Cultura e Società · Uncategorized · Viaggi

La Pretenziosità delle Ragazze Giapponesi

Indice dei contenuti

 

Ragazze Giapponesi
Ragazze Giapponesi

Ragazze Giapponesi

Come molti di voi sapranno il Giappone ha un grosso problema in comune con l’Occidente, che è la denatalità.


I giapponesi non fanno più figli e in molti si stanno interrogando sulle cause di questo fenomeno. In questo articolo ad esempio la ragione principale viene individuata nella difficoltà chehanno i più giovani di trovare un lavoro stabile e remunerativo.
Qualcuno però la pensa diversamente e sono i redpillati che vivono in Giappone, come quello che ha scritto questa risposta (ubermann su reddit) che mi è capitata sott’occhio e che ho deciso di tradurre (non dal giapponese, era scritto in inglese lol) perché penso sia molto interessante:

“Vivo
in Giappone. Questo articolo è una stronzata ed è completamente fuori luogo. Ennesima prova che questi professori universitari non sanno di che parlano.

Per capire come mai qui non si facciano più figli, esaminiamo alcuni punti riguardo al Giappone:

  • Il Giappone è una società incredibilmente ginocentrica che mette le donne sul piedistallo in ogni aspetto della vita. Entrate
    gratis nei locali (dove i fessi pagano anche 40$), sconti ovunque dai teatri ai bar, diverse serate per donne durante la settimana ecc.
    Nessuno qui letteralmente si aspetta che le donne paghino per qualcosa, anche se hanno un buon lavoro e fanno un sacco di soldi. Sono andato ad appuntamenti con donne con una buona carriera e si aspettavano ugualmente che pagassi io il conto. Ci si aspetta semplicemente che le donne non paghino, punto. Indipendentemente da quanti soldi abbiano (nota: alcune pagano per loro stesse ma è raro, ed è inversamente proporzionale al loro aspetto)
  • Il sesso avviene ovunque e non c’è nessuna stigmatizzazione sociale. Ci sono perfino hotel speciali (“hotel dell’amore”) che le coppie affittano per poche ore solo per scopare. Questa libertà comporta che le donne ignorino il 90% degli uomini e si scambino fra di loro il restante 10%. I Chad giapponesi stanno beccando più figa che mai, mentre i beta Taro sono relegati alla sezione porno dei negozi di DVD. Le donne giapponesi cavalcano il cazzosello più a lungo delle occidentali, e non è raro trovare ventenni di Tokyo che hanno avuto un numero di uomini a 3 cifre.
  • Le donne giapponesi sono molto fredde e calcolatrici, oserei dire più logiche delle occidentali. Questo comporta che esse vedano ogni persona e interazione nella loro vita attraverso una lente di “Come questo potrà darmi beneficio e cosa ne potrò ricavare?”. Sono note per circondarsi di schiere e satelliti a cui non la daranno mai e che usano solo per favori e servizi. E’ così onnipresente che c’era perfino un articolo su questo e su come le donne si vantino di ciò e abbiano anche dei nomignoli per questi ragazzi.
  • Le donne giapponesi si sentono in diritto di reclamare i soldi di un uomo
    appena iniziano a frequentarlo. Laddove le coppie occidentali tendono a riunire il salario e a dividere le spese più o meno equamente, le donne giapponesi confiscano lo stipendio interamente e gli lasciano circa 10-15$ al giorno, tutto mentre stanno a casa a guardare fiction coreane e chiacchierare con le loro amiche in cafè costosi. Gli uomini giapponesi spesso scherzano dicendo che hanno due datori di lavoro: il loro capo e la loro moglie.
  • Messa terra terra, molte hanno un pessimo carattere e sono semplicemente persone grezze e spiacevoli, con una perenne espressione scazzata e nessuna capacità di essere gentili con gli altri. Quando sono gentili è semplicemente perché hanno qualche interesse. Tendono ad essere miserabili la maggior parte delle volte e un passo falso con loro le porta a farti ricatti psicologici nel modo più brutale. Le giapponesi sono note per fare ricatti psicologici, lo fanno perfino con i MARITI.

Gli uomini giapponesi possono essere seri stacanovisti ma non sono stupidi: hanno visto i loro padri schiavizzati e bruciati, alcuni portati al suicidio, e hanno fatto due più due.

Il risultato è che si sono accorti che il gioco non vale più la candela e stare single e godersi i soldi e gli hobby da scapoli, piuttosto che
infilarsi in una ingrata schiavitù a vita per un po’ di figa (che comunque la donna ti toglie appena fa un figlio, sono note per farlo).

Ma per quelli che pensano che la rinuncia degli uomini cambierà il comportamento delle donne, la risposta è no, almeno non nel breve
termine.

In Giappone molti uomini si sono ritirati dal mercato e le donne ancora non lo stanno notando.
Perché? Prima di tutto perché sono invisibili alle donne. Le donne scopano solo con gli uomini al top e non notano il 90% dei rimanenti. Stanno vivendo la migliore epoca di sempre.

L’unico veramente colpito è il Governo, tradotto: meno tasse e meno futuri schiavi per loro.

Alcune donne smettono con il cazzosello e incastrano qualche uomo beta obbediente prima dei 30 anni (che terranno come schiavo personale per il resto della vita), ma ho notato che molte non riescono a smettere in tempo e non trovano qualcuno con cui accoppiarsi e così sviluppano problemi mentali e ridirezionano il loro istinto materno a spingere carrozzine piene di cani ogni giorno.

L’epidemia di cani qui è veramente folle, solo 6-7 anni fa pochi a Tokyo avevano cani, ma ora la città è piena di pazze rovinate che portano a spasso cani tutto il giorno.
Le strade dei quartieri residenziali sono tutte imbrattate di merda di cane e sono perlopiù donne stagionate che li possiedono.

Ecco cos’è il Giappone. Non è qualche tecnologica utopia come i media occidentali amano dipingerlo.

E’ una società in fase terminale di collasso. I robot non aiuteranno, l’intelligenza artificiale non aiuterà. L’omogeneità razziale non
aiuterà. Hanno semplicemente perso la capacità di relazionarsi con le persone ed essere umani con gli altri.”

Forse ti Interessa: 

Subscribe
Notificami
guest

132 Commenti
Più votati
Più recenti Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
cicero
cicero
1 anno fa

Sì è così. Ho viaggiato in asia per lavoro per anni (dal 1998), ho visto Cina, Corea, Giappone, Thailandia, Vietnam, Taiwan. Tutti questi paesi in questi anni si sono e si stanno rovinando a causa della velocissima modernizzazione e occidentalizzazione, peccato. Il Vietnam sarà il prossimo. In Giappone ho conosciuto tantissime persone, giapponesi e italiani, compreso il mitico Pio d’Emilia e altri disgraziati rovinati dalle giapponesi; pure alcuni che hanno i canali youtube. In Giappone è così con i cani, in Corea ne ho visti di meno ma perché ho “girellato” meno. Portano i cani nelle carrozzine, talvolta sono pure in coppia, marito e moglie, qui può essere che o lei non potesse avere figli (la % di donne con problemi di fertilità è altissima) o proprio hanno deciso di non averne ma è un caso limite. E’ un paese tra i più individualisti al mondo, la forte adesione sociale che appare è solo di facciata. E’ passato da essere un paese negli anni ’80 che aveva il 95% dei 30enni sposati a un paese di single. In Giappone sono scoppiati forte, Corea e Cina sono diverse ma i risultati finali sono gli stessi. Principalmente ci si riferisce solo dell’area di Tokyo (Saitama, Yokohama, Chiba), nel resto del paese la situazione è un pò più “normale” anche perché è molto più povera (ad eccezione di Osaka e Nagoya) e anziana, e guarda caso ci sono pochissime donne.
Ciò che è scritto nell’articolo è vero quanto è vera la sabbia del mare, ve lo giuro. Il Giappone è una società ginocentrica al 101%. Esiste il chad giapponese ed è qualcosa di epico, forse superato solo da quello coreano e con le app la cosa è degenerata fino a livelli penali (uno è riuscito a farsi mantenere da quasi 10 donne in contemporanea dicendo a ciascuna che era sigle in cerca di moglie e per questo è finito in carcere!). Le donne giapponesi, in media, dietro ai loro sorrisini sono delle autentiche merde, la differenza con le coreane è che quest’ultime non ridono nemmeno.
E’ uscito a giugno il nuovo white paper demografico del giappone, sono rimasti sconvolti. La allora ministro della parità di genere (una donna Seiko Noda) l’ha dovuto leggere in diretta, se non riconoscete la mimica delle facce asiatiche fate un atto di fede nei miei confronti, a questa donna a 0:50 nel video le girano letteralmente le palle ad aver dovuto dire che gli uomini se la passano sempre peggio. In particolare per gli uomini nella fascia 20-29 il 60% ha affermato di non star vivendo alcuna relazione, alla domanda se avessero MAI AVUTO in vita loro una relazione la percentuale è stata del 40% (si stima che entro il 2035 relazionalmente saranno vergini il 50% dei maschi fino ai 50 anni, le donne ci arriveranno nel 2050). Ciò che ha sconvolto è che fino ad ora tra uomini e donne il divario di questi dati oscillava intorno al 10% ma negli ultimi anni è arrivato al 15% se non al 20%; l’accoppiata app di dating e emancipazione femminile portano a risultati simili ovunque.
I giapponesi sono amanti (ossessionati) dalle statistiche e dal cosiddetto kaizen (recupera dati, analizza, valuta, agisci) e sanno già quale sia il problema, queste informazioni sono pubbliche e periodiche. Considerate che molte delle loro analisi sono focalizzate sul matrimonio. Tanti analisti e giornalisti parlano da anni apertamente di ipergamia, non c’è stato bisogno della redpill, esisteva già il concetto di uomo-ATM (=betaprovider), della preselezione degli uomini divorziati (che si risposano più delle divorziate con figli), delle vedove dei chad, così come anche il concetto di cazzosello (che loro chiamano il periodo della popolarità) e anche il bodycount lo hanno quantificato in 3.7 partner (se lo superate siete “problematici“), per quelle che si fanno ingravidare dal chad mentre sono sposate col beta bruttino lavoratore esiste un bellissimo termine (notare l’espressività della lingua giapponese) di “covata aliena” che è causa di divorzi con addebito!!! Le donne lavoratrici in cerca di marito pretendono stipendi dell’uomo fuori dal normale (almeno 6mln di yen quando la media è 3.8), il tutto in chiave dei figli da mantenere ma spesso incamerano i soldi loro e basta. Ovviamente è tutto relativo al proprio stato economico, si sa già che se una donna guadagna il triplo dello stipendio medio giapponese la probabilità che non trovi un partner che le interessa è altissima, al contrario le morte di fame si sposano molto di più. A sessi invertiti i valori ovviamente sono rovesciati, se è povero non si riproduce, se è ricco si riproduce (anche senza sposarsi). L’idea che loro possano essere i principali provider è pura fantasia, se accade, divorziano e chiedono gli alimenti. Da qualche anno, grazie a Tinder, è arrivata anche la selezione per solo L>8 quindi… chad squattrinati e madri single 20enni. Gli infantici da parte di madre in giappone hanno cadenza mensile (2-3 al mese) e le morti sono le più disparate e fantasiose, li ficcano appena partoriti negli armadietti delle stazioni, nell’armadio tra i futon, nel gabinetto, li abbandonano nelle auto sotto il sole, li affogano, uno spasso, una aveva matchato con l’app un tizio che stava a 200km, ci è andata, c’è rimasta 2gg sbronzandosi, poi è tornata a casa e s’è ricordata che aveva un bambino di 6 mesi nell’armadio. Per cercare di limitare la cosa hanno allineato la maggiore età a 18 anni sperando di spaventare le ragazze con la galera ma nulla. Ogni tanto si suicidano famiglie intere, carbonella, automobile chiusa e via. In questo la Corea ha numeri più alti.
Nonostante tutto anche se sono bassi in indice di fertilià in Giappone sono comunque messi meglio dell’italia perché sono intorno al 1.3/1.4 con una presenza di stranieri relativamente bassa e assai controllata rispetto che da noi. La Corea invece qualche giorno fa è scesa da 0.84 a 0.81 (in pratica stanno sparendo). Sulla Corea ce ne sarebbero da raccontare… Ovviamente tutti questi paesi sono li a spendere soldi e tassare per aiutare le coppie a fare figli ma non si rendono conto che semplicemente non ci sono abbastanza coppie e quelle che ci sono potrebbero avere scarsa intenzione di figliare perché preda dell’egoismo moderno, il problema è a monte non a valle.
Ho scritto un tema, scusate e a Red se vuole posso fornirgli dati, link e traduzioni.

Alex Le Large
Alex Le Large
2 anni fa

Leggete questa storia: una donna giapponese ha chiesto i danni a un donatore di seme per truffa. Lei e il marito non riuscivano ad avere un secondo figlio, così lei aveva selezionato online il tipo, sulla carta giapponese, single e laureato in una prestigiosa università. Invece era cinese, sposato e laureato in una università diversa e meno rinomata.

Il bello è che la donazione era avvenuta “secondo natura” e per ben 10 volte, con l’assenso del marito della tipa, un megacuck galattico. Come abbia fatto lei a non accorgersi che era cinese, non si sa, ma non avrebbe nemmeno senso, è come se io mi lamentassi che la figa trombata la sera prima era spagnola e non italiana.

Ora lei chiede al donatore di schizzo ben 3 milioni di dollari in danni, in quanto ritiene di aver subito un “trauma psicologico”, e ha dichiarato che è stata “costretta a una relazione sessuale con un partner che non corrispondeva ai requisiti richiesti”, nonchè a “rimanere incinta e ad avere un bambino”.

Last but not least: il bimbo (sanissimo e del tutto in salute) è stato lasciato in un istituto dalla bagascia e dal cornuto, e dato in adozione.

Questo insegna che il Giappone è l’avanguardia di processi “transumani” che sono già arrivati anche da noi, con la donna che, al culmine del delirio ipergamico, sceglie il seme come se fosse in una boutique, e con l’uomo ridotto o a mero donatore di schizzo (selezionato come si fa per i cavalli) oppure a indegno cuck provider.

Questo accade nelle società ultraliberiste ad estrema competizione, dove se non hai la specializzazione giusta vieni scartato già quando sei solo un piccolo ammasso di gelatina bianchiccia.

Il bello è che oggi questi “progressisti” cianciano di nazismo ogni due su tre, porti liberi ma ovuli chiusi se parli mandarino, lol!

Last edited 2 anni fa by Alex Le Large
Cyberguy94
Cyberguy94
5 anni fa

Le donne sono veramente "il genere nemico", nel senso che non hanno alcuna intrinseca lealtà nè desiderio di vedere i maschi della loro "tribù" felici. Sono fatte per selezionarli in continuazione e metterli alla prova. Il modo per "vincere" è fregarsene di loro, escluderle dalle decisioni e dominare. Poi loro, solo allora rispettandoti e non vedendoti come un debole, ti seguiranno.

Sono programmatte affinchè trovino piacevole che il maschio dia loro un beneficio materiale per l'accoppiamento, più avranno questo "beneficio" da mano statale più alzeranno il tiro quando dovranno scegliere un partner, anche a costo di andare con elementi estranei alla tribù o restare single e non fare figli per quella società che tanto fa per loro (giappone e taiwan esempi calzanti: nel secondo addirittura le donne sono più scolarizzate degli uomini e piuttosto di avere un uomo di status inferiore se ne stanno sole). Non è possibile avere parità di genere assieme all'ipergamia femminile, fintantochè non sarà possibile re-ingegnerizzare le femmine esse dovranno essere assoggettate ad un regime differente di diritti e doveri rispetto a quello maschile onde evitare il collasso sociale dovuto all'iperinflazione maschile.

"Gli uomini testano nuove idee, le donne testano gli uomini"

Cosmonauta
Cosmonauta
4 anni fa

La denuncia dell'articolo è applicabile a qualunque parte del mondo. Scrive un bel ragazzo divenuto Mgtow a seguito di oculate analisi sul mondo femminile odierno. Se qualcuno di voi cerca sesso può sempre recarsi ad Amsterdam per una volta ogni tanto e scegliersi la ragazzetta che vuole…la vita è fatta di piccole cose e di sogni da inseguire…il sesso non è uno di questi.

Freeman
Freeman
3 anni fa

Un mio amico cinese si era innamorato perso di una giapponese. Un giorno le preparò un pranzo con diverse portate e glielo portò a casa (nel suo studentato) ancora fumante insieme a una lettera in cui dichiarava il suo amore per lei.

La giapponese (e questo l’ho saputo attraverso un’amica in comune) banchettò con le sue amiche alla faccia del mio amico cinese e non lo degnò più nemmeno del saluto.

willer
willer
3 anni fa

Da quello che viene detto nell’articolo, mi sembra solo la versione estremizzata dell’Italia e delle donne italiane (ma forse l’estremizzazione è dovuta più ai toni tragici che l’articolo volutamente presenta).

Basta pensare due secondi a se stessi, ai propri amici o alla propria famiglia, per rendersi conto che funziona proprio come da noi. Anche da noi la normalità è che la donna non paghi, ne ad una cena, ne per entrare in un locale (spesso hanno proprio l’ingresso gratis). Ricordo ai tempi delle superiori, avevo un paio di amici in particolare, che pagavano sempre (proprio il 100% delle volte) al posto della propria ragazza. Ovviamente, non avendo un lavoro, la cosa si traduceva probabilmente nel “Pagavano i genitori di lui”. Comunque, a noialtri ragazzi andava un po’ meglio, ma la solfa era molto simile.
Passando ad altro, una frase molto pronunciata dagli uomini è il classico “Non sposarti mai”, che pure avrà delle ragioni per esser detta, ovvero il fatto che in molti casi nella coppia è solo l’uomo a lavorare. La cosa non sembrerebbe molto diverso da quanto accade da sempre, ma in realtà una volta le famiglia erano numerose, e non c’erano molte comodità (tipo gli elettrodomestici), quindi una volta c’era molto di più da fare in casa. Ovviamente è pur vero che oggi molte donne lavorano, ma in realtà dietro ci sono più dei motivi economici dovuti alla recessione, che altro, infatti in molte parti, dove si può fare a meno, se ne fa a meno (non a caso è una cosa molto più comune nella grandi città, dove banalmente gli affitti sono alti).
Potrei continuare a parlare di cose come “Chi decide in casa”, “Le conseguenze di un divorzio”…

Quindi, alla fine, tutto ‘sto papiro per dire che alla fine, nonostante le differenza culturali, le persone si comportano allo stesso modo dovunque vai, e quini il proverbio “Tutto il mondo è paese” è saggiamente e sorprendentemente più valido di ciò che si può pensare.

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Guarda che dietro il ritirarsi dal mercato non vi è alcuna strategia.
Solo la presa di coscienza dell inutilità di una vita spesa a compiacere queste merdacce rimanendone distanti e dandogli la parità tanto agognata.
Ti assicuro che si sta molto meglio e si può godere di piccole gioie tipo ENTRARE IN TRENO E NON AIUTARLE A SOLLEVARE IL GROSSO BAGAGLIO CHE SI SONO PREPARATE, SICURE DI TROVARE UNO STRONZO CHE GLI DARÀ UNA MANO!

Anonimo
Anonimo
4 anni fa

Che delusione… Avevo letto altre testimonianze nel web e coincidono con quella del post. Che se la tirano, ne so qualcosa pure io… Oltretutto c'è un servizio di confessione reporter a cura di Stella Pende. Una puntata andata in onda su rete 4, racconta del dramma dei padri divorziati(non solo giapponesi, ma anche quelli stranieri o gaijn) e dei figli sottratti dalle loro ex mogli. È un vero dramma sociale, dove la donna ha privilegi a differenza dell'uomo, tra cui anche quello di negare il rapporto padre-figlio/a. È anche vero che non tutte sono così, però lasciatemelo dire: moglie e buoi dei paesi tuoi! A sto punto, se devo costruire un futuro con una donna accanto, me la trovo in Italia, anziché beccarmi(ammesso che ci riesco) na porca sanguisuga e schiavista giapponese.

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Io per circa un anno sono andato a letto con una donna giapponese. Ovviamente voleva offerto tutto quando qualche volta uscivamo. Ad un certo punto lei mi dice di volere una relazione, ma io rifiuto perché la nostra differenza d'età era eccessiva ( lei era decisamente più grande di me), da lì cominciano una serie di ritorsioni psicologiche, tipo sminuire la mia virilità di fronte ad altri e cose così. Questo è successo quando ero molto inesperto e io me la presi molto ed ero molto suscettibile alle sue frecciatine. Decido di interrompere la frequentazione e dopo circa un anno di non sentirci mi manda un messaggio chiedendomi perché non ci sentissimo più, ma vaffanculo. Aveva orde di amici maschi che ci provavano con lei e da cui riceveva favori, passaggi in macchina. A tal proposito, un giorno le chiesi se voleva insegnato a guidare ( le ho chiesto più per scherzo che seriamente) e lei mi rispose che non c'è motivo di imparare a guidare perché ci sono i suoi amici che la prendono e lasciano dove desidera.
Detto questo, ormai guardo le donne giapponesi con grande diffidenza perché quando c'è un problema non ti dicono effettivamente quale sia il problema ma assumono un atteggiamento passivo aggressivo molto pesante.

Henry de Toluose Lautrec
Henry de Toluose Lautrec
5 anni fa

Il fatto che i Giapponesi siano disposti a pagare per mutande sporche femminili fa capire a che livello di MdF (morti di figa) siano arrivati.
Comunque in giappone il fenomeno degli incel è iniziato prima che da noi, nei primi anni 90 un amico mi raccontava che c'era un altissimo tasso di suicidi anche per colpa delle donne iperselettive.
Confermo che l'uomo occidentale ha piu' punti ma dal 6 in giu' probabilmente non lo calcolano.
(in effetti gli orientali sono bruttini in confronto a noi)
Sono del parere pero' che un normaloide italiano in buona forma fisica, in giappone riesca a trombare.

Japan
Japan
5 anni fa

Per esperienza posso dire che alle giapponesi piacciono molto gli occidentali, però contrariamente a quanto molti possono pensare sanno distinguere i bianchi brutti da quelli belli.

Andrea
Andrea
9 mesi fa

Non vedo differenze con l’Italia sono solo un pochino più avanti, la ragione va ricercata sempre nel fatto che sin da piccole sono messe sul piedistallo.

Moon
Moon
3 anni fa

Le donne giapponesi mi ricordano, dalla descrizione, le russe. Che sia un tratto asiatico?

Francesco
Francesco
3 anni fa

Non e’ sempre cosi’, ma la societa’ sta cambiando parecchio, infatti ora anche le donne fanno un po fatica a trovare il pirla di turno bisognera’ che si reinventino un po’ e cambino modo di fare, pero’ attenzione!………….. anche l’uomo in questo gioco ha in parte colpa in questoi cambiamento, sempre molto impegnato e lontano dalla famiglia e dai figli quindi…………………….

Unknown
Unknown
5 anni fa

Se qualcosa cambierà sara soltanto merito della red pill.

pf
pf
5 anni fa

Red, puoi inserire il link al testo in inglese di questo giap?

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Non a caso è la nazione con la % più elevata di hikikomori. Tuttavia senza analizzare questo fenomeno in parte estremo e con una connessione non sempre certa o definita con la redpill pare certo che una grossa % di uomini abbia deciso di "tirarsi fuori" dal mercato sessuale. Letteralmente

Goffredo
Goffredo
5 anni fa

Una distopia, nonché una proiezione del futuro prossimo (ci arriveremo in una decade) dell'Occidente…meno l'omogeneità razziale.

Alex Le Large
Alex Le Large
1 anno fa

Di recente notavo che nei video di cani e gatti giapponesi e coreani, le proprietarie sono spessissimo donne di mezza età, truccate e rifatte (male), con le bestie che occupano intere stanze tutte per loro con giocattoli e cibi costosi, roba che molti umani si sognano, tipo merluzzo fresco e salmone per cena…toelettature , cappottini e la coda tagliata a ponpon…

Last edited 1 anno fa by Alex Le Large
Phil
Phil
1 anno fa

“Merito” anche dell’indottrinamento infantile e adolescenziale effettuato dagli anime di loro produzione… i migliori sono quelli studentesco-sentimentali protagonista ovviamente lo studente medio “nullità” bullizzato da tutti che si innamora della bellissima super ego e dopo 1543 puntate riesce a strappare il primo bacio.. rigorosamente dopo un calvario tipo crociata, derisioni, umiliazioni a sfondo comico e pestato in ogni puntata dalla bella versione superman che lo scaraventa in aria! Ti credo che nella realtà le vedono come scogli invalicabili

Prom
Prom
1 anno fa

racconto poesia, giapponesi falliti , ci hanno ingannato con i loro cartoni animati ma in realtà feccia putrida. Come gli italiani

Hatikoto
Hatikoto
4 anni fa

Abito in giappone e non e il massimo da tanti punti di vistacome molti pensano

JoeDoe
JoeDoe
5 anni fa

Non è assolutamente vero ed inorridisco quando leggo pezzi del genere. Ho un PhD giapponese ( 京都大学, 化学研究所). Ci sono stato 5 anni, lavorando anche per un anno per una multinazionale europea. Ho avuto diverse ragazze giapponesi e mia moglie e giapponese. Abbiamo due figli stupendi (tratti misti) che a 18 e 20 fanno strage di ragazze (lol!). Gli stereotipi riportati sono allucinanti. Le ragazze giapponesi fredde e calcolatrici? Molte hanno un pessimo carattere e sono semplicemente persone grezze e spiacevoli? Ma che mondo ha visto il signore che ha scritto quell'articolo? Quando leggo cose del genere sono veramente dispiaciuto. Ora viviamo in Italia ma i giapponesi (e le giapponesi… lol!) sono ADORABILI. Ascolta a mme… 😉

cicero
cicero
1 anno fa

Scusate, ormai mi sono preso con questi post, mi ritornano in mente tante cose che mi dissero una sera in una hall, anni fa, volevo cercavi qualcosa da vedere e ho trovato questo, giusto per darvi l’idea di come la vivono dall’altra parte del globo, il canale è culturalmente molto orientato al matrimonio. Cercate i video più popolari e attivate la traduzione italiana (è fedele 50%, qualche idioma potrebbe non capirsi) se non capite chiedete pure.
Stavo poi cercando vari articoli a tema casini causati dalle donne nipponiche su mainichi e asahi, ma tra cercarli e tradurli era una pena, poi mi sono imbattuto in questo sito giapponese che è scritto in inglese decente.
Andate nella sezione Crime e attivate la ricerca con “newborn”, non vi spaventate. Anche sfogliando direttamente oggi 07/09 si trovano, in data 06/09 una 36enne che ha partorito e abbandonato una neonata al parco, con data 05/09 una 31enne che ha partorito e nascosto nel gabinetto di casa un bambino (è filippina, probabilmente c’è il lavoro nero); il 04/09 una 40enne che ha ucciso un 51enne ricco con cui viveva. In data 03/09 si è suicidato in carcere un 28enne assicuratore che se la faceva con una 50enne ricca e sola, le ha fatto una polizza vita, si è fatto adottare falsamente e poi l’ha ammazzata. 29/08 una 49enne ha ucciso il marito e fratello 70enne con cui viveva (probabilmente una casalinga/badante stufa). 29/08 uno ha tentato di farsela con una 14enne scappata di casa (un classico). 26/08 due donne hanno litigato una le ha gettato liquido chimico e poi ha tentato di strangolarla. 19/08 una ha fatto irruzione nell’appartamento di un’altra e ha tentato di ucciderla (da altre parti ho letto che forse l’altra si portava gli amanti in casa e faceva troppo rumore… avete presente il bumbum sul muro no?). In nove (tra cui un monaco e un poliziotto) in un lovehotel con una 17enne per una ammucchiata non riuscita. 15/09 una 21enne abbandona i 3 figli per andare a bere. 14/09 una bambocciona 40enne da fuoco alla casa del padre perché si sentiva sola. 03/09 una 21enne lascia i figli in macchina sotto il sole mentre se la faceva con uno (lei dice che era al cellulare), li ritroverà cotti e morti. 29/07 ragazzina uccide la mamma per colpa di un condizionatore spento.Basta mi fermo qui. Naturalmente ci sono anche bamboccioni maschi che uccidono genitori, genitori che uccidono bamboccioni, uomini che toccano ragazze per strada presi da raptus mdf (altro che catcalling tse! anni fa c’era uno che spruzzava il suo sperma nelle borse delle donne), ci sono contratti di papakatsu che finiscono con lei che uccide lui, ho trovato anche un’altra (non è tanto che è successo) una ragazzina 15 enne che volendo uccidere la madre, i giapponesi sono gente precisa, ha prima accoltellato a caso una donna e la figlia, giusto per fare una prova.
Poi la mia preferita, 28enne bambocciona uccide la madre, la mette in veranda (per il puzzo eventuale), poi scappa in inghilterra col passaporto della madre… un evidente tentativo di iperagamare all’estero finito male. Solo che se ne accorgono in Inghilterra, il vero dilemma della polizia nipponica è.. come ha fatto a superare il check all’aereoporto di Narita? (la precisione nipponica).
Veramente sono tantissime, feti negli armadi a gettoni o nell’armadio di casa, che intasano gli scarichi del WC, bambini lasciati morire perché la mamma era con un chad trovato su Tinder a km di distanza. Da noi notizie del genere resterebbero sui tg nazionali per una paio di mesi, qua al massimo arrivano al tg regionale, se non addirittura a livello di prefettura.

flyingsoul
flyingsoul
1 anno fa

La cina non è molto diversa, tant’è che il governo ha preso sul serio la questione dei Simp.

Luigi
Luigi
1 anno fa

Pretenziose solo con i loro connazionali. Con gli stranieri, specie se italiani, sono molto più flessibili. A meno che non sei Alvaro Vitali o Mr. Bean. Io ne ho cuccata una a Dublino nel 1999 durante una vacanza studio. Veramente carina, alto livello di cultura e una classe che le irlandesi nemmeno sanno dove sta di casa. Bellissimi ricordi. Sono una buona alternativa alle slave cacciasoldi. Lavorano, sono indipendenti e non le devi mantenere o se fanno le casalinghe sanno gestire bene la casa, il denaro, i figli e coccolare il marito senza grilli per la testa. Poi fanno un cibo spettacolare. Altro che quelle ciorbe rumene o quelle patate lesse insapore.

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

All' anonimo che ha scritto che e' stato con una Donna giapponese, ti Chiedo in che contesto l'hai conosciuta e come effettuava le sue richieste monetarie e non. Come mai all'inizio hai deciso di stare con lei?

Francesco Rossi
Francesco Rossi
5 anni fa

Scusa Redpillatore, se il mio commento è OT, comunque qualche giorno fa devi avermi bannato per sbaglio dalla pagina fb, potresti sbloccarmi ?

Un Uomo Qualunque
Un Uomo Qualunque
1 anno fa

Un articolo interessantissimo che assolutamente merita di essere letto e riletto e sulla necessità di ripristinare il privilegio maschile per il bene dell’umanità intera.
Io comunque profetizzo che ormai ci sono già in realtà tutti gli elementi presenti affinché giunga un grandissimo movimento di salvataggio dell’umanità che farà finire il femminismo e la plutocrazia femminile occidentale per un bel po’, gli sviluppi negli States sono una premonizione.
Il Giappone è il caso primo della causa della caduta della civiltà: il rammollimento maschile.
Forse sarebbe ora che anziché manadare le geishe in accademia ci mandino i proud boys.

Daniele
Daniele
1 anno fa

Io sapevo che il Giappone fosse una società, pesantemente all’antica e conservatrice, dove la donna non ha ne diritti ne dignità, così come fosse molto attenta all’educazione, alla pulizia, all’igiene, alle tradizioni e alla propria storia, ho sentito parlare di “filosofia del samurai” e altre filosofie molto belle, che fosse un paese altamente tecnologico e progredito sotto molti aspetti. Tutte cazzate o è cambiato qualcosa nel tempo? Oppure hanno semplicemente omesso i dettagli negativi?

Last edited 1 anno fa by Daniele
Anonimo
Anonimo
3 anni fa

Che malati di mente quelli che sperano di tornare come 100 e più anni fa solo per avere una donna schiava,e ovviamente decente..ormai quei tempi non torneranno più e lo spero,tanto anche tra qualche decennio i paesi arabi tanto invidiati perché le donne sono considerate solo come merce,cambieranno..non vorrei barattare la mia libertà solo perché alcuni frustrati non trovano la donnetta timorata di dio e con la personalità di una verdura

Unknown
Unknown
3 anni fa

Io ho visuto in Giappone 30 anni e posso dire che i uomini giapponesi sono freddi, ottusi e maciste e incredibilmente infedeli. Le donne per parte loro, sono materialiste, banale e come i uomini, sono anche freddi e infedel.Ai giapponesi piace comprare cose costose, apparire ricchi, perche dentro sono completamente vuoti.

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Le asiatiche sono il futuro dei bruttini, se fosse fattibile trovare lavoro nel sud est asiatico mi ci sarei già trasferito

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Pezzo davvero interessante, grazie Red e buon inizio.

Vedrete che qualcuno trovera' una soluzione, prima o poi, verra' varata una legge che IMPEDISCE di fatto di rimanare single.

Qualcuno ci pensera', sembra assurdo? Vedremo.

Anonimo
Anonimo
5 anni fa

Conosco diverse coppie miste uomo occidentale-donna giapponese (tutte qui in europa, tra Italia, Olanda e Germania) e ho notato uno strano trend: nel 100% dei casi l'uomo si fa le vancaze da solo…

Emanuele
Emanuele
5 anni fa

Un pezzo davvero molto interessante, grazie per averlo pubblicato.
Sottoscrivo in particolare quanto ho letto in queste righe:
"Ma per quelli che pensano che la rinuncia degli uomini cambierà il comportamento delle donne, la risposta è no, almeno non nel breve termine.
In Giappone molti uomini si sono ritirati dal mercato e le donne ancora non lo stanno notando.
Perché? Prima di tutto perché sono invisibili alle donne. Le donne scopano solo con gli uomini al top e non notano il 90% dei rimanenti. Stanno vivendo la migliore epoca di sempre".

E' una riflessione applicabile a qualunque paese occidentale.
Molti incel e mgtow sono convinti che quella di sparire per farsi desiderare sia una tecnica vincente ma non ha alcun senso se la/le donna/e che vorresti attrarre non ti ha/hanno mai degnato di uno sguardo.

Non condivido invece la fine dell'articolo, dove si afferma che la tecnologia non potrà far nulla per cambiare la situazione. Sono convinto che in un numero di anni relativamente breve sarà possibile creare robot del tutto indistinguibili da un qualunque essere umano. A quel punto tutti, belli o brutti che siano, potranno avere al costo di una utilitaria un partner creato in base ai propri desideri e non avranno più alcun bisogno di andare in giro ad elemosinare un po' di sesso.

Emanuele
Emanuele
5 anni fa

Grazie, anche a te.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Più leggo i post di questo blog più mi convinco che l’unica soluzione a portata di mano, tralasciando un attimo la possibilità avveniristica di IA con corpi e menti indistinguibili da quelli umani, sia semplicemente levare alle donne la possibilità di scegliersi il partner sessuale.
Come nelle società guidate dall’islam non moderato.
A me per primo questa soluzione non piace tuttavia mi sono convinto che le società che non la adottano semplicemente ‘muoiono’.
Vanno incontro ad una fortissima denatalità e vengono fagocitate e/o sostituite da società più prolifiche: come il nostro occidente che morirà per mano islamica.

Valar
Valar
5 anni fa

Leggo i vostri commenti e rido. Sono sicuro di essere fisicamente meno attraente almeno della metà di voi, ho entrate tutto sommato modeste (impiegato statale) eppure faccio sesso regolarmente con molte donne, tutte attraenti ed esperte tra le lenzuola. La differenza tra me e voi è l'atteggiamento, che non vuol dire fare lo zerbino (la maggioranza delle volte mi vedo con una donna solo per sesso, senza convenevoli romantici o spendendo soldi in modo unilaterale) ma essere positivi, aperti e stuzzicanti.