Attrazione · Dinamiche Sociali

Uomini Narcisisti : ecco perché attraggono tanto le donne

Narciso di Caravaggio (1599)

Le donne sono attratte dagli uomini narcisisti?

Una donna su Facebook scrive:

Tinder: avevo avuto una brutta esperienza con quelli che prima ancora di vederti e di scoprire se ti puzza l’alito o ti scaccoli a tavola già si lanciano in sperticate frasi tipo “vorrei aspettarti a casa con la cena pronta e un abbraccio”….mai visti prima eh! Vabbè, mi sono ripetuta come un mantra “Sii aperta alla vita Ire” esco controvoglia a cena: potrei descrivere la serata davvero magica passata con questo tipo spagnolo ma che abita in Italia, separato con due figli che “alla nostra età sappiamo ormai cosa vogliamo dalla vita, siamo pronti a dare”. Ordiniamo e condividiamo i piatti scelti, buon vino, un contesto pazzesco nel patio di un palazzo antico. A metà cena mi prende le mani “i tuoi occhi brillano di una luce meravigliosa”. C’è una gran sintonia, non era colpa del vino, giuro raga! A fine cena scatta il bacio, mi piace il profumo della sua pelle, passeggiamo senza meta, tenendoci la mano e fermandoci a baciarci come non avessimo 40 ma 20 anni. Dopo mesi di buco nero sessuale, e visto soprattutto come era andata la serata lo faccio salire e….fuochi d’artificio!! Penso ‘commossa che finalmente uno normale non ci credo quasi (e faccio bene a non crederci!).
Continua a ripetermi quanto sono bella quanto gli piace il mio modo di pensare. Il giorno dopo mi scrive quanto si sentiva positivo, entusiasta, “carico” e poi? Poi niente si fa sfuggevole tipo tenere in mano un’anguilla vischiosa e sparisce….bipolare? Narcisista? O entrambe le cose.

Uomo Narcisista: Piace davvero?

Il web è pieno di testimonianze femminili come quella che avete appena letto. Il copione di queste storie è più o meno sempre lo stesso: la donna incontra un uomo che le piace, tutto sembra andare bene, lei inizia a fare progetti futuri, lui la scopa, e da un momento all’altro lei si trova scaricata e piange. A quel punto va a sfogare la sua frustrazione nei gruppi facebook, cercando solidarietà da altre donne. Il verdetto è unanime: lui è un narcisista (talvolta più semplicemente “un caso umano”).
Considerato quanto sono frequenti questi aneddoti, la domanda sorge spontanea: le donne sono davvero attratte dagli uomini narcisisti? L’autocompiacimento, il culto di sè stessi, la smania di essere sempre al centro dell’attenzione offrono davvero maggiori chances di successo?

In un vecchio articolo in cui discutevo sul perché i criminali attraggono così tanto le donne ho menzionato quella che in psicologia viene chiamata Triade Oscura, cioè una combinazione di tre tratti caratteriali che da diversi studi appaiono associati a un maggiore successo sessuale. Si tratta di machiavellismo, psicopatia e narcisismo.

C’è dunque un fondo di verità dietro all’attrazione per gli uomini narcisisti, ma la questione a mio parere è molto più complessa.
Per cominciare, le persone patologicamente narcisiste sono circa l’1% della popolazione [1]. Statisticamente è molto improbabile che le donne che si imbattono in certe disavventure incontrino sempre e solo narcisisti. Viene da pensare che l’etichetta di narcisista sia distribuita con un po’ troppa leggerezza.

La spiegazione più ovvia è a mio parere una sola: c’è una confusione tra causa e conseguenza. Mi spiego meglio.

Prendete un gruppo composto da un centinaio di uomini belli e di successo e un altro gruppo di uomini che invece sono all’opposto, brutti e reietti. Secondo voi in quale dei due gruppi si troverà la maggior percentuale di uomini che hanno tendenze narcisistiche?
Ovviamente nel primo gruppo. Sia perché il narcisismo richiede comunque una base di autostima, la quale si alimenta con il successo, sia perché la propensione ad esporsi, l’avere un’alta considerazione di sè stessi, il mettere la propria persona al centro di ogni cosa, l’avere smania di successo e di visibilità sono caratteristiche che facilitano il raggiungimento di obiettivi nella vita e quindi offrono maggiori probabilità di diventare dei vincenti. Le donne sono attratte dai vincenti, siano essi narcisisti oppure no.
Un uomo vincente ma non narcisista attrae comunque, un uomo narcisista ma perdente no.

Elliot Rodger

Elliot Rodger ad esempio era un narcisista da manuale. Su Youtube esibiva occhiali Gucci, abiti firmati e BMW; si definiva “gentiluomo supremo”, si lamentava di quanto fosse ingiusto che un ragazzo “magnificente” come lui non risultasse attraente. Nel suo ultimo video anticipò che finalmente il mondo avrebbe capito che in verità lui era un “essere superiore” e che in confronto agli altri finalmente sarebbe “diventato come Dio”. Eppure questa sua personalità narcisistica ultrapatologica non gli permise mai di infilare il pene in una vagina.


Talvolta il narcisismo può agire da effetto alone. Un uomo tutto sommato mediocre può risultare più attraente qualora esibisca tratti narcisistici, perché la donna inconsciamente associa quei tratti a uomini vincenti. Il dialogo interno al suo cervello dice qualcosa tipo “Quest’uomo ha un’alta considerazione di sè quindi deve avere un alto valore”. Però penso che questo bonus sia generalmente sopravvalutato. Credo che gli uomini che possiedono la Triade Oscura abbiano effettivamente percentuali di successo maggiori, ma sempre con donne del loro medesimo valore di mercato. Non esistono tratti di personalità in grado di farti competere ad armi pari con uomini che hanno un livello estetico e uno status socioeconomico maggiore del tuo, al massimo te la puoi giocare coi tuoi simili.

Spesso mostrare tratti narcisistici senza una solida base di valore è addirittura controproducente e rischia di trasfomarti in una macchietta.

Dove vivo anni fa c’era un tizio che era diventato fissato con la palestra. Si smazzava di allenamento e aveva persino cominciato a spararsi nelle vene sostanze non ben definite che gli avevano fatto diventare le braccia come due fusti dell’acqua. Ogni volta che incontrava dei ragazzi che conosceva si metteva in posa e mostrava i muscoli. “Guardate che grosso che sono”. Peccato però che fosse alto un metro e una banana, quindi tutto questo narcisismo ed esibizionismo lo facevano solamente apparire ridicolo. Tutti di fronte si complimentavano con lui, ma alle spalle lo deridevano. Con le donne funziona più o meno allo stesso modo: il narcisista alla Fabrizio Corona viene riempito di complimenti, il narcisista sfigato (combinazione improbabile) appare ancora più disadattato.

Troppe persone non capiscono che il sesso è una questione di equilibrio di poteri. Le donne hanno così tanti riscontri positivi dalla massa degli uomini che finiscono per sopravvalutare enormemente il loro potere contrattuale.
Accade quindi che si facciano portare a letto da uomini che spesso sono una o due caste sopra la loro senza rendersi neppure conto dello squilibrio di valore, magari perché lo stesso uomo, per oliare gli ingranaggi, lascia loro intendere che c’è una prospettiva di relazione (ciò accade prevalentemente quando l’uomo è di poco superiore di livello alla donna, mentre gli strafighi dall’8 in su possono tranquillamente dire alla tipa normaloide che la vogliono solo scopare e a lei va benissimo così). Quando poi il giorno dopo lui non le richiama ecco che subentra la frustrazione, la sensazione di essere state ingannate, il senso di colpa per averla sganciata così facilmente.
Non essendo però capaci di fare autocritica ed essendo invece abituate ad essere sempre deresponsabilizzate di tutto devono per forza di cose attribuire le cause dei loro fallimenti agli altri, cimentandosi in rocambolesche diagnosi psicologiche.
Ecco quindi che l’uomo che non si vuole legare diventa “un narcisista”, quando narcisista è solo un termine di comodo per definire colui che ha un valore superiore rispetto al loro e che proprio per questa ragione non ha alcuna intenzione di investire emotivamente nel rapporto, ma è interessato solo a farcire e sparire. Oppure un uomo che può anche decidere di dare inizio ad una relazione, ma solo a condizione di poter fare la parte del leone, sottomettendo psicologicamente la compagna e tenendosi aperte anche altre porte.
Narcisista è solo colui che le sta trattando esattamente come loro trattano l’80% degli uomini, cioè da ripiego, da strumento al servizio dei loro interessi.

Drizzate bene le antenne, ragazzi: quando la tipa che avete iniziato a frequentare piagnucola sul narcisismo degli uomini che ha avuto, avete con ogni probabilità di fronte a voi l’ex giocattolino erotico di qualche belloccio, una donna che si è sempre scelta uomini con un valore troppo alto rispetto al suo. Quasi di certo è psicologicamente fottuta.


Bibliografia

[1] Dhawan, Kunik, Oldham, & Coverdale, 2010

Subscribe
Notificami
guest

153 Commenti
Più votati
Più recenti Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
anonimo
anonimo
2 anni fa

Alle donne che si lamentano dell’uomo che se le scopa e scappa andrebbe detto “vai dallo psicoterapeuta! Evidentemente hai sbagliato qualcosa nell’atteggiamento o nel relazionarti con lui. Ecco perché è scappato. Non è scappato perché si è fatto i ca..i suoi, ma perché gli uomini certe cose le intuiscono, e si accorgono se c’è qualcosa che non va in una donna. Cura dunque la tua personalità. Cambia il tuo punto di vista, migliora te stessa, frequenta un corso di ballo, fai yoga, impara a suonare uno strumento musicale, vai a fare teatro, e, soprattutto, dedicati con tutta l’anima a qualcosa al fine di eccellere. La colpa non è dello str…o, la colpa è tua ché non hai nulla da offrire”.

Rendere pan per focaccia, insomma.

Alex Le Large
Alex Le Large
2 anni fa

Disamina di una precisione eccezionale. C’è un’artista che riassume in sè tutte queste dinamiche. Molti anni fa, celebrava il “narciso” con versi tipo sono la tua geisha, prendimi in giro, strapazzami come un uovo, eccetera. Curiosità, era fidanzata proprio con un belloccio iberico, ma tant’è.

Poi è passata alla fase misandrica: l’uomo meschino, che non sa decidere, che fa le corna, il maschilismo, la società patriarkale, ecc. Per sbarcare infine alla sorellanza femminista prima, e ad altra sponda del fiume poi, dove risiede felicemente (bontà sua) con tanto di prole da inseminazione artificiale, e di religione orientale motivazionale.

Questo quando va bene, perchè un’altra artista ancora più nota passò dal “minuetto” (fai quello che vuoi, tanto te la dò comunque) al “gli uomini non cambiano”, finendo poi preda di alcol e farmaci e successivamente a miglior vita.

E arriviamo al punto: le femministe spesso non sono altro che ex ipergamiche reduci da soggetti narcisisti, divenute narcisiste a loro volta prima, e con autostima crollata poi. Persone non risolte, che non hanno capito che più è alto il valore di riproduzione di un uomo, più questo tenderà a cercare altre donne per aumentare il suo areale riproduttivo.

Si dice “sciupafemmine” proprio per questo: le donne del narcisista finiscono sempre con la bottiglia in mano, deluse e ancora inebriate del suo alone alpha (che sia vero o presunto).

Il narcisista machiavellico (e non certo i falliti alla Elliott Rodger) è, alla fine, il vincitore della gara per la riproduzione. Alla fine della sua vita, avrà avuto più accoppiamenti di dieci comuni omini “acqua e sapone” sinceri e con il cuore in mano.

Il narcisista gode della fase ipergamica, l’omino sincero paga invece per il suo comportamento, subendo tutte le vessazioni del femminismo misandrico che segue all’ipergamia.

Perchè narcisismo, ipergamia e misandria sono fenomeni diversi ma inestricabilmente legati l’uno all’altro.

Le donne potranno anche volere la superiorità e più diritti (come disse una volta la tipa di cui sopra), ma alla fine preferiranno sempre chi le prende per il culo, in tutti i sensi.

Last edited 2 anni fa by Alex Le Large
Jokn
Jokn
2 anni fa

Il leitmotiv del “trovo solo narcisisti” e tutta la retorica vittimista che ne consegue è mostruosamente frequente. E la società fa di tutto perché le femmine non debbano mai rispondere delle loro scelte o riconsiderare l’opinione che hanno di sé (anche la più insicura esige solamente uomini al top, gli altri sono scenografia di contorno). L’ipocrisia, il doppiopesismo, i deliri che sono disposte a portare avanti pur di non mettere mai in discussione la loro pretenziosità fanno venire la nausea.
È in questo passaggio, a mio avviso, che è reso tutto chiaro: “Narcisista è solo colui che le sta trattando esattamente come loro trattano l’80% degli uomini, cioè da ripiego”

Il Male
Il Male
2 anni fa

Semplice, chiaro, diretto, semplicemente perfetto.
E aggiungo che è tutto vero.
Non ritengo di essere un narcisista, e pur senza mai abbandonarmi a complimenti e smancerie sono scomparso dopo la prima,seconda o massimo terza volta che le avevo viste e avute.
Perché’?
Presto detto, non le reputavo idonee al mio profilo (che è medio chiariamo, ma ho studiato, ho un discreto lavoro da impiegato, e non mi mantengo affatto male per la mia età).
Se queste commesse, shampiste o con lavori improbabili e con cultura nulla (alcune anche piuttosto carine) credevano che mi sarei impegnato con loro beh….problemi loro e dei loro limiti mentali.

Mahler
Mahler
2 anni fa

“Sia perché il narcisismo richiede comunque una base di autostima, la quale si alimenta con il successo”

Una precisazione: in realtà il narcisismo è una condizione di mancanza di autostima che porta a cercare spasmodicamente l’approvazione altrui nel tentativo di confermare il proprio valore. Dato che il narcisista ha grosse carenze di autostima, non è in grado di attribuirsi autonomamente valore e deve continuamente cercare validazione da chi non gliel’ha ancora fornita.

Questo bisogno maniacale può effettivamente portare a ottenere un autentico successo, sia in campo professionale che estetico, soprattutto nel caso di narcisisti di tipo overt.

Concordo sul fatto che oggi vada di moda lamentarsi del “seduttore narcisista”, e che statisticamente sia impossibile che questi narcisisti facciano così tante vittime! Comunque un effettivo narcisista patologico potrebbe perdere interesse dopo aver sedotto una donna perché, appunto, quella ha già offerto la validazione che aveva da offrire: per alimentare la propria precaria autostima il narcisista ha bisogno di nuove conferme.

Potrei sbagliarmi, ma credo che la mancanza di autostima del narcisista inneschi un circolo vizioso per cui la persona che ha fornito validazione viene inconsciamente screditata (“io non valgo niente, se lei mi desidera allora vale meno di me, quindi la sua approvazione è inutile”) portando al bisogno di cercare conferme altrove, ripetendo continuamente lo stesso comportamento.

Ben
Ben
2 anni fa

Mi ricordo anni fa di una ragazza abbastanza carina ma perfida che godeva nel fare soffrire i tanti uomini che strisciavano a suoi piedi come dei lombrichi. Poi lei per sua sfortuna si innammorò di un mio amico che però la prendeva a pesci in faccia, e ne rimase del tutto esterrefatta. Una volta sentii parte di un loro litigio dove lei sostanzialmente non si capacitava di come mai il mio amico non facesse lo zerbino nei suoi confronti a differenza dei suoi numerosi precedenti partners, per lei evidentemente era una cosa del tutto inconcepibile che, evidentemente per la prima volta in vita sua, qualcuno le aveva dato finalmente pan per focaccia.

Unutente
Unutente
2 anni fa

Articolo a mio avviso eccellente.
Sicuramente il vero narcisista patologico ha tratti specifici della personalità che lo rendono facilmente identificabile dagli psicologici, tra cui in realtà bassa autostima e l’incapacità di provare empatia.
Mentre le donne, spesso, come detto nell’articolo, per alimentare il solito leitmotiv della donna vittima e uomo carnefice tendono a dare l’etichetta di narcisista a uomini che semplicemente non sono interessati a loro, se non da un punto di vista sessuale.
La donna media in questione, vedendosi subissata di richieste, pensa: “piacere, piaccio finché mai, se questo tizio non vuole avere una relazione con me deve essere per forza malato!”, quando in realtà probabilmente ha a che fare con il solito cazzaro che gliene racconta di tutti i colori per trombarla e poi farsi i cavoli propri.
Mi viene in mente un’intervista a Selvaggia Lucarelli nella quale raccontò di essere stata vittima per anni di una narcisista patologico e che questi soggetti attaccano proprio le donne forti come lei.
Tutto come da copione.. secondo lei, lui malato e lei donna forte e indipendente, tutto pur di passare da vittima. E tutte le volte in cui nella vita si sarà comportata lei da stronza con chi magari non lo meritava? E questo narcisista, era Mimmo il pizzaiolo sotto casa o un uomo con status elevato?
Perché guarda caso questi “narcisisti” sono sempre o bellocci o con status socio economico importanti.

Martino90
Martino90
2 anni fa

Mi fa pensare a una situazione che vedo in una conoscente wallata (ha 37 anni) e…ha un lavoro in ufficio ma arrotonda in onlyfans perchè tra spese varie (tutto a rate) e acquisti idioti e viaggi ovunque manco con 3000 euro netti al mese ce la farebbe a stare davvero tranquilla …questa si è invaghita di un 31/32 enne (so che è del 90), uno che è circa un 7 , che lavora molto e che non ha legami fissi (aveva una 23-enne, ma appunto solo relazione di qualche mese). Ovvio che costui con questa mai farebbe legame fisso, in quanto lei è over 30, e quindi wallata, ed inoltre per il fatto che avere una così appresso sarebbe un debito rovinante (tanto lavori tanto spendi , quando va bene, se no accumuli una altra ratina e si rifinanzia nuovamente con l’ennesima finanziaria- e questa si lamenta che pure le finanziarie sono restie a darle altre “ratine”..ti credo… se sei contentissime ti ritieni furba e affarista per aver risparmiato 1300 euro perchè una borsetta invece di 3000 euro hai speso “solo” 1700 perche in sconto e di stipendio in ufficio a 1500 arrivi solo perchè trediciesima e premio produzione…mah e io che pensavo dia ver capito male e invece di 300 avesse spero 170…)…Questa mia conoscente è letteralmente partita di testa e lei attende ogni domenica notte che lui la chiami per “sfogarsi” e poi non contattarla lui la domenica successiva (lei non lo chiama per paura di …”perderlo se insiste troppo”); lei non lo contatta ma si fa dei film che lo vuole assolutamente (ha speso finora in queste vacanze di natale piu di 300 euro in riti magici on line tanto per dare l’idea dello spessore “mentale” della tipa), ed ora che lui sta via 2 settimane in ferie in una isola con i suoi (hanno una casa la e ci vanno a gennaio perchè periodo basso di turismo e anche periodo basso di lavoro per lui), lei davvero sembra sempre sul punto di sclerare perchè “lui mi completa, ci sto bene, è il mio tipo, non voglio mi dimentichi in ferie ” e altre amenità quando lui la usa come sborratoio di fine domenica (peraltro lei, facendo pratica su onlyfans, per necessità ha finito per sviluppare un minimo di “porcaggine” e non proseguo con altri particolari penosi…. vista la situazione sinceramente, è che non sono il tipo, mi verrebbe ogni tanto da gridarle “Wallata che sei, svegliati rimbambita, che fai pena a comportarti così!!!” Ovvio che costei prima o poi scoppierà e diventerà in automatico una incazzata accusatrice di narcisisti ovunque, diventerà femminista gattara o cagnara e prima magari farà la mistress on line su onlyfans sfogandosi su mdf……ma appunto se i presupposti “cerebrali” da parte di una donna sono questi (cioè assenza assoluta di esame di realtà, anzi costruzione di realtà alternativa a mo’ di fettone di prosciutto su occhi orecchie e naso) allora appunto poi, complice la deresponsabilizzazione imperante, per forza si va a finire in conclusioni come quelle dell’articolo di Red!

Last edited 2 anni fa by Martino90
Mark Jenkins
Mark Jenkins
2 anni fa

Giustissimo e chiaro. Le donne si immaginano tantissimi uomini narcisisti perchè sono interessate solo al 5% di uomini al top della scala estetico-sociale. Ovvero quellli che, avendo tutta la scelta che vogliono, non sono realmente disponibili a relazioni serie se lei non è una modella.

Trovo personalmente da incorniciare e ricordare la frase:

“Non esistono tratti di personalità in grado di farti competere ad armi pari con uomini che hanno un livello estetico e uno status socioeconomico maggiore del tuo”

MarcoC
MarcoC
2 anni fa

Tutto giusto quello che scrivi, e che si lega ad un aspetto di cui abbiamo parlato in passato a più riprese.

Un uomo nella media, se vuole fare sesso gratis, deve, più o meno esplicitamente, fare capire a lei che è interessato a una relazione. Non ci sono altre vie.
Anche perchè, se deve essere solo dello sfizio di una sera, perchè concedersi a un ragazzo qualunque e non a un manzo di prima categoria? E’ lo stesso ragionamento che faremmo noi uomini: avessimo la possibilità di fare sesso con chi vogliamo, chi sceglieremmo, la bruttina sul 5 coi suoi difettucci, o la 8 statuaria?
Quelle scene da film in cui il neoarrivato in azienda si scopa la collega carina dopo solo 24h che si conoscono, o in cui basta dire due sciocchezze seduti davanti a una tazza di caffè perchè lei sia sessualmente predisposta, sono scene da film appunto. Devi essere Brad Pitt in “Vi presento Joe Black” per fare quelle cose.
Ma come spiegato nell’articolo, uno bello come Brad Pitt può anche permettersi il lusso di essere sincero, tanto a fine giornata qualcuna che vuole infilarsi nel suo letto la trova. Spesso anche più di una.
Sono gli altri che sono costretti a essere ambigui se non vogliono morire vergini.

Last edited 2 anni fa by MarcoC
shaka
shaka
2 anni fa

Narcisismo ‘vero’ o presunto che sia, io non posso fare a meno di chiedermi ogni volta la stessa cosa: benedette creature, ma è possibile che vi facciate fregare così facilmente quando ci sono dei campanelli d’allarme che dovrebbero far drizzare le antenne a chiunque? Cioè, prendiamo l’esempio appena fatto: ‘Spagnolo di 40 anni divorziato con due figli conosciuto su Tinder’. Non era manco convinta ma poi si è fatta intortare da cena di classe e moine preconfezionate come una 18enne. Ci rendiamo conto? Siccome non è possibile che non siano in grado di accendere il cervello, l’unica soluzione possibile è che semplicemente non vogliano.

ExIlluso
ExIlluso
2 anni fa

Sparisce semplicemente chi ha alternative migliori. Spesso per scaricare il testosterone e assecondare la sua natura poligama, l’uomo ipogama. Le donne dovrebbero capire che l’ipergamata sará possibile solo a breve termine e con un “narcisista”.

Last edited 2 anni fa by ExIlluso
Grindelwald
Grindelwald
2 anni fa

Quando si viene, in un certo senso, ripagate con la stessa moneta brucia.
Allora per giustificarsi, giù di appellativi gratuiti e senza fondamento. Mai una volta che dicano “mi ha fregata, voleva solo botta&via, pace”.
Aldilà che, e mi spiace generalizzare, cosa ci si può aspettare da una che è su Tinder? Vale anche l’opposto per carità! Non dico di partire al 100% prevenuti/e, ma un buon 70% si!

Un mio caro amico, che ha sempre rimediato cessette/boiler/milf da sacchetto dell’umido sulla piattaforma, si vedeva con una che OGNI GIORNO prendeva un fallo diverso. E glielo diceva pure “no, guarda, oggi mi vedo con un altro, facciamo domani!”.
Allora sai, ci si adegua all’andazzo.

A proposito di “caso umano”, mi aggiunse fra i contatti (la buttai nel cesso in due o tre giorni) una mediocre cessetta, sia esteticamente e sia moralmente, convinta di essere una starletta che si atteggiava con toni da ‘badass’ perché nella sua zucca vuota era convinta di attirare qualche pene di livello superiore.
Ebbene, codesto gabinetto postava quasi ogni giorno screenshot di “casi umani”, con tanto di hashtag, che ebbero unicamente l’ardire di scriverle un semplice ‘ciao come va?’.

Quasimodo68
Quasimodo68
2 anni fa

Secondo me il problema è banale spinti dal testosterone e dal “dovere”imposto di rimorchiare magari un po offuscati dal alcol qualche sera finiamo per ipogamare un po troppo poi il giorno dopo ti vergogni e fai di tutto per troncare quella che lei crede una relazione
Successo più di una volta e non credo di essere affatto narcisista

Antonio
Antonio
2 anni fa

Un 4 narcisista fa pena e ribrezzo, scopa solo pay.

Un 8 narcisista è un gran figo che può picchiare donne e delinquere con serenità. Avrà sempre la fila di n.p.

corra
corra
2 anni fa

Dunque, io ho fondato anni fa un piccolo gruppo, che posso citare, su un famoso social: DIPENDENTI AFFETTIVI ( non ricavo niente, quindi non mi fa nè caldo nè freddo se si lascia la citazione) e dopo aver letto e parlato con decine di donne con relazioni problematiche perchè “lui è un narcisista” sono arrivato a qualche conclusione non definitiva ma frutto dell’attività sul campo:
1) alle donne piacciono quelli che si piacciono ( o dicono di piacersi tantissimo), quelli che hanno una opinione di se fantastica.
2) senza generalizzare, una donna carina, non valuta adeguato uno che non ha avuto una serie importante di relazioni e magari con qualche accavallate. ( Non importa se dette relazioni, abbiano lasciato uno strascico di dolore, anzi meglio)
3) Le situazioni che sentivo, assurde, pazzesche, tristi, almeno per come me le descrivevano loro, difficilmente finivano con la chiusura da parte di lei.

Antipocrita
Antipocrita
2 anni fa

Possiamo riassumere tutto con la solita frase “se sei bello… se sei brutto…”.

asso78
asso78
2 anni fa

bhe io stesso mi definisco narcisista perchè metto me stesso prima di tutto; non ho mai avuto problemi a mentire pur di scopare(ipogamando s’intende) il bello è che credono a qualsiasi cosa quando hai un valore piu elevato del loro……
le femmine bisogna mettersi in testa che sono esseri stupidi e tendenzialmente inutili,se non avessero quello che hanno fra le gambe(e il relativo potere) sarebbero come le api maschio per l’alveare,ossia solo un peso morto

Alex Le Large
Alex Le Large
2 anni fa

“Un uomo tutto sommato mediocre può risultare più attraente qualora esibisca tratti narcisistici, perché la donna inconsciamente associa quei tratti a uomini vincenti”
———————
E’ per questo che io a LMS aggiungerei sempre PAF (Perceived Alpha Factor, Fattore Alpha Percepito) e triade oscura. Questi ultimi due fattori possono influenzarsi a vicenda e contribuire ad aumentare S in modo notevole.

Non si spiegano altrimenti i tatuati lardosi con la Punto sempre pieni di sciampiste.

Last edited 2 anni fa by Alex Le Large
Alex Le Large
Alex Le Large
2 anni fa

Altro caso di narcisista di successo da triade oscura: il ginecologo delle Iene.

Davanti alle sue pazienti si mostrava asciutto, abbronzato, faceva bella mostra del suo status, delle sue pubblicazioni, del suo essere un “ricercatore anticonformista”, eccetera.

Ora è stato arrestato, ma il suo palmares in 40 anni di attività (fra dottorande, clienti direttamente sedotte dalla sua favella, ed altre orrendamente turlupinate con la scusa del papillomavirus oncogeno) rendono il suo narcisismo, da un punto di vista strettamente sessuale, assolutamente vincente.

Fa male dirlo, ma è così.

Signal
Signal
2 anni fa

Sono le tipe che sono solo ingenue, ma allo stesso tempo quelli sono scorretti, basterebbe dirlo subito che sono interessati solo al sesso.
Ne ho viste eccome di tipe che capivano immediatamente se uno voleva solo usarle e altre che si lamentavano costantemente perché non ci arrivano.
Inoltre una tipa potrebbe anche evitare sta cosa, cioè darla solo quando sono sicure dei sentimenti altrui

Anonimo
Anonimo
2 anni fa

“Molti anni fa dedicava alla figura del “narciso” versi passionali, tipo rendimi una geisha, prendimi, raccontami balle, strapazzami come un uovo, ecc.
Insomma, il prototipo, appunto, della donna che al narcisista cede come un rametto e rende anima e corpo, sempre che il narciso sia bello, s’intende (e nella realtà era proprio fidanzata con un belloccio iberico, ma tant’è).
Poi con gli anni è passata alla misandria classica da wallata: l’uomo meschino, l’uomo che non sa decidere, che fa le corna, la società maschilista, eccetera. Per finire poi al femminismo da sorellanza prima e da altra sponda poi, dove risiede felicemente (buon per lei) con tanto di prole da inseminazione artificiale e di religione orientale motivazionale.”

Penso di aver capito di chi parli…..e sono scoppiato a ridere ripensando alla sua imitazione fatta da Checco Zalone…..

Emanuele
Emanuele
2 anni fa

Perché le donne sono attratte dai narcisisti? Semplice, perché il narcisista ha un “io” spropositato e questo fa sentire sicure le donne.
I narcisisti trasmettono sicurezza di sé, alto testosterone e disprezzo delle regole; tutte cose che da millenni attirano l’universo femminile.
Infatti è risaputo che le ragazze detestino ed evitino i ragazzi con bassa autostima, formali, precisi, scontati (piace il misterioso).

Nicola
Nicola
2 anni fa

Conosco un narcisista (vero, da manuale) che a livello estetico é un uomo assolutamente nella media, eppure ha un successo, seppur con donne normali, assai superiore alla media. Concordo che alle donne piace la triade: l’ideazione grandiosa di sé e la manipolazione ingannano sia l’altro sesso che lo stesso proprio ottenendo rapidamente vantaggi materiali e vittorie sugli altri che a loro volta innalzano lo status…é un discorso complesso stabilire quale sia la causa e quale l’effetto: i fenomeni si influenzano ed amplificano a vicenda. C’è un “errore” sul finale: le donne sono tutte psicologicamente fottute.

Bastiarro
Bastiarro
2 anni fa

Beh c’è un modo abbastanza valido per discriminare il narcisista da quello che semplicemente è pieno di altre donne e sceglie di restare single. Il narcisista cerca di stabilire una relazione continua, della quale dopo qualche mese magari può stancarsi e interrompere, ma intanto la crea e tramite essa manipola il partner. Se ti scopa e ti abbandona il giorno dopo, le probabilità che sia un narcissita non sono molto alte.

Cippolippo
Cippolippo
2 anni fa

“I tuoi occhi brillano di una luce meravigliosa”. Se uno non belloccio dicesse una banalità del genere (come l’Italiano Medio che diceva i tuoi genitori hanno rubato due stelle eccetera) gli riderebbero in faccia. E poi come fa uno a dire una cretinata simile restando serio. Per citare Eco, una dichiarazione dovrebbe essere: “Come direbbe Liala, ti amo disperatamente”. (Ma anche quella sarebbe un’idiozia in bocca a un povero sfigato di insegnante, una genialata in bocca a un intellettuale ricco e famoso).

ShyGuy
ShyGuy
2 anni fa

Hanno voluto la libertà sessuale e la parità di genere? Adesso pedalare. 😉

Luna
Luna
2 anni fa

Quando una donna la dà, lo fa a sua rischio e pericolo,nessuno la costringe a fare sesso. Alle donne il sesso piace,solo che preferirebbero qualcosa in più ( non sempre però).

Il Marchese
Il Marchese
2 anni fa

Bell’articolo

Anonimo
Anonimo
2 anni fa

il narcisista alla Fabrizio Corona viene riempito di complimenti”
Il successo con le donne di Corona è indiscutibile.
Eppure esteticamente non mi sembra che rispecchi i canoni di bellezza classici.
Se dovessi analizzare il suo successo a quali fattori attribuiresti la maggior rilevanza?

mara
mara
2 anni fa

ma non dimentichiamo il “narcisista covert” con 0 autostima, e un po’ sfigatello che però fa tanta tenerezza. A questa tipologia manco interessa il sesso. Più incline all’autocommiserazione, al vittimismo e soggetto a svariate patologie fisiche. Alè! Per tutto il resto, per come la penso io, l’autoconsapevolezza dovrebbe essere insegnata nelle scuole, perchè come vedete poi i danni da tale mancanza, sono sotto gli occhi di tutti!

sfigato79
sfigato79
2 anni fa

Di tanto in tanto apro tinder e mi capita di riuscire a scoparmi qualche cesso se metto un minimo di impegno nella ricerca.
N.B: punto ai cessi perché alle donne non dedico neppure una cena. Non mi interessa. Sono sposato pertanto punto alla scopata facile cercando appositamente troie cesse piu vecchie di me di almeno 8/10 anni che la sbolognano facile perché pensano: “e quando mi ricapita”.
Ma veniamo a noi.
Mi hai aperto un mondo.
Sui profili tinder mi capita spesso veder scritto “no CASI UMANI” ma non sapevo sinceramente cosa significasse.
Ora lo so??????

Last edited 2 anni fa by sfigato79
NinoFrassicadeiBalcani
NinoFrassicadeiBalcani
2 anni fa

Purtroppo la tossicità e la sperequazione che ci sono nelle relazioni interpersonali/affettivo/sessuali tra uomo e donna in Italia,forse non ha pari.Immaginatevi una rumena in Romania che da del narcisista a uno incontrato su Tinder.O addirittura una tedesca.Potrebbe accadere,ma le probabilità sono basse.In questa penisola si osservano,si ascoltano e si leggono cose che voi umani…Ora va di moda il narcisista,chiaramente dal 7 in su,se dopo la copula scompare e non è assertivo/accomodante come la d vorrebbe.

Cutlass
Cutlass
2 anni fa

Ulisse va da Calipso e se la tromba, va da Circe e se la tromba, va da Nausicaa e se la tromba, poi torna a casa da Penelope ammazza i Porci che ci provano da 20 anni e poi se la tromba e poi non è che rimane da lei , ma riparte. Cosi Penelope rimane sola con il rammarico di non essersi fatta i Porci che poveretti avranno la stessa soddisfazione cioè niente che ebbe Arrichione di Figaleia, che vinse da morto!
La domanda: chi è narcisista, Penelope, Ulisse, o i Porci?

silvio
silvio
2 anni fa

Articoli sublimi

Anonimo
Anonimo
17 giorni fa

Impagnatiello, la relazione dello psichiatra: “Narciso patologico, controllore di due donne”
Adnkronos) – “Il narciso patologico, il manipolatore e l’astuto controllore di due esistenze femminili da tenere al guinzaglio con bugie e sotterfugi seriali è stato smascherato e ha dovuto improvvisamente decadere dal suo ruolo”. E’ in questo “crollo” che Giulia Tramontano, la donna della sua vita diventa “la nemica” e le 37 coltellate, che seguono lo smascheramento, sono l’atto “devastante e finale” del “risentimento” per chi portava in grembo Thiago. E’ in questo quadro che agisce Alessandro Impagnatiello secondo Raniero Rossetti, lo specialista in psichiatria incaricato dalla difesa dell’imputato, reo confesso, che parlerà nella prossima udienza del 10 giugno a Milano.  
Nella relazione di quindici pagine, depositata ieri alle parti, l’esperto tratteggia la personalità del 31enne con due sfaccettature: l’uomo che vive una relazione convenzionale con Giulia e il barman con forti ambizioni nel lavoro e “appagato” dall’altra donna (collega di lavoro) che lo desiderava e aspettava. L’imputato è logorato da “un forte stato di stress”, fa “uno sforzo enorme per tenere tutto sotto controllo, era un enorme castello di bugie, una specie di doppia vita”, spiega allo psichiatra in due colloqui in carcere. 
Ma la partita sulla “scacchiera” salta il 27 maggio del 2023 quando c’è l’incontro tra le due donne che lo fa sentire “sconfitto, umiliato per avere perso il controllo che durava da dieci mesi”. Il faccia a faccia determina “una tremenda ferita narcisistica all’imputato, non rimediabile né sanabile: ‘il mondo mi è crollato addosso’ ha continuato a ripetermi in seduta, e tale affermazione è assolutamente credibile” si legge nella consulenza.  
“Da maschio onnipotente con in pugno la quotidianità delle due, si è trovato improvvisamente a essere un maschio assolutamente fragile, in balia delle due, delle loro rivelazioni e infine da loro scoperto nelle sue bugie a raffica e nelle sue manipolazioni”. E il “risentimento” che prova lo direziona verso Giulia “percepita per l’appunto in modo patologico come la ‘colpevole’ di quanto accaduto. La sua è una “risposta paranoidea” dove la 30enne è la “donna cattiva fonte di tutti i miei mali” contro cui mettere in atto un “odio distruttivo”. 
In questo quadro per lo psichiatra Impagnatiello è “portatore di importanti nuclei patologici di tipo strutturale (narcisistici, ossessivi, paranoidei)” che lo portano a percepire Giulia non più lucidamente come la sua compagna di vita e la madre del figlio che sta per nascere, “quanto erroneamente (e patologicamente) come la ‘nemica’ che aveva minato e poi mandata a pezzi la sua quotidianità, pompata e gonfiata dall’attività lavorativa ‘immaginifica’ (in un noto bar del centro di Milano frequentato da vip, ndr), dalla relazione con l’altra e dal godimento narcisistico di essere in grado di gestire le due donne, l’una all’insaputa dell’altra”. 
In tal senso per l’esperto incaricato dalla difesa “l’evento omicidiario è stato sotteso da una percezione patologica della figura di Giulia da parte di Impagnatiello che ha inciso sulla sua capacità percettiva di tale evento compromettendone la corretta e fisologica lettura (il cosiddetto dato di realtà)”.  
————————————————————-
Inoltre questo qui gestiva due relazioni e in più aveva avuto un figlio da una precedente relazione, che lui spacciava come nipote anche coi colleghi:

Il collega di Alessandro Impagnatiello in aula: “Mentiva anche sul figlio, diceva che era il nipote”
Il collega di Alessandro Impagnatiello all’Armani Cafè di Milano ha ricostruito in aula i mesi precedenti all’omicidio di Giulia Tramontano. “Inventava problemi in famiglia e rubava, era un bugiardo. Ha preso in giro Giulia e l’altra donna, ma diceva che erano loro le pazze”
A cura di Francesca Del Boca

Continua il processo che vede al centro Alessandro Impagnatiello, barman di Senago (Milano) che lo scorso 27 maggio ha ucciso con 37 coltellate la compagna incinta Giulia Tramontano. Il 30enne deve rispondere di omicidio volontario aggravato da premeditazione, crudeltà, futili motivi, rapporto di convivenza, interruzione di gravidanza non consensuale e occultamento di cadavere: rischia l’ergastolo.

Il racconto del collega di Alessandro Impagnatiello
A testimoniare oggi, nell’aula della Corte d’Assise di Milano, è il collega di Alessandro Impagnatiello all’Armani Cafè in Montenapoleone, A.T. “Nel maggio 2023 ero sommelier all’Armani hotel, con Impagnatiello siamo stati assunti lo stesso giorno”, il suo racconto. “Lui era al bar io al ristorante, lavoravamo a stretto contatto”.

Fin da subito emergono le bugie dell’uomo, che ha un figlio da una precedente relazione. “In hotel era risaputo che Impagnatiello avesse un figlio e lo nascondesse a tutti, ce l’avevano detto alcuni suoi ex colleghi. Quando glielo chiedevamo, a più riprese, ha sempre negato. Addirittura, davanti alla foto che lo ritraeva con il bambino, diceva che era suo nipote”.

Ma non solo. “Aveva mentito anche su problemi in famiglia, dicendo che i suoi genitori erano molto malati per ottenere permessi e uscite anticipate sul lavoro. Agli ex colleghi del Four Seasons aveva dichiarato che il padre era in fin di vita per un tumore, a noi aveva detto la madre… poi rubava soldi e oggetti sia al ristorante che in cucina, metteva in difficoltà anche noi. Lo sapevano tutti”, continua. “Formalmente era supervisor al bar, il ruolo più importante dopo il manager. Avevamo coltelli molto costosi che custodivamo in cassaforte e che utilizzavamo solo per pochi tagli di carne: lui era l’unico ad averne l’accesso, li ha fatti ritrovare solo dopo le pressioni”.

L’altra donna sul posto di lavoro
È sul posto di lavoro che Alessandro Impagnatiello intreccia una relazione parallela con un’altra donna, A.. “Era palese che avessero una relazione: arrivavano e andavano via insieme, facevano tutte le pause insieme e si cercavano. Nelle due settimane precedenti all’omicidio era venuta da me e un altro collega e si era sfogata, stava male. Aveva deciso di allontanarsi da Impagnatiello anche sul lavoro: lui aveva invece un atteggiamento aggressivo, cercava di riportarla alla sua attenzione. Si sedeva a tavola in mensa e lui la tampinava per convincerla, poi la portava giù”.

E ancora. “Al lavoro diceva che era pazza, che era lei a voler stare con lui. A seconda della persona con cui parlava dava una versione diversa, ma erano comunque sempre le donne quelle pazze o che vogliono stare con lui”.

Quindi ricapitolando: un narcisista conclamato, che a differenza di quelli “presunti” che si volatilizzano dopo aver scopato (perchè non interessati ad una relazione duratura) necessita di gestire più donne, come pedine, per forza di cose è un bugiardo seriale e prova istinti omicidi nei confronti di chi lo smaschera e/o lo sputtana togliendogli la possibilità di portare avanti la sua doppia vita.
Un atteggiamento, un mood che comunque nella vita gli ha permesso di raggiungere una posizione predominante anche nell’ambito del suo lavoro dove aveva necessariamente sviluppato un buono Status delle 4 pareti, tanto da riuscire a scoparsi la collega figa.
Il tutto nell’ambito di un Ego gratificato dal fatto di frequentare ambienti VIP, alimentato anche (pare) da fantasie sulla possibilità di entrare nel mondo dello spettacolo.

Ora io mi chiedo……a parte il discorso processuale e morale….secondo voi, se fosse stato un ragazzo normale e non uno psicopatico….con il suo L…..avrebbe avuto le stesse possibilità di conquista con le donne?

Etiopide
Etiopide
1 anno fa

In parole povere, stare alla larga dalla donna media occidentale se si fa parte del restante 80% di uomini, se si vuole preservare la propria salute mentale, economica, fedina penale pulita, ecc.
Ne sarebbe valsa la pena solo se foste stati anche voi con un LMS nel top 20%, e sareste stati chiamati anche voi narcisisti.
Andate in Occidente solo per turismo (lasciando a casa vostra moglie).
Piuttosto scappate in paesi sviluppati di società di stampo tradizionalista (questo è quello che mi ha consigliato tempo fa un conoscente).

Last edited 1 anno fa by Etiopide