiaro che la loro situazione è dovuta alla conseguente STRATIFICAZIONE SOCIALE.

      Sotto il profilo dell'opportunità sessuale, non ti puoi dunque aspettare nulla di meglio di quello che già ora accade nella moderna società occidentale.

      Ecco spiegato perché la maggior parte di coloro che conoscono la redpill (più o meno la percentuale degli uomini svantaggiati dall'attuale mercato sessuale, ossia dal 20% all'80% del totale), chiedono un ritorno ad una società "più tradizionale" di tipo cristiano.

      Concordo con te che il punto di rottura e di presa consapevolezza dell'attuale situazione, in qualunque modo si potrà attuare, partirà dagli incel e avverrà quando questi raggiungeranno la massa critica.

      Elimina
    2. Appartango a un altra generazione e fatico a comprendere il fenomeno incel, figuriamoci a delinearne il futuro, tuttavia ho notato un aumento dei deragliamenti femminili. Ai tempi della mia giovinezza, 30 anni fa, una donna cercava l'uomo medio. C'erano le svampite, ma erano una minoranza ed erano facilmente identificabili. Ora la maggior parte delle ragazze vivono allegramente da cicale. Un esempio recente. Una mia collega che io definivo un 10, esteticamente e caratterialmente, 25 anni, alta, garbata, intelligente, fino a poco tempo fa era fidanzata con un ragazzo con le sue stesse qualità, ma ora lei ha iniziato una relazione con un mio collega, "uomo erectus" di 35 anni, separato con una figlia, volgarissimo, più basso di lei, di bellezza media. La coppia stride. L'unica qualità di questo tizio, se qualità vogliamo definirla, risiede nella sua straripante energia. Ogni volta che lo vedo ho l'impressione che si sia iniettato una mega dose di adrenalina. E' sempre super energetico, super motivato, super chiassoso, super volgare, non parla ma urla. Trasmette un energia esplosiva, tuttavia è il classico tipo di cui vergognarsi poichè è eccessivo. Anche lei dovrebbe vergognarsi ad averlo al suo fianco, e invece no. Forse l'aumento sconsiderato di questi casi limite, che ora sono sempre più normali, hanno creato il fenomeno incel. Un fenomeno che io paragono ai tatuaggi. Ai tempi delal mia giovinezza i tatuaggi erano caratteristici di carcerati e marinai. Ora il tatuaggio femminile è considerato sexy. Sexy? Ai miei occhi risulta come un incomprensibile deturpamento del corpo femminile. Anche in questo caso, se lo fanno in molti diventa socialmente accettato, e nessuno ferma il fenomeno. Come l'aumento degli incel. Non lo fermerà nessuno. Diventerà fisiologico

      Elimina
    3. "più basso di lei", "di bellezza media", "mega dose di adrenalina", "non parla ma urla". Volgarità a parte (chè io, quando sono solus ad solam, lascio perdere quanto è proprio del volgo per perseguire la nobiltà del Petrarca in poesia e del Boccaccio in prosa), sembra il mio ritratto. Ma non è che siamo colleghi, per caso?

      "un 10 esteticamente e caratterialmente, 25 anni, alta..." (il resto non mi interessa). Praticamente la donna dei miei sonetti.

      Allora c'è speranza anche per me!

      Vabbè, commento di puro cazzeggio. Giusto per dimostrare al redpillatore (che sempre sia lodato il suo nome) che anch'io so essere breve.

      Tornando al tema: certo il fenomeno non sarà fermato da nessuno, se non da noi stessi. Quando però supererà la massa critica, potrà dar via a reazioni a catena esplosive (se un cittadino non vede più nella propria comunità il luogo non solo geografico in cui identificarsi, da cui ricevere riconoscimento, o, almeno, in cui appagare i propri bisogni naturali, allora la rottura del patto sociale è dietro l'angolo).

      Elimina
  2. Ed invece una svolta ci sarà prima o poi. Nulla è immutabile. Neppure questa società di m***a. Con 1,35 figli per donna siamo destinati ad estinguerci.
    E saremo sostituiti dagli afroislamici.
    Fine del femminismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fine un corno purtroppo: man mano che questo paese diventa sempre più popolato da immigrati crescerà anche la parte di immigrati che hanno accesso a posizioni sociali elevate. In altre parole cambieranno la nazionalità e il colore della pelle delle persone, ma la struttura sociale e le differenze estetiche esisteranno sempre e le donne continueranno ad ambire gli uomini con alto LMS, anche se sono stranieri.

      Elimina
  3. insomma , ce ne sarebbero di cose da fare..Andare nell'est europa, per esempio ..li ho avuto una vita sentimentale e sessuale soddisfacente che qui in patria non mi e' stata mai concessa...buttando nel cesso tutti i preconcetti quali " vengono solo per interesse" " se le porti giu poi ti tradiscono o ti lasciano"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Avram:

      Grande ...evviva le donne dell'est Europa :-) .

      La mia prima ragazza era una russa ed ho avuto il piacere di conoscerne grazie alle chat (in particolare di Moldavia e Romania) come scopamiche ed è sempre stato un piacere passare il tempo con loro anche fuori dal letto.

      Il popolino italiota pensa che siano tutte pu@@@ne in realtà semplicemente fanno le Donne anche nel senso più femminista anni '70 del termine.
      Se piaci a loro e non sei una persona antipatica possono scopare con te per gioia di vivere e simpatia affettuosa :-) .

      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      @red-pillatore:
      I due commenti sopra ho sbagliato io...scusami.

      Elimina
  4. L'uomo medio oramai è in una situazione drammatica, schiacciato da una parte dall'incudine (vita sentimentale/famigliare/sessuale inesistente o penosa) e dall'altra dal martello (lavoro spesso inutile/sottopagato, senza alcuna gratificazione o ringranziamento ma solo in calci in culo, dal capo fino alla società). Per tentare di non impazzire rifugge o in hobby farlocchi, o nello spendere tutto in cazzate inutili e superflue (soprattutto vestiti ed elettronica), o addirittura in vie alternative di "divertimento", alcune legali (gioco, alcol), altre meno (droga, prostituzione).

    Di incel o "sfigati" vari ce ne saranno sempre di più, perché oramai per la stragrande maggior parte della popolazione maschile non c'è alcun tipo di gratificazione in questa società. Il lavoro è una merda per tutti, ma almeno le donne possono avere una vita sessuale appagante, anche se sono racchie, mentre un pari maschile si fa le pippe vita natural durante. Un uomo spesso non ha né l'uno né l'altro, e quindi cosa ti rimane? Ah si, 22 smutandati che corrono dietro ad una palla la domenica pome. Minchia che entusiasmo.

    Finirà malissimo, la società occidentale femminista è destinata ad essere schiacciata da chi le donne le tiene al guinzaglio. Curiosamente sono proprio le donne ad essere più entusiaste dall'arrivo dei "nuovi europei", schifando gli sfigati incel autoctoni. Purtroppo per loro non capiscono che non si potranno permettere certe libertà coi nuovi ospiti provenienti da Paesi con culture molto diverse; senza saperlo stanno finanziando la loro stessa fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta farsi un giro per le varie osterie / baretti di paese e osservare qual è il livello estetico dei clienti che stanno a bere, fumare e guardare partite. Una bella collezione di cessi a pedali che purtroppo devono anche loro trovare il modo per alleviare una vita di merda.

      Elimina
    2. Hai ragionissima Redpillatore, e ha ragionissima pure KingDani... viviamo in una società via via sempre più distopica che, al pari delle rappresentazioni di Salvador Dalì (in particolare "Morbida costruzione con fagioli bolliti: premonizione di guerra civile") si sta liquefacendo/distorcendo/decomponendo in una forma informe sempre più grottesca e alienante... Sarà vero che dietro a tutto ciò c'è una regia occulta, ma a volte sembra proprio che la situazione a questa regia occulta sia anche sfuggita di mano. Persino la teoria LMS viene (secondo me) messa in discussione da un clima molto simile a quello che doveva regnare nei bunker nazisti pochi giorni prima della capitolazione di Berlino: uno sballo infinito prima della fine.
      Cosa può dunque fare il singolo (per sè stesso e per i propri cari)? Rigare dritto e cercare di migliorarsi sempre e comunque. Tale miglioramento personale fa in parte il gioco della regia occulta? Non importa, l'importante è che faccia gioco a sè stessi innanzitutto. Tale miglioramento personale sembra impraticabile/inutile nel clima di nave che affonda? Non importa, almeno se qualcosa andrà storto si potrà dire "almeno non sono stato con le mani in mano". Continuare nel miglioramento personale, un po' come fanno i guerrireri Sikh, che con determinazione e discrezione portano avanti la loro missione personale.
      Quegli elementi da bar sport che hai descritto ce li ho ben presenti (vengo da una realtà provinciale del Nord Italia) e devo dire che se da un lato la vita è stata ingiusta con loro, dall'altro anche loro forse non hanno mai fatto una beneamata mazza per elevarsi giusto un po' da quel guscio di escrementi che è la condizione del "popolino". Perchè anzichè ammazzarsi di spritz e polemiche della domenica sul goal annullato, anzichè girare come zombies nei centri commerciali, anzichè devolvere tutte le proprie sostanze in tatuaggi e ultimo modello di smartphone, nulla vieta a tali signori di leggersi un buon libro (senza diventare intelletualoidi), fare del sano sport (senza diventare dei fissati), gardarsi un bel film (senza stare incollati troppo alla tv), e incontrarsi con persone amiche per condividere le proprie passioni, interessi o passare del bel tempo assieme (e non semplici compagni di bevute). Sono tutte cose che si possono fare ad ogni livello economico-sociale.
      In ogni caso, il problema da voi denunciato riguardo ad un'imminente invasione afro-asiatico-islamica parallela ad un dilagante femminismo e messa alla berlina del maschio etero-autoctono lo ravviso anch'io. E prima di noi H.P.Lovecraft ne "L'orrore che viene dall'Est" (una lettura Redpill che consiglio vivamente a tutti).

      Elimina
    3. Penso che sia uno dei maggiori problemi attuali quello dell’uomo medio che passa il proprio tempo libero al bar per colmare il vuoto dato dalla vita di merda che conduce. Io lo vedo come causa ed effetto al tempo stesso, un circolo vizioso dal quale è decisamente difficile uscire. Qualcuno potrà sostenere che è l’effetto, qualcun altro che è la causa. A me sinceramente in questo caso non interessa disquisire se è nato prima l’uovo o la gallina, ma focalizzare ciò che potrebbe migliorare il contesto sociale. Se ipoteticamente buona parte di queste persone si centrasse più su sé stessa (hobby, interessi, sport, passioni ecc.) e magari utilizzasse Internet non solo per le solite cazzate, ma per acquisire un po’ di conoscenza a 360 gradi e informazione che non sia solo quella main stream, qualcosa cambierebbe. Purtroppo, però, non so neanch’io come si potrebbe disinnescare questo circolo vizioso.

      Elimina
    4. Ciccini, però cercate di rimanere in tema: uno il libro lo deve leggere se gli va, non "per migliorare la propria condizione" perchè se "migliorare la propria condizione" significa scopare, duole informarvi che il "libro" allontana automaticamente l'80% del pubblico femminile (sì, c'è 1/5 di donne tra l'intellettuale e il lettore, ma per voi sono le più difficili perchè hanno delle pretese che travalicano la LMS, quindi puntate sul restante 4/5, è banale aritmetica) per "noia" o "sfigataggine"...
      (giusto tre ore fa ho venduto un paio di manuali a una gnocchetta a cui si sono illuminati gli occhi parlando di palestra, mica del contenuto dei manuali)
      I muscoli sono ok, specie se maturati durante "spartan" o "crossfit" (quelle robe da criptofascisti minus habentes -sorry per il plurale- che puntano a togliere un "sapiens" dalla definizione scientifica di specie umana) e amalgamati col tatuaggio giusto in regime di depilazione totale (tutta roba da froci -attenzione, non omosessuali... proprio froci, cfr. Pasolini- ma la moda è moda).
      Se non avete voglia di sudare, fate i soldi (come se fosse possibile senza sudare).
      Se non avete voglia nè di sudare nè sapete come fare i soldi e siete pure brutti e vuoti... be', create una scuola PUA ;-)

      Elimina
    5. @Atlantis:

      Perfettamente d'accordo sul discorso del popolino che mugugna e si lamenta !!
      Se da una parte le donne italiote fanno le selettive che se la tirano dall'altra (e duole dirlo non è una tematicva approfondita) c'è una parte di uomini medi che trova gratificazione in str@@@@@te...e raramente finge a se stesso....proprio gli piace mugugnare e discutere sul nulla e MAI dicasi MAI attivarsi per migliorare la propria condizione.


      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      Elimina
  5. "Come si evolverà in futuro la situazione degli incel? Si prenderanno provvedimenti per migliorare la loro condizione oppure ci sarà un progressivo peggioramento che porterà ad un punto di rottura?"

    Di che provvedimenti parli? La pensione di invalidità per gli sfigati? Le prostitute pagate dallo Stato? Obbligare ogni donna italiana a far da crocerossina a un povero incel per alleviarne le sofferenze?

    Come diceva Moutain Lion in altri post passati, non esiste nessun diritto al sesso. Esiste il diritto di parola, il diritto all'assistenza sanitaria gratuita (ma già se vai negli USA la musica cambia), ma il diritto alla figa non esiste in nessuna società dell'orbe terracqueo. Nei forum incel c'è questa idea secondo cui le donne, l'amore, il sesso, sarebbero una sorta di diritto acquisito che deve soddisfare la società, per cui se un uomo è tagliato fuori da tutto questo, è la società che deve farsene carico.

    Da che mondo è mondo, la società non ha mai fatto un tubo per la sessualità del singolo. Ognuno ha sempre pensato per sè, anticamente usando la clava e i muscoli, oggi usando i mezzi che sono ben riassunti nel trittico LMS.
    Io ho ottenuto quello che ho ottenuto facendo affidamento unicamente sulle mie forze, tirandomi su da solo nei miei periodi più bui in cui mi potevo definire "incel" a tutti gli effetti pur non esistendo ancora questo termine.
    Se avessi sperato in un cambianto nei paradigmi sociali, sarei ancora verginissimo e sfigato come quando avevo 20 anni.
    Se ne sono uscito e ho ottenuto amore e sesso, è perchè mi sono rimboccato le maniche. Per conto mio, senza sperare in aiuti esterni o (che di fatti non sono arrivati) o in miracolosi interventi divini.

    Nessuno ti regala niente, nessuno ti aiuta, anzi probabilmente chi ti vede in difficoltà farà di tutto per darti quella spintarella che ti farà precipitare nel baratro. Per spogliarti dei tuoi averi e festeggiare sul tuo cadavere. Mors tua, vita mea.
    Siamo soli Red, solissimi.
    Nessuno ti/ci tenderà una mano, nè una persona in carne e ossa nè un ente astratto rappresentato da un logo. Nè oggi, nè tra 20 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "la società non ha mai fatto un tubo per la sessualità del singolo"

      Che dici? La monogamia non è altro che una misura sociale per dare a tutti la possibilità di avere una donna.
      La società in passato ha fatto molto per tutelare la sessualità degli uomini, fino a pochi decenni fa in Italia esistevano i bordelli per dire. Gli incel sono qualcosa di recente, prima la situazione per gli uomini non era così grave.

      Elimina
    2. Quindi se io ho scopato non è stato perchè mi sono fatto un mazzo così con lo sport, che ho mangiato in modo controllato, che ho preso quell'aereo, che ho insistito quando era il momento di insistere?
      Ho scopato grazie alla società? Davvero?

      Notiziona: anche nella società monogama, tradizionale, patriarcale, gli uomini di basso valore non scopavano. Certo, oggi il fenomeno si è ampliato perchè gli standard estetici maschili si sono alzati, ma un tizio sovrappeso e pelato, o col mento sfuggente, l'acne e i denti storti, non scopa oggi come non scopava 20 anni fa.

      Elimina
    3. E' proprio per questo che ho sempre fatto i salti mortali per tenermi stretti i miei capelli, e ho mangiato in modo controllato e ho cercato di tenere al mio look.
      Perchè nel momento in cui entri nel girone infernale dei brutti, non c'è nessuno che verrà a salvarti.

      Hai voglia di aspettare la società...

      Elimina
    4. La società regola la sessualità degli individui DA SEMPRE. Ad esempio fino a pochi decenni fa era impensabile per una donna avere rapporti prima del matrimonio o al di fuori del matrimonio senza il rischio di subire una forte condanna sociale.
      Di strumenti per limitare la disparità in ambito sessuale la società ne avrebbe, è la volontà che al momento manca.
      Anche l'affermazione che "il sesso non è un diritto" ha poco senso, ciò che è diritto o non lo è lo stabilisce la legge, la quale cambia a seconda dei tempi e della morale. Ad esempio ultimamente si sta iniziando a parlare spesso di "diritto al sesso" per i disabili.

      Elimina
    5. "Nei forum incel c'è questa idea secondo cui le donne, l'amore, il sesso, sarebbero una sorta di diritto acquisito"

      Assolutamente falso. L'argomento che stai citando è "l'entitlement to sex", ed tipicamente tirato fuori da chi attacca gli incel perché non ha capito niente.
      È vero che nei loro forum ogni tanto si legge, ma lo dicono apposta per triggerare, esattamente come quando consigliano di andare a fare una sparatoria. I loro forum sono pieni di meme ed esagerazioni volute.
      Infatti capita che vengano citati post di donne che si lamentano di qualcosa, e gli incel puntualmente rispondono "you are not entitled to ..., sweaty", cioè rispondono per le rime.

      Finitela di dire palle sugli incel.

      Elimina
    6. Stiamo parlando di due cose diverse.
      La società ha esercitato pressioni sulle donne per limitarne la naturale ipergamia e la giostra di cazzi tramite la Chiesa e i valori che questa portava con sè.

      Ma anche nella società tradizionale, gli uomini di poco valore non scopavano esattamente come non scopano oggi.
      Un mio amico ha perso i capelli in giovane età e pur essendo sul finire degli anni '90, un'epoca in cui internet era a pannaggio solo delle NASA e delle banche e gli smartphone neanche esistevano, non mai ha mai avuto una ragazza. Veniva rifiutato da tutte, spesso anche deriso.
      Lo stesso dicasi di altri 2 amici miei poco più grandi di me, brutti veri ed eternamente 2piccati.
      Lo stesso dicasi di me, giunto a 20 anni senza aver mai baciato una ragazza.
      E nessun funzionario statale o prete si è presentato a casa mia per chiedermi se avevo una ragazza o se ero felice.

      Ha ragione Red quando dice:
      "Ammettere che effettivamente ci sono centinaia di migliaia di uomini che ogni mattina si svegliano e vanno al lavoro per mandare avanti la baracca pur non avendo la possibilità di soddisfare uno dei bisogni primari della natura umana. Ammettere che al Paese non frega nulla delle loro esigenze e che devono solo lavorare e tacere."

      Ma non è un problema nato oggi. Oggi si è trovata una etichetta da apporre su questi individui, una categorizzazione per un problema vecchio come il mondo: chi ha poco valore, viene scartato a favore di chi ha alto valore.
      E la società se ne è sempre fregata di questi individui. Oggi molte di queste persone sono dei 40enni e 50 enni sfigati e soli come quando ne avevano 20-25. Nessuno muoveva un dito allora per loro, nessuno lo muove oggi.

      Quindi chiedersi se la società in futuro prenderà provvedimenti per arginare il fenomeno incel, è come avere la tavola vuota e neanche un soldo in tasca, e chiedersi se a mezzogiorno busserà Gesù alla porta per portarci pane e vino.


      Proprio ieri su un famoso gruppo FB a tema redpill, un utente ha postato una sua foto per far vedere la sua trasformazione. Tra alimentazione corretta e camminate in montagna, nel giro di 5 settimane ha perso 10-12 Kg scendendo sotto la soglia psicologica del quintale.
      Ha smesso di odiare le donne, ha smesso di vaneggiare di ipotetiche rivoluzioni maschili pugnetto alzato e "Forza maschi!!" che non si verificheranno mai, si è rimboccato le maniche e ha iniziato la sua scalata.

      Qui si fa un gran parlare di come dovrebbe cambiare il mondo, di cosa dovrebbero fare e non fare le donne, di come dovrebbe usare il loro corpo, di come stavano bene i brutti in un passato che in realtà non è mai esistito (o se è esistito, è esistito nel 1800, quando una donna non la facevi innamorare, ma la compravi con 1 ettaro di terreno e 5 pecore), ma mai nessuno che parli di come instaurare delle sani abitudini. Di come essere domani un gradino sopra a quel che siamo oggi.
      Si fa un'analisi spinta dei raw data, ma la fase successiva, la prescriptive analysis, non esiste.
      Manca la fase propositiva, l'azione, un piano di lungo termine.

      Tipo a caso: ho 30 anni e non ho mai scopato
      Incel: ho 30 anni e non ho mai scopato
      Tipo a caso: forse ho qualcosa che non va, forse dovrei provare a cambiare qualcosa in me stesso
      Incel: io sono perfetto così come sono, è la società che deve cambiare, mica io.

      Non fa una piega!

      Elimina
    7. @Dave,

      Red ha ragione: certi incel sono disabili ("mentally challenged" è l'etichetta politicamente corretta) e hanno ragione a pretendere assistenza dallo stato come gli altri diversamente abili.

      Elimina
    8. Mi piace la sicumera con cui dici cazzate:

      "Da che mondo è mondo, la società non ha mai fatto un tubo per la sessualità del singolo."

      È vero esattamente l'opposto: da che mondo è mondo gli esseri umani hanno tentato di organizzarsi in modo tale da ridurre la disparità di accesso alle donne da parte degli uomini. Perché spendere energie per combattere coi propri simili per accaparrarsi il diritto di procreare non lascia molto tempo per scoprire il fuoco, la ruota, l'energia elettrica e quella atomica... e nemmeno per stare gli uni accanto agli altri e collaborare nella caccia e nei campi.

      Mahler

      Elimina
    9. Dave ha ragione da vendere, ribadisco, non esiste NESSUN DIRITTO al sesso, per NESSUNO, non solo per gli uomini. E ha poco pregio anche l' osservazione del Red secondo cui sostenere ciò ha poco senso in quanto sono le leggi che stabiliscono i diritti : per l' appunto, non esiste alcuna legge secondo cui tutti gli uomini debbano avere diritto al sesso. Rovesciando la prospettiva, qualcuno di voi sarebbe contento se dovesse scoparsi una cessona di 120 chili per ottemperare ad un suo diritto di legge? Non regge, ragazzi, dai.
      E non è vero che prima della tanto vituperata "rivoluzione sessuale", ammesso che un fenomeno del genere sia mai esistito, per il "maschio medio" o quello "sotto la media" candidato a divenire Incel le cose andassero meglio. In realtà non ribattevano chiodo come oggi, e se volevano sposarsi, dovevano pagare un "sensale" che gli presentava qualche povera disgraziata proveniente da un paesino del Sud, che si accontentava di chiunque purchè potesse assicurarle un tetto e un piatto di minestra.
      Ed è una pia illusione che un ipotetico ritorno al passato, facilitato da futuri importatori degli usi e costumi islamici, possa migliorare le cose : come ha ben osservato un anonimo, in una società marcatamente patriarcale, se non hai risorse economiche più che robuste, col cazzo che i membri di un clan ti danno in sposa una figlia o sorella!

      Elimina
    10. Ho inserito come sconosciuto per sbaglio, mi sarei dovuto firmare MountainLion

      Elimina
    11. " qualcuno di voi sarebbe contento se dovesse scoparsi una cessona di 120 chili per ottemperare ad un suo diritto di legge" ma che cazzate stai scrivendo? Riconoscere un diritto al sesso non significa mica costringere la gente a fare sesso. Finitela con questi discorsi idioti.

      Elimina
    12. @GabrieleV:

      Hai pienamente ragione !!
      Quando si parla di "diritto al sesso" si vuole far presente che è una necessità fisiologica e naturale.
      La cessona da 120kg si mette in chat e prima o poi qualcuno che la scopa lo trova (ammetto io stesso i primi tempi che avevo bisogno di esperienza ne ho scopate almeno una 20ina di donne obese...forse 120kg no ma 100kg si).

      Inoltre anche se le donne italiote diranno che i maschi sono tutti porci noi uomini siamo "svantaggiati" anche in questo dal momento che noi sentiamo più esigenza di fare sesso.
      Le donne invece beh...da mie esperienze personali la sentono di più se iniziano a scopare e socializzare ma in alternativa forse a loro pesa poco o nulla se non scoprono questa naturale passione.
      Ho parlato in chat (secondo me è vero...poi la mano sul fuoco non la metto) con donne sui30/40 che sono oltre cinque anni che non fanno sesso.

      Che dire...beate loro che non sentono tale esigenza.
      E lato maschile eterosessuale (poi che dire anche qui...fortunati i gay :-) ) non è solo lo svuotarsi le balle ma anche il ricevere dolcezza ed affetto.

      Invece concordo con il leone di montagna sul fatto che nella società patriarclae forse non c'era tutta questa garanzia al sesso E che ogni maschio avrebbe trovato la sua donna ideale da mulino bianco....si tende ad idealizzare troppo il passato.


      firmato: ex-nerd-chatters-slayer.

      Elimina
    13. Caro Dave,

      e diccelo una buona volta... tu sei uno dei tanti PUA.
      Ergo, la redpill non solo non sai dove stia di casa, ma ne sei nemico giurato.
      Praticamete in tutti i tuoi post c'è sempre questa retorica della lotta solitaria che ha permesso a te (e quindi permetterebbe a chiunque, o quasi) di conseguire risultati meravigliosi.

      Sembra di sentire una televendita di prodotti dimagranti:
      "Prima ero un ciccione ributtante; poi, in soli due mesi, grazie al nostro fantastico elisir... sono diventato un figo da paura".
      Insomma, scusami se te lo dico, ma mi vien da ridere.
      Io non so se tu abbiao meno un "prodotto" da vendere e se quindi un bel giorno ci verrai a linkare questo o quel fantastico corso per Pick Up Artists... davvero, lo ignoro. E francamete non me ne potrebbe fregare di meno visto che, ormai da anni, ho superato certe cazzate.
      Però è evidente che non hai alcuna obiettività nell'affrontare praticamente tutti gli argomenti che si trattano su questo blog e non credi alla Redpill.
      Il che è perfettamente legittimo...senza dubbio.
      Ma almeno non prenderci in giro!

      Elimina
    14. Concordo con l'anonimo qui sopra, questo blog si sta riempendo di pua e di blupillati e scrivono anche lunghi post autocelebrativi.
      Il Redpillatore dovrebbe fare qualcosa altrimenti il blog si snatura.

      Elimina
    15. @ Gabriele V : proprio qui ti volevo. Se riconosci che un fantomatico "diritto al sesso" non significa costringere la gente a fare sesso, allora riconosci che le donne è giusto che siano liberissime di scegliere con chi andare a letto e con chi no. E dunque cade il primo razionale alla base della filosofia "incel" . Inoltre, se riconosci che ognuno è libero di scegliere con chi fare sesso, ne segue che ritieni normale che una certa fetta di popolazione, non potendo essere scelta da nessuno, ne sia tagliata fuori. Ergo, NON ESISTE IL DIRITTO AL SESSO. Cvd.

      Elimina
    16. Scusa Mattia, se anche fosse, perché gli "Incel" vanno bene, quando è stato ampiamente spiegato che questo non è un blog Incel, e invece i "bluepillati" no? Io credo che il blog deve essere uno spazio di confronto costruttivo, purchè nel rispetto delle elementari regole di civiltà. Altrimenti ti ghettizzi da solo, come certe altre community. In ogni caso c'è un fondatore/gestore e decidere spetta a lui.

      Elimina
    17. @MountainLion 15 ottobre 2019 11:14

      Bravissimo, concordo in pieno.

      Piuttosto si dovrebbe fare qualcosa per chi attacca e flamma gratuitamente, ad esempio il classico caso di quando compaiono gli MGTOW e prontamente si scatena una serie di personaggi contro di loro, che li attacca, li insulta e spara sentenze a caso, magari non conoscendo un briciolo della storia e della situazione personale di ognuno.
      Questo credo sia un problema reale, dato che si viene appunto a creare una situazione ostile al confronto costruttivo.

      La presenza di PUA o bluepillati vari, invece, fintanto che non escono dalle righe non rappresenta affatto un problema, anzi stavolta diventa occasione proprio per confrontarsi civilmente con chi ha opinioni differenti.

      Elimina
    18. @Alex2, forse sei nuovo, ma l' "entitlement to sex" è un tema che ricorre proprio qui sul blog in forme e contenuti mutevoli.
      Anzi, potrei affermare che è IL tema del blog, visto che buona parte dei contenuti ruotano intorno al concetto che il fenomeno incel è colpa della società occidentale moderna, decadente, libertina, progressista, e come uniche 2 soluzioni auspica un ritorno al passato, oppure delle ipotetiche misure o provvedimenti (che non abbiamo ancora capito quali siano) che si dovrebbero prendere per aiutare gli incel.
      Non sono cose che mi sto inventando di sana piante, basta leggere un po' di contenuti vecchi e nuovi e unire i puntini.



      Mountain Lion, se ricordo bene hai 47 anni, quindi sei più grande di me.
      E diglielo tu a questi ragazzi che pure prima dell'invenzione del 4G chi era brutto veniva rifiutato e trattato a pesci in faccia. Che pure in quegli anni era valido l'assioma:
      "Sotto una determinata soglia estetica, per le donne vali tanto quanto uno scarafaggio od un lombrico strisciante."
      Finiamola con questa storia che gli incel sono figli della modernità o di una società malata e senza valori.
      La bellezza e la ricerca del bello, dell'armonia, sono valori che trascendono il tempo e lo spazio, che vanno oltre le relazioni personali, fino a toccare l'arte, la letteratura, la filosofia.

      La vera differenza tra oggi e allora è che se oggi le donne la danno a 10 ragazzi al mese senza porsi il minimo problema, all'epoca la davano a 2 ragazzi all'anno dopo estenuanti corteggiamenti e 15mila paranoie. Ma quei 2 ragazzi non erano dei 3.5 estetici.

      Elimina
    19. Ricordi benissimo. Altroché se era così anche allora, forse pure peggio! Ma ti dirò di più, tornando ancora più indietro nel tanto vagheggiato passato : mia mamma, classe '42, era la tipica liceale con la puzza sotto il naso, e insieme alle sue compagne, non schifavano solo quelli meno belli, ma anche e soprattutto i "non liceali", quelli che frequentavano istituti tecnici e industriali, ecc. Anzi, più che li schifavano, proprio non li vedevano nemmeno! Oggi almeno se sei belloccio scopi, allora nemmeno ti bastava quello, periodo d' oro un cazzo!

      Elimina
    20. Sì però, cari cazzari-in-denial, dovete ammettere che la cessa lardosa e maltenuta prima di feisbuc (2003) doveva, per ipergamare, muovere il culo e org(i)anizzarsi gli incontri per diffondere la propria disponibilità.

      ORA (non nel 1990) esistono donne da 6-6,5 che CAMPANO ( >1500€ al mese) esibendosi in varie forme online.

      Elimina
    21. @Dave Stai giocando con le parole. Un conto è riconoscere che la mancanza di sesso e affetto provoca sofferenza, un altro è dire che loro propongono come unica e sola soluzione l'avere in diritto una vittima sacrificale schiava da "scopare".
      Questa è un'accusa che fate voi perché dovete trasformare gli incel da vittime a carnefici, altrimenti vi tocca mettere in discussione il femminismo.

      Elimina
    22. @Mountain: Il diritto al sesso non si garantisce costringendo la gente a fare sesso ma offrendo a tutti la possibilità di farlo, ad esempio non ostacolando chi va a prostitute e anzi agevolandolo. Rendendo la prostituzione economica. Lasciando le persone libere di scegliere con chi andare ma incentivando la monogamia a discapito del libertinismo ecc. sono cose dette e ridette più volte sia dal Redpillatore che altrove, sono proprio le basi della redpill. Se non sei d'accordo cosa stai a fare qui dentro?

      Elimina
    23. E tu cosa pensi, che agevolando la prostituzione risolveresti il problema? @ Gabriele : Io in passato (anni 90) sono stato un frequentatore abituale di prostitute, per il semplice fatto che con le ragazze normali non concludevo niente. Ma ogni volta, finito di consumare, continuavo a sentirmi lo stesso sfigato di merda di prima! E il perchè non mi pare così difficile da capire, dato che il bisogno di un uomo non si esaurisce certo nell' infilare il proprio membro in un buco.
      La tua frase "lasciando le persone libere di sceglier con chi andare ma incentivando la monogamia a discapito del libertinismo", intanto già di per sè è un ossimoro, perchè o sei libero di andare con chi vuoi, o sei costretto a una relazione monogama, delle due l' una. E poi come lo realizzi questo incentivo, dai una card gialla simile a quelle del reddito di cittadinanza a chi si impegna a scopare solo con la propria ragazza/moglie, o ragazzo/marito (come poi fai a controllare se è vero non lo so, dato che la gnocca non ha il badge :D )? O torniamo a sanzionare penalmente, e magari pesantemente, l' adulterio, magari solo quello commesso da donne, come in certi paesi sottosviluppati? Tutto questo è RIDICOLO. E anche se avvenisse, non credere che te ne avvantaggeresti : se non altro adesso sei liberissimo di andarti a cercare una biondina esteuropea o una tettona e culona sudamericana, mentre una volta, nel sistema patriarcale, non so per quale ragione, ritenuto salvifico da molti incel e pure redpillati, ti toccava prenderti una cessetta vicina di casa e tenertela tutta la vita.
      Infine, sul cosa ci sto a fare, risposta facile : per esporre le mie idee e confrontarmi ascoltando tutti, senza offendere nessuno e soprattutto senza il paraocchi tipico di vere e proprie sette.

      Elimina
    24. Grande MountainLion, il nostro PUAh preferito/puttaniere pentito/saggio-del-villaggio/tutto a nostro aggio!

      thumbs up a manetta

      Elimina
    25. @Mountain Lion: ahaha! che cosa mi hai fatto ricordare!
      Mia madre, classe 1952, mi diceva che quando era ragazza, i ragazzi seguivano lei e la sua amica per provarci (ai tempi davvero o avevi le palle per trovarti una donna o eri out), e loro schifavano tutti. Ma non solo per una questione di classi sociali che ovviamente era sentita molto più che adesso (la figlia del medico non andava certo in sposa al bracciante agricolo con la 5°elementare, mentre oggi può fare sesso e sposare anche chi fa un lavoro manuale se c'è l'ammmmore), ma perchè a quei tempi le pressioni sociali erano fortissime e se si veniva a sapere che eri stata con tizio, caio e sempronio e ti avevano mollata tutti e 3, l'etichetta di mignotta ti restava a vita non ti sposava nessuno. Anche se non avevi fatto niente con nessuno dei 3.

      Periodo d'oro per gli uomini manco per il cazzo.
      Se c'è stato un periodo storico in cui le donne se la tenevano cucita e si scopava quasi niente questo era il patriarcato, dove la verginità era un valore molto sentito e gli uomini erano visti come orchi cattivi e approfittatori da cui fuggire, forse più di oggi che siamo in pieno periodo nazifemminista. A quei tempi, se si scopava, era solo sotto il tetto coniugale.

      Stessa cosa tra l'altro che mi raccontavano le mie zie, oggi 80-90enni o giù di lì. Col cavolo che si facevano corteggiare o avvicinare dagli uomini che ci provavano.
      E tutte nei loro racconti, puntualmente se ne uscivano con frasi come "A 25 anni mi voleva Carlo, ma a me non piaceva! Mamma quanto era brutto!!!"
      Altro che la bruttezza è un problema contemporaneo, e non si scopa per colpa della modernità e del progressismo!
      I brutti hanno sempre avuto difficoltà enormi nel relazionarsi con le donne, nell'era del WiFi, come nel periodo fascista. Nell'epoca dei figli dei fiori, come negli anni in cui si ballava la Macarena.

      Solo chi non ha mai vissuto nel patriarcato rimpiange il patriarcato. Provate a parlare coi vostri genitori e nonni, e vedete come se la passavano gli uomini a quei tempi. Non a caso esistevano le case del piacere formalmente riconosciute dallo Stato. Un 20enne all'epoca o si sposava subito per dare sfogo alle proprie pulsioni (da lì le famiglie numerose con 10 figli che vediamo nelle sbiadite foto dell'epoca), o si ammazzava di seghe, o andava da una donna a pagamento.

      Sorvolo poi su una questione giustissima che hai sollevato, ovvero il livello estetico della donna che ti toccava in sorte. Finire ammogliato con una donna baffuta, pelosa, coi capelli grigi, ignorante come un capra, e dovertela tenere a vita perchè il divorzio non era contemplato, non credo fosse un affare. Meglio oggi, dove se sei brutto puoi sperare in qualche biondina dell'est magra e istruita, o in qualche africana tettona dalla pelle liscia come seta.

      Elimina
    26. Scusate tanto... ma se questo blog si chiama “Il Repillatore”, e sappiamo tutti (almeno a grandi linee) cosa sia la Redpill, sono l’unico a trovare strano che ci scrivano utenti chiaramente -e dichiaratamente- blupillati?
      Non è una questione di censura; anzi, personalmente amo confrontarmi con chi la pensa in modo diverso, è che qui siamo al trollaggio puro e semplice!

      È vero che le donne scartavano i brutti anche una volta, ma è altrettanto vero che la società, per come era fatta, ghettizzava i singles (a meno che non fossero dei religiosi...).
      Perció, una volta esauriti i “belli”, le donne dovevano farsi piacere i normali, poi i mediocri e infine persino i brutti.
      Dei tre valori LMS, inoltre, il secondo e il terzo contavano molto più che oggi.
      In Veneto, ad esempio, le mamme dicevano alle loro figlie: “guarda l’uomo, guardalo tutto, senza denaro quanto l’è brutto” (Redpill della preistoria....ahaha).
      Ma, a prescindere da ció era la riprovazione sociale connessa allo status di nubili a fare in modo che, chi prima chi dopo, anche i brutti e pure i poveri trovassero moglie.
      A restare ai margini del gioco riproduttivo erano veramente in pochissimi...casi davvero estremi.
      Se poi consideri che il divorzio non esisteva, non si aveva neppure la possibilità di essere lasciati sul lastrico in mezzo a una strada.

      C’erano poi ovviamente anche tanti lati negativi: ad esempio il fatto che tutto fosse sulle tue spalle di maschio o che spesso si morisse sul lavoro, per non parlare delle guerre in cui erano -ancora una volta- i maschi a combattere.

      Quindi, non è fosse necessariamente meglio; ma sicuramente il fenomeno INCEL è esploso solo dopo gli anni 60-70.
      Insomma, va bene tutto, ma la Storia (anche se non è matematica) non è mica un’opinione...

      Elimina
    27. Guarda, ti riporto un ulteriore amarcord dai "bei tempi andati" (a detta di incel e pure redpillati, a quanto vedo9 : il mio babbo, classe '40, che a suo tempo era pure uno belloccio, ha ammesso candidamente che fino ai 21 anni ha scopato solo nei casini, perché con le ragazze dell' epoca non c'era verso, non la davano, a meno che non ti sposavi, ma a quell' età era presto anche per allora (mentre era normale ai tempi dei miei nonni). Ha cominciato a divertirsi giusto quando qualche anno dopo, a metà anni 60, si è spostato per lavoro nella evoluta e libertina Milano, altrimenti, se fosse rimasto al suo paesello, dopo che erano stati chiusi i casini avrebbe tirato avanti a seghe o si sarebbe sposato con la prima che gli capitava a tiro.
      Confermo, tornando ancora più indietro nel tempo, dai racconti delle mie nonne, che non era ammesso intrattenersi a conversazione per strada o in un bar con uno sconosciuto, e l' unica forma di relazione con il sesso maschile era il matrimonio combinato dalle famiglie.
      E questo sarebbe l' Eden che molti qui dentro vorrebbero? La verità è che chi vorrebbe tornare a un simile modello di società NON SA DI COSA PARLA!

      Elimina
    28. @ Fra : ribadisco, ma a te avrebbe fatto piacere che ti fosse stata data in sposa una cessona che altri più belli di te ovviamente non avrebbero voluto? E poi dovertela tenere tutta la vita? Tra una roba del genere e l' essere Incel, mi sa che in quel modo è pure peggio, se non altro l' incel odierno, a meno che non sia sotto il 4, può sempre attingere a bacini in cui sono richiesti standard LMS più bassi. L' errore di molti sedicenti redpillati sta nell' analizzare il fenomeno a senso unico, in modo parziale.

      Elimina
    29. Ti sei risposto da solo.
      A quell’epoca più o meno tutti si sposavano e, per un banale fatto statistico, mediamente ti capitava una pariestetica.
      Sul fatto che allora fosse meglio di oggi lascio aperto il giudizio.
      Personalmente credo che la cosa migliore -ieri come oggi- sia restare da soli, ma questa è una mia opinione.

      Ció su cui si discuteva era un tema diverso, ovvero che l’Inceldom sia un fenomeno moderno.
      E questo è un fatto assolutamente ovvio.
      Negarlo è come negare che la terra sia rotonda.

      Elimina
    30. Fra,
      E' trollaggio dire che fino agli anni '50 e '60 il sesso prematrimoniale non esisteva?
      E' trollaggio dire che a quei tempi, dire "Ciao" a una sconosciuta era una cosa che ti capitava una volta nella vita?
      E' trollaggio dire che pure a quei tempi le donne avevano gli occhi per capire chi era brutto e chi no?

      Non è questione di essere bluepillati, a meno che per bluepillato intendi chiunque la pensa diversamente da te e ti vuol aprire gli occhi.

      Tra l'altro col tuo messaggio hai avvalorato la mia tesi. Hai parlato di "trovar moglie", di "divorzio", di "essere lasciato sul lastrico", a conferma che il sesso prima del matrimonio non esisteva e che tu, da giovane maschio, ti dovevi far andar bene quel che capitava.
      Ma il mito della ragazza "seria", storicamente quando nasce secondo te? Nel 2019, epoca in cui le 15enni fanno sesso meglio delle pornostar?

      Se oggi si scopa con una combinazione di LMS, a quei tempi si scopava grazie a MS. In altre parole, un brutto squattrinato che svolgeva un lavoro umile, finiva ammogliato con la figlia del contadino, orrenda e che viveva in un tugurio maleodorante.
      La figlia del notaio, carina, profumata, ben vestita bene e fine nei modi, finiva in pasto al figlio del ricco commerciante. Belloccio o meno che fosse.
      Non dovevate vivere nel patriarcato. Dovevate vivere nel patriarcato e sperare di nascere benestanti. Diversamente vi aspettava una vita miserabile, fatta di lavori malsani e pericolosi, sporcizia, malattie, e una moglie orripilante finita a voi perchè non voleva nessuno.

      Ma una tipa così la trovereste anche oggi senza aspettare che venga inventata la macchina del tempo. Quante 35enni orrende e disagiate ci sono in giro che non si incula nessuno? Le famose "cesse obese" (CO). Se la vostra aspirazione è trovare una moglie qualsiasi, prendetevi la prima cessa obesa che vi capita a tiro, e vivete felici. Almeno una CO contemporanea, a differenza della sua equivalente di inizio '900, si lava, si fa la ceretta e si tinge i capelli.

      Elimina
    31. Mamma mia cosa non si fa pur di vendere la propria mercanzia...

      Dave, Mountain Lion, chiudete il becco, per favore.
      Siete chiaramente due sostenitori di quella truffa colossale che é il movimento PUA.

      Roba che ha la stessa dignità scientifica e attendibilità dei prodotti di Vanna Marchi quando era in società col Maestro di Vita do Nascimento...

      Ma il problema non sono le cazzate esilaranti che sparate su quanto sia bello e a portata di mano scopare la qualunque (basta volerlo!!!). No. Perché grazie a Dio sono adulto e a certe palle non potrei mai credere.

      Quello che mi manda letteralmente i coglioni in centrifuga è l’idea che qualche ragazzino da 4 (e ce ne sono tanti) possa leggere le vostre minchiate e lanciarsi in imprese senza senso.
      Non avete idea del male che possono fare certe balle.

      Abbiate un po’ di rispetto per chi vi legge.

      Elimina
    32. Se lei si mette un filo di trucco e un buon profumo, e voi vi scolate 2 bottiglie di grappa, potreste anche avere l'impressione di star scopando con Belen :D

      Elimina
    33. Dave, tutta la tua manfrina bluepillata crolla nel momento in cui esistono milioni di incel magri/atletici ma con la sfortuna di avere un viso brutto. Vai da un'altra parte a fare il PUA.

      Elimina
    34. Mario, parlo per me.
      Io non sono sostenitore proprio di nulla.

      L'unica cosa che sostengo è il vivere connessi con la realtà contemporanea, senza sperare in ipotetici ritorni reazioniari e autoritari che non avverrano mai, o guardando con nostalgia a un passato paradisiaco per gli uomini, che di Paradiso aveva ben poco.
      Smetterla di deprimersi paragonandosi ai modelli, e cercare di vivere al meglio l'unica vita a nostra disposizione, consapevoli delle proprie debolezze e valorizzando i propri punti di forza instaurando delle sane abitudini che fanno aumentare il tuo valore di uomo.
      Perchè ogni giorno perso imprecando contro le donne, il fato, i Chad, ogni giorno passato analizzando al microscopio gli zigomi di un tipo che mai incontreremo e che vive in Australia, è un giorno a tua disposizione che non torna indietro.
      Son cose che non portano alcun valore aggiunto alla tua vita, anzi se è possibile la peggiorano.
      La redpill, e ancor di più la blackpill, nel lungo periodo hanno pesanti effetti collaterali sulle salute mentale. E' come la stricnina: un pizzico ti fortifica rendendoti tollerante al veleno, una dose eccessiva ti uccide.
      E quando i giorni a tua disposizione finiscono, sei sotto una lapide. E lì non c'è più tempo per un mutamento di prospettive o un generico piano B. Game over.

      Tu questo lo chiami PUA, qualcun altro bluepill. Io lo chiamo vivere il presente e non sprecare la propria vita.
      Ma forse aveva ragione l'anonimo di ieri che mi invitava a non regalare perle a chi cerca ghiande.
      Prendetevi le ghiande. Ne trovate a iosa in giro.

      Contenti voi...
      Saluti.

      Elimina
    35. Grande il babbo di MountainLion, il primo PUAh ante litteram!

      Si trasferisce nella libertina Milano e comincia a timbrare fregne a destra e a sinistra, mentre al paesello inculava pecore quando la paghetta per le pro era finita. 'Nnagg' che vita di stenti...

      Oh, comunque a me la fiction piace quindi ti leggo volentieri. Dovresti solo migliorare lo stile: è banalotto e vintage. Avrebbe avuto senso in un ufficio pubblico anni '80 ma qua bisogna ammodernarsi.

      E sentiamo un po', visto che Vittorio Gassman è stato giovinetto negli anni '40/'50, si è dovuto sposare 45 volte per timbrare, giusto? O la sua fortuna è stata emigrare nella libertina (e imperiale) Roma?

      Elimina
    36. Basta flammare. Ho detto chiaramente più volte che non esistono soluzioni universali al problema degli incel, ma essendo un problema sociale le possibilità di migliorare la condizione degli incel ci sono, solo manca la volontà.
      Se siete convinti che vada tutto bene così, che sia tutto ineluttabile, che l'uomo debba accettare passivamente di essere discriminato e che la società non abbia nessuna responsabilità in tutto ciò avete posizioni troppo distanti dalle mie e non ha senso che stiate in questo blog.

      Queste sono discussioni che abbiamo fatto decine e decine di volte e non si è mai giunti ad una conclusione e ormai hanno stancato.
      Quando i punti di partenza sono troppo distanti le discussioni non portano mai a nulla di buono. Chiudetela qui.

      Lascio questo articolo in cui una volta ho provato a fare una sintesi della questione, ma ce ne sono altri in tutto il blog che affrontano più volte i punti di cui state parlando.

      https://www.ilredpillatore.org/2018/10/patriarcato-vs-femminismo-lo-scontro.html

      Elimina
    37. Mi riallaccio al post di Fra 15 ottobre 2019 19:34.

      Non è completamente vero il tendenziale pariestetismo delle coppie formatesi nel pre-68. Normalmente le ragazze belle dal retroterra familiare modesto riuscivano ad impalmare qualcuno economicamente messo meglio di loro, ma di solito esteticamente di livello inferiore. Il problema veniva poi dopo, perché normalmente queste ragazze belle di famiglia modesta finivano per essere viste da terzi (ed in particolare dalla famiglia di lui) come avide arrampicatrici sociali o, nella migliore delle ipotesi, come cenerentole inadeguate. Insomma, l'ipergamia estetica era possibile, ma normalmente era una prerogativa maschile di chi era monetariamente messo bene in cambio di quella economica della donna.
      Sicuramente l'uomo era apparentemente avvantaggiato, anche se temo che non poche mogli graziose dei bruttarelli benestanti poi si lasciassero "concupire" da qualche avventore nelle loro lunghe giornate solitarie da casalinghe...

      Elimina
    38. Io non sono convinto che tutto sia ineluttabile. Penso che se ne possa uscire (non sempre, ma in moltissimi casi si) facendo affidamento sulle proprie forze, non sperando in aiuti esterni o stravolgimenti sociali che mai arriveranno.

      Si, le posizioni di base sono distanti:
      - tu pensi che il fenomeno incel sia contemporaneo e frutto del femminismo, edonismo, progressismo, liberismo
      - io penso che il fenomeno incel esiste da sempre, che grazie a un subforum di Reddit si è trovato un acronimo a un problema vecchio come il mondo.
      Hai 33 anni, classe 1986. Quando tu andavi in 1° media e giocavi coi soldatini, io e miei amici eravamo liceali o addirittura universitari che cercavano le prime esperienze amorose, e non battevano chiodo manco per miracolo. Non riuscivamo a rimediare un bacio nemmeno se scendeva Gesù Cristo in Terra. Non ci chiamavamo incel, ci chiamavano sfigati, ma la sostanza era quella.
      La differenza tra oggi e allora sta nel numero e nella facilità con cui le donne si concedevano, oggi d'emblèe, una volta più difficilmente e con tempi molto rilassati, ma chi era sotto la soglia del 5, e magari era pure timido e non molto in vista, faceva la stessa vita che fa un incel nel 2019. Deriso, evitato, rifiutato, preso in giro. Io che per anni l'ho vissuta sulla mia pelle, ti assicuro che la situazione di oggi è la copia carbone di quella di allora.
      - tu sei convinto che il patriarcato fosse l'El Dorado dei brutti, e che se gli incel venissero trasportati nel 1955, avrebbero una gentila fanciulla al proprio fianco
      - io sono convinto che il patriarcato permettesse ai brutti squattrinati (come sono molti incel moderni) di trovare una cessa immonda e tenersela a vita. Nulla di più, nulla di meno. Le graziosi fanciulle venivano assegnate su base economica, per cui bisogna sperava di avere i big money se volevi una ragazza caruccia e di buona famiglia. E il sesso prematrimoniale che tutti sognano, a meno di rivolgersi alle case di piacere, era precluso a tutti indistintamente, belli e brutti, ricchi e poveri. Col cazzo che scopavi senza fede nuziale al dito. Le ragazze allora erano serie per davvero! Mica come oggi che a parole sono tutte serie e verginelle, e poi scopri che han preso più cazzi di Briana Banks.
      - tu credi che l'origine dei mali degli incel sia la società, per cui è lei a doversi prender carico dei loro problemi, aiutandoli in qualche modo (ma non hai spiegato cosa dovrebbe fare concretamente, o forse non ho letto tutti i vecchi articoli)
      - io invece credo che chi deve prendersi carico dei problemi degli incel siano gli incel stessi. Che ognuno debba colmare per quanto possibile le lacune (estetiche e non) che gli impediscono di avere un minimo di gradimento femminile.
      Che biasimare le donne italiane e la società moderna in quanto causa dei tuoi mali non cambierà in meglio la tua situazione. Nè cambierà in peggio quella del tuo amico che ti soffia la ragazza.

      Ma da basi diverse si giunge a conclusioni diversissime, quindi ascolterò il tuo consiglio.


      Mi farebbe però piacere, senza alcuna intenzione di flame o altro, che affrontassi una tematica mai trattata finora.
      Come dovrebbe comportarsi un ragazzo che ha un'eta compresa tra i 18 e i 25 anni, vergine, mai baciato, e con fiumi di testosterone in corpo che lo spingono come un razzo a cercare le ragazze?
      Fare in concreto, giorno per giorno, non stare con le mani in mano sperando in una rivoluzione araba che renda le donne schiave e sottomesse, o in un improbabile ritorno ai bei tempi che furono che ti garantisca di default una donna.
      Vorrei che stilassi il vademecum del giovane incel, i 10 comandamenti che ogni ragazzo vergine e dedideroso di contatto femminile dovrebbe seguire. Adinur fece qualcosa di simile sul forumdeibrutti, col suo decalogo del dark blue. Mi piacerebbe sapere cosa hai da dire tu a riguardo.
      Sarebbe una bella novità piuttosto che ridefinire nuovamente cosa significa incel, redpill, o sottolineare per l'ennesima volta che gli uomini hanno meno potere contrattuale delle donne.
      D.

      Elimina
    39. Non ho mai sostenuto che il "patriarcato" fosse l'el dorado, semplicemente che c'erano minori disuguaglianze sul piano sessuale. Questo è indiscutibile ed è inutile aggrapparsi agli specchi pretendendo di avere ragione.
      Quanto alla domanda:

      "Come dovrebbe comportarsi un ragazzo che ha un'eta compresa tra i 18 e i 25 anni, vergine, mai baciato, e con fiumi di testosterone in corpo che lo spingono come un razzo a cercare le ragazze? "

      Si comporta come meglio gli pare. Non esistono soluzioni universali, non siamo tutti uguali. Inutile stare qui a dare ricette di vita senza sapere nulla della vita degli altri. L'importante è che abbia gli strumenti per scegliere cosa fare, e questi glieli dà la redpill. Poi che faccia ciò che gli pare.

      Elimina
    40. Innanzitutto a flammare non sono stato né io né Dave, ma altri più vicini alle posizioni "Incel", e poi qui non si tratta di arrampicarsi sugli specchi, in quanto le argomentazioni di Dave sono assolutamente ineccepibili sul piano logico e storico. Dici che ai tempi del patriarcato c'erano meno disuguaglianze sul piano sessuale? Può essere. Ma tutto livellato in peggio, come nella Russia comunista in confronto a quella di Putin : oggi alcuni, anzi, ormai parecchi, stanno bene (milioni di russi vanno in vacanza all' estero, mare, montagna, ecc.) e gli altri male, mentre una volta stavano quasi tutti male. E parimenti, una volta il figlio del notaio e del ricco mercante prendevano in sposa le migliori ragazze del villaggio, mentre tutti gli altri si prendevano gli scarti, con l' aggravante di doverseli tenere tutta la vita.

      In ogni caso anche tu hai ammesso che il ritorno al patriarcato NON sarebbe una soluzione : soluzione che a livello di collettività a mio avviso non esiste. Un debole palliativo sarebbe la possibilità di avvalersi di prostitute a prezzi calmierati, e dico "debole palliativo" perché risolverebbe solo una parte marginale del problema.
      E a livello individuale sono d' accordo con te, ognuno faccia pure come gli pare, è libero di darsi da fare per invertire la sua condizione, come ho fatto io e molti altri, oppure di rassegnarsi al fatto che per lui non ci sia nulla da fare perché non ha avuto i numeri vincenti alla lotteria genetica. Basta che non se la prenda con la società che non si fa carico del suo problema.

      Elimina
    41. Azzeccatissimo il parallelo con la Russia antica e quella di Putin.
      L'idea che serpeggia in varie discussioni qui e sui forum incel-redpill, è una sorta di socialismo della figa: star male tutti per far stare meglio pochi casi disperati.
      Ma si tratta di vaneggiamenti, periodi ipotetici di terzo tipo.
      E' come se io rimpiangessi di non essere nato a nel X sec. d.C. per respirare i profumi e i sapori dell'epoca medievale e dovermi affidare a un GDR su PC.
      O di non vivere tempi dell'uomo delle caverne per poter osservare vis-à-vis la tigre dai denti a sciabola, mentre oggi sono costretto a guardarla sui libri.
      O pensare che in futuro prossimo si peggiorerà la vita di 60 milioni di individui per far star bene poche centinaia di persone, molte delle quali si potrebbero salvare in modi molto più semplici (a patto che vogliano essere salvate).

      Non vivo nel medievo e nemmeno nella preistoria. Sono qui, oggi, nel 2019, con questa faccia, dentro questa società basata su dinamiche diversissime rispetto a quelle che vivevano i miei genitori e nonni. Che mi piaccia o meno.
      Altalenare ciclicamente tra il moralizzatore dei costumi moderni e la vittima della società, odiare le donne e sminuirle dando loro delle sciaquette, superficiali, bestie, non-persone, non cambierà le cose. Non scalfirà il loro potere sessuale, nè ne farà guadagnare a voi. Vi farà solo passare per dei rosiconi, volpi che non arrivano all'uva.
      Citando uno degli incel più intelligenti che abbia mai letto e che mi spiace aver perso:

      "NON GIUDICATEVI E NON GIUDICATE. Non è colpa vostra, nè delle donne, nè degli uomini alfa. ALBA è fatta così, è il sistema che la natura ha creato per migliorarsi, insito nelle cellule maschili e femminili. Accusarsi e accusare la società, le donne italiane o del vostro paese di ipergamia, superficialità, etc... non farà un graffio alla vostra betagenetica, nè all'alfagenetica di qualche vostro amico. ALBA ha milioni di anni, se ne fotte assai di quello che fate o di quello che pensate, E' LEI CHE COMANDA, LEI VI HA FATTO CON IL MENTO RETRUSO O CON LO SGUARDO SPENTO"

      "E' perfettamente inutile che scriviate sui forum o dispensiate perle di saggezza redpill se poi, in privato, sotto sotto, sperate che qualcuna vi consideri un piccolo belloccio, vi dica che segretamente vi ami o cose di questo tipo.

      Spesso sento racconti di ragazzi presunti redpilled i quali, dopo essere stati rifiutati, come se fosse una grande sorpresa, vanno a dire che la ragazza in questione era una troia o una stupida e che comunque non l'avrebbero voluta. Bugie, come LA VOLPE che dice che L'UVA era acerba, quando in realtà continua a desiderarla.
      NIENTE ILLUSIONI, NIENTE SOGNI ad occhi aperti. Prima vedete la realtà per quello che è, prima smetterete di soffrire."

      Il mondo in cui viviamo è questo.
      Le discussioni sui massimi sistemi e su cose totalmente fuori dal nostro controllo, non portano a nulla. Arrovellarsi il cervello per la deriva della società moderna e la selettività delle donne, è come dannarsi l'anima per la fame in Africa e l'economia in recessione.
      Le uniche cose su cui abbiamo pieno controllo riguardano la nostra quotidianità: le nostre azioni, i nostri pensieri, le persone con cui ci circondiamo.
      Da che mondo è mondo la vita e la sopravvivenza sono di chi è saputo adattare meglio degli altri all'ambiente circostante.
      E questo non lo dico io. Lo dice Darwin.

      Elimina
    42. Dave, Mountainlion,

      Un tempo le persone attendevano sino a circa 20 anni, dopodichè si sposavano.

      Non si puó dire tuttavia che, siccome prima del matrimonio erano tendenzialmente vergini, fossero tutti “INCEL”.
      A quella stregua rientrerebbero nella categoria anche i ragazzini di 12 anni!!!

      Quello che contraddistingue l’Incel, infatti, è che, mentre il resto del mondo tromba, lui, suo malgrado, no.
      Quello che gli fa male, cioè, non è tanto l’astinenza in sè, ma il sentirsi discriminato...questo è ció che lo rende “Incel”.

      Al contrario, all’epoca quella della verginità prematrimoniale era una condizione fisiologica dovuta alle convenzioni sociali di allora.

      Detto questo, NESSUNO pensa seriamente di portare indietro le lancette dell’orologio e nessuno è cieco di fronte al fatto che, anche allora, il mondo non era affatto perfetto.

      Peró, per favore, non prendiamoci in giro dicendo che non è cambiato niente, perché, palesemente, non è così.

      Poi in merito alla soluzione, ognuno faccia quel che crede; personalmente, dopo varie esperienze, ho preso la strada del MGTOW, della quale mai, finora, mi sono pentito (anzi, semmai, mi sono pentito di non averla intrapresa prima).
      Ma NON VOGLIO APRIRE QUI L’ENNESIMA POLEMICA IN MERITO.

      Quello che peró preferirei non dover leggere sono le ricette da teleimbonitore che pretende di venderti la felicità convincendoti che è tutto semplice, a portata di mano e, con pochi consigli, una bella dieta e un nuovo guardaroba, scoperai come Rocco Siffredi.

      Perché, onestamente, fa un pelo ridere.

      Elimina
    43. @Mark: cit. "preferirei non dover leggere sono le ricette da teleimbonitore che pretende di venderti la felicità convincendoti che è tutto semplice, a portata di mano e, con pochi consigli, una bella dieta e un nuovo guardaroba, scoperai come Rocco Siffredi."

      Chi dovesse scrivere così ovviamente vende fumo (si spera in buona fede) ed esagera in ottimismo. Però da queste parti, ai suggerimenti che citi, spesso le reazioni sono "neanche ci provo, tanto so che è tutto inutile... se non hai un bel faccino e/o tanti soldi ogni miglioramento non serve a niente, è solo una perdita di tempo e di energie, è la società che ti illude spingendoti a farlo per alimentare il consumismo, ecc. ecc.". Vestirsi meglio, fare sport, curare l'alimentazione ed altro ancora sono in ogni caso comportamenti che fanno stare meglio con se stessi, indipendentemente se porteranno a fare sesso o meno. Quindi ci si chiede perché non solo non ci si prova, ma addirittura si reagisca male quando li si propone.

      Elimina
    44. "Celibate" è uno che non ha una relazione, non che non scopa.
      Ovvio che per scopare una relazione serve, fosse anche quella con la regazzetta conosciuta in spiaggia.
      Il celibe involontario è uno che non riesce a rimediare una femmina "a gratis".

      Personalmente per fare un poco di allenamento consiglierei di ipogamare un peletto: scopare divertendosi con una 5 (purchè capace) è molto meglio di ammazzarsi di seghe per una 9 vista online.
      E a quel punto diverse cassiere del supermercato diventano target appetibili...

      Elimina
    45. @Dave

      Non ti considero un anti-redpill, tuttavia non capisco perché - secondo il tuo costrutto - non si debba parlare di come è cambiato il mercato sessuale.

      Dal mio punto di vista, rimanendo della stessa pragmaticità dei tuoi post, dovresti concludere che la Redpill è una dottrina che mira ad aumentare rapidamente la consapevolezza dell'individuo in relazione ai meccanismi naturali umani (darwiniani) applicati alle regole sociali di oggi.

      Quello che infatti ti vedo criticare non è la Redpill ma il suo utilizzo da parte di qualcuno, scelte personali che il RedPillatore ti ricordava essere corretto lasciare alla sensibilità e scelta personale di ogni individuo.

      Come tali, non vedo per quale motivo non dovremmo capire ed integrare nella nostra comprensione della realtà prodotta ragionamenti di altri tipo "la volpe e l'uva" (favola di Fedro, autore romano del I sec. d.c) o "odio le donne e i chad", che - come citavi - sono sempre esistiti.

      La Redpill non ha come obiettivo la generazione di un "rancore" che dovrebbe portare ad un "socialismo della figa" ma il parlare con la stessa chiarezza che tu dichiari: per questo è più normale discuterne mentre risulta meno comprensibile la posizione della maggior parte della società (e soprattutto delle femministe) di negare del tutto la presenza di differenti opportunità sessuali.

      E' inoltre evidente che l'attuale assetto sociale, amplificato dalla presenza dei social media, è un effetto risultante dalla consapevolezza di gruppo, ossia una NUOVA REALTA' EMERGENTE.

      E' quindi normale che si parli di Redpill e si dovrebbe parlarne in tutte le sedi pubbliche (come le scuole e nella politica), analogamente a come si parlava di come l'internet aveva modificato le nostre abitudini operative già nei primi anni del nuovo secolo, per capire come le trasformazioni degli ultimi 50 anni hanno ulteriormente e velocissimamente modificato la nostra socialità, in particolare il mercato sessuale.

      Accettando dunque come corrette anche queste valutazioni da parte di coloro che accusano le disparità di questo mercato, vorrei chiederti di accettare anche le conseguenze che queste scelte hanno introdotto nella società, effetti che questo sito ha ben documentato.

      Infine, se vuoi capire come ci siamo trasformati dalle sole nostre attitudini biologiche nell'attuale "uomo moderno", ti consiglio di leggere "società liquida" di Z. Bauman.

      Non si parla quindi di "massimi sistemi" ossia di come tu le definisci "discussioni sterili di elementi fuori dal nostro controllo" ma di capire come le nostre singole peculiarità, interagite in un contesto unificato, producono una realtà emergente e di come questa - a sua volta - generi un feedback di ritorno sul singolo individuo.

      Infine, lasciami dire che si può sempre cambiare tutto e "se vuoi cambiare il mondo, comincia da te stesso e il mondo cambierà per te" (Mahatma Gandhi)

      Elimina
    46. Mark, la cosa che fa rizzare il pelo a te e ad altri, è il parlare con onestà di cose fattibili da sè, senza sperare negli altri o in megarivoluzioni.
      Perchè va a solleticare una serie di cose che avevate messo nel cassetto 5-10-20 anni fa e oggi date per assodate.

      Quando vedi certi soggetti trasandati, lasciati andare, vestiti di merda, senza un lavoro, senza amici, totalmente fuori dal mondo, talvolta con lo sguardo perso nel vuoto mentre pensano a Gufetto Puffetto, ti viene davvero da chiederti: "Ma il problema è la società che non ti ama, o sei tu che per primo non ti ami?"

      E non parlo necessariamente di 20enni.
      Ho frequentato quei posti, so il clima che si respira.
      Ho visto 45enni aprire quotianamente discussioni del tipo "Se metto un orologio Breil sono alfa o beta?" "Se metto una camicia sbottonata sono alfa o beta?" e ancora "Se vado a prendere questa ragazza con l'autobus, visto che non ho la macchina nè la patente, va bene o devo andarci in taxi?".
      A 45 anni...
      Ciliegina sulla torta: "Mi hanno licenziato dopo 3 giorni perchè il mio stato mentale e gli psicofarmaci che prendo sono incompatibili col lavoro di segreteria che dovevo fare"

      Tratto da casi reali tutt'ora attivi.
      Leggendo topic sparsi qui e là nei vari Fdb, e vedendo un po' di fotografie di utenti che hanno tolto la maschera e si sono mostrati pubblicamente, non ho notato casi conclamati di deformità, non ho visto mostri da circo. Era semplice trascuratezza, o un mix di trascuratezza e disagio sociale.
      A volte la soluzione ce l'abbiamo proprio sotto il naso, e invece la cerchiamo chissà dove.
      Nessuno vende ricette facili o da teleimbonitore. E' che spesso le soluzioni ai nostri problemi sono facili per davvero, più di quanto pensiamo.

      Poi tu o qualcun altro magari è un mostro senza speranze. Questo non lo posso sapere perchè qui vedo nicknames, non fotografie.
      Magari tu sei un Aranzulla, un Leopardi dei nostri giorni, e in tal caso hai tutta la mia solidarietà.
      Ho sempre sostenuto che in certi casi non c'è davvero molto da fare, solo MS a vagonate potrebbero raddrizzare in parte le cose. Che l'unica alternativa realistica è tirarsi fuori dai giochi e frequentare escort, o emigrare in Oriente dove un 3.5 alla Aranzulla è percepito come un 6 scarso (JBW theory).
      Ma quanti Aranzulla esistono in Italia? E quanti in rapporto alla mole di utenti dei vari (ormai sono così tanti che ho perso il conto) Fdb?

      Elimina
    47. @ Mark : le cose sono cambiate, ma dal mio punto di vista non certo in peggio. Almeno oggi le ragazze a chi vogliono loro possono darla, una volta no. Quindi avrebbero scopato meno non solo i "chad", ma anche tu. Se eri un 3 o 4, massimo 5, ti sarebbe toccato, a meno di essere molto agiato, la cessetta pariestetica. Dici oggi nemmeno quella? Capirai che perdita, meglio allora allargare lo sguardo e cercarsi una biondina est europea o una tettona sudamericana, se qui da noi sei almeno intorno a 4.5-5 . Se poi sei dal 4 in giù, non c'è molto da fare, come non ce n'era allora : quindi, andando a stringere, dove sta tutto questo peggioramento, quali sono tutte queste opportunità perse in seguito alla "rivoluzione sessuale"?? Giusto la sicurezza di sposarti una cessetta pariestetica, che non ti interesserebbe nemmeno!

      Fa benissimo Dave a sottolineare che un ipotetico "socialismo della figa" peggiorerebbe di molto la situazione di molti, per migliorare di molto poco quella di pochi, un po' come la cosiddetta "decrescita felice" teorizzata da vari movimenti politici, tra cui i nostrani M5S, fautori di un pauperismo alla Chavez-Maduro!

      Elimina
    48. @Anonimo 15:01

      "Quindi ci si chiede perché non solo non ci si prova, ma addirittura si reagisca male quando li si propone."

      È molto semplice.
      Il rifiuto assoluto di qualunque forma di aiuto, insieme al pessimismo cosmico, la perdita di interesse per qualunque attività, l'isolamento sociale, è uno dei sintomi cardine della depressione.

      In altre parole il depresso crede che per lui non ci sia nulla da fare, che non lo si possa aiutare in alcun modo, che sia tutto inutile, che sia "tutto finito".
      Queste parole ti suonano familiari?

      Elimina
  6. penso che nelle alte sfere il problema sia noto da tempo ma viene camuffato per non creare allarme, con la mensogna che ci sono piú donne che uomini. tipo in italia su 60 millioni di abitanti 32 milioni sono donne e 29 uomini. ma quel che non si dice é che il 80% di anziani sono donne. quindi in etá fertile sono molto di piú gli uomini. e per ció matematicamente non ci sono cmq suffienti donne per ogni uomo. in passato questo divario veniva risolto con le guerre dove morivano esclusivamente uomini ribilanciando i conti. cioé la guerra era un male necessario ( purtroppo a discapito di noi uomini) adesso che dopo piu di 70 anni non ci sono state piu guerre mondiale a bilancire la cosa questa disparitá aumenta a dismisura. gia nella seconda guerra mondiale non morirono solo uomini per via dei bombardamenti di citta. prima si moriva solo nei campi di battaglia solo uomini. adesso a peggiorare il tutto é il fatto che le donne lavorando cominciano a morire anche loro di infarto e malattie legate al lavoro che prima sterminava solo uomini. adesso pure spingono le donne al lesbianismo alle politiche anti uomo in generale con continue notize di feminicidio. sembra poi che atraverso le publicita piu che il prodotto stesso vogliono involiare le donne ad andare con africani. ¿ quante pubblicitá ultimamente che ci fan vedere un africano in coppia con una europea. booking. pubb. di abigliamento etc... io la soluzione non la vedo. ma credo che persino i chad non se la passano bene piu di tanto almeno non come una volta. perché é sempre un cattivo uomo white oppressore. chissa se le sexdoll sostituiranno le donne. gia ne fanno delle molto belle con dei corpi cosi perfetti da essere surreale. sto pensando ad acquistarne una ma costa sui 2000 eurozzi. e anche 10mila le piu robotizate. hanno delle pelle molto realistiche e con scheretro e visi stupendi. gia solo da guardarle ti vien duro aaahahaha andate a vederle sui siti dove le vendono é da rimanere sciokkati axl.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. ho letto ultimamente che dagli anni 68 le donne hanno iniziato a fare meno figli e questo si traduce in minor nascite di femmine (sono molte di piu le nascite maschili che non femmine) e questo fa si che gia da tempo manchino al apello gran quantitá di femmine e la cosa va peggiorando con la crescente disnacita che c é in europa. persino in paesi come la romania dove figliavano di brutto.gran paese esportatore di boldre. adesso non fanno piu tanto figli. ecco perché non c é piu il ricambio generazionale sulle nostre strade in via d estinzione. persino li in romania han poche donne per loro che sono diventate preziosissime e se le tengono la. per i piu abbienti. come disse redpill é una questione di troppa domanda e pica offerta axl

      Elimina
    2. PS quindi solo i migliori e ricchi avranno acceso alla vulva. e ancora.. ancora.. perché adesso le ricche sono piú le donne che non i maschi. tutte fan soldoni senza darla mettendo video sex e guadagnando tanti soldi. con milioni di cibesini e koreani che pagano per vedere videochat sexi. o fan soldoni con tanto di folower che li fan guadagnare. nei lavori normali preferiscono donne. ove prima questi lavori li facevano gli uomini. camerieri. autisti autobus. ormai le donne non hanno piu bisogno dell oumo per sopravivere. essendo autosufficenti molte donne fanno a meno degli uomini. preferiscono viaggiare con amiche. aperitivi. senza scocvuatore geloso. si trombano chi vogliono chad e poi calcio in culo. axl

      Elimina
  7. Ragazzi, ma seriamente pensate che la società farà qualcosa per gli incel???

    Ormai il maschio bianco giovane eterosessuale single (soprattutto se NEET e brutto, per i belli o i ricchi le regole han sempre un valore differente) è il nemico numero uno per la società.

    Vista l'aria che tira e che tirerà andremo sempre più verso l'approvazione di norme assurdamente liberticide come il codice rosso, le cui denunce peraltro godono di corsia preferenziale rispetto ad ogni altro reato.
    In caso non lo sapeste si ribaltano i concetti legislativi universali come l'oggettività del reato (i tre criteri per presentare denuncia per stalking ora sono cose allucinanti e completamente soggettive, se una ti accusa dicendo che le è venuta l'ansia come cazzo fai a dire che non è vero???) e la presunzione d'innocenza fino alla sentenza.

    Fidatevi che è già tanto se uno non si trova pignorato pure quel poco che possiede perchè la fighettina del liceo a cui faceva da orbiter dopo qualche anno ci ripensa e lo denuncia per stalking...

    RispondiElimina
  8. Due settimane fa ero a Milano per un apericena con amici/amiche in un locale piuttosto cool. Mi sono guardato intorno. Il 95% delle donne erano fighe e avevano atteggiamenti da prime donne. Il 60% dei ragazzi erano dimessi e avevano atteggiamenti da sfigati (un paio di essi guardava il Milan in streaming). Non ho alcuna voglia di disquisire sul perchè/percome, ma questa situazione non và bene. L'uomo è timoroso, e la donna è aggressiva. E' accaduto qualcosa che ha stravolto il ruolo maschio/femmina, e il maschio ha perso sicurezza e subisce passivamente. A mio avviso l'approccio sui social ha indebolito l'uomo. Non ci mette più la faccia. Agisce al riparo, dietro a un display. Una volta era un leone, ora è un coniglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalità non strutturate (tipicamente millennials e generazione Z) si comportano così.

      Di certo i social network vanno boicottati ad ogni costo. Si parte da lì.

      Elimina
    2. @Giacca:

      A me il conoscere le donne online ha aiutato moltissimo.
      Certo devi essere leone e correre per prendere la gazzella se uno è comniglio sui social lo è anche dal vivo.

      Così per curiosità quale era la percentuale di uomini e donne in questa serata ?


      firmato: Ex Nerd Chatters Slayer

      Elimina
  9. "Vengono colpevolizzati, vengono trattati come pazzi da curare, come potenzialmente pericolosi."

    Qui la colpa è anche e soprattutto dei vari forum, sia italiani che americani (i vari Lookism e compagnia bella), che producono veri e propri mostri.
    La ricetta di questi luoghi virtuali è un mix di autocommiserazione, distruzione nei confronti di sè stessi, atteggiamento nichilista nei confronti di tutto e di tutti, affossamento reciproco, chiusura totale nei confronti di qualsivoglia miglioramento personale (anche di tipo estetico: il looksmaxing, sia chirurgico che non, viene ridicolizzato e bollato come "inutile", senza distinguere i casi dove c'è effettivamente poco da fare e quelli dove invece il potenziale è notevole).
    Alcuni sintetizzano tutto con il termine "blackpill", ma in realtà trattasi di delirio bello e buono.

    Last but not least, in quei forum di può assistere a trollaggi davvero di terz'ordine, buoni al massimo per farsi grasse risate: ad esempio ci sono vari gruppi di personaggi che s'inventano scale di valutazione assurde, prendendo come riferimento i tronisti di U&D o peggio i modelli invece della persona media, arrivando a giudicare come "6" persino alcuni divi di Hollywood (ad esempio gli attori di una nota serie TV anni '90, ma non solo) e di conseguenza affibbiando voti assurdamente bassi a tutti.
    Quello che chiamo "Gioco del Brutto".

    Personalmente, ritengo che questo sia un problema della redpill, bello evidente e che contribuisce all'immagine negativa che molti si creano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passano le giornate a valutare la "bellezza" (secondo i propri gusti, poi) degli altri, e poi sono i primi a dire che loro non hanno nessuna opportunità nella vita perché sono brutti. Okay. È un comportamento sanissimo, sicuro.

      Elimina
    2. @Anonimo 14 ottobre 2019 16:25

      No ma quello è il minimo.

      A parte appunto il fatto che pochissimi sanno valutare davvero obiettivamente e ognuno tende a crearsi la propria scala, utilizzando sistemi del tutto arbitrari.
      Senza contare che anche lì in tanti non sono brutti e forse neppure bruttini (anche se, rispetto all'utenza che frequenta il blog, dove in tanti siamo nella normalità estetica o normocarini, la media estetica è sicuramente più bassa).

      Il problema vero di quei postacci è proprio il leitmotiv di fondo: tutti o quasi ossessionati dalla figa, che si autocommiserano, si affossano, odiano tutto e tutti (e con ciò non intendo solamente casi di palese misoginia, anzi) sparando deliri assurdi e trollate di serie Z, in un vortice perverso.

      Occorre rendersi conto, una volta per tutte, che questi millemila forum non hanno nulla a che vedere con la vera redpill, anzi vanno proprio a danneggiarla: ecco perchè, per conto mio, sarebbero tutti da chiudere (così come i vari gruppi Facebook, del tutto inutili e controproducenti pure quelli) lasciando in piedi solamente questo blog, dove l'atteggiamento e la logica di fondo sono PROFONDAMENTE differenti.

      Elimina
    3. "il looksmaxing, sia chirurgico che non, viene ridicolizzato e bollato come "inutile""

      Ma che palle vai raccontando?
      MA CHE PALLE VAI RACCONTANDO??!!!
      Red, banna questi bugiardi, cazzo!

      Elimina
    4. LOL, l'admin di questo blog mi conosce da una vita, in più conosce e comprende benissimo la mia posizione riguardo a quei forum, quindi il tuo tentato flame finisce ancor prima di cominciare :D

      E comunque sì, su quegli spazi virtuali va per la maggiore l'accasciamento, il "tutto finiiiiitooooohhh!111!!1" e il "siamo bruuuuuttttiihhhh siamo ratti e vermiiiiihhhh!111!!".
      Spesso e volentieri, chi propone una via d'uscita dalla bruttezza rischia di venire demonizzato ed attaccato gratuitamente.
      Poi c'è indubbiamente una minoranza di utenza che la vede diversamente e magari ha looksmaxato essa stessa, anche chirurgicamente e con risultati notevoli.

      Elimina
    5. @Marco Ha cattive conoscenze allora. Dalle minchiate che scrivi ero ormai convinto che fossi una donna.
      E io non stavo "tentando flame", la mia è un'accusa bella e buona perché sei un bugiardo. È molto ironico che Red ti faccia passare questi commenti pieni di menzogne, considerando che proprio questo articolo cerca di fare chiarezza contro gente come te.

      Spero solo che i lettori prendano con le molle i "fatti" di voi pomposi saccenti.

      Elimina
    6. Un inciso che si può leggere nemmeno troppo di rado su quei forum, oltre agli estratti già riportati è: "Spero di morire".

      Questo è un dato di fatto, non sono menzogne (purtroppo).
      A parte il fatto che secondo me quando fanno certe sparate trollano a tutto spiano, ma vabbè.

      E qui chiudo il discorso: sono sempre aperto al confronto civile e costruttivo, quindi se il mio interlocutore supera certi confini, chiudo la porta in faccia senza troppi complimenti.

      Elimina
    7. Marco, ma sei ritardato? Sono dei meme!!
      Non capisci niente della cultura memetica e del trollaggio, prendi le cose alla lettera e ci spari sopra sentenze.
      Sto cercando di farti capire che interpreti male quello che leggi. Sei peggio dei giornalisti, perché almeno loro si fanno pagare.
      Ti consiglio di non andare sui *chan, altrimenti cominci a chiamare i carabinieri ogni 10 minuti.

      Elimina
    8. Aggiungo un video, che magari ti svegli un attimo.
      https://www.youtube.com/watch?v=_24w5h_GIOA

      Elimina
    9. Hanno dei problemi e gravi, non importa se è trollaggio o no. Invece che migliorare se stessi continuano a scrivere cazzate e a far crescere l'odio che hanno dentro. Concordo con Marco, quei siti andrebbero buttati giù.

      Elimina
    10. E secondo te, censurando i loro sfoghi, migliori o peggiori la situazione? Come mai li vuoi zittire tutti? Hanno toccato un nervo scoperto?
      Comunque, la blackpill sono tutt'altro che cazzate. È la verità di come funziona il mondo, e ai cuck come te da fastidio ammetterlo.

      Elimina
    11. Alex2, mi gioco entrambe le mie palle e pure il pendolino che ci sta attaccato, che tu sei uno di quegli utenti di cui parla Marco.
      Uno di quelli che non fa altro che postare memes a manetta, lamentarsi, dire che è tutto finito, e che le ragazze sono tutte troie stupide superficiali e che andrebbero trattate come animali. Che l'unico modo per scopare è nascere belli come O'Pry, e visto che non sei nato come O'Pry l'unica soluzione è una corda al collo o l'eutanasia in Svizzera. Uno di quelli che ha tagliato i ponti col mondo e vive chiuso in cameretta collegato h24 a internet dove sfoglia siti incel italiani e stranieri.
      Ci ho preso?

      Elimina
    12. @Anonimo 17 ottobre 2019 12:14

      Ma ovvio che ci hai preso, mi pare quantomai evidente.

      Comunque consiglio sia a te che ad altri di non abboccare e chiudere il flame: questi personaggi "blackpillati" (che poi 'sta blackpill l'ho sempre vista non tanto come un'estremizzazione della redpill, ma proprio come una forma di bluepill mascherata e rigirata in modo perverso, tale da renderla QUASI irriconoscibile) vanno lasciati nel loro brodo, anzi nella loro melma.

      Elimina
    13. @ Anonimo17 ottobre 2019 12:14
      Gli attacchi ad hominem sono propri di chi non ha argomenti.
      Qui stiamo discutendo di redpill, non degli utenti.
      Prova di nuovo.

      Elimina
  10. Benché non esplicitamente, la teoria LMS è a mio avviso spiegata bene qui dal Prof. Jannini (insigne andrologo ed esperto in sessuologia) - https://www.ok-salute.it/blog/la-scienza-del-sesso/attrazione-fisica-chimica-o-amore/

    Ora, l''incellitudine' si correla a tale teoria; tuttavia, taluni studiosi, a differenza del prof. Jannini, sembrano fare affermazioni che, per quanto mi riguarda, dissento decisamente!

    La soluzione alla 'sfiga', anzi il palliativo, è uno solo! Escort per tutti a prezzi accessibili.

    Se è vero che lo Stato non può dare la felicità, può tuttavia non infierire sull'infelicità!!

    La libertà è il più grande dei beni, non gettiamola via introiettando ideologie illiberali. Proponiamo piuttosto l'esaltazione dei diritti civili: non garantiranno la felicità, ma saranno capaci di esorcizzare tutti i 'demoni'; e un incel sarà compreso, no 'crocifisso'; e una Escort sarà 'santificata' e no 'svergognata'.

    RispondiElimina
  11. E' la prima volta che commento, nonostante io segua il blog dalla sua nascita praticamente e più volte ho avuto corrispondenza con Red. Io vedo tanto parlare, tante chiacchiere ma poi pochi fatti, poca gente che si cancella dai social, poca gente che antepone i valori personali alla figa, si pontifica ma non si fa nulla di concreto e la cosa più grave è che nemmeno si tenta di farlo. Ai tempi di mio padre, che fu parte di Prima Linea, la gente quando aveva disagio si riuniva in gruppi e faceva quello che doveva, anche rischiando la galera e la vita. Sì amici miei, non esistono rivoluzioni fatte dal divano di casa, la rivoluzione non è un pranzo di gala. Non sono d'accordo assolutamente con i pazzi alla Elliot Rodger, ma fare azioni di agitazione o altro che non includa uccisione di innocenti disarmati, sarebbe opportuno. Più volte ho proposto io, mettendoci la faccia, una creazione di un gruppo Telegram o incontri dal vivo in qualche città del nord, come ad esempio Milano o Torino, due grandi metropoli, ma ho sempre ottenuto picche. Ora vi domando.. cosa siete disposti a perdere per questa causa? Il disagio che sentite è davvero così forte oppure non lo è abbastanza da farvi ancora tenere incollati ai vostri pc, ai vostri social e ai vostri lavori da due soldi? Pensateci, se volete creare qualcosa bisogna riunirsi da soli si fa poco. Alla fine siamo tutti uomini dai 20 ai 35 con i coglioni pieni. Un abbraccio a tutti, non siete soli. - Mattia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ci mancava solo quello che propone le manifestazioni in piazza stile COBAS o centrosocialini.

      Ma lo volete capire che state proponendo la lotta di Don Chisciotte contro i mulini a vento?
      E poi prima parli di non anteporre i la figa ai valori personali, quindi in seguito te ne esci con proclami da Che Guevara de noantri: coerenza proprio ai massimi livelli :D

      La strada migliore è solo una: MGTOW.
      Avanti per la propria strada, dedicarsi ai propri hobbies, alle proprie passioni, al proprio lavoro e per il resto fregarsene.

      Ci sono un sacco di cose mille volte più importanti della figa, cristo.

      Elimina
    2. Ma guarda, io non sono un centrosocialino, anzi sono piuttosto a destra. Dove sarebbe l'incoerenza? La MGTOW è una soluzione solo se puoi permettertelo, altrimenti sei solo come la volpa che non arriva all'uva.

      Elimina
    3. Hai pienamente ragione Mattia, io stesso ho proposto di avviare un dialogo anche con esponenti dell'ambiente politico o comunque politicizzato più o meno vicini al nostro pensiero su linee generali (ad esempio Fabrizio Marchi, l'autore di "Contromano") e alcuni stanno proseguendo privatamente in questa direzione. La cosa migliore a parer mio sarebbe mantenere vivo il dialogo con questi personaggi e far accogliere le nostre istanze dai vari movimenti sociali sovranisti, sia di destra che di sinistra, che stanno sorgendo per contrastare il neo-liberismo che con le sue trame determina anche l'atomizzazione della società e l'isolamento sociale dell'individuo che determina anche le cause che portano all'espansione incontrollata dell'inceldom tra i giovani maschi, con strumenti come tinder, instagram eccetera.

      Elimina
    4. Ma infatti al di là delle idee politiche di ciascuno di noi, in comune abbiamo il fatto che siamo comunque vittime di questa società, sia che siamo di destra sia che siamo di sinistra. Comunque mi rivolgo a Red. E crealo sto gruppo telegram, il mio numero ce l'hai :)

      Elimina
    5. @Mattia 14 ottobre 2019 12:32

      Ma cosa vuol dire "è una soluzione solo se puoi permettertelo"???

      Essere MGTOW è una scelta libera e ponderata, il tuo discorso è la classica uscita da detrattore medio degli MGTOW come se ne sono lette già ventordicimila, roba trita e ritrita.

      Comunque personalmente, sì, "me lo posso permettere".

      Se volessi una ONS, attiverei Tinder (non avendo giri sociali, l'unico mezzo teorico per conoscere donne sarebbero questi social) e nel giro di circa una settimana-10 giorni otterrei questa ONS...però con una tipa sul 5 o 5,5 massimo.
      Farei match anche con pariestetiche sul 6 o pure 6.5, però queste da me cercano una LTR (che rifuggo a prescindere, ritenendole un trappolone nella stragrande maggioranza dei casi).
      Tutto già testato e sperimentato a suo tempo utilizzando appunto questa app d'incontri.
      Dato che, al tempo stesso, evito a prescindere le LTR e non sono attratto da donne che non siano almeno pariestetiche (dunque dal 6 in su) causa bassa libido o "standardcelismo" che dir si voglia, scelgo CONSAPEVOLMENTE E PONDERATAMENTE l'opzione MGTOW.

      Comunque questo tipo di proclami "rivoluzionari" sono veramente bolle di sapone, roba fumosissima e inutile.
      Piuttosto, bisogna smettere di porre la figa su un piedistallo: questa sarebbe la vera rivoluzione, altrochè.
      E smetterla pure di vedere nel femminismo il nemico numero uno (fintanto che non sfocia in palese misandria, personalmente non lo vedo chissà quale problema): il vero problema sono proprio i morti di figa, l'esercito sterminato di zerbini che va a distorcere tutto il sistema di relazioni intersessuali, un problema tutto italiano o al limite dei paesi mediterranei.
      Si dovrebbe piuttosto imparare da nordeuropei, esteuropei e mitteleuropei, macroaree dove lo zerbinismo praticamente non esiste (tranne forse in alcuni paesi dell'Est).

      Elimina
    6. Quoto Marco.
      Di improbabili rivoluzioni maschili al grido di "Forza maschi, abbasso le donne", ne ho sentito parlare non so quante volte con toni che vanno dal goliardico al politicamente impegnato.
      E' una cosa semplicemente impossibile.
      Non si può riequilibrare il mercato con una manifestazione in piazza o una lettera aperta alla "società civile".


      Giusto invece sensibilizzare gli uomini sui pericoli associati al mettere le donne sul piedistallo. Inseguirle, incensarle continuamente di odi e complimenti, diventare uno zerbino su cui possono asciugarsi i piedi, sono cose che diminuiscono il tuo valore di uomo e aumentano a dismisura il loro. Valore che, di fatto, è associato al possesso di una vagina.
      E così si arriva al punto centrale della "questione maschile": l'uomo che ha valore riproduttivo nella misura in cui è in grado di mostrare "gradi" sulla sua divisa, conquiste, vittorie (anche alla lotteria genetica), la donna che ha valore riproduttivo solo in quanto donna.

      Al di fuori dell'Italia questa mentalità malata non esiste. Le donne sono molto più docili e alla mano.
      Ho conosciuto di recente una ragazza che viene dall'est-europa e che studia e lavora da 10 anni in Italia. E' una che potrebbe accedere a ragazzi molto più belli di me, più alti, più capelloni, più fisicati, più tatuati, eppure ha scelto me. E non ho nemmeno dovuto fare chissà che salti mortali in fase di corteggiamento o proporle "una cosa seria". Era lei che mi cercava, che faceva la simpatica, che la sera mi mandava le foto in perizoma.
      E no, non è prostituta, prima che qualcuno faccia facile ironia sulla sua provenienza. E' una che è stata educata al valore del lavoro, non al valore dello stare davanti a Uomini&Donne o in discoteca a troieggiare. Che si spacca la schiena sui libri e si guadagna da vivere onestamente. Le ho mostrato il giusto interesse senza però scadere in odi poetiche sulla sua inarrivabile beltà, senza cercarla ogni giorno con insistenza o mostrandomi disperato e bisognoso della sua figa.
      Per avere la sua corrispondente estetica italiana invece ho spesso dovuto mettere sul piatto relazioni fisse e lanciarmi in estenuanti corteggiamenti.

      E' questa la rivoluzione che si dovrebbe fare, sensibilizzare i propri fratelli così che la smettano di svilirsi quotidianamente in nome di due labbra pelose. Che inizino a centellinare le attenzioni di cui le donne hanno disperato bisogno.
      Non scendere in piazza con gli striscioni per chiedere alle donne di essere meno selettive e darla più facilmente.

      Elimina
    7. Dave se hai avuto questi riscontri anche con italiane (pur dovendo mettere sul tavolo LTR) vuol dire che o sei sopra la media estetica o appartieni a una generazione che non è stata eccessivamente rovinata dai social e app di incontri. Io ho poco più di 25 anni e i miei coetanei dal normobrutto in giù non trovano niente né in Italia né all'estero, ormai anche le cesse obese vogliono minimo il tizio nella norma estetica visto che su tinder possono trovarne quanti ne vogliono disposti a svuotarsi le palle con loro e che ormai più a nessuna importa qualcosa di avere una relazione fissa ma preferiscono passare dal cazzo di un belloccio all'altro.

      Elimina
  12. Il Bello dei Brutti14 ottobre 2019 17:39

    Ma io dico, non c'è nessun (ex) incel redpillato o semplicemente redpillato al governo che potrebbe esporre ragionevolmente le esigenze di questi buona fetta di elettorato?

    Magari qualcuno che bazzica la politica in questo gruppo può farsi promotore di una proposta di legge per la riapertura delle case chiuse con limitazioni e multe salatissime per i puttanieri sposati, così fanno contenti tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al governo c'è della feccia corrota, vigliacca e ladra, quindi se non hanno denari da guadagnarci, nulla si muove.

      Elimina
    2. L'unico che aveva proposto alle ultime elezioni la riapertura delle case chiuse ai fini di recuperare proventi dalle relative tasse era stato Salvini ma venuto l'accordo coi 5 Stelle aveva tolto questa proposta dal contratto di governo. Durante la sua esperienza di governo le stesse proposte della sola riforma del diritto di famiglia portate avanti dal senatore Pillon della stessa Lega sono state boicottate e infine ritirate dalla discussione parlamentare prima della caduta del governo. Conclusione: ci saranno anche dei politici RedPillati ma sanno che al momento non c'è sufficiente consenso per introdurre modifiche allo status quo

      Elimina
  13. Intanto mi spiace non essere presente ma hanno messo di fianco a me un collega che "controlla" troppo cosa faccio :-( .
    Non è una spia o altro, ma quando mi vedo i siti delle mie nerdate (vecchie e nuove)...ieri mi chiedeva informazioni sull'attacco dei giganti insomma mi da fastidio E vorrei evitare vedesse questo sito.
    Quando scriv(ev)o lo facevo in orario di lavoro per rilassarmi di sera se possibile tendo a fare altro (anche se è capitato commentassi su questo sito).

    Mi sembra di dire che sia un vero volcel E delle donne non gliene frega nulla anchd se due volte con battute tristi (passano due colleghe vestite non proprio da ufficio ED una giovine stagista) lo ho liquidato dicendo che al lavoro io spengo gli ormoni.


    Sul discorso incel da spiegare ai mentecatti blupillati (specie alle tizie che ragionano alla sex-and-the-cities) può essere in tema un mio commento fatto in questo post:
    https://www.ilredpillatore.org/2019/07/il-vero-motivo-per-cui-gli-incel-odiano.html?showComment=1562002588034#c5521546537670124862
    Dove a mio modo esprimevo l'odio verso una visione blu-pillata delle donne italiote sulla "parità del mercato sessuale".


    firmato: ex-nerd-chatters-slayer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ex Nerd Chatters Slayer 14 ottobre 2019 21:33
      "hanno messo di fianco a me un collega che "controlla" troppo cosa faccio" Ti hanno messo "sotto doppio controllo segreto"... ;-D

      Elimina
    2. Bella questa...vinci altri +100 punti :-) .
      Guarda più che altro cerca un confronto ci sta anche ma a volte si prende il caffè insieme allora il guardare il PC altrui lo trovo fastidioso.

      Comunque può essere sai :-) ... perchè poteva mettersi alla scrivania dopo ed avremmo avuto entrambi privacy ma contento lui (da quanto mi ha detto lo hanno assegnato al posto dove è ora).

      Elimina
  14. Mi sono letto tutti i commenti una faticaccia!Ah,ah.Tornando serio è evidente che il problema degli incel pian pianino sta venendo fuori grazie al web.Soluzioni in tasca ?Non ne ho, che siano bordellli liberi o altro difficilmente nella società misandrica attuale qualcuno faccia qualcosa.però posso dire che sempre più sia qui che su vari forum di brutti /incel qualcuno vuole organizzarsi per incontrarsi in real .Beh signori buon segno, io personalmente ho contattato qualcuno ci si vedrà direttamente.Consiglio anche a voi di farlo un guppo anche piccolo poi magari ci troveremo e ci ingrandiremo.Un saluto a voi tutti.

    Shoggoth

    RispondiElimina
  15. Le ipotesi cervellotiche vengono fatte per spiegare i casi estremi, in cui è difficile demarcare una linea di confine tra la pazzia pura, il disagio sociale, e la semplice difficoltà a essere amati.
    Se in quegli ambienti condannaste i facinorosi, non osannaste gli assassini, evitaste certe derive oggettivamente di cattivo gusto tanto da sconfinare nel trash, magari l'opinione pubblica vi prenderebbe più sul serio e inizierebbe a parlare del problema.
    Provate a dare l'immagine di un gruppo di persone serie e mature che però nella vita hanno grosse difficoltà relazionali.
    Provate a censurare i contenuti più deprecabili, a riallinearvi a ciò che dovrebbe essere un forum di civile discussione.
    Forse quel giorno le cose cambieranno e la vostra causa verrà presa sul serio.
    Fino ad allora la gente vi tratterà con un misto di sufficienza e compassione. Dirà che siete un gruppo di ragazzini dissociati dalla realtà. Che avete problemi a trovare una donna perché avete altri mille problemi di contorno, che le donne sono la punta dell'iceberg di un qualcosa di ben più serio che tocca ogni area della vostra vita, cosa che, leggendo i vostri forum e vedendo le interviste in tv, si dimostra vera nella maggior parte dei casi.

    Accusate il mondo di ghettizzarvi e bullizzarvi, quando i primi a ghettizzarvi nei vostri forum e bullizzarvi tra utenti con offese e battute di pessimo gusto, siete voi stessi. Analizzare con razionalità i propri problemi? Quei posti sono l'antitesi della razionalità, sono più assimilabili a un'aula scolastica dove un gruppo di 15enni chiassosi si spintona a vicenda.
    Ma si sa, è più facile accusare la società di essere cattiva e non comprenderci, fare la parte della vittima sacrificale sollevandosi da qualunque responsabilità, piuttosto che guardare in casa propria e fare un po' di sana autocritica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Max84

      Chapeau.
      Concordo su tutta la linea.

      Fra quei forum che di redpill e di razionale non ormai hanno più nulla e questo blog (più pagina Facebook associata) non ci passa un abisso, bensì un universo intero.
      Comprendo quindi l'opinione negativa che si può creare l'opinione pubblica e la scusa che "sono solo memes" non regge granchè.

      Elimina
    2. E a dirla tutta, chi li guarda con compassione non ha poi tutti i torti.
      Quello che tiene il look di Fallout4, si dichiara ginofobico e trasuda disagio ancor prima di aprir bocca, quello vestito come se dovesse andare a fare jogging che non ha il coraggio di parlare a una donna e pensa di ricontattarla in un secondo momento con un approccio da stalker prendendo le sue generalità, quello che il coraggio lo trova ma appena dà fiato alla bocca chiede se il suo livello estetico è abbastanza alto per intrattenere una discussione con lei, quello 30enne pelato vergine zero esperienze che va in discoteca con l'amico nelle stesse condizioni ad approcciare le 18enni fighe che lo prendono per il culo (e pure per il nonno), il 35enne che anziché cercare un lavoro e una casa per volare via dal nido materno e affermarsi nella vita, impegna il suo tempo con le cards dei Power Rangers e la PlayStation, quello senza un titolo di studio e che non ha mai concluso nulla nella vita che vive di memes e si ubriaca a giorni alterni.

      Capisci che un osservatore esterno fa 2+2 e trae le sue conclusioni.
      Una volta ubriaconi, fannulloni, disagiati, eterni bambini, non stavano su internet a fare l'agnello sacrificale. Stavano al bar a fare gli scemi del villaggio raccontando palle su improbabili fidanzate tedesche avute in vacanza. Con gran soddisfazione loro che avevano i loro 5 minuti di gloria, e degli avventori del bar che si godevano 5 minuti di cabaret a costo zero.

      Elimina
    3. Intanto non capisco perché usi il "voi" visto che questo non è un blog per incel.
      Secondo: confondi il fenomeno incel con il fenomeno forum degli incel. Gli incel dei vari forum sono una piccolissima minoranza di un insieme enorme di uomini, composto da milioni di persone.
      Terzo: il servizio televisivo sugli incel a cui fai riferimento è stato taroccato per far passare gli utenti ancora più disagiati di quanto non siano.
      Il giornalista a suo tempo intervistò anche utenti molto validi che spiegarono le loro ragioni in maniera intelligente e matura.
      Ma evidentemente così facendo gli autori della trasmissione non avrebbero fatto audience e non avrebbero potuto far passare gli incel come casi umani, per cui hanno preferito prendere i tipi più strani e tagliare i loro discorsi facendoli apparire ancora più strani.

      Concordo quindi con il tuo punto di vista secondo il quale i forum degli incel non offrono una buona immagine, ma i media cercano di offrirne un'immagine ancora peggiore, invece di dare voce agli utenti più maturi.

      https://www.ilredpillatore.org/2018/05/sotto-il-7-non-e-vita-mahler-commenta.html

      Elimina
    4. Per quanto ti definisci redpillato, non ci vuole molto a capire che sei un incel. Ogni riga che scrivi trasuda tutte le difficoltà che hai con le donne. Da qui l'uso del "voi".

      Gli incel dei forum sono quelli di cui tutti parlano, quelli che ne rimangono fuori in qualche modo tirano a campare, tra salite e discese, gioie e delusioni, a differenza dei forummari che entrano nei forum e si arenano. Si bloccano là per anni.

      Non metto in dubbio che il servizio di Rai2 sia stato confezionato ad arte per dare un taglio da "caso umano", ma è stato in linea col clima generale che si respira in quegli ambienti. Partite dal non osannare Minassian e Eliot Rodger, provate a censurare i contenuti più di cattivo gusto senza giustificarli (no, non ci si sfoga su internet...per sfogarsi c'è la kickbox), provate ad alzare il livello dei contenuti, provate a dare un'immagine diversa da quella che date ora.
      A quel punto al prossimo servizio o articolo giornalistico verrete presi sul serio, come oggi vengono prese sul serio gli omesessuali.
      E se ricordi come venivano trattati gli omosessuali fino a qualche lustro fa, converrai che la società non condanna la sessualità problematica, diversa rispetto alla massa. Condanna e prende in giro gli eccessi legati alla sessualità (gay pride, effeminati vari).

      Elimina
    5. Allora, premesso che da regolamento di questo blog è vietato fare disinformazione postando dati falsi, rispondo alle tue ultime accuse poi chiudo.

      Punto 1: non sono incel, ho avuto diverse esperienze sessuali e anche storie a lungo termine, l'ho ripetuto non so quante volte nel blog e ho anche postato racconti delle mie esperienze con le ragazze.

      Punto 2: che gli incel che non partecipano ai forum abbiano una qualità di vita migliore di quelli che non lo fanno è una tua supposizione basata sul nulla. Solo perché uno non esprime il suo disagio in rete non significa che non soffra.

      Punto 3: questo blog condanna ogni forma di violenza, qui nessuno negli articoli né nei commenti ha mai osannato terroristi e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Neppure nei forum incel mi risulta che ciò accada, se non in qualche sporadica battuta per fare black humor. Un tipo di umorismo che neppure io personalmente apprezzo ma che è comunque cosa ben distinta da un'apologia di reato.

      Rinnovo quindi il mio invito ad informarti di un argomento prima di parlarne.


      Elimina
  16. Sultano, capacità di sintesi, please.
    Non puoi pensare che la gente legga questi wall of text dove ogni 2x3 parti per la tangente parlando di Kant, Aristotele, funzioni di probabilità, meccanica quantistica e altra roba fumosissima. L'abbiamo capito che sei studiato e che sei qualcosa a metà strada tra l'ingegnere, il fisico, il filosofo, non hai bisogno di far sfoggio del tuo sapere.
    Non qui almeno, visto che nessuno ti pagherà in cambio del tempo che spendi, nè della cultura di cui fai bella mostra.

    Sintesi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione e grazie per gli immeritati complimenti. Non pensare però che abbia ancora quella patina di bluepill che spinge noi uomini a fare i pavoni per piacere alla società ed alle donne.
      Se entrano Kant e Aristotele o la probabilità e la fisica quantistica è solo perché penso che siano utili alla completezza della dimostrazione. Per inciso, Kant è fumoso, ma non Aristotele, che è chiaro sebbene ovviamente legato a un grado di conoscenza scientifica superato dalla contemporaneità. La teoria della probabilità è assiomatica e proprio per renderla meno fumosa l'ho ricondotta alla prospettiva "frequentista". La meccanica quantistica non è fumosa ma solo difficile (e difatti pochi ne capiscono anche solo le implicazioni filosofiche).

      Ho da tempo smesso di usare la cultura per vantarmi, dato che con essa non solo non si mangia, ma neppure, oggi, ci si procaccia figa. CARMINA NON DANT PANEM NEQUE FICAS.

      Ti metto qui il bigino della discussione di oggi, così mi perdoni.

      BIGINO
      ARGOMENTO 1
      Davvero pensate che esistano solo scelte libere e costrizioni? Supponiamo per assurdo che la volontà delle persone sia una variabile booleana non modificabile dall’esterno se non da coercizione. Allora, quasi nessuno metterebbe a 1 la scelta di fare un lavoro utile alla società. Quindi potrebbero esistere solo eremiti o società schiavistiche. Visto che abbiamo conosciuto società demo-liberali, significa che la volontà è una variabile aleatoria con una probabilità condizionata che aumenta rispetto ad eventi come “dato che in cambio ricevo qualcosa d’altro” o “dato che altrimenti vivrei peggio”.

      ARGOMENTO 2
      Scopare è un certo? No, è solo possibile. Anche se per noi poco probabile. E allora parliamo di probabilità, non di certezze. Sono tutte uguali le donne? Sono tutti uguali gli uomini? No, e allora, non conoscendo tutto dell’altra persone (e spesso neppure di noi) anche la “voglia di scopare oppure no” è una variabile aleatoria.
      Quasi tutti lavoriamo. Siamo tutti schiavi? Certo, se non avessimo bisogno di denaro per vivere e di molto denaro per vivere bene forse non faremmo nulla di utile alla società e magari non sceglieremmo lavori pesanti solo perché ben retribuiti. Però nessuno di noi è davvero costretto (perché accettando di sposare la povertà o di ridurre il tenore di vita potremmo stare a casa o fare lavori polleggiati). Siamo allora tutti liberi? Non mi pare. Tutti percepiamo spesso il lavoro come un’imposizione (e lo è, dato che ci sequestra la maggior parte della giornata.
      In realtà, nessuna delle due affermazioni è completamente vera. Ecco perché serve la descrizione probabilistica (valori reali fra 0 e 1). Non ci sono né scelte totalmente libere né azioni totalmente imposte. Ci sono solo diversi gradi di condizionamento. Parità sessuale significa rendere (socialmente) il nostro condizionamento sulle scelte femminili tanto stringente quando lo è (per natura) quello delle donne sulle nostre corrispondenti scelte.
      Questo dovrebbe essere il principio costituzionale numero uno di uno stato redpill!


      Elimina
  17. Salve, è la prima volta che commento, sono un incel di 31 anni redpillato da più di 10 anni "a modo mio" (nel senso che sono stato consapevole delle meccaniche LMS ma appunto non sapevo che da tempo si era creato questo movimento ben organizzato), solo recentemente mi sono affacciato a questa comunità su internet, per cui non ho molta familiarità con i termini usati.

    Mi piacerebbe che qualcuno che ha avuto modo di riflettere a lungo sulle possibili soluzioni al fenomeno incel mi facesse degli esempi concreti su come sarebbe possibile attuare le poche soluzioni teoriche che ho letto fin'ora, anche nell'articolo "Gli INCEL hanno Ragione e vi Spiego Perché" dove appunto le possibili soluzioni vengono trattate in modo molto superficiale e sintetico e solo dal punto di vista teorico, senza fornire esempi concreti di come potrebbe essere possibile raggiungere quei tre obbiettivi.

    Ricordiamo che appunto siamo in una società capitalistica, governata dal femminismo estremo e dal politically correct estremo, che specialmente in questi ultimi anni impedisce qualsiasi discussione pubblica che sia percepita come scomoda al sentire comune accettato dalla maggioranza...

    Quindi più nello specifico vorrei sentire degli esempi concreti e pratici sulla possibile attuazione dei tre punti (do per scontato che abbiate già letto l'articolo di cui sopra dove si accenna a quei tre punti proposti come possibili soluzioni):

    1) Vorrei sapere come sarebbe possibile all'atto pratico "evitare di ficcare il sesso ovunque", quando appunto sappiamo bene che il sesso vende un sacco e in una società capitalistica a chiunque deve vendere qualcosa, che sia una pubblicità per un prodotto o servizio, un programma televisivo o addirittura un film, una serie tv, ecc., inserire il sesso è una carta vincente per attirare l'attenzione, soprattutto del pubblico maschile.

    2) Esempi all'atto pratico di come sarebbe possibile attuare "Una rieducazione della società che passi attraverso i media", sempre tenendo in considerazione il femminismo estremo in cui siamo immersi e il politically correct che permea il tutto... mi piacerebbe proprio sentire gli eventuali messaggi con le testuali parole usate attraverso i media.

    3) Come sarebbe possibile regolamentare la prostituzione, cioè cosa dovrebbe avvenire in questa società avviluppata saldamente nel femminismo e nel politically correct, l'apertura della società alla prostituzione, addirittura con "detrazioni fiscali per i soldi spesi in prostitute", che implica appunto che i contribuenti, cioè persone che pagano le tasse, dovrebbero accettare di buon grado che gli incel e i single in generale vadano a prostitute anche grazie ai loro soldi guadagnati col loro lavoro.

    Quindi, si, se ve lo state chiedendo questi tre punti mi sembrano un po' un utopia irrealizzabile in questa società capitalista, femminista e in piena sindrome da politically correct, ma sono ovviamente ben disposto ad ascoltare argomentazioni razionali su possibili attuazioni pratiche e cambiare eventualmente idea... sarebbe infatti assai gradito addirittura un eventuale articolo del redillatore che spieghi in modo molto approfondito la questione, sempre condito con esempi pratici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue obiezioni per avere risposta richiederebbero non un articolo ma un libro intero. Onestamente non capisco come si possa parlare di utopia irrealizzabile di qualcosa che in gran parte esisteva fino a pochi decenni fa e per certi versi esiste tuttora in altra parti d'Europa.

      Comunque ormai questa polemicha è andata anche troppo oltre, quindi chiudiamola qui. Ribadisco ciò che ho già detto:

      Per me il problema incel è anche in gran parte di tipo sociale e culturale. Non esiste una soluzione universale ma penso che la società possa e debba fare qualcosa per ridurre le ingiustizie create dalla biologia.

      Questo è un punto fermo del mio pensiero, e chi non condivide è troppo distante dalla mia visione quindi ogni discussione su questo tema risulta praticamente inutile.
      Come già scritto più volte, per avere un dialogo utile, bisogna avere dei punti di contatto. Se uno ritiene che non ci siano soluzioni al problema incel e che va bene così ed è sempre stato così non ci sono punti di contatto su questo tema ed è inutile andare avanti. Trovo di cattivo gusto andare nei blog altrui a scrivere lunghi papiri predicando instancabilmente idee opposte a quelle dell'autore. Fine.

      Elimina
    2. Ciao Dave, quindi mi pare di capire che anche tu ritieni le possibili soluzioni impraticabili in questa società e quindi utopiche...

      Il blog è utilissimo, descrive perfettamente a mio modo di vedere le dinamiche sociali moderne, la redipill, il problema degli incel, e tutto ciò che ruota attorno...
      Sono solo le possibili soluzioni, a mio parere, ad essere utopiche e non attuabili e quindi inesistenti... quindi semplicemente quello che si può fare è solo ingoiare la redpill e comportarsi di conseguenza a seconda delle proprie necessità ed inclinazioni.

      Elimina
    3. redpillatore, i punti di contatto penso siano al 99% di quelli totali possibili, sono d'accordo su tutto ciò che scrivi nel blog...
      ed anche se sulle possibili soluzioni sono in disaccordo, non vuol dire che lo sono in maniera definitiva, chiedevo solo delle delucidazioni pratiche se possibile al fine appunto di costruire un dialogo utile...

      ma come hai detto il blog è tuo e se non ti va di parlare di un argomento, liberissimo di farlo...

      Elimina
    4. Non parlavo di te, il mio era un discorso generale dovuto al fatto che da quando ho aperto il blog c'è sempre qualcuno con visioni opposte alle mie che viene qui a pontificare per farmi cambiare idea, con zero risultati.

      Cambiare la mentalità delle persone è una cosa fattibile ma ovviamente non si tratta di una cosa che verrebbe fatta dall'oggi al domani. Si tratta di invertire una rotta di decenni e occorrerebbe parecchio tempo per rendere la cosa meno traumatica. Si inizia dalle piccole cose e poi pian piano la mentalità delle persone si modifica.
      Di soluzioni ce ne sono tantissime, come ti ho detto si potrebbe scrivere un libro su questi argomenti, su come cambiano le società, ma penso che dire che lo status quo non si può cambiare, quando è esso stesso la conseguenza di un cambiamento, sia quanto di più idiota possa esserci.

      Elimina
    5. @Redpillatore
      capisco e ti assicuro che per quanto mi riguarda la mia intenzione non è quella di far cambiare idea a nessuno...

      il mio obbiettivo è solo capire se esistono effettivamente anche solo queste "piccole cose" di cui parli, che possano consentire il cambiamento anche lentamente nel tempo... perchè a quanto mi risulta lo status quo è vero che è sempre conseguenza di un cambiamento, ma il cambiamento è sempre qualcosa di diverso rispetto a prima, difficilmente si assiste storicamente ad un ritorno a qualcosa che è percepito come "superato" e "antiquato", per non dire altro di più grave, non che io condivida, sto solo pensando come farebbe la società attuale... per la società attuale mi pare sia fuori discussione tornare al patriarcato (ovviamente intendo la società occidentale, di cui noi facciamo parte).

      penso sia importante, parlando di redpill, pensare in modo concreto a possibili scenari realisticamente attuabili, tenendo in considerazione la società in cui ci troviamo...

      Elimina
  18. Ho cancellato tutta la mega polemica che si era creata sulle soluzioni al problema incel e che, nonostante le mie ripetute sollecitazioni, non accennava a stopparsi. Mi dispiace perché c'erano contenuti molto validi ma non è possibile monopolizzare in questo modo la bacheca dei commenti con enormi discussioni semi off topic (l'articolo riguardava principalmente la nascita del fenomeno incel, non le soluzioni allo stesso)in cui ogni commento è più lungo dell'articolo iniziale.
    In molti si sono lamentati di questa cosa e per evitare simili situazioni future ho riscritto in maniera ben chiara il regolamento (che c'era già ma che in molti a quanto pare non hanno letto), che siete tenuti a leggere. https://www.ilredpillatore.org/2019/10/il-redpillatore-regolamento-.html

    Detto questo, ho salvato alcune vostre considerazioni riguardo le soluzioni al problema incel. Le utilizzerò come spunto per un futuro articolo. Essendo un tema molto complesso che richiede un'analisi approfondita, mi richiederà però molto tempo quindi abbiate pazienza. Non discutete le decisioni prese perché cancellerò ogni altro commento off topic.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era ora. Certi proprio non capiscono che un conto è commentare per chiedere qualche delucidazione, un altro è salire sul piedistallo e lanciare invettive e sproloqui senza senso approfittando dello spazio di chi ti ospita.

      Elimina
    2. Grande... Non sai quanto piacere mi fa sapere che hai deciso di prendere in considerazione la creazione di un articolo sull'argomento... a prescindere dal tempo che ci vorrà non vedo l'ora di leggerlo, è un argomento a cui sono particolarmente interessato.
      E mi scuso se anche io inconsapevolmente ho tragredito il regolamento.

      Saluti.

      Elimina
  19. Stare con una donna sola e' come mettere i soldi in una sola banca, se questa banca fallisce l uomo perderà isoldi e andrà in crisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stando a quello che si dice qui e che credo corrisponda al vero, sono davvero pochi gli uomini che possono permettersi di essere poligami.

      Elimina
    2. Dipende dalle pretese che si hanno, ovvero di quanto sei disposto a scendere in basso per trovare una donna.
      Se fissi l'asticella a livello 6.5 ti dò ragione, essere poligami è roba per pochi.

      Elimina
  20. Il porno sempre più spinto diviso pure in categorie e la conseguente masturbazione sono l'unico mezzo di questo sistema per mantenersi in piedi, tutti i ragazzi dai 12 anni in su vi trovano sfogo.
    Immaginate un esercito di giovani uomini coi "coglioni" pieni, sarebbe una minaccia per l'ordine sociale, la pornografia oltre a dare soddisfazione immediata alza anche gli standard estetici essendo le attrici molto più attraenti della donna media quindi si sarà meno attratti dalle donne reali lasciando spazio agli alpha che del porno non hanno bisogno e ne fanno uso santuario.
    Risultato una società ossessionata dal sesso ma dove si pratica sempre meno(almeno per gli uomini) o meglio un privilegio di pochi.

    RispondiElimina
  21. Bellissimo articolo! Io sono incel da sempre.

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Prima di postare però per favore dai un'occhiata al Regolamento: