Home Pillole di Vita La Parola ai Lettori La mia Prima Esperienza con una Escort

La mia Prima Esperienza con una Escort

61

Caro Redpillatore,
ti scrissi qualche mese fa per farti i complimenti per il tuo blog, ora se mi permetterai vorrei raccontarti un episodio che mi successe un paio di settimane prima di conoscere il tuo blog. Partendo dall’inizio, ti dico subito che sono un ragazzo di 23 anni che vive e lavora all’estero in UK. Esteticamente giudico me stesso intorno al 5-6, sono alto 185 cm,peso 72 kg, capelli castani, occhi scuri, carnagione molto chiara e viso cosi cosi, di carattere timido e introverso, appassionato di sport, soprattutto di calcio e tennis (questi due in particolare perche’ da piccolo ci giocavo molto). Nonostante all’apparenza sembro ragazzo normale, la mia vita era un incubo ai tempi del liceo, ero continuamente deriso da alcuni compagni di classe sia per via del mio aspetto fisico (all’epoca non pesavo neanche 60 kg) e sia perché non ero un granché di viso, quindi è inutile che ti dica che con le ragazze non concludevo nulla. Ci provai per tutta l’adolescenza con 3 ragazze, due sul 5 e una sul 6, ma niente mi rifiutarono tutte e 3, e una 5 ricordo ( alta circa 165 cme e in carne) mi disse che ero un cesso ridendomi in faccia. Questa fu una mazzata alla mia autostima, e da li evitai di provarci con le ragazze per un bel po’. Appena finii il liceo, feci un corso di formazione e trovai subito lavoro all’estero poco prima di compiere 19 anni, un lavoro che ancora faccio e che mi garantisce un buon reddito che mi permette di togliermi anche qualche sfizio ogni tanto. Quando arrivai qui pensai che potevo dare una svolta alla mia vita sessuale, invece mi sbagliavo, era esattamente come prima, le ragazze mi vedevano ancora come uno scarto. Cosi tentai di provare a migliorare me stesso, iniziai a Maggio 2020 durante il lockdown a fare dieta e palestra a casa, e arrivai a Luglio 2021 a pesare da 59 kg a 68 kg, in più modificai il mio taglio di capelli e mi feci crescere e sistemare la barba. Ad essere sincero questo nuovo stile lo sto adottando tutt’oggi, in effetti guardandomi allo specchio mi vedo quantomeno nella norma rispetto a prima. Il risultato con le ragazze? Uguale a prima. Tentai qualche approccio, eccone alcuni:

  • con una ragazza polacca sul 5, di faccia era bruttina ed era un po’ in carne, ci provai con lei che ero brillo, quindi forse neanche me ne accorsi che era cosi, all’inizio sembrava starci ma quando le chiesi il numero rifiutò dicendo di non essere interessata ( forse perche’ non le avevo offerto il drink in disco);
  • con una collega di lavoro british sul 7 che mi rifiutò subito dicendomi che era confusa e che voleva restare single per un po’ , per poi mettersi con un belloccio sul 7,5 la settimana dopo, anche se potevo aspettarmelo ad essere sincero ;
  • con una ragazza americana di origini sudanesi, lei era intorno al 5,5, ballai con lei ad un locale latino-americano dove mi trascinarono i miei colleghi, mentre ballavamo parlavamo del più e del meno e mi fece veramente una buona impressione, era veramente dolce e simpatica, e mentre stavo per baciarla si rifiutò perché disse che era fidanzata, ed era vero ( ma evidentemente non ero sufficientemente bello da poter farmi le tipe degli altri);

    Comunque nonostante l’auto-miglioramento non fosse servito a niente per rimorchiare le ragazze, continuo sempre a farlo perché mi piace tenermi impegnato per raggiungere obiettivi e sentirmi auto-realizzato. In ogni caso qualche mese fa decisi di festeggiare un’importante promozione ottenuta sul lavoro, e non sapevo che fare. All’inizio pensavo ad un viaggio ma era troppo complicato a causa del covid, poi pensavo ad un PC da gaming ma non sono proprio appassionatissimo di videogiochi, poi mi ricordai che tempo fa un ex collega mi parlò del fatto che andava in dei bordelli in centro o nei centri di massaggi erotici, la cosa non la presi molto sul serio quando me la disse e anzi a dirla tutta mi sembrava una cosa molto squallida da fare. Cosi mi si accese come una lampadina e decisi di provare ad andare con una escort/ Cercai un po’ su internet su alcuni siti che i vari tizi sui forum dissero che erano sicuri. Scelsi di farmi un regalo fatto bene, optai per l’opzione 400£ per un’ora e mezza, con un massaggio erotico incluso, tanto il lavoro mi paga abbastanza bene, non ho vizi, passo le giornate come un monaco tra casa, lavoro, palestra, faccio un’uscita alla settimana che vuoi che faccia che una volta ogni tanto esca fuori dagli schemi. Scelsi questa ragazza brasiliana di 27 anni, molto bella,bionda, con un bel seno rifatto e un fisico che sembrava un’attrice hard. Entrai nel suo bellissimo appartamento ed ero un po’ agitato, pagai subito la cifra concordata, mi chiese se era la mia prima volta che usufruivo di questi servizi, gli dissi di si e lei gentilmente mi rassicurò e mi mise a mio agio, mi spogliai e inizio a massaggiarmi la schiena. Senza scendere troppo nei dettagli, il massaggio durò circa 50 minuti e fu eccezionale, e mentre stava finendo di massaggiarmi davanti iniziò a stimolarmi il pene e da lì in poi mi mise il preservativo e per i successivi 10-15 minuti sembrava come se fossi fatto di cocaina. Giuro che provai un piacere che non avevo mai provato fino ad allora, mi veniva tutto naturale e mi sentivo come in paradiso. Finito mi feci una doccia e mi fermai i restanti minuti a parlare e a scherzare con lei per poi andarmene. Dopo qualche tempo ho riflettuto e ho realizzato alcune cose,soprattutto appena dopo aver scoperto il blog di Red:
  • Nonostante tutti gli sforzi che tu possa fare per migliorare il tuo valore di mercato di mezzo o al massimo un punto, alla fine le ragazze, anche le più cesse, sceglieranno sempre il belloccio sul 7-8;
  • Se non sei bello è veramente difficile avere una vita sessuale soddisfacente;
  • Il sesso mercenario non ti dà validazione, ma a volte è meglio usufruirne piuttosto che farsi le seghe la casa (sempre se si ha l’opportunità o una disponibilità economica a farlo);

    Diciamo che quando sei brutto, o anche normale in alcuni casi, andare a prostitute è forse la meno peggio delle opzioni, nel senso che in ogni caso ci perdi perché comunque sia devi dare sempre qualcosa per ottenere del sesso (in questo caso denaro), però ottieni in cambio quello per cui tu hai pagato, mentre spesso per ottenere del sesso con una ragazza normale, spesso devi fare il ragazzo zerbino di una tipa isterica, sentire tutte le sue lagne,frustrazioni, portarla di qua di là, pagare questo, quello, quell’altro ecc, per ottenere poco sesso, tante rotture di scatole e per avere un miraggio di autostima e validazione. Sono veramente contento di aver provato quest’esperienza, anzi preferisco passare la vita cosi piuttosto che prendere pali su pali o a fare da beta provider a una 35enne a cui devo mantenere 3 figli non miei, oppure nella peggiore delle ipotesi fare il padre di famiglia divorziato che vive in macchina mentre l’ex moglie vive a casa sua con l’amante e i figli.

Il Redpillatore Risponde

Ciao, grazie del resoconto. A 23 anni hai già capito diverse cose che molte persone non riescono a realizzare neanche a 50 purtroppo.
L’automiglioramento è sicuramente una buona e nobile cosa, ma ai fini dell’attrazione troppo spesso è sopravvalutato. Come osservi, e come abbiamo ripetuto più volte, le donne sono biologicamente attratte da una fetta ristretta di uomini al top. E se si parte da basi troppo basse è impossibile raggiungere la vetta. Alla tua età poi conta quasi esclusivamente l’aspetto, che è il punto più difficilmente migliorabile.

Tuttavia ci sono alcune considerazioni che vorrei fare sul tuo racconto. Dici di essere un normaloide. Io non ti ho visto, ma molto probabilmente lo sei, già che sei alto e in buona forma non credo tu sia un caso così disperato dal punto di vista estetico.
Tu stesso precisi di avere un carattere timido e introverso e di averci provato con pochissime ragazze, demotivato in breve tempo dai vari feedback negativi. Ecco forse dovresti anche iniziare a lavorare su questo. Hai uno storico troppo basso di approcci per poter trarre conclusioni definitive. Sei forse uno di quei casi in cui effettivamente leggere e provare ad applicare un po’ di materiale PUA potrebbe sbloccare una situazione che sembra senza speranze. Le escort sono utili per smettere di idealizzare il corpo femminile, ma a 23 anni è un po’ presto per decidere di ritirarti dal mercato. Dato che hai le risorse economiche, ora che l’emergenza covid è passata potresti anche riprendere in considerazione qualche viaggio all’estero, chiaramente evitando i Paesi fogna occidentali (dove hai già capito che non cambia nulla). Devi ancora raggiungere il picco del tuo valore di mercato, non scoraggiarti così presto. In bocca al lupo!

Advertisement
Sottoscriviti
Notificami
guest
61 Commenti
Più Votati
Più Recenti Più Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Boucaneer
Boucaneer
9 giorni fa

ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE SESSUALI

In effetti nella gestione della figa e della propria vita sessuale (e chissà, sentimentale? LOL!) non è raro incappare nella necessità di fare considerazioni di carattere economico-finanziario-patrimoniale.
Di fatto la figa è una ricchezza, e come tale si può manifestare in diverse forme e generare una serie di costi-benefici e rischi-opportunità.

Una fidanzata per esempio è simile ad un’immobilizzazione materiale, che genera il beneficio di un introito sentimental-sessuale ragionevolmente certo nel breve-medio termine, ma soggetto tuttavia a diversi rischi ed oneri nel medio-lungo. Per esempio: costa (sia in termini di costi reali come cene, vacanze, regali, ecc. e in termini di costi sommersi, come il “costo-opportunità” di “non andare con altre”); può venire espropriata (corna), è soggetta ad ammortamento (più si allunga la relazione, più le scopate si diradano, peggiorano e anche la ragazza stessa si imbruttisce, si gonfia e inacidisce) e può generare sopravvenienze passive quali convivenze, figli (anche di altri) e matrimoni.
E poi non consideriamo i “costi di uscita”, dove le penali da pagare in termini di ricadute sui circoli sociali (parenti, amici in comune, ecc.) possono assumere un peso tutt’altro che digeribile.

La “scopata e via” (sia essa free o pay) genera un beneficio istantaneo a fronte di un costo generalmente sostenibile o comunque proporzionato (il “costo della serata” per esempio) e lo stop loss (e quindi la quasi totale assenza di rischi poichè al massimo si perde “la serata” con annessi e connessi).
Se poi la “scopata e via” è free, potrà generare nel futuro ulteriori “introiti” in termini di “autocompiacimento”, che pur non essendo materialmente apprezzabile come la scopata in sè, può comunque generare un circolo virtuoso di “autovalidazione” con lievi (ma comunque benvenute) ricadute positive sui propri livelli L ed S.

Il flirth/trombamicizia invece è a mio avviso la sintesi ottimale tra le due sopraccitate casistiche, poichè si ha un orizzonte temporale di godimento più lungo della semplice serata a fronte comunque della non fissità della relazione (e quindi della non fissità dei relativi costi).

E poi ci sono molte altre configurazoni possibili… un po’ come nei mercati finanziari dove ci sono i tradizionali segmenti azionario, obbligazionario, e valutario, e poi tutta una serie di strumenti dalle architetture più contorte negoziabili soprattutto nei mercati “over the counter”.

Ovviamenete modalità, tempi, qualità e quantità della ricchezza in termini figheschi dipendono da molte variabili (il livello LMS, l’area geografica, il periodo storico, il contesto sociale, …) ma alcune regole fisse saranno sempre d’aiuto:

1) Per quanto sicuro sia un investimento, non esiste il rischio zero.
2) Alfa fux beta bux, pertanto “alto rischio=alto rendimento” non è sempre vero, non nel mercato sessuale.
Il caso della fidanzata-immobilizzazione infatti dimostra l’esatto contrario: si può incorrere in un alto cuck-rischio pur a fronte di un basso cuck-rendimento. E il caso della scopata o del flirth attivo circolante commerciale può portare a rendimenti alti o comunque apprezzabili a fronte di rischi relativamente bassi.
3) Fissare sempre un livello stop loss ed elaborare sempre ALMENO una exit strategy: prendersi cantonate nel mercato sessual-relazionale può capitare a chiunque, l’importante è non rimanerci sotto. Un conto è una perdita su crediti, una minusvalenza… un conto è il fallimento.
4) Cogliere le occasioni nel breve, divertirsi as well as possible ma non trascurare il medio-lungo termine.
Finchè si è giovani e prestanti va tutto bene. Ma invecchiando, naturalmente, alcuni parametri si modificano e/o possono modificarsi. Tendenzialmente L si riduce ed M aumenta (S invece può assumere dinamiche indipendenti dall’età). Il fatto però è che oltre al NOSTRO invecchiamento, c’è anche il LORO. Quindi bisogna considerare che se a 50 anni vorremmo trombarci ancora le 25enni le cose sono due: o pay, o sugar paternity… In entrambi i casi M avrà un peso importante, per cui pensare al proprio futuro e alla propria pensione sessuale è importante.
5) E come sempre… ricordarsi che al di là di tutto la cosa più importante è la salute!

Alex Le Large
Alex Le Large
8 giorni fa

E’ stato già detto tutto. Io aggiungo solo qualche concetto.

Primo (ed è un concetto che voglio introdurre): cosmopolitismo = ipergamia femminile al top. Negli ambienti a forte internazionalizzazione e status, la donna, specie se giovane, probabilmente raggiunge i picchi di selettività ed esclusione dell’ “uomo medio”, nonostante ci possano essere apparentemente più opportunità. Anche la più mediocre, con due frasette sul profilo, trucco e vestitino, può salire sulla giostra del mondo (Cazzosello International più risto giapponesi e musei pagati) e ambire a un’ampia platea di over 7 da ogni Paese a cui dare sesso validazione in ONS o LTR. Ovvio che, con tante Mercedes di tutti i colori gratis a disposizione, una pur dignitosissima Kia venga scartata.

Secondo: la frase “sono indecisa, rimarrò single per ora” seguita da scopamento di tommy dopo qualche giorno è un classico del mondo femminile, che cerca di darsi arie ed affettazione con una presunta “complessità” (noi tonneh siamo complesseh), ma che è fin troppo prevedibile…lo hai detto anche tu, per fortuna eri già redpillato a sensazione, tanto di cappello.

Terzo: hai avuto modo di constatare che il mitizzato automiglioramento non basta ad alzare livelli LMS troppo bassi. A fiuto mi sembri avere basso L e anche basso S, non per scarsa moneta ma per basso “fattore alfa percepito” (timidezza e riservatezza). Tuttavia lo hai fatto ed è stato un bene provare, per fortuna lo hai usato in età giusta e non è detto che non ti possa servire in futuro.

Quarto: hai delle frecce enormi al tuo arco e quelle importanti sono già andate a segno. Sia come sia, sei in un ambiente migliore rispetto all’abominevole palude nostrana, hai lasciato quest’ultima a 19 anni ed hai lasciato a casa bluepill, precarietà, recessione e concettine. Se ti puoi permettere una escort da 500 euro, vuol dire che hai già vinto quasi tutto quel che ti serve ed hai escluso quel che NON ti serve.

Nella tua situazione, il meglio deve ancora venire (in tutti i sensi!).

In bocca al lupo anche da me.

Last edited 8 giorni fa by Alex Le Large
asso78
asso78
9 giorni fa

amico mio ma fregatene della validazione di questi esseri utili solo perchè hanno un buco da riempire……. hai un buon lavoro vivi da dio e fai cosa vuoi ma che cazzo te ne frega del resto? quando vuoi divertirti fai cosi e tanti saluti……..
consiglio mio:
per eventuali storie serie evita nel modo più assoluto caraibiche e sudamericane,sono brave più a succhiarti i soldi che il cazzo

Urhen
Urhen
9 giorni fa

1 sterlina sono 1,17 €. Quindi 400£=468€.
In Inghilterra lo stipendio medio è 1710 £ = 2000,70€ (dato preso da google).
Quindi una prestazione di 90 minuti sono quasi un quarto di uno stipendio normale inglese, cioè una settimana di lavoro.
Personalmente ritengo che di base sia vero quello che dice l’autore però alla fine anche nel sesso mercenario si parla sempre di sfruttamento maschile da parte delle donne.

Last edited 9 giorni fa by Urhen
MarcoC
MarcoC
7 giorni fa

Credo che a 23 anni e dopo 6 tentativi andati male, di cui metà tra i banchi di scuola e uno da ubriaco, sia prematuro parlare di “finita”, tiriamo i remi in barca e andiamo solo a prostitute. Questi bilanci di vita li vedo bene in bocca a un 40enne che ha già vissuto, su un 23enne che si sta affacciando al mondo per la prima volta stonano.
Hai dalla tua la giovane età, che è un vantaggio non da poco. Hai dalla tua l’essere ectoformo, lo deduco da altezza e peso, e anche questo è un vantaggio in ottica gymmaxing. Se ti alleni bene e mangi bene, potresti giungere all’agognato v-shape. Hai una consapevolezza del mondo che molti tuoi coetanei non hanno e probabilmente non avranno mai, rintronati come sono da giornate contro la violenza sulle donne, quote rosa, asterischi e altre amenità per rispettare le “minoranze”. Hai anche fatto le valigie e sei andato via dal Melanzanistan, cosa forse più importante di tutte.

Fortifica la mente e il corpo, disinstalla dal telefonino tutte le inutili scrolling app, a cominciare da facebook, formati su argomenti di tuo interesse, frequenta persone da cui puoi imparare qualcosa di utile per la tua vita, evita persone che ti vomitano addosso la loro negatività, stai alla larga da chi vede ovunque problemi senza proporre mai soluzioni, non seguire talk show, reality e altre idiozie pensate per il popolo belante, fissa degli obiettivi realistici e misurabili e concentrati su di essi (essere “felice” non è un obiettivo misurabile, raddoppiare il tuo stipendio e mettere 5Kg di massa magra lo sono), togliti dalla testa qualsiasi film mentale sulle donne, sull’amore e sul due cuori una capanna. Entra nell’ottica che “lei non è tua, è solo il tuo turno”. Se poi un giorno l’amore vero arriverà, tutto di guadagnato, ma di certo non sarà con una conosciuta su instagram o ancora peggio su tinder. Amore si, matrimonio forse. Nel frattempo usa il sesso mercenario per non soffrire troppo i morsi della “fame”, per fare esperienza, ma non toglierti il piacere della conquista. Corteggia ma senza zerbinare, cerca contatti femminili ma senza perdere la tua dignità. Perchè il sesso mercenario è come la cena al McDonald, ogni tanto è piacevole, ma non puoi nutrirti per tutta la vita solo di patatine e hamburger. 400 pound per un massaggio di 1h non è sostenibile alla lunga, a meno di usufruirne 3 volte all’anno, ma se era la tua prima volta capisco la volontà di andare a colpo sicuro con un servizio premium.
Attento solo ad approcciare ragazze ubriache o sotto l’effetto di sostanze più o meno legali. I paesi anglosassoni sono più sensibili di noi su queste tematiche. Il governo Blair oltre 15 anni fa ha introdotto una modifica al codice penale che prevede che il sesso con una donna ubriaca, venga considerato automaticamente stupro perchè consumato in una condizione in cui lei è incapace di intendere e di volere. Gli inglesi ormai hanno capito cosa rischiano, tanto che alle feste aziendali se ci sono donne ubriache, gli uomini si tengono tutti a debita distanza. Leggo che frequenti molto i locali da ballo, quindi in campana perchè ci vuole nulla che dopo un rimorchio andato bene, l’indomani ti ritrovi una denuncia di stupro a tuo carico. E’ l’ennesimo doppio standard, la donna ubriaca è incapace di intendere e di volere, l’uomo ubriaco no, ma questa è l’epoca in cui viviamo. Fa doppiamente ridere se consideri che non si è mai vista una ragazza inglese non ubriaca dopo le ore 22, ma tant’è…

Per il resto, lascia aperta la porta alle novità, non precluderti nessuna strada, non dare nulla per scontato, a 23 anni non è ancora tempo di fare bilanci di vita, è tempo di progettare e agire. Considera la redpill come un strumento extra nella tua cassetta degli attrezzi, un valore aggiunto rispetto ai tuoi coetanei cresciuti a pane, arcobaleni e inclusività, ma senza farla diventare un macigno che ti schiaccia fino a impedirti di muoverti. Da redpill a blackpill il passo è breve, specie se ricevi 3 rifiuti di fila e sei un animo sensibile. E non vedere tutto nero perchè “il mondo morde ma non forte come credete voi. È il tempo a mordere davvero” (cit.)
Buona fortuna.

anonimo
anonimo
9 giorni fa

“A 23 anni hai già capito diverse cose che molte persone non riescono a realizzare neanche a 50 purtroppo”
Neppure a 60-70 anni. Mai!

Ci sono divorziati sessantenni che si comportano da veri dementi e/o che prendono pesanti psicofarmaci. Gente, da beta ad omega, che ha spostato la prima donna che ha trovato, e che poi, dopo 20-30 anni, si sono lasciati.

Oggi sono totalmente fuori, annegati in un maremoto devastante che li ha dispersi in un mondo che li rifiuta in ogni ambito possibile e immaginabile: lavorativo, sociale, militare, sportivo, erotico-sentimentale…
Un mondo che, oggi, è totalmente fuori dalla loro portata. A differenza delle loro ex! Esse invece sono perfettamente integrate in questo mondo che le comprende, le supporta, e le aiuta economicamente!!

E le istituzioni, naturalmente, se ne fregano.

In Spagna è stato abolito l’insegnamento nella scuola dell’obbligo della filosofia e della storia, per insegnare sciocchezze che vanno tanto di moda oggi.

Nelle scuole dell’obbligo bisognerebbe tassativamente insegnare, e imparare a ‘memoria’, madame Bovary di Flaubert, altro che educazione X, educazione Y, …. ed altre amenità, utili soltanto a trasformare il cittadino comune in un felicissimo bue da soma (autentico cornuto che lavora).

In madame Bovary, e nel processo cha ha dovuto subire Flaubert per quel monumentale romanzo, è racchiusa tutta l’essenza della Redpill.

Night Driver
Night Driver
9 giorni fa

Per come la vedo io, l’acquisto di determinati servizi non è dissimile dall’acquistare un pasto a ristorante, probabilmente chi ha contribuito a prepararlo se avesse potuto sarebbe stato contento di fare altro, questo vale anche per i camerieri e tutto il personale implicato nel servizio. Ma il cuoco ha pensato bene che per vivere deve lavorare, e che far fruttare quella sua capacità era migliore rispetto ad altre alternative (probabilmente anche più remunerativo, almeno un po’), e quindi invece di rimanere sdraiato sul divano a vedere Netflix, o a leggere un libro, è venuto a cucinare per noi. Probabilmente non siamo dei clienti in grado di entusiasmarlo, non vuole impressionarci, come se un famoso critico culinario fosse entrato nel suo locale, e questo avesse provocato in lui il genuino desiderio di avere la nostra approvazione, di fare colpo sul nostro palato, siamo solo uno dei tanti che lo pagano dei suoi servizi, se ci diciamo contenti di come abbiamo mangiato magari gli fa piacere, ma non si sarebbe preso la briga di darsi da fare per noi, se non fossimo stati disposti a spendere. Il rapporto di un medioman che interagisce con una prostituta a mio parere è più o meno questo, tenuto conto delle ovvie differenze. Ciò che non cambia è che sempre di una transazione si parla, se si è persone educate e corrette non c’è nulla di cui sentirsi in colpa, si è solo acquistato un servizio, contribuito al reddito di un’altra persona, e, in fin dei conti, fatta girare l’economia.

Last edited 9 giorni fa by Night Driver
NinoFrassicadeiBalcani
NinoFrassicadeiBalcani
9 giorni fa

Ragazzo hai la mia piena stima,non ti preoccupare di chiudere “free” con ste tizie che sono carne da macello ormai.Hai una buona posizione,fatti qualche viaggio se ti va in paesi non occidentali come dice Red e goditela senza ansie.Nessun rapporto vale quanto il tuo tempo e la tua salute psicofisica.Tanto tutte le d si pagano,prima o dopo.Le escort le paghi e te ne vai.Ormai ti sei redpillato e hai anche i soldi in tasca.Se qualcuna avrà voglia di un vero rapporto umano senza secondi/terzi/quarti fini(cosa altamente improbabile oggi purtroppo) lo scoprirai da solo.Non ti incatenare investendo il tuo tempo senza un ritorno importante.Lascia questa vita di merda ai milioni di cucchi che popolano questo globo, loro sono la vera piaga.

Bluepillaterrimo
Bluepillaterrimo
9 giorni fa

Che invidia, questo ragazzo a 23 ha già capito tutto. E ha capito soprattutto una cosa: la validazione data dalle vagine munite, il cui 90% si farebbe stantuffare in campagna da un fratello Bianco, non conta nulla. Zero. Come unico appunto mi permetto di valutare meglio il costo per le prossime escort, 400 è tanto, anche considerando che Londra è più cara. A parte questo bene così, le prostitute esistono per questo: far svuotare le palle a chi non riesce a farlo in quanto non è riuscito a vincere la lotteria genetica. Adesso continua così, nel lavoro, con la palestra, togliti tutti gli sfizi che puoi e se vuoi provarci con qualcuna sentiti libero di farlo, tanto anche se dovesse darti il palo ti prenoti una escort e con lo stesso ammontare di qualche cocktail e/o cena risparmiati ti fai una sana chiavata.

Night Driver
Night Driver
9 giorni fa

Mi è piaciuto il suggerimento del Redpillatore di provare a migliorare il proprio approccio, oltre ad aumentare la quantità di interazioni fatte nel corso del tempo, ed il discorso legato all’automiglioramento. Io sono convinto che al di sotto di un determinato valor soglia estetico veramente si incontrino enormi difficoltà, tali da rendere il proprio target di ragazza, quello che realisticamente potrebbe ricambiare, veramente poco appetibile, e l’automiglioramento ed il “saperci fare” non possono cambiare molto (buona fortuna a conquistare ragazze in spiaggia con il six pack in bella vista, o il proprio carattere estroverso, se si è alti un metro e cinquantasette), ma se si è dei “normaloidi” allora veramente l’automiglioramento può fare la differenza, ed anche di tanto. Mi piace che vengano ribaditi questi concetti, perché questo ambiente non è uno di quelli estremamente disfattisti, in cui “è finita”, “non è mai cominciata”, e bisogna soltanto arrendersi al proprio destino, c’è spazio per essere propositivi, pur sempre cercando di essere realisti.

Mi è capitato di sentire pareri che dicevano che, per far fruttare le proprie caratteristiche caratteriali, la propria cultura, l’avere degli interessi peculiari (che magari possono anche renderci particolarmente appetibili in una determinata nicchia, come l’essere dei musicisti, o appassionati di tatuaggi, di un certo stile alimentare o di vita eccetera) e in generale il proprio avere una identità propria, peculiare, bisogna perlomeno non essere respingenti dal punto di vista fisico, nel complesso, ed essere perlomeno sufficienti per quanto riguarda alcuni valori soglia che vengono presi in considerazione in maniera automatica fin dai primi secondi in cui l’altra persona ci osserva (volto perlomeno non respingente, altezza minima, stazza minima); un ragazzo dall’aspetto complessivamente anonimo, che su Tinder verrebbe quasi sempre scartato, in una cerchia di amicizie che si frequentano di persona può essere una persona magnetica, che riesce ad avere successo con approcci “a caldo”, una volta che le ragazze non lo hanno scartato a priori per il proprio aspetto, e sono state affascinate dal suo modo di porsi e da come ha definito la sua identità (che magari, per effetto alone, ha anche migliorato un po’ la percezione che hanno della sua attrattiva prettamente fisica). A grandi linee condivido questo discorso, per un “normie” avere qualcosa da dire di sé, sapersi relazionare, dare l’idea di una persona potenzialmente piena di sorprese, può fare veramente la differenza. Poi qualcuno magari penserà “Eh ma un Chad può anche essere un ebete e non saperci fare minimamente, e le tipe lo approcceranno comunque di loro iniziativa”, può darsi, ma se non si fa parte di quella categoria di maschi non ha molto senso farsi il sangue amaro pensandoci, come cerco di non soffermarmi sul fatto che non sono nato in una famiglia ricca e con agganci ovunque, tanto pensarci in continuamente non mi porterebbe nessun vantaggio.

Ci tengo a precisare che non credo che ritirarsi dal mercato relazionale sia una cosa da non fare a meno che non si sia costretti, è una scelta personale, anche un “Chad” può scegliere di ritirarsi dal mercato relazionale, ad esempio perché psicologicamente risente molto dei riscontri negativi ricevuti da una ragazza, della gelosia che prova verso di lei, soffre di ansia, paranoia, o magari vuole concentrarsi su altro (e non ditemi che un ragazzo di aspetto top comunque non può avere paura di essere tradito o non può essere trattato malissimo da una ragazza, perché la sicurezza di ricevere sempre riscontri positivi non ce l’ha nessuno, ma tantomeno un maschio, per quanto bello possa essere; se interagisse con una donna in un momento in cui lei è di cattivo umore, o proprio ce l’ha con lui, anche Henry Cavill potrebbe essere trattato come un tirapugni emotivo, sminuito, umiliato, snobbato), quindi non è che il ragazzo “deve” darsi da fare, in quanto “normaloide”, magari anche carino, magari con ampi margini di miglioramento sotto diversi aspetti, e ancora giovane. Può farlo come non farlo, dipende come la cosa lo fa stare. Ma ribadire che questa possibilità esiste è comunque una cosa positiva.

Last edited 9 giorni fa by Night Driver
Batacchi
Batacchi
7 giorni fa

Mi piacerebbe molto se in questo blog (che a mio avviso sta svolgendo un ruolo molto importante nello schiarire la mente degli uomini e nel far vedere loro la realtà) si parlasse di due concetti che per me sono di fondamentale importanza per cambiare le cose.

Il primo concetto è quello dell’alleanza fra le donne.
Mi sembra che non se ne sia parlato per niente o comunque il tema è stato sviluppato poco (forse l’unico a parlarne sono stato proprio io in uno dei mieri rari post).

Per come la vedo io, se il mondo occidentale è un paradiso per le donne ed un inferno per gli uomini cio’ è dovuto a una moltitudine di fattori ma il piu’ importante è proprio l’alleanza fra le donne ai danni degli uomini cui non fa da contrappeso un alleanza fra uomini a tutela dei propri diritti.Non solo gli uomini non si alleano fra di loro, ma si alleano CON le donne andando contro i loro stessi interessi.
Faccio un paio di esempi per far capire come si traduce in pratica questa alleanza fra le donne.

1) le donne ,sebbene amino il sesso in misura MAGGIORE rispetto agli uomini,di comune accordo fanno in modo che l’uomo medio non possa fare sesso se non impegnandosi in una relazione stabile. (questa regola non vale per quel 5% di uomini bellissimi ai quali il 100% delle donne la smolla dopo 1 minuto da quando si sono presentati).
Spesso leggo in questo blog che qualcuno pensa che la sua difficoltà a copulare dipenda dal non essere alto, dal mento retruso, dal nasone ecc.
Siete completamente fuori strada.
Guardate le foto dei vostri nonni o degli uomini che vivevamo in quegli anni. Nel 90% dei casi siete piu’ alti, piu’ belli, piu’ muscolosi, meglio vestiti ecc. Le donne all’epoca non avevano nessun problema a trombare con uomini bassi o con la panza ecc. perchè evidentemente li trovavano comunque attraenti quanto basta.

Andate in Cina e ditemi se l’uomo medio cinese è piu’ alto, meglio dotato sessualmente o piu’ ricco di voi…eppure non hanno nessun problema a riprodursi perchè li’ non esiste questa alleanza fra donne (della quale il femminismo è solo una delle manifestazioni).

E’ importante non confondere il concetto di alleanza fra donne (nel mondo occidentale) con il femminismo per il fatto che a questa alleanza aderiscono tutte le donne , anche quelle non femministe e lo fanno perchè la cosa porta loro vantaggi.

Quindi le donne hanno fatto un patto (nemmeno tanto) segreto fra di loro che suona così : ” rendiamo difficilissimo all’uomo medio l’avere relazioni sessuali a meno che non si fidanzi o si sposi con una di noi.Dobbiamo fare così perchè altrimenti l’uomo non si sposerebbe mai ( e farebbe bene visto che non abbiamo nulla da mettere sul piatto tranne il nostro aspetto fisico che pero’ dura pochissimo e dai 30 anni in poi nessuno ci vorrebbe piu’…L’alternativa sarebbe quella di rinunciare al nostro modo consueto di fare (ossia all’atteggiamento parassitario volto a scaricare sul maschio ogni onere e cosa spiacevole estraendo le sue risorse e trasformandolo in un nostro servo) per comportarci come le orientali e dare anche noi un contributo.Questo non lo vogliamo fare e percio’ usiamo il ricatto del sesso per costringere il maschio a fare cio’ che altrimenti non farebbe (sposare una misandrica inacidita e parassita che dopo pochi mesi sembra una vecchia…)”

Da questo patto deriva l’odio delle donne verso le prostitute che rendono facile all”uomo l’accesso al sesso.

2) sorge un diverbio fra una donna ed un uomo: il 100% delle donne senza sapere assolutamente nulla delle ragioni sottostanti si schiererà per principio a favore della donna ( e purtroppo anche il 90% degli uomini fara’ così).

3) Compare una pubblicità che sfugge alla logica imperante dell’esaltazione della donna/sbertucciamento dell’uomo : dopo pochi minuti dalla sua trasmissione migliaia di donne affollano i social chiedendone la rimozione (cosa avvenuta per l’inoffensivo spot di Rocco Siffredi nel quale aveva avuto l’ardire di dire che lui di patatine ne aveva assaggiate tante…)
Ovviamente nessuna donna ( e purtroppo nessun uomo ) interviene a chiedere la censura dei numerosi spot in cui il maschio viene trattato con poco rispetto (messo dentro una lavatrice da una donna, preso a calci nelle parti intime, tirato per la cravatta ecc,).
La cosa divertente è che nella vita reale se un uomo e una donna sono nella stessa macchina, a guidare è l’uomo nel 90% dei casi. Nelle pubblicità invece l’uomo fa sempre il passeggero mentre la donna guida…

Ugualmente nelle pubblicità è sempre l’uomo che fa le pulizie di casa mentre la donna lo controlla e gli impartisce ordini…Un caso?

4) Le donne si lamentano perchè guadagnano di meno .
Ovviamente ci sono ovvie è ottime ragioni perchè cio’ si verifica, tuttavia riescono a ottenere cio’ che non gli spetta (vedi calcio femminile che diventa professionistico con conseguente distrazione dei soldi guadagnati dai maschi a favore delle femmine sebbene le loro partite siano imbarazzanti e nessuno voglia guardarle dato che una partita di prima categoria maschile offre un contenuto tecnico ed agonistico di molto superiore a quello di una partita di serie A femminile).

Stranamente nessuna donna (e purtroppo nessun uomo) si lamenta del fatto che i modelli maschi guadagnino meno delle colleghe. Nessuna lamentela nemmeno per il fatto che le donne entrano gratis in discoteca mentre i maschi devono pagare.

5) Le donne, alleandosi, riescono ad ottenere non solo leggi femministe ma anche regole di condotta non scritte che le avvantaggiano ingiustamente.Un esempio è il Galateo che in sostanza è una serie di regole e doveri per l’uomo cui corrispondono altrettanti “diritti” delle donne.In base a queste regole non scritte ad es. se una ragazzina di 21 anni e un uomo di 48 anni si incontrano 100 volte, dovrà essere sempre l’uomo (il 100% delle volte) a salutare per primo.Se l’uomo,dopo aver salutato per primo per 99 volte, la centesima volta si rifiuta di salutare per primo state certi che la ragazzina tirerà avanti senza salutarlo.

6) siete a teatro e un cabarettista osa fare una battuta sul genere femminile. Subito partono i fischi del branco: le donne gli rendono la vita difficile.

Questi sono sono alcuni esempi di alleanza femminile (ai danni degli uomini) nella vita quotidiana. Potrei citarne tanti altri.

Qual è l’arma contro l’alleanza femminile? L’alleanza degli uomini. Finche le donne faranno branco contro il singolo uomo le cose non potranno che peggiorare.
In cosa si deve tradurre, praticamente, l’alleanza degli uomini? Prendete i comportamenti delle donne e ritorceteglieli contro di loro.

La donna si aspetta che la salutiate per prima? Non salutatela piu’.

Il cabarettista che sfotte le donne viene fischiato da queste ultime? I vostri applausi devono coprire i loro fischi. Se invece una cabarettista parte con la lagna “le donne hanno una marcia in piu’…dietro ogni grande uomo c’è una grande donna” e altre stronzate del genere, voi la seppellite di fischi.

C’è un diverbio tra un uomo ed una donna? Difendete l’uomo.

Un film, telefilm, programma televisivo, giornale, ecc. ha l’unico scopo di dipingere le donne come infallibili, vittime, superiori all”uomo, sicure, vincenti e di far risultare gli uomini come dei ritardati, insicuri, deboli, sottomessi alle donne, ecc. ? Boicottate il film, il telefilm, il prodotto pubblicizzato ecc.

Le donne vi negano il sesso per costringervi ad avere una relazione con loro sebbene siano femministe, misandriche, scroccone, parassite, infantili egoiste, ecc? Togliete loro ogni attenzione (questo è il loro punto debole). Niente telefonate, niente messaggi, niente like sui social, niente auguri e regali per compleanno, niente favori, passaggi in macchine, niente risoluzione di loro problemi ecc.

Se il primo fattore sul quale volevo portare l’attenzione è l’alleanza fra le donne, il secondo fattore è l’esigenza si sviluppare e diffondere un vocabolario specifico. Questo blog sta facendo un grande lavoro in tal senso. Anche in questo caso non sto facendo altro che prendere le strategie utilizzate dalle donne contro gli uomini per poi ritorcergliele contro.

L’altro giorno ho sentito un mio collega 60enne dire ad un altro collega: “…ma quella è una “profumiera”…

Le donne creano in continuazione nomi per stigmatizzare qualunque cosa non sia di loro gradimento anche inventandosi di sana pianta concetti che non hanno alcun rapporto con la realtà (vedi il termine “femminicidio”).Gli uomini devono fare altrettanto. Si pensi che se si prende un vocabolario di lingua italiana si noterà che esiste il termine “misandria” ma non l’aggettivo “misandrico/a” (che io invece uso a tutto spiano per diffonderne l’utilizzo).

Eppure tutti sanno che in occidente, checchè ne dica la narrazione mainstream, le donne che odiano gli uomini sono molte di piu’ degli uomini che odiano le donne (sui quali invece proliferano film, serie tv, libri, trasmissioni televisive ecc.).

Le parole, come ben hanno capito le femministe, hanno potere.Quanti uomini , specie in ambito lavorativo sono terrorizzati all’idea di essere additati come maschilisti, misogini, sessisti,oppressori della donna ecc.? Ben poche donne invece hanno paura che qualcuno le consideri femministe o misandriche.Tutto cio’ deve cambiare.Al termine “femminista” deve essere associato un forte giudizio negativo.
Inoltre bisogna inventare nuovi termini per stigmatizzare con un’ unica parola e in maniera efficace i tanti tratti detestabili delle donne.E poi bisogna diffondere tali termini sempre di piu’.
Oggi gli idoli delle ragazzine sono le sciacquette poco piu’ che teenager che, con la terza media e a colpi di sculettate. sono riuscite a impalmare un riccone.In inglese le si chiama “gold digger” (arrampicatrici sociali).
Non so se nel mondo red pill esiste già un nome specifico per questo disgustoso e diffusissimo fenomeno.
Se già esiste bisogna darne ampia diffusione, altrimenti bisogna trovare un termine breve ed efficace o creare un acronimo che sortisca l’effetto sperato: far vergognare profondamente le parassite che vedono l’uomo come un bancomat (se anche tale termine fosse stato già inventato nel mondo red pill non sarebbe male creare un sinonimo.Piu’ termini esistono meglio è).

Un altro termine deve essere utilizzato per sbeffeggiare le donne che si riempiono la bocca con la parola “uguaglianza” per poi, incredibilmente, con la “razionalita’” tipica delle donne, pretendere di conservare tutti i privilegi storicamente accordati al genere femminile.(“uomini e donne sono uguali percio’ il maschio deve salutare per primo…percio’ il maschio deve offrire la cena…”)

Last edited 7 giorni fa by Batacchi
Anonimo
Anonimo
9 giorni fa

Letto tutto l’articolo.
Sono d’accordo con l’approccio del redpillatore.
Il ragazzo in questione nonostante i risultati non incoraggianti ha comunque dei punti di forza su cui può lavorare per aumentare il suo punteggio globale LMS.
Altezza e capelli ci sono, sul fisico ha avuto dei miglioramenti, poi sta crescendo in fatto di M e di conseguenza anche S avrà inevitabilmente un balzo in avanti.
In più vive all’estero dove le pretenziosità media è inferiore a quella delle italiane.
Non ha avuto la pazienza di aspettare “la donna giusta” e ha deciso di concedersi questa esperienza pay….ma questo non rappresenta alcun problema….anzi…forse lo può aiutare ad affrontare i prossimi possibili rifiuti con maggior serenità.
La sua carriera non è affatto compromessa…direi….anzi….

Anon
Anon
3 giorni fa

Sono il ragazzo dell’articolo. Innanzitutto ci tengo a ringraziare tutti quanti per i vostri commenti di stima e apprezzamento nei miei confronti, e in primis Red che mi ha dato l’opportunità di raccontare la mia storia. Cercherò di rispondere alle vostre critiche costruttive, e anzi vi ringrazio anche per queste, che servono a crescere e migliorarsi.
La prima critica che mi avete dato è che ho speso una fortuna per una escort, e in effetti non avete tutti torti, anche perchè in rapporto al mio stipendio (circa 2200£) è veramente tanto. Però considerando il fatto che io sto sempre molto attento alle mie finanze, risparmio e investo da quando ho iniziato la lavorare, e inoltre non ho uno stile di vita eccessivo, quindi questa cifra non mi ha danneggiato per niente. Ho deciso di spendere questa cifra solo per farmi un regalo,ora sono mesi che non vado ad escort, un pò perchè non ho urgenza e un pò perchè sono impegnato in alcune faccende personali, ma in futuro se dovessi tornarci non spenderò di certo questa cifra, ma sicuramente una molto più economica.
Secondo avete anche ragione sul fatto che dovrei provarci più con le ragazze normali, anche perchè in vita mia ho fatto veramente pochi tentativi (forse una decina), e se non faccio questi tentativi adesso quando potrei ancora rifarli? È vero che non sono il massimo a livelli di LMS, però potrebbe capitare che magari una ci stia per una ONS, poi se proprio nessuna mi si fila ci sono sempre le escort a disposizione. Detto questo vi ringrazio e auguro il meglio anche a voi.

black wolf
black wolf
8 giorni fa

Che dire… hai acquisito una consapevolezza che alla tua età hanno davvero in pochi.

Mi sembra molto lucida la tua considerazione sul fatto che anche con le prostitute “in ogni caso ci perdi”… diciamo la verità: sono soldi che non andrebbero spesi in quel modo, ci sono cause più nobili che fare arricchire così chi non ha voglia di fare un altro lavoro.

Non sono d’accordo invece con il Redpillatore. Una volta acquisita la consapevolezza che hai maturato tu, prima ci si ritira dal mercato meglio è, perchè così si risparmia un sacco di tempo prezioso. Se sei timido e introverso prendila come una benedizione che nel corso della vita ti fa risparmiare la conoscenza di tante persone inutili.

Viaggiare va bene solo se interessa visitare un posto nuovo, ma se fatto a fini di un ipotetico rimorchio sono soldi buttati via. Se poi si tratta di andare in un paese del terzo mondo per far leva su M allora tanto vale spendere le 400 sterline a Londra: risparmi i soldi del viaggio e soprattutto eviti guai e/o brutte gastroenteriti e malattie tropicali (anche se cmq rischi di contrarre un altro tipo di malattie).

Last edited 8 giorni fa by black wolf
Cutlass
Cutlass
5 giorni fa

Volevo ricordare che esistono le malattie sessualmente trasmissibili alcune curabili ed altre no, nel senso che non si guarisce. Frequentare una escort espone ad un maggiore rischio poiché ovviamente chi tromba 2000 uomini in un anno è più a rischio di una qualunque non professionista. Il discorso igiene non fa presa perché escort e non ,ce ne sono sia pulite che non, e per esempio spesso una escort si doccia a fine giornata non fra un cliente e il successivo. Questo discorso per dire che se uno vuole in futuro farsi una famiglia con dei figli propri deve mettere in conto che certe frequentazioni lo espongono all’infrangersi dei propri sogni, chi dopo 100 escort è sano come un pesce e chi dopo la seconda già si è preso qualcosa.
Così è.

Andrea
Andrea
5 giorni fa

Credo di ritrovarmi nella situazione del ragazzo che scrive. Io ho 29 anni e non sono mai stato fidanzato. Sono alto 1.85 corporatura ectomorfa. Ho un buon lavoro. Anche io ho avuto pochi approcci perche non ho mai creduto molto nei PUA e forse perche di carattere timido e introverso. Se diventassi piu spigliato e sfacciato magari qualcosa riuscirei a rimediare…