Dinamiche Sociali

Perché i Simp Hanno Impatto Zero sul Mercato Sessuale

Gerolamo Induno – Il Baciamano (1877)

In questo blog abbiamo sempre biasimato il comportamento dei cd. “Simp”, acronimo che sta per “Suckers idolizing mediocre pussy” (Babbei che idolatrano donne mediocri), meglio noti in italiano come “zerbini”. In passato abbiamo anche pubblicato un vademecum antizerbino, e un articolo contenente 50 consigli per non essere un patetico zerbino.
Chi più chi meno, quasi tutti abbiamo zerbinato nella vita, tuttavia zerbinare è sicuramente un comportamento deleterio per diverse ragioni:

  • Abbassa il valore di mercato percepito (“se quest’uomo è così zerbino significa che è disperato, si vede che le donne in genere non gliela danno”) e fa perdere anche quel minimo di attrazione che la donna potrebbe avere.
  • Abbassa l’autostima
  • Sottrae tempo, denaro ed energie senza dare nulla in cambio.

Per contro, crea alcuni danni a livello sociale:

  • Innalza l’autostima e l’ego delle donne
  • Aumenta il potere sessuale femminile
  • Aumenta i privilegi femminili e la disuguaglianza sociale

Quella contro lo zerbinismo quindi è una nobile battaglia. Purtroppo però, come spesso accade, anche i più nobili propositi deragliano.
Nell’androsfera, la giusta critica ad un comportamento nocivo è finita per degenerare in una caccia alle streghe, trasformando lo zerbino nel capro espiatorio di ogni male.

Molti ad esempio si sono convinti che la colpa delle elevate pretese femminili sia proprio da addebitare al numero sempre crescente di zerbini, che con il loro comportamento avrebbero completamente distrutto il mercato. Lasciatemi fare un po’ di chiarezza: è una grandissima cazzata. Chi diffonde queste idee non ha chiare le basi del pensiero femminile. Mi dispiace dirlo perché purtroppo vedo che ad appoggiare queste teorie ci sono anche diversi utenti storici, che partecipano alle discussioni da anni senza purtroppo aver interiorizzato quello che è un pilastro fondamentale: l’ipergamia femminile è biologica.
Le donne sono selettive per natura. E’ l’evoluzione che le ha portate a scremare gli uomini e ad accoppiarsi solo con quelli dotati del maggior valore di sopravvivenza (bellezza) e riproduzione (status socioeconomico). Questo perché, come si sa, il costo di una gravidanza e della relativa cura della prole è nettamente maggiore per la donna che per l’uomo, quindi concedersi deve valerne davvero la pena.

In tutto ciò il SIMP non ha alcun ruolo attivo. Si comporta in maniera remissiva, accondiscendente e servizievole semplicemente perché non ha un valore di mercato abbastanza elevato e crede – erroneamente- di poter sopperire a questa carenza inzerbinandosi. Egli è quindi, casomai, la conseguenza dell’ipergamia, non certo la causa. E’ una vittima dell’ipergamia, un disperato privo di potere sessuale (di conseguenza contrattuale), che cerca di mettere sul piatto della bilancia ogni risorsa che ha (o che crede di avere).
Ma proprio perché non ha alcun potere contrattuale il suo comportamento ha un impatto marginale (se non nullo) sul mercato.
Nell’epoca pre-sessantottina, quando la sessualità era controllata e bene o male chiunque alla fine trovava una moglie, un briciolo di potere contrattuale gli veniva fornito dalla società. Oggi però, con la liberazione sessuale e l’emancipazione femminile, la donna è diventata onnipotente e quindi chi non raggiunge gli standard necessari all’accoppiamento spesso sprofonda nella disperazione e si aggrappa ad ogni illusione.
Le donne campano alla grande sulle illusioni che offrono ai poveri disgraziati, questo va detto. In fondo, come sappiamo, esse dividono gli uomini in animali da monta e animali da soma e per loro è nell’ordine delle cose che chi appartiene alla seconda categoria si prodighi per migliorare la loro vita ottenendo in cambio poco o nulla.
Però, se domani gli zerbini rompessero le proprie (autoinflitte) catene, le donne non inizierebbero ad essere magicamente attratte dal ciccione brufoloso che usavano solo per farsi dare i passaggi, continuerebbero sempre a bramare il figlio del notaio con la mandibola squadrata e la casa a Ravello.

L’equilibrio di mercato non è certo rotto dagli zerbini, è completamente distrutto dagli uomini di altissimo valore che se la godono a più non posso scopandosi quante più donne possibili, sottraendole senza pietà a uomini di livello inferiore che sono così costretti a competere per le briciole fino ad umiliarsi.
E ciò è possibile perché le donne, che sono quelle sulle quali ricade la scelta iniziale, non hanno più il freno del giudizio sociale (“Sei una troia!”) né la necessità economica (“Chi ti manterrà?”) e possono così dare libero sfogo ai loro istinti. Ripeto: istinti.

Il SIMP sul mercato non vale niente e per questo non ha margine di manovra.

Vi ricordate qualche anno fa quando Dolce e Gabbana finirono nel polverone per alcune dichiarazioni a sostegno della famiglia tradizionale?
Loro, gay ma basatissimi, affermarono pubblicamente che “l’unica famiglia è quella tradizionale”.
Sui social i progressisti tuonavano “Devono fallire, boicottiamoli!!”. Scusa, pezzente, ma come pensi di boicottare Dolce e Gabbana se poi tanto i tuoi vestiti li hai sempre comprati al mercato e di D&G non puoi permetterti neanche la cintura più scrausa?
Se non sei cliente del prodotto/servizio che vuoi boicottare, non boicotti un bel nulla!

Ecco, i simp non sono potenziali partner sessuali delle donne esattamente come i poveri non sono potenziali clienti dei marchi di lusso. E allo stesso modo non sono nella posizione di dettare condizioni o cambiare le regole.

Solo chi ha potere sessuale ha un impatto sulla società e sul mercato delle relazioni.


Nello stesso errore ricadono tutti quei mgtow che con la loro scelta di vita sono convinti di ottenere chissà quale rivincita contro il genere femminile. Peccato che spesso si tratti di uomini scarsamente attraenti, che hanno superato la quarantina, magari senza un soldo a causa di precedenti separazioni. “Eh ma io ora vado per la mia strada”. Vacci pure per la tua strada, sai che gliene frega alle tipe. Anzi, se ti levi dalle palle e non le vai ad infastidire con la tua presenza sono ancora più contente. L’importante è che continui a produrre e pagare le tasse per mantenere il welfare a senso unico, poi quando hai finito di wagecuckare puoi prendere tutte le strade che vuoi a passi lunghi e ben distesi. Alle donne brucia quando un Leonardo Dicaprio decide di rimanere single, non certo uno sfigato che comunque mai avrebbero considerato come partner. Per le donne gli uomini di basso valore non contano nulla, non hanno voce in capitolo, però molti sembrano non volerlo interiorizzare.

Un po’ come quelli, altrettanto fastidiosissimi, che dopo anni continuano a negare l’esistenza del cd. “muro”. “Non esiste nessun muro, perché le donne anche quando hanno 40 o 50 anni sono comunque strapiene di pretendenti”. Sì, ma la biologia femminile non funziona così. Quello che non capite è che a una donna non interessa avere migliaia di pretendenti di scarso valore, le basta averne pochi ma di valore elevatissimo. E gli uomini di valore elevato vogliono sempre figa giovane. Dopo una certa età lei si rende benissimo conto di essere sempre meno appetibile a quelli che le interessano realmente, fosse anche soltanto come scopata passeggera.


Per finire, per dimostrare che è proprio lo zerbinismo ad innalzare le pretese femminili, c’è chi ha tirato in ballo le situazioni sociali di altri Paesi, dove gli uomini sono meno zerbini e di conseguenza anche le donne sono meno pretenziose.
Posto che una correlazione non è una causa, è stata citata la Svezia. Notoriamente gli uomini svedesi sono piuttosto freddi e distaccati con le donne, lo zerbinaggio è inesistente. Passano la serata ad ubriacarsi in gruppo nei pub e a fine serata sono addirittura le stesse donne a farsi avanti. Tutto giusto, tutto bello, fantascienza per l’Italia, prendiamo esempio. Peccato che, dati alla mano [Swedish Defence Research Institute], la Svezia risulti comunque essere il Paese con il più alto numero di incel al mondo!

Subscribe
Notificami
guest

228 Commenti
Più votati
Più recenti Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Batacchi
Batacchi
1 anno fa

Non sono d’accordo sul fatto che il comportamento degli zerbini non abbia una sua fondamentale influenza.
E’ un grosso errore (a mio avviso) pensarla così.

Le donne ha sempre BISOGNO di avere CONTEMPORANEAMENTE 2 tipi di uomo: il chad E LO ZERBINO.

Per quanto riguarda il chad non c’è bisogno di spiegare.
Ma perchè sostengo che le donne hanno bisogno degli zerbini?

Il non accorgersi dell’importanza degli zerbini per le donne è caratteristico di chi pensa come un uomo.
L’uomo potendo scegliere sceglie la piu’ bella ed è piu’ che soddisfatto da tale scelta. Non gli occorre altro.Non si aspetta altro fondamentalmente dalla donna se non che lo soddisfi sessualmente (e al massimo che gli sia fedele).

Le donne però sono fatte diversamente, hanno anche altre esigenze.

Ho spesso evidenziato che al concetto di “principe azzurro” non corrisponde un concetto simile partorito da menti maschili.

Il principe azzurro non è un semplice chad. E’ molto di piu’.Oltre al gradevole aspetto fisico deve avere tanto altro da offrire anche in termini di qualità caratteriali.
Perchè? Perchè la donna ogni giorno ha 1000 desideri e da sola riesce a soddisfarne 1.Gli altri 999, molto realisticamente ritiene che sia compito dell’uomo far si che vengano soddisfatti.

Ora un tale uomo (il principe azzurro) non è mai esistito e mai esisterà e questo è il motivo per il quale le donne hanno bisogno di avere contemporaneamente due tipi di uomo: il chad e lo zerbino perchè nè il primo nè il secondo da soli potranno mai soddisfarla completamente.

Sia chiaro: questa situazione dipende non certamente dalla scarsa qualità degli uomini ma dalle pretese assurde delle donne.

Gli uomini non sono così pretenziosi.Nessun uomo si aspetta che la sua fidanzata lo proteggera’ in caso di aggressione, o che lo fara’ sentire sicuro, o che gli consentirà di non lavorare vivendo da parassità e sfuttando i suoi (di lei ) guadagni o che che farà lei la prima mossa, o che pagherà lui al ristorante,o che lei gli darà una mano a risolvere i suoi problemi, a sbrigare le commissioni o che potrà sfruttarla come tampone emotivo o che imparerà da lei diventando così una persona migliore, o che gli fara’ da tassista, ecc. ecc.

L’uomo sa che nella vita deve cavarsela da solo.

Tornando al punto di vista della donna, il chad soddisfa le sue aspettative solamente dal punto di vista estetico perchè poi, un secondo dopo aver eiaculato, la lascia sola e se ne va’.
Per tutte le altre esigenze femminili ci sono gli zerbini.
E queste altre esigenze non sono meno importanti.

L’essere usata dai chad non è affatto gratificante per le donne perchè cio’ impatta pesantemente sulla loro autostima. Ecco che ricorrono alle miriadi di zerbini per risollevarla. Le attenzioni degli zerbini sono FONDAMENTALI in tal senso.

Questa funzione di pump dell’autostima è talmente cruciale per le donne che in gioventu’ ho visto spesso parecchie belle ragazze che non si fidanzavano perchè se lo avessero fatto avrebbero perso l’attenzione dei 15-20 zerbini che le ronzavano addosso.
E per le donne l’avere l’attenzione degli uomini (anche zerbini) su di se’ ha un effetto inebriante.

Ora immaginiamo un mondo in cui gli zerbini, invece di farsi sfruttare dal gentil sesso (dando tutto senza ricevere niente) tenessero ” a stecchetto” le donne quanto ad attenzioni e validazione.

Cosa succederebbe? Succederebbe che le donne, non potendo assolutamente fare a meno della validazione proveniente dai maschi (checchè ne dicano le femministe) e non ricevendone alcuna dai chad, pur di ottenerla dagli zerbini incomincerebbero a smollarglierla con regolarità (sai che sacrificio…) il che è è quello che è sempre successo prima di questi tempi assolutamente “anormali”.

D’altronde i chad sono sempre esistiti anche ai tempi in cui erano giovani i nostri genitori o nonni ma non esistevano tutti questi incel.
I belli si beccavano le migliori e scopavano di piu’ ma i normaloidi non rimanevano assolutamente all’asciutto.

E’ stata citata la Svezia ma io invece cito la Cina. Non mi sembra che gli uomini cinesi siamo particolarmente belli eppure sono sicuro che ben pochi siano incel.

I cinesi forse esteticamente non “rubano l’occhio” ma caratterialmente sono molto piu’ virili degli occidentali.
Nella città in cui vivo c’è una grande comunità cinese.In tanti anni non ho mai visto un uomo cinese girarsi quando passa una bella ragazza e squadrarla con desiderio. Non fischiano nè gli dicono “a bbonaaaa…” ecc. ecc.
Se passa la bonazza, lei potra’ sudare sette camicie nello sculettare, nel rassettarsi i capelli, nel giocare con la scollatura ma per il cinese rimarrà trasparente come se gli fosse passato di fianco il geometra panzuto e sudaticcio.

Dubito che i cinesi sperperino i loro quattrini per farsi inviare dalle loro coetanee foto sexy come avviene da noi

I cinesi non regalano la loro validazione gratis anche perchè è solo in Occidente che la bellezza femminile , in maniera incomprensibile, è assurta a massimo valore.
D’altronde quando si vede quanta importanza si dia in Occidente al sesso, quanto tempo, soldi ed energie si dedichino al “lodevole” obbiettivo di poter infilare il proprio membro in un buco, si puo’ tranquillamente sostenere che quelli strani siamo noi.

Inoltre il mercato sessuale è regolato dalle leggi di mercato: oggi le donne possono permettersi di essere assurdamente pretenziose (e andare a letto solo con i chad) solo ed unicamente perchè vivono in una situazione di abbondanza (di attenzioni e validazione) che gli è garantita proprio dagli zerbini.

Se gli si toglie loro l’abbondanza ecco che sono costrette e ridimensionarsi come peraltro fanno gli uomini che sognano Diletta Leotta e si devono accontentare di una normo-Concettina.

Le donne sono ben consapevoli di queste dinamiche ed infatti fanno branco fra loro e negano la soddisfazione sessuale facile agli uomini non chad tenendoli “affamati”e costringendoli a piegarsi alla loro volontà ( o meglio ai loro capricci).

Ugualmente gli zerbini dovrebbero razionare i rifornimenti narcisistici, di cui abitualmente inondano le donne, lasciandole insoddisfatte.

Se si è nel deserto e non si beve da 3 giorni anche la pipi’ del cammello diventa un nettare delizioso…

Nick
Nick
1 anno fa

Purtroppo ci sono cascato anche io.
Ho 55 anni, sono alto e di aspetto abbastanza gradevole, mi darei un voto tra 6,5 e 7, considerata l’età sto abbastanza bene fisicamente. Ho perso mia moglie 6 anni fa, l’amore della mia vita dopo 5 anni di sofferenze indicibili, siamo stati assieme 20 anni in cui ci siamo amanti alla follia, ma non è questo il punto. Dopo un anno e mezzo di vuoto in cui elaboro la perdita, mi ritrovo alla soglia dei 50 di nuovo sul mercato; pensate, io che ho dato il mio primo bacio nel 1980, quando bene o male un bel ragazzo si univa ad una bella ragazza e via via così nella scala, c’erano meno filtri!!!
Adesso mi ritrovo in un mondo in cui la libertà sessuale ed economica unitamente ai miglioramenti estetici e di loook, portano donne che primo consideravo cesse a mirare molto più in alto delle loro reali possibilità; per cui viviamo in un mercato “drogato” non governato da un vero dare ed avere; per non parlare della superficialità, i social hanno rovinato tutto, tutti credono di sapere tutto, ma in realtà è solo aumentata la possibilità di informazione ma la cultura è calata di tanto.
Ma veniamo al punto, ho conosciuto una donna di 6 anni meno di me, bella, brillante che conduce una vita libera da vincoli; mi affascina molto e mi sono invaghito di lei. Ha una figlia adolescente avuta da una relazione passata, vive in un’altra città, le piace andare a ballare tutte le volte che può; inizialmente non avevo capito ma poi ci sono arrivato che lei mirava molto all’aspetto economico ed al fatto che per qualsiasi cosa pagavo io, ecco lo zerbino, mi sono chinato al suo volere a fare tutto quello che lei proponeva, fino ad accettare un rapporto a distanza per vederci una volta al mese. Alla fine dopo tutti i discorsi sulla mia intelligenza e galanteria lei dice che non è attratta da me fisicamente, a lei piacciono più giovani e palestrati, (grazie al c…o anche a me piace la Leotta), e mi propone la friendzone. A questo punto ho avuto la forza (perché lei mi piace tantissimo) di staccare definitivamente ogni contatto, la mia età matura me lo ha imposto.
Adesso lei frequenta il belloccio di turno di 35 anni (lei ne ha 48) che se la pomperà fin che dura… ma dico io uno di 35 anni ha bisogno di una di 48 per scopare? Anche se una bella donna? io alla sua età avevo una bella moglie di 7 anni meno di me… proprio non capisco…se gli uomini fanno così allora è finita per noi, le donne ci comanderanno a bacchetta, che brutta fine. Ma i sentimenti? Sono scomparsi non se na parla più!!! Sono sorpassati, l’importante è apparire sui social.
Grazie a chi legge fino in fondo.

DiPassaggio
DiPassaggio
1 anno fa

Non sono d’accordo sul fatto che le donne se ne fregano dei mgtow. YouTube è pieno di video di donne che attacano questa filosofia. Lo fanno con il loro solito metodo: la denigrazione.
se sei mgtow sei sfigato
se non mi paghi la cena sei un pezzente
se non ti batti per me sei un perdente
se non mi sbavi dietro sei frocio

sempre la stessa storia riciclata da secoli, attaccano l’ego perché è l’unico punto dove posso trovare una leva abbastanza forte per portare l’uomo a cambiare atteggiamento.

Mark Moretti
Mark Moretti
1 anno fa

Per la prima volta non sono d’accordo con te. Ogni italiano che ha viaggiato per il mondo e vissuto in altri paesi si è reso conto come le italiane siano fra le più pretenziose al mondo.

Ora, per semplicità eviterò di citare i paesi più poveri dell’Italia come la Russia, il Sud America.

Limitiamoci a quelli che stanno meglio, esempio Regno Unito, Australia etc.

Ebbene, e lo confermo anche io, gran parte degli italiani che hanno vissuto o fatto ferie lì hanno potuto riscontrare un più facile accesso al sesso rispetto all’Italia.

Certo, sempre ipogamando. E magari si facevano qualche scopatina mediocre, ma le tipe non li avrebbero considerati per qualcosa di serio.

Ma in Italia ho visto scene dove i 7 venivano scartati dalle 5.5 (giuro!!!), la pretenziosità femminile è elevatissima. Quindi i simp a livello massivo impattano eccome sul mercato sessuale.

E’ un semplice discorso di domanda e offerta: più la domanda è alta, più si alza il valore dell’offerta.

In Italia, una donna è corteggiata praticamente h24 e vi assicuro che ha un’immagine di sè molto più alta dell’inglese o della tedesca media.

Il Monsignore
Il Monsignore
1 anno fa

Il punto è che se TUTTI smettessero di zerbinare, dai SIMP a chi è usato come Beta Provider, tutte le donne avrebbero un calo di autostima.

Questo non significa che le donne smetterebbero di ipergamare, ma lo farebbero partendo da uno scalino più basso, smettendo di rifiutare dei 6 quando loro sono delle 5.

Ovvio che i più belli saranno ancora i più desiderati, ma quantomeno la sproporzione dovuta all’ipergamia si limerebbe. Se ipergamare è istintivo, l’alta autostima non lo è. L’alta autostima ti fa sentire una 7 quando in realtà sei una 5. Se il mondo non ti caga tranne che per svuotarsi le palle, ma il vero interesse lo dimostra chi va dal 6 in giù, allora forse le donne capirebbero che si stanno sopravvalutando.

Credo si tratti di una semplice regolina del mercato: la domanda è altissima, la quantità dell’offerta è bassa (ipergamamento + alta autostima), si alza il prezzo, ovvero chi si può permettere quel bene.

La cosa strana è che la quantità dell’offerta è bassa per scelta delle donne. La quantità sarebbe sufficiente, ma la tengono chiusa in un magazzino e la distribuiscono a chi vogliono loro. Se crolla la domanda, allora per campare saranno costrette ad ampliare la platea. Oppure possono continuare a scopare i chad facendo a turno, ma certo questo non potrà riguardare relazioni stabili.

Allora dovremmo parlare di 2 mercati: uno per scopare e uno per le relazioni a lungo termine.

Le donne possono rivolgersi anche solo al mercato della scopata, ma per breve tempo: in cuor loro ognuna sogna di sistemarsi, con o senza bebè. Per molti esseri umani la solitudine è insopportabile e invecchiari soli è un dramma.

I MGTOW di cui faccio parte (non con le caratteristiche dette da Red), non sono fuori da questo mercato, ma da quello delle relazioni stabili.

I SIMP e gli zerbinatori in generale potranno non avere influenza alcuna, o comunque minima, nel mercato del sesso libero, ma in quello delle relazioni stabili si. In poche parole, anticiperemmo di qualche anno ciò che avviene naturalmente con l’età, quando le donne abbassano le pretese.

Oltre a questo, i SIMP (nello specifico, i maschi che concordano in tutto e per tutto con le donne nella speranza di scoparle), creano un danno immenso rafforzando le convinzioni di certe donne, oltre che l’autostima.

I chad, infine, non hanno colpe: si giostrano alla grande in entrambe i mercati. Magari ipogameranno molto, ma mai in una relazione stabile (o comunque molto meno).

Insomma, i SIMP non sono affatto irrilevanti, anche perchè non è affatto detto che abbiano un basso livello di LMS (fra l’altro).

Boucaneer
Boucaneer
1 anno fa

Un paio di rispettose critiche:

“L’equilibrio di mercato non è certo rotto dagli zerbini, è completamente distrutto dagli uomini di altissimo valore che se la godono a più non posso scopandosi quante più donne possibili, sottraendole senza pietà a uomini di livello inferiore che sono così costretti a competere per le briciole fino ad umiliarsi”.

Non è la prima volta che tra articoli e (soprattutto) commenti noto una specie di bolscevismo LMS, dove coloro i quali godono di livelli LMS elevati vengono tra (le righe ma non solo) colpevolizzati di essere la vera e unica causa dell’infelicità di molti. Un po’ come i nobili della Francia del ‘700 o della Russia di fine ‘800-inizi ‘900 erano la causa della fame e della miseria del popolino.
Questo secondo il pericoloso assunto che:
-non è colpa dei SIMP, degli zerbini, dei beta-gamma o che dir si voglia perchè “irrilevanti” per il mercato femminile (da qui mi collegherò poi per il secondo punto);
-non è colpa delle donne perchè BIOLOGICAMENTE strutturate così;
—-> ergo è soltanto colpa degli alpha males con LMS elevati. Che gli alpha males godano della loro fortuna (e anche merito, poichè comunque un bel faccino col fisico obeso fa comunque schifo, pertanto tenersi in forma è condizione necessaria (anche se non sufficiente)… e così la ricchezza e lo status… puoi erditarli, ma poi tenerli e/o accrescerli è questione di merito) è fuori di discussione. Però che siano loro il male assoluto no. Attenzione che così si fa il gioco delle femministe, mettere gli uomini gli uni contro gli altri. Dare contro agli LMS elevati non migliora la condizione di chi sta in basso… gaurdate cosa è succsso a livello economico-sociale in tutte le società comuniste: sono diventate ancor più ultracapitaliste.
E poi diciamocelo: qualsiasi incel se diventasse un chad per magia come si comporterebbe? Dividerebbe le conquiste femminili con gli (ex) incel-compagni? (Magari qualcuno lo farebbe anche, ma le donne ahimè non sono oggetti inanimati e potrebbero anche rifiutarsi di essere condivise col resto della Red-Incel-Army).

“Solo chi ha potere sessuale ha un impatto sulla società e sul mercato delle relazioni”.
+
“In tutto ciò il SIMP non ha alcun ruolo attivo. Si comporta in maniera remissiva, accondiscendente e servizievole semplicemente perché non ha un valore di mercato abbastanza elevato”.

Vero che i SIMP agli occhi delle donne non valgono un cazzo. Però tanti “non valgono un cazzo” sommati tra loro fanno comunque massa critica.
E una massa critica anche solo idealmente schierata con le deresponsabilizzate, non fa altro che creare una sorta di “calore sociale” dove esse si sentono comunque “giustificate e protette”.
Invece le donne danno il meglio di sè quando l’acqua tocca il culo, ossia quando sentono che il terreno sotto ai loro piedi non è poi così stabile (ossia quando provano anche per un solo momento cosa significhi essere uomo).
E poi il mercato sessuale maschile mica si divide tra INCEL e CHAD… C’è tutta una vasta gamma di vie di mezzo (pseudo-incel, normies, quasi-chad) che però è destinata ad essere declassata nel calderone incel qualora:
-i SIMP (che presi singolarmente valgono come il due di coppe quando la briscola è danari, ma in gruppo fanno segnare almeno il punto “quantità di carte” come nella scopa) con la loro incessante attività zerbina pompano ossigeno al senso di sicurezza&stabilità dell’ego femminile;
-si diffondono idee sbagliate tipo che l’automiglioramento non solo non migliora la situazione, ma addirittura peggiora. Ma scusate, ora sinceramente, un normie con la panzetta, i capelli sgaruffati, i vestiti del mercato e gli occhialoni 3d è praticamente un incel. Lo stesso normie col fisico atletico, un taglio di capelli un po’ più fashion e vestiti un po’ più ricercati ha già diverse probabilità in più. Dai di cosa stiamo parlando?
Ovvio che se poi lo paragoni al chad questo diventerà quasi invisibile agli occhi delle donne. Però qualcosa raccatterà, dai…
Anche noi ragioniamo così a parti invertite: Jennifer la bella dell’oratorio di paese paragonata alle strafighe che incontrerete a Copacabana diventerà uno sbiadito ricordo di un’infatuazione adolescenziale. Ciò nonostante Jennifer resta comunque scopabile, poichè “sbiadisce” di fronte alle cariocas, ma non per questo “imbruttisce”.
Se si “imbruttisce” è perchè… (coro di voci di bambini) another CRASH on the WALL!!

Quasimodo68
Quasimodo68
1 anno fa

Forse si dovrebbe partire da un principio diverso e cioè come posso io essere felice?
Visto che non essendo un chad posso sciegliere tra zerbinare inutilmente o uscire da un mercato che mi vede perdente la strada del mgtow non è ne una rivincita ne la speranza che io possa cambmercati regole del mercato …solo cerco altrove la mia felicità e realizzazione

Freeman
Freeman
1 anno fa

Il problema è che molti simp hanno MS abbastanza elevati da accedere al mercato sessuale, contribuendo a rendere le donne più pretenziose sui parametri MS. A questo fenomeno imputo, almeno in parte, le differenze geografiche nella pretenziosità femminile

Andy
Andy
1 anno fa

Al di là dell’impatto che può avere sul mercato sessuale l’essere simp/zerbini o meno, io personalmente ho pagato cara questa cosa sulla mia pelle in anni “bui” in cui pensavo che la disponibilità, la comprensione e l’educazione verso il “gentil” sesso venissero riconosciute e premiate. Ho incamerato solo svalutazioni e prese per il culo che hanno minato fortemente la mia autostima.
Da qualche anno a questa parte ho cambiato rotta e non elargisco più complimenti, favori, attenzioni e quant’altro.
Le donne necessitano continuamente di egoboost e di paggetti al loro seguito? Bene, si rivolgano pure ai chad cafoni e tamarri (magari anche un po’ delinquenti).

Mark Jenkins
Mark Jenkins
1 anno fa

Si, si, sono d’accordo in linea generale… e tuttavia un certo “effetto-zerbino” secondo me sussiste, e va a privilegiare proprio la parte di donne meno belle, meno giovani, meno piacenti, più vecchie. Le convince che anche loro potrebbero farsi il superChad, che ne avrebbero diritto, che se lo meriterebbero.

L’ideologia zerbina si giova ovviamente del fatto che nella società attuale è facilissimo far circolare delle non-verità. Tipo dire che una ultra-obesa è bellissima. E determina un clima sociale.

Comunque sono d’accordo che abbia un basso effetto sul mercato sessuale.

Mercurio
Mercurio
1 anno fa

Essere zerbini è drammatico: equivale ad un’autentica schiavitù, anzi peggio; si basa sulla pura illusione alla base di uno sfruttamento istintivo, quindi peggio che colposo. Se penso alle amiche che da ragzzo mi hanno abbracciato, preso per mano, detto cose belle, usato come confidente e amico leale, salvo poi trovarle in mano al più viscido ruffiano o peggio a qualche bullo fattone, mi viene da vomitare. Per fortuna verso i vent’anni ho capito: se li devono risolvere da sole i problemi, la compagnia sfigata non ero più io, e a 21 anni infatti è arrivata la prima storia. Con chi? Una sconosciuta ad un capodanno. La sveglia di tutta una vita. Un abbraccio a tutti

Alex Le Large
Alex Le Large
1 anno fa

Tutto perfetto, ma va fatto un appunto sulla filosofia mgtow.

Il fatto che sia spesso una condizione forzata non significa che sia una strada da non prendere, anzi, è per l’appunto l’unica strada sensata se non hai abbastanza da offrire al mercato. In generale poi non si boicotta proprio nulla (proprio perchè sono loro a boicottarti dal principio) , semplicemente si recide ogni rapporto inutile e/o non redditizio per se stessi, un pò come sta facendo la Russia con l’Occidente, tanto comunque non servirebbe a nulla andare avanti.

Ciò lo reputo sempre e comunque un atteggiamento molto più dignitoso del simp di basso livello, a cui francamente non saprei cosa dire per non rovinare la sua residua speranza in un futuro migliore che nella stragrande maggioranza dei casi non ci sarà.

Molto infidi sono invece i simp di alto livello, che spesso si prodigano in un cavalierato bianco per scacciare il maschio “inferiore” con atteggiamenti di bullismo.

Last edited 1 anno fa by Alex Le Large
Lorenzo
Lorenzo
1 anno fa

Conosco bene la Svezia. Un fatto poco noto è che le prime posizioni nelle classifiche delle nazionalità straniere scelte dalle donne svedesi per sposarsi sono occupate da arabi o neri (generalmente musulmani) mentre al primo posto come mogli straniere per gli uomini svedesi figurano le gentili e sottomesse thailandesi.
Il femminismo ha ormai distrutto quasi tutti gli uomini svedesi, quindi le svedesi cercano maschi veri per fare figli (che poi manterrà lo Stato), mentre gli esangui scandinavi si rifugiano in unioni con geishe che si farebbero mettere i piedi in testa anche da un puffo minorenne.
Farsi una svedesina da 9 essendo un 4– (approfittando che è ubriaca marcia e quindi incapace di discernere) è una possibilità concreta, ma si paga cara. Quella lì, il giorno dopo (ma anche a distanza di anni), può decidere che è stato uno stupro e farti arrestare, o venirti a cercare se scopre di essere incinta per farsi mantenere il bastardino (senza neanche pensare di sposarti, naturalmente: da sobria non te la darà mai). Se decidete di giocare a quel gioco pericoloso, non lasciate indizi tramite i quali le ubriacone promiscue possano rintracciarvi.
Se pure è vero che le carceri nordiche sono praticamente hotel a 5 stelle, è piuttosto seccante finirci dentro – per la compagnia di arabi e neri chaddissimi che godono a umiliare e far soffrire un bianco.
Consiglio spassionato: le donne svedesi evitatele a meno che non siano in Italia, a caccia del maschio italiano. Già solo quello è segno di non comune intelligenza per una donna, tanto più svedese: cercare un uomo passabilmente maschile schifando i compatrioti effeminati, ma scegliere un europeo del sud, con cui il (sempre probabile) divorzio non finisca in un orribile “incidente” su cui la polizia nordica si guarderà bene dall’indagare “per non alimentare razzismo e islamofobia”.

Enrico
Enrico
1 anno fa

Il problema è che lo zerbinismo o il comportamento da simp fa parte del Dna del maschio italiano medio, cosa che invece non si trova in altre culture maschili, per esempio del nord Europa o anglosassoni.
In Italia una qualsiasi ragazza appena carina, avrà la massa di zerbini che faranno la fila per scarrozzarla a destra e manca, oppure offrigli un cena o fargli regali su regali, per non parlare delle più svariate commesse fatte al suo posto.
Questo avviene anche all’estero ovviamente, ma la differenza è che all’estero un ragazzo corteggia una ragazza perché se la vuole portare a letto, quando vede che lei non ci sta, semplicemente la molla, oppure quando arriva al secondo o terzo rifiuto di lei, semplicemente la manda a quel paese, se non altro per salvare la faccia e non essere etichettato come un simp dai suoi amici e dalle altre ragazze, visto che il simp nel mondo anglosassone è un vero e proprio paria, basta vedere tutti i meme su internet.
In Italia invece dove c’è questa idealizzazione della donna anche per via di una nostra certa letteratura o poesia; alla fine nella mente degli zerbini (che sono comunque degli sfigati) non c’è neanche più l’obiettivo primario di portarsi a letto la ragazza che zerbinano, ma l’istinto sessuale lascia il posto al fatto che se già passano del tempo con lei sono contenti…
Oppure al fatto che visto che sono degli sfigati insicuri, farsi vedere in giro con una ragazza per loro è una gratifica sociale, visto che sappiamo tutti, quanto in Italia conti più l’apparire che l’essere, del resto quanti sfigati conoscete che si vantano di essere amici di una bella gnocca, quando poi al massimo la salutano oppure fanno a gara a zerbinarla?
Io ne conosco molti.

Frangar
Frangar
1 anno fa

É vero che alle donne non gliene puó fregare di meno dei MGTOW e anzi sono pure contente se si levano da davanti alle palle così non gli danno più fastidio con la loro presenza.

Però quale altra strada ci rimane se non quella dei MGTOW? É quasi un percorso obbligato quello di abbandonare un gioco in cui si hanno zero probabilità di vincere.

Imperativo é non zerbinare e non wagecuccare, vivere ai margini di una società ginocentrica che ci disprezza e pensare solo ai cazzi nostri fregandosene di tutto e di tutti.

Antipocrita
Antipocrita
1 anno fa

Sacrosante parole.
Anche io per anni ho creduto che la mia opinione e presenza contasse. Poi sono giunto alla conclusione che, in ogni ambito, se non hai “peso” sul mercato e potere contrattuale l’unica cosa che ti rimane da fare è non perdere tempo e dedicarti ad altro.

La strada MGTOW va proprio in questa direzione anche se è stupido pensare che facendo così si cambi anche di una virgola il mercato delle relazioni attuale.

Infatti l’MGTOW medio al massimo cambia qualcosa, ossia si fa la sua scopata trimestrale, quando mette sul mercato moneta sonante e va con una escort. Allora fa pesare i suoi soldi. Per il resto del tempo può stizzirsi e fare l’altezzoso quanto vuole tanto è brutto e nessuno gli da corda.

Manuel
Manuel
1 anno fa

Se immaginiamo un mondo composto solo da donne con un elevato valore di mercato, l’articolo non fa una grinza, ovvio.
Ma se vediamo in giro, per le strade delle nostre città, ci accorgiamo che il 90% delle coppie sono di una modestia sconcertante. La maggioranza dei partner delle donne vanno dal normaloide al cessetto ambulante.
Perché in questo discorso manca un elemento fondamentale: le donne non riescono a stare da sole neanche per due settimane e sono spesso realiste.
Per il gentil sesso, una condizione di vita come quella dei Mgtow, per esempio, non può esistere. Una donna da sola, soprattutto in un paese come l’Italia, non ha una propria identità ben definita, rimane una persona incompleta.
Perché la donna è un’ animale sociale molto più dell’uomo e vive anche nella competizione con altre donne. È vero che ogni essere femminile sogna l’uomo con il maggior valore di mercato, ma quante donne single conoscete? Anche le peggio cesse, almeno che non siano casi umani, non passano mai troppo tempo sole fra una relazione e l’altra perché considerano la condizione di single come una situazione degradante e socialmente inaccettabile. E visto lo zerbinismo degli uomini hanno sempre la possibilità di trovare un partner 10 volte più velocemente di quanto possa succedere ad un uomo. Nel frattempo che stanno insieme con uno, pure se nerd, come molte mi dicono ” gli scatta l’ormone” e si affezionano al mediocre di turno e, nel frattempo che aspettano il principe azzurro, si fidanzano, si sposano…
casomai i problemi arrivano dopo, fra corna, divorzi, disastri economici… perché il fatto che una donna decida di ” sistemarsi” non significa di certo sempre che ami l’uomo con cui si mette, anzi…
Quindi direi che il ” Simp” non abbia proprio un impatto zero sul mercato e nel 90% dei casi alla fine si ” accasa” pure lui in qualche modo, almeno una volta nella vita. Poi che la sua vita sentimentale e sessuale sia spesso molto insoddisfacente è un’altro discorso…
Sicuramente un Simp da solo non farà mai la differenza, e l’impatto sul mercato è minimo, ma non nullo. E messi insieme, tanti Simp fanno una società.
Inoltre, essendo la cessagine femminile una patologia molto diffusa in questo paese, alle donne non tanto belle avere un pubblico di zerbini anche bruttini fa comodo eccome! Non perché gli interessino, ma per guadagnare punti con le rivali.
Quindi io credo che, se si prendono in considerazione solo le donne che piacciono a tutti o quanto meno quelle con un livello estetico dal 6,5-7 in su, indubbiamente il Simp non ha alcun impatto sul mercato sessuale.
Ma considerando che molti si accontentano di quelle con un fattore L estremamente basso, pur di stare con una donna, beh in tal caso anche i simp possono avere voce in capitolo e rendere più difficile ai più sfigati pure il trovare una cessa a pedali.

Urhen
Urhen
1 anno fa

Su questo articolo ci sono punti in cui sono d’accordo e altri no.
Sono d’accordo che la situazione attuale non è tutta colpa degli zerbini, anzi hanno pure il peso minore perché sono una conseguenza, ma il peso maggiore c’è l’hanno le donne che si fanno umiliare pur di andare con chad e i chad che lo buttano in mezzo a tutte facendo concorrenza sleale.
L’errore che, secondo me, c’è dietro questo articolo è il pensare che i zerbini hanno nel mercato attuale valore 0 perché hanno nulla da offrire. Io penso, come ho detto in un mio articolo, che le donne cercano il sesso dal belloccio, ma le attenzioni dall’uomo medio e quindi lo zerbino non è attraente (cioè nel mercato ha peso zero) perché praticamente regala l’unica moneta che ha disposizione.
Ovviamente si parla di una moneta modesta, quindi il ritiro in massa di questa moneta regalata farebbe diminuire leggermente il valore delle donne e quindi per l’uomo medio la situazione migliorerebbe un pochino.
Ricollegandomi all’esempio di Dolce e Gabbana, è vero che il pezzente che dice che non comprerà più la loro roba non ha un peso immediato e diretto, ma c’è l’ha indiretto, nel senso che il riccone che ha un peso diretto sul mercato di D&G compra la loro roba per ricalcare la sua posizione rispetto al pezzente, ma se il pezzente nel vedere un riccone con D&G non prova invidia ma compassione per quella persona, il riccone si rivolgerà altrove per far valere la sua posizione (ovviamente non è che il riccone agisce solo con lo scopo di far valere la sua posizione, ha altri obiettivi più importanti, però se questo scopo secondario viene meno gli brucia e se deve scegliere se spendere 100€ per una cosa di D&G che non gli fa raggiungere l’obiettivo o se spendere la stessa somma per una cosa di Armani che gli fa raggiungere l’obiettivo secondario sceglie la seconda opzione, per le donne è la stessa cosa).

Last edited 1 anno fa by Urhen
Qwerty
Qwerty
1 anno fa

Solo una precisazione: ci sono un sacco di mgtow che in effetti stanno bene senza legami o vita sessuale e a cui capita di rifiutare approcci di donne che non trovano attraenti. Quindi non è vero che mgtow è solo Di Caprio, il problema è che l’unica donna degna di tale nome considerata in questo blog è la figa giovane.

Raiden
Raiden
1 anno fa

In questo articolo si da per scontato che gli Mgtow vadano per “la loro strada” solo per fare un dispetto alle donne.
Non sono assolutamente d’accordo, c’è chi lo fa perché ha imparato anche a star bene con sé stesso (è un processo lungo e capisco che c’è chi non voglia o non vuole avere queste potenzialità), ha imparato a dare un prezzo ed un valore al proprio tempo e alle persone che si mette attorno e/o ha capito che la qualità media dei possibili partner è drasticamente calata fino ad arrivare alla mediocrità e quindi il “gioco non vale la candela” ed ha tantissime altre passioni a cui dedicarsi.

Unutente
Unutente
1 anno fa

Personalmente credo sia difficile stabilire cosa abbia peso o meno nelle dinamiche sociali. I rapporti tra gli essere umani funzionano un po’ come i mercati finanziari o come i singoli Stati: difficile stabilire quale singolo ingrediente possa decretarne successo o insuccesso.
Le donne sicuramente amano i complimenti, l’adulazione, le attenzioni, la presenza (tutte cose che farebbero piacere anche a noi uomini se le ricevessimo), tanto è vero che molte volte integrano una relazione con un belloccio anaffettivo, con finti rapporti con finti amici beta, di cui a loro non importa nulla, ma che sono utili a riempire le loro mancanze.
Una di mia conoscenza, ha passato anni frequentando un “amico” quasi ogni weekend poichè il suo fidanzato non c’era mai per i più svariati motivi, per cui la presenza degli zerbini ha un certo peso.
Una causa del crollo dei sani rapporti uomo – donna, la faccio ricadere sulla scomparsa di una sana identità maschile. Ormai c’è una marea di smidollati, di castrati, di femministi, di uomini senza dignità da essere sconcertante.
Per quanto riguarda il muro raggiunto a 30 anni dalle donne, ad esempio anche io ho sostenuto che donne di 40 – 50 anni hanno la fila.
È vero che perdono molto potere contrattuale per quanto riguarda le storie serie con gli uomini di valore, tuttavia, sul sito, spesso si è parlato di questo muro, come di qualcosa di netto, come se una donna arrivata a 30 anni si trasformasse magicamente in un essere invisibile o buona solo per un’avventura, ma non è così.
Complici molti fattori, io ho visto donne di 30/35 anni essere molto ambite, fortuna loro.

stef
stef
1 anno fa

STORIA VERA DA MANUALE REDPILL
Cercherò di stare generico per non invadere la privacy altrui ma leggete quello che sto per dire perché ne vale veramente la pena.
Contesto: il tubo
Soggetto protagonista: bella ragazza giovane che fa video di rilassamento con medio livello di successo e alterna “finte coccole a distanza” con trattati sulla sua profondità interiore, la sua vena artistica e umanistica, la sua intelligenza, la sua delicatezza d’animo, su quanto è rispettosa, sensibile e caritatevole verso il prossimo..insomma avete capito, e (volutamente per allargare la platea di adepti) si professa sola, alla fine di una storia, una che deve riflettere. Una che a voglia di stare al centro dell’attenzione e fa certe cose solo per amore, quindi attualmente galleggia nella solitudine costruttiva (perchè fa audience). Sensibile, dolce etc, aggiungo anche figlia di papà a cui nessuno ha mai veramente insegnato il rispetto.
Soggetti non protagonisti: una platea di SIMP che mettono i commenti in coda al video, partono da semplici messaggi di apprezzamento, ottengono cuoricini come risposta e progressivamente diventano sempre più “dipendenti”, “innamorati” e “partecipi”. Parlo di commenti chilometrici che osannano qualsiasi cosa di lei, che ostentano romanticismi improbabili, che esaltano le sensazioni che la protagonista fa provare, che cercano disperatamente di affiancarsi professandosi persone profonde e intime, spiriti affini e passioni comuni, che fanno regali. E lei gli da corda, allunga i commenti in risposta, quello che basta per tenerli li, ma sempre a distanza.
Arriva l’estate, la protagonista che nel frattempo si pone come la santa di turno in cerca di se stessa nella solitudine se ne va dalla casa di mamma e papà per questioni di impegni..va in altra città, in altra casa.
Giorni 3, ripeto..giorni 3 non 30, dopo che ha fatto sapere ai suoi fans di essere nella nuova location esce nuovo video di rilassamento serale. Luci soffuse, lei molto sensuale in pantaloncini e canottiera sul letto con sguardo ammiccante (diverso dalle altre volte) e fa le sue cose di rilassamento per i suoi adepti, come farebbe una fidanzata alla fine del ciclo. Io che seguo ogni tanto ma non commento mai mi accorgo che nella stanza con lei (volutamente tenuto nascosto al di qua della telecamera), c’è qualcuno, qualcuno a cui ammicca e sorride ogni tanto, che si fa sentire con piccoli rumori, risatine, frequenti interruzioni e riprese del video, allusioni etc. Una specie di giochino erotico con chi segue da casa ad essere preso per i fondelli per divertimento. Il tutto nell’assoluta segretezza verso il pubblico, per il quale lei è “sola” nella stanza.
Ma ecco l’apice:
1) Nessuno dei simp si accorge di niente e via di nuovi commenti chilometrici struggenti che ne esaltano le qualità interiori
2) Anche chi si è accorto (molto probabile), tace volutamente
3) Io (unico) faccio presente garbatamente ed educatamente dell’”uomo nella stanza” e dell’effetto poco “professionale” verso il pubblico. Risultato: commento cancellato dalla protagonista dopo 3 minuti dalla pubblicazione, tipo fuga da alcatraz, appena l’ha visto, e canale mio segnalato.
4) Il giorno dopo arrivano le risposte della protagonista ai commenti dei simp che continua inesorabile a prenderli in giro fingendo di apprezzare le loro doti umane e spirituali, le persone che sono in generale, ma nessun outing sulla realtà “accompagnata” dell’atteggiamento della sera precedente. Cose tipo “vi risponderò al più presto alle mail, ma purtroppo sono stata impegnata”
5) La protagonista, in un commento di risposta descrive ad un simp che cercava di capire il perché dello strano atteggiamento sensuale della sera precedente, come “Voluta ricerca per il pubblico di un atteggiamento estetico-emozionale” : ))))))
E via, si continua come se nulla fosse nel blue-pillamento più totale degli adepti, sulla storiella della sua solitudine costruttiva e nella presa in giro a fini ludici. Falsità e schifezza a livello di personalità non armonica. Ma quando è che queste xxxxx verranno punite come si deve? E quando è che i blue pillati si sveglieranno?
Confesso che avrei voluto metterla spalle al muro inondando il canale di insulti, più per amore della giustizia e pena verso certi poveretti che per altro.
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

Stef

Avvocato Mesto
Avvocato Mesto
1 anno fa

Ciao a tutti, seguo da un po’ ma è la prima volta che intervengo.
Penso che se intendiamo zerbino=”uno con zero chance che punta tutto sulla sudditanza”, allora siamo tutti d’accordo. Uno che per una ragazza è un “no secco” lo rimane pure se non se la calcola neanche il gatto.
Se con zerbino intendiamo colui il quale mette in pratica atti servili, a prescindere dalle sue possibilità di successo, allora il discorso è più complicato.
Se per una ragazza ci sono 2-3 zerbini con delle possibilità, è possibile che lei non la smolli a nessuno dei tre, per il semplice fatto di avere scelta. La scelta fa aumentare l’autostima e lei può prendere tempo o aspettare un altro di valore più alto. Se invece c’è 1 solo che le va dietro, è probabile che prima o poi lei ci stia, se costui era catalogato nei “forse”, a prescindere dal fatto che lui zerbini oppure no.

Stevenson
Stevenson
1 anno fa

Non sono del tutto d’accordo: conosco almeno due donne che – a causa dei numerosi simp – hanno deciso di divenire “profumiere professioniste”.
Queste, giunte alla soglia dei 50 anni (47-48 anni) – ma portati bene – rifiutano avance anche da uomini giovani e da dei veri 7,5.
Queste si indirizzano su vecchi, sub 6, e gliela fanno solamente annusare …
Hanno capito che, cosí facendo, mangiano a gratis tutti i giorni; … e non devono neanche fare la fatica di darla.
Queste due scroccone senza limiti dovrebbero cambiare stile di vita, se non vi fossero tutti questi simp!
Perlomeno, dovrebbero accasarsi con un 6,5 – 7,00, e – la canonica una volta a settimana – sarebbero costrette a dargliela …
Un numero esorbitante di “cavalier serventi” può divenire effettivamente un problema!

neropillato
neropillato
1 anno fa

Bellissimo articolo ma purtroppo la community non è al livello
Ormai bisogna superare la selezione estetica pure per simpare o essere cuccati

black wolf
black wolf
1 anno fa

Un MGTOW, a meno che non ragioni come un bambino dell’asilo, non sceglie questa via “per boicottare le donne”. Lo fa semplicemente perchè ha capito che lui sta meglio così, poi è innegabile che un uomo non particolarmente attraente è più “incentivato” a diventare MGTOW rispetto a un Chad. In ogni caso non sono così rari gli uomini bellocci o che comunque se volessero potrebbero avere donne senza sforzi eccessivi, che scelgono di diventare MGTOW.

Last edited 1 anno fa by black wolf
Antonio
Antonio
1 anno fa

Pagare OF ovviamente è simp… ma voi considerate simp anche chi segue una tipa su IG o FB? O il limite è mettere il cuoricino o scrivere “sei bellissima”?

Girarsi per guardare un culo è simpare? Guardare le tette della collega cessocaruccia?

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

In questo articolo i termini SIMP e zerbini vengono usati come sinonimi ma se non sbaglio il SIMP dovrebbe essere il dispensatore di complimenti virtuali (per esempio quando una tizia posta qualche foto per mettere in mostra la sua mercanzia) mentre fare lo zerbino non consiste soltanto nel fare complimenti e egoboostare ma anche dei veri e propri favori dal punto di vista pratico oppure fungere da sfogatoio di frustrazioni.

Batacchi
Batacchi
1 anno fa

Posto che i chad sono sempre esistiti, come mai fino a qualche generazione fa il fenomeno incel era assolutamente residuale mentre ultimamente si e’ diffuso notelvomente?

Forse i chad di allora si limitavano nelle loro conquiste per solidarieta’ verso i meno belli?
Non ci crede nessuno…

I chad non hanno mutato il loro comportamento.
A cambiare sono stati i non chad che, per una serie di fattori, sono diventati zerbini come mai lo erano stati in passato.

E le donne si sono adeguate.

Franco
Franco
1 anno fa

Concordo completamente. Tuttavia gli Alfa non dovrebbero fornicare..

Chicco
1 anno fa

Tu hai scritto:”sottrae tempo, denaro e energie senza dare nulla in cambio ”
Il dare è sbagliato, è “senza ricevere nulla in cambio “.
Comunque, è vero, essere simp non inficia sulla selettività delle donne.
Per esperienza ho visto zerbini di bell’aspetto scopare da Dio.
Ancora una volta conta il bel faccino, e poi c’è il famoso effetto alone.
Un bello che è zerbino e servizievole, il pensiero della donna è:”Che esempio di virtù…. oltre che bello è anche gentile, altruista e disponibile. ”
Se è un brutto a esserlo il pensiero è:”questo è uno sfigato che cerca di ottenere i miei favori strisciando ai miei piedi. Bleah…. che schifo!”

Paolo Laricchiuta
Paolo Laricchiuta
1 anno fa

X Redpillatore:
Sugli zerbini concordo tutto sul fatto che non sono la causa dell’ipergamia (mi piace la tua analisi), e concordo anche sul fatto che la donna divide gli uomini in animali da monta e animali da soma.
Non concordo assolutamente invece sullo stigma che gli MGTOW sarebbero degli sfigati.
A mio parere, posto che la teoria LMS ha il suo fondamento più rappresentativo nel grande, mitico e immenso Petrucciani la cui tomba è contigua a fianco di Chopin, che Petrucciani aveva schiere di donne al seguito e che doveva scacciarle con lo scacciamosche, che ha avuto anche un figlio certamente da lui concesso e non viceversa, ebbene non riesco a capire come si possa ridurre la scelta MGTOW a una scelta da sfigati.
Comprendo che solo chi ha sperimentato sulla propria pelle le conseguenze di leggi giuridiche inadeguate, vaga coi pensieri indietro nel tempo e spera inutilmente come un sognatore di annullare il giorno in cui disse si sull’altare.
Che tali sfortunati, apprese con ritardo le dovute informazioni, che avrebbero dovuto conoscere per evitare il disastro, sarebbero dopo disposti a farsi seghe a vita piuttosto che a vita riparare le conseguenze giuridiche della separazione (umane parentali, ed economiche https://aipgitalia.org/figura-genitoriale-paterna-e-danno-da-deprivazione/).
Ho riscontrato molte notizie di amici sull’alienazione parentale e i suoi effetti terrificanti sui figli.
Non a caso ne parla l’AIPG Italia dei danni sui figli per la deprivazione del padre.
Credo proprio che essere MGTOW è una condizione dell’anima e ognuno sa dentro di sé se è un vero MGTOW o se per lui MGTOW è solo un paravento.
Certamente è possibile che vi sia chi si dichiara MGTOW e lo sia solo di facciata, ma altrettanto certamente vi sono MGTOW che rappresentano una tipologia diversa di maschi che non può collocarsi ne fra quelli da monta e ne fra quelli da soma,
Credo si chiamino “Persone”.

Giacomo
Giacomo
1 anno fa

Sul concetto che i Simp/Zerbini non contino nulla sono d’ accordo. La sola cosa che non mi torna molto è che gli uomini di alto valore trombino indiscriminatamente con tutte, in particolare normo-bruttine : io tutti questi chad che si fanno le brutte non ne conosco e non ne vedo. Quelli che conosco sono per lo più accoppiati con pari estetiche da 7 in su, e che tradiscano le loro compagne con cesse o mezze cesse non ci credo, non ne vedo il senso. Io stesso, che chad non sono ma giusto LMS sopra la media, mai sono sceso sotto la soglia di decenza . Se vai con donne brutte, o comunque con le quali non ti piacerebbe farti vedere in giro, di fronte a quelle che realmente valgono la pena TI SVALUTI.

Red27
Red27
1 anno fa

Ciao Red, bell’articolo. Personalmente mi ci ritrovo molto nella parte finale, anche io per un periodo decisi di ignorare completamente le tipe, ma alla fine anche io realizzai che a loro non gliene frega niente, anzi forse sono più contente che un bruttino si leva dalle palle. Ora ho una domanda un pò assurda. In un articolo sulla prostituzione scrissi che le prostitute abbassano il valore delle donne che è già abbastanza alto, e che senza di loro potrebbero controllare gli uomini ancora di più di quello che già non fanno adesso, anche se però penso che se ad escort ci vanno solo gli uomini di basso valore, alla fine non credo che il valore di mercato delle donne scenda così tanto alla fine. Ma cosa succerebbe se invece ad escort ci andassero solo i chad , solo quel 10% della popolazione che detiene il monopolio della figa, e loro stessi ignorassero cominciassero anche a ignirare le donne non pay?

moverimmchessuccer
moverimmchessuccer
1 anno fa

Svedesi porelli…

Henri de Toulouse-Lautrec
Henri de Toulouse-Lautrec
1 anno fa

Anche gli MGTOW hanno impatto zero: sai quanto gliene frega alle donne se un sub 6.5 esce dal mercato: un po’ di fastidio in meno. (non ho mai visto un over 6.5 fare l’MGTOW, sì, ce ne sono che non vogliono impegnarsi, ma scopano)

Rapahel
Rapahel
1 anno fa

le nuove generazioni di maschi non corteggiano e non vogliono lavorare.

Pietecantropus
Pietecantropus
1 anno fa

Poiché il valore dello zerbino è zero, una donna in astinenza da mesi non ha alcun problema ad andare con lo zerbino…tanto poi lo manda a quel paese senza problemi, per evitare che lui si possa fare illusioni

Pietecantropus
Pietecantropus
1 anno fa

Ma se ti metterai insieme ad una modella.hawaiana, lo dirai qui sul blog o, per non “tradire” i tuoi seguaci, non lo confesserai mai?

Ano Nimo
Ano Nimo
1 anno fa

Ma il discorso ipergamia come si concilia con situazioni tipo questa? Cioè un ragazzo estremamente disabile, letteralmente storpio (senza offesa, ovviamente!) che si sposa una ragazza da 7 senza essere né ricco né potente né “figlio di”, né altro? Di esempi simili ce ne sono parecchi, pur non essendo la norma. Per esempio i ragazzi affetti da nanismo spesso hanno fidanzate di statura normale e senza alcuna disabilità, ne ho visto uno giusto qualche giorno fa.

Nei casi come questi che ho citato la storia della qualità della prole non regge perché figliando con un padre con una malattia genetica il rischio che i figli ereditino la condizione del padre è alta.

Le classiche eccezioni che confermano la regola o c’è qualcosa che mi sfugge?

Last edited 1 anno fa by Ano Nimo