19/12/18

Come Rispondere ai Parenti che ti Chiedono se Hai una Ragazza


 

Come Rispondere ai Parenti che ti Chiedono se Hai una Ragazza

Salve Redpillatore, 

avrei bisogno del tuo aiuto riguardo a una questione. La farò breve, perché so che, come me, non hai tempo da perdere.

In famiglia e fuori viene esercitata della pressione sociale su di me che riguarda l'altro sesso, più precisamente sono tutti stupiti del fatto che a 20 anni suonati non mi sia ancora trovato una ragazza.

Io ho parlato loro della mia bruttezza e del fatto che, per varie ragioni, io fossi incapace di seduzione.

A causa della loro anzianità e del fatto che partono con un livello di istruzione e consapevolezza sociale molto limitato, si sono rifiutati di capirmi quando ho tentato di spiegare loro le varie ragioni, forse perché incapaci di capire; a tal punto mi hanno posto la fatidica domanda: 

"Che cosa ti manca?"



Ora, premettendo che volendo potrei anche buttare loro in faccia tutte le dottrine redpill del caso, genetica, LMS e ipergamia delle donne, mi servirebbe una o più risposte semplici e dirette, facilmente comprensibili anche da chi è più avanzato con l'età (parliamo di una fascia da 40 - 60 anni), oltre che da chi è più piccolo (ho due cugine che fanno il primo o il secondo superiore alle quali la redpill non frega un cazzo, dato che non sanno nemmeno cosa sia).



Loro credono che tutti coloro che non soffrono di disabilità motorie possano essere capaci di seduzione, ovviamente sbagliando; e io sono troppo impaziente per istruirli, visto che la loro ignoranza non è una mia fottuta responsabilità. Non sono il loro professore.



Ti ringrazio in anticipo per il tempo che potresti dedicarmi.



P.S. Può darsi che il mio profilo Facebook ti possa aiutare a capire la mia situazione in termini di aspetto: (Profilo fb)

Il Redpillatore Risponde

Ciao, pranzo di Natale coi parenti in arrivo, eh? :))

Discutere con i parenti di queste cose è sempre un bel problema, mi viene in mente un pranzo di Natale di qualche anno fa quando dopo alcuni bicchieri di troppo, mi è venuta la bizzarra idea di redpillare tutta la famiglia.
Sono arrivato perfino a dire a mio zio cinquantenne che doveva ringraziare il cielo di essere riuscito a trovare mia zia, che se fosse nato 30 anni dopo non ci sarebbe riuscito.
Naturalmente hanno cominciato a ribattere tutti dicendo le solite banalità sul saperci fare e io li ho zittiti tutti con argomentazioni logiche finché, di fronte all'impossibilità di rispondere, hanno interrotto la discussione farfugliando che nei miei discorsi "c'era troppa matematica", un modo per dire che erano troppo logici, il che nella loro ottica deviata sarebbe stato un difetto dell'analisi, mica un pregio.


Coi miei non ho mai avuto molta più fortuna. Mia madre nega totalmente la redpill, salvo poi contraddirsi da sola quando commenta le persone tirando in ballo la loro estetica; mio padre, un po' più analitico, sembrava avere interiorizzato certi concetti, anche aiutato dal fatto che una volta gli ho mostrato gli scarsi feedback che ottenevo in chat, ma ciclicamente ritorna a farmi i soliti discorsi blupillati e anche io francamente ormai non so più che ribattergli, ma per fortuna non mi ha mai rotto le palle per il fatto di non avere una ragazza, perché vede che già le palle girano a sufficienza a me.

Del resto il femminismo misto alla tecnologia ha rivoluzionato completamente i rapporti uomo-donna negli ultimi decenni ed è molto difficile per le generazioni passate comprendere le problematiche dei giovani di adesso.

Vedi: L'Evoluzione dell'Ipergamia

In più, parlando dei genitori, bisogna dire che il loro punto di vista è viziato sia dal fatto che siamo loro figli e che quindi ci vedono con occhi differenti rispetto agli altri, sia dal fatto che riconoscere il problema significa dover ammettere la loro responsabilità, se non indiretta.

Del resto chi ci ha trasmesso i geni scadenti che ci limitano?
Non è bello per un genitore trovarsi di fronte a questa evidenza, a nessuno piace sentirsi dire di aver puntato su un cavallo perdente.

Nel tuo caso poi tu non sei neanche brutto, sei un normobruttino e quindi la cosa risulta ancora più incomprensibile.

Quindi sarebbe meglio evitare per quanto possibile questo genere di discussioni, ma se proprio non hai altra via di uscita, anziché metterti a spiegargli concetti troppo logici come l'ipergamia o le altre teorie redpill, potresti provare ad uscirtene con un discorso tipo:

"le ragazze di adesso pensano principalmente a divertirsi e fino ad una certa età non ci pensano proprio ad avere una storia seria"


Questo dovrebbero essere in grado di capirlo, perché hanno vissuto pure loro l'epoca della liberazione sessuale. Di' che ci sono sempre più single in giro.

Altrimenti puoi focalizzarti su te stesso, dire che per il momento vuoi dedicarti ad altro (lavoro, studi ecc.) e che non vuoi correre il rischio di rovinare la relazione (se hai qualche parente separato in famiglia sarebbe il top, puoi scaricare la patata bollente su di lui).


So che la mia risposta non ti soddisferà ma non saprei che altro consigliarti visto che vivo il tuo stesso problema, purtroppo ogni discussione è sterile se non c'è almeno un punto di contatto e la tua impazienza è più che comprensibile.

Buona fortuna.






18 commenti:

  1. Sui parenti o amici ne potrei raccontare ma diciamo il tempo tiranno mi rifarò vivo.

    Però giusto due consigli su come rispondere al giovine lettore :-) .

    SE e solo SE i parenti sono relativamente molto religiosi una bella risposta può essere che aspetta che la sua ragazza gliela porti la madonna, padre pio, san egistobazio di panantenochia, dio in persona, ecc. ecc.

    Sui suoi genitori anziani o anche quelli della mia generazione (ho 45anni) dico solo questo di ascoltarsi la canzine jolly blu degli 883.
    E molti miei coetanei magari perchè hanno slinguato al gioco della bottiglia alla festa delle medie, hanno scopato con la kikka della 5C ubriaca alla gita, hanno scopato due dicasi due e non di più studentesse da Erasmus poi si trovano la fidanzata della vita a 25 anni ed a 30 si sposano (quindi hanno conosciuto Se va bene solo cinque vagine) beh questi miei coetanei nella loro testa blupillata si credono degli scopatori seriali E quindi pensano che ci sia sesso per tutti e con facilità...NON è vero !!! Ti confermo da esperto per fortuna :-) che invece è difficile specie SE hai degli schemi mentali, di valori, di interessi diversi dalla media e dal popolino italiota.


    firmato: ex-nerd-chatters-slayer

    RispondiElimina
  2. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 17:29

    Paga una Wingwoman e presentagliela come la tua ragazza. Francesco Nuti, nel 1998, col film "Il signor quindicipalle" ci aveva visto lungo.

    RispondiElimina
  3. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 17:37

    Tocchi un tasto dolente. La sorella di mia nonna tutte le volte che mi vedeva mi chiedeva se avevo la ragazza. Mia mamma voleva mandarmi dallo psicologo perche' pensava fosse timidezza estrema. Con mio padre a volte si sono verificate scene tipo quella di Severiano del film grande grosso e verdone https://www.youtube.com/watch?v=j9eu7FdrzsQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io miei non mi hanno mandato mai da nessuno psicologo, ma quando mi fidanzai la prima volta in vita mia a 18 anni mia madre disse tipo: Sono contenta, era ora che ti fidanzassi, stavo iniziando a preoccuparmi.

      Capito? Questi prima ci trasmettono geni scadendi, poi se la prendono anche con noi.

      Elimina
  4. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 18:55

    "quando mi fidanzai la prima volta in vita mia a 18 anni" LOL, e si preoccupava pure.
    Oggi giorno un maschio che si fidanza a 18 anni è da considerarsi pure fortunato (a meno che non sia un chad). C'è pieno di incel kv over 30.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 18:57

      Aggiungo che poi non c'e' tanta differenza a essere incel kv a 27, 30 o 35 anni perche' se sei rimasto vergine a 25 anni lo rimarrai anche a 30, 35 e 40, col tempo la situazione non puo' che peggiorare. A 25 anni perlomeno puoi sempre trombarti una ninfomane separata di 45 a cui piace farsi una bella trombata con un giovane. A 35 ti è preclusa pure quella nicchia di mercato.

      Elimina
    2. Infatti ebbi una botta di culo assurda, ne sono consapevole! XD

      Elimina
    3. ma tipo a 28-29 e magari i primi 30 (prima dei 35) c'è ancora possibilità per trombarsi na matura ? dico 40-45 ma anche 50-55 se si tiene o ha il fascino della cougar/milf/mature sexy ci sta... che poi 28-48 sono vent'anni di differenza, idem 30-50 e a 30 si viene considerati ragazzi... Visto com'è non sarebbe male questo target, anche se c'è concorrenza e certamente i primi 30, e probabilmente anche i 28-29, non sono i 20-25 e sono considerati diversamente sotto diversi aspetti... Insomma, solo i ragazzini 18-20enni o massimo i 25enni sono target o anche i 27-28-29-30enni sino ai 35? ....

      Elimina
    4. "A 25 anni perlomeno puoi sempre trombarti una ninfomane separata di 45 a cui piace farsi una bella trombata con un giovane."
      In effetti, in questo blog la circostanza così frequente in una certa cinematografia della lei matura, normalmente sposata con il marito assente o almeno distratto, talvolta separata o addirittura vedova, che "inizia" al sesso un giovanissimo (anche meno che 25enne) conferendogli un egoboost e trascorsi di vita tali da fargli fare bella figura successivamente non è stata mai trattata. Magari ci potrebbe uscire un bel "racconto di vita" in proposito...

      Elimina
  5. Puoi fargli leggere quest'articolo https://www.psychologytoday.com/us/blog/insight-therapy/201305/the-price-sex-women-rule-men-drool-the-markets-cruel e spiegare ai tuoi genitori che sono proprio le loro ideologie e la loro cultura (consistente essenzialmente nella distruzione della cultura) ad aver ricondotto i rapporti uomo/donna (ma solo per le donne) allo STATO DI NATURA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 19:30

      e anche questo: https://www.ilredpillatore.org/2018/03/perche-non-ho-una-ragazza.html (mi domando perche' il redpillatore non lo abbia linkato nella risposta)

      e questo

      http://www.returnofkings.com/48312/the-deregulation-of-the-sexual-marketplace

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 19:31

      chiedo scusa invece l'aveva proprio linkato, sono il solito distratto

      Elimina
  6. 20 anni? oddio.... vorrebbero vederti fidanzato a 20 anni? andiamo. io credevo ne avessi 40 x parlare così. ma dici semplicemente che hai altro a cui pensare e che le ragazzine ce le hai,ma non le porti di certo al pranzo di natale!

    RispondiElimina
  7. Henry de Toluose Lautrec19 dicembre 2018 20:31

    Anche lui ne parla nella sua canzone
    https://www.youtube.com/watch?v=a0O19rCGtpM

    RispondiElimina
  8. capisco il disagio, ma ci vogliamo rendere conto che anche una donna prova ugualmente disagio?

    Immaginate sotto natale cosa succede sui social!

    Per esempio ora su una importante testata giornalistica (non voglio fare pubblicità) si dice che uno studio di Amnesty sostiene che su internet una donna riceve un tweet offensivo OGNI 30 SECONDI!!!???

    E' una cosa pazzesca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh...povera fanciulla indifesa riceve il tweet offensivo.
      Eppure la fanciulla posta foto "innocenti" dove appare seducente, in costume, mentre beve l'aperitivo cool nel locale trendy, fa la fescion-bloggher...

      Cioè lei ha 30anni e vuole esprimere se stessa come una tiin-eigiers perchè gli anni del liceo sono i più belli...ma per favore basta con questo vittimismo !!!

      SE una donna vuole trovarsi un fidanzato "temporaneo" ne ha quanti ne vuole SE si accontenta un minimo ed è in posizione di vantaggio nel mercato sessuale.

      SE invece vuole avere come fidanzato il capetto degli amici del muretto ma ora è fidanzato con la sua migliore amica kikka che può far schiattare di gelosia la bea...beh allora ci spiace ma nella regola del branco e dei gruppetti (cosa che ho sempre detestato dato che sono uno spirito libero !!!) il capo gruppo è solo uno ed è già impegnato...pregasi provare con il secondo o terzo più carino del gruppo...forse se gli si da fiducia si rivela un bel fidanzato...ma bisogna provare, fallire e provare per aver successo nella vita (cosa che al liceo non insegnano essendo gli insegnanti al 90% dei falliti esistenziali).


      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      P.S.:
      SE uno ti invia un tweet offensivo e lo blocchi. FINE del discorso.
      Sia ben chiaro massimo disprezzo per gli stalker dei social che sono uomini tristi, sfigati e depressi ed a loro modo blu-pillati.
      Una delle lezioni red-pill è quella di non alimentare il valore della vagina tramite like, mi piace, post con i cuoricini, alle foto delle tiin-eigiers di 18..40anni postate sui social.

      Elimina
  9. Beati voi che qualche parente si preoccupava(o almeno faceva finta) di una vostra vita relazionale.Io avevo solo dei genitori che dicevano solo di studiare e laurearmi.Come è finita?Mi sono laureato e oltre che essere incel sono anche disoccupato.Conta solo nascere nella famiglia giusta,nel posto giusto,con i geni giusti.

    Shoggoth

    P.S.Andrebbe fatto un post di quanto possa influenzare negativamente l'ambiente familiare e sociale in cui uno vive.

    RispondiElimina
  10. Dire molto semplicemente "Le ragazze che mi piacerebbero per una relazione stabile non corrispondono il mio interesse, e quelle alle quali io interesso non piacciono abbastanza a me" non va bene?

    Buone feste a tutti :)

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.
✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.