giovedì 17 agosto 2017

Arturo Gatti: omicidio o suicidio?





Arturo Gatti è un pugile di origine italiana che una mattina viene trovato morto riverso in un lago di sangue, con una cinghia al collo, in una camera d'albergo in Brasile.
Su wikipedia la sua morte viene liquidata in due righe, dicendo che si è trattato di suicidio anche se in effetti c'erano dei sospetti sulla moglie.
In realtà la faccenda è più complessa e viene fatta risalire ad un po' di tempo prima quando Arturo, ritiratosi da pugile dopo aver vinto 3 titoli mondiali, si dà alla pazza gioia e inizia a spendere un po' dei bei soldoni guadagnati facendo a pugni in night club e vacanze.
Durante uno di questi momenti di divertimento conosce una brasiliana, con la quale finisce per sposarsi e, infine, avere un bambino.
Il buon Gatti però proprio fesso non è e infatti prima del matrimonio si tutela con un contratto prematrimoniale che taglia fuori la moglie da ogni eventuale pretesa economica.
Alla moglie però, separarsi senza ricevere un soldo non va proprio giù come cosa e, ricattando il marito dietro minaccia di portargli via il bambino e non farglielo più vedere, lo costringe a modificare il testamento in suo favore.
3 settimane dopo la modifica del testamento Arturo viene trovato morto.
La polizia indaga su quanto avvenuto, già potete immaginarvi che razza di individui, polizia brasiliana, e concludono che si è trattato di suicidio.
In effetti il buon Arturo è un 37 enne milionario, che passa la sua vita in vacanza, con un bambino appena nato e che è sempre circondato da belle gnocche.Deve essere davvero una vita dolorosa e insostenibile, non stupisce che abbia scelto di farla finita.Poi magari avrà pure scoperto di essere berid ed è andato via di testa.
La famiglia però stranamente non è del tutto convinta e così indaga per conto proprio chiedendo aiuto ai più civilizzati detective canadesi (non per sfiducia eh).
Nel frattempo la moglie di Arturo spara un sacco di balle, viene beccata a far bollire in acqua la collanina insanguinata del marito, fa mezze confessioni poi ritrattate e via di seguito.La mettono dentro e poi la tirano fuori.
Arrivano i detective canadesi che iniziano a fare indagini molto serie facendo centinaia di esperimenti di fisica, simulando un eventuale suicidio.
Dopo centinaia di tentativi di ricreare la scena del presunto omicidio realizzano che
  1.  La cintura con cui si sarebbe impiccato non era sufficientemente robusta per sostenere il corpo.
  2.  Il corpo non sarebbe mai potuto cadere e trovarsi nella posizione in cui la polizia lo ha trovato .
Questo però evidentemente ai brasiliani non basta e, nel 2013 archiviano il caso come suicidio.La moglie eredita qualche bel milioncino e inizia a spendere, spandere e investire in ditte di cosmetici.
E niente, fine della storia.


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao!Mi fa piacere che tu voglia lasciare un commento,sono contento di sentire cosa ne pensi.Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

- Cerca di scrivere post ricchi di contenuto.Niente insulti, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
- Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, prima guarda la sezione faq.Può essere che la risposta sia già lì.
- Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.