Home Dinamiche Sociali Psicologa Cerca di Confutare le ”Bufale” della Redpill

Psicologa Cerca di Confutare le ”Bufale” della Redpill

219

In passato ho dedicato un articolo intero a rispondere alle varie critiche che vengono fatte agli incel, alla Redpill e alla Teoria LMS, ma purtroppo si tratta di argomenti che vanno molto di moda e ognuno prova a dire la sua, per cui mi è impossibile stare a ribattere ad ogni stronzata che mi segnalano dal web.
Oggi però voglio spendere un po’ di tempo e soffermarmi su un’intervista che alcuni follower continuano a segnalarmi e che è stata pubblicata sulla rivista Open in un articolo dal titolo “Chi sono gli incel e quali bufale sulla sessualità condizionano la loro vita”.

Il pezzo è interessante non tanto per le argomentazioni in esso contenute, ma perché la protagonista è una psicologa che ha addirittura  “un master in aspetti medico-sociali della sessualità”. Roba proprio potente insomma.

Come sapete io non ho molta stima degli psicologi. Anche ieri ho espresso il mio disappunto per l’affermazione di una docente di psicologia che indicava i videogiochi come causa principale del fatto che il 28% degli uomini tra i 18 e i 30 anni non ha una vita sessuale e faceva a mio avviso l’errore di confondere la causa con la conseguenza.

Vedi: Cause e Correlazioni

Voglio però precisare, a scanso di equivoci, che non ce l’ho con la categoria degli psicologi a prescindere. Molti psicologi e studenti di psicologia seguono il blog e sono persone molto serie e competenti, altri lettori frequentano psicologi e trovano generalmente conferma di quanto diciamo qui.

E’ indubbio però che la psicologia è una materia che al giorno d’oggi è fortemente ideologizzata e ha una forte impronta progressista e troppo spesso capita di sentire dichiarazioni di illustri psicologi che sembrano più motivati a fare propaganda che a ricercare la verità nei problemi che sono chiamati ad analizzare. E’ questa la cosa che veramente a me dà realmente fastidio, non certo la categoria degli psicologi.

Fatta questa premessa andiamo ad analizzare l’articolo di cui ho fatto cenno all’inizio.

La prima critica è rivolta alla teoria LMS. Secondo la dottoressa Nuzzolese:

“Apparire “belli”, avere un certo reddito e status sociale sono tutte
conseguenze dell’avere cura di sé, essere intraprendenti e impegnarsi in
qualcosa nella vita. Difficilmente si riesce ad attrarre se per primi
abbiamo scarsa autostima.”

Eh certo, è brutto chi non si cura. Una bella doccia, bei vestiti e un buon taglio di capelli fanno diventare Alvaro Vitali come Brad Pitt. La dottoressa non ha mai visto uomini curati, puliti e ben vestiti che nonostante ciò non sono attraenti, chissà in che mondo vive.

Quanto al fatto che ha status e soldi chi si impegna, ci si mette veramente poco a trovare controesempi di persone che sono diventate ricche e famose senza alcun impegno né merito. Eppure improvvisamente hanno avuto un enorme successo con le donne. A riprova che status e ricchezza non sono conseguenza, sono proprio causa. Nella vita non conta l’impegno, contano i risultati. Voi andreste con una brutta che mette un enorme impegno ad apparire bella o con una che è bella naturalmente e non fa nulla per esserlo? Domanda retorica.

Sul discorso autostima, i forum incel sono pieni di esperimenti sociali fatti con modelli che in chat tediano le donne con discorsi depressivi, autocommiserandosi e in genere cercando di apparire il più possibile come degli incredibili disagiati. Indovinate un po? Riescono benissimo a rimorchiare e a risultare attraenti, anche con l’autostima sotto i piedi. 

Io penso che già un’affermazione del genere basterebbe per bocciare l’articolo e dedicarsi ad altro. Ma andiamo avanti.

La dottoressa prosegue parlando delle teorie psico-evolutive alla base della redpill:

“la donna sarebbe portata a cercare nel partner delle caratteristiche
che permettano di migliorare la specie, quindi delle garanzie sulla
possibilità di avere una prole, portando avanti la generazione
attraverso un miglioramento genetico.
Questo nell’interpretazione della redpill è relativo solo alla donna.
In realtà quel che dicono gli studi è che questa tendenza esiste da
entrambe le parti. Ma stando all’approccio psico-evoluzionista,
nell’ipergamia chi dà importanza all’aspetto estetico nel valutare un
potenziale partner è il mondo maschile”

Veramente le teorie redpill riconoscono che gli uomini guardano principalmente all’estetica ma non è vero che l’ipergamia esiste anche nel mondo maschile.
Infatti basta un po’ di spirito critico: se gli uomini fossero ipergami, ogni uomo punterebbe alla migliore donna che riesce ad ottenere, scartando quelle di livello inferiore che rimarrebbero a disposizione degli uomini di valore progressivamente inferiore. Le donne non troverebbero uomini migliori di loro e si accontenterebbero di quelli del loro livello, quindi non esisterebbe un problema incel, oppure esisterebbero tante incel donne quanti uomini.

In pratica però, pur con qualche inesattezza, la psicologa riconosce che le teorie redpill hanno riconoscimento nel mondo accademico però poi prosegue:

“gli studi sono comunque relativi a un modello. Vuol dire che sto
interpretando la realtà utilizzando un tipo di lente. Nel momento in cui
cambio la lente, cambia anche la mia interpretazione della realtà. Qui
parliamo di una delle tante interpretazioni di quelli che sono i
meccanismi alla base dei rapporti umani”

 Ma che vuol dire questa cosa? Ti chiamano per dimostrare che la visione che i redpillati hanno delle dinamiche sociale è fuorviante e si basa su bufale e alla fine ammetti che invece essi si basano su teorie che hanno riconoscimento da parte dei tuoi colleghi psicologi. Non solo non le smentisci ma ammetti che è un punto di vista lecito che ha pari dignità di molti altri. Ma quelli che hanno pubblicato questo articolo si rendono conto dell’autogoal pazzesco?


Segue poi un’analisi demografica, volta a dimostrare che in Occidente ci sono più donne che uomini.
Premesso che trovo abbastanza preoccupante che una laureata non capisca che il maggior numero di donne è dovuto al fatto che la speranza di vita per le donne è maggiore e che quindi le donne in più sono principalmente ultraottantenni (poi c’è anche chi apprezza le mature, per carità), onestamente non vedo il senso di dimostrare che ci sono abbastanza donne per tutti, dal momento che questo è un punto a favore della redpill.
Se c’è una donna per ogni uomo e molti uomini rimangono senza donne significa che le donne pretendono di più di quanto offrono, che è appunto ciò che vogliono dimostrare i redpillati.



Passiamo poi ad un classico, e cioè la Soggettività della bellezza:
“Si nota quindi come all’interno della stessa comunità redpill non ci sia
una congruenza di valutazioni. Se ci fosse un’oggettività della
bellezza i voti convergerebbero in maniera quasi matematica”


Ma infatti è così. Nei vari forum, quando si danno i voti a qualcuno, c’è una distribuzione a campana dei voti. Qui sotto uno studio dell’università di Regensburg che ha coinvolto oltre mille studenti ai quali è stato chiesto di indicare i visi più attraenti. Tutti i voti convergono verso gli stessi due volti. Se la bellezza fosse soggettiva ogni volto avrebbe la stessa probabilità di risultare attraente.



 Vedi: la bellezza è soggettiva?

Si parla poi dell’effetto alone. La psicologa afferma che l’effetto alone vale anche al contrario e cioè che non solo la bellezza influenza la percezione della personalità, ma anche una bella personalità fa apparire più belli.

“Sono stati fatti esperimenti in cui si faceva vedere un video a degli
studenti dove lo stesso professore appariva in una versione aggressiva e
poco piacevole e una in cui appariva più disponibile e simpatico. Alla
fine quando agli studenti veniva chiesto di valutare l’aspetto del
professore i valori più alti corrispondevano alla versione in cui il
docente aveva un comportamento gradevole.”

Fa riferimento ad uno studio la cui fonte non è menzionata e che quindi non posso verificare, però lo do ugualmente per buono e mi trovo abbastanza d’accordo. Quello che però bisogna dire è che l’estetica è la prima cosa che valutiamo in una persona e che uno può benissimo essere scartato in base a quello, senza che l’altro si prenda il disturbo di andare ad approfondire la personalità. Nello studio in esame gli studenti sono costretti ad ascoltare il professore, ma nella realtà nessuno è costretto a interagire con una persona che trova esteticamente repellente. E infatti in genere non lo fa.

L’articolo si conclude facendo l’esempio di Nick Vujicic, che è senza gambe e braccia ma è riuscito ugualmente ad avere successo e trovarsi una moglie. La psicologa lo prende come esempio per smentire i redpillati, salvo poi contraddirsi precisando che si tratta di un caso più unico che raro e che appunto è famoso a livello mondiale e multimilionario.
In pratica quindi non è una smentita delle teorie redpill, ma l’ennesima conferma.



Però la morale è sempre la stessa: “gli incel non devono scassare le palle e devono migliorare loro stessi”.

Nessun accenno al fatto che tale processo di automiglioramento non è richiesto alle donne, che invece possono starsene tranquillamente sedute a selezionare i maschi migliori anche se sono brutte e sovrappeso. Nessun accenno al fatto che quello incel “stranamente” è un fenomeno tutto al maschile, che non esistono donne incel perché le donne sono avvantaggiate in ambito sessuale.
Nessun accenno a ciò che questa situazione comporta a livello sociale.

Insomma, un articolo che si propone di smentire “le bufale” della redpill, che però si guarda bene dal menzionare i dati che ogni giorno vengono postati.
Ma visti i precedenti autogoal, forse in fondo è meglio così.



Sottoscriviti
Notificami
guest
219 Commenti
Più Votati
Più Recenti Più Vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Sapere la verità non aiuta a scopare ma aiuta ad evitare investimenti sbagliati.
Se sai che tra 5 anni i bond argentini falliranno, la notizia non ti farà guadagnare soldi ma ti farà evitare investimenti sbagliati.
Se sai come funzionano le dinamiche uomo/donna, cerchi di capire il tuo valore LMS ed eviti di impelagarti in LTR dove sei usato come bancomat.
Eventualmente ti trovi una donna di un Paese fuori UE dove tu hai un SM piu' alto (est europa), o addirittura un L piu' alto (ad esempio in giappone dove gli occidentali sono piu' belli e col cazzo piu' grosso).
Se ti prendi una donna dell'est pero' dovresti vivere laggiu' con lei. Perche' se la porti qua lei si abitua al mercato italiano e potrebbe diventare rischioso.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Non troppo tempo fa ci fu uno psichiatra che ebbe da dire qualcosa che, se non è redpill, ci va molto vicino. Il risultato delle sue affermazioni lo si può immaginare
google.com/amp/s/ giornalettismo.com/raffaele-morelli-donna-prostituta-iene-video/amp/

Diego Moro
Diego Moro
1 anno fa

Quindi l'effetto alone è unidirezionale, non è vero che i comportamenti modificano la percezione estetica di una persona, piuttosto è sempre vero il contrario.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Piu' che osservatore della foresta che cresce, io vedo la redpill come quelle informazioni che si cerca di nascondere cambiando le carte in tavola o partendo da presupposti fuorvianti.
Un paragone interessante è quello con il livello di delinquenza degli immigrati.
Ci vogliono far credere che non è vero che delinquono piu' degli Italiani con le seguenti affermazioni:
-gli Italiani condannati sono piu' degli immigrati condannati (grazie, ci sono piu' Italiani che immigrati, il calcolo va fatto in percentuale… altrimenti in Islanda gli Islandesi sarebbero delinquentissimi e gli Italiani bravissimi)
-gli immigrati sono aumentati ma i crimini sono diminuiti (Crozza); che cazzo c'entra? I crimini potrebbero essere diminuiti perche' sono diminuiti i crimini degli Italiani.
Le statistiche vere, se uno le cerca, se le trova, in un file del Ministero dell'Interno e sono imbarazzanti, ma la polvere è ben nascosta sotto il tappeto.
Allo stesso modo la redpill viene smentita con affermazioni grottesche e che non stanno ne in cielo ne in terra, come "ci sono piu' donne che uomini" (sì, di 80 anni); si guardi invece le statistiche demografiche dei residenti tra i 18 e 30 anni, che tra l'altro non tengono conto dell'invasione di clandestini, tutti maschi e in età militare.
Le donne ovviamente nascondono la redpill perché si sentono smascherate. Ma i peggiori sono i giornalisti maschi che la pensano come noi ma dicono il contrario (magari per paura che poi le donne non gliela diano piu').
Io stesso sono costretto a scrivere in anonimato. E a casa con la moglie, al lavoro e con conoscenti non parlo mai di redpill.
(La prima regola della redpill è non parlare della redpill?) In teoria no, il vero redpillato dovrebbe fare proselitismo. Però cosa ci guadagno, scusa, magari la moglie smette di darmela o addirittura chiede la separazione e me la prendo in quel posto. Quando scrivo cose redpillate quindi lo faccio sotto copertura (nick non riconducibile a me, VPN straniera, e nel raccontare eventi della mia vita altero qualche dettaglio ininfluente ai fini della storia ma che possa sviare i sospetti, ad esempio potrei scrivere che ho frequentato un liceo a Ferrara e invece era a Reggio Emilia, non cambia nulla ai fini della storia ma si evita che qualcuno che mi conosce, leggendo tutti i miei post possa ricostruire che sono io).

Unknown
Unknown
1 anno fa

Sostanzialmente condivido le argomentazioni del Redpillatore sull' inconsistenza dell' articolo, quello su cui sono un po' scettico è la conclusione, concetto più volte rimarcato in questo blog, secondo cui la condizione femminile (di donne brutte incluse) sarebbe una sorta di eden in cui vivono come principesse grazie al lavoro e alla fatica di tanti uomini i cui meriti e sacrifici non vengono minimamente riconosciuti. La realtà è assai diversa : a parte poche privilegiate che fanno effettivamente una vita lussuosa, ma ci sono sempre state anche prima, la maggior parte si devono sbattere tra casa, lavoro con uno stipendio misero, e

figli da accudire

Andy
Andy
1 anno fa

“…è fortemente ideologizzata e ha una forte impronta progressista…” Al di là di tutto ciò di cui si discute qui e in quei pochi luoghi simili, per me il problema più grande è proprio questo: l’influenza nefasta dei progressisti / servi dell'elite mondiale / radical-chic ipocriti che fanno di tutto per tenere la massa ad un livello di rincoglionimento tale da poter essere manipolata.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ma quindi secondo voi un incel come potrebbe fare ad uscire da questa condizione? Mica facile immaginare di stare a vita così, sembra una sorta di ergastolo. E non intendo suggerimenti come "ricorrere alle prostitute" perché non è assolutamente la stessa cosa. C'è qualche libro che parla di come porre rimedio?

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ho scoperto da poco il tuo blog e mi sono divorato tutti i tuoi articoli nel giro di pochissimo tempo. Sei davvero una delle pochissime persone libere dalle menzogne che ci propinano ogni giorno e guardi la realtà per quella che è: schifosa, insulsa e piatta, ma pur sempre una realtà che dovremmo tutti cercare di fare nostra per poter agire di conseguenza. Ci propinano specchietti per le allodole quotidianamente e ci fanno girare a vuoto, ma se una persona si fermasse un minimo a ragionare, capirebbe in poco tempo che c'è qualcosa che non va e così tutti i tasselli inizierebbero a ricomporsi. Troppo comodo buttare la colpa a cose campate in aria, troppo difficile invece affrontare la dura realtà e la cosa ancora più brutta è quella di non potersi confrontare perché purtroppo la redpill non è accettata.

Nonostante tutto continuo ad aspettare con quella flebile speranza che prima o poi incontrerò quella donna che un minimo si divincola di questo postmodernismo schifoso in cui conta solo l'apparire e il fare, e guardi anche quella che è la persona. Non dico che vorrei una persona totalmente immaterialista, ma per lo meno un minimo interessata a quella che è la mia persona.

Avevo una ragazza fino a qualche mese fa e fondamentalmente dopo 2 anni di relazione mi ero reso conto che di me non se ne era mai fregata nulla, non sapeva chi fossi, non sapeva trovare dei pregi in me, dei validi motivi per cui avesse speso tutto quel tempo dietro a me. Queste sono le relazioni, negarlo equivale a dire che il cielo è verde e tranne pochissime eccezioni, sono tutti così.

La cosa ancora più triste è che un uomo sub 6 non ha altra scelta se non quella di paggettare da schifo per avere una relazione di questo tipo con donne frivole, insoddisfacenti e che ti fanno pesare ogni singola cosa perché non sono riuscite a fidanzarsi con un figo. Ecco questa è la mia posizione attuale e fanc*lo a questi psicologi pecoroni che estorcono il denaro dai poveracci per poi andarsela a spassare nella vita privata.

Mgtow per necessità fino a quando non troverò una donna che mi dia quel qualcosa che ancora non ho trovato in quelle poche che ho avuto.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Quando, l'anno scorso, l'APS ha dichiarato ufficialmente che lo stoicismo è una caratteristica della "mascolinità tossica" (lol), la Psicologia si è definitivamente e irrimediabilmente sputtanata. Che la Redpill non sia ina teoria scientifica ma una serie di osservazioni empiriche non sistematizzate e non tutte esatte è vero, ma gli psicologi hanno perso ogni autorevolezza scientifica. E ora scusate, ma da buon maskilista-sessistah-misoggeno mi vado a rileggere Marco Aurelio (quello vero, lasciate stare quella puttanata de "Il Gladiatore").

Daniele

Roger
Roger
1 anno fa

Tutto vero, alla fine la redpill è una teoria basilare e facilemente osservabile nella realtà. Nonostante condivida appieno i concetti fondamentali, ritengo che pensare tutto il giorno a ipergamia, mandibole, voti estetici o il perché Tizio scopa e Caio no sia controproducente e ti fotta il cervello.
Piuttosto bisogna prenderla come spunto per capire in che direzione muoversi una volta capito dove si sta nella piramide sessuale.
Sul miglioramento personale spezzo una lancia in favore sperando di non attirarmi le vostre ire. Io se non mi fossi fatto il culo a studiare, a imparare le lingue e a migliorare il fisico, a viaggiare e a provarci facendo tante figure di merda probabilmente non avrei scopato un cazzo. E posso garantirvi che il giusto mind set aiuta e parecchio, portando dei risultati inaspettati (nel mio caso quando avevo il pallino della figa e della caccia, ho scopato parecchio e con tipe tutto sommato decenti, ovvio che il mio amico belloccio beccava 3 volte più di me)
Secondo me tanta gente dovrebbe staccare un po da questo blog (perdonami Red) e da certi pensieri e vivere una vita il più possibile normale. Posso dirvi che certe emozioni sono impagabili e bisogna lottare con le unghie e con i denti per averle, dallo strappare il limone in disco alla ragazza carina che ti stava guardando a svegliarti al mattino con una donna dopo una notte di sesso.
In bocca al lupo a tutti

Marco
Marco
1 anno fa

Riguardo al discorso delle valutazioni a volte discordanti, vorrei aprire un capitolo a parte.

Purtroppo, nei vari forum, c'è tanta gente totalmente incapace di formulare giudizi: in tal senso, ha in parte ragione l'autrice dell'articolo.

Certi non hanno il minimo senso estetico e sparano voti altissimi.
Altri invece, al contrario, si divertono ad affossare il prossimo, oppure (stavolta "in buona fede", diciamo così) prendono come riferimento i modelli invece della gente normale ed ecco che valutano "5" ragazzi normalissimi o persino normo-carini.
Infine, si può verificare il bias valutativo secondo cui il giudizio viene influenzato dallo "score" sentimentale/sessuale di ciascuno: ti presenti come uno sessualmente attivo ed ecco che si tende a sopravvalutare, mentre al contrario chi si presenta come uno che si sega a nastro corre il rischio di venire affossato o comunque giudicato al ribasso rispetto al suo reale valore estetico.

In sostanza, molti seguono una propria scala del tutto soggettiva ed arbitraria ed ecco che il sistema del voto numerico produce distorsioni pazzesche (io stesso fui valutato dal 5,5 all'8: veramente assurdo!!).

E' però vero che alla fine la distribuzione dei giudizi segue appunto un grafico a campana e tende a convergere verso un determinato valore (sempre nel mio caso, questo valore di convergenza si assestava da qualche parte fra il 6,5 ed il 7).
Questo dunque dimostra una certa oggettività nella percezione dell'estetica, al netto però delle distorsioni di cui parlavo prima (soggetti privi di senso estetico, utilizzo di scale del tutto personali ed arbitrarie, comportamenti deliberatamente affossatori o al contrario ipervalutanti, bias di valutazione, ecc…).

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ho letto l'articolo di questa BLOGGER(psicologadottoressaplurititolata?) e, il duplice invito che mi sento di fare a lei e a tutti i membri del coro mainstream è il seguente:
1) smettete di criminalizzare in maniera subdola coloro che cantano fuori dal coro… specialmente i membri e i commentatori dei forum della "manosphere" (ho semplificato con quest'ultimo termine per ragioni di praticità). Nonostante l'articolo della blogger pulluli di premesse e non vi sia scritto a caratteri cubitali che "gli incel sono dei potenziali assassini" o che "i redpillati sono misogini, sessisti, e perchè no, razzisti omofobi e fascisti", si capisce, leggendo tra le righe, che il messaggio che si intende lanciare è (con qualche titubanza) più o meno quello. Invece di sparare sulla croce rossa, dovrebbero fare bene il proprio lavoro cecando le VERE cause della violenza domestica, che certo non sono un sempice scambio di opinioni sul web. Opinioni che talvolta possono risultare aggressive e, in alcuni casi, volgari e offensive (di qui l'accusa di misoginia)… ma che dire allora di tutti i forum del sesso opposto? In quei forum il livello è decisamente inferiore (a causa di una maggior volgarità, di una malcelata misandria e soprattutto per il generale qualunquismo e la debolezza delle argomentazioni);
2) conseguentemente a quanto espresso verso la fine del punto 1, provino ad indagare cosa avviene "dall'altra parte della barricata" (so che non si deve scadere nell'infantile scontro "maschi vs femmine", ma voglio provare a battere questi mistificatori anche sul campo di battaglia da loro scelto, sul mio ho già stravinto). Anche perchè spesso si sottovaluta il fenomeno della violenza perpetrata dalle donne… Casi come stalking, madri-mostro, violenza fisico-psicologica di patetiche gelose, nonchè i FINTI STUPRI e le FINTE MOLESTIE non solo sono presenti e in aumento, ma addirittura aumenteranno ulteriormente con l'avanzare della ribellione degli uomini allo status quo. Abbiamo assistito alla "crisi del maschio" a seguito dell'emancipazione femminile, adesso vedremo la "crisi della femmina" a seguito dell'emancipazione maschile. Emancipazione da cosa? Emancipazione dalla condizione mentale facente capo alla congiunzione di "retaggio cavalleresco tradizionale" e "parità dei sessi", dove alle donne devono essere riservati le comodità della prima e le libertà della seconda. A me personalmente va bene la parità dei sessi, ma parità deve essere tanto nei diritti quanto nei doveri. Tanto nelle colpe quanto nei meriti. Tanto nelle punizioni, quanto nei premi.
Ecco il vero nemico dei redpillati, non tanto le donne in sè (esse al massimo sono un agente/beneficiario di questo caos, al pari del coro mainstream) quanto suddetta condizione mentale e culturale sbilanciate della nostra società.
Una volta che questa rivoluzione culturale (che come una foresta che cresce non fa assolutamente casino) verrà ultimata, che scenario avremo? Come reagiranno le donne? Come reagiranno i principali stakeholders dell'attule società femminilizzata e ginocentrica? Queste sono le domande giuste secondo me.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Già che gli psycho-logi professionisti comincino a trattare il tema (per quanto in maniera funzionale ai porci interessi loro, va da sè) pubblicamente significa un primo step di massa critica superato. Piano piano si arriverà al secondo e avanti così qualcuno comincerà a ipotizzare soluzioni (che saranno stupide e assurde all'inizio) e diverse donne sane cominceranno a prendere coscienza del guaio in cui stanno per finire.
Gioitene, tutto considerato è una bella notizia.

Quara
Quara
1 anno fa

youtu.be/VLC13tgipIM
Ora capisco, ora é tutto chiaro, la suddetta dottoressa in questione, se non fosse per lo smodato potere sessuale di cui godono le donne, sarebbe anche lui incel, anzi direi inden (involuntary maiden), si trova quindi in una netta posizione di conflitto d'interesse ��

Sergio
Sergio
1 anno fa

La psicologia attiva è organica al sistema sociale, ne è una parte attiva, e non mette mai in discussione un sistema malato, ma giudica malati quelli che subiscono gli effetti di quel sistema, e forse andando proprio alla radice i più sani sono quelli che passano per malati e si oppongono alla malattia…c'erano stati alcuni, fra i primi psicologi, e penso ad Adler e Reich, che con coerenza logica e in modo rivoluzionario avevano messo in discussione una società malata, piuttosto che gli effetti soggettivi di quella malattia…

Fra tanti ragionamenti su questo tipo di argomento non mi è mai capitato di leggere delle analisi sul perchè un potere sostanzialmente diretto dal maschile abbia perseguito delle politiche nettamente anti maschili…a riguardo ho diverse opinioni, ma quella più sostanziale, è che questo superiore potere maschile, rappresenti di fatto "gli oppressori", che di fatto si servono delle donne come cani da guardia per tenere al guinzaglio il "maschile oppresso"…

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

La psicologia non ha nulla di scientifico, in compenso somiglia molto da vicino a una religione.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

"Quello che però bisogna dire è che l'estetica è la prima cosa che valutiamo in una persona e che uno può benissimo essere scartato in base a quello, senza che l'altro si prenda il disturbo di andare ad approfondire la personalità."

Che l'aspetto sia più importante della personalità o che almeno non sono solo stesso livello è dimostrato dall'esistenza di Tinder e simili. Infatti se il carattere fosse il fattore principale nessuno si sognerebbe di usare queste app in quanto inumane (cosa che poi sono realmente). Si scatta una persona in base alla faccia. Nessuna metterebbe match ad uno repellente. Logico, no?

l osservatore
l osservatore
1 anno fa

sempre preso red pill anche se intorno ai 18 sono stato un 8
ed arrivava figa da tutte le parti
ragazzi sono con voi
vi stimooo tanto siete molto intelligenti
probabilmente personalita schizoidi
mi sento meno solo a leggervi anche se sono sposato
ps anche i belli sotto sotto odiano le troie ipocrite
cmq é una quesrione di ipocrisia la red pill sotto sotto la conoscono tutti

l osservatore
l osservatore
1 anno fa

altra osservazione
molti uomini prima etero che erano pure sposati poi sono andati con uomini
ne conosco molti

e vedo che aumenta sempre piu lomosessualita
io credo che le donne abbiano le loro colpe

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ciao Redpillatore. Girando sul web ho trovato questo video dove questa psicologa (o almeno dice di esserlo) dice che la donna è attratta dallo stato economico di un uomo youtu.be/7K_XS1jfd7s
Ogni tanto qualcuno che ha il coraggio di ammettere la realtà esiste 🙂

Gigi
Gigi
1 anno fa

Ritorno sul blog dopo un po' che non lo frequentavo e ci trovo tutta una serie di commenti che mi sembrano provenire da Marte; si direbbe quasi che siano di qualche blogger PUA (in assoluto i peggiorni cazzari dell'universo)…
In particolare, leggo di gente che si sarebbe scopata questo mondo e quell'altro, con donne che gli si offrono in modo talmente esplicito che a momenti li violentano…

Il tutto è poi accompagnato da affermazioni del tipo: "no, non sono bello, ho solo lavorato molto sul miglioramento personale, facendo palestra, ecc…".

Ora, amici, se scopate così tanto (vi voglio concedere il beneficio del dubbio) mi congratulo con voi… non venite, però, a vendere fumo!
Se raggiungete questi risultati è perchè siete fighi, decisamente fighi, dal 7 in su.
Ora, se è vero che a quel livello estetico si può arrivare, è altrattanto vero che per i miracoli ci si deve recare a Lourdes, non in palestra.
E se partite dal 4 o anche dal 5 non c'è lookmaxing che tenga… resterete relegati nel mare magnum di quelli che, per scopare, devono ricorrere alle relazioni di lungo termine (e tanti auguri) oppure… a quelle mercenarie.

Le esperienze da una botta e via, viceversa, si trovano:

a)nel letto degli strafighi (sopra il 7, ma ultimamente direi anche l'8)
b)nei film.

Di conseguenza, un certo ottimismo un tanto al chilo, del tipo: "su, non buttarti giù, guarda me: ho fatto un po' di dieta, due pesi, un po' di corsa e ora scopo come Rocco Siffredi" è quanto di più tossico si possa immaginare.
Soprattutto per tutti i brutti o bruttini (e sono TANTI) che leggono questo blog.
Lo trovo immorale.
E' come sventolare un bombolone alla crema sotto gli occhi di un povero obeso a dieta forzata… è da stronzi.
Ma è persino peggio, perché significa far nascere o accrescere false speranze in chi già sta male di suo.
Si, perché certi ragazzi sfigati e senza alcuna seria possibilità di scopare free (se non in una LTR) potrebbero anche bersi le vostre cazzate e la loro disillusione, una volta che la triste realtà si sarà schiantata sulle loro gracili spalle, sarà terrificante; piuttosto che andare in contro a certe sofferenze, sarebbe molto meglio per loro restare a farsi le pippe per tutta la vita.

Un tossico non va invogliato a drogarsi, o convinto di quanto sia meravigliosa la droga,ma esortato a disintossicarsi.
E 'sti ragazzi son dei tossici della figa. Con l'ulteriore problema che, oltretutto, non se la possono permettere.
Chi li voglia davvero aiutare, dunque,indica loro una strada alternativa, tipo la prostituzione.
Chi invece, su questi blog, ama vantarsi di improbabili avventure sessuali, pretendendo per giunta di non essere bello, francamente, può anche risparmiarselo.
Perché se a me, che sono un uomo maturo e ormai smagato, certe sboronate fanno solo ridere, a un ragazzino ingenuo e malato di figa potrebbero far piangere. Parecchio.

P.S. Visto anche il vespaio suscitato sopra e in altri articoli, vorrei chiarire che NON mi sto rivolgendo a coloro che fanno sport e palestra per il piacere di farlo.
Queste persone fanno benissimo a coltivare le loro passioni. Qui però si parla di altro.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

@ MountainLion.

Dopo i 30 le donne tendono (complice anche l’orologio biologico) a voler fare “le cose serie”.
Quindi la relazione, dal loro punto di vista, diventa perlopiù volta a costruire una famiglia e avere magari anche dei figli.
E va da sè che a molti questa prospettiva non piace affatto.

Comunque sono d’accordo con te: la vita finisce a 30 anni!!
Anzi, a quell’età hai ormai (si presume) la maturità per comprendere che la tua esistenza non gravita solo attorno al sesso e puoi vivere con più serenità dedicandoti ad altro.
Da questo punto di vista devo dire che, addirittura, complice anche un certo calo della libido, dopo i 40 migliora ulteriormente.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Ops, ho sbagliato a scrivere. Volevo dire che la vita NON finisce a 30 anni!!!
Scusate.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Calo della libido un cazzo: a 16 anni basta una tetta nuda per attivarti ma non combini niente, a 40 serve una donna intera ma non vedi l'ora di combinare.

Fascia più numerosa dei clienti delle prostitute: uomini 35-50.

Dave
Dave
1 anno fa

Rispondendo a Gigi, dove sta scritto che le ONS stanno solo nei letti dei 7? Dipende da cosa cerchi, da quali sono le tue ambizioni.
Certo, se sei un ragazzo sul 5-6 e speri di portarti a letto Miss Italia, grazie al cacio che non ci riesci.
Io stesso ho scopato qualcosa in ONS. La differenza rispetto a un belloccio? Non ho scopato figone da competizione e non ne ho scopate 10 alla settimane, ma ci sono riuscito pure io. Finiamola con sto "Sotto il 7 non è vita", perchè anche sotto il 7 si può vivere, purchè si maturi consapevolezza dei propri mezzi.

Leggendo gli ultimi commenti, ma anche commenti di precedenti articoli, mi rendo conto di un aspetto che finora mi era sfuggito.

Si criticano le donne per la propria ipergamia e volontà di restare single sfuggendo qualunque genere di relazione. Questo però lo vedo negli stessi che muovono queste critiche.
Le LTR? Una rottura di coglioni!
Flirt, ONS e avventure varie? Certo, ma solo con donne fighe, altrimenti non ne vale la pena.

I primi a considerare un premio di consolazione, quasi un brutto scherzo che ti tira la vita, la relazione con una persona pariestetica, sono le stesse persone che accusano le donne di fuggire i pariestetici.

E allora ragazzi smettiamola di prenderci in giro, gettiamo la maschera una volta per sempre e parliamo chiaro e tondo.
Il problema non è il non riuscire ad avere una relazione con una ragazza decente di cui non vergognarsi, o qualche avventura con tipe normali per evitare di sbroccare (perchè la mancanza di figa ti fa sbroccare)
Il problema è che non si riesce a scopare le modelle, le figone, le ragazze immagine, le 7 e le 8. E qualunque relazione, stabile o temporanea, con una ragazza da 5-6 è vista come una sconfitta, un premio di consolazione per il quale non val la pena muovere neanche un dito.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Secondo me sono sbagliate sia la Bluepill che la Redpill, in quanto entrambe sono teorie molto estremiste e che, soprattutto, sono generaliste e non prendono in considerazione il singolo caso.
In 26 anni di vita ho visto ipo e ipergamare sia donne che uomini. Quello che rende più propensi all'ipogamia (sia maschile che femminile, perché non è vero che ipogamano solo gli uomini) è la paura di restare soli/e: ecco allora un mio conoscente, oggettivamente gran bel ragazzo, fidanzarsi con una ragazza decisamente bruttina e sovrappeso, ma estremamente gentile, tuttofare ed accomodante o una mia amica mediamente carina con un ragazzo decisamente inferiore a lei (da notare che lei è ricca e lui no per giunta), ragazzi/e che tirano su chiunque gli capiti sotto mano così da avere sempre una spalla su cui appoggiarsi (ho notato che capita più spesso a chi ha situazioni familiari non stabili, genitori assenti, divorziati etc.). Generalmente le coppie che vedo in giro sono pariestetiche o quasi, ma ogni caso e a sé e l'ambiente significa molto. Una ragazza bella delusa da un ragazzo bello tenterà di ipogamare per essere certa che il ragazzo in questione non abbia grilli per la testa (cosa non sempre vera però, troppi/e stronzi/e bruttini/e conosco). Gioca un fattore importante anche l’ambiente in cui vivi (città grandi, città piccole, paesini di 90 persone), le amicizie (molti amici con cui uscire oppure pochi o quasi nessuno).
Poi, è vero che in linea di massima la bellezza è un ottimo valore aggiunto, sarebbe stupido negarlo, un bel ragazzo o una bella ragazza hanno una marcia in più, ma se questa bellezza non è sostenuta da una personalità/carattere di un certo tipo (intelligenza, lealtà, serietà, educazione, gentilezza, simpatia, etc.) si va poco lontano. Tu dici "non è vero, ci sono bellocci stronzi e antipatici che hanno stormi di donne", posso darti ragione, ma di che donne parli? Che QI hanno queste donne? Sono delle superficialotte o sono donne intelligenti e di un certo spessore? Perché se un uomo si accontenta della prima oca giuliva che passa allora significa che anche lui non vale poi tanto.
Dici inoltre che le donne anche brutte possono andare a letto coi bellocci perché gli uomini sono meno selettivi, ma ti pare bello essere nei panni della donna in quel caso? E’ molto umiliante, meglio niente che fare lo svuotaballe secondo me in quel caso. A parte che esistono anche i casi opposti: ragazzi belli che vanno a letto con ragazze belle, ma per fidanzata scelgono la bruttina così da non avere competizione e stare tranquilli di non essere cornuti (poi magari si fanno l’amante), stessa cosa fanno certe ragazze.
Se poi mi dici che sei un 5,5 quindi un medio tendente al bruttino (tuo parere, magari sei meglio o peggio di come dici) dovresti essere in grado di rapportarti anche a pariestetiche (ragazze dal 5 al 6/6,5). Fatichi a rimorchiare anche quelle? Vorrei capire che donne conosci, perché dopo i 25 molte mie amiche sul 6/6,5 tirerebbero su anche i 4/4,5 pur di non rimanere sole.
Ho omesso il fattore Money and Status perché personalmente ho riscontrato che prima dei 30 anni in generale le ragazze ci fanno poco caso. Poi di opportunisti/e che scelgono la stabilità all’attrazione/amore è pieno il mondo e per me sono persone insulse e dovresti anche fare un distinguo fra persone oneste (la minoranza purtroppo) e i disonesti/e (purtroppo tanti/e).

Gigi
Gigi
1 anno fa

@Dave
Ti ha già risposto Anonimo delle 14.15.
Aggiungo solo qualche considerazione.
Le donne in generale non sono particolarmente predisposte alle ONS e prediligono le LTR. È un fatto di biologia: siccome per loro la gravidanza comporta un investimento ben maggiore, tendono istintivamente a evitare le relazioni da "una botta e via".
Se lo fanno è solo da ragazzine (prima dei 30 anni) quando pensano a divertirsi e basta.
Ed è esattamente in questo periodo che emerge la loro ipergamia.

Ne consegue che NO, da ragazzi accaparrarsi una ONS con una pariestetica, per chi si trovi sotto il 7, è roba più unica che rara.
Siamo proprio all'ABC della Redpill: se neghiamo questo allora diciamo anche che la terra è piatta e facciamo prima.

Poi magari esistono anche le ninfomani che anche a quarant'anni e oltre la danno pure ai venditori di rose ai semafori.
Non dimentichiamo mai che la Redpill prevede che possano esistere eccezioni, ma nessuna persona sensata si basa sulle eccezioni.
Nelle LTR, invece, si tende al pariestetismo, proprio perché, siccome siamo ancora tendenzialmente monogami, non ci sono abbastanza belli per tutte e le donne si devono accontentare di chi non è più bello di loro.
Però, appunto, parliamo di LTR con tutto ciò in negativo che ne consegue (utile rileggersi l'articolo sui paggetti).
Il valore aggiunto di una donna non è tanto il sesso (che si può avere in altro modo), ma quello di essere accettati socialmente, il che è importante soprattutto quando si è giovani è facilmente condizionabili.
Per questo, un uomo maturo e razionale si accorge che vive benissimo da solo, senza rotture di coglioni.
A questo riguardo, ti invito a leggere, sempre sul Blog, la Storia di Erasmo: un vero capolavoro della redpill –tra l’altro scritto anche benissimo- che espone in modo chiarissimo e direi incontrovertibile quello che ho cercato di sintetizzare in poche righe.
Per concludere, il pensiero tossico è esattamente quello secondo cui, per poter vivere decentemente, si debba avere una donna. È veramente un'imbecillità apocalittica che induce milioni di persone a rovinarsi la vita.
Visto che parliamo di esperienze personali (che sono, comunque, irrilevanti), mi sono fidanzato diverse volte, l'ultima a 23 anni, sposato a 28 e separato a 39.
Sinceramente posso dire di aver cominciato a vivere per davvero quando, complice anche il fatto che la realtà me l'aveva sbattuto in faccia (come a molti altri), ho compreso quanto l'ossessione per il sesso mi avesse rovinato la vita.
Credo non sia un caso se a questo mondo le persone più felici di solito si trovino tra i monaci (delle più varie religioni) che si sono votati alla castità sin dalla giovinezza…

CHIARA
CHIARA
1 anno fa

@Mountain quoto al 100%

Gigi
Gigi
1 anno fa

Dave, Chiara e Mountain

spiace dover stare a spiegare cose che dovrebbero essere OVVIE.
Vi consiglio di leggere qualche articolo in più di questo Blog.
Le donne sono dedite all’ipergamia, gli uomini alla poligamia: ecco spiegato perché, da giovani, quando non ci si preoccupa di avere una “famiglia”, le relazioni sono tali per cui l’80% di donne è soddisfatto dal 20% degli uomini.
Successivamente si fa sentire l’orologio biologico: una donna puó essere ben tenuta quanto vuole, ma dopo i 35 la fertilità comincia a scemare.
Non lo dico io, ma la Scienza.
Per questa ragione si tende a creare una LTR e, siccome le coppie sono fatte da due persone e il 50% degli individui è di sesso maschile, ne deriva che le coppie (composte da un uomo e una donna) saranno tendenzialmente pari-estetiche. È matematica.
La stragrande maggioranza delle LTR (che siano matrimoni o no è irrilevante) danno vita a figli;
oltre il 50% delle LTR naufraga;
il verificarsi di tali circostanze, da un punto di vista legale, per un uomo è un disastro.
ATTENZIONE:
quelle che ho detto sinora non sono opinioni, ma dati oggettivi.
Negarli, quindi, non è una semplice convinzione, ma ignoranza allo stato puro o insano trollaggio.
SIAMO ALL’ABC.

Gigi
Gigi
1 anno fa

Anche sulla questione MGTOW temo non ci siamo capiti.
Il MGTOW non è necessariamente uno che non fa sesso; puó farlo o andando con le prostitute o, se il suo aspetto glielo consente, attraverso le ONS.
Quindi, il bisogno del sesso è soddisfatto.

Il MGTOW è una persona che non si impegna in relazioni di lungo termine, per il semplice fatto che sono svantaggiose (vedi sopra).
Continuate a riportare esperienze personali, delle quali, onestamente, non frega nulla a nessuno.
Magari voi siete stati particolarmente fortunati, ma non è quello che accade alla stragrande maggioranza degli uomini, per i quali avere una relazione significa rinunciare a buona parte della propria libertà, del proprio patrimonio e persino della propria dignità.

Non insultiamo, quindi, l’altrui intelligenza raccontando favole da romanzo rosa.

Gigi
Gigi
1 anno fa

Nei vostri commenti continuate a parlare di MGTOW come di gente che fa rinunce, si arrende, o addirittura di reietti.

In ragione di quanto sopra, peró, capite bene come sia vero tutto il contrario!
Quello del MGTOW non è un ripiego, per il semplice fatto che, anzi, è la prima scelta, e anche da parte di molti uomini che potrebbero tranquillamente avere tutte le relazioni del mondo.

Discorso “Monk”.
Chi riesce a sublimare le proprie pulsioni non penserebbe mai di tornare indietro, perché il tempo e le energie risparmiate sono enormi.
Chiedete a un monaco buddhista (e non solo) per averne la conferma.

Che significa che il sesso è un bisogno? A parte il fatto che non è un bisogno vitale, ció non significa che non se ne possa essere ossessionati.
Anche quello di nutrirsi è in sè un bisogno (in questo caso invece vitale) eppure ci sono persone che ne sono ossessionate come i bulimici e gli obesi.

Tutto ció senza contare che
a) come ho scritto sopra, e come è assolutamente pacifico in qualunque definizione di MGTOW, non è al sesso che si sta rinunciando, ma alle LTR.
b) molto spesso nelle LTR si scopa ben poco e anzi, dopo che sono nati i figli, non si scopa quasi più.

Per tutte queste ragioni, i veri redpillati diventano tutti quanti MGTOW, dell’uno o dell’altro tipo.

Gigi
Gigi
1 anno fa

Per finire.
Esiste, in effetti, una scelta di vita che è un ripiego e una rinuncia: la LTR.
Si tratta perlopiù di persone tristi che vivono una vita frustrante, spesso anche dal punto di vista sessuale.
Per svariati motivi (tipo, i figli), non possono peró porre fine alle loro sofferenze (nel senso che, con la separazione, ne dovrebbero affrontare di peggiori, ad esempio lasciare la propria casa).
Ecco allora che questi individui, i quali rapprsentano una delle maggiori fonti del pensiero tossico e ossessivo di cui anche voi siete portavoci, hanno l’ardire di presentarsi come quelli che “ce l’hanno fatta” e guardano dall’alto in basso i MGTOW dei quali invidiano fortissimamente la libertà.
Fanno, ovviamente, ridere.

Sinceramente ho sempre pensato chi, uscito da una storia con le ossa rotte, si precipiti a cercarne un’altra, dovrebbe essere sottoposto a TSO per il suo stesso bene.

Non paghi delle ferite subìte, questi
soggetti si buttano in un altro tritacarne…
Personalmente, piuttosto che cercare un’altra donna, mi evirerei.
Sarebbe come darsi una mazzata in testa sapendo di darsela.
E no, grazie, non sono masochista.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Minchia se sei cazzuto! Condivido anche le virgole.
Grande Gigi!

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

io non posso rispondere sennò con i sostenitori dei "faggots going their way" ( la parodia di coloro che potrebbero essere responsabili,consapevoli dei propri mezzi, avveduti e guardinghi come desiderosi di migliorarsi, che dunque non si precludono niente e non impongono niente a nessuno né odiano le donne in sè ) finirebbe ad insulti mentre c'è gente molto più brava di me e paziente.

Ringrazio anticipatamente chi tanto, giustamente, non avrebbe capito nulla perché oltremodo scrivo da cane oltre che insultando e chi mi invece disprezza random.

saluti non richiesti allora, daouda

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Parte 1:
"Sapete che vi dico? Con questa ostilità gratuita non fate che confermare quanta sia l’invidia nei confronti di chi si è chiamato fuori dal gioco e ora, verosimilmente, vive molto meglio di voi.
Mamma mia quanto vi facciamo paura, noi MGTOW!"

Buffo. Questo blog nei commenti è diventato la rivincita morale degli Incel/MGTOW (non ho mai capito dov'e' il confine tra i due) sugli uomini sposati. I primi continuano a dire in pratica "ah ah, voi dovete mantenere una stronzetta che vi comanda a bacchetta e vi fa le corna col BF mentre io sono libero di dedicarmi i miei hobby e spendermi i miei soldi a puttane".
Mi verrebbe da dire "e 'sti cazzi" (nel senso di "chi se ne frega").
Siete felici, buon per voi, ma come mai sentite il bisogno di sbandierare ai quattro venti la vostra (presunta) privilegiatezza?
Che il matrimonio per un uomo sia un'inculata è ovvio e siamo tutti d'accordo (credo); ma fate l'errore di guardare tutto bianco o nero quando nel mezzo ci sono le sfumature di grigio (50 per le donne, 255 per i grafici, 16 milioni per i grafici ricchi).
Per voi LTR significa sempre e solo sposarsi con una 40 enne che ha già 2 figli con un altro e si è goduta al massimo il cazzosello scopandosi piu' di un centinaio di ganzoni bellocci, che cerca un fesso da usare come betaprovider mentre continuerà a scoparsi i ganzoni.
Meglio essere incel/mgtow allora. Grazie al cazzo.
LTR però è anche la storiellina adolescenziale del fortuato che si mette insieme alla compagna di classe del liceo, vanno in giro insieme in motorino, scopano furtivamente a casa di lui o di lei quando i genitori non ci sono (o quando con una compiacenza non detta gli lasciano volutamente la casa libera) ma poi a pranzo e cena trovano la tavola pronta senza doversi preoccupare di lavoro bollette e figli da mantenere. Anche questa è una LTR però non sarebbe stata così male eh? Oppure mi venite a dire che era meglio passare i sabati pomeriggio a giocare a call of duty e le sere su youporn?
Oppure ci sono le LTR che partono a 19 anni e finiscono a 25. Anni di grandi scopate perche' si ha la macchina (e qualcuno già la casa); poi a 25 quando la donna comincia a "pensare il futuro" la relazione finisce. Mica male eh.
Poi ci sono le vie di mezzo. Ci sono quelli che si mettono insieme ai tempi del liceo (o a limite a 20 anni) e poi vanno avanti e a 25 si sposano. In questo caso il marito si beccherà le rotture di coglioni della donna post-40, ma si è anche preso gli anni migliori della stessa donna. Ci si puo' stare? Forse. Dipende dai punti di vista.
Poi c'è il fesso, quello che prende la 40 enne avanzo degli altri magari pure con figli non suoi da mantenere.
In ogni caso non è tutto nero o bianco; altrimenti traslando il concetto sulla vita in generale si potrebbe anche dire che siccome la vita è fatica e sofferenza allora converrebbe porre subito fine alla stessa (attenzione: non sto istigando nessuno a suicidarsi, la vita è bella tenetevela stretta, è solo per far capire un concetto) fino ad arrivare all'infelice frase del cancro che sarebbe un dono.
Chi si trova sposato a 40 anni ma la moglie era la fidanzatina del liceo che ha passato i migliori anni e le migliori scopate con lui alla fine se l'è anche goduta, ora se ne paga un po' il prezzo ci puo' stare.
(che poi non è neanche detto che la sua vita sia una vita di merda a fare da paggetto alla moglie dittatrice…. questo è quello che FAREBBE PIACERE A VOI PER POTER DIRE "GNE GNE GNE" molte coppie sono equilibrate, tra alti e bassi).

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

PARTE 2:
Per quanto riguarda i Monk al TOP…. lasciamo perdere. Se c'è qualche MGTOW che invidio sono i BF da 9 tipo DiCaprio che scopano e basta (gratis) con gran fighe di massimo 25 anni. Lui è un vero MGTOW. Chi rinuncia alla LTR perche' potrebbe permettersi solo una 40enne con figli altrui da mantenere, per me non è un MGTOW, è un incel bello e buono.
Così come il monk diventato tale dopo averci preso un numero consistente di pali o semplicemente la consapevolezza della sua bruttezza non è un MGTOW, è un incel in denial. Trovatemi un belloccio che rinunci alle donne, lui è un vero MGTOW.
P.S. Ognuno vive come vuole. Premesso che io sono fuori dal mercato e non mi cambia nulla, ma se avete la presunzione che voi "MGTOW" (ma io direi incel) disturbano gli altri vi sbagliate di grosso, piu' MGTOW ci sono e piu' si abbassa la concorrenza verso le donne (per lo stesso motivo piu' gay ci sono meglio è). E comunque il fatto che sentite il bisogno di sbandierare ai 4 venti la vostra (presunta) privilegiatezza secondo me è sintomo di complesso di inferiorità.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Alla base di fondo del MGTOW (tranne pochi casi di REAL MGTOW come Di Caprio) c'è un problema oggettivo irrisolvibile che sbatte a dover fare una scelta di vita di merda:
-una LTR con una 40enne dittatrice che puzza di cazzo e con figli altrui da mantenere
-il MGTOWING

La scelta migliore è sicuramente la seconda.
Sarebbe come dire che per chi è zoppo è piu' conveniente starsene in casa piuttosto che girare il mondo (visto la fatica che comporta il muoversi).
Il problema è che non tutti sono nati "zoppi" cioè non tutti hanno basso LMS, in particolare L, quindi chi è un po' piu' bello puo' aspirare a relazioni gratificanti.
Se poi uno pur essendo bello si sposa a 40 anni con gli avanzi di qualcun altro allora sì, è un fesso.

Gigi
Gigi
1 anno fa

@ Henry

quello che dici è PALESEMENTE falso.
Non siamo noi MGTOW a rompere il cazzo agli altri, quanto piuttosto il contrario.
Loro ci danno dei perdenti e degli sfigati e dicono che, se non abbiamo donna è perché sono brutti.
Solo a questo punto, di fronte all’enormità della stronzata, gli facciamo notare che non è così.
E siccome è palese che sia meglio star da soli che essere male accompagnati chi ci attacca in questo modo si copre di ridicolo.

Le LTR adolescenziali/giovanili non sono vere LTR: si tratta di storielline che durano poco e che francamente abbiamo avuto tutti (me compreso).
In questa fase, peraltro, a differenza che nelle LTR vere, che si hanno successivamente, si assiste all’ipergamia femminile, perché si è nel pieno della giostra…difficilmente un normie puó accedervi.

Qua peró si parla di qualcos’altro, ovvero di come impostare la propria vita.
Nella maturità la stragrande maggioranza delle relazioni evolvono in una famiglia, con tutti gli annessi e connessi.
Solo un ubriaco potrebbe mai pensare di metter su famiglia con lo scopo di trombare, dal momento che
a) non è detto che si trombi;
b) ha comunque costi e rischi che, in media, non compensano il vantaggio.
Molto più semplice allora sarebbe rivolgersi a una prostituta.
Le LTR si instaurano, invece, per via della pressione sociale.
MGTOW è proprio colui che, avendo compreso questo e non volendo cadere in questa trappola, si tiene alla larga dalle relazioni.

Anche quello che hai detto sui MGTOW Monk è palesemente falso.
Esistono milioni di persone che hanno imparato a dominare i propri istinti.
Certamente non è facile, ma è qualcosa che ti conferisce un’autostima enorme, perché ti fa sentire padrone di te stesso.
Evidentemente il tuo approccio sessocentrico alla vita che, con tutto il rispetto, mi pare roba da ragazzini, ti impedisce di realizzarlo.
Comunque, ed è un fatto storico, ci sono sempre stati uomini che non avevano alcun problema a trovare le donne e che poi hanno deciso di diventare MGTOW Monk.
La storia è piena di casi celebri: Gautama (Buddha), San Francesco, Sant’Agostino… quest’ultimo in particolare è passato dall’essere un sessuomane (ma anche Francesco ci aveva dato parecchio…) alla castità completa.
Anche al di fuori del mondo delle religioni, peraltro, gli esempi sono quotidiani.
Prendi quelli che, dopo essere magari anche stati sposati, prendono questa strada.
È chiaro che, se volessero, un’altra donna la troverebbero.
Quindi, carissimo, piantala di dire cazzate; i MGTOW non sono necessariamente brutti nè incel, te lo dice uno che -come te- è stato fidanzato e sposato.
È verissimo che l’insultare chi ha fatto una scelta di vita diversa dalla tua, ostentando superiorità, puó essere indice di un complesso di inferiorità e un modo per recuperare l’autostima perduta…
Sennonché qua chi addita gli altri di essere degli incel i denial, dei repressi e dei brutti non sono io; sei tu.
E come te molti altri.
A noi MGTOW non interessa se tu o altri stiate bene con le vostre mogliettine.
Se è vero, ci congratuliamo sinceramente con noi.
Poichè peró, e lo hai detto anche tu, le LTR in età adulta sono perlopiù un’inculata, consentirai a noi, spero, di tenercene alla larga senza muoverci accuse che, francamente, fanno ridere i polli.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

"Gautama (Buddha), San Francesco, Sant’Agostino… quest’ultimo in particolare è passato dall’essere un sessuomane (ma anche Francesco ci aveva dato parecchio…) alla castità completa."

wow tre casi nel mare magnum dei miliardi di uomini che hanno vissuto in questo pianeta. Che statistica.
Allora siccome c'è chi vince al superenalotto significa che è conveniente giocare?

"Le LTR adolescenziali/giovanili non sono vere LTR: si tratta di storielline che durano poco e che francamente abbiamo avuto tutti (me compreso).
In questa fase, peraltro, a differenza che nelle LTR vere, che si hanno successivamente, si assiste all’ipergamia femminile, perché si è nel pieno della giostra…difficilmente un normie puó accedervi."

Prima dici che "le abbiamo avute tutti", poi che "difficilmente un normie puo' accedervi".

Un po' di confusione mi sa.

Insomma spiegati meglio.

Vuoi dire che il matrimonio è, statisticamente, un'inculata? Sono d'accordo.
Vuoi dire anche ANCHE la relazione di media-lunga durata con una donna senza matrimonio ne figli è un'inculata? Mi dispiace, non sono d'accordo.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Se posso ti faccio una domanda, se tu potessi tornare indietro nel tempo all'età di 14 anni e fare un patto col diavolo che ti dice:
-se vuoi ti faccio mettere insieme alla piu' carina della classe. Starete insieme molti anni, pero' poi arrivati a 30 anni te la sposi e ci fai due figli. Poi di quello che accadrà dopo non ti do' garanzia di nulla puo' andar bene come male.
Accetteresti il rischio del matrimonio post 30 dopo pero' esserti goduto la piu' carina della classe per molti anni?

Gigi
Gigi
1 anno fa

@ Henry

spiace dover ribadire l’OVVIETÀ per la milionesima volta:
sappiamo quale sia la proporzione delle relazioni da ragazzi: l’80% delle donne va al 20% dei maschi.
Questo significa che anche il restante 80% uomini ha possibilità di accedere alle storielle di cui parli, ma sarà più difficile che per il 20% che sta al top.
Certamente, poi è anche veroche per alcuni non ci sarà verso.
Essendo sul 6.5 a quell’epoca qualche storiella l’ho avuta pure io, anche perché, come tu fai oggi (ma io avevo 15 anni…), pensavo solo alla figa.
Ecco spiegato l’”arcano”.

Sui MGTOW Monk, non so se tu ci sia o ci faccia, ad ogni modo, se conosci la lingua italiana sarai capacissimo di leggere che quelli sono tre esempi. Tre, celebri, su milioni di altri casi.
Te li devo citare uno ad uno? Non mi sembra che ci sia spazio.
Se proprio sei così curioso di conoscerli, peró, ti suggerisco di farti un giretto nel più vicino convento.
Magari, parlando con qualche frate, riuscirai persino a superare la pubertà mentale nella quale continui a vivere.
Per quanto riguarda la tua domanda, non mi serve lavorare molto con la fantasia, perché è più o meno quello che mi è capitato.
E no, se potessi tornare indietro non rifarei quello che ho fatto. Neanche morto.
Piuttosto preferirei martirizzarni di seghe e giocare a Call of Duty per il resto dei miei giorni.
Guarda, e te lo dico sinceramente, ti auguro davvero che le cose con tua moglie vadano sempre bene.
Ma se, Dio non voglia, dovesse andarti male, come va a milioni, anzi miliardi di uomini, ti assicuro che il ricordo di tutte le belle eiaculate che ti sei fatto sinora ti consolerà ben poco.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

"Ma se, Dio non voglia, dovesse andarti male, come va a milioni, anzi miliardi di uomini, ti assicuro che il ricordo di tutte le belle eiaculate che ti sei fatto sinora ti consolerà ben poco."

MO' ME'O SEGNO.

youtube.com/watch?v=QurostXxgHE

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

E STI CAZZI!!!

youtu.be/WLvl7FyHcQg

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Peraltro sono consapevolissimo del matrimonio come investimento a perdere, destinato a finire, ecc, ma sinceramente penso di aver quasi raggiunto il "punto di pareggio".
Il paragone è quello già fatto con un'azione rischiosa della società XYZ. Ci investi 100 mila euro, ti dà il 10% netto di dividendo l'anno (sì, per comodità diciamo al netto di tutto, commissioni, imposte, ecc). L'investimento alternativo sarebbero stati titoli di Stato allo 0,1%. Dopo 12 / 13 anni la società XYZ puo' anche fallire e puoi perdere tutto, sei comunque sopra.
Se si scoppia abbiamo comunque abbastanza di che vivere separatamente, senza litigare per le cento lire.
Comunque non è solo una questione di sesso, è anche l'avere accanto una persona su cui ho potuto contare sempre, nei momenti belli e brutti, una persona con cui parlare, fare una risata, ecc… questo le PRO non lo danno (anche se qualche cliente vorrebbe raccontar loro la storia della sua vita…).
Naturalmente c'è a chi tutto questo non interessa ed è MGTOW. Naturalmente. Basta che poi non si scopra che, da single, fa lo zerbino a qualunque profumiera gliela faccia annusare.

Erasmo
Erasmo
1 anno fa

Buongiorno a tutti,

devo dire che, nella sostanza, condivido quanto sostenuto da Gigi.
Alcune precisazioni, peró.
Esistono (almeno) due periodi nella vita: quello prima dei 25/30 anni e, quello successivo.
Durante il primo, le relazioni fra uomini e donne rispecchiano la percentuale 80/20 cui fa riferimento Gigi.
Non è una sua (o mia) teoria ma un dato di fatto suffragato dalle statistiche, e non riguarda nemmeno solo l’attrazione ma l’attività sessuale in quanto tale.
Su questo punto Red ha scritto tantissimo, ragion per cui non mi sembra il caso di aggiungere nulla.
Riguardo invece alla seconda fase della vita, occorre essere obiettivi.
Innanzitutto, poiché le coppie sono monogame, in questo periodo tutti o quasi hanno una possibilità di accasarsi con una pariestetica.
Per il resto, credo ognuno di noi conosca coppie felici e coppie infelici.
Henry ha citato una bellissima esperienza, molte altre se ne potrebbero menzionare. Ma esistono almeno altrettante storie invece drammatiche se non tragiche.
Se si desidera conoscere l’opportunità di una scelta, e si è persone razionali, è opportuno mettere da parte le singole narrazioni e porre mente e quel che invece accade nella maggior parte dei casi.
Dando quindi un’occhiata ai dati statistici, scopriamo che:
– oltre la metà delle LTR fallisce;
– la stragrande maggioranza di esse hanno figli.
– nel 90% e più dei casi, dopo la separazione, essi vengono affidati alla mamma, la quale potrà anche godere di un assegno di mantenimento e del diritto di abitazione (esclusivo) nella casa coniugale; tradotto: l’uomo finisce sul lastrico (indipendentemente dal fatto che i due siano sposati).
Questa è la realtà, e non puó seriamente essere oggetto di discussione.
Credo allora che qualunque persona mediamente intelligente e posata, di fronte a tutto ció, reputerebbe un rischio enorme quello di dare vita a una LTR.

Erasmo
Erasmo
1 anno fa

un’entità limitata.

Un’intera vita in cambio di mezz’ora di sesso al mese?
Credo sia evidente che nessuna persona minimamente intelligente prenderebbe in considerazione l’ipotesi.

Allora le LTR possono nascere, non per il sesso (salvo che appunto si sia completamente folli), quanto piuttosto per due fattori: l’amore o la validazione/approvazione sociale.
Sul primo c’è poco da dire: essendo un dato irrazionale, non v’è di che ragionarci sopra, se non riguardo al fatto che difficilmente l’amore dura per sempre, con tutto ciò che si è già detto in termini di conseguenze derivanti dalla rottura della LTR.

La seconda spinta è decisamente la più importante, anche perché precede la prima: infatti, in tanto ci si puó innamorare di una donna, in quanto ci si sia prima messi a cercarne una.
E perché lo si fa? Fondamentalmente, perché è un veicolo di riscatto sociale.

Credo sia stato proprio Henry (e io stesso avevo ripreso la felice metafora) a dire, in passato, che la donna è come il Rolex.
Ed è proprio così. La società stigmatizza chi non ha un partner e veicola un messaggio il cui senso è: “se sei da solo non vali niente.”

È chiarissimo come non vi sia nulla di vero o anche solo di verosimile in tale percezione: esistono uomini “accoppiati” che sono dei perfetti imbecilli o delinquenti ed esistono, per contro, geni, eroi e santi che sono scapoli.

Ciononostante, questo messaggio è molto forte, ed è il principale motore che spinge a ricercare una relazione

Erasmo
Erasmo
1 anno fa

La scelta di rinunciare alle LTR (o, addirittura tout cour a una vita sessuale che non sia, eventualmente, con le prostitute), dunque, non è solo egoistica o dettata dal l’opportunità: è una scelta di vita.

Il MGTOW è una persona che a dispetto della pressione sociale, sceglie di non valutare sè stesso e gli altri in funzione della propria vita sessuale.
E, di conseguenza, di dedicare tutto il tempo che normalmente viene tributato alla ricerca di un partner (o alla gestione di una relazione) in altre attività, di qualsiasi natura.

Messa in questi termini, che sono gli unici in cui sia ragionevole metterla, capite bene che ha poco senso distinguere fra belli, brutti o mediocri.
Salvo che -ovviamente- si tratti di non di una scelta vera ma di una condizione che si sopporti proprio malgrado.

È chiaro che, poi, il MGTOW è oggetto dello scherno e persino della persecuzione (a vario titolo e grado) del resto del mondo.
La sua, infatti, è una scelta che mette in crisi l’intero sistema, il quale si regge appunto sulla convinzione -illusoria- che dall’avere una donna (o un uomo, puó valere anche al contrario) dipenda il significato della propria esistenza.

Non ho pretesa alcuna di insegnare ad altri come vivere la propria vita, nè valori da largire a propri.
A una cosa tengo particolarmente, peró: che si evitino giudizi o definizioni insensate e demenziali dei MGTOW come uomini “inferiori”, di serie B, come frustrati, reietti, oppure ancora come persone “scottate”,quasi a dire che non abbiano lucidità di giudizio.
Vorrei si evitassero per almeno due buoni motivi.

Il primo è che si tratta di pure e semplici imbecillità, le quali oltretutto non fanno che confermare involontariamente l’assunto secondo cui il MGTOW è disprezzato in quanto se ne invidia la libertà.
Il MGTOW è un uomo che fa una scelta. Punto.
Il secondo è che molti ragazzi interessati a prendere questa strada (la LORO strada) potrebbero credere a farneticazioni diffamatorie e privarsi di una scelta di vita che, lo posso assicurare, riserva enormi soddisfazioni.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
1 anno fa

Allora, sulla pressione sociale siamo d'accordo.
Alle superiori se ti scopi una dal normocarino in su sei Dio sceso in terra e automaticamente acquisti il rispetto di tutti.
Cio' su cui non sono d'accordo è il luogo comune che si dà alla LTR "mezz'ora di sesso al mese" magari in cambio di essere comandati a bacchetta e rotture di coglioni ininterrotte.
Scrivere su un forum della mia vita sessuale sarebbe di cattivo gusto e non lo faro', comunque le STATISTICHE dicono questo:
For what it's worth, a third study broke down sexual frequency by age. "People under 30 have sex 112 times a year on average (over twice a week), but that frequency declines to 86 times a year among 30-39 year-olds, 69 times annually for those aged 40-49, and roughly 52 times yearly for couples in their fifties and beyond, according to research conducted at the Kinsey Institute in Indiana.".
Mettici pure che le statistiche comprendono i paggetti betaprovider a cui le mogli non la sganciano mai capisci che nelle LTR che funzionano (finche' funzionano, ovvio) si tromba abbastanza.
Gli MGTOW non sono uomini di serie B. Sono uomini che hanno fatto una scelta e basta. Purche' sia stata davvero una scelta libera e non forzata, il classico "sono single per scelta delle donne".
Poi a me non me ne importa niente, anzi, più MGTOW ci sono meglio è. Ma stare ad aspettare a gloria che il mio matrimonio finisca per dire "eh eh hai visto che ora te lo sei preso nel culo e la tua vita è rovinata per sempre" è stupido, considerando poi che potrebbe finire domani ma anche tra 10 o 15 anni o piu'.
Domani potrebbe anche venirmi il cancro al colon se è per questo, ma non rinuncio a una bella bistecca.
Poi se il matrimonio scoppia quando ho 60 anni, francamente, non me ne frega niente.

Erasmo
Erasmo
1 anno fa

Disapprovo dal profondo del cuore chiunque auguri disgrazie agli altri.
Anzi, da quando sono MGTOW devo dire che mi ritrovo molto più altruista di prima…
Per questo motivo credo sia sbagliato e stupido augurare a qualcuno che il suo matrimonio finisca male.
Detto ció, dovendo dare un consiglio a un ragazzo riguardo all’opportunità, oggi, di instaurare una LTR, gli direi di pensarci due volte.
Ma penso che lo faresti anche tu…

Per quanto riguarda il sesso, 70 volte all’anno sono circa 1/2 volte a settimana.
Trovare una donna prima e mantenere una relazione con lei, invece, significa impegnare ore ed ore, affrontare una comunicazione non sempre facile, tensioni, litigi, piccoli ricatti, compromessi… insomma sarà, a prescindere, un investimento notevole in termini di tempo, denaro ed energie.
Praticamente è la tua vita, quella che metti nel piatto della bilancia.
Ora, se anche si facesse sesso tutti i giorni, ció non varrebbe, neanche lontanamente a compensare un impegno del genere.
Ecco perché dico che optare per una LtR al solo scopo di fare sesso è davvero un’azione insensata, al limite della follia se non oltre.
Al contrario, se si decide di vivere “con una donna” nella stragrande maggioranza dei casi lo si fa per essere socialmente accettati o perché sinceramente innamorati.
Per quanto il sesso piaccia a tutti, si dovrebbe essere davvero degli erotomani per pensare che 1/2 orgasmi alla settimana (peraltro, a calare), di per sè soli, valgano tutto ció…

Erasmo
Erasmo
1 anno fa

P.S. Non scherzare sul cancro; fidati che non è il caso…