17/08/17

Donazione di sangue:un fenomeno tutto al maschile




Stamattina mi arriva a casa la rivista dell'avis e, sfogliandone le pagine, il mio occhio cade su alcuni grafici che mostrano la distribuzione dei donatori di sangue in base al sesso e che mi danno conferma di una cosa che già sospettavo:nella mia regione il numero di donatori di sesso maschile è di gran lunga superiore a quelli di sesso femminile, per la precisione i primi sono circa il doppio delle seconde.
Non è necessario disporre di dati statistici per documentare questo fenomeno, basta recarsi una mattina qualsiasi presso un centro trasfusionale e guardare quanti uomini e donne ci sono in attesa per donare per rendersi conto della sproporzione;però, siccome so che ci sarà sicuramente chi si attaccherà ai dati in maniera cavillosa e dirà che magari è così solo nella mia regione mentre in altre i donatori sono probabilmente al 99% donne, sono andato a cercarmi i dati anche delle altre province/regioni e la percentuale rimane la stessa.In genere le donne sono un terzo dei donatori, per ogni donatrice ci sono due donatori.
La rivista però minimizza questo dato e anzi ci tiene a precisare che "le donne sono in crescita ovunque, soprattutto tra le nuove iscritte.In alcune realtà superano i colleghi maschi".
In effetti nella regione Toscana le donatrici 18-25 anni raggiungono l'impressionante e poderosa percentuale del 51%, pensate!Peccato che il dato di per sè non voglia dire nulla, la media complessiva della Toscana è identica a quella delle altre regioni e, se nelle fasce basse ci sono più donne in percentuale, può voler dire semplicemente che molti uomini si stanno rompendo i c0glioni di andare a donare, come accade al sottoscritto.
La cosa è tanto più irritante se si considera che, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne, ci sono state campagne di sensibilizzazione che invitavano le donne ad andare a donare per opporsi alla violenza di massa, "contro il sangue versato", un gesto simbolico ma di grande valore.
Peccato che, come abbiamo già visto 1) l'Italia sia uno dei Paesi col più basso tasso di omicidi al mondo 2) la maggior parte delle vittime di omicidio è uomo (75%) 3) la maggior parte delle vittime delle donne sono uomini 4) la maggior parte delle vittime degli uomini sono uomini 5) i donatori sono a maggioranza uomini.
Insomma se c'è qualcuno che versa il sangue in un modo o nell'altro in questo Paese mi pare siano proprio gli uomini.Ma evidentemente esistono globuli rossi di serie A e globuli rossi di serie B.

loading...

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao! 😃 Grazie per aver deciso di lasciare un commento, sono contento di sentire cosa pensi del mio articolo. Ti chiedo solo di rispettare alcune regolette:

✔️ Cerca di scrivere post ricchi di contenuto. Niente insulti, volgarità, spam, dati falsi o tendenziosi, polemiche sterili.
✔️ Se devi farmi una domanda non relativa all'articolo, usa prima la funzione "Cerca" oppure vai al menu alla voce FAQ. Può essere che la risposta sia già lì.
✔️ Se vuoi commentare in anonimo creati almeno un nick di fantasia (Vedi: Nome/URL) per evitare che chi leggerà faccia confusione tra i vari commentatori.

loading...