17/08/17

IL DIRITTO AL SESSO


 
Uno dei cavalli di battaglia delle femministe quando si tratta di criticare il tentativo che fa la nostra pagina di portare più equità sessuale è che "non esiste un diritto al sesso" e quindi noi dobbiamo imparare a farcene una ragione.
Imparare a farcene una ragione, in altre parole, vorrebbe dire che dobbiamo accettare di buon grado che a tr*mbare sia solo una ristretta elite di uomini scelti da loro mentre la stragrande maggioranza degli uomini dovrebbe tirare avanti a s*ghe (infatti le femministe non prevedono neanche la possibilità per l'uomo di ricorrere al sesso mercenario, vorrebbero proprio annullare totalmente la sua sessualità).
Ora, che non esista un "diritto al sesso" è tutto da vedere, anzi nei vari dibattiti giuridici che sono stati fatti la sessualità è considerato un aspetto fondamentale per garantire una vita dignitosa ad un individuo.
Se n'è parlato ad esempio di recente per quanto riguarda l'assistenza sessuale ai disabili, la quale è stata da poco garantita tramite legge in Olanda se non erro, ma ,senza andare a scomodare altri Paesi, anche nel nostro ordinamento giuridico la sfera sessuale viene presa in considerazione.
Ad esempio, per dire, il rifiuto ripetuto di un coniuge di avere rapporti con l'altro coniuge è annoverato tra le cause di separazione con addebito, quindi battere sempre ripetendo che "non esiste un diritto al sesso" è un modo infantile di banalizzare la questione.
Oltre a ciò purtroppo le femministe non si rendono conto che se battono su questo punto di fatto si danno una mazzata sui piedi e risultano incongruenti nel lamentarsi che le donne che vogliono avere figli vengano discriminate sui luoghi di lavoro.
Infatti se il sesso non è un diritto, tanto meno lo è fare dei figli e la pretesa che del nostro desiderio di maternità si facciano carico gli altri non ha alcun senso.
Se non esiste un diritto al sesso perché io, contribuente, dovrei pagare il prezzo del tuo privilegio di fare figli?


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.
✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.