29/12/18

La Pretenziosità delle Ragazze Giapponesi

 
Ragazze Giapponesi
Ragazze Giapponesi

Ragazze Giapponesi

Come molti di voi sapranno il Giappone ha un grosso problema in comune con l'Occidente, che è la denatalità.

I giapponesi non fanno più figli e in molti si stanno interrogando sulle cause di questo fenomeno. In questo articolo ad esempio la ragione principale viene individuata nella difficoltà che hanno i più giovani di trovare un lavoro stabile e remunerativo.
Qualcuno però la pensa diversamente e sono i redpillati che vivono in Giappone, come quello che ha scritto questa risposta (ubermann su reddit) che mi è capitata sott'occhio e che ho deciso di tradurre (non dal giapponese, era scritto in inglese lol) perché penso sia molto interessante:

"Vivo in Giappone. Questo articolo è una stronzata ed è completamente fuori luogo. Ennesima prova che questi professori universitari non sanno di che parlano.


Per capire come mai qui non si facciano più figli, esaminiamo alcuni punti riguardo al Giappone:

  • Il Giappone è una società incredibilmente ginocentrica che mette le donne sul piedistallo in ogni aspetto della vita. Entrate gratis nei locali (dove i fessi pagano anche 40$), sconti ovunque dai teatri ai bar, diverse serate per donne durante la settimana ecc. Nessuno qui letteralmente si aspetta che le donne paghino per qualcosa, anche se hanno un buon lavoro e fanno un sacco di soldi. Sono andato ad appuntamenti con donne con una buona carriera e si aspettavano ugualmente che pagassi io il conto. Ci si aspetta semplicemente che le donne non paghino, punto. Indipendentemente da quanti soldi abbiano (nota: alcune pagano per loro stesse ma è raro, ed è inversamente proporzionale al loro aspetto)
  • Il sesso avviene ovunque e non c'è nessuna stigmatizzazione sociale. Ci sono perfino hotel speciali ("hotel dell'amore") che le coppie affittano per poche ore solo per scopare. Questa libertà comporta che le donne ignorino il 90% degli uomini e si scambino fra di loro il restante 10%. I Chad giapponesi stanno beccando più figa che mai, mentre i beta Taro sono relegati alla sezione porno dei negozi di DVD. Le donne giapponesi cavalcano il cazzosello più a lungo delle occidentali, e non è raro trovare ventenni di Tokyo che hanno avuto un numero di uomini a 3 cifre.
  • Le donne giapponesi sono molto fredde e calcolatrici, oserei dire più logiche delle occidentali. Questo comporta che esse vedano ogni persona e interazione nella loro vita attraverso una lente di "Come questo potrà darmi beneficio e cosa ne potrò ricavare?". Sono note per circondarsi di schiere e satelliti a cui non la daranno mai e che usano solo per favori e servizi. E' così onnipresente che c'era perfino un articolo su questo e su come le donne si vantino di ciò e abbiano anche dei nomignoli per questi ragazzi.
  • Le donne giapponesi si sentono in diritto di reclamare i soldi di un uomo appena iniziano a frequentarlo. Laddove le coppie occidentali tendono a riunire il salario e a dividere le spese più o meno equamente, le donne giapponesi confiscano lo stipendio interamente e gli lasciano circa 10-15$ al giorno, tutto mentre stanno a casa a guardare fiction coreane e chiacchierare con le loro amiche in cafè costosi. Gli uomini giapponesi spesso scherzano dicendo che hanno due datori di lavoro: il loro capo e la loro moglie.
  • Messa terra terra, molte hanno un pessimo carattere e sono semplicemente persone grezze e spiacevoli, con una perenne espressione scazzata e nessuna capacità di essere gentili con gli altri. Quando sono gentili è semplicemente perché hanno qualche interesse. Tendono ad essere miserabili la maggior parte delle volte e un passo falso con loro le porta a farti ricatti psicologici nel modo più brutale. Le giapponesi sono note per fare ricatti psicologici, lo fanno perfino con i MARITI.
Gli uomini giapponesi possono essere seri stacanovisti ma non sono stupidi: hanno visto i loro padri schiavizzati e bruciati, alcuni portati al suicidio, e hanno fatto due più due.

Il risultato è che si sono accorti che il gioco non vale più la candela e stare single e godersi i soldi e gli hobby da scapoli, piuttosto che infilarsi in una ingrata schiavitù a vita per un po' di figa (che comunque la donna ti toglie appena fa un figlio, sono note per farlo).

Ma per quelli che pensano che la rinuncia degli uomini cambierà il comportamento delle donne, la risposta è no, almeno non nel breve termine.

In Giappone molti uomini si sono ritirati dal mercato e le donne ancora non lo stanno notando.
Perché? Prima di tutto perché sono invisibili alle donne. Le donne scopano solo con gli uomini al top e non notano il 90% dei rimanenti. Stanno vivendo la migliore epoca di sempre.

L'unico veramente colpito è il Governo, tradotto: meno tasse e meno futuri schiavi per loro.


Alcune donne smettono con il cazzosello e incastrano qualche uomo beta obbediente prima dei 30 anni (che terranno come schiavo personale per il resto della vita), ma ho notato che molte non riescono a smettere in tempo e non trovano qualcuno con cui accoppiarsi e così sviluppano problemi mentali e ridirezionano il loro istinto materno a spingere carrozzine piene di cani ogni giorno.

L'epidemia di cani qui è veramente folle, solo 6-7 anni fa pochi a Tokyo avevano cani, ma ora la città è piena di pazze rovinate che portano a spasso cani tutto il giorno.
Le strade dei quartieri residenziali sono tutte imbrattate di merda di cane e sono perlopiù donne stagionate che li possiedono.

Ecco cos'è il Giappone. Non è qualche tecnologica utopia come i media occidentali amano dipingerlo.

E' una società in fase terminale di collasso. I robot non aiuteranno, l'intelligenza artificiale non aiuterà. L'omogeneità razziale non aiuterà. Hanno semplicemente perso la capacità di relazionarsi con le persone ed essere umani con gli altri."


Forse ti Interessa: 




51 commenti:

  1. Un pezzo davvero molto interessante, grazie per averlo pubblicato.
    Sottoscrivo in particolare quanto ho letto in queste righe:
    "Ma per quelli che pensano che la rinuncia degli uomini cambierà il comportamento delle donne, la risposta è no, almeno non nel breve termine.
    In Giappone molti uomini si sono ritirati dal mercato e le donne ancora non lo stanno notando.
    Perché? Prima di tutto perché sono invisibili alle donne. Le donne scopano solo con gli uomini al top e non notano il 90% dei rimanenti. Stanno vivendo la migliore epoca di sempre".

    E' una riflessione applicabile a qualunque paese occidentale.
    Molti incel e mgtow sono convinti che quella di sparire per farsi desiderare sia una tecnica vincente ma non ha alcun senso se la/le donna/e che vorresti attrarre non ti ha/hanno mai degnato di uno sguardo.

    Non condivido invece la fine dell'articolo, dove si afferma che la tecnologia non potrà far nulla per cambiare la situazione. Sono convinto che in un numero di anni relativamente breve sarà possibile creare robot del tutto indistinguibili da un qualunque essere umano. A quel punto tutti, belli o brutti che siano, potranno avere al costo di una utilitaria un partner creato in base ai propri desideri e non avranno più alcun bisogno di andare in giro ad elemosinare un po' di sesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I MGTOW non spariscono per farsi notare dalle donne. Se la pensi in questo modo significa che non hai capito cosa significa andare per la propria strada. Significa smettere di partecipare in un gioco che è stato palesemente manomesso e non mettere la propria vita LEGALMENTE nella mani di un essere che difetta in razionalità. MGTOW significa auto-preservazione. Le donne sono libere di fare le scelte che vogliono perché è un loro diritto. Allo stesso modo è un nostro diritto fare la scelta di evitarle accuratamente.

      Elimina
    2. Sono d'accordo con te, il fatto è che in rete trovi molti che "vanno per la loro strada" solo a parole visto che poi passano la maggior parte del loro tempo a discutere su blog, forum e siti vari solo ed esclusivamente di quelle donne che dovrebbero ignorare.
      Soggetti del genere sembra ragionino così:"Se non le cago più manco di striscio saranno loro a venire da me strisciando!"
      Diverso è il discorso per coloro che hanno abbracciato seriamente il pensiero MGTOW e si sforzano di metterlo in pratica, sono uomini che hanno tutta la mia comprensione e la mia stima.

      Elimina
  2. Guarda che dietro il ritirarsi dal mercato non vi è alcuna strategia.
    Solo la presa di coscienza dell inutilità di una vita spesa a compiacere queste merdacce rimanendone distanti e dandogli la parità tanto agognata.
    Ti assicuro che si sta molto meglio e si può godere di piccole gioie tipo ENTRARE IN TRENO E NON AIUTARLE A SOLLEVARE IL GROSSO BAGAGLIO CHE SI SONO PREPARATE, SICURE DI TROVARE UNO STRONZO CHE GLI DARÀ UNA MANO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "si può godere di piccole gioie"

      Detto sinceramente e senza alcuna volontà di far polemica: anche in frasi come questa leggo una voglia disperata di farsi desiderare da una donna o, se proprio non ci riesce, di suscitare una qualunque emozione, anche negativa.

      Elimina
    2. Vedila come vuoi, ma in fondo la Redpill è essenzialmente questo, un prendere atto della realtà oggettiva e farsi qualche domanda sul proprio ruolo.
      Quello del treno è solo un esempio di come io (e tanti altri ) abbia abdicato al mio ruolo di cavalier servente e niente più per lorsignore tenendomi ben distante dagli oneri visto che onori per me non ve ne sono
      Buon proseguimento

      Elimina
    3. @Emanuele
      Potrebbe esserci una punta, inconscia, di - come dici te - "farsi desiderare da una donna. Il che potrebbe anche essere assimilabile a una tattica di rimorchio (non la c@go, così magari mi c@ga lei").
      Ma io ci vedo più una specie di risentimento.. di (anche un po' legittimo) rancore. Che può dipendere anche dall'età del maschio, da quello in cui ha "creduto" sinora vivendo blupillato e, dopo aver assunto la redpill, dal sentirsi un po' "tradito"..anzi, un po' "preso in giro" per tutti gli anni della sua vita in cui, in buona fede (ed essendo blupillato), ha sempre pensato che le "regole del gioco" fossero di un tipo (e invece erano di tutt'altro).
      Sicuramente bisogna superare questa "fase rancorosa" (conscia o inconscia, che sia) per poter vivere serenamente il proprio "essere (diventati) MGTOW".
      E poi - se non ho inteso male - il Mgtow NON è un misogeno, né un asceta che fatto voto di castità.
      Semplicemente è un "Neo" (v. protagonista film Matrix) che ha sempre vissuto nel Matrix (pur sospettando, Neo, che ci fosse qualcosa che non "tornava", nel Matrix) e che ora ha scoperto la Verità..e che ora il Matrix è solo una presa in giro avente un unico scopo: la schiavitù a vita di chi crede nel Matrix stesso.
      E' comprensibile, quindi, che ci possa essere prima incredulità, poi sconcerto, poi anche (un po' di) rancore verso coloro alle quali sei stato destinato come "schiavo" (in questo caso, la Donna; nel film, l'Umanità).
      Anche Neo infatti, nel film, all'inizio è completamente incredulo, poi disorientato..fortunatamente per lui, c'è Morpheus, suo mentore, che lo aiuta, lo conduce nel mondo Reale (...è anche vero che, nel film, hanno tipo un attacco Usb nella nuca..e possono "caricare sw", cosa che - quando devono combattere dentro il Matrix, torna molto utile...invece, nel caso della freña, non puoi caricarti un SW per apparire 8...ma quello è un film..una metafora).

      Certo è che

      Elimina
  3. Grazie, anche a te.

    RispondiElimina
  4. Una distopia, nonché una proiezione del futuro prossimo (ci arriveremo in una decade) dell'Occidente...meno l'omogeneità razziale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di correggerti,
      L Europa fra un po sarà totalmente islamizzata !

      Elimina
    2. La frase "L'omogeneità razziale non aiuterà." si riferiva al contesto giapponese, NON a quello europeo...

      Elimina
    3. Però, l'Islam è un partito politico, non una razza...

      Elimina
    4. Più che partito politico io l'islam lo definirei come una "religione che fa politica" (come il cristianesimo di moltissimi anni fa) e che, volente o nolente, imponendo la sua morale (che i laici occidentali imbeccati dal mainstream tendono a definire "integralista" facendo così di tutta l'erba un fascio) riporterà le lancette dell'orologio indietro di qualche secolo e quindi, di conseguenza, una delle sue prime vittime sarà senza ombra di dubbio la "liberalizzazione femminista sessantottina", meglio conosciuta come femminismo (argomento del resto principe dati i risvolti negativi che esso ha comportato per il sesso maschile come del resto, questo blog documenta ampiamente) e cioè nient'altro che una delle tante propaggini mondialiste che "paradossalmente" hanno spalancato le frontiere all'emigrazione "attivando"(coscientemente, quantomeno per chi sta ai vertici) così il processo di islamizzazione. Processo che, badate bene, tra un decennio o poco più sarà sostenuto dalla stessa popolazione occidentale maschile, quando si renderà conto che è l'unico modo che può consentire (e qui utilizzerò lo stile di un utente anonimo che ha commentato nel post " Come Rispondere ai Parenti che ti Chiedono se Hai una Ragazza " perché lo trovo meravigliosamente conciso ed esaustivo anche se ne ribalterò il senso) di "SOTTRARRE" il rapporto uomo/donna allo STATO DI NATURA.

      Elimina
    5. @sfigato97
      Concordo totalmente. Da anni che lo vado pensando (e, quando possibile, dicendo). Conosco abbastanza bene una coppia di marocchini. Praticamente li hanno sposati le famiglie a distanza. Lui aveva 29 (e stava in italia); lei 28 (e stava nel paesino sulle montagne del marocco). Lei era "garantita" (dalla famiglia; il "padre" è il garante, ovviamente..la madre, non ha voce in capitolo; in assenza, per decesso, del padre - mi spiegava lui - una donna può, anzi "deve", essere "garantita" dal fratello o cmq dal fratello maggiore). Lei l'ha raggiunto qua in Italia con giri strani. Si son visti. Conosciuti. Lui (con cui, ovviamente, ho più confidenza) mi diceva che non gli piaceva tanto (invece assicuro che lei è 1 punto sopra di lui..direi una 6,5 lei, un 5,5/6 lui) ma che poi, col tempo, è venuto anche "l'ammòre" (la 2.da emme l'aggiungo io; loro non scherzano su 'ste cose...non si tratta, infatti, di Amore per i "buon musulmani", ma di "cosa buona e giusta" prevista dall'Islam, da Allah, da Maometto, dai profeti e dall'Imam). Ora hanno 2 figli (sotto i 10 anni, m e f). E puntano al 3.zo (e, se glielo chiedi, ti rispondono: Insciallah! - Se Dio vuole! ..ma è il minimo sindacale per l'Islam, averne 3...perchè poi i 2 genitori invecchiano e muoiono..e se han messo al mondo almeno 3 figli, il "saldo demografico" è positivo).
      Sembra quasi più un "contratto", che un rapporto di "ammòre" come lo intendiamo noi (se blupillati) in Occidente.
      Essendo entrambi due "buoni musulmani", lui non va a donne (non beve alcol, non fuma, la sera sta a casa con moglie e figli, la mattina va a lavorare diligentemente; ha lavorato per me 1 mese e, devo dire, si è comportato in modo eccezionale; avessi potuto, lo avrei tenuto "a vita", come lavoratore). Lei tira su i figli (e dovreste vedere COME! ..altro che bambini, capricciosi, europei e americani..o cmq occidentali! devi veri e propri "soldatini obbedienti"). Sta dietro alla casa, al marito, ai figli; fa la spesa; lava-asciuga-cuce-stira, tutto (m'ha fatto venir in mente mia nonna, classe 1915, ma in meglio, perchè mia nonna era un po' troppo chiacchierona e ogni tanto mio nonno, classe 1914, si skatzava e le tirava un urlo, a seguito del quale l'emergenza" :D rientrava immediatamente e non si ripresentava per qualche settimana :D). All'occorrenza lavora anche lei (ma le è "permesso" di fare solo certi lavori "da femmina" e rigorosamente con hijab e vestita in modo appropriato; va a fare ore in ospedale a vecchietti moribondi, pulizie a ore in case di famiglie, e non di uomini single; o cmq non quando sono presenti, sì da rimanere sola con l'uomo in questione; e così via).
      Lavorando per 1 mese lui da me, ho fatto venire anche la moglie per fare pulizie. Puliva la casa, ascoltando con gli auricolari musica (di quella loro, in arabo e in francese) e, pulendo, canticchiava.
      Quando mi chiedeva istruzioni su che cosa fare, c'è leggerezza e serenità nei suoi occhi e nella sua voce..insomma, era veramente una persona serena (mai provato la stessa sensazione parlando con NESSUNA donna occidentale..c'è sempre un filo di tensione sotterranea..sempre un qualcosa che "stona", con la figura femminile..perlomeno per quelli che era sempre stata la mia idea, blupillata fino a qualche anno fa, della donna).
      E poi c'avrei molte altre cose da dire al riguardo, ma non voglio fare il post-muro.
      Se vi può essere utile a riflettere, posso dirvi chein mezzo-secolo

      Elimina
    6. ..questo invece è il tipico annuncio-meetic demenziale di una 50enne italica (con le solite foto in costume/bikini, ecc.ecc. ovviamente, come praticamente tutte, lo cerca più giovane di lei, max coetaneo..nn ha figli..ma dichiara di volerne un "numero imprecisato" (a 51 anni??!)..vacanze preferite? elenca un tot di locali alla moda della sua città (e Formentera, dove è solita -scrive- "rifugiarsi" - "chi@v@re"?)...sport? fa, dice, trendmill e hydrobyke (ma kekk@tzo è 'sto trendmill?..mavvainMòòòna! :D )...Se dovesse tenere con sè solo un oggetto, terrebbe i soliti cani, cavalli (e il risotto al curry con calamari e piselli che è la sua specialità)...ecc.ecc.ecc..

      Raga, 2 settimane che scandaglio meetic con finalità solo "sociologiche" (perchè mi è sfuggita ultima scadenza di disdetta..e m'han picchiato sulla carta l'addebito! :( )...è praticamente tutto così..tutto, tutto, tutto...sono TUTTE uguali..sembran fatte con lo stampino.. tutte al limite ormai del grottesco e alcune già beyond quello :D )

      52 anni, (xxxx--- città del Nord-Italia)
      Collegata meno di 24 ore fa

      "Quando saremo due saremo veglia e sonno
      affonderemo nella stessa polpa
      come il dente di latte e il suo secondo,
      saremo due come sono le acque, le dolci e le salate,
      come i cieli, del giorno e della notte,
      due come sono i piedi, gli occhi, i reni,
      come i tempi del battito
      i colpi del respiro.
      Quando saremo due non avremo metà
      saremo un due che non si può dividere con niente.
      Quando saremo due, nessuno sarà uno,
      uno sarà l'uguale di nessuno
      e l'unità consisterà nel due.
      Quando saremo due
      cambierà nome pure l'universo
      diventerà diverso".

      SONO:

      Il mio stato civile
      Libera

      Ho figli
      No

      Voglio dei figli
      Sì, numero imprecisato

      La mia statura
      167 cm

      La mia corporatura
      Normale

      Segno zodiacale
      Scorpione

      Fumo
      No (odio il fumo)

      Parlo
      Spagnolo (castigliano), italiano

      Lunghezza dei miei capelli
      Di lungh. media

      I miei capelli
      Castani

      I miei occhi
      Nocciola

      Fisicamente, sono
      Abbastanza piacente

      Il mio peso
      63 kg

      La mia origine
      Europea

      La mia nazionalità
      Italiana

      Vivo
      Da sola

      La mia religione
      Cattolica

      Il mio livello di pratica religiosa
      Non praticante

      Mangio
      Cibo sano

      Il mio stile
      Alla moda

      Tratto caratteriale più marcato
      Tenace

      Romantico
      Abbastanza romantica

      Il mio dettaglio più attraente
      Il sorriso

      I miei hobby
      Sport, viaggi, fotografia

      Sport
      Culturismo, palestra, nuoto

      Svaghi
      Aperitivo, cinema, serate tra amici

      Cinema
      D'autore, comici, cartoni animati

      Musica
      Jazz, musica etnica, soul

      Le mie vacanze preferite:
      Giostrà, Caffé Zamboni, Pizzeria Pinterré, Trattoria Leonida...Ho viaggiato abbastanza, soprattutto all'estero...ma amo Formentera dove sono solita rifugiarmi...

      I miei svaghi nel week-end o di sera:
      Viaggio molto, a volte anche con la testa... Nuoto, tredmill e hidrobike per tenermi in forma... Cucino per gli amici...

      Se dovessi tenere con me solo un oggetto, sarebbe:
      Risotto al curry con calamari e piselli (mia specialità!), i cani e i cavalli, rimanere a letto quando fuori diluvia (in compagnia sarebbe il massimo ).

      La mia professione, i miei orari di lavoro, ecc:
      Non ci ho mai pensato...sarà il caso di farlo?

      Elimina
    7. ..ovviamente lo cerca più giovane..max coetaneo. :D (e questa si accontenta..vi assicuro che molte, della sua età, partono da "39", a volte "38"..l'uomo che cercano, intendo...delle irriducibili..delle nostalgiche del K@atzosello, evidentemente.. :D )

      CERCO:

      La sua età
      da 45 a 52 anni

      Il suo stato
      Libero, separato, divorziato

      Ha figli
      No, si

      Per lui il matrimonio è
      Nessuna preferenza

      La sua statura
      da 177 a 188 cm

      La sua corporatura
      Sportivo, normale

      Fuma
      No (odia il fumo)

      Parla
      Spagnolo (castigliano), italiano
      La sua nazionalità
      Spagnola, Italiana

      Livello di istruzione
      Laurea

      Religione
      Cattolico, altro
      Pratica religiosa
      Praticante, non praticante

      Il suo stile di vita
      Chic, alla moda, casual

      Il suo tratto caratteriale più marcato
      Generoso, spontaneo, premuroso, socievole, esigente, sensibile
      È romantico, abbastanza romantico

      Il suo piccolo particolare
      Gli occhi, il sorriso, la bocca, le mani

      Hobby
      Shopping, faidaté, mostre/musei, sport, viaggi, fotografia, uscite, cantare/suonare uno strumento

      Sport
      Culturismo, golf, palestra, nuoto, tennis, vela

      Svaghi
      Ristorante, aperitivo, cinema, serate tra amici

      Elimina
  5. Per esperienza posso dire che alle giapponesi piacciono molto gli occidentali, però contrariamente a quanto molti possono pensare sanno distinguere i bianchi brutti da quelli belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se per questo pure le italiane non scoperebbero con un hikikimori occhialuto e rachitico ma volentieri con un giapponese giovane e prestante
      Tutto il mondo è paese caro lei!

      Elimina
    2. Henry de Toluose Lautrec30 dicembre 2018 08:58

      Uhm no, credo che un italiano medio piaccia a una giapponese piu' di quanto un giapponese medio piaccia a un italiana. Gli uomini occidentali sono OGGETTIVAMENTE piu' belli dei giapponesi e poi ce l'abbiamo piu' grosso.

      Elimina
    3. Non sono totalmente d'accordo: acquisisci interesse in quanto "esotico", sei appetibile perchè ti distingui, hai un background culturale diverso dal loro, esperienze diverse e comunque sei un occidentale (la maggior parte dei sex symbol è occidentale). In piccolo è un po' come capita a noi con le nordiche: Sigrid biondona di Trømso= stereotipo-modella= super figa. Poi magari paragonata a Martina da Vergate sul Membro è pure più cessa...ma a me fa flippare Sigrid.

      Elimina
  6. Henry de Toluose Lautrec29 dicembre 2018 20:38

    Il fatto che i Giapponesi siano disposti a pagare per mutande sporche femminili fa capire a che livello di MdF (morti di figa) siano arrivati.
    Comunque in giappone il fenomeno degli incel è iniziato prima che da noi, nei primi anni 90 un amico mi raccontava che c'era un altissimo tasso di suicidi anche per colpa delle donne iperselettive.
    Confermo che l'uomo occidentale ha piu' punti ma dal 6 in giu' probabilmente non lo calcolano.
    (in effetti gli orientali sono bruttini in confronto a noi)
    Sono del parere pero' che un normaloide italiano in buona forma fisica, in giappone riesca a trombare.

    RispondiElimina
  7. Non a caso è la nazione con la % più elevata di hikikomori. Tuttavia senza analizzare questo fenomeno in parte estremo e con una connessione non sempre certa o definita con la redpill pare certo che una grossa % di uomini abbia deciso di "tirarsi fuori" dal mercato sessuale. Letteralmente

    RispondiElimina
  8. Conosco diverse coppie miste uomo occidentale-donna giapponese (tutte qui in europa, tra Italia, Olanda e Germania) e ho notato uno strano trend: nel 100% dei casi l'uomo si fa le vancaze da solo...

    RispondiElimina
  9. Francesco Rossi30 dicembre 2018 04:25

    Scusa Redpillatore, se il mio commento è OT, comunque qualche giorno fa devi avermi bannato per sbaglio dalla pagina fb, potresti sbloccarmi ?

    RispondiElimina
  10. Io per circa un anno sono andato a letto con una donna giapponese. Ovviamente voleva offerto tutto quando qualche volta uscivamo. Ad un certo punto lei mi dice di volere una relazione, ma io rifiuto perché la nostra differenza d'età era eccessiva ( lei era decisamente più grande di me), da lì cominciano una serie di ritorsioni psicologiche, tipo sminuire la mia virilità di fronte ad altri e cose così. Questo è successo quando ero molto inesperto e io me la presi molto ed ero molto suscettibile alle sue frecciatine. Decido di interrompere la frequentazione e dopo circa un anno di non sentirci mi manda un messaggio chiedendomi perché non ci sentissimo più, ma vaffanculo. Aveva orde di amici maschi che ci provavano con lei e da cui riceveva favori, passaggi in macchina. A tal proposito, un giorno le chiesi se voleva insegnato a guidare ( le ho chiesto più per scherzo che seriamente) e lei mi rispose che non c'è motivo di imparare a guidare perché ci sono i suoi amici che la prendono e lasciano dove desidera.
    Detto questo, ormai guardo le donne giapponesi con grande diffidenza perché quando c'è un problema non ti dicono effettivamente quale sia il problema ma assumono un atteggiamento passivo aggressivo molto pesante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, contributo interessantissimo proprio perchè "di prima mano".
      Ora capisco perchè, nel lontano '84, d'estate, da studente di lingue estivo (quei viaggi organizzati, tipo EF) nella casa della famiglia dove eravamo ospitati come studenti, c'erano due giapponesine 16/17enni bruttarelle..ma se la tiravano come se ce l'avessero solo loro.
      Questa "redpill" mi sta dando la chiave di lettura (anche di "situazioni internazionali") di 30/35 anni fa :D
      Grande Redpillatore! :)

      Elimina
    2. Una riflessione che mi è venuta, leggendo post e commenti sulle donne (e quindi, simmetricamente, uomini) giapponesi.
      Giappone, Italia e Germania erano alleate nella WWII.
      Il Giappone aveva una tradizione di uomini molto fieri e molto bellicosi (basti pensare ai samurai e ai militari giappi kamikaze della WWII..e addirittura il caso estremo dei famosi "Ultimi giapponesi".. che, ignari che la guerra fosse finita, hanno continuato per 20/30 anni, quindi anche fino a metà anni '70, a difendere le posizioni militari in alcune isole del Pacifico ..come Hiroo Onoda, che ancora nel 1974 non voleva arrendersi pensando che la "fine della 2.da guerra mondiale" fosse una balla del nemico per farlo uscire allo scoperto)....l'Italia, cosa poco nota adesso, alla fine della IIGM era uno dei paesi più armati (i Carabinieri faticarono fino a metà anni '50 per indurre la gente che deteneva armi in casa - nelle campagne, praticamente tutti - a denunciarle e consegnarle all'autorità)...la Germania, ecco..sarebbe interessante approfondire se vi sia stata molta "femminilizzazione" dei maschi tedeschi, dal dopoguerra ad oggi.
      Se così fosse, mi verrebbe allora da pensare seriamente che questa "femminilizzazione del maschio" (attraverso, simmetricamente, uno sviluppo, ancor più marcato che altrove, della "stronzaggine" della popolazione femminile) negli ex-paesi dell'Asse Berlino-Roma-Tokio non sia stato così casuale.... In altre parole, Italia e Giappone sicuramente (Germania, non saprei), in quanto Paesi sconfitti, sono stati "castigati" dagli Alleati anche così.. neutralizzando il fattore maschile..dando sempre più potere alle femmine (che, in caso di evento bellico, non sarebbero così temibili..sicuramente molto meno temibili di maschi testosteronici e inkatzosi, abituati a non farsi mettere i piedi in testa da nessuno, in primis dalle loro donne).

      Elimina
  11. Le donne sono veramente "il genere nemico", nel senso che non hanno alcuna intrinseca lealtà nè desiderio di vedere i maschi della loro "tribù" felici. Sono fatte per selezionarli in continuazione e metterli alla prova. Il modo per "vincere" è fregarsene di loro, escluderle dalle decisioni e dominare. Poi loro, solo allora rispettandoti e non vedendoti come un debole, ti seguiranno.

    Sono programmatte affinchè trovino piacevole che il maschio dia loro un beneficio materiale per l'accoppiamento, più avranno questo "beneficio" da mano statale più alzeranno il tiro quando dovranno scegliere un partner, anche a costo di andare con elementi estranei alla tribù o restare single e non fare figli per quella società che tanto fa per loro (giappone e taiwan esempi calzanti: nel secondo addirittura le donne sono più scolarizzate degli uomini e piuttosto di avere un uomo di status inferiore se ne stanno sole). Non è possibile avere parità di genere assieme all'ipergamia femminile, fintantochè non sarà possibile re-ingegnerizzare le femmine esse dovranno essere assoggettate ad un regime differente di diritti e doveri rispetto a quello maschile onde evitare il collasso sociale dovuto all'iperinflazione maschile.

    "Gli uomini testano nuove idee, le donne testano gli uomini"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cito:" ...esse dovranno essere assoggettate ad un regime differente di diritti e doveri rispetto a quello maschile onde evitare il collasso sociale dovuto all'iperinflazione maschile."
      E infatti questo era proprio una delle responsabilità fondamentali che la religione (nel nostro caso la Cattolica pre Concilio Vaticano II), attraverso la morale , si dava per mantenere la "pace sociale". Pace sociale, ovviamente, che Lei era interessata a mantenere perché era la padrona del Vapore oltreché delle menti. Ma ai nostri giorni la pace sociale è ormai andata a farsi "benedire" poiché proprio Santa Madre Chiesa, come istituzione spirituale, essendo stata "manomessa" dall'interno, ha consentito il dilagare di movimenti mondialisti come il femminismo, l'immigrazione ecc. ecc.
      Leggi il mio commento più in alto a riguardo.

      Elimina
    2. @sfigato97
      ...proprio così, esatto..

      Elimina
  12. All' anonimo che ha scritto che e' stato con una Donna giapponese, ti Chiedo in che contesto l'hai conosciuta e come effettuava le sue richieste monetarie e non. Come mai all'inizio hai deciso di stare con lei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao

      L'ho conosciuta ad una festa di compleanno di un amico. Io avevo 22 anni, lei 30-31, ma ne dimostrava 5-6 di meno ed era molto ben messa fisicamente.
      Siccome alla festa avevo notato un suo interessamento, mi sono detto sti cazzi e l'ho aggiunta su fb e le ho chiesto di uscire.
      Se la tirava molto e spesso manco mi rispondeva ai messaggi e, in alcuni momenti, avevo deciso di lasciar perdere, ma alla fine ho deciso di insistere dato che per me era una cosa da fare nei tempi morti.

      Lei non mi ha mai chiesto soldi direttamente, quando uscivamo e dovevo pagare, lei faceva la finta di prendere la borsa, ma appena dicevo che ci pensavo io, subito posava la borsa ringraziando. Io per altro ai tempi manco lavoravo, lei sì.
      Poi gradiva avere offerte altre cose tipo gelato, aperitivo e cose così. Io molto bluepillato accettavo la cosa e me ne sbattevo se me la dava.

      Comunque si aspettava che io mi comportassi da uomo: dovevo contattarla io, chiederle io di uscire, andarla a prendere a casa, decidere io dove andare, pagare io, invitarmi a casa sua, ecc.. Era molto sottomessa e non prendeva MAI l' iniziativa ma poi ricambiava entusiasticamente. Poi mi faceva impazzire il fatto che a letto era molto porca e faceva qualsiasi cosa le dicessi.

      Non siamo mai stati insieme, ci facevamo qualche aperitivo ogni tanto e poi andavamo a casa sua a scopare.

      Elimina
  13. Red, puoi inserire il link al testo in inglese di questo giap?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.reddit.com/r/MGTOW/comments/6p6r1u/the_mystery_of_why_japanese_people_are_having_so/dkn65k2/

      Elimina
  14. Pezzo davvero interessante, grazie Red e buon inizio.

    Vedrete che qualcuno trovera' una soluzione, prima o poi, verra' varata una legge che IMPEDISCE di fatto di rimanare single.

    Qualcuno ci pensera', sembra assurdo? Vedremo.

    RispondiElimina
  15. Le asiatiche sono il futuro dei bruttini, se fosse fattibile trovare lavoro nel sud est asiatico mi ci sarei già trasferito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' fuori tempo massimo ma sono incappato in questo blog solo ora, mentre cercavo informazioni su Giappone e Giapponesi in chiave negativa. In chiave positiva si ricavano, perlopiù, altri stereotipi da sommare a quelli che già si possedeva ..e i conti, infatti, non tornano. Sono sposato con una Viet da 15 anni e posso dirti che Sud-Est o Sud-Ovest, motivazioni e prassi sono sempre le stesse. Accaparrarsi un "CHAD" e fare la bella vita ( sindrome di Cenerentola ). Idillio iniziale e rottura di scatole a seguire, se si fa l'enorme cazzata di sposarle. Tutto il mondo è paese : con quelle delle tue parti si parte sempre in svantaggio. E' una convenzione tra femmine suscitare quanta più invidia e pungersi come vespe assatanate. Le poche che riescono a sbattersene diventano donne, le altre restano solo femmine. Quanto sta accadendo nella società giapponese con bambole robot, hentai e hikkomori riguarda entrambi i sessi ed i gaijin, bruttini/e o meno, passano per quelli/e con la "pillola rossa". Se anche fosse ( e non lo è ), hai voglia a capire come funziona dopo scorpacciate di "blu".

      Elimina
  16. Se qualcosa cambierà sara soltanto merito della red pill.

    RispondiElimina
  17. Leggo i vostri commenti e rido. Sono sicuro di essere fisicamente meno attraente almeno della metà di voi, ho entrate tutto sommato modeste (impiegato statale) eppure faccio sesso regolarmente con molte donne, tutte attraenti ed esperte tra le lenzuola. La differenza tra me e voi è l'atteggiamento, che non vuol dire fare lo zerbino (la maggioranza delle volte mi vedo con una donna solo per sesso, senza convenevoli romantici o spendendo soldi in modo unilaterale) ma essere positivi, aperti e stuzzicanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo, ammesso e non concesso che ciò che scrivi corrisponda al vero, puoi precisare cosa intendi con "positivi, aperti e stuzzicanti"? O meglio ancora, potresti descrivere il modo in cui approcci una donna?

      Elimina
    2. Sono passati più di tre giorni e non è arrivata nessuna risposta. Evidentemente è talmente impegnato a rimorchiare da non avere il tempo di condividere le sue favolose tecniche di seduzione.

      Elimina
    3. @Emanuele 30 aprile 2019 18:01
      Anch'io conosco dei "cucadores" che, nonostante un valore di LMS basso, a sentir loro, fanno sesso con molte donne attraenti... Peccato che io so chi siano le "donne attraenti" in questione (stendiamo un velo pietoso)... e poi non sono “molte”, bensì una ogni morte di Papa. ;-D ROTFL

      Elimina
    4. Divertente questa gente che "ride" ma ci tiene sempre a farlo sapere LOL

      Elimina
    5. @Emanuele: già con una replica del genere dimostri di essere spiritoso. Un motivo in più per "buttarsi" e non tirarsi sempre indietro (mi riallaccio ad altri tuoi post). Coraggio, su!

      Elimina
    6. Ti ringrazio ma purtroppo la simpatia da sola non può compensare la pressoché totale mancanza di LMS.

      Elimina
    7. @Valar:
      Quindi...nessun commento di risposta ?
      Sei entrato qui "denigrare" MGTOw red-pillati vari con consigli italioti e quando ti hanno chiesto chiarimenti e consigli che avrebbero forse migliorato la vita di qualche lettore...neinte di niente ?

      Guarda mi associo a quel che dice Andy...conoscevo anche io dei cucadores (quando avevo 30anni e dintorni...ora ne ho 45anni) che li vedevi con ragazze diverse ma tutte amiche friend-zonatrici (poi che costui suscitava ammirazione di altri zerbinoni :-) ... beh altro discorso :-) ) che a parole grandi amici...in realtà poi erano dei nulla-tenenti che si consolavano con me nulla-sergente :-) .


      Comunque un consiglio su come avere successo con le donne eccotelo qua:
      * * * L`IMPORTANTE E` ESSERE SE STESSI * * *


      Visto che mega-consiglio :-) ?

      firmato: ex-nerd-chatters-slayer

      Elimina
  18. Non è assolutamente vero ed inorridisco quando leggo pezzi del genere. Ho un PhD giapponese ( 京都大学, 化学研究所). Ci sono stato 5 anni, lavorando anche per un anno per una multinazionale europea. Ho avuto diverse ragazze giapponesi e mia moglie e giapponese. Abbiamo due figli stupendi (tratti misti) che a 18 e 20 fanno strage di ragazze (lol!). Gli stereotipi riportati sono allucinanti. Le ragazze giapponesi fredde e calcolatrici? Molte hanno un pessimo carattere e sono semplicemente persone grezze e spiacevoli? Ma che mondo ha visto il signore che ha scritto quell'articolo? Quando leggo cose del genere sono veramente dispiaciuto. Ora viviamo in Italia ma i giapponesi (e le giapponesi... lol!) sono ADORABILI. Ascolta a mme... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È noto che le giapponesi hanno un debole per il bianco occidentale. La società Giapponese è tremenda con i giapponesi stessi. Io ci sono stato a lavorare per 7 mesi SOTTO CAPO GIAPPONESE e non c'è niente di adorabile in loro. A te è andata bene e approvo la scelta di vivere in Italia potendo.

      Elimina
    2. @JoeDoe
      ...curiosità OT.
      Siccome ho iniziato di recente a studiare cinese, è stata dura imparare il giappo?

      Elimina
  19. Abito in giappone e non e il massimo da tanti punti di vistacome molti pensano

    RispondiElimina

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Prima di postare però per favore dai un'occhiata al Regolamento: