07/01/20

La Parola ai Lettori: Perché ho Deciso di Evitare le Donne con Figli


 Perché ho Deciso di Evitare le Donne con Figli


Il recente sondaggio facebook “ti metteresti con una donna che ha dei figli” (compresa la risposta della signorina che parla di “uomini che non vogliono prendersi responsabilità” (quali responsabilità? La responsabilità è solo loro e del padre, non del poveraccio che vorrebbero che faccia loro da beta provider) e una recente esperienza personale mi ha dato l’impulso per scriverti questa lettera. Sono un 4,5 di circa 45 anni del nord Italia. Sono sposato da circa 15 anni. Un giorno una donna (assai piacente, devo dire) è venuta a bussare alla mia porta. La mia risposta è stata un categorico “no”. In pratica la sua proposta (peraltro abbastanza sfacciata) è stata quella di lasciare mia moglie per mettermi con lei. Ora… un 4,5 che viene cercato da una donna piacente… possibile? Dov’è il trucco? Questa è separata con due figli. Tra noi non c’è stato niente di niente (non ho mai tradito mia moglie) e a maggior ragione non lo farei da sposato con una “libera”: la cosa sarebbe troppo sbilanciata a suo favore: lei non rischia niente e non ha più niente da perdere, ma io rischierei tutto (matrimonio, casa, mantenimento, ecc)… siamo matti! Questa esperienza però mi ha fatto tornare in mente che, anche quando ero giovane, libero (anzi incel) ho accettato di ipogamare come non ci fosse un domani ma l’unico paletto che mi ero sempre posto era stato che avrei rifiutato ragazze che avevano già avuto figli da altri uomini

Dopo questa premessa veniamo quindi all’articolo vero e proprio “Perché ho sempre rifiutato una donna che ha già figli altrui” Avrei potuto mettere come titolo “Perché rifiutare...” ma sarei stato troppo arrogante e presuntuoso, quindi ho deciso di parlare in prima persona; poi ciascuno avrà le sue motivazioni, io ho le mie che qualcuno riterrà condivisibili. Premetto che il motivo ufficiale con cui ho rifiutato donne con figli era “perché ti vedo come un’amica”; “perché non mi interessi”. D'altronde loro non erano forse libere, a 20 anni e senza figli, si mettersi con un chad al posto mio e di vedermi come un amico? Bene allora anch’io ero libero di “vederle come un amico” (tiè) specialmente quando cercavano un betaprovider. Poi, per carità, ci sono casi e casi, c’è la troietta che si è fatta mettere incinta a 18 anni dallo spacciatore che adesso è in carcere così come c’è quella che era sposata con un bravo ragazzo che poveraccio è morto in un incidente. 
 In ogni caso le motivazioni sono: 

  • Motivazioni biologiche/etologiche/antropologiche (non so quale sia la più adatta). Un mammifero deve impegnarsi a propagare il proprio DNA, non consumare risorse per propagare il DNA altrui che invece è un comportamento da perdenti.
  • Si conta meno del due di picche. Al primo posto verrebbero i figli, poi lei, infine io.Questo accade anche con i figli che sono i miei ma perlomeno sono i propri figli e si è disposti a smazzarsi per loro. 
  • Ingratitudine e mancanza di rispetto. C’è il rischio che per i figli si sia sempre un estraneo. Immagina quando diventeranno adolescenti e ribelli, uno provi a rimproverarli ma anziché portargli rispetto potrebbero rispondergli: “tu che cazzo vuoi, chi cazzo sei, che non sei nemmeno mio padre”. Ah, non penserai poi che quando sarai vecchio e bisognoso si sbattano per te per portarti da medici e ospedali. -
  • Rischio “revival” con l’ex. Se l’ex è vivo e via via viene a prendere i figli e riportarli avresti un estraneo che spesso frequenta casa tua (anche quando tu sei al lavoro); ma quest’estraneo non è un estraneo qualsiasi, è un uomo con cui la tua donna si è fatta in passato delle succulenti trombate. Si rivedono oggi, si rivedono domani, uno sguardo d’intesa, gli ormoni che quel giorno sono alti e finire a letto insieme per due che hanno già fatto sesso in passato è una schioppettata. C’è pure il rischio di un ritorno “definitivo” con l’ex. Se si riappacificano, lei ci mette un millisecondo a sfanculare te che sei solo un fesso che apre il portafoglio. 
  • Mancanza di egoboost. Da una donna ho sempre voluto la consapevolezza o quantomeno l’illusione che lei si sentisse attratta da me e che avesse piacere di fare sesso con me; nel caso di una donna con figli avrei la quasi certezza di essere un betaprovider, il fesso che paga la mensa della scuola ai suoi figli, a cui lei cerca di sganciarla il meno possibile, giusto come dovere. 
  • La famiglia non è un’azienda con vari capitoli di bilancio. Hanno voglia di dire “ma al figlio provvede il padre biologico”; il padre biologico verserà una cifra forfettaria che non basta mai. Quando andate a fare la spesa, o in vacanza tutti insieme o al ristorante, che fai, scorpori una quota relativa alla presunta parte di spese dei figli e la segni a parte per poi richiederla al padre biologico? Sarebbe un lavoro da ragioniere d’azienda, una rottura di scatole oltre che decisamente poco romantico. E’ evidente che va a finire che paghi tutto tu, a parte quel forfait che paga il padre biologico mensilmente (ammesso che lo paghi). 
  • Sesso zero. con 2 figli in casa non tuoi figuriamoci se te la smolla. Già con i figli propri in casa bisogna stare attenti a non farsi beccare, ma con estranei l’imbarazzo è ancora maggiore. 
  • Gelosia. il figlio col complesso di Edipo è probabile che ti veda come un rivale. Quindi no, assolutamente no, nooooo e no. 
Hanno trombato senza preservativo con un Chad? Si assumano le loro responsabilità, sia lei che il Chad. Troppo comodo prendere il “reproductive value” dal maschio alfa e il “survival value” dal beta provider (che magari è uno che si è fatto il mazzo e ha un buon MS). Agli incel dico: non fate i morti di figa, piuttosto che mantenere i figli altrui è meglio rimanere soli. Alle ragazze madri (o separate con figli) do un consiglio in buona fede: non pretendete che un altro uomo faccia da padre ai vostri figli. Se volete avere altri uomini vivete la relazione come quando vivevate con i genitori, vedetevi quelle 2 volte a settimana fuori casa e andate a trombare altrove. Perché tanto se il vostro obiettivo, prima o poi, è di portarvi in casa un altro uomo e farlo diventare membro della famiglia (leggi “beta provider mantenitore”) ci sono ottime probabilità che lui fuggirà. Diverso è ovviamente il caso in cui i figli siano grandi, indipendenti, con una propria famiglia e quindi si siano tolti dai coglioni. In questo caso sì, è più facile perché non c’è il rischio di fare da beta provider. 

-Anonimo-



84 commenti:

  1. Redpillato-GRAZIE-a-TE7 gennaio 2020 07:00

    ''ho accettato di ipogamare come non ci fosse un domani ma l’unico paletto che mi ero sempre posto era stato che avrei rifiutato ragazze che avevano già avuto figli da altri uomini''

    Beh questa mi sembra una cosa poco intelligente.

    Se dici di essere un 4.5 e ipogami come se non ci fosse un domani inanzitutto stai andando con tipe al limite (le 3) con le quali non capisco quale piacere sessuale si possa provare... e in secundis rovini ''il mercato'' ai poveri maschi sotto la tua valenza estetica (i ragazzi da 3 e 4 )

    Ipogamare è una cosa che mi auguro che SEMPRE MENO maschi faranno in futuro man mano che questa informazione consapevole redpillata si diffonde grazie anche ai nuovi mezzi di comunicazione (internet) che sono MOLTO EFFICACI

    Perchè detto francamente... ipogamare è proprio poco piacevole. Per tutti. È come dare lo scettro del potere definitivamente in mano alle donne. Ci sono altre vie.


    Fatta questa premessa... la tipa carina con figli ci saresti potuto stare in One night stand (una notte sola) e poi mandarla a quel paese. Con le dovute precauzioni ovviamente perchè molte sono pazze è capace che fanno audio e poi mandano alla moglie per rovinare il poveretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono l'autore.
      L'alternativa all'ipogamia era l'incellitudine. Io ipogamavo per avere UNA donna non per abbuffarmi. Prenditela con gli 8 e i 7 che ipogamano con le 6 per farsene due diverse a settimana innescando il circolo vizioso. Chi ipogama per avere una sola donna ogni tanto è vittima del sistema, non carnefice.

      Elimina
    2. Sarebbe stato poco saggio a rischiare la pace famigliare per una banale scopata lei poteva vendicarsi e anche senza prove c'era la sua parola contro quella di lui.
      Pensando a una LTR con figli ipogamare o meno conta poco ciò che conta realmente è la serietà con la quale si tiene fede al impegno preso . Insomma più l etica della bellezza...

      Elimina
    3. rispondo al messaggio dell' autore:

      ''Prenditela con gli 8 e i 7 che ipogamano con le 6 per farsene due diverse a settimana innescando il circolo vizioso.''


      no no lascia fare...anche tu hai la tua bella colpa non solo i 7-8 che ipogamano con le 6

      tutti quelli che ipogamano forte hanno la loro colpa.

      Potrei anche capire scendere di un punto per una scopata. Ma non oltre e già siamo al limite.

      Ma mi rendo conto che è una battaglia contro i mulini a vento... noi uomini ipogameremo sempre... la società deve solo trovare un equilibrio suo...e quell' equilibio oggi è spezzato perchè le tipe hanno troppo TROPPO potere di scelta.


      Elimina
    4. Sono di nuovo l'autore.
      Non sono d'accordo. Io ipogamavo quanto era necessario per avere una donna, cioè una LTR, non per slayerare con le ONS.
      La colpa ce l'ha chi, pur di avere ONS, ipogama così tanto da togliere le ragazze alle classi inferiori.
      Partiamo dagli 8 (lasciamo perdere i 9 o 10 che sono pochissimi casi da copertina di rivista): gli 8 possono avere una LTR con una 8 oppure slayerare con 8,7 e, magari, nei momenti di magra, pure le 6. Siccome scoparsi un sacco di donne è gratificante, gli 8 fanno ONS con 8, 7 e 6.
      La 7 preferisce farsi le scopate ONS con l'8 piuttosto che la LTR con il pariestetico 7 e quindi il 7 se vuole una LTR è costretto a scendere al 6 o meno.
      Di chi è la colpa? Per me la colpa è dell'8 che si abbuffa, tutti gli altri non fanno altro che prendersi le briciole in una guerra tra poveri.

      Elimina
    5. "Sarebbe stato poco saggio a rischiare la pace famigliare per una banale scopata lei poteva vendicarsi e anche senza prove c'era la sua parola contro quella di lui"; concordo: da sposati andare con una donna single (o separata) è un suicidio: lei non rischia niente e ha tutte le armi dalla parte del manico. Non ti dico cosa ha passato un mio amico tra ricatti "o lasci tua moglie o glielo dico io", tentativi dell'amante di contattare la moglie (avevamo pure pensato di ingaggiare un'attrice che fingesse di essere la moglie per incontrare l'amante), servizio seguimi delle poste per non far arrivare lettere a casa, manomissione della linea telefonica di casa per non far arrivare telefonate simulando un guasto, ecc ecc, il tutto per evitare che l'amante contattasse la moglie.
      Diverso invece se l'amante è anch'essa sposata con un beta provider che è un buon partito (es. chirurgo o avvocato) a quel punto è una storia ad armi pari perché anche lei ha tutto l'interesse che non si venga a sapere altrimenti perderebbe il beta providing.
      Comunque non ho mai tradito e penso che non lo faro' mai, per mille buoni motivi, compreso il rapporto benefici/rischi assolutamente basso.

      Elimina
  2. È proprio questo il motivo per il quale fino a 30 anni fa, la maggior parte delle donne che disgraziatamente rimanevano sole con figli piccoli da accudire perché il loro consorte moriva prematuramente per i motivi più disparati (e non perché divorziavano), tendeva a non risposarsi e a pensare esclusivamente a crescere i propri figli. Ho diversi amici e conoscenti infatti che sono stati cresciuti solo dalle madri perché il padre era deceduto. Perché fino a 30 anni fa succedeva ciò?
    Perché fino a 30 anni fa uno straccio di moralità cristiana ancora vigeva e la donna anteponeva il bene dei figli al proprio individualismo becero. Oggi invece, causa leggi destrutturanti appositamente la società occidentale con particolare riferimento all'Italia, alla donna non solo in caso di divorzio vengono assegnati i figli(con relativo sostentamento) e la casa coniugale ma anche il mantenimento di lei se non lavora. Da qui si capisce bene che molte donne con lavori non gratificanti, oggi come oggi se si dovessero trovare nella situazione appena descritta, tenderanno a lasciare il proprio impiego e a campare di rendita. Le donne dell'est sono campionesse in questo.
    In questo modo infatti la donna può coniugare il suo individualismo becero, tipico di questa società liberista, con la crescita dei propri figli(ovviamente è un ossimoro, infatti a causa dei divorzi i figli come pensate possano crescere?). Ma tanto che le importa? Ha la società destrutturante che la copre, le concede tutto e lei ovviamente ne approfitta. Chi non diventerebbe opportunista con una società così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul perché le giovani vedove fino a prima del 2000 tendessero a risposarsi o cmq riaccompagnarsi meno ci sono varie motivazioni.

      Provo a dirne qualcuna:
      - molte non si risposavano per non perdere la pensione di reversibilità (che non è presente in molti ordinamenti di altri paesi, come ad esempio credo sia in quelli dell'Est Europa)
      - il fatto che, in generale, essere in coppia senza essere sposati era molto meno socialmente accettato di oggi, se non addirittura malvisto
      - si avevano timori di creare traumi ai figli inserendo in famiglia una nuova figura, e questo in particolare nella fase della vita pre-adolescenziale ed adolescenziale (se i figli erano piccolissimi oppure tutti almeno tardo-adolescenti il problema si poneva in modo minore)
      - nel caso di figlie femmine, c'era il timore che il nuovo coniuge/compagno potesse rivelarsi un satiro malintenzionato ("Lolita" docet; ho sentito più di una separata/divorziata o vedova dire "se avessi un figlio maschio mi riaccompagnerei... ma con una femmina non me la sento").

      Poi magari c'è anche altro...

      I giovani vedovi invece si sono sempre risposati o cmq riaccompagnati in proporzioni molto superiori, anche in presenza di figli. Lì però subentrano altri fattori, tra cui il suscitare nelle donne la "sindrome della crocerossina" ed il fatto che nessuno possa pensare "se è arrivato ad una certa età senza essere mai stato sposato" oppure "se si è separato si vede che ha qualcosa che non va".

      Elimina
  3. Si noti bene però che l'individualismo è totalitario e quindi anche maschile. Il cosiddetto slogan "vietato vietare" propagandato con il '68 infatti ha posto le basi per la "cosiddetta" libertà in ogni ambito sociale,vale a dire il liberismo. Con il termine liberismo viene identificata "soprattutto" una particolare dottrina economica che ormai vige nella nostra società dai tempi della Thatcher. Ma il liberismo NON è solo economico e politico dato che quel "vietato vietare" di sessantottiana memoria propagandato, come già detto, in ogni ambito sociale, può solo che generare competizione (la cosiddetta competitività) e quindi individualismo permanente provaca inevitabilmente la "distruzione del patto sociale". Come per l'economia dove ormai i grandi players (quanto ci piace l'inglese.....) dominano incontrastati perché hanno più capitali (e quindi sono più bravi) ogni persona che "compete" in ogni ambito sociale e quindi, a bomba, anche in quello sessuale poiché il patto sociale ormai è venuto meno avrà più o meno chance a seconda delle sue qualità. Qualità descritte ampiamente in questo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai facendo un po' un minestrone.
      Il liberismo *economico* è di destra, cioè il "libero mercato", con minima influenza dello Stato. Il liberimo *sociale* "vietato vietare" è di sinistra.
      La sinistra infatti non vuole liberismo economico (i comunisti), e la destra non vuole liberismo sociale (i conservatori).

      Almeno, in termini generali. Si potrebbe discutere del fatto che il comunismo l'hanno inventato i banchieri internazionali, ma è off topic.

      Elimina
    2. Gatto Nero: non esiste una sola destra e una sola sinistra ma correnti diverse. Il liberismo economico cioè "libero mercato" è sostenuto solo da una corrente della destra, quella liberista, per intenderci della Thatcher, Reagan, Macron, Forza Italia.
      La destra sociale odia il liberismo economico, è molto più statalista e più vicina al Partito Comunista(per assurdo) che alla destra liberista su alcuni temi di economia. La nuova destra è ancora diversa..
      Poi c'è il centrosinistra con tendenze liberiste quasi Thatcheriane, come alcuni elementi del Pd, che sosteneva alcune riforme di ispirazione liberista. Lo stesso è lontano anni luce.. su molti temi dal Partito Comunista di Rizzo(per intenderci). Non voglio aprire un dibattito su questo.. tantomeno parlare di politica, voglio dire solo che "a mio parere" la questione è più complessa di come è venuta fuori nel vostro dibattito. Chiudo e chiedo scusa per l'off topic.

      Elimina
    3. Gatto Nero8 gennaio 2020 01:02

      Cito :"Si potrebbe discutere del fatto che il comunismo l'hanno inventato i banchieri internazionali, ma è off topic."
      Appunto, chiediti il perché.

      Elimina
    4. Io non vedo per quale ragione la sinistra dovrebbe essere per il sesso libero. E si deve distinguere la destra autoritaria di Dio e patria, che deriva fondamentalmente dall'ancien regime, da quella liberal capitalistico individualistica, che predica l'autorealizzazione individuale e l'appagamento di ogni volontà. La sinistra subordina l'individuale al sociale. Infatti il Partito Comunista Italiano aveva dei lati moralistici e all'inizio non sosteneva il divorzio in modo deciso.

      Elimina
  4. Tutto giusto, peccato che il mondo sia pieno di fessi e disperati, quindi in via generale nessuna donna con figli ha troppe difficoltà nel trovare il suo providere.

    Ad ogni modo farei un discorso a parte per gli uomini che sono a loro volta divorziati e con figli. Cioè a quel punto cosa possono pretendere? Si trovano più o meno nella stessa situazione e considerando l'età è più difficile trovare una nuova compagna libera che non abbia figli a sua volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se c'hanno i soldi (M), o comunque un'entrata dignitosa, anche che gli manca il resto (L, S) una femmina la trovano. Fosse anche una appena passabile purché italiana (6-).

      Elimina
    2. ''Tutto giusto, peccato che il mondo sia pieno di fessi e disperati, quindi in via generale nessuna donna con figli ha troppe difficoltà nel trovare il suo providere.''


      esatto

      Elimina
    3. Per gli uomini separati è diverso ed è (quasi) solo un problema di M. Quasi sicuramente l'ex moglie che se ne va si è portata via i figli quindi il padre vivrà per la maggior parte del tempo da uomo single (tranne un week end ogni 15 giorni in cui il giudice gli consentirà di tenere i bimbi con se). A quel punto puo' portarsi in casa anche una nuova donna: i bimbi "ospiti" 2 giorni ogni due settimane hanno un'invasività (a livello di vita di coppia, intimità, libertà, ecc) ben inferiore che averli in casa H24, 7/7; poi se proprio non li vuol vedere, in quel week end la nuova fidanzata puo' levarsi dai coglioni 2 giorni. Insomma, col fatto che i figli quasi sempre stanno con la madre, per un padre separato è tutto piu' semplice.

      Elimina
    4. Autore delle 16.13, vallo a dire ai padri separati che per loro è tutto più semplice, poi vediamo se ne esci vivo.

      Elimina
    5. sotto i ponti noncredo gli farebbe piacere fare un giro...

      daouda

      Elimina
    6. Se uno ha dei figli in qualche modo deve adeguarsi, il che non deve voler dire sempre al ribasso. E' difficile trovare quella che a 40-50 non ne ha avuti, e c'è anche il rischio invece (anche se non sempre) che non abbia avuto delle relazioni serie ma un sacco di esperienze del cavolo.

      Elimina
  5. A tutto quanto espresso precedentemente (il combustibile) aggiungete quanto successe prima cronologicamente, vale a dire la "legge Merlin" del '58 e il "Concilio Vaticano II" del 62-65 (comburente) e otterrete la miscela esplosiva anzi esplosa e da un pezzo pure.
    Se infatti non si venisse ostracizzati se uno ricorre alle prostitute, probabilmente il maschio sarebbe riuscito a metterci una pezza o ad arginare il cosiddetto femminismo. Ma la cosa fu studiata appositamente affinché non avesse più difesa alcuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sfigato97

      basta con sta cassata della prostituzione. Le prostitute ci sono anche oggi...piantala con questo meme dell' ostracizzazione. Nessuno è ostracizzato se va a puttane. Anche perchè può benissimo non dirlo in giro... mica chi va a puttane prende un megafono e lo urla ai quattro venti ''signori vado a puttane''.

      Non è quello il problema. Da come parli si capisce benissimo che a puttane non ci sei mai stato... beh ti anticipo io: è un sesso scadente. Non è comparabile al sesso normale. È un sesso abbastanza innaturale e meccanico. Niente a che vedere con l'eccitazione di una tipa che veramente vuole il tuo casso

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec8 gennaio 2020 16:17

      "Sbrigati a finire ammore che fuori c'è uno che aspetta, altrimenti ti finisco con le mani" mentre si fa trombare con gli occhi chiusi (perche' pensa al chad) finge in maniera neanche decente, per non parlare di quando guarda l'orologio o risponde al cellulare.
      Una donna che spera che tu finisca il prima possibile (anziche' il piu' tardi possibile) e che tu te ne vada. Paghi molto meno che con la tua donna, ma la qualità è peggiore.

      Elimina
    3. Anonimo 8 gennaio 2020 02:52

      Ovvio mica sono un idiota che vado a puttane e lo urlo ai 4 venti ma evidentemente se tu scrivi in questi termini non condividi uno dei pilastri di questo blog(e ci può stare per carità), vale a dire smettere di fare i beta provider ed andare più a puttane(o quantomeno provarci), tanto i soldi li spendi comunque (a maggior ragione se ti accolli una con figli) ma al contempo contribuirai a ridimensionare verso il basso l'offerta femminile.

      Ehm a parte che anche la pugnetta si può definire sesso meccanico(innaturale no così come non è innaturale neppure per il sesso pay) evidentemente tu invece hai avuto esperienze con prostitute dell'est e/o con otr che guardano l'orologio e ti dicono di fare in fretta. Prova le orientali, magari riconsidererai leggermente il sesso a pagamento. E comunque sei ancora soggetto (come tutti, me compreso del resto) ad associare il sesso a pagamento come immorale. Sappiamo tutti che questa società è cambiata e non è più quella dei nostri nonni per cui se la moralità ormai è andata a farsi "fottere" cerchiamo di farcene una ragione. Probabilmente i nostri figli colmeranno questo gap, anche perché abbiamo noi oggi il potere di cambiare le cose e tornare a 100 anni fa?
      Infine.... è normale che il sesso con una donna che vuole veramente il tuo casso(come scrivi tu) sia preferibile, vuoi forse lasciare intendere agli altri utenti di questo blog che non conosca l'acqua calda?

      Elimina
    4. Non sono d'accordo con l'anonimo che critica sfigato97. La qualità del sesso a pagamento dipende a mio avviso al 30% da quanto sei disposto a spendere e per il rimanente 70% dipende strettamente dal cliente. Io, come ho già avuto occasione di commentare in passato, ho alle spalle una punting career pluriennale, e se nell'arco degli anni ho speso decine di migliaia di euro in sesso e continuo a spenderne tuttora,un
      motivo ci sarà. E vi garantisco che qualche volta, quando si ha fortuna, non serve neanche allargarsi tanto col portafogli per riuscire a ricreare da protagonisti un glorioso film porno di quelli che a 14 anni li vedevi col cannocchiale (anzi, col mouse e col 56k!). Caro anonimo, mi dispiace davvero che le tue esperienze pro siano state scadenti, ma ti assicuro che non per tutti è così. Ti consiglio di leggere l'ottimo articolo del collega Puttanier Cortese.

      PS: un sogno che ho nel cassetto e che qualche volta nella vita voglio provare a realizzare è di vivere letteralmente un'esperienza da film porno, ossia prendere un volo per Los Angeles e ingaggiare una di quelle pornostar che escorteggiano per cifre che si aggirano sui 1000 dollari l'ora. Sarà una spesa consistente, ma con tutte le seghe che mi sono fatto da ragazzino, almeno una volta nella vita lo devo fare. :))

      Elimina
    5. @Carlo 12 gennaio 2020 02:45

      È esattamente così + paghi e più la prostituta è brava a fare "finta" di desiderarti. Come in tutte le cose, del resto, la qualità si paga. Ma alcune etnie di prostitute, come ho accennato nel commento precedente, sono più economiche di altre pur mantenendo un ottimo rapporto qualità prezzo. Si aprirebbe un mondo su quanto ho appena detto ma andrei ot quindi mi fermo qui.
      Grazie a Dio non ho necessità né interesse, differentemente da te, a spendere quel tipo di cifra per farmi dare piacere da una prostituta, mi basta spenderne 1/20 con una normo bruttina e la svuotata compiaciuta e"felice" è assicurata, basta semplicemente, come hai detto tu stesso, saper scegliere . Lo so, son di bocca buona ma del resto trovo conferme in quel famoso proverbio che recita: "Chi si accontenta gode".

      Elimina
  6. Ottimo articolo come spesso se ne leggono qui , l’unica cosa io invece ultimamente sto rivalutando in positivo ovviamente le donne che hanno già figli per il semplice fatto che avendoli appunto già fatti con altri non chiedono a te di averne ancora.
    Nel caso lo chiedessero si può sempre rispondere che non me la sento di fare figli con una che ne ha già e che comunque se proprio devo mantenere dei figli voglio che siano i miei e non quelli di altri.
    Ovviamente con questo target di donne, sesso e basta, no relazione…!

    RispondiElimina
  7. Una DOMANDA PER L'AUTORE7 gennaio 2020 12:20

    Leggendo con attenzione il tuo commento ti chiedo;

    1 quando dici di ipogamare come se non ci fosse un domani, come selezionavi quelle che reputavi inferiori a te (di che decennio parliamo)?

    2 questa donna che si "è presentata alla tua porta" come ha fatto a conoscerti? (amici di amici, innocuo stalking anche sui social dove si evince il tuo M e Status)

    3 Hai mai conosciuto (eccetto i casi di cronaca)uomini che hanno deciso di fare il beta provider con donne affigliate e come è andata a finire?
    In tal caso leggo sempre (argomento affine ma non uguale) i terrificanti resoconti della associazione Padri Separati che spesse volte sembrano, paiono esagerazioni.

    4 Parli del tue essere stato incel (ante litteram) ma in realta' ipogamavi quindi avevi comunque una certa intraprendenza che ti permetteva (magre) soddisfazioni

    5 Come (in che contesto intendo) vi siete conosciuti con tua moglie e in assenza del figlio come riuscite a stare ancora insieme (questa domanda pare provocatoria ma NON lo è; si basa sul LUOGO COMUNE che spesso l'uomo perde interesse sessuale per la donna e viceversa e quindi il figlio\a rappresenta un necessario collante per una coppia)

    Ringraziandoti per le tue risposte, ti invio un saluto

    Ogni appunto NON ha fine provocatorio bensì una migliore comprensione dei fenomeni sociali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo scritto da anonimo peeferirai evitare domande sulla mia vita personale che agevolerebbero la mia identificazione.
      cmq parliamo del 1990/2000 e selezionavo in base alla simpatia
      di beta provider tout court ne conosco di vista uno, un ex collega che si è preso in casa donna (pure sfattina direi), figlio non suo e ci ha fatto un figlio suo... come vada non lo so, non ci sono in contatto

      Elimina
  8. Ad integrazione di quanto la RedPill non sia "SOLO" una teoria ma una realtà consolidata, per nulla nascosta anzi, ampiamente riconosciuta (tranne ovviamente dai movimenti femministi e zerbinisti), anche se magari non con il nome che questo blog le da, vale a dire, appunto "RedPill", allego un video dove ad integrazione di un argomento non tanto attinente in ambito RedPill (in realtà non è così dato che alla fine l'argomento principe del video ha attinenze stringenti con il liberismo ma vabbè) si porta come esempio "i tre canali del pensiero di una donna che sceglie un uomo come partner" che è solo un altro modo per dire "RedPill".
    Qui il video dal minuto che interessa:
    https://youtu.be/S-rYrFa-dbo?t=917

    RispondiElimina
  9. Se scrivi una tal cosa su Facebook ti bannano seduta stante per odio incitazione all'odio e altri 30000 infami capi d'accusa ahha che monnezza sta diventando anzi è diventato quel social network, popolato peraltro da ignorantoni che ti segnalano per una tale considerazione facendoti bannare per nulla, mentrele schifezze come quella perpetrata da molte donne con figli, come si evince in questo articolo, non è considerato odio, sono bannate le reazioni all'odio e non l'odio, se facebook fosse davvero un social network serio dovrebbe bannare per lo meno il 70 per cento delle donne, i loro server non vanno usati per l'odio, dicono, ma chi li vuole usare, questi serve pieni di ignornza becera e schifosa mi vien da vomitare, ne sono uscito e sto meglio, gli incel sono gli odiatori i cattivi gli infami, le donne sono le sante le perfette ahahahah povero mondooooooooooooo!!!!!!

    RispondiElimina
  10. L'articolo è tremendamente scontato, eppure solo qui si trova un "riepilogone" di questo tipo, utile a rinfrescare la memoria.
    Aggiungo che quella che ho frequentato io per 2 anni, sempre con un coinvolgimento minimo da parte mia, pretendeva che io diventassi il padre putativo, ma aveva puntualizzato che non voleva altri figli perchè "se dopo il terzo figlio anche il nostro rapporto entrasse in crisi? non me la sento di accollarmi un tale rischio. 3 figli e nessun partner fisso".
    Beh, nulla da controbattere. Vai con Dio, anima pia...

    RispondiElimina
  11. Sicuramente è scontato ma mi son sentito di scriverlo perché non lo ho mai trovato da nessuna parte.

    RispondiElimina
  12. "l utero è mio e me lo gestisco io" mi sembra un concetto più che legittimo.
    Ma se poi lo gestisci in modo disastroso sono fatti tuoi non puoi pretendere che un altro uomo si faccia carico dei tuoi errori e dei tuoi figli

    RispondiElimina
  13. It's fully over7 gennaio 2020 18:47

    In ogni caso ragazzi, ritengo che tutto il discorso trattato possa essere gravemente fuorviante ed indurre a ritenere che la soluzione all'"inceldom", dopotutto, sia a portata di mano, basta accettare di instaurare una relazione con una donna con figli.
    Niente di più inverosimile: avete mai provato a contattare su Badoo o Tinder una donna con figli moderatamente, e sottolineo moderatamente, piacente???!
    Fatelo pure, potrete facilmente constatare come, ad eccezione che siate abbondantemente sopra il 6, NON OTTERRETE MAI RISPOSTA.
    L'ipergamia e la iperselettivita delle povere oppresse dalla società patriarcale ha letteralmente raggiunto livelli S P A V E N T O S I, persino una donna appena carina con figli può permettersi di essere estremamente schizzonosa. Non diamo false illusioni, pertanto.
    Provateci pure e fatemi sapere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì beh, anzi per certi aspetti l'avere dei figli aumenta la pretenziosità dal momento che la donna ha soddisfatto il suo istinto riproduttivo e non sente più la pressione dell'orologio biologico e, soprattutto se ha un buon reddito, può dedicarsi al libertinismo sfrenato coi bellocci. Insomma, non c'è nulla che possa arrestare la potenza ipergamica ahah

      Elimina
    2. Cavaliere Oscuro8 gennaio 2020 00:23

      Già provato, non rispondono neanche dopo morte.
      Si credono tutte la regina di Saba, hanno mille virtù, e mai difetti.L'ultima, vista stanotte, aveva scritto nel profilo
      "Sono quasi perfetta", e cosi c'e ne sono a centinaia, dai 40 anni in sù.L'unica che mi ha cercato, è stata una cinquantenne obesa,
      convinta che io avrei potuto intrecciare una relazione con lei.
      Secondo me, l'ego fuori controllo di queste psicopatiche è sfociato in una vera e propria malattia mentale, queste sono delle DISTURBATE MENTALI, sono convinte che gli spetti di diritto il maschio migliore, con alti livelli di LMS, e non si rendono conto che fisicamente, loro sono vicine alla fine, avvicinandosi ormai ai 50 anni. Urge un TSO di massa.

      Elimina
    3. Cavaliere Oscuro8 gennaio 2020 04:02

      Per non parlare di quelle senza figli, che su alcuni siti "seri" cercano relazioni a lungo termine o il matrimonio, e che a differenza delle altre che spesso sono trashone cerebrolese con prole al seguito, queste invece sono donne in carriera e laureate.
      Alcune affermano candidamente di cercare un uomo ricco, e nei loro profili ci sono spesso argomentazioni di carattere sessuale,
      perché VOGLIONO l'uomo bello, ricco, e l'amante perfetto.
      In uno di questi siti, mi hanno appena cancellato l'account
      per violazione del regolamento, avevo mandato a cagare (gliel'ho scritto a chiare lettere) una che mi aveva dato il like, e che
      affermava che per lei "In una relazione la ricchezza è molto importante".
      Non hanno nessun freno inibitore, nessuna vergogna, ormai sono completamente fuori controllo

      Elimina
  14. Io ho notato una cosa, relativamente ai beta provider che si prendono una donna con figli; spesso è molto più grande di lei. Io ho diversi casi di ex compagni poco più che trentenni che si sono andate a prendere 40enni con figli e ne hanno fatto quasi sempre uno insieme. Sono coppie obiettivamente imbarazzanti, con la loro lei che sembra loro madre. Mi chiedo come facciano a coricarsici vicino la notte, e peggio a farci sesso.
    Obiettivamente anche gli uomini però non sono granché: uno è molto basso, l'altro ha la faccia da bonaccione/tontolone, l'altro con la panza mezzo stempiato. Semplicemente non hanno trovato nulla di meglio, con le coetanee che li avranno scartati e le più giovani che li avranno derisi considerandoli poco più che freak. Alla fine chi vuole una famiglia non può che raccattare gli scarti di altri, con tutti i problemi sottolineati dall'autore, in primis i soldi spesi e il fatto che non sono figli tuoi e che potranno fanculizzarti in qualunque momento, alla faccia dell'energie e dell'affetto speso (oltre come già detto del cash).

    RispondiElimina
  15. @ autore dell'articolo

    Ti parlo della mia esperienza personale, io ho avuto una frequentazione (breve) di praticamente solo sesso con una ragazza madre. Contesto diversissimo da quello italiano (ero all'estero) e lei più grande di me. Non so quali fossero le sue intenzioni a lungo termine, sta di fatto che nel mentre fingendomi interessato al bambino per un'oretta o poco più, ho fatto breccia nel suo cuore e ha aperto le gambe.
    Chiaro che non mi metterei mai insieme ad una donna che ha già figli, specialmente se fosse meno abbiente di me e cercasse spudoratamente una stampella economica. Poi mai dire mai, ci sono casi di pariestetici entrambi benestanti (belli e ricchi veri, sia lui che lei) che ho conosciuto di persona. Convivono sotto lo stesso tetto con i figli di entrambi, i bambini provengono dai matrimoni precedenti. Mi domando quanto la disponibilità economica e una vita vissuta in maniera felice permetta a queste persone di superare "i limiti e le barriere" che vediamo noi redpillati.
    Forse chi ha avuto tutto dalla vita (soldi, bellezza, felicità, fortuna e amore) vive in un'ottica diversa molte situazioni, e anche accogliere sotto al proprio tetto i figli del partner non è un tabù come lo vediamo noi.
    Ribadisco il concetto che io non lo farei mai, sarà perché ormai ho il sesto senso contro le inculate, o forse perché comincio a convivere bene con la mia solitudine tanto che i giorni più belli sono quelli che passo fuori all'aria aperta nella natura accompagnato solo dal mio cane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi domando quanto la disponibilità economica e una vita vissuta in maniera felice permetta a queste persone di superare "i limiti e le barriere" che vediamo noi redpillati.
      Forse chi ha avuto tutto dalla vita (soldi, bellezza, felicità, fortuna e amore) vive in un'ottica diversa molte situazioni, e anche accogliere sotto al proprio tetto i figli del partner non è un tabù come lo vediamo noi."

      Penso che tu abbia fatto centro.
      Chi in passato ha avuto tutto - e facciamo pure l'ipotesi che adesso non se la passi bene come prima - vede le cose della vita sotto una lente completamente diversa da un comune mortale (un 5-6 LMS overall, per dire). Ha fatto esperienze di qualità, è sazio/a, gli/le è andata molto/troppo bene, gli/le viene quindi naturale aprirsi a situazioni nuove piuttosto che chiudersi a priori. Al loro posto noi comuni mortali faremmo lo stesso.

      Ma non si tratta, a mio avviso, di limiti o barriere che vediamo noi redpillati: chi è redpillato SA che senza il possesso di certi requisiti rispetto alla controparte si è destinati a soccombere, e siccome di solito non li possiede preferisce stare alla larga anziché illudersi.
      I pari-estetici e/o pari-denari da 7,5-8 questo "problemino" nemmeno se lo pongono: sanno di stare dalla parte "giusta" dei valori e quindi avere ampia possibilità di scelta.
      E magari fanno pure i redpillati (per la serie "ti piace vincere facile eh!").

      p.s. alla storia che esistano maschi redpillati con almeno un 8 nei tre settori non ci crederò mai... troppo facile fare i "giusti" quando stai dalla parte "giusta", mentono spudoratamente.

      Elimina
    2. Perdonami ...per essere , come tu tu definisco, un 4.5 hai scopato parecchio e discretamente facile...non penso che fossero tutte dei disastri umani...

      Elimina
  16. Anche a me è successo, confermo che è una prassi comune: la donna con figli ti vede come un brav'uomo, buono per dare sussistenza ai pargoli. C'è un tacito accordo: io mamma esco con te, uomo che quando avevo 20 anni nemmeno avrei guardato di striscio e tu, bravo e remissivo, farai da padre ai miei figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente se hai un reddito medio-alto succede, altrimenti la stessa, dopo che ti ha chiesto quanti soldi hai, sparisce con la stessa velocità con la quale è arrivata. (in quel caso specifico si capisce che ti ha cercato solo per uno scopo) Al giorno d'oggi i giovani/e meno giovani precari sono sempre di più, sono "casi selezionati" quelli che possono fare da Beta Provider.
      Per via dell'ipergamia a volte trovano anche uno più giovane, magari più bello e con reddito maggiore. Senza contare che alcune hanno preso soldi dall'ex marito, case, etc.. così povere non sono, se non trovano "quello che cercano" scartano anche loro.
      P.s: non generalizzo, non vorrei essere frainteso. Parlo di "casi" che ho visto in giro.
      La prassi che descrivi esiste, dalle mie parti, nelle sale da ballo, soprattutto quelle frequentate da over 30, .. però essendo sempre sbilanciato il rapporto domanda/offerta fra uomo/donna, "alcune" fanno dei "giri di perlustrazione" tanto per informarsi, ma poi scelgono il meglio che trovano. Quindi il "pollo" che accetta, non è nemmeno detto che poi alla fine sia "lui" il selezionato :) (almeno non per tutta la vita)questo intendo dire. Hanno anche una bella scelta a volte, ci sono anche imprenditori o comunque persone benestanti dalle mie parti che cercano compagna, e si buttano come se niente fosse. Zerbini nati con la mentalità da zerbino, e che mai cambieranno.
      Poi sottolineo una tua frase "uomo che quando avevo 20 anni nemmeno avrei guardato di striscio", è importantissima.
      Non vedo per quale motivo, uno che quando lei era giovane lo "vedeva come un amico" dovrebbe prendersela più vecchia,e con figli da mantenere. "Se" lui è tanto benestante da poter fare da beta provider, potrebbe guardarsi intorno(almeno all'estero in zone dove l'ipergamia è inferiore) e cercare altro..
      Accettare di stare con una persona che prima lo ha rifiutato, quindi che non ha una grande stima di lui, non mi sembra una grande scelta, in ogni caso. (sempre se dura)

      Elimina
    2. Ciao Van, premetto che la mia esperienza con donne con figli non é vasta, ho avuto 2/3 occasioni con donne che erano propense a frequentarmi, ma di queste iniziai una relazione solo con una. In realtà sapeva solo che facevo un lavoro da dipendente, aveva avuto un figlio quando era molto giovane e fondamentalmente cercava un tipo a posto, che andasse d'accordo con il figlio, da inserire lentamente in casa. Usciva da una storia con il classico brillantone pieno di soldi, che lei lasciò, a detta sua, perché non era serio, voleva divertirsi e aveva altre donne. Uno dei problemi della nostra relazione era che la presenza del figlio era davvero soffocante, sempre messo al primo posto e sempre in mezzo.
      Cmq anche io consiglio a chi ha un buon gruzzolo e vuole mettere su famiglia, di trovarsi una brava ragazza straniera, ovviamente che non abbia figli.
      La frase relativa all'essere rifiutati quando si aveva 20 anni é in realtà una supposizione data dalla mia personale esperienza. Infatti quando ho conosciuto quelle mamme che si sono mostrate disponibili mi sono domandato: "dove eravate quando avevo 20 anni? Perché a quel tempo non vi siete mostrate interessate?".
      Da lì la supposizione

      Elimina
    3. La tua supposizione è corretta a mio parere. Nel senso che a volte può essere evidente lo "squilibrio" tra le proposte che possono arrivare a 20 anni da spiantato, da un certo tipo di donna, e quando ti vedono "sistemato". La stessa categoria che si usa dire che "a 20 anni non ti avrebbe guardato nemmeno di striscio"(è un modo di dire). Te ne accorgi anche perchè questo tipo di persone, di solito vanno molto "al sodo" nelle discussioni, e riesce a parlarti di soldi la prima sera(che lavoro fai, che contratto hai, con la scusa di chiacchierare.. addirittura case di proprietà e tutto il resto, davanti alla primissima birra, cosa che trovo abbastanza squallida fra l'altro). Alcune non sono nemmeno così brave a "mascherare" il "motivo" del loro interesse.
      Poi.. si.. quando parlavo dell'estero intendevo ovviamente una ragazza straniera "senza figli", hai fatto bene a specificarlo, (magari anche leggermente più giovane), invece che farsi prendere per il naso da una del genere, visto che "fra l'altro", alcune di queste "mamme", quando cercano in questo in questo modo(non generalizzo ma ne conosco diverse), lo fanno quando sono anche abbastanza mature.

      Elimina
    4. Van, "Te ne accorgi anche perchè questo tipo di persone, di solito vanno molto "al sodo" nelle discussioni, e riesce a parlarti di soldi la prima sera" concordo e confermo. Infatti indagano subito per capire il tuo potenziale. A me capitò una esattamente cosí

      Elimina
  17. questa storia conferma l'opinione che ho sempre avuto sugli incel/beta, ossia che in realtà tale distinzione si fa sempre più sfumata man mano che passano gli anni.
    E' molto improbabile che un incel voto 4/5 lo resti a vita, perché è inevitabile incontrare in tarda età, donne incasinate economicamente e con prole al seguito (e magari con l'ex in carcere..).
    Tutto ciò potrebbe giocare in favore del maschio beta il cui modesto LMS si comincia a rivalutare (poco è sempre meglio di niente).
    Se non è proprio un pollo, qualche strombazzata senza grossi vincoli ci potrebbe ancora scappare, anche con una 6/7, soprattutto superati i 40 anni.
    Insomma, secondo me, dopo gli "anta" la teoria si capovolge, con la controparte femminile che stenta a tenere alto il suo valore di mercato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In passato la possibilità era maggiore. Oggi vale solo per gli incel piuttosto benestanti. Nelle nuove generazioni di uomini, ci sono una grossa parte precari o comunque non ricchi, escludendo persone con cariche di un certo tipo : (chirurgo specializzato, dentista con una certa clientela) e così via..
      Inoltre il numero di disperati, anche imprenditori, che ci provano con qualsiasi "mamma" in cerca di Beta Provider, basta che respira, è altissimo in alcune città d'Italia..
      Ergo.. se un incel non è proprio un "manager" ma un operaio semplice.. e in più ha una estetica da 4/5 la vedo molto dura che possa cambiare qualcosa dopo gli "anta", anzi.. sarà più vecchio e non essendo supportato da un valore di carriera, l'età potrebbe far calare il suo "valore di mercato", ancora di più.
      Il mio consiglio, soprattutto per chi non ha altissimi livelli estetici è cercare di fare qualcosa per migliorare il proprio valore, nei limiti del possibile, fin quando si è giovani. Non perdere tempo.
      Insomma.. l'ipotetico "capovolgimento", che hai descritto, esiste, ma vale per pochi, rispetto alla maggioranza della popolazione. è solo il mio parere.
      P.s: il mio intento non è di dare un messaggio negativo o scoraggiare nessuno, ma di spronare le persone a non attaccarsi a speranze basate su cose che potrebbero non accadere.
      Con l'uso dei social network ormai.. l'ipergamia è aumentata, la concorrenza è tanta, conosco donne mature bruttine, con figli, che in passato non avrebbe guardato quasi nessuno, che (sempre parlando di Italia perchè altrove è diverso), grazie a queste app SN chat whatsapp, sale da ballo e altro.. hanno un certo seguito e possono permettersi di scartare molti uomini. Almeno nella mia zona spesso vedo questo. Non generalizzo.

      Elimina
    2. Anche su questo concordo con Van delle 19.52. Al giorno d'oggi ci sono delle 60enni, delle Barbara D'Urso per intenderci, ma anche meno attraenti di lei, che rimorchiano come ridere dei 30/35 enni.
      Cose del genere 30 anni fa sarebbero state fantascienza. Questo perché l'uomo ha perso potere contrattuale per cui raschia sempre più il fondo del barile.

      Elimina
  18. solo se ha un buon reddito.
    viceversa, se i soldi non le bastano, va alla disperata ricerca di un beta provider. ecco allora che se avete un M anche solo sopra la media vi correrà dietro

    RispondiElimina
  19. It's fully over7 gennaio 2020 20:25

    Osservazione pertinente, redpillatore.
    La cosa che più mi fa rabbrividire è che neanche la maternità riesca a dare loro un briciolo di sensibilità e spessore umano per guardare oltre quel fottuto bel faccino.

    RispondiElimina
  20. Premettendo che credo di aver capito chi sia l'autore dell'articolo (l'ho riconosciuto dal suo stile asciutto e dal fatto che aveva già elargito pillole di questa sua convinzione in altri argomenti), riguardo alla motivazione biologica, mi viene da pensare che anche l'adozione per lo scrivente è tutto sommato sbagliata ed al massimo un triste ripiego.
    Vediamo se l'autore ha da dire qualcosa in proposito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'adozione è antibiologica/antietologica/antiantropologica, ma perlomeno:
      -si fa del bene (un po' come chi spende gratis ore per gli altri con il volontariato, ma all'ennesima potenza)
      -chi non può avere figli ma li vuole si "illude" di averne (bluepill)
      -(importantissimo) donna e uomo sono sullo stesso piano cioè entrambi genitori civili ma non biologici; non come nella famiglia a 3 dove ci sono il padre, la madre e il fesso.
      Io non adotterei nemmeno sotto tortura (già sono problematici i bimbi normali figuriamoci quelli adottati provenienti da situazioni di disagio) ma provo stima per chi ha tolto un bimbo dall'orfanatrofio.
      Mentre per i beta provider che mantengono il figlio del chad non provo nessuna stima.

      Elimina
  21. Io la vedo in modo diametralmete opposto, e ti spiego anche il perché: se mi prendo una donna con figli, so di non avere alcun obbligo legale verso di loro.
    Questo significa che tecnicamente potrei lasciarla sul lastrico da un giorno all'altro.
    Per questa ragione, conserverei un potere oggettivo nella relazione (sempre a patto di essere, nella coppia, quello coi soldi).
    Potere che viceversa non avrei se il figlio fosse mio. In quel caso se lei mi lasciasse, finirei in malora.
    Le donne queste cose le sanno e, infatti, nel 90% dei casi, quando una donna con figli si becca il betaprovider, poi si fa mettere incinta da costui alla velocità del suono, per poterlo ricattare...
    L'egoboost e il DNA poi sono solo seghe mentali.
    Il primo perchè non hai proprio nulla di cui vantarti: pure se fossi bellissimo, che merito avresti a essere nato coi geni al posto giusto?
    il secondo perché, quando sarai morto, sarai morto. Che tu nel frattempo abbia lasciato o meno dei geni in questo mondo non allungherà nè renderà più piacevoli le tue giornate quaggiù.
    Superiamo queste bluepill, vi prego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É un'analisi che condivido e a cui non avevo pensato. Spesso in effetti quando la mamma si becca il betaprovider, ci fa un altro figlio in tempo zero. Sotto questo profilo tutto torna.

      Elimina
    2. Si potrebbe leggere anche al contrario: quando un uomo si mette con una donna che ha già figli altrui, desidera al più presto metterla incinta per garantirsi almeno un figlio suo (ed essendo presumibilmente la donna non di primo pelo, conviene sbrigarsi prima che scada il tempo massimo).

      Elimina
    3. Ma per quale motivo un uomo dovrebbe avere a tutti i costi un figlio?
      Che vantaggio ne trae?
      Rispondetemi, vi prego in termini di vantaggi razionali e reali; non ditemi cioè che è nell’istinto di un animale voler trasmettere i propri geni alla generazione successiva.
      Perché siamo uomini, non babbuini.

      Elimina
    4. @Anonimo delle 19:22

      Compagnia? Sostegno nella terza età? Soddisfazione di insegnare la vita a un altro essere umano e farlo diventare adulto? Presunzione di inserire nel mondo un individuo che lo migliori? Sicurezza di lasciare la propria eredità materiale a qualcuno di fidato? Convinzione religiosa? Speranza di tramandare i propri ricordi di famiglia? (e credo di averne tralasciati altri che ora non mi vengono in mente)

      Elimina
    5. Che sono tutte, palesemente, illusioni. Compresa quella di avere sostegno nella terza età, visto il sovraffollamento nelle case di riposo.

      Il desiderio di fare figli propri è semplicemente una sciocchezza.

      Elimina
    6. Anonimo delle 17.47

      Per parlare così immagino tu abbia alle spalle una famiglia disfunzionale e anaffettiva... Sono illusioni? Forse sì, forse no. A provarci una percentuale di successo statisticamente la si può avere, a non provarci non si ottiene nulla di sicuro.

      Elimina
    7. Come sempre, quando si esauriscono gli argomenti, si passa agli insulti.
      La mia storia famigliare é eccellente, e comunque non c’entra un tubo.
      In ogni caso, nessuno dei presunti vantaggi da te elencati si riferisce necessariamente a figli biologicamente tuoi.
      Le stesse cose le puoi fare coi figli della tua donna nati da unioni precedenti.
      Con la “piccola” differenza che non avresti obblighi nei loro confronti e non saresti, di conseguenza, ricattabile dalla madre.

      La vita di un uomo puó avere fonti di soddisfazione di ogni tipo (intellettuale, lavorativa, morale...) senza bisogno di avere figli.
      Quindi l’illusione che, per dare senso alla vita, si debba trasmettere il proprio DNA è davvero una delle forme più idiote e indecenti di blupill.

      Elimina
    8. Su questo sono pienamente d'accordo, ho frainteso il tuo primo commento immaginando fossi contrario ai figli in sé e per sé. Avevo risposto sulla base dei molti - compreso l'autore dell'articolo - che a quanto pare per "figlio" intendono solo "figlio biologico" e quindi oltre a tutte quelle motivazioni ci tengono a tramandare il loro DNA familiare. Non intendevo comunque insultare, ho solo descritto la probabile motivazione di una persona che si presenta come totalmente pessimista sui rapporti padre-figlio. Se hai relazioni eccellenti con la tua famiglia allora saprai che POSSONO esistere, ed è sensato che qualcuno provi a costituirle (che il figlio sia suo o meno).

      Elimina
    9. beh anche voler scopare, farlo o non averlo fatto mai( o se siete più romantici avere avuto o no una relazione ) innanzi alla morte che tutto si porta via tutto è un'illusione e prima ci suicidiamo meglio eh. Per arrivare subito al punto di questo delirio...

      daouda

      daouda

      Elimina
    10. @daouda
      Scopare è piacevole. Quindi ti rende migliore la vita. Viceversa non è necessario avere figli per vivere piacevolmente. Sicuramente non è necessario avere figli biologicamente tuoi.
      Ciao

      Elimina
    11. non è necessario nemmeno scopare , o se non lo fai per caso ti disintegri?
      Idem per i figli la piacevolezza, non ho mai parlato né di necessità né di obblighi si badi

      daouda

      Elimina
    12. @daouda

      mi sa che non ci siamo capiti. Avere figli, per quanto possa anche essere fonte di piacere, è estremamente impegnativo e, nella società contemporanea, ti espone a rischi enormi (tipo che lei te li porta via e rimani in mezzo a una strada, senza figli e senza soldi. Cosa molto comune e comunque non eccezionale).
      Viceversa scopare di per sé non presenta tutti questi aspetti negativi: bastano 50 euro a botta.
      Ciao

      Elimina
    13. Mischiare la normalità con la situazione patologica odierna nemmeno è utile.
      Sò benissimo quale sia la situazione quindi non vengo a rintuzzare una polemica futile, che poi ognuno valuterà come crede.

      Io credevo solo che ti riferissi al fatto che scopare sia necessario, come anche se sia necessario figliare, l che è falso. Sono semplicemente due piaceri diversi che ci hanno portato ad interloquire giacché è ovvio che se i nostri genitori non avessero copulato noi non ci saremmo.
      Non parlavo di rischio insomma, con cui concordo del tutto con te.
      Denigro solo l'idea che fare figli non sia piacevole insomma.

      saluti, daouda

      Elimina
  22. Il marchigiano8 gennaio 2020 00:28

    Contributo interessante, su un fenomeno sotto gli occhi di tutti. Nella mia esperienza quotidiana vedo molte coppie con figli di primo letto rispettivi mettersi insieme, spesso pariestetici, spesso stesso M (non alto, ma un paio di coppie ad altissimo M). Questo fatto lo vedo come movente condivisibile per tirare avanti una vita piacevole piuttosto che soli a mezza età e in ristrettezze x mantenere i figli.

    RispondiElimina
  23. Ciao a tutti, io fino a qualche tempo fa ero della stessa idea dell'autore. Ultimamente sto un po' cambiando idea, forse perchè mi sto avvicinando alla quarantina, forse perchè mi accorgo che in una città grande come Milano ci sono delle dinamiche un po' diverse che in altre parti/città d'Italia.
    Le mie coetanee single concittadine (anche se non sono nate qui) hanno le ultime cartucce per poter fare un figlio e, anche se a parole non lo vogliono per non mettere a rischio indipendenza, carriera e quant'altro, sotto sotto coltivano questo desiderio di maternità, è la biologia femminile. Va da sè che con l'orologio biologico che ticchetta l'ansia di trovare un partner all'altezza (bello, benestante per non dire ricco, con un buono status) sale alle stelle. I loro tentativi di trovare un uomo da cui in primis farsi fecondare le porta a essere delle trottole impazzite tra serate per single, cene, aperitivi, corsi di tutte le risme perchè non si sa mai; in questi "giri" la selettività è altissima, se non vai bene nei primi due secondi sei spacciato per sempre. Andando avanti con l'età il ventaglio di possibilità di trovare un uomo che le aggradi completamente si assottiglia sempre di più arrivando a innescare un cicrcolo vizioso di risentimento e acidume verso il genere maschile. Ovviamente questo non fa che allontanare ulteriormente gli uomini che benchè soli abbiano un minimo di amor proprio e di dignità e attirare gli zerbini che però vengono rifiutati finchè non diventano l'ultima chance per formare una famiglia.
    Nelle donne con figli ho notato che questo aspetto ansiogeno è molto meno presente e ciò consente loro di vivere una vita più slow (anche se con figli piccoli c'è un sacco da fare), non hanno più l'ansia di figliare e questo consente loro di vivere in maniera più rilassata anche l'aspetto sessuale e di aspettative nei confronti del loro partner. Non si eliminano totalmente i rischi evidenziati dall'autore dell'articolo, ma ultimamente le donne con figli mi danno l'idea di essere più affidabili. E' solo la mia modesta esperienza e il mio modesto parere, mi faceva piacere condividerlo con voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gino, hai senz'altro colto un punto importante, il femminismo ha portato a donne 40 enni letteralmente impazzire e nevrotiche. Hanno preso numerose pisellate, provato di tutto, dal toy boy (che oggi è stato sdoganato e va tanto di moda) al tizio granoso che non si vuole impegnare. E si ritrovano così a 40 anni ancora single, senza figli, disilluse, frustrate ma ancora così intimamente viziate.
      Ed è in quel momento che per gli zerbini si accendono le speranze.

      Elimina
    2. Ed è in quel momento che la persona con un briciolo di cervello risponde alle loro offerte: “no, grazie, piuttosto vado avanti a seghe per l’eternità”.

      Elimina
    3. Ho anche io notato la stessa dinamica evidenziata da Gino.
      Nonostante sia solo un impiegato pubblico e guadagni 1200 euro al mese (essendo peraltro esteticamente un 3,5-4) recentemente alcune quarantenni cominciano a prendermi in considerazione come un potenziale “inseminator”.
      Evidentemente il ‘posto fisso’ agli occhi di chi vuol sistemarsi ha ancora il suo fascino...
      Al tempo stesso ci sono anche donne (coetanee delle prime) che hanno avuto figli, ora si sono separate e cercano il betaprovider.
      Fra le due ipotesi scelgo sempre la seconda, perché mi espone a molti meno rischi. Per esempio, ora sto con una ragazza albanese che ha un bimbo di 3 anni.
      Per il momento la cosa mi va bene ma, se domani dovessi cambiare idea, so che potrei mollarla senza rischiare niente.
      Viceversa, se facessi da inseminatore con la quarantenne desiderosa di restare incinta, poi quella o mi mollerebbe e si farebbe mantenere o mi tratterebbe da zerbino.
      Quindi dico no grazie, scelgo la donna con figli.

      Elimina
    4. @Ale

      vorrei solo farti presente che una donna di 40 anni mediamente in salute senza ausilii medico/clinici ha una probabilità di rimanere incinta attorno all'1-2% (significa, calcolando una media di 5 giorni fertili al mese, che te la devi bombare non-stop per 1 anno e mezzo -purchè tu sia molto fertile)

      Elimina
    5. @Anonimo 11 gennanio 2020

      non so da dove tu abbia tratto questi dati, ma ti farei notare che il numero delle madri quarantenni è raddoppiato negli ultimi anni e continua la sua crescita.
      Attualmete in Italia è di circa il 9%...
      Dunque, per una donna, restare incinta a 40 anni è tutt'altro che una chimera.
      Inoltre, il tuo presupposto, che cioè non lei non ricorra ad ausili medico/clinici, è tutt'altro che scontato.
      Una donna desiderosa di restare incinta può benissimio assumere i relativi farmaci senza dirtelo, aumentando così la probabilità di incastrarti.

      Quindi direi che tutto ciò, sommato alle considerazioni già note, ci porta inevitabilmente a considerare alquanto stupido mettersi con una 40enne che risponde al ritratto delineato da Gino.

      Elimina
  24. È evidente che la natura ti spinga a voler trasmettere i tuoi geni alla generazione futura, ma è altrettanto evidente che, da un punto di vista individuale, tu non ne trarrai alcun beneficio.
    Che si siano trasmessi oppure no, infatti, tu sarai morto.
    Ecco perché, riallacciandomi a quanto ho letto in un commento di sopra, la vedo in modo esattamente opposto.
    Premesso che non è necessario avere figli per essere felici (affermare il contrario è blupill, evidentemente), penso che, volendo fare il “padre”, prendersi i figli degli altri sia vantaggioso.
    Non hai, infatti, nessun obbligo legale verso di loro e dunque non sei nemmeno ricattabile.
    Anzi, sei tu a poter ricattare lei.
    Dunque, se proprio dovessi avere una LTR, meglio sarebbe se fosse senza figli o con figli di altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente sei poco informato sul codice civile. Attento che la legge non ammette ignoranza...

      Elimina
    2. Al contrario, credo di conoscerlo piuttosto bene.
      Senza vincolo matrimoniale nè di filiazione (sia essa legittima o naturale oppure, ancora, derivante da adozione) non sussiste alcuna obbligazione giuridica se non in casi estremi e particolari.
      Il brocardo ignorantia legis non excusat c’entra ben poco in questo caso (viene in rilievo tipicamente in materia penale, nella quale peraltro è anche stato messo in crisi dalla Corte Costituzionale).
      Quindi, ribadisco:
      NON SI HA ALCUN OBBLIGO VERSO I FIGLI DELLA TUA COMPAGNA NATI DA UNIONI PRECEDENTI.

      Elimina
    3. @Mark

      I doveri legali possono essere (e nella realtà lo sono) facilmente sviati con motivazioni di tipo pratico/umano; in poche parole una "famiglia" non è gestita mediante capitoli di impresa, ossia con spese note e allocate rigidamente per singole voci di spesa.

      Giudici ed avvocati sanno altrettanto bene questo, infatti - nonostante la legge possa prevedere la determinazione delle spese ordinarie ed il versamento diretto ai figli nelle separazioni - le spese di mantenimento vengono sempre stabilite in maniera forfettaria e versate a favore del genitore collocatario (madre), per non parlare dell'assurda assegnazione della casa coniugale al soggetto collocatario anche se non proprietario dell'immobile.

      E' cosa ormai nota che - in generale - il diritto di famiglia venga disapplicato o applicato a favore delle donne (anche se questo deve essere negato, vista l'abbondanza di donne in magistratura) ed è l'ennesima prova dell'esistenza del "doppio standard" in tema di opportunità di genere.

      Elimina
    4. Confermo quello che ho detto. Se hai un figlio biologicamente tuo avrai sistematicamente la peggio in un qualsiasi giudizio.
      Viceversa se il figlio è biologicamente (e legalmente, è ovvio) altrui tutto ció verrà meno.
      Ecco perché il vero Redpillato rifugge la chimera di voler trasmettere il proprio DNA.
      Sa che gli costerà carissimo.

      Elimina
  25. Questo articolo fa venire i brividi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai letto anche tu l'articolo del c.p.c. sul more uxorio?

      Elimina
  26. Interessante articolo, che approfondisce ed esamina qualcosa che però era già risaputo ed evidente. Una donna, anche senza figli, tende comunque a far prevalere i propri interessi su quelli della coppia... se poi ha anche dei figli la motivazione a sfruttare lo sventurato compagno è ancora più forte.

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Prima di postare però per favore dai un'occhiata al Regolamento: